Home > Uncategorized > Secondo voi NIA fa disinformazione?

Secondo voi NIA fa disinformazione?

10 luglio 2009

Il blog è attaccato da più parti, per aver preso una precisa linea, che ha il coraggio di andare contro le ideologie politiche ed economiche che governano il mondo.

Non mi metterò a citare fonti o messaggi che ci denigrano, non mi metto a loro livello, sappiate che esistono però…

Propongo questo sondaggio per verificare quale sia il pensiero principale di chi legge NIA.

Simon

Annunci
Categorie:Uncategorized
  1. 10 luglio 2009 alle 19:07

    Ho appena votato no , certo pero’ la passione e’ travolgente per noi freddofili, e a volte omettiamo qualche parere scentifico che non ci conviene ascoltare.
    Grazie buon lavoro. E avanti cosi!

  2. gianni
    10 luglio 2009 alle 19:13

    NIA continuate così che la linea è piu che corretta 😀

  3. ida
    10 luglio 2009 alle 19:21

    un blog deve avere una linea, intorno alla quale si muovono poi altre voci, esperti, commentatori, ecc., nel rispetto di ciò che a chi scrive appare, al massimo della sua onestà intellettuale e scientifica, la verità.
    ho votato “no”, da giornalista con tesserino mi sembra che qui si pubblichino dati, e che poi si critichino o si discutano apertamente e liberamente. Non confondiamo la disinformazione con il lavoro critico, che è un diritto-dovere di chi indaga la realtà… anche con un po’ di passione.
    ciao a tutti

  4. pubblico
    10 luglio 2009 alle 19:25

    chi dice questo è imb**lle e tali accuse gli si rivolteranno sicuramente contro… evviva il NIA

  5. Massimiliano
    10 luglio 2009 alle 19:26

    Ho decisamente votato NO. Ce ne fossero di Blog utili come il tuo, Simon! Avanti così e complimentoni per il lavoro svolto finora! Cordiali saluti

  6. Filippo
    10 luglio 2009 alle 19:52

    Ma porca zozza ho sbagliato! Ho votato si! Che idiota!!!
    Togliete il mio votoooooo!!!
    Vi adoro, vi seguo sempre!!!
    ciao

  7. roby
    10 luglio 2009 alle 19:56

    NIA è molto passionale ma tratta dati reali ed i commenti li può fare chiunque sia educato anche se in passato ho notato troppa tolleranza nei confronti di persone che di certo non la meritavano. Comunque, consultando NIA parecchie volte al giorno non posso che dire … AVANTI COSI’

  8. 10 luglio 2009 alle 20:06

    No, direi di no. Metti e mettete soprattutto dati e qualche commento “di parte” e’ anche ovvio, ognuno ha un suo modo di vedere.

  9. 10 luglio 2009 alle 20:16

    disinformazione quasi mai..
    certo non si puo’ negare che sia un po’ di parte..a volte puo’ sembrare imparziale e non equilibrato..
    ma ammiro la vostra passione e l’impegno che ci mettete…se siete convinti delle proprie idee continuate cosi’..solo il tempo dira’ se avevate ragione oppure no..
    cmq complimenti..io vi seguo sempre..
    ciao!

  10. Nintendo
    10 luglio 2009 alle 20:27

    ovviamente no.
    la nostra linea è sempre stata quella di ricercare i dati e confrontarli.
    riguardo al sole, posso dire che noi abbiamo sempre criticato i centri per i conteggi che non sono più rappresentativi rispetto al passato, e ultimamente sopratutto per il diverso modo con cui vengono dati gli SSN giornalieri rispetto anche solo a 3 mesi fa.

  11. Sand-rio
    10 luglio 2009 alle 20:34

    Posso votare 5 volte no?
    Il non essere “allineati” a modelli di pensiero conformisti non significa per forza essere rivoluzionari o terroristi.
    Forse che adesso in Italia la “censura” della informazione vuole colpire anche un blog come questo che non parla di politica ma di dati scientifici che come al solito possono essere letti in diverse maniere?
    Continuate cosí tutti Voi, poi ognuno é libero di leggere anche le opinioni opposte o diverse a quelle postate qui.

  12. Emanuele
    10 luglio 2009 alle 21:01

    Indipendentemente da TUTTO c’è un dato fondamentale x cui è importante questo forum: PARLARE DEL MINIMO SOLARE!!!!!!!!!!!!!!!! Ma chi ne parla realmente e dandogli il DOVUTO risalto tra i tradizionali addetti ai lavori? Parlo di coloro che dovrebbero informare la gente circa il clima… Si qualcuno ogni tanto, ora tocca l’argomento xò… Parlo di qualche sito meteo..Ma diamine, la vita sulla terra e ilclima dipendono dal SOLE e ora che stiamo vivendo qualcosa di unico e che, FORSE, potrebbe influire davvero sul nostro futuro nessuno vuole dargli lo spazio che merita? Ma vivaddio che c’è chi fa questo! Poi se avremo un Maunder o un Dalton o una cippa vedremo… intanto qui c’è una situazione che x noi piccoli ominidi sperduti nell’universo potrebbe essere epocale…viviamola e cerchiamo di seguirla fino in fondo! chi si arroga il diritto di ritenere il sole una costante e pensa che l’uomo possa aumentare la T globale con le sue SCO..GGE ( politici, vedi G8 )purtroppo è male informato da chi ha un disegno economico preordinato e ha già deciso come dovremo vivere e cosa dovremo consumare xkè LORO hanno già investito miliardi di dollari e ora decidono che dobbiamo cambiare abitudini e comprare questo o quello. Ragazzi SVEGLIA!!!!!! Se il SOLE fa uno starnuto noi scompariamo dalla faccia della terra, altro che emissioni di Co2 e palle varie…..

  13. Dadda
    10 luglio 2009 alle 21:07

    è nella natura umana l’aggregazione nell’espressione di un pensiero comune e condiviso,l’istinto primordiale di appartenere ad un branco……e non c’è nulla di sbagliato trovarsi in questo blog dove si fà informazione,dove voi mettete a disposizione degli appassionati nozioni importanti di astrofisica,aggiornamenti quotidiani sempre attenti ma soprattutto attendibili,che dimostrano la passione e la serietà di chi sostiene questo blog con i suoi articoli.un grazie a Simon perchè il suo blog è informazione farcita di passione, arricchita di senso del giusto. Chi discredita lo fà per la rabbia di non essere in grado di gestire il tutto come fate voi…….mettendoci informazione………e il cuore. ho votato NO. grazie ragazzi
    😀 DADDA

  14. 10 luglio 2009 alle 21:08

    Certo che no!! Neache a pensarci, anzi è tra i pochi blog che fanno vera informazione!!

  15. Ivan
    10 luglio 2009 alle 21:53

    Direi proprio di no! A me pare di vedere solo informazione, poi che si segua una linea rispetto ad un’altra potrebbe anche essere, ma un po’ di sana passione non fà mai male!! E poi, come già detto…ma chi ne parla se non New ice age.
    Siete grandissimi, vi seguo quotidianamente… continuate così!

  16. Sand-rio
    10 luglio 2009 alle 22:15

    Se questa é disinformazione e allora viva la disinformazione!
    Intanto il flux alle 20,00 scende a 67,8

    http://www.spaceweather.gc.ca/sx-4-fra.php

  17. Filippo
    10 luglio 2009 alle 22:17

    Anche Galileo è stato attaccato da più parti! 🙂
    In ogni caso, quello che conta è la passione che ci mettete, l’opera divulgativa che fate con informazioni utili, precise, interessanti, aggiornate……… se oltre a ciò avete anche una vostra precisa linea, un’idea, è importante che la perseguiate fino in fondo, con buonsenso, intelligenza e pronti a cambiarla se necessario. Gli stupidi e gli st…zi son come le macchie solari ma purtroppo compaiono in continuazione, non conoscono minimi……. 🙂
    ciao

  18. Gianfranco
    10 luglio 2009 alle 22:42

    Ho votato no.
    Chi attacca NIA confonde la disinformazione con la controinformazione.

  19. fabiov
    10 luglio 2009 alle 23:24

    Ovviamente ho votato no. Voglio dire che ho avuto la fortuna di seguire questo blog dall’inizio e mi ha fatto apprire la mente su numerose questioni!! Complimenti Simon e a tutti i collaboratori di NIA.

  20. Pietro
    10 luglio 2009 alle 23:43

    Il banner tratto dal film “The day after tomorrow” e il titolo stesso del blog non vi aiutano, però io penso che il blog è nato come approfondimento per chi frequenta i siti di meteorologia e già mastica un po’ di queste cose almeno per sentito dire, per cui “disinformazione” è una parola grossa.

  21. Bruno
    11 luglio 2009 alle 06:13

    Il blog è interessante e libero, è anche un utile strumento di analisi e critica dei canali scientifici che si occupano del clima.
    Tieni dritta la barra Simon, che tra qui ed il forum sto imparando un sacco di cose.

  22. 11 luglio 2009 alle 07:10

    certo che fà disinformazione.
    la scienza ufficiale e i poteri forti non vogliono che si sappia la verità.
    io apprezzo molto il lavoro che si stà facendo su questo blog “daltonsminima” che ormai è diventato punto di riferimento del mio forum quando vogliamo monitorare la situazione solare.

    tira dritto e fregatene degli attacchi….tanto tutto attorno a noi dà conferma tangibile che ci stanno dicendo un pacco di bugie.

  23. carmelo
    11 luglio 2009 alle 08:11

    non è la prima volta che ringrazio pubblicamente Simon e i suoi collaboratori per l’eccellente lavoro svolto. chi li accusa di fare disinformazione è in malafede. qualcuno che la pensa diversamente da noi scambia per “tendenziosità” quella che è semplicemente la speranza, più o meno manifesta, che questo momento particolare possa evolversi in qalche cosa di eccezionale. voto NO tutta la vita. avanti così ragazzi!!!!!

  24. apuano70
    11 luglio 2009 alle 08:21

    Sono dell’opinione che questo blog è incanalato nella giusta strada: si tira avanti senza avere la pretesa di conoscere con sicurezza ciò che accadrà domani ma anche senza il paraocchi (e aggiungerei i tappi per le orecchie) per non vedere e sentire opinioni e idee diverse da quelle che si vorrebbero, e questo fa onore a Simon & C.
    Disinformazione? No, grazie! NIA stà facendo un ottimo lavoro!
    Ciao Bruno

  25. gianni
    11 luglio 2009 alle 08:41

    67.7??

  26. carmelo
    11 luglio 2009 alle 09:22

    scusate se vado fuori tema:
    sul meteogiornale è apparso un articolo firmato da Alessandra Garau, la quale ci dice che alcuni scieziati hanno scoperto che durante la PEG l’ ITCZ si era spostata a sud a causa della minore radianza solare. attualmente si dice, invece, che, sempre a causa della minore radianza solare, l’ ITCZ si sta spostando verso nord. c’è quache cosa che non mi torna. qualcuno mi può fornire una spiegazione??
    grazie
    carmelo

  27. Michele
    11 luglio 2009 alle 09:31

    Son Michele ….quello delle “Profezie dei Maya”….
    per intenderci….

    E’ in questo momento …..
    che si vede la qualità del Blog!!!
    26 risposte in meno di 24 ore…..
    Non vi fate influenzare dai 25minuti del TG5 sul G8…..
    La verità è sempre stata celata….
    dai tempi di Babilonia ad ora……non è cambiato NULLA!!!

    Avanti a testa alta…..
    siate obbiettivi….riflessivi…e non fatevi condizionare da tutti quei Disinformatori…
    che sicuramente si faran sentire!!!
    Siete il mio punto di riferimento sul Clima e il Sole ….
    E’ non vi meravigliate + di tanto….
    la verità e sempre stata per pochi!!!

    P.S. Ultimamente la faccia di Betolaso e tutti questi Terremoti…
    non sono un caso…e poi tutti questi film
    targati Made in USA con Apocalissi…guerre…
    meteoriti…e altro
    E’ un caso…..MEDITATE GENTE!!

    Un forte abbraccio Michele

    http://twilightscience.forumfree.net
    http://secondsight.forumfree.net

  28. gianni
    11 luglio 2009 alle 09:33

    si mi associo a carmelo, anch’io ho letto quell’alrticolo ma sinceramente ci sono delle cose che non mi quadrano…

  29. carmelo
    11 luglio 2009 alle 09:43

    scusatemi!!!
    nel post precedente ho detto una sciocchezza!!!! stamane sono un po’ fulminato. anche in questo periodo l’ ITCZ è in fase di arretramento!!!

  30. Nintendo
    11 luglio 2009 alle 09:49

    intanto ci sono 22 si, quindi viene confermata la mia tesi, ci sono e non sono neanche pochi quelli che sparlano di questo blog.

  31. riditoro
    11 luglio 2009 alle 09:51

    Voto no, ovviamente.
    Certo, ha una sua linea e la persegue, non sarà professionale (nel senso che è scritto da appassionati e non da dottori in materia, ma chi ci lavora non è un pirla). In giro c’è di peggio, e l’accusa si può rovesciare:
    OK il clima è in via di riscaldamento, ok in base ad alcuni dati non c’era mai stata così tanto CO2, ma perché non si parla MAI del minimo solare?
    Forse perché la componente “Sole” è stata ritenuta in tutte le previsioni una costante stabile, e una sua variazione negativa rischia di sballare un po’ di calcoli?

    Rick Sabbadini

  32. Luigi
    11 luglio 2009 alle 09:58

    Io trovo questo blog interessante per l’argomento che tratta. Tuttavia, resto perplesso quando leggo dei “finalmente niente più macchie”. In quel momento qualche dubbio sulla obiettività di qualche autore mi viene. Se si vuole fare fare informazione, specialmente se si trattano argomenti scientifici, non si può essere partigiani. So che è difficile ma non può che essere così.
    Ad ogni modo ho votato NO.

  33. Alessio
    11 luglio 2009 alle 10:02

    La differenza è sempre una c’è chi scrive e lascia libertà di esprimere anche un parere come qui.. e c’è chi scrive e non lascia la libertà di esporre un parare..quest’ultima è l’ideologia che vige anche nella TV e nei media in generale.
    Penso solo che ogni dato sia comunque informazione e la stesa va comparata.. capita..
    In ogni caso ho imparato molto da questo blog, e per questo son grato a chi si sbatte per fare un lavoro così capillare, poi se dovrà far freddo ci copriremo, se no amen..
    Ma sta di fatto che ora se guardo il sole vedo molto di più che una pallina gialla..
    ciao!!

  34. Nintendo
    11 luglio 2009 alle 11:27

    X Luigi: noi tifiamo il minimo, quindi più giorni spotless ci sono meglio è.

    più dura questo minimo e più possibilità ci sono di vedere quanto e come il sole influisce sulla terra.

  35. Luigi Lucato
    11 luglio 2009 alle 11:28

    Un buon lavoro …
    ma se fai ragionare le persone … con l’evidenza dei fatti
    salta il mondo virtuale … e chi ci vive
    dai fastidio … ma continua cosi.

  36. Mandu
    11 luglio 2009 alle 11:34

    Ho votato no… è da tempo che seguo questo blog e non l’ho mai trovato disinformativo, concordo sul fatto che forse sia un po troppo “minimofilo” e a volte forse azzarda qualche analisi che prima di essere pubblicata andrebbe rivista ed approfondita con più riscontri… ma in questi casi ho sempre visto un ampio uso del condizionale da parte degli autori e questo significa che non danno per verita IPOTESI che , magari anche per uno scambio di idee, condividono in questo blog. Per me niente ha fatto e sta facendo un ottimo lavoro. Avanti COSI!

  37. ALE
    11 luglio 2009 alle 12:03

    Omertà scientifica che può diventare Disinforamzione spesso è alla base di alcune linee di condotta adottate purtroppo sempre più spesso da molti ENTI in questi anni!
    Non volgio volutamente fare “nomi e cognomi” ma “a buon intenditore poche parole”!
    Il fatto di essere o meno amanti della neve qui non c’entra nulla, il nostro Sole nell’ultimo secolo ha sfornato cicli di eccezionale potenza portando il nostro piccolo pianeta a incrementare le sue temperature, cosa analoga anche per i “pianeti esteni” come Urano e Nettuno hanno avuto incrementi delle temperature superficiali!!! Li la CO2 nn c’entra nulla credo!
    Un Sole quieto rende più sicura la vita dei nostri astronauti e più longevi i sistemi satellitari, radiazione Extreme-UV più debole renderà meno pericolosa l’esposizione al Sole per gli amanti dell’abbronzatura diminuendo i rischi di melanomi. Bassa attività di Raggi-X farà respirare lo scudo di ozono e ridotte CME non faranno vacillare il campo magnetico terrestre!!!
    Se il prezzo da pagare è una minore permeabilità dell’atmosfera alle onde radio: BEN VENGA!!!Nell’era tecnologica in cui viviamo per comunicare ci sono altri mille modi!!!!
    Scusate lo sfogo!
    ALE

  38. Luca Nitopi
    11 luglio 2009 alle 12:15

    No, direi proprio di no…
    Ci sono dati e ci sono interpretazioni di dati .
    E non mi pare che si metta in croce nessuno se ha interpretazioni contrastanti..
    Ciao
    Luca

  39. Luigi
    11 luglio 2009 alle 12:51

    x Ale:
    semmai una maggiore (non minore) permeabilità della ionosfera alle onde radio (quelle, delle onde corte, a maggiore frequenza) non più riflesse verso Terra a causa della scarsa ionizzazione degli strati alti della ionosfera. Tutto sommato, si riesce ad utilizzare le radiocomunicazioni via ionosfera anche in periodo di minima attività solare, basta scegliere le frequenze giuste.
    Ma come la mettiamo con i raggi cosmici ? Quelli sono per caso salutari ?

  40. ice2020
    11 luglio 2009 alle 14:17

    Ringrazio tutti gli utenti che sono intervenuti mostrano la loro solidarietà…

    Nella vita nn si possono avere solo consensi…

    ma quello che nn accetto è leggere in giro certi commenti, viziati solo dalla volontà di denigrare magari per il solo gusto di farlo…

    come già detto nn riporterò nè nomi nè fonti…

    Da un verso, di certo, questo può fare anche piacere…più nemici più gloria…

    Al di là degli slogan, ho visto che vi sono parecchi utenti che hanno votato SI…ma qui nei commenti manca una loro spiegazione…è probabile che queste persone nn abbiano ragioni concrete per affermare che il blof fa disinormazione…probabile come detto prima che l facciano solo per il gusto di farlo, o chissà per invidia…

    Io e i miei collaboratori andremo cmq avanti, certo di essere nel giusto, ma umili di ammettere che avremo sbagliato se le circostanze lo consentiranno…

    Ancora un grazie di cuore a tutti li intervenuti!

    Simon

  41. ALE
    11 luglio 2009 alle 14:50

    I raggi cosmici “di fondo” vengono intrappolati nell’alta stratosfera, la loro interazione con l’azoto atmosferico produce Berilio (Come spiegò Simon in uno dei suoi POST), come conseguenza si generano ioni che aggregano le particelle di H2O e formano nuvole (almeno sembrerebbe)!
    Se poi parliamo dei Gamma Burst, lampi gamma provenienti da lontane Supernovae, non sarà la nostra debole eliosfera a fermare una bestia del genere che se ci colpisse con la giusta potenza STERILIZZEREBBE ISTANTANEAMENTE LA TERRA!!!
    Ma questi disastri possono avvenire in periodi di minimo e massimo solare indipendentemente!!!
    Ricordiamo che la nostra stella non ha energia sufficente per produrre i gamma ray, ricordiamoci che esistono stelle la cui grandezza paragonata al Sole è smisuratamente grande:

    http://it.wikipedia.org/wiki/VV_Cephei

    Ragazzi siamo piccoli nell’universo!!!!
    ALE

  42. 11 luglio 2009 alle 14:56

    Nel 1996 Quando ero socio della Società Astronomica Versiliese (astrofili) e volevo presentare una relazione mi ero un pò documentato sul Global Warming causato dall’ uomo e mi ero fatto l ‘ idea che probabilmente la causa del GW era il Sole … solo quest’ anno dopo un post su abbastanza scemo su Slacky.eu http://www.slacky.eu/forum/viewtopic.php?f=3&t=27285&start=0 e cercando info con google ho scoperto che c’erano persone che la pensavano come me …
    … grazie Simon e NIA !

  43. Fabio2
    11 luglio 2009 alle 16:04

    Buon ultimo aggiungo il mio commento, che però nulla può dire piùdi quanto non sia già stato scritto.
    In sintesi: gli articoli pubblicati riportano fatti, misure, a volte teorie ma sempre basate su elementi concreti. A volte l’autore riporta il proprio pensiero, a volte no. E poi si apre il dibattito.
    Meglio di così…..

    Se però vogliamo proprio trovare un limite di questo blog, forse dovuto alla sua giovane età, è la scarsità di voci contrarie, di pareri diversi da quelli che ritengono o sospettano (per competenza in materia o anche solo per grossolana conoscenza di alcuni elementi, come il sosttoscritto) stia accadendo qualcosa di grosso al nostro Sole.
    Dunque ben vengano utenti come Bora (peraltro il suo commento è nel complesso molto favorevole), numerosi, preparati con argomenti diversi e contrari. Così il dibattito ne gioverà soltanto.

  44. Fabio2
    11 luglio 2009 alle 16:09

    Per ALE
    si tratta di stelle enormi certo, ma anche mostruosamente “vuote” al loro interno, rispetto alla densità del nostro Sole: 1000 volte il diametro del Sole, 1 milardo di volte il suo volume e appena 100 volte la sua massa……

    Come fanno stelle così “vuote” a produrre perturbazioni sulla loro superficie, così come fa il Sole?

  45. frozen
    11 luglio 2009 alle 16:19

    Si è disiformazione, è risaputo che Simon prende una marea di soldi da Cina e India per affermare che il global warming non è frutto dell’uomo ma dell’ aumentata attività solare degli anni scorsi, così da non dover ridurre le loro emissioni di CO2. 🙂

  46. ALE
    11 luglio 2009 alle 16:23

    Al momento non so dirti se il fenomeno SunSpots sia una peculiarità UNICA del Sole, ho però letto in un lavoro pubblicato su una rivista di Astrofisica che uno dei motivi per cui fortunatamente (dico fortunatamente perchè altrimenti non saremo qui a parlarne) il Sole non è in grado di andare oltre come energia ai raggi x è da ricercarsi anche nella sua rotazione oltremodo “lenta”, mi spiego:
    la forza di una Dynamo dipende anche dalla velocità di rotazione, ecco che quindi Giove ad esempio ruotando su di se in sole 10 ore ha una dynamo più forte del Sole, esistono poi corpi celesti mostruosamente più attivi del Sole
    come Sirius, la cui temperatura superficiale è di più di 11000 Kelvin!!!!
    E’ una gigante bianca!!!
    L’Universo è meraviglioso!
    ALE

  47. 11 luglio 2009 alle 17:11

    Ciao Simon
    io ho votato “si” pensando tu vedessi l’email e capissi che ero io…
    non ci sono le faccine ma c’e’ un’enorme sorriso dietro i puntini qui sopra.
    Sai perfettamente come la penso, unica cosa che contesto e’ l’atteggiamento
    che ritengo “sbagliato” nel confronto delle macchie contate e no dagli enti
    preposti e conseguente campagna denigratoria.. punto !
    Per il resto Ti faccio i miei personali complimenti per il lavoro incredibile e l’enorme mole di notizie estremamente interessanti che proponi quotidianamente ..
    bravi a tutti e complimentoni con “riserva”..
    Ice85

  48. ice2020
    11 luglio 2009 alle 19:41

    Ciao Ice85

    Ti fa onore aver scritto qui la tua decisione e per averla anche motivata, cosa più importante…

    Finora sei stato l’unico a farlo, e credo pure l’ultimo…

    Che dirti, il mondo è bello perchè vario, secondo me i conteggi del noaa a gugno sn stati scandalosi, quelli di luglio finora accettabili, nel senso che la macchia stavolta c’era e che signora macchia poi, ma anche qui ho potuto constatare degli SSN diciamo un pò troppo generoso…

    Il vero problema resta il Sidc fintanto che avranno come osservatori satelliti Catania e Locarno!

    Cmq avanti così Davide, il minimo continua alla grande…

  49. 11 luglio 2009 alle 21:03

    Un po’ di chiarezza sul SIDC!!!!!

    C’è un po’ di confusione attorno all’attività del SIDC, e in molti che seguono il “filotto” di giorni in bianco appare frustrante notare che il SIDC annoti macchie quando magari non lo fa’ il NOAA, interrompendo magari una serie che iniziava a diventare significativa.
    Molti – anche in altre parti – puntavano il dito sull’osservatorio di Catania, reo di aver fatto il suo lavoro, e aver visto alcune macchie o micromacchie, puntualmente riconosciute come valide e assolute dal centro di conteggio belga.

    Allora con un pizzico di coraggio, ho preso mano all’email e ho posto questa domanda a Ronald Van der Linden, a capo del SIDC:
    “Qual è il metodo di conteggio del SIDC? Molti di noi hanno notato che Catania sembri avere una sorta di “green card” sul conteggio delle macchie, o in altre parole che che se i miei connazionali vedono una macchia, sembrano avere maggior voce sul conteggio del ISN (per esempio la macchia che lo scorso agosto venne vista solo da Catania, e non da altri osservatori del SIDC).”

    Questa è la risposta:
    “A conti fatti, NESSUNO ha quella che chiami “green card” sul conteggio delle macchie solari che usiamo per il calcolo dell’indice. Al momento solo un osservatorio ha un ruolo speciale, ed è Locarno, che serve da stazione pilota, ma anche se questo osservatorio in particolare vedesse una macchia, e altri no, la loro osservazione verrebbe rifiutata.
    Quello che [qui al SIDC] facciamo è raccogliere le osservazioni dai vari diversi osservatorii sparsi per il mondi, riscalare queste alla stessa “qualità” e usare un sistema di procedura statistica per calcolare l’indice sunspot con la I maiuscola.

    Potete trovare maggiori dettagli alla pagina
    http://sidc.be/news/106/welcome.html

    Ed è quello che ho fatto.
    Come sapevamo gli osservatori sono sparsi per il pianeta e hanno il compito di controllare il cielo in modo da coprire l’arco delle 24 ore. Se da un osservatorio perviene “no sunspot” non vuol necessariamente dire che la macchia non ci sia. Tutto dipende principalmente da 3 fattori: la stato del cielo e la qualità dell’atmosfera (sereno, velato, coperto), la macchia non si era ancora manifestata; oppure la macchia era già svanita. Per questo in totale ci sono sparsi per il mondo ben 85 differenti osservatori. Un’altro fattore discriminante è la qualità degli strumenti, che viene riscalata applicando un fattore di correzione (0.4 o 1.7) al numero di Wolf calcolato in base all’osservazione fatta da una determinata stazione, al fine di ricondurre il tutto ad un’osservatorio medio che simula gli strumenti d’epoca e garantisce una forma di “continuità”.

    Altre note, che aiutano a percepire le difficoltà per emettere i dati: gli osservatori più avanzati mandano al SIDC direttamente via telematica le loro annotazioni, altri usano ancora il vecchio sistema della posta cartacea, altri ancora usano integrare i due sistemi per annotazioni più dettagliate. Quindi i dati “spurii” devono passare attraverso diversi filtri, tra cui ovviamente il controllo del SIDC dato per dato per uniformare gli stessi.

    Questo porta ad avere:
    lo EISN -> Numero di Sunspot Stimato, tipicamente ogni 24 ore sulle precedenti (praticamente solo gli osservatori che collaborano via telematica).
    il PISN -> Numero di Sunspot Provvisorio, sulla base anche delle osservazioni raccolte anche via cartacea: viene emesso il 1mo del mese, quindi non tutte le annotazioni potrebbero essere ancora arrivate al centro (l’ultima settimana è quella più a rischio).
    Il DISN -> Indice del numero di Sunspot Definitivo, viene poi emesso ogni trimestre (coprendo i primi tre mesi del semestre precedente).

    Ultima annotazione riguardo i momenti di bassa o scarsa attività, come quello che stiamo osservando:
    E’ una delle situazioni in cui l’arbitrarietà umana viene associata a macchie singole, piccole e di breve durata. Mentre le 24 ore scorrono può capitare che alcuni osservatori riportino le loro “macchie candidate” e altri no questo magari a causa del fatto che la macchia in quel momento non c’era ancora, o perché non c’era più, o perché non era possibile osservare il cielo, o perché il telescopio era troppo piccolo per poterla distinguere rispetto quello usato da un altro osservatorio. Per validare l’esistenza di questo sunspot marginale, uno scienziato qualificato del SIDC controlla la cronologia dettagliata della giornata e considera la capacità generale di osservazione (il coefficiente correttivo K).
    In altre parole, il fatto che una macchia sia riportata da un numero significativo di osservatori conduce all’inclusione della stessa nella cronologia giornaliera, per ovviare alle osservazioni negative. O anche che le osservazioni multiple di una macchia garantiscono da un’errato falso positivo.
    Così una macchia potrebbe anche essere stata presente, ma esistita per così poco, o essere stata così piccola da sfuggire ad osservatori con strumenti più piccoli o con condizioni meteo imperfette.
    Teniamo comunque presente che l’indice delle sunspot ha una precisione limitata, come ogni altro indice. Comunque sia, se la media mensile è 0, o 0.5 si può senz’altro dire che l’attività era bassa.

    Riccardo Sabbadini
    Staff WpsMeteo

  50. ice2020
    11 luglio 2009 alle 21:14

    Quelli del Sidc sembranp prediacare bene ma poi razzolare male…

    la macchia di agosto 2008 la vide solo il cento siciliano, e sta cosa è già accaduta al tre volte, ho citato il caso di agosto scorso perchè è quello più conosciuto…

    il Sidc dovrebbe capire o far capire a catnaia (locarno nn è tanto distante da catania), cosa siano le macchie ed i pore e poi far in modo che i conteggi nn vengano fatti una volta al giorno i 3 secondi alle 7.30 del mattino e poi bona…

    Non so come sia la situazione degli altri centri, ma abbiamo avuto modo di constatare anche qui delle imprese catanesi e come già detto, pure la stazione pilota locarno nn sembra da meno…

    Ottimosforzi quelli del sidc, ma nn bastano, a causa dei motivi spiegati sopra

    Saluti

  51. Davide
    12 luglio 2009 alle 01:52

    Vi invito ad andare avanti, senza farvi intimidire o abbattere da questa gentaglia.

  52. Marcello
    13 luglio 2009 alle 09:55

    No, ho votato no.
    NIA non fa disinformazione perchè fa invece la critica analitica delle informazioni che arrivano da satelliti, osservatori…….. .
    La disinformazione eventualmente potrebbe essere quella di enti accreditati che diffondo dati non veri incongrui o scientificamente non coerenti statisticamente con il passato storico.
    L’approccio di NIA è corretto cerca di analizzare giorno per giorno i dati provenienti dal sole, ma non pretende di fornire certezze.
    Il sole e le sue dinamiche sono sconosciute, possono essere fatte solo delle previsioni tendenziali e NIA lo ha sempre affermato con vigore e rigore.
    Chi vede complotti, censure, manipolazioni di stampo velleitariamente autoritario secondo me è in malafede o disinformato oppure, più realisticamente, è semplicemente un burlone con spirito polemico

  53. riditoro
    13 luglio 2009 alle 17:02

    Simon,
    giusto per chiarire e non tornare troppe volte sull’argomento, che sennò ci arrocchiamo sulle nostre opinioni e finisce che stiamo a pettinare le bambole, senza far progredire il discorso: la precisazione scritta da “bora71” era opera mia, pubblicata sul sito antagonista al tuo.. (e forse da me medesimo già scritta a commento di qualche altra notizia).
    Ma “bora71” non sono io. 😉

    Tornando sul “timing”, io penso che ciascun osservatorio abbia una “finestra” oraria in cui osservare il cielo. È riduttivo, ne convengo, sarebbe come se uscendo al mattino per andare a lavorare in miniera, trovando il sole credessi che per tutta la giornata ci sono state condizioni ottimali, ignorando il tremendo uragano che si è poi abbattuto nel periodo in cui ero al lavoro. (o viceversa).
    Ma se il metodo è chiedere ad ogni minatore della regione, per ciascun turno di lavoro, che tempo ha trovato nel tragitto casa-lavoro, abbiamo una copertura più “credibile”.

    Catania credo debba imparare ad essere meno “sborona”, ma ti ricordo che non basta UN osservatorio a dare una segnalazione positiva. Ne servono di più: on line abbiamo la possibilità di verificare i dati di pochi osservatori, occorrerebbe poter vedere “le carte” di tutti i centri, prima di poter dire “l’ha vista solo Catania”.

    Tutto qui, per il resto – come sempre – complimenti per l’ottimo lavoro e la costanza.

    Ciao,
    Rick Sabbadini – http://riditoro.wordpress.com

  1. 10 luglio 2009 alle 19:07
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: