Home > Cose "ridicole" > Clamoroso autogoal di Al Gore…

Clamoroso autogoal di Al Gore…

1 dicembre 2008

Sul sito di Al Gore appare questo studio:

Guardando indietro per guardare avanti

Un nuovo studio suggerisce che la civiltà Maya potrebbe essere crollata a causa di disastri ambientali:

Questi modelli suggeriscono che, come gli ecosistemi sono stati distrutti dalla cattiva gestione o sono stati trasformati da cambiamenti climatici globali, l’esaurimento dei prodotti agricoli e cibi selvatici hanno contribuito al fallimento del sistema sociale dei Maya, ‘scrive ambientale l’archeologo ambientale Kitty Emery del Museo di Storia Naturale della Florida nella rivista Human Ecology.  Quando ci muoviamo per la soluzione della crisi climatica, abbiamo bisogno di ricordare le conseguenze delle civiltà che hanno rifiutato di prendere sul serio le preoccupazioni ambientali.  Si tratta di un riferimento molto curioso. Ciò potrebbe significare che Al Gore è intenzionato ad abbandonare la dottrina dell’ IPCC, a favore dello studio e della comprensione delle dinamiche del clima ignorate totalmente dall’IPCC / AWG dottrina, e si concentra su tutte le altre variabili, come le dinamiche climatiche che sono guidate dalla pressione atmosferica e dalle oscillazioni oceaniche, dalla naturale dinamica interna del sistema climatico e dal ruolo del Sole nel clima dinamica.

Lo scrittore Brian Fagan nel suo libro “Alluvioni, carestie  Imperatori , El Nino e il destino delle civiltà” del  1999, mostra che il crollo Maya, pur avendo delle cause complesse politiche, sociologiche, tecnologiche ed ecologiche, è stato in gran parte trainata dalla naturale oscillazione atmosferica / oceaniche di Enso e NAO. Il libro è uno dei tre di Brian Fagan, professore di Antropologia all’UC di Santa Barbara, che documenta come le variazioni naturali del clima, guidate dall’ attività solare, hanno dato luogo ad un catastrofico crollo di civiltà. Il libro ha un capitolo sulla civiltà dei Maya che è crollata  circa tra l’800 ed il 900 dC. Ecco alcune citazioni dal suo libro:

“Il crollo dei Maya “è una delle grandi controversie dell’archeologia, 
ma non vi è nessun dubbio che la siccità, alimentata in parte 
da El Nino, ha svolto un ruolo importante “.

“La siccità che afflisse i Maya nell’ ottavo e nono 
secolo fu il risultato di una complessa e secolare interazione tra atmosfera e oceani  tra cui gli eventi de El-Nino nel Nord Atlantico, come pure due o tre lunghi decenni di variazioni di precipitazioni nel corso di molti secoli “.

“Perché la civiltà Maya, è sparita improvvisamente? Tutti coloro che hanno studiato il crollo dei Maia sono d’accordo sul fatto che è stato portato da una combinazione di fattori ecologici, politici, sociologici”

“Quando la grande siccità dell’ ottavo e nono secolo è sopraggiunta, la civiltà Maia ed in tutto il mondo era sotto stress crescente “.

“Il crollo non è venuto senza agitazione e guerra, a causa dei cambiamenti climatici appunto.” 

Brian Fagan descrive come la classe dirigente incoraggiava la crescita della popolazione al di là di quanto la terra poteva concedere loro, come i governanti applicavano rigide pratiche agricole, che avrebbero dovuto aumentare la produzione alimentare e il reddito, ma ha avuto invece l’effetto di compromettere la produttività agricola e ridurre la qualità dei suoli della zona.

E Gore dice che dobbiamo usare la nostra comprensione del crollo Maya perchè ci aiutino a risolvere la crisi climatica, rilevando che “abbiamo bisogno di ricordare le conseguenze di civiltà che hanno rifiutato di prendere sul serio le preoccupazioni dei cambiamenti climatici “. Tenuto conto di quanto sappiamo del crollo Maya, ma che cosa sta veramente dicendo Al Gore?  Egli sta dicendo che dovremmo prendere tutte le pubblicazioni e i relativi documenti dell’IPCC e AGV e seppellirli  e mettere tutti i nostri sforzi per lo studio e la comprensione delle dinamiche del clima! In particolare, dobbiamo capire come il complesso sistema climatico sia guidato dalle variabili naturali… Un clamoroso autogoal di Al gore? Ci arriviamo…

La storia ci dimostra che gli effetti locali del cambiamento climatico sono estremamente variabili e che il modello di cambiamento è altamente variabile. Un anno estremamente freddo (o caldo) può essere seguito da uno molto caldo (o freddo), un riscaldamento e un raffreddamento possono essere utili per alcune regioni e catastrofiche per altre. Brian Fagan ha documentato in modo approfondito i rapporti tra i grandi e generali  cambiamenti climatici periodici e il fiorire e la caduta della civiltà, della cultura e società dagli albori della storia. La tesi a cui Rodi Fairbridge ha dedicato gran parte della sua vita è che il SOLE, attraverso i suoi rapporti con il sistema solare, è in gran parte responsabile di questi cambiamenti e che ora siamo sulla cuspide di uno dei più importanti cambiamenti  della storia del pianeta . Douglass North ci ha mostrato che la principale responsabilità dei governi nel gestire l’impatto dei potenziali eventi catastrofici che sorgono nel mondo è quello di gestire la società in modo da consentire ad essa di adattarsi nel modo più efficiente possibile. Tra le altre cose, questo significherebbe essere maggiormente in grado di anticipare e gestire la nostra risposta ai cambiamenti climatici, per ridurre al minimo la sofferenza e massimizzare le prestazioni e l’efficienza del nostro adattamento a un clima che è mutevole ma generalmente prevedibile all’interno dei limiti di incertezza delle previsioni statistiche. Perlomeno, questo richiede che la comunità scientifica deve agire sul saggio consiglio di Rodi W Fairbridge e presentare ai governi giusti rimedi basati sull’ ‘intero settore della dinamica planetaria-lunare-e solare, comprese le dinamiche gravitazionali. 

FONTE: www.wattsupwiththat.com (tradotto da ice2020)

 Cosa ha fatto il nostro Gore?

Prende spunto dalla scomparsa dei Maia e delle altre grandi civiltà a causa dei cambiamenti climatici, ammonendoci ancora una volta che noi possiamo salvarci solo se facciamo qualcosa, e questo significa abolire o ridurre le emissioni di CO2, altrimenti muoriremo tutti! Quindi Al Gore sfrutta la scomparsa dei Maia per fare lla pubblicità del terrore all’intera umanità, commettendo però un clamoroso autogoal… 1000 anni fa, i Maia inquinavano? O forse c’erano altre cause che hanno causato i drastici cambiamenti climatici che li hanno portati al crollo?  Very Good Mr. Al Gore…

Advertisements
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: