Archive

Archive for giugno 2009

Altra regione attiva del ciclo 24 nell’emisfero sud

30 giugno 2009 25 commenti

1Al momento è solo una plage, infatti stamane nemmeno Catania conta…

sarebbe curioso se apparisse una macchiolina oggi pomeriggio vedere cosa farà il Noaa…

Di certo da tenere sott’occhio, perchè appare comunque ben organizzata, e se non oggi, domani, potrebbe nello spostarsi verso ovest formare qualche spots al suo interno.

Stay tuned, Simon

UPDATE: La regione attiva almeno per oggi non ha prodotto macchie, ma resta sempre alta la possibilità che lo faccia nei prossimi giorni. Al momento non si rilevano altre region attive nel disco solare. Con oggi siamo al 6° giorno spotless di fila.

Raggiunto oggi il ciclo solare numero 10!

29 giugno 2009 20 commenti

Con la bellezza di 654 giorni spotless totali da inizio minimo (gennaio 2004), il ciclo 24 raggiunge un altro obbiettivo, il ciclo solare 10 a metà del 19° secolo!

Va ricordato, posto ce ne fosse bisogno, che senza i conteggi attuali, questo traguardo lo avremmo già raggiunto da un bel pezzetto, e saremmo anzi molto vicini al prossimo obbiettivo, il ciclo 13 con 736 giorni spotless totali.

Seguono a quest’ultimo il ciclo 14 con 931 giorni, prima di arrivare ai 2 cicli “millenari”, il 15 ed il 12 con rispettivamente 1019 e 1028 giorni senza macchie totali, ovviamente irragiungibili soprattutto a casa dei metodi di conteggio.

Ma credo che fino al prossimo traguardo, ovvero il raggiungimento del ciclo 13, ci possiamo anche arrivare…il dopo come già spiegato è molto ma molto difficile, se non impossibile.

Simon

Risonanze Orbitali: La parola all’Eclittica…Super Minimum in arrivo?

29 giugno 2009 35 commenti

Abbiamo affrontato nei POST passati due argomenti cardine per introdurre questo POST che potrebbe finalmente spiegare e fare capire l’eccezionalità della situazione che sta prendendo corpo sull’Eclittica.
Ricordando prima di tutto l’enorme campo magnetico dei 2 principali SiperGiganti gassosi: Giove e Saturno. Sottolineo nuovamente che Giove detiene il record per quanto concerne la potenza del campo del Sistema Solare, solo i campi magnetici estremamente organizzati delle SunSpots sono più potenti! Ricordiamo che l’interazione elettromagnetica a distanza tra due corpi dotati dei mgnetosfera dipende dal “vettore posizione”, quindi dipende in prima battuta dalla distanza, ricordiamo che la rotazione dei pianeti attorno al Sole è specifica per ognuno di loro: 11.859 anni per Giove, 29.657 anni per Saturno e 84.323 anni per Urano.
Ulteriore inciso è doveroso per meglio chiarire la relazione tra campi elettromagnetici e plasma: il plasma è costituito da nuclei di atomi (Idrogeno ed Elio per quello solare) letteralmente immersi in un mare di elettroni. Il plasma solare è dunque sensibile ai campi magnetici, prova tangibile sono la SunSpots, canali meno densi nel plasma solare generati da campi magnetici altamente organizzati.

Per meglio comprendere =  http://it.wikipedia.org/wiki/Plasma_(fisica)

Dunque se le SunSpots che sono generate da campi magnetici saranno anche sensibili a campi magnetici esterni applicati, essendo l’interazione elettromagnetica un grandezza vettoriale fortemente dipendente dal vettore posizione, risentirà della distanza a cui si vengono a trovare le entità interagenti.
Veniamo dunque alla teoria del Prof.  P.A.Semi:

FONTE = http://arxiv.org/abs/0903.5009

In questa pubblicazione della Cornell University Library, sezione Astrofisica, l’autore analizza con dovizia di particolari le potenzialità dell’azione a distanza tra il Sole e i pianeti che orbitano sul piano dell’Eclittica, il lavoro è estremamente articolato e dettagliato, leggendolo sembra di comprendere al meglio le teorie su base statistica del Prof. Timo Niroma.
Vediamo ora di prendere in esame 5 differenti situazioni sull’Eclittica relative a 5 differenti periodi alcuni dei quali spesso menzionati in questo Blog.

Minimo tra Ciclo 21 e Ciclo 22, Agosto 1986

1Giove quasi al perielio, con una distanza dal Sole di 4.9857 UA (UA = unità astronomiche), Saturno a quasi 10 UA con disposizione sfalsata, il vettore che unisce il Sole a Giove e il vettore che unisce Saturno al Sole formano un angolo di circa 90 Gradi, spicca la situazione in quanto i tre giganti gassosi sono “dalla medesima parte” pensando di dividere l’Eclittica in 2 parti con una retta ideale che taglia da est a ovest (Linea gialla orizzontale).

Minimo tra Ciclo 22 e Ciclo 23, Agosto 1996

2In questa disposizione Giove piuttosto “fuori gioco” con una distanza dal Sole di 5.248 UA, Saturno è invece più vicino rispetto alla precedente situazione 9.56 UA.
L’angolo tra i due vettori è sempre intorno 90 gradi e questa volta i 3 Giganti sono addirittura quasi nel medesimo quarto dl’eclittica.

Il grande minimo del 1913

3Abbiamo spesso utilizzato questa data come termine di paragone rispetto all’attuale minimo, sottolineo che mentre il 1913 fu un solo anno, in questo minimo sia il 2008 che il 2009 vengono paragonati al suddetto anno!!!
La situazione orbitale presenta alcune sostanziali differenza rispetto ai minimi presi in considerazione prima, iniziamo dall’angolo formato dai vettori che congiungono i 2 principali Supergiganti al Sole: almeno di 170 gradi, l’allineamento dunque potrebbe essere molto più efficace per quanto concerne agli effetti elettromagnetici sulla stella!!!
Saturno in questa data si trovò in perielio completo, con sole 9.0469 UA di distanza dalla stella, la situazione di Giove invece non è ottimale per quanto riguarda la distanza dal Sole, con 5.18 UA si trova infatti in una sitazione intermedia tra perielio e afelio.

L’approccio al Maunder’s Minimum

4Anno 1653, inizio del periodo noto con il nome di Minimo di Maunder, tutti Voi sapete benissimo cosa si intende quando si parla di questa particolare fase dell’attività solare!
Giove e Saturno perfettamente allineati su una ipotetica retta che li congiunge passando per il Sole. Urano leggermente disassato, questa configurazione è completamente diversa rispetto a quella che si è trovata nei periodi citati in precedenza.
L’angolo formato dai vettori che idealmente congiungono il Sole-Saturno e Sole-Giove è praticamente di 180 gradi, Mentre Saturno è abbastanza prossimo al perielio, Giove risulta essere più distante rispetto al punto di perielio.

La situazione del 2010

5

Nell’anno 2010 si verrà a realizzare un situazione molto particolare sull’Eclittica: i tre GigantiGassosi (Giove, Saturno e Urano) saranno perfettamente allineati e il Sole sarà tra Giove e Saturno. Giove sarà quasi al perielio con una distanza dal Sole di 4.966 UA, un poco più distante Saturno con 9.53 UA.
La situazione del 2010 sarà per molti simile a quella che si verificò nel 1653 ma con 2 sostanziali differenze:
1) Giove si trova più vicino al Sole rispetto al 1653 mentre Saturno più lontano
2) Urano che nel 1653 era “fuori-asse” ora si troverà perfettamente allineato agli altri 2 Giganti.

Ora non possiamo affermare con assoluta certezza che questa situazione ci porterà diritti verso un nuovo superminimo, come ho già detto da tempo sul Blog “sarà la Storia che valuterà il minimo attuale”.
Quello che possiamo affermare è che i maggiori modelli di previsione dell’attività solare che si basano sui 3 ultimi cicli con un approccio deterministico, sicuramente non hanno mai nei loro dati di input una situazione di allineamento planetario come quella attuale!
Seguiamo con attenzione l’evoluzione solare da qui al 2010, anno per altro candidato per primo ad essere “anno di massimo solare” dal Prof. David Hathaway in persona, essendo la prima SunSpot del ciclo 24 nata il 31 Luglio 2006
Fonte = http://science.nasa.gov/headlines/y2006/15aug_backwards.htm

Come dice Simon dunque “Stay tuned”

FONTE = Per il calcolo delle distanze orbitali abbiamo utilizzato Solex 10.1 in modalità Eliocentrica con correzione
Per la visualizzazione della disposizione planetaria il sito JPL della NASA.

ALESSANDRO

Che strano ciclo…

28 giugno 2009 21 commenti

Eh si cari amici, proprio quando sembrava che la nostra stella iniziasse a dare segnali di attività (sebbene molto scarsa, è bene precisarlo), nelle ultime settimane il flusso solare è andato ricalando, e ad oggi siamo moto vicini al valore di aprile che fu un mese come ricorderete di bassissima attività, forse la più bassa da quando è iniziato il 2009.

Il solar flux, soprattutto di questi tempi, rimane ormai l’unico indice solare (ovviamente anche la tsi e i raggi cosmici sono importanti) di vero e reale monitoraggio dell’attività della nostra stella.

Nel farttempo anche le macchie negli ultimi giorni si sono ridimensionate, con oggi siamo al 4° giorno spotless di fila e se domani sarà spoteless sarà ripreso (dati Noaa) il ciclo numero 10 con 654 giorni senza macchie totali.

avanti così, Simon

Lunedì…Alessandro…non aggiungo altro…

27 giugno 2009 21 commenti

……….

Solar flux a 67 anche oggi!

Al Noaa cadranno delle teste?

Di certo tra un mesetto, Fabio, prenderà il mio posto( sorpresa per lui)

Categorie:Uncategorized

Il ciclo 23 e’ morto? Forse si ma il 25 si fa avanti!!!

27 giugno 2009 12 commenti

Non è la prima volta che mi capita di vedere questo genere di mini-spots, come potete vedere la polarità è invertita rispetto al ciclo 24 e l’alta latitudine nell’emisfero Nord del Sole può essere il segno che un nuovo ciclo si sta già facendo avanti!

11Stiamo a vedere come evolve questa mini-spot, io credo che non potrà crescere più di così, ma già come si presenta ora ci fa capire molte cose sullo stato del GMF solare!!!!

ALESSANDRO

Intanto anche oggi flux a 66.8!

26 giugno 2009 17 commenti

Anche oggi alle ore 20, il flusso solare tocca 66.8, la media di giugno tangibilmente sotto a quella di maggio.

Altri parametri solari sotto i tacchi, dopo il temporaneo rialzo del vento solare e dell’Ak-index a causa del buco coronale.

Per il resto da annotare che il Noaa cambia conteggio nella giornata di ieri e dopo aver messo 11, mette 0!

La cosa strana (ma ormai non mi stupisco più di niente) è che la macchia era ben visibile dopo la mezzanotte, anche se per poche ore, e dato che avevano sempre contato, dovevano farlo anche ieri…infatti in un primo momento l’avevano fatto…

Poi deve essere successo qualcosa, della serie: cavolo, solar flux sempre più basso, SSN provvisorio di giugno a 6.6…il sidc che sta contanto meno di noi…meglio darsi una calmata..

Quanto volete scommettere che in questi ultimi giorni di giugno non vi saranno più conteggi strani?

Almeno che le eventuali macchie non siano evidenti, non conteranno più!

Simon