Home > Minimo Solare > Aggiornamento di Timo Niroma: “non sarei sorpreso di vedere il ciclo 24 abortire, portandoci direttamente verso un nuovo minimo di Maunder”

Aggiornamento di Timo Niroma: “non sarei sorpreso di vedere il ciclo 24 abortire, portandoci direttamente verso un nuovo minimo di Maunder”

11 giugno 2009

La bassa attività solare continuerà, i corti cicli solari del 20° secolo hanno creato un ebito che ora deve essere pagato. Questo significa che ci saranno cicli con attività molto bassa e se il passato è un buon predittore, anche tempi molto freddi per la Terra. L’ultima decente macchia solare appartenente al ciclo 23 è comparsa a luglio 2008. Da agosto a settembre 2008 il sole è stato come ibernato. In ottobre e novembre il ciclo 24 ha mostrato le sue prime macchie decenti. Ma a dicembre il sole si è ibernato nuovamente. C’è stato un piccolo aumento nel solar flux da gennaio ad aprile 2009, ma nello stesso tempo ancora attività del vecchio ciclo. Questo potrebbe essere a causa dell’effetto di Livingston-Penn che prevede un abbassamento dell’attività magnetica solare ormai dal 1990 e che potrebbe addirittura cancellare il nuovo ciclo.

Questo prolungato Minimo solare ed il ritardo del ciclo 24 significa che il nuovo ciclo sarà molto basso, nel rane di 30-50 SSN, che è allo stesso livello del minimo di Dalton od addirittura sotto. La mia teoria basata sul ciclo di Giove implica con molta probabilità che il minimo tra il ciclo 23 e 24 possa essere ad ottobre 2008 o luglio 2009 e il massimo nel 2014-2015. Il punto è che un ciclo che supera i 12 anni ha sempre preceduto un grande minimo (1798 minimo di Dalton, 1856 minimo di Damon). Non è chiaro esattamente quanto lunghi siano stati i cicli che precedettero il minimo di Maunder, ma sembra che ci sia stato un minimo nel 1620. Ciò indica che prima del Maunder ci furono 2 cicli che durarono 25 anni, quindi almeno uno dei 2 molto lungo. Questo ha portato un raffreddamento per decenni, anche se oggi non possiamo essere certi che vi sarà una nuova PEG.

Un basso Dalton è oggi probabile, ma nessuno può essere sicuro di questo, anche se ci sono molte indcazioni che testimoniano un campo magnetico solare molto debole. Se a questo aggiungiamo il fatto che tutti i minimi importanti sono stati preceduti da cicli molto lunghi, io non sarei sorpreso di vedere il ciclo 24 vacillare, terminando proprio vicino al suo massimo intorno al 2014-2015, portandoci direttamente ad un minimo di tipo Maunder!

Un piccolo inciso: l’aumento della CO2 in atmosfera dallo 0.03% allo 0.04% non ha avuto alcun significato in questo gioco dove è il vapor acqueo a far la parte del giocatore principale. Io sono solo uno studioso di statistica e questo è uno studio statistico, ma a tutti quelli che per anni mi hanno chiesto che cosa pensavo riguardo i collegamenti fisici io ho risposto: il campo magnetico terrestre è molto sensibile alle variazioni di quello solare; questo dovrebbe avere molti più effetti sulla Terra piuttosto che i gas ad effetto serra rodotti dall’uomo. Inoltre trovo la teoria di Svensmark sui raggi cosmici come molto promettente, più raggi cosmici durante i minimi solari portano ad un aumento della copertura nuvolosa nella bassa atmosfera, provocando un raffreddamento della Terra. E sono importanti anche i raggi UV e la TSI, una loro diminuzione associata ad una diminuzione della forza del campo magnetico solare, creani i presupposti giusti affinchè un minimo tipo Maunder possa accadere anora.

Fonte originale: http://personal.inet.fi/tiede/tilmari/sunspots.html

Tradotto da Simon

Lasciatemi dire solo una cosa: io stimo Timo Niroma, non a caso non è la prima volta che ne parlo qui sul blog.

A volte però ho come l’impressione che si butti un pò troppo nelle sue previsioni. Affermare oggi come oggi e non è la prima volta che glielo sento dire, che potremmo essere in procinto di un Maunder, mi lascia un pò perplesso. Mi sembra un pò esagerato. Resta comunque il fatto che lo studioso finlandese è stato uno dei primi ed in tempi non sospetti, ad affermare sulla base di studi statistici che questo sarebbe stato un signor minimo, e come stiamo vedendo ci ha preso benissimo.

Ora crede che potremmo addirittura essere in procinto di un qualcosa di ancora più importante; che dire, noi siamo qui…e ci tengo a precisare che anche se ne parliamo tanto, nè io nè nessuno dei miei collaboratori siamo convinti che ciò possa accadere veramente, anche se ci piace ritenere che allo stato attuale delle cose, tutte le strade sono percorribili…

Simon

Annunci
  1. Emanuele
    11 giugno 2009 alle 13:23

    Scusate ma che significa che non ci credete? voi ritenete impossibile che possa verificarsi un minimo tipo Maunder? xkè? Forse l’unica cosa sicura è che partiamo da un livello di T globale ben più alto, ma non capisco per quale motivo non potrebbe riproporsi una tale configurazione… Grazie

  2. Fabio2
    11 giugno 2009 alle 15:03

    Non credo che Simon intenda questo, ma piuttosto che, ad oggi, l’evoluzione nei prossimi mesi ed anni può portare indifferentemente ad uno o più massimi deboli, ad un minimo di Dalton o addirittura ad uno di Maunder.
    Tutto dipende da quanto deboli saranno questi massimi e se ci sarà o meno qualche ciclo “saltato”, come pare avvenne poco prima del minimo di Dalton.

    Bisogna vedere cosa accade nei prossimi 2-3 mesi. cioè se il Sole riparte alla grande o continua a stentare come adesso. Non dimentichiamo che il ciclo 23 ormai ha una durata superiore ai 13 anni e, se il minimo continuerà a non essere chiaramente individuato, raggiungerà presto i 14 anni.

  3. Luigi Lucato
    11 giugno 2009 alle 15:11

    non concordo con la previsione di un minimo di maunder
    penso più a una serie di minimi come quelli dopo il Massimo medioevale

    MAX medievo -> WOLF -> SPORER
    attualmente abbiamo passato il massimo e inizia il calo dell’attività
    maunder e dalton era il minimo e stava per ripartire la risalita

    http://forum.crisis.blogosfere.it/viewtopic.php?f=8&t=42&start=650#p20090

  4. 11 giugno 2009 alle 16:39

    intanto..conferme su conferme…dovrebbe arrivare un forte NINO nei prossimi mesi..

    temperature globali di nuovo in aumento??
    Da notare anche la zona PDO in repentina salita..

    Anche l’AMO è in risalita…
    negativo, ma ancora per poco ..

  5. Fabio2
    11 giugno 2009 alle 16:59

    Al di là dei dettagli “tecnici” su quale pattern esatto il Sole seguirebbe, la sostanza comunque sarebbe che l’attività solare resterebbe bassa per decenni, rispetto ai massimi raggiunti nei decenni scorsi.

    Inoltre non dimentichiamo che la classificazione in minimo di Wolf, Sporer, Maunder, Dalton l’hanno inventata gli scienziati che studiavano il Sole, ma tuttora non sono affatto certo disponiamo di dati sufficienti per affermare che si trattasse di comportamenti del Sole del tutto distinti tra di loro.

    Boh, vediamo un po’ che succede……

  6. Luca Nitopi
    11 giugno 2009 alle 19:15

    Si hanno dati sulla copertura nuvolosa in funzione dei cicli solari??
    Ciao
    Luca

  7. furio
    11 giugno 2009 alle 19:34

    Secondo me il vecchio Timo si lancia in previsioni azzardate perchè essendo uno statistico e non un fisico solare ha tutto da guadagnarci e niente da perderci 🙂 difatti se sbaglia può semplicemente dire che quella non è la sua materia, se invece c’azzecca può comunque rivendicare di aver visto più lontano degli altri…

    @ Bora

    ad ogni Nina segue sempre inevitabilmente un Nino, non potevamo certo aspettarci che l’Enso rimanesse negativa per anni :-), tuttavia, quello che più conta è la durata degli eventi e le stesse previsioni di cui parli indicano una durata molto breve dell’evento di Nino. Leggere a tal proposito l’articolo del sempre ottimo Alessandro Patrignani, in particolare terza figura: http://globalwarming.blog.meteogiornale.it/2009/06/09/el-nino-in-partenza/

    L’ AMO in risalita invece proprio non mi risulta, a quanto ne sapevo anche l’ultimo mese aveva fatto segnare una diminuzione rispetto al precedente. Poi probabile che nei prossimi mesi estivi ci sia una risalita, rimane il fatto che 5 mesi negativi consecutivi rimangono una stranezza, dato che siamo in un fase positiva e che, per quanto conosciamo dell’AMO, tale dovrebbe rimanere fin verso la fine del decennio venturo.

  8. ALE
    11 giugno 2009 alle 20:07

    Un mio studente che studia enologia mi ha detto che intorno al 1400, nel giro di pochi anni la temperatura scese al punto tale da non permettere più la maturazione dell’uva in Europa! Fu la fortuna della Serenissima che avendo vigneti a Cipro continuò ad avere della buona uva e del buon vino!
    Fu la fine del massimo medievale, l’inizio di un periodo di temperature “sottomedia”!
    Ricordiamo che anche i più blasonati centri Europei e Americani (NOAA, NASA) che fanno previsioni su intensità e anno-picco dei cicli solari usano un metodo deterministico, dunque statistico.
    Quello che dice Timo Niroma secondo me ha più di qualche fondamento, infatti sulla questione “risonanze orbitali” occorre fare un inciso: la situazione attuale sul piano dell’Eclittica è UNICA, nel Luglio 2010 Giove, Saturno e Urano saranno perfettamente allineati con Giove quasi al perielio! Questa è una situazione in parte simile 1651 dove Giove e Saturno si allinearono ma Urano era “fuori” asse!
    Presto scriverò un POST in cui faremo i confronti tra le situazioni orbitali all’inizio del minimo di Maunder, nel 1913, nel 1986 (il minimo tra il ciclo 21 e 22) e 1996 (tra 22 e 23), e 2009.
    Per presentare la situazione, poi, come ho già sottolineato, sarà la Storia a dire se e quanto eccezionale sarà il minimo che stiamo vivendo!
    ALE

  9. Emanuele
    11 giugno 2009 alle 20:28

    A proposito di possibile calo “repentino” della temperatura, tra le mille ipotesi, forse converrebbe tenere sotto controllo un fenomeno che è un dato certo e da da pensare.. il crollo della temperatura in stratosfera. anche gli ultimi dati convergono in modo globale verso una sempre più intensa anomalia negativa e, in particolare, le ultime rilevazioni mettono in luce un abbassamento verso gli strati più in basso di tale raffreddamento. non è che x caso questo freddo che si sta ammassando sulle nostre teste si propagherà verso il basso in pochi anni? questo potrebbe giustificare crolli repentini della T globale come si diceva sopra.. li il freddo c’è ed è sempre di più, da qualche parte dovrà sfogare..

  10. 11 giugno 2009 alle 21:04

    x Furio
    Piccole fasi negative o positive all’interno di un ciclo dell’AMO ci sono sempre state e ci saranno sempre, ciò però non cambia la sostanza. Negli ultimi 5 mesi, solo febbraio e marzo hanno avuto valori sufficientemente interessanti, per il resto siamo partiti con un -0,007 a Gennaio e per il momento chiudiamo con un un -0,014 a Maggio. Vedremo giugno che farà…M3V
    ciao

  11. ALE
    11 giugno 2009 alle 21:05

    Emanuele a tale proposito invito te e gli altri lettori a dare un’occhiata a :
    http://www.spaceweather.com
    parlano del fenomeno delle NOCTILUCENT CLOUDS, sempre più presenti e sempre più “spettacolari”, sono cristalli di ghiaccio in atmosfera correlabili con il ciclo solare!!!
    POI se Bora71 legge mi può spiegare la differenza in questi forecasts di “el Nino”
    http://www.cdc.noaa.gov/forecasts/seasonal/table1.html
    xchè NCEP vede caldo dove CCA vede freddo???
    ALE

  12. furio
    12 giugno 2009 alle 06:56

    @ Bora

    ok, ma visto che siamo in AMO positiva e tale dovrebbe rimanere fino a circa il 2018-2020, non si può far notare valori lievemente negativi come se fossero un dato in controtendenza di un ipotetico raffreddamento, casomai è l’esatto contrario 🙂
    si potrebbe infatti addirittura ipotizzare che un fattore esterno (sole) “limita” il normale ciclo positivo fino a farlo diventare lievemente negativo…

    naturalmente le mie sono chiacchiere quasi da bar, sono solo uno che da profano si diverte a parlare di scienza con le scarse cognizioni a sua disposizione 😉

  13. Pippo
    12 giugno 2009 alle 11:40

    @ALE
    Ehm… a giudicare dalle previsioni che ho visto in quel link deduco quello che ho sempre pensato. Le previsioni del tempo a lungo termine sono completamente inattendibili. A seconda del modello prescelto posso ottenere previsioni completamente opposte. IMHO

  14. ALE
    12 giugno 2009 alle 12:10

    Infatti è quello che penso anche io!!!
    Pensiamo a Marzo quando il NOAA prevedeva un Maggio-Giugno con forte anomalia negativa sull’Italia, sappiamo come è andata a Maggio!!!
    Una cosa è certa, vedremo se il Sole è una forzante degna di nota (come credo io) oppure no, come quasi tutti i modelli climtologici sostengono!!
    ALE

  15. ida
    12 giugno 2009 alle 12:45

    ciao, avete visto il nuovo pick of the week di soho?
    http://sohowww.nascom.nasa.gov/pickoftheweek/
    sembra che mi abbiano sentito, quando ieri protestavo contro il loro silenzio sul blank generalizzato del sole… eh eh

  16. Luigi Lucato
  17. 1 ottobre 2009 alle 08:21

    Devo putroppo comunicare la triste notizia che Timo e’ morto lo scorso 23 settembre, a causa di un male incurabile.

    La sua homepage http://www.kolumbus.fi/tilmari/ e’ ancora attiva, e il collega e amico Boris Winterhalter ha detto di aver ricevuto da Timo tutti gli ultimi aggiornamenti.

    Boris fra l’altro cerca un giovane post-doc (in Finlandia, immagino) che lo aiuti a rimettere a posto tutto il gran lavoro di Timo.

  1. 11 giugno 2009 alle 12:33
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: