Home > Cambiamenti Climatici > ..…E SE GLI OCEANI……

..…E SE GLI OCEANI……

18 luglio 2009

Qualche giorno fa mi è passata per la testa una cosa che mai prima d’ora avevo pensato e che mai avevo sentito o letto in internet.

Stavo pensando a quali valori di anomalia di temperatura sarebbero usciti a metà mese per il mese di Giugno da parte della Nasa o del Noaa e subito ho pensato all’utilizzo che loro fanno delle SST ( Sea Surface Temperature ) utilizzandole sotto forma di anomalia di temperature per calcolare le anomalie globali. Il Noaa non le cita, ma la Nasa ci indica nella pagina in cui rilascia i valori di temperatura che il valore delle SST è utilizzato in maniera diretta nel calcolo delle anomalie globali.

Ecco la pagina delle GISS:

 http://data.giss.nasa.gov/gistemp/tabledata/GLB.Ts+dSST.txt

Ora non voglio star qui a discutere del modo in cui vengono calcolate o se vengono considerate quanto dovuto nell’emissione del dato finale, considerato che rappresentano il 70% della superficie terrestre. In questo documento PDF che riporto viene spiegato abbastanza bene l’importanza delle SST e di come vengono calcolate:

http://www.dta.cnr.it/dmdocuments/pubblicazioni/volume_clima_07/AT_05/5-01_melani.pdf

Il dubbio allora mi viene ripensando alle norme OMM che vengono utilizzate per delineare al meglio le condizioni e la metodologia con cui andrebbero fatte le rilevazioni. In questo sito ho trovato le varie regole che andrebbero rispettate, ho preferito riportare un sito piuttosto che scriverle nell’articolo per evitare di allungarlo e anche perché molti di voi già le conoscono queste norme.

http://www.sardegna-clima.it/joomla/index.php?option=com_content&view=article&id=79&Itemid=163

Queste norme sono molto chiare ed il loro obbiettivo è quello di rendere il più vero possibile la misurazione della temperatura dell’aria di un determinato posto, però, un attimo, stiamo parlando di aria…… ……ma allora perché usiamo le SST? Mi spiego meglio, il 30% del pianeta è formato dalle terre emerse, io direi che circa un terzo di questa porzione è coperta dalle stazioni di rilevamento e la restante parte è coperta per interpolazione dei dati, so che tali metodi non danno misure attendibili, ma di questo ce ne siamo occupati in altre occasioni.

Si viene a creare quindi un paradosso, in questo 30% del pianeta utilizziamo giustamente le temperature dell’aria e allora perché per il restante 70% usiamo le temperature superficiali dei mari?

Dovremmo utilizzare le norme OMM anche sopra gli oceani e dovremmo usare i valori di temperatura rilevati a 2m sopra il livello dell’acqua e non la sua temperatura superficiale. È come se per quel 30% di terre emerse utilizzassimo i valori della temperatura dei primi centimetri di terreno invece che quelli dell’aria. Tutto questo mi porta a pensare che se davvero volessimo scoprire le anomalie delle temperature atmosferiche dovremmo smettere di usare le SST che con la temperatura dell’aria non c’entrano niente. Io da sempre sono strenuo difensore del fatto che le SST dai centri mondiali vengono spesso valutate meno del peso effettivo che hanno, ma questo ora viene completamente rovesciato.

Ora voi direte sicuramente che nell’oceano la temperatura dell’aria è molto simile a quella della superficie dell’acqua e che diversamente dalle terre emerse varia molto poco spostandosi anche di molti chilometri, questo anche perché ovviamente il mare ha lo stesso livello ovunque, però non si considererebbe il fatto che l’acqua ha una capacità termica superiore dell’aria, anche se stiamo parlando di pochi mm di acqua. In mare aperto la temperatura dell’aria può variare in base al vento, alla presenza di nuvole o si sistemi perturbati e nel caso di zone fino a qualche chilometro al largo delle coste la temperatura dell’aria risente anche delle temperature presenti in costa. Il mare invece in presenza di cielo nuvoloso non perde la stessa quantità di calore, mentre se è presente un vento molto forte rimescolandosi si raffredda più velocemente.

Io chiudo l’articolo qui, lascio a voi i commenti sulle possibili conseguenze.

FABIO

Annunci
  1. Nintendo
    18 luglio 2009 alle 11:39

    a voi le parole.

  2. ice2020
    18 luglio 2009 alle 11:51

    Il ragionamento sembra interessante…la domanda che mi viene è soprattutto una: come fare a misurare le temp a 2 metri sopra il mare?

    con delle speciali boe magari…si forse si potrebbe fare…

    il discorso delle ssta cmq va bene uguale,,,nel senso che sn valori importanti perchè gli oceani poi determinano il clima sulla terra, nn dimentichiamocelo mai!

    Effettivamente però pretendere di dare un valore di temp ad un mezzo fisico come l’acqua che ha delle caratteristiche peculiari rispetto l’aria e pretendere poi che questo valore ci dia informazioni sulla temp del pianeta, forse è sbagiato, per gli stessi motivi che hai ben delineato te Fabio…

    Simon

  3. ice2020
    18 luglio 2009 alle 12:01

    e cmq vogliamo dirl tutta?

    ma chi si fida ancora dei dati Noaa e Giss?(soprattutto dei primi)

    Ragazzi, svegliatevi, e andatevi a leggere il log di A.Watts dove ormai da anni stanno combattendo una “guerra” volta a dimostarre le irregolarità dei rilevamenti terrestri delle stazioni Noaa…

  4. Sand-rio
    18 luglio 2009 alle 12:02

    Visto che si parla di oceani, temperature,cambiamenti climatici, una breve lettura sull´evoluzione degli studi di oceanografia non sarebbe male.

    http://web.mclink.it/MJ0660/guest/Oceanografia.html

  5. Pietro
    18 luglio 2009 alle 12:04

    e intanto il flusso solare è sceso a 66!

  6. Nintendo
    18 luglio 2009 alle 12:23

    X Sand-rio, forse non l’ho scritto bene, ma io non sto attaccando la oceanografia, non era mia intenzione far capire questo.
    so benissimo che le anomalie superficiali oceaniche sono importantissime.

  7. Sand-rio
    18 luglio 2009 alle 15:54

    X Nintendo, non era mia intenzione criticare il tuo articolo che al contrario ho trovato “intrigante”. Volevo solo far leggere a tutti alcuni notizie di oceanografia dove ci sono molti spunti tipo metano negli oceani, permafrost, radiazioni solari etc che fanno intendere come ancora poco la “scienza ufficiale” sappia delle intercorrelazioni climatiche tra oceani e temperature, oceani e cambiamenti climatici, e come sia difficile ed ancora lontano dal traguardo, la costruzione di un modello climatico che sappia intendere tutte le variabili che entrano in gioco.

  8. mistral
    18 luglio 2009 alle 23:34

    sand-rio in quei report ci sono una quantità di errori che nn fanno altro che confondere le idee a chi nn ha basi solide di oceanografia…
    …se si vuole fare un report dei vari “interventi” allora si riportano solo quelli e nn si esprimono giudizi e spiegazioni ERRATE e con dati a “pane e puparuol (pane e peperoni)” , tipico giornalismo italiano

    spunti interessanti per simon però bisogna tener conto di come vengono rilevati i dati della superfice oceanica… 😉

    saluti

  9. gianni
    19 luglio 2009 alle 10:32

    buong a tutti… non trovo molte info in giro, ma per ora come sono previste le temperature degli oceni? AMO PDO e come potrà essere ENSO nei prossimi mesi?

  10. ice2020
    19 luglio 2009 alle 11:51

    L’amo d’estate avrà valori positivi, se ne riparla ad ottobre secondo me per vedere se ritorna negativo come i primi 5 mesi 2009.

    Per il resto, siamo nella fase di nino incipiente, quindi anche la pdo ne risentirà.

    Ciao

  1. 18 luglio 2009 alle 11:22
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: