Home > Cose "divertenti", Cose "ridicole" > La prova del nove che ormai qualcosa nel Noaa è cambiato…

La prova del nove che ormai qualcosa nel Noaa è cambiato…

17 giugno 2009

…il fatto che ormai contino tutto per fare in modo che le loro previsioni siano corrette! (e per accontentare Governo ed assicurazioni)

Infatti alle ore 16 la macchia nel sud emisfero già non si vede più come potete ben vedere dal Continum:

2

L’altra volta era stato il primo caso, stavolta è il secondo!

Il centro americano ormai non considera più il lasso temporale come parametro che l’aveva contraddistinto da quando lo seguo, e molto probabilmente da sempre!

Ormai alla Catania, appena una macchia compare anche se solo per 3 secondi la conteggiano!

Altra regione, la 1021, figlia del sistema…perchè qualcosa è cambiato, ed altre motivazioni non riesco proprio a trovarle!

Simon

Advertisements
  1. ALE
    17 giugno 2009 alle 20:10

    Va bene così Simon!!!
    La teoria del Prof. Livingston e del Prof. Penn ha VALIDI FONDAMENTI SCIENTIFICI, assieme alla scuola Russa “svincolata da forzature economiche”, assieme all’analisi statistica del Prof. Niroma… e potrei citarne molti altri…
    Puntano tutte nella medesima direzione!!!!
    Anche il Prof. Hathaway ha utilizzato ultimamente in un suo intervento la frase: ” l’ultima parola sarà alla Storia”.
    Quello che modestamente penso è che se l’SSN al massimo sarà di 70-90 con macchie come queste il SFU faticherà a salire sopra i 100!!!
    Intanto oggi alle 18 SFU 67!!! X-Ray piatti e solar wind ai minimi termini!!!
    ALE

  2. ice2020
    17 giugno 2009 alle 20:59

    Sai cosa penso Ale…che se han detto 90, sarà per forza 90…chi ha orecchie intenda…

  3. ALE
    17 giugno 2009 alle 21:36

    Proprio così!!! Dopo la commedia messa in essere gli scorsi giorni con la AR 1020 non mi stupisco più di nulla!!!
    ALE

  4. ALE
    17 giugno 2009 alle 21:53

    Ecco poi Simon un’altra cosa che mi ha colpito nell’ultimo mese:
    ti ricordi quando dicevo che in Maggio le AR si formarono a latitudine troppo alta secondo me? Ebbene, gurdando lo “storico” di SOHO posso dire che mi stavo sbagliando!!! Guardate queste immagini EIT-171:
    Anno 1999, Marzo:

    Vedete come le AR siano molto alte in latitudine e distribuite in entrambe gli emisferi!!!
    Nel 2001 le AR si abbassano verso la cintura equatoriale:

    Ed infine l’immagine di OGGI:

    Ho dovuto aspettare di vedere 2 AR (PLAGES) in entrambe gli emisferi per rendermi conto che in realtà esse si formano basse, approcciando la cintura equatoriale!!!
    Leggendo la Letteratura ho potuto comprendere che la distribuzione delle AR rispetto la latitudine è un buon indice dell’avanzamento del ciclo, non aggiungo null’altro lascio a Voi il commento!!!
    ALE

  5. ida
    17 giugno 2009 alle 22:09

    ciao Simon,
    ti ho mandato la cosa che mette Kevin sul suo sito.

    Che dice peraltro una cosa: gli scienziati usa, si rendono conto benissimo che le macchie che contano scompaiono, anzi ci fanno ricerche; ma le contano lo stesso…

  6. Michele
    17 giugno 2009 alle 22:13

    Ice….

    e per accontentare Governo ed assicurazioni……..

    Ale….

    non mi stupisco più di nulla!!!

    Allora se trovate un pò di tempo…..
    leggetevi……

    http://secondsight.forumfree.net/?t=39475421

    e poi…

    http://secondsight.forumfree.net/?t=39976118

    Chi cerca trova….
    tanto è fantasia…..mica realtà…..

    Ciao Michele

    Ogni settimana mi farò sentire…..
    Siete i miei ricercatori Solari preferiti!!!

  7. ida
    17 giugno 2009 alle 22:14

    Ciao ALE
    insomma il discorso del massimo ci sta tutto!
    Certo che fa impressione, il sole, così mogio…

  8. ice2020
    17 giugno 2009 alle 22:17

    Grazie Ida!

    se ho capito bene, sembra che il sole sia messo male, anche se loro hanno visto che lo jet stream si sta spostando verso l’equatore solare, segno che ora le macchie ci saranno…

    Vedremo, al momento le macchie, quelle vere, nn ci sono ancora!

    Ale, saremo già nel massimo quindi?

  9. Alessandro
    17 giugno 2009 alle 23:39

    In questa immagine si nota bene la vicinanza all´equatore e usando lo zoom tool si vede tutto molto bene…. ma se fosse cosí come dite in pratica il ciclo é abortito!
    Non posso crederci ci sará un´altra spiegazione… forse.
    http://www.solarmonitor.org/full_disk.php?date=20090617&type=seit_00171&indexnum=1#
    e
    http://www.solarmonitor.org/full_disk.php?date=20090617&type=strb_00195&indexnum=2

  10. Alessandro
    17 giugno 2009 alle 23:58

    http://www.solarcycle24.com/

    NASA – National Aeronautics and Space Administration Science@NASA Web Site

    Follow this link to skip to the main content
    + NASA Home
    + Search NASA Web
    + Pagina en Español
    + Contact NASA

    Mystery of the Missing Sunspots, Solved?
    06.17.2009

    June 17, 2009: The sun is in the pits of a century-class solar minimum, and sunspots have been puzzlingly scarce for more than two years. Now, for the first time, solar physicists might understand why.

    At an American Astronomical Society press conference today in Boulder, Colorado, researchers announced that a jet stream deep inside the sun is migrating slower than usual through the star’s interior, giving rise to the current lack of sunspots.

    Rachel Howe and Frank Hill of the National Solar Observatory (NSO) in Tucson, Arizona, used a technique called helioseismology to detect and track the jet stream down to depths of 7,000 km below the surface of the sun. The sun generates new jet streams near its poles every 11 years, they explained to a room full of reporters and fellow scientists. The streams migrate slowly from the poles to the equator and when a jet stream reaches the critical latitude of 22 degrees, new-cycle sunspots begin to appear.

    Above: A helioseismic map of the solar interior. Tilted red-yellow bands trace solar jet streams. Black contours denote sunspot activity. When the jet streams reach a critical latitude around 22 degrees, sunspot activity intensifies. [larger image] [more graphics]

    Howe and Hill found that the stream associated with the next solar cycle has moved sluggishly, taking three years to cover a 10 degree range in latitude compared to only two years for the previous solar cycle.

    The jet stream is now, finally, reaching the critical latitude, heralding a return of solar activity in the months and years ahead.

    “It is exciting to see”, says Hill, “that just as this sluggish stream reaches the usual active latitude of 22 degrees, a year late, we finally begin to see new groups of sunspots emerging.”

    Sign up for EXPRESS SCIENCE NEWS delivery
    The current solar minimum has been so long and deep, it prompted some scientists to speculate that the sun might enter a long period with no sunspot activity at all, akin to the Maunder Minimum of the 17th century. This new result dispells those concerns. The sun’s internal magnetic dynamo is still operating, and the sunspot cycle is not “broken.”

    Because it flows beneath the surface of the sun, the jet stream is not directly visible. Hill and Howe tracked its hidden motions via helioseismology. Shifting masses inside the sun send pressure waves rippling through the stellar interior. So-called “p modes” (p for pressure) bounce around the interior and cause the sun to ring like an enormous bell. By studying the vibrations of the sun’s surface, it is possible to figure out what is happening inside. Similar techniques are used by geologists to map the interior of our planet.

    In this case, researchers combined data from GONG and SOHO. GONG, short for “Global Oscillation Network Group,” is an NSO-led network of telescopes that measures solar vibrations from various locations around Earth. SOHO, the Solar and Heliospheric Observatory, makes similar measurements from Earth orbit.

    “This is an important discovery,” says Dean Pesnell of NASA’s Goddard Space Flight Center. “It shows how flows inside the sun are tied to the creation of sunspots and how jet streams can affect the timing of the solar cycle.”

    see captionThere is, however, much more to learn.

    “We still don’t understand exactly how jet streams trigger sunspot production,” says Pesnell. “Nor do we fully understand how the jet streams themselves are generated.”

    To solve these mysteries, and others, NASA plans to launch the Solar Dynamics Observatory (SDO) later this year. SDO is equipped with sophisticated helioseismology sensors that will allow it to probe the solar interior better than ever before.

    Right: An artist’s concept of the Solar Dynamics Observatory. [more]

    “The Helioseismic and Magnetic Imager (HMI) on SDO will improve our understanding of these jet streams and other internal flows by providing full disk images at ever-increasing depths in the sun,” says Pesnell.

    Continued tracking and study of solar jet streams could help researchers do something unprecedented–accurately predict the unfolding of future solar cycles. Stay tuned for that!

    SEND THIS STORY TO A FRIEND

    Author: Dr. Tony Phillips | Credit: Science@NASA
    more information

    more graphics from the press conference

    Deep Solar Minimum (Science@NASA)

    New Solar Cycle Prediction (Science@NASA)

    NASA’s Future: US Space Exploration Policy

  11. miki
    18 giugno 2009 alle 05:21

    Ragazzi!!!!
    Solar flux di giugno a 69.5!!!!!
    Siamo vicini ai livelli di marzo e dicembre scorso che chiusero rispettivamente a 0.7 e 0.8 di ISN.
    L’attività dei vari indici è molto simile ma il numero di sunspot è più che quintuplicato….

  12. Luigi Lucato
    18 giugno 2009 alle 06:47

    Alessandro (23:58:48) : una sola certezza ?
    non sanno ….
    “We still don’t understand exactly how jet streams trigger sunspot production,” says Pesnell. “Nor do we fully understand how the jet streams themselves are generated.”

  13. Ice Dragon
    18 giugno 2009 alle 07:03

    Quali potrebbero essere le conseguenze di un ciclo abortito ?

  14. gianni
    18 giugno 2009 alle 08:00

    si in effetti non capisco cosa comporta per il sole questo ciclo abortito… mi associo alla domanda di ice dragon!

  15. ALE
    18 giugno 2009 alle 08:28

    Aspetto con ansia la situazione magnetica dei Poli solari, le CHs transequatoriali che dalla fine del 2007 ci hanno accompagnato fino ai primi di Maggio SONO SCOMPARSE!!!!
    Qualche cosa bolle nella pentola della Tachocline solare, (http://it.wikipedia.org/wiki/Tachocline), la dynamo sta lavorando, ma le macchie non si producono e vista la stretta relazione tra SunSpots e SFU (e X-Ray Flux) sembra tutto inchiodato ma probabilmente non lo è, prova sono i JetStream dell’articolo postato da Alessandro!!!
    La teoria di L&P prende sempre più corpo!!!
    ALE

  1. 17 giugno 2009 alle 18:39
  2. 17 giugno 2009 alle 18:54
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: