Home > Nowcasting Solare > 3 nuove regioni presenti!

3 nuove regioni presenti!

14 giugno 2009

Immagine autoaggiornante soho ahead: si noti 2 regioni nell’emisfero meridionale del sole, una ad est (la più grande) ed una ad ovest.

La latitudine sarebbe quella del ciclo 23!

Mentre dall’immagine behind se ne vede una nell’emisfero settentrionale che tra un paio di giorni approccerà la parte visibile solare:

Al di là delle polemiche (sacrosante) sul conteggio delle macchie, la nostra stella è un mese abbondante che sta lanciando dei seppur flebili segnali di risveglio almeno dal punto di vista del numero di regioni attive o pseudo che stanno iniziando a comparire sulla sua superficie.

Non aggiornano i sat soho, sia continum che il magnetogramma, ma siamo sicuri che ci penserà mamma Noaa a segnalare ogni cosa appaia nella fotosfera solare…

Intanto i principali indici solari restano a valori davvero “very low”…

Come già detto in passato, questo potrebbe essere il massimo che la nostra stella potrebbe fare, un aumento del numero di regioni attive incapaci però di generare macchie degne di nota e durature, accompagnate da valori di indici solari molto bassi o al massimo moderati da qui fino al massimo…

Forse sta per iniziare il momento più interessante del ciclo solare, lasciato cioè il grande Minimo che ci ha accompagnato negli ultimi mesi, stiamo per entrare in un risveglio molto ma molto titubante, che potrebbe quasi essere il preludio di un ciclo 24 semi-abortito!

Simon

UPDATE: Intanto il noaa sembra non contare niente per oggi, non aggiornano i soho da 2 giorni ormai, ma effettivamente dal continum di Big Bear non si vede nulla:

Annunci
  1. 14 giugno 2009 alle 09:33

    potrebbe essere anche l’inizio di un ciclo abbastanza movimentato…e chi lo sa..
    staremo a vedere…

  2. ALE
    14 giugno 2009 alle 11:30

    Intanto Simon sto notando che le grandi Coronal Holes transequatoriali che ci hanno accompagnato nell’ultimo anno e mezzo sembrano scomparse! I casi sono 2:
    -La stella si sta preparando a passare da un sistema quadrupolare ad un sistema ulteriormente splittato tipico di un massimo solare.
    -La stella si sta nuovamente risistemando in condizioni tipiche da minimo pieno, con le CHs polari ben piantate sui poli e nulla di transequatoriale.
    Per quanto riguarda le regioni attive nell’emisfero Sud Kevin dice che sono del ciclo 24, in effetti la più grande sembra essere del nuovo ciclo, proprio a sud-ovest di ciò che resta della grande regione ciclo23, sembrarebbe essere una vecchia conoscenza:

    L’altra regione nell’emisfero Sud è innegabilmente del ciclo 23.
    Quello che xò continuo a notare sono le polar-faculae con polarità ciclo25 che si palesano ad alte latitudini in entrambe gli emisferi, per intenderci gurdando al passato, le faculae ciclo24 si ebbero a partire dal tardo 1999 dunque se tanto mi da tanto dal punto di vista del GMF potremmo essere vicini a questa situazione!!!
    ALE

  3. Alessandro
  4. ALE
    14 giugno 2009 alle 12:33

    Ed ecco intanto riproporsi loops giganti di plasma:
    http://sohowww.nascom.nasa.gov/data/realtime/eit_304/1024/latest.html
    Notare la simmetria quasi perfetta tra i due emisferi, est e ovest, della stella, che sia il preludio di qualche cosa di veramente importante come un polar-flip?!
    Sicuramente sembra che sotto sotto il Sole stia andando avanti nel suo ciclo senza però manifestare le grandi SunSpots che ci aveva proposto nei decenni passati, con SFU inchiodato sotto i 70 e X-Ray piatti! Chissà se nei grandi minimi passati cose del genere c’erano? Sicuro non c’erano SOHO, TRACE o RHESSI per immortalare il momento!!!
    ALE

  5. Fabio2
    14 giugno 2009 alle 12:44

    Ormai abbiamo capito che questo comportamento del Sole potrebbe essere l’inizio di qualunque cosa, sono mesi che questa incognita permane.

    Qualcuno sa quando escono le nuove previsioni NOAA, o di altri, sul prossimo massimo? Grazie.

  6. Alessandro
    14 giugno 2009 alle 13:50

    Cosa ne pensate di questa analisi di Luca Romaldini?

    La bassa attività solare continuerà, i corti cicli solari del 20° secolo hanno creato un debito che ora deve essere pagato. Questo significa che ci saranno cicli con attività molto bassa e se il passato è un buon predittore, anche tempi molto freddi per la Terra. L’ultima decente macchia solare appartenente al ciclo 23 è comparsa a luglio 2008. Da agosto a settembre 2008 il sole è stato come ibernato. In ottobre e novembre il ciclo 24 ha mostrato le sue prime macchie decenti. Ma a dicembre il sole si è ibernato nuovamente. C’è stato un piccolo aumento nel solar flux da gennaio ad aprile 2009, ma nello stesso tempo ancora attività del vecchio ciclo. Questo potrebbe essere a causa dell’effetto di Livingston-Penn che prevede un abbassamento dell’attività magnetica solare ormai dal 1990 e che potrebbe addirittura cancellare il nuovo ciclo.

    Questo prolungato Minimo solare ed il ritardo del ciclo 24 significa che il nuovo ciclo sarà molto basso, nel rane di 30-50 SSN, che è allo stesso livello del minimo di Dalton od addirittura sotto. La mia teoria basata sul ciclo di Giove implica con molta probabilità che il minimo tra il ciclo 23 e 24 possa essere ad ottobre 2008 o luglio 2009 e il massimo nel 2014-2015. Il punto è che un ciclo che supera i 12 anni ha sempre preceduto un grande minimo (1798 minimo di Dalton, 1856 minimo di Damon). Non è chiaro esattamente quanto lunghi siano stati i cicli che precedettero il minimo di Maunder, ma sembra che ci sia stato un minimo nel 1620. Ciò indica che prima del Maunder ci furono 2 cicli che durarono 25 anni, quindi almeno uno dei 2 molto lungo. Questo ha portato un raffreddamento per decenni, anche se oggi non possiamo essere certi che vi sarà una nuova PEG.

    Un basso Dalton è oggi probabile, ma nessuno può essere sicuro di questo, anche se ci sono molte indcazioni che testimoniano un campo magnetico solare molto debole. Se a questo aggiungiamo il fatto che tutti i minimi importanti sono stati preceduti da cicli molto lunghi, io non sarei sorpreso di vedere il ciclo 24 vacillare, terminando proprio vicino al suo massimo intorno al 2014-2015, portandoci direttamente ad un minimo di tipo Maunder!

    Un piccolo inciso: l’aumento della CO2 in atmosfera dallo 0.03% allo 0.04% non ha avuto alcun significato in questo gioco dove è il vapor acqueo a far la parte del giocatore principale. Io sono solo uno studioso di statistica e questo è uno studio statistico, ma a tutti quelli che per anni mi hanno chiesto che cosa pensavo riguardo i collegamenti fisici io ho risposto: il campo magnetico terrestre è molto sensibile alle variazioni di quello solare; questo dovrebbe avere molti più effetti sulla Terra piuttosto che i gas ad effetto serra rodotti dall’uomo. Inoltre trovo la teoria di Svensmark sui raggi cosmici come molto promettente, più raggi cosmici durante i minimi solari portano ad un aumento della copertura nuvolosa nella bassa atmosfera, provocando un raffreddamento della Terra. E sono importanti anche i raggi UV e la TSI, una loro diminuzione associata ad una diminuzione della forza del campo magnetico solare, creano i presupposti giusti affinchè un minimo tipo Maunder possa accadere ancora.
    Fonte originale: personal.inet.fi
    Matteo Spigolon
    Staff WpsMeteo

    Da Luca Romaldini, Venerdì, 12 Giugno 2009 22:15

  7. 14 giugno 2009 alle 15:41

    io dico che non e’ giusto ascoltare solo cio’ che ci conviene..magari da gente che ha iniziato a seguire il sole solo da pochissimi anni..
    ci sono moltissime previsioni..anche di esperti molto affermati..che dicono che il ciclo 24 sara’ del tutto normale..quindi non debole..
    Ma perche’ non chiedete chiarimenti direttamente a quelli del NOAA..per il conteggio delle macchie??

  8. 14 giugno 2009 alle 15:52

    sapete cosa vi dico?
    a questo punto non vedo l’ora che il sole riparta, cosi’ le nostre resteranno solo chiacchiere fatte per passare il tempo…
    perche’ prima o poi il sole ripartira’…e’ sempre stata cosi’…anche nei minimi piu’ importanti…

  9. ALE
    14 giugno 2009 alle 17:15

    Caro Bora71:
    Elena E. Benevolenskaya, W. Livingston e M. Penn, Abdusamatov, Timo Niroma e tanti altri, questi sono gli studiosi che dicono “probabilmente il Sole sta per vivere qualche cosa di eccezionale”, poi hai ragione tu, il Sole ripartirà, il tutto sta quanto tempo passerà prima che il SFU torni sopra 100-120 e i raggi X sopra C-1? Quanto tempo passerà prima che il vento solare ritrovi il vigore che lo aveva contraddistinto nei decenni passati? Quanto tempo? Questa probabailmente allo stato attuale delle cose è la variabile X da considerare!!!
    ALE

  10. ice2020
    14 giugno 2009 alle 17:20

    A parte caro bora che il noaa ha notevolmente abbassato le sue previsionie pure la nasa con hathaway…

    ormai che sarà un ciclo basso lo dicono tutti, quindi nn capisco cosa intedi…

    a me pare, e senza offese, che tu ti diverta a fare il bastian contrario a volte, magari per troppo eccesso di cautela…

    Ciao

  11. 14 giugno 2009 alle 18:14

    si Ale..ma ci sono tanti altri studiosi che dicono che e’ tutto normale..perche’ ascoltate solo chi vi conviene??
    Simon..la cautela ci vuole quando parliamo di clima e di sole..o no?
    E’ normale che noi appassionati di meteo non vogliamo che il sole riparta e speriamo in una nuova era glaciale..ma non e’cosi’ facile..
    Perche’ non provate a chiedere spiegazioni a quelli del SOHO,o ai tanti osservatori astronomici o all’INA..non sono piu’ credibili dei semplici appassionati di meteo,che magari non hanno mai seguito il sole prima di questo minimo??
    Lo dico senza cattiveria..il vostro blog lo seguo sempre,e’ interessante..siamo tutti amanti della stessa materia..pero’ cerchiamo di riflettere a volte ed evitiamo di essere solo dei tifosi..eheh
    buona serata a tutti..

  12. ALE
    14 giugno 2009 alle 20:40

    Ma è vero Bora71, che xò i nastri trasportatori solari siano a nanna dal 2006 lo dice la stessa NASA, fu l’ultima scoperta della Ulysses.
    Poi se vogliamo fidiamoci pure di chi prevedeva un ciclo 24 DIROMPENTE e poi ha limato via via le previsioni fino ad ottenere un ssn max di 90 (70 è meglio secondo il Prof. Svalgaard) perfino il Colonnello Guidi sul suo forum ha reso omaggio alle “acrobazie” fatte sui forecast del SC24!!!
    Poi dimmi una cosa, mi sembra che di Meteo tu te ne intenda MOLTO, supponiamo di utilizzare un modello DETERMINISTICO come ECMWF avendo a disposizione solo 3 mesi di osservazioni imput, mi sa che anche seppure l’algoritmo di calcolo è Un’OPERA D’ARTE magari ti prevede NEVE a Ferragosto a Roma!!!!!
    Così stanno facendo x i forecasts solari, ci stiamo basando sui dati degli ultimi 3 cicli solari per prevedere i parametri stellari, 30 anni nella vita di una stella T-Tauri come il Sole sono come 2 settimane nella vita della Terra!!!
    Questo è, sicuro che capirai le mie ragioni, poi magari domani il Sole spara un Megaflare distruggendo magnetosfera e fascia di ozono e noi qui a guardare!
    ALE

  13. 14 giugno 2009 alle 20:57

    su questo non ci piove Ale..
    non ho mai detto che le tue idee siano sbagliate..
    basterebbe pero’ ripetere un po’ piu’ spesso che di certezze non ce ne sono..
    a volte mi sembrate un po’ troppo sicuri..tutto qui.
    le previsioni attuali danno il ciclo 24 su 85-90 SSN di media..penso siano credibili..
    poi le stesse previsioni ci dicono che il ciclo 25 dovrebbe segnare l’inzio di una serie di cicli deboli.

  14. ice2020
    14 giugno 2009 alle 21:39

    Ma chi è sicuro di cosa?

    Se ti riferisci al sottoscritto, trovami uno, dico solo uno degli articoli che ho scritto sia io che i miei collaboratori dove affermiamo che questo minimo sarà un nuovo maunder o dalton, ect ect!

    DOVE?

    sono sempre stato cauto enn mi sn mai sbilanciato!

    Riporto quello che dicono alcuni studiosi e basta!

    L’altro giorno riportando le idee di Niroma ho pure scritto sotto che in un certo senso mi dissocio, seppur stimo Timo niroma!

    Insomma se ti rifeirsci a me o ad uno dei collaoratori, sei propio fuori strada!

    Anzi ti dirò di più: se potessi tornare indietro, cambierei anche il titolo del log, perchè è facile che in giro qualcuno leggendo solo il titolo mi e ci prenda per pazzi che penso o pensiamo che arrivi un era glaciale!

    Quando l’ho scelto, nn pensavo di certo che il blog sarebbe durato!

    Io bora nn ho niente contro di te, scrivi qui dall’inizio e te ne sn anche grato…

    ma a volte ho la fote sensazione che parli senza pensare tanto a quello che dici…

    con stima ed amicizia, Simon

  15. ALE
    14 giugno 2009 alle 22:06

    Mi associo a Simon, è tempo che dico “sarà la Storia a dire se ci sarà un nuovo Maunder”, noi cerchiamo di fare capire che quei numeri noti come “previsione di SSN” nascono da una analisi scientifica dei dati della Stella, io, assieme ad un mio amico con laurea in Fisica e quasi con il Dottorato di Ricerca ci siamo avvicinati al blog di Simon alla fine del 2008, prima di scrivere i miei POST, che sottolineo sono sempre tratti dalla Letteratura Scientifica Internazionale, mi documento molto per dare il massimo a Voi che leggete! Questa fase che sta vivendo il Sole è davvero eccezionale “century class solar minimum” viene definito dalla stessa NASA, ricordiamoci che anche con i “taroccamenti” della scorsa settimana siamo ancora sotto i SSN di 5, che viene ancora classificato come “valore da minimo pieno”.
    Seguiamo la Stella che intanto presenta due regioni attive, aspetto con ansia l’aggiornamento del magnetogramma SOHO per vederne le potenzialità!!!
    ALE

  16. Michele
    14 giugno 2009 alle 22:27

    Passo di quà…
    per portarvi un saluto….
    Vi ricordate di me…..
    certo …..
    son quello delle “Profezie dei Maya”……
    Dopo la macchia fantasma….1020….
    Un sol consiglio….. non fidatevi molto del materiale Made in U.S.A……
    da qui in avanti…..
    Non girano delle “Belle voci” in rete sui filmati degli sbarchi lunari
    della NASA….
    Attenti a cosa vi passeranno da qui in futuro…..
    Una sola cosa …prima di tornarvi a trovare fra un pò di tempo….

    Io tifo per le vostre ricerche….
    Michele

  17. frozen
    14 giugno 2009 alle 22:42

    ALE cosa ne pensi a proposito di questo articolo su Watts up with that?

    http://wattsupwiththat.com/2009/06/13/sunspots-today-a-cheshire-cat-new-essay-from-livingston-and-penn/

  18. Fabio2
    14 giugno 2009 alle 22:47

    Io, nella mia profonda ignoranza, ho solo letto le ultime previsioni NOAA sul prossimo massimo e sono rimasto perplesso nel leggere che il numero di macchie previsto nei primi mesi del 2009 fosse sistematicamente superiore a quello effettivo e non di poco.

    Come dire che la previsione è nata già vecchia, e probabilmente sovrastimata, dico bene?

  19. Fabio2
    14 giugno 2009 alle 22:51

    x Bora

    Ci posti un link a qualche articolo di studiosi che sostengono sia tutto normale?

    Grazie!

  20. Anonimo
    14 giugno 2009 alle 23:40

    a

  21. Gianfranco
    15 giugno 2009 alle 08:49

    @bora: “…speriamo in una nuova era glaciale…”

    Perchè speri in un’ era glaciale? Forse volevi dire una PEG? Prima o poi avremo PEG ed EG, ma non credi che sia meglio un clima ottimale come quello attuale? Magari con qualche cm in più di neve…

  22. ALE
    15 giugno 2009 alle 09:10

    X Frozen.
    Articolo fatto bene e con presupposti e teorie valide, devo ancora commentarlo con un mio amico Fisico, ma Livingston e Penn sono ottimi Scienziati!!!
    Per il Nowcasting solare:
    come pensavo entrambe le regioni sembrano perdere via via vigore, quella nell’emisfero meridionale è l’ombra di se stessa, il magnetogramma delle 7.30 di stamane la mostra in sfaldamento completo!!!
    Quella nell’emisfero nord sembra anche lei in decadenza, infatti Kevin di SC24.com non ne parla nemmeno più!!!!
    ALE

  23. frozen
    15 giugno 2009 alle 11:35

    Vero è sembrato interessante anche a me, appena l’avrai commentato con il tuo amico, non dimenticarti di postarlo anche qui su NIA magari con parole più commestibili per quelli non esperti come me.

  24. Alessandro
    15 giugno 2009 alle 12:15

    Tanto per non fare catastrofismi e non volendo collegare alcuni effetti agricoli/economici con la riduzione “provata” dell´attivitá solare Vi posso dire che
    in Brasile hanno tagliato il grano molto tardi per la terza volta consecutiva e il gelo in diversi stati ha recato gravi danni ai raccolti come mai era successo prima. Secondo Silvio Porto, direttore della politica agricola, i coltivatori di mais hanno avuto un raccolto inferiore a 49,9 milioni di tonnellate metriche contro la previsione precedentemente annunciata a causa del gelo che ha colpito Paraná e Mato Grosso do Sul . “E ‘una situazione preoccupante in quanto il mais ha già sofferto di una grave siccità,” ha detto Porto. “Tuttavia, è troppo presto per conoscere le dimensioni del danno”.
    Nessuno qui per ora vuole indicare quello che sta accadendo alle coltivazioni al ciclo solare ma se la “cosa” continua cosí non si potrá fare ameno di fare delle supposizioni anche se per adesso si sta indagando se quello che sta succedendo nel sud brasiliano e in Agentina sia dovuto alla niña o alla casualitá.
    Certo é che le coltivazioni di grano hanno avuto raccolti “scarsi” malgrado l´aumento della estensione coltivata e il prezzo della farina dovrá aumentare anche nel 2009/ 2010.
    Credo proprio che tra poco sará indispensabile fare uno studio integrato delle conseguenze economiche agricole industriali dell´attuale ciclo solare… ma forse qualcuno lo sta giá facendo?
    Tantissimi saluti da Rio e continuate cosí il vostro é un ottimo lavoro… Grazie.

  25. ice2020
    15 giugno 2009 alle 12:23

    Ciao Ale…

    certo che la notiza da te data è molto grave…

    Ma spettiamo prima di dire che centri direttamente il minimo solare…

    Se stanno già pensando alla nina cmq, un collegamento col sole potrebbe anche esserci…
    Ciao

  26. Gianfranco
    15 giugno 2009 alle 14:01

    Concordo con Alessandro.
    X questo chiedevo a bora come si possa sperare in una PEG?

  27. ALE
    15 giugno 2009 alle 17:26

    Al di la dei gusti meteo “personali” penso che negli ultimi 80 anni la nostra STELLA sia stata oberata di lavoro extra, i cicli passati sono stati veramente intensi tanto da fare vacillare la magnetosfera terrestre e da mettere in seria crisi lo scudo di Ozono!!!
    Ora, senza pareri di parte, un poco di freddo in più non farebbe male, ci sono regioni in Africa che stanno letteralmente andando arrosto, il caldo eccessivo stava facendo saltare le calotte polari ecc. ecc. ecc.
    Dunque a me sta bene avere un piatto di pasta in meno se quel piatto di pasta lo mangia magari un bimbo dell’Africa subsahariana!!!
    Poi ognuno è libero di pensare allo stesso modo, secondo me il troppo caldo fa molti più danni del troppo freddo, epidemie facilitate dal clima troppo caldo, parassiti come la filariosi che stanno approcciando la Svizzera, ecc. ecc. Sottolineo SECONDO ME!!!
    ALE

  28. Anonimo
    15 giugno 2009 alle 21:40

    Gianfranco..era un modo di dire..quasi tutti noi vogliamo una diminuzione delle temperature globali..
    Cmq di PEG ne abbiamo avute in passato e l’uomo, mi sembra, e’ sempre sopravissuto..sa sempre adattarsi..
    ciao..

  29. 16 giugno 2009 alle 05:17

    l’anonimo ero io..scusate…

  1. 14 giugno 2009 alle 09:21
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: