Home > Sole e Clima > Correlazione tra minimo solare e anomalie oceaniche

Correlazione tra minimo solare e anomalie oceaniche

23 aprile 2009

Si è sempre detto che i frutti di questo minimo solare si dovessero vedere prima sugli oceani e successivamente sulle terre emerse, ecco finalmente le prime risposte!

Il primo grafico si riferisce alle anomalie oceaniche globali, si vede chiaramente come dal 2005 ad oggi si siano persi circa 0.2 gradi centigradi; è vero che il massimo solare si è verificato nel 2001 ma bisogna considerare il tempo di latenza impiegato dagli oceani ad immagazzinare e disperdere l’energia proveniente dalla nostra stella.

Stesso discorso per l’emisfero nord, dove la perdita di calore arriva quasi a sfiorare il mezzo grado.

Andando più nello specifico, la cosa che mi stupisce è proprio vedere come le curve siano pressochè sovrapponibili sia per il nord Atlantico che per il Pacifico, entrambi in progressivo raffreddamento, ciò mi fa pensare che l’artefice di tutto ciò non possa essere che un solo, la cui influenza si fa sentire non al livello locale ma globale, esso non può essere nient’altro che la nostra stella!

 Ecco i due grafici:

Trend un pò diverso, ma non troppo e sempre in diminuzione, per l’artico, il quale dopo l’impennata termica della nefasta estate 2007 si sta riprendendo alla grande.

Uno sguardo anche all’ emisfero sud il quale non si fa certo pregare a seguire il suo collega settentrionale, qui abbiamo una casistica di oltre 150 anni, notate anche come i picchi relativi al 1875 e 1900 siano stati ben superiori al decennio 90/2000…alla faccia del global worming.

Qui troviamo l’andamento dei singoli oceani, Atlantico meridionale in rosso, pacifico meridionale in blu e indiano in verde. Tutti in sostanziale diminuzione.

Dulcis in fundo, l’antartide, qui ogni commento è superfluo.

Domanda: Alla luce di questi fatti, siamo davvero sicuri che l’attività umana sia alla base dei cambiamenti climatici? Forse questa è una domanda che dovrebbe esser posta all’opinione pubblica e agli scienziati dell’IPCC. La risposta che tutti noi sappiamo, sicuramente condivisa dalla maggior parte degli scienziati è una sola:
Non esistono cambiamenti climatici se non su scala millenaria, ma solo una ciclicità del clima che si modifica in base all’energia che giunge alla terra.

Fonte grafici: http://bobtisdale.blogspot.com/

Scritto da Frozen

Advertisements
  1. autobas
    23 aprile 2009 alle 06:26

    Bravo e così poi come fanno a pompare soldi quelli dell’IPCC se dicono la verità

  2. 23 aprile 2009 alle 07:53

    questo e’ un ottimo articolo..
    cmq io penso che e’ ancora troppo presto per capire se il tutto e’ dovuto al minimo solare…dovremo aspettare ancora mesi e mesi per capirci di piu’..
    e poi vi faccio una domanda…
    e chi puo’ dire che senza l’attivita’ umana queste anomalie verso il ribasso sarebbero state ancora piu’ nette ?
    in fondo anche gli scienziati dell’IPCC hanno previsto una pausa del GW nei prossimi 10 anni dovuta a certi indici teleconnettivi..
    ciao!

  3. simo
    23 aprile 2009 alle 09:10

    quelli Dell’IPCC la pausa di 10 anni sn costretti ad averla data perchè le lorofasulle teorie sull’AGW stanno decadendo ogni anno di più, visto che la co2 continua a salire e le temp però calano…

    quindi tanto vale dire che c’è una pausa per guadagnare tempo agli occhi dell’opinione pubblica, senza però riuscire a dare una ben che minima spiegazione a tutto ciò…

    Quando gli fa comodo, tirano in ballo indefinite cause naturali…

    così sofare anch’io…

    simon

  4. Luigi Lucato
    23 aprile 2009 alle 09:55

    Riguarda poco gli oceani
    tranne il punto sulla corrente del golfo
    ma parecchio il ruolo IPCC
    discussione su G8 e clima

    http://forum.crisis.blogosfere.it/viewtopic.php?f=8&t=42&start=600

    – Bora71
    e chi puo’ dire che senza l’attivita’ umana queste anomalie verso il ribasso sarebbero state ancora piu’ nette ?

    tutto sta a valutare quanta è l’influenza umana …
    localmente la ritengo devastante … ma a livello di clima globale
    il Sole dirige i giochi.

  5. 23 aprile 2009 alle 11:52

    Buono il post, pero’ metterei la fonte dei grafici quando vengono presi dall’esterno. Sono elaborati da Bob Tisdale su http://bobtisdale.blogspot.com/

  6. ice2020
    23 aprile 2009 alle 12:01

    Grazie Alessandro…

  7. Nintendo
    23 aprile 2009 alle 12:25

    l’articolo è molto bello, ma penso che forse molto è dovuto anche alla PDO che è diventata negativa.

  8. frozen
    23 aprile 2009 alle 14:13

    Grazie a tutti ragazzi, e sono ben felice di aver dato il mio contributo!
    Chiedo scusa per aver dimenticato la fonte dei grafici.

  9. marcus
    23 aprile 2009 alle 19:21

    Sembra che ci sia una controtendenza tra emisfero sud e nord o mi sbaglio 😉
    se fosse così probabilmente anche dal punto di vista termico globale anche i due poli sono in controtendenza storica oltre che le anomalie dei continenti. E sempre se fosse così avremo un altro tassello per dimostrare che il GW è solo una pagliacciata dilettantesca.

  10. 24 aprile 2009 alle 21:22

    che il GW esista lo sanno tutti..anche i bambini penso..non sappiamo la causa e questo e’ un altro discorso..
    basta vedere il grafico…eh..

  11. Davide M.
    27 aprile 2009 alle 02:29

    Quoto sia gli ultimi 2 interventi di bora71 che quello di Luigi Lucato. Il GW esiste ed è accertato. Ma mi spiace per i catastrofisti che ci vedono già morti arristiti a causa della co2, il GW non è antropico. Quindi dice bene luigi, è il sole che guida i giochi. E dice bene anche sull’inquinamento, devastante a livello locale ma minoritario a livello globale per quanto riguarda il GW. Venitevi a fare una passeggiata a polmoni aperti nella mia città. La conoscete tutti oramai per i suoi record di inquinamento. Siamo la città più inquinata d’Italia ma non siamo guarda caso la più industrializzata, e non l’ho affermato io, ma l’ISTAT. In quale città vivo??? TARANTO…..la città dei veleni. Vi prego aiutateci a far chiudere quel tumore di industria dell’acciaio….l’ILVA!!!
    Le norme comunitarie parlano di un massimo consentito di emissioni di diossina di 0,4ng per m3. L’ILVA da sola emette 11ng per m3!!! Ben 25 volte e più del massimo consentito!!!

  1. 23 aprile 2009 alle 05:51
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: