Home > Nowcasting Solare > Se la vista non mi inganna, la nuova regione sembra avere polarità del ciclo 23?

Se la vista non mi inganna, la nuova regione sembra avere polarità del ciclo 23?

29 maggio 2009

Immagine Gong autoaggiornante, fonte: http://www.bbso.njit.edu/Images/daily/images/gongmag.jpg

La nuova regione visibile in alto a sinistra, sembra proprio avere latitudine del ciclo 24 ma polarità invertita, ossia del ciclo 23.

Se così fosse, continuano le stranezze di questo Minimo… è vero che possono anche capitare queste macchie del nuovo ciclo con polarità invertita, ma ormai se ne contano parecchie di queste circostanze ed in tempi molto brevi l’una dall’altra, e credo quasi sicuramente con una frequenza maggiore rispetto a quella che sarebbe la loro media.

Staremo a vedere domani se la regione in questione presenta delle macchie al suo interno, per oggi penso finirà spotless.

Simon

UPDATE: dall’aggiornamento del sat, forse sembrerebbe essere più con la polarità del nuovo ciclo, quel nero del magnetogramma a destra del bianco ora sembra più evidente…prim avevo pensato spuntasse il nero alla sinistra del bianco, ma così non sembrerebbe ora…comunque sembra una regione davvero poco attiva, almeno fino ad ora.

UPDATE2: Ho interpellato lo sesso Svalgaard sul forum di solar cicle24, chiedendogli quale fosse la polarità della nuova regione…

Gli ho fatto presente che dal soho nn si può escludere la polaità del ciclo 23, ed egli ha risposto: “At this point of the cycle it seems VERY unlikely to be a SC23 group at that latitude, but we’ll know in a day or less.”

Della serie aspettiamo domani, ma se fosse ciclo 23 sarebbe a questo punto del ciclo molto strano…

update3: ONESTAMENTE PIù PASSA IL TEMPO è PIù SEMBRA CICLO 24, ANCHE SE DIFFICILMENTE DARA’ MACCHIE

Advertisements
  1. Nintendo
    29 maggio 2009 alle 17:28

    non penso possa formare una macchia, ma tanto la conteranno lo stesso.

  2. ALE
    29 maggio 2009 alle 17:57

    Guarda SOHO, la polarità non è mica troppo chiara!
    http://sohowww.nascom.nasa.gov/data/realtime/mdi_mag/1024/latest.html
    ALE

  3. ice2020
    29 maggio 2009 alle 18:09

    mA infatti Ale…

    gong fa pena come risoluzione e soho nn aggiornava

    credo a sto punto possa anche essere 23

  4. ALE
    29 maggio 2009 alle 20:38

    Intanto la vecchia regione del ciclo 23 (la vecchia 1016 per intenderci) ha RUGGITO, CME sul western limb del sole!!!
    Nemmeno le due grandi plage del ciclo 24 ci erano riuscite!!!
    http://sohowww.nascom.nasa.gov/data/realtime/c2/1024/latest.html
    Questo la dice molto lunga sullo stato del campo magnetico solare!!!
    ALE

  5. ALE
    29 maggio 2009 alle 20:44

    Si osserva un “fiero coronal loop” (come dicono in gergo quelli della NASA)
    NOTARE la sequenza della bassa corona:

    Questo Plasma-Loop parte dalla corona Hole Polo-Sud e si dirige verso la regione attiva del vecchio ciclo!!!!
    Non è che il Sole si sta preparando a tirere un brutto scherzetto “partorendo” il Polar-flip prematuramente Simon????
    ALE

  6. 29 maggio 2009 alle 21:05

    Super tempesta in arrivo? (Sole)

    Il prossimo ciclo solare sarà piuttosto debole, toccando appena le 90 macchie solari giornaliere intorno al 2013. Ciò non significa, però, che i flares prodotti dalla nostra stella possano risultare enormemente potenti. Non vi sono prove, infatti, che un ciclo debole debba per forza produrre tempeste solari deboli. A riprova di questo basi pensare che il più intenso brillamento mai osservato (il “Carrington Event”) si verificò nel 1859, ovvero in corrispondenza di un ciclo solare di modesta intensità. Nello specifico ci riferiamo al 9° ciclo, caraterizzato da un picco di sunspots inferiore alle 100 unità. Significativo è anche il fatto che durante il potentissimo ciclo 19 (picco di 200 macchie!) non si osservarono flares di potenza eguale a quella del 1859. Se un evento come il Carrington dovesse ripetersi oggi i danni alle telecomunicazioni e alle reti di calcolo sarebbero inimmaginabili. Secondo una stima approssimativa la spesa si aggirerebbe intorno ai 2000 miliardi di dollari. In parole povere un super flares potrebbe rappresentare un colpo durissimo alla società tecnologica. La debolezza del ciclo 24, purtroppo, non ci cautela da un simile rischio…
    3 b meteo

  7. ALE
    29 maggio 2009 alle 22:02

    X Bora71
    Ma non credo possa succedere a breve (anche se il Sole sta mettendo in crisi i più autorevoli previsori) il mio intervento era per sottolineare che “plasma-loop” tra regioni attive e coronal-holes polari sono un sintomo di “approccio al solar max”, potrai leggere nel mio prossimo POST cosa voglio dire!
    ALE

  8. Dadda
    29 maggio 2009 alle 22:20

    per Simon:
    ho letto difatti il tuo intervento su solarcycle24 a Svalgaard sulla nuova regione attiva e il suo ciclo di appartenenza,secondo lui è ciclo 24 vista la latitudine,ma non mi è sembrato troppo convinto.intanto su scienceNasa un articolo interessante ( del Dr. Tony Phillips )sulla nuova previsione degli esperti guidata da NOAA e sponsorizzata dalla NASA che invito a leggere
    (tradotta con google per comodità)

    http://209.85.135.132/translate_c?hl=it&sl=en&u=http://science.nasa.gov/headlines/y2009/29may_noaaprediction.htm%3Flist72553&prev=/search%3Fq%3Dsolarcycle24%26hl%3Dit&rurl=translate.google.it&usg=ALkJrhjs-zJ5UBLRHt-0K4sMs-_znX_pbg

    in merito a questa previsione Svalgaard su solarcycle24 ha detto che la previsione di 90 max è sovrastimata(e quì mi viene in mente il discorso dell’interesse delle assicurazioni che il numero sia alto)il numero di 70 è quello più giusto come previsione massima secondo lui.

  1. 29 maggio 2009 alle 15:59
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: