Home > Cambiamenti Climatici > I CAMBIAMENTI DELLA CIRCOLAZIONE ATMOSFERICA NEGLI ULTIMI 50 ANNI – INVERNO

I CAMBIAMENTI DELLA CIRCOLAZIONE ATMOSFERICA NEGLI ULTIMI 50 ANNI – INVERNO

26 marzo 2009

N.B. : Per vedere le immagini basta passare sopra il link col muose o meglio ancora cliccarci sopra

Partiamo con una serie di articoli sul cambiamento di circolazione dell’atmosfera terrestre in Europa negli ultimi 50 anni, analizzando le stagioni per decennio, confrontando i geopotenziali a 500hPa e la pressione al suolo. Per fare questo utilizzerò la reanalisi NOAA che si basano come riferimento al periodo 1968-1996 e non al periodo 1961-1990.

Queste le differenze:

Geopotenziali: http://img239.imageshack.us/img239/2663/79252301482114823.png

Pressione: http://img128.imageshack.us/img128/9126/79252301482115229.png

Partiamo ad analizzare quindi le invernate anni 50:

Geopotenziali: http://img123.imageshack.us/img123/6194/79252301482122056.png

Pressione: http://img123.imageshack.us/img123/8010/79252301482122150.png

Si vede bene come i geopotenziali e la pressione proprio nel centro dell’Europa siano più bassi ( rispetto alla media sopra detta ), sintomo di frequenti irruzioni artico-marittime, infatti l’asse delle anomalie è abbastanza dritto e il fatto che le anomalie di pressione siano equamente distribuite nella parte centrale del continente non fa altro che confermalo. I geopotenziali alti nella Russia europea sono probabilmente dovute alle risalite anticicloniche causate dalle discese artiche in Europa, stesso discorso per la pressione.

Passiamo quindi alle invernate anni 60, quelle più fredde:

Geopotenziali: http://img528.imageshack.us/img528/7510/79252301482122346.png

Pressione: http://img528.imageshack.us/img528/8356/79252301482122315.png

Vediamo come le anomalie dei geopotenziali rispetto al decennio precedente siano più inclinate, sinonimo di incursioni di aria più continentale rispetto al periodo passato, le anomalie della pressione, schiacciate sui meridiani sono a testimonianza di correnti prevalenti da est.I geopotenziali sulla Russia europea sono più bassi, sintomo che potrebbe esserci la mano dell’Orso, dalla pressione però non si capisce bene. Quello che invece si capisce è che l’anticiclone delle Azzorre o era bassissimo o era sempre sulla Groenlandia e a giudicare dalle anomalie altamente positive direi che potrebbe essere la seconda, quindi fasi di SCAND+ e/o ponti di Weikoff a volontà.

Si passa quindi agli anni 70, famosi non certo per il freddo ma per la neve, conseguenza di un atlantico imperante, risulterà questo anche dalle mappe?

Geopotenziali: http://img104.imageshack.us/img104/7889/79252301482122536.png

Pressione: http://img145.imageshack.us/img145/2496/79252301482122623.png

Si nota subito che gli inverni anni 70 sono molto simili al periodo di riferimento delle carte, infatti partono dal 1968 e gli anni precedenti non sono compresi nella media. Si può vedere benissimo però come le anomalie negative, sia di pressione che di geopotenziali riguardino l’area atlantica. Riguardo alle anomalie della zona scandinava è difficile dire, potrebbero essere dovute semplicemente alla risalita anticiclonica dovuta agli affondi atlantici ma potrebbe anche essere opera dell’Orso, a giudicare dalla carte della pressione sembra più probabile la seconda, ma è difficile dire.

Passiamo agli anni 80:

Geopotenziali: http://img511.imageshack.us/img511/7065/79252301482123537.png

Pressione: http://img299.imageshack.us/img299/6233/79252301482123424.png

Si nota subito come qualcosa sia cambiato, sulla zona scandinava e sulla Russia europea le anomalie sia di pressione che di geopotenziali sono negative, segno che il Vp con le sue depressione facesse più spesso visita a quelle zone, ne consegue una anomalia positiva sul centro Europa, l’Azzorre e il famigerato Cammello era diventate la normalità, come il favonio per il NW.

Anni 90:

Geopotenziali: http://img91.imageshack.us/img91/3909/79252301482124131.png

Pressione: http://img528.imageshack.us/img528/4580/7925230148212432.png

Si nota come la situazione sia la stessa solo che notevolmente ingigantita come anomalie.

Anni 2000 ( fino all’inverno 2008/09 ):

Geopotenziali: http://img205.imageshack.us/img205/921/79252301482125611.png

Pressione: http://img205.imageshack.us/img205/8536/79252301482125536.png

La carta dei geopotenziali fa davvero spavento, anomalie totalmente positive, anche se si denota una bella anomalia sull’atlantico, forse segno di un Azzorre che si spinge più a nord, e la somiglianza anche se solo come distribuzione delle isobare è simile a quella degli anni 60 ( solo che i geopotenziali sono più alti ). La carta della pressione lascia pensare ( viste le anomalie positive ) che l’Azzorre spesso “spanci” e come conseguenza porta il favonio al NW, le anomalie negative sulla Russia persistono, anche se di minore entità.

Gli anni 2000 hanno quindi un ulteriore cambiamento della circolazione atmosferica invernale, spetta solo a noi scoprire cosa comporterà.

FABIO

  1. Nintendo
    26 marzo 2009 alle 14:12

    le immagini non si riescono a mettere????

  2. ice2020
    26 marzo 2009 alle 14:29

    ci ho provato, ma sn talemnte tante che fa casino con wordpress…

  3. Nintendo
    26 marzo 2009 alle 18:42

    nessun commento???

  4. miki
    26 marzo 2009 alle 19:40

    uno…. 🙂
    dove hai preso quelle mappe delle temperature? Mi potresti dare il link?
    Grazie.
    Per quanto riguarda l’articolo è ovviamente interessante 😉

  5. ice2020
    26 marzo 2009 alle 19:57

    gli anni 50 e soprattutto 60 (si pensi all’inverno del 1963 su tutti) fanno apura come anomalie di geopotenziali…

    Gli anni 70 sn ricordati epr le valanghe di neve sulle alpi ed al nord…

    Dagli anni 80 ma soprattutto 90 qualcosa cambia e ne siamo stati spettatori ahimè, anche il 1985 rster per empre nei nostri cuori,…

    Gli anni 2000 sn invece di più difficle interpretazione, in generale forse meglio del decennio precdente, ma continuano le anomali positive nel mediterraneo!

  6. Nintendo
    26 marzo 2009 alle 21:18

    non ci sono mappe delle temperature???

  7. angelo
    26 marzo 2009 alle 21:37

    Fabio scusa la mia ignoranza in materia, se ho capito bene quello che è mancato negli ultimi due decenni, per avere un inverno bello tosto, sono correnti artiche e provenienti dalla Russia?

  8. miki
    27 marzo 2009 alle 09:32

    scusa, intendevo della pressione :4;

  9. Nintendo
    27 marzo 2009 alle 13:50

    per angelo:
    come si vede bene gli inverni anni 50 e 60 che sono stati freddi hanno avuto irruzioni artiche, sia ti tipo marittimo ( i 50 ) sia di tipo continentale ( i 60 )
    gli anni 70 hanno visto inverni più caldi, ma molto più nevosi.
    mentre sugli 80 non so che dire, gli inverni risultano sotto-media ma le anomalia vedono sia geopotenziali che pressione più alte in Europa, forse perchè gli ultimi 3 inverni di quel decennio spostano molto le anonmalie.
    per Miki: un po’ di “segreto professionale”, se mi mandi l’email te lo mando li il link.

  10. miki
    27 marzo 2009 alle 14:09
  11. angelo
    27 marzo 2009 alle 21:01

    grazie

  1. 26 marzo 2009 alle 14:09
  2. 8 aprile 2009 alle 05:40
  3. 22 aprile 2009 alle 15:51
I commenti sono chiusi.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: