Home > Uncategorized > A VOI!

A VOI!

20 luglio 2009

Ecco cosa ha risposto Svalgaard al NOSTRO simon:

SIMON: Instead i think that you (Noaa) must tell the true about this minimum…

regards

SVALGAARD: I do, I do. not responsible for what NOAA/SWPC says… 😡

Advertisements
Categorie:Uncategorized
  1. Michele
    20 luglio 2009 alle 13:46

    Che schifo di Scienza….
    Se galileo fosse in vita…vomiterebbe..
    Bllaaaaa…..

  2. ice2020
    20 luglio 2009 alle 15:05

    Pensa che c’è pure chi mi ha dato del bugiardo….

  3. Pietro
    20 luglio 2009 alle 15:57

    Senza che girate la frittata, io ho detto che sembrava che eri tu che avevi dato del bugiardo a lui con questo fatto della verità da dire e infatti lui ha risposto con la faccina alterata e tu hai corretto alcuni post (ad esempio Noaa vicino a you l’hai aggiunto dopo).
    Comunque quello che interessa nella discussione, il cui link è questo http://solarcycle24com.proboards.com/index.cgi?board=general&action=display&thread=721 è che secondo Svalgaard è ancora presto per dire che siamo in un “Super Minumim!”, e interpellato sui dati del solar flux degli ultimi mesi risponde con un grafico che raffronta il minimo attuale con quello del 1954 per dire che per ora non ci sono ancora caratteri di eccezionalità.

  4. ALE
    20 luglio 2009 alle 15:59

    Simon è un po che lo dico che i valori del GMF solare sono ANOMALI!!!!
    ALE

  5. ice2020
    20 luglio 2009 alle 16:01

    Carissimo Pietro…..

  6. ALE
    20 luglio 2009 alle 16:02

    X Pietro:

    La correlazione lineare dei Grafici postati da Leif FA PENA!!!!
    ALE

  7. ice2020
    20 luglio 2009 alle 16:05

    Ottimo Ale!

    nn aggiungo altro…

  8. ice2020
    20 luglio 2009 alle 16:07

    e che astronomy.it…

    W NIA!

  9. 20 luglio 2009 alle 16:22

    ma secondo voi..
    Svalgaard sbaglia a dire che è ancora presto per dire che siamo in un “Super Minumim!”???
    per me ha perfettamente ragione…
    i minimi di Dalton e Mauder sono ancora molto lontani..
    ovvio che questo minimo attuale e’ importante…ma non parliamo di eccezionalita’..per il momento..

  10. 20 luglio 2009 alle 16:27

    Bora ma hai mai letto da queste parti simili raffronti!!! Questo minimo è al di fuori dalla normalità degli ultimi minimi punto!! Si possono fare raffrotni con i grandi minimi del passato per capire l’evoluzione, ma qui su NIA non setirai mai che questo minimo è come quello di dalton ecc… E credo Simon possa confermare questo!!

  11. Fabio2
    20 luglio 2009 alle 16:37

    X Bora

    Sono d’accordo, non sbaglia e peraltro nessuno qui afferma che siamo all’inizio di un Super Minimo. Semmai qualcuno propone indizi che depongono a favore di uno sviluppo del genere, ma nulla più.
    Almeno, io questo leggo su NIA, non tesi preconcette.

    Resto però perplesso da quel parallelismo tra il minimo del 1954 e quello attuale, faccio fatica a vederne l’utilità e una chiara correlazione.
    Perchè non proporre un paragone con il minimo del 1913, perlomeno più simile a quello attuale ?

    Personalmente, per quanto mi riguarda, vale ancora un’affermazione che ho trovato mesi fa su Meteogiornale e che dice come il minimo attuale può evolvere indifferentemente in un massimo relativamente debole , ma “normale”, oppure in un minimo di Dalton o in uno di Maunder.
    Non ci sono ancora elementi per affermare con certezza che l’evoluzione sarà di un tipo piuttosto che di un altro.

    Bisogna solo aspettare, 6-12 mesi per vedere come riparte il Sole, e alcuni anni per capire che cosa accadrà durante e dopo il prossimo massimo.

  12. apuano70
    20 luglio 2009 alle 16:54

    Personalmente credo che la stuazione sia ancora molto incerta: Grand Minimum o no di certo il paragone con quello del ’54 non regge, più probabile invece quello del 1913, se non altro per lunghezza in quanto all’epoca il solar flux non lo misuravano ancora!
    Concordo con il pensiero di Fabio2 al riguardo e concordo con Ale che vi siano però comportamenti del sole palesemente anomali (per quanto noto fino ad ora) che comunque danno da pensare, rendendo sempre meno improbabile l’eventualità che la nostra stella si stia davvero avviando verso una fase di teorico massimo.
    Non ci resta che attendere l’evoluzione per capirci qualcosina in più!
    Bruno.

  13. Nintendo
    20 luglio 2009 alle 17:31

    analizzando l’SSN per il minimo del 1954 non ci sono paragoni, quello di adesso è tutta un’altra storia.
    ecco l’SSN medio annuale:
    1952: 29.59
    1953: 13.85
    1954: 4.41
    1955: 37.95

    in pratica il minimo durò un solo anno
    mentre:
    2005: 29.78
    2006: 15.18
    2007: 7.50
    2008: 2.87
    2009: 1.72 ( parziale )

    direi che non c’è storia

    continua……..

  14. ALE
    20 luglio 2009 alle 17:34

    Forse ancora qualcuno si ostina a non capire quello che io e Simon diciamo, lo riassumo:
    “Questo minimo solare, Eddy’s Minimum (proposto il nome da Svalgaard in persona), sta sempre più prendendo i connotati di un MINIMONE. I parametri solari principali tra cui il Flux 2800MHz e l’SSN sono solo alcuni, altri parametri come il flusso di X-Ray è ECCEZIONALMETE BASSO DA ANNI (almeno un paio), sottolineo come spaceweather nel 2001 scrisse quando per due settimane rimasero sotto C-1 “The Sun is Quiet in X-Ray flux and flare events”, ora quando vanno a C-1.6 si urla al RECORD, ricordo che la scala è LOGARITMICA quindi tra un flare C-1 a un X-1 ci sono 2 ordini di grandezza, è come paragonare i metri con i centimetri!!!! Stessa cosa tra A-0 (come sono ora) e i C-1!!!
    Ci sono parametri come il GMF (Global Magnetic Field) misurato in diretta dall’osservatorio “The Wilcox Solar Observatory ” che mostrano una stella quantomai DEBOLE come campo magnetico, dunque NO CAMPO = NO SUNSPOTS, NO SUnSPOTS = NO FLUX, NO FLUX = + Raggi Cosmici.
    Ripeto ancora una volta (ma è l’ultima!!!!) dico , come ha fatto anche il Prof. Hathaway “Sarà la Storia a dire se e quanto questo minimo solare sarà profondo!!!.
    Volevo poi puntualizzare una cosa:
    Quando scrissi prima “la correlazione FA PENA”, NON VOGLIO IN ALCUN MODO CHE CHI LEGGE PENSI AD UNA ESTRAPOLAZIONE DI questa affermazione alla persona e allo Scienziato Leif Svalgaard, che personalmete stimo MOLTO umanamente e professionalmente!!!
    ALE

  15. Nintendo
    20 luglio 2009 alle 17:43

    …………analizzando invece i singoli mesi, per il minimo del 1954 il primo mese a bassa attività fu il Febbraio 53 ( SSN 3.9 ) e l’ultimo il Marzo 55 ( SSN 4.9 ), per una durata del minimo quindi di circa 2 anni con un totale di 446 giorni spotless.

    per questo minimo invece il primo mese a bassa attività è stato il Febbraio 06 ( SSN 4.9 ) anche se fu debole anche l’Ottobre 05 ( SSN 8.7 ), abbiamo quindi ampiamente superato i 3 anni di minimo, e 4 lo diventeranno sicuramente.
    i giorni spotless invece dovrebbero essere circa 650, tutta un’altra storia.

    interessante è notare la bassa attività avuta nel solo 1954, che infatti chiude 8° nella speciale classifica degli anni più spotless dal 1848 e prima del 2008 ( che invece è 4, ma con solo una trentina di giorni spotless in più rispetto al 1954 ) era primo tra gli anni dopo il 1913 ( ovvero dopo l’ultimo super-minimo ).

    in conclusione, il minimo del 1954 ebbe 11 mesi sotto al valore di SSN di 5, questo minimo ( con Giugno 09 ) è a 23 e di sicuro salirà tale numero.

  16. ice2020
    20 luglio 2009 alle 18:05

    Solo qui su NIA si dice la vrità!

  17. 20 luglio 2009 alle 19:03

    scusate…
    fatemi capire…
    quando Svalgaard parla del 1954…non si riferiva solo al solar flux??
    nel 1954 il flusso solare fu di 64,3…molto vicino a quello di quest’anno..
    ecco perche’ non e’ giusto parlare di eccezionalita’ se parliamo di flusso solare..
    invece se parliamo di SSN..allora dobbiamo guardare al 1913..

  18. 20 luglio 2009 alle 19:23

    quindi non capisco perche’ Nintendo parla di SSN, quando Svalgaard si riferiva al flusso solare…

  19. Nintendo
    20 luglio 2009 alle 19:37

    1) i dati del solar flux del 1954 sono frastagliati e poco precisi, inoltre manca il valore aggiustato, per cui addio confronti seri.
    2) tutto quello che c’è da dire sul solar flux lo dice già il grafico, quindi io prendo un’altro indice per valutarne le differenze, e si nota come il minimo del 1954 durò solo un anno ( come si vede anche dal grafico ).
    3) il solar flux singolarmente non andrebbe mai preso come valore assoluto, molto meglio usare medie mensili.
    questo perchè ( guardando i valori giornalieri ) non è importante il valore in se ( tranne ovviamente se è un record ) ma più che altro il modo in cui varia in presenza di macchie, con il valore medio mensile invece è possibile fare anche confronti assoluti visto che la media tende a rispecchiare l’andamento delle regioni attive.

    cmq tutto questo funziona utilizzando il valore aggiustato del Solar Flux.

  20. marcus
    20 luglio 2009 alle 20:10

    Leggo: la situazione attuale è ai livelli di quella del ’54 e quindi non è eccezionale.
    Quindi è normale… 😉
    Dal Dizionario dei sinonimi e contrari.

    sinonimi di straordinario: unico, singolare, raro speciale, inconsueto, inusuale, anomalo, particolare.
    contrari di eccezionale: usuale, mediocre, ordinario, consueto, comune, normale, solito.

    A voi collocare questo minimo in unadelle due categorie.

  21. 20 luglio 2009 alle 20:23

    preferisco definirlo importante..come e’ stato nel 1913 Marcus..
    strordinario solo negli ultimi 80-90 anni..un po’ pochi..se guardiamo i tempi astronomi che dici?
    eccezionali sono stati altri minimi in passato..
    ciao!

  22. Fabio2
    20 luglio 2009 alle 20:47

    Straordinario invece (così pare) è stato il periodo di attività compreso tra gli anni 30 del 20° ed i primi anni del 21° secolo, come riportato al seguente link, a voi ben noto:

    daltonsminima.wordpress.com/2009/03/25/metodo-di-previsione-della-futura-attivita-solare-del-dr-mausumi-dikpati-del-national-center-for-atmospheric-research-ncar/.

    questo naturalmente non dice nulla sul minimo che stiamo vivendo. Ma fa pensare lo stesso.

  23. ida
    20 luglio 2009 alle 20:48

    mentre chiacchieriamo, sta arrivando qualcosa sullo Stereo Behind. Uffa.

  24. Fabio2
    20 luglio 2009 alle 20:54

    Sarà una plage, sicuro 😉

  25. gianni
    20 luglio 2009 alle 21:36

    ci vuole anche un pò d’istinto non solo i dati che in questo caso cmq si dirigono tutti ad un grande minimo

  26. Sand-rio
    20 luglio 2009 alle 21:37

    Quello che sta arrivando sembra essere ancora la 1024….
    http://www.solarmonitor.org/index2.php?date=20090720
    Ma prima che si affacci dal lato Terra passeranno ancora almeno 7/8 giorni.

    USAF/NOAA Report of Solar and Geophysical Activity
    SDF Number 200 Issued at 2200Z on 19 Jul 2009

    IA. Analysis of Solar Active Regions and Activity from 18/2100Z
    to 19/2100Z: Solar activity continues to be very low. No flares
    occurred. The disk remains spotless, now for the eighth successive
    day.

  27. ALE
    20 luglio 2009 alle 22:09

    Stereo-B vede ciò che resta della AR 1024, che però eliosismology NON VEDE PIù, segno del suo avvenuto collasso!!!!
    Voglio vedere però come è messa dal punto di vista magnetico!!!!
    Interessante invece il Magnetogramma Big_Bear di questa sera

    Si vede chiaramente una coppia di dipoli a polarità Ciclo23 sulla cintura equatoriale!!!! Vediamo come evolve!!!
    Per quanto riguarda i paragoni con il 1913 ripeto ancora:
    1913 fu un anno, 2008 un’altro anno, 2009 un’altro anno .. … ….
    Dunque questo minimo è almeno il doppio per estensione del 1913, se poi contiamo che oggi numerano anche i Dead-Pixel (vedi AR 1020 NOAA) allora saltano ancora i paragoni col passato!!!
    ALE

  28. Giorgio
    21 luglio 2009 alle 09:15

    Mah, a giudicare da quello che si intravede oggi su Stereo-B, non mi pare proprio si tratti di residui insignificanti della 1024. Alle 08:46 UTC si vedono chiaramente i bagliori di due aree, con linee di campo che le collegano. Io spero si possa assistere entro fine mese a qualche altra interessante manifestazione di attività magnetica del Sole.

  29. Giorgio
    21 luglio 2009 alle 09:16

    Mah, a giudicare da quello che si intravede oggi su Stereo-B, non mi pare proprio si tratti di residui insignificanti della 1024. Alle 08:46 UTC si vedono chiaramente i bagliori di due aree, con linee di campo che le collegano. Io spero si possa assistere entro fine mese a qualche altra interessante manifestazione di attività magnetica del Sole. Dimenticavo il link all’immagine:

  30. Furio
    21 luglio 2009 alle 09:43

    …la 1024 sicuramente non è morta ma bisogna vedere in quali condizioni arriverà sul lato visibile…

    al momento l’eliosismografia evidenzia sì la regione, ma non registra macchie…

  31. Nintendo
    21 luglio 2009 alle 12:25

    no Ale, nel minimo del 1913 alche il 1912 fu ugualmente con attività molto bassa ( 7° nella classifica degli anni più spotless, primo è il 1913 ).
    infatti entrami gli anni finirono con un SSN annuale minore di 5 e il 1911 finì a 5.70
    il 1912 a 3.59 e il 1913 a 1.44

    quindi per ora fu più lungo, ma come profondità l’abbiamo battuto, infatti l’abbiamo superato nella classifica di più mesi consecutivi sotto al 5 ( che però in quel minimo ce ne furono 2 lunghe 15, mentre in questo ora siamo a 16 )

  32. Fabio2
    21 luglio 2009 alle 13:48

    Fino ad oggi 663 giorni spotless e 153 dall’inizio dell’anno (da Spaceweather).

    Tra l’altro, anche il 2009 sta scalando la classifica degli anni con maggiori giorni spotless: per ora sta raggiungendo il 1944, il 2007 ed il 1996 e tra pochi giorni (si presume) li supererà, raggiungendo l’8° posto tra gli anni spotless dall’inizio del XX secolo, subito dietro il 1911.
    Chissà che cosa può accadere nei 5 mesi che ci separano dalla fine dell’anno…..

    Non siamo ancora al livello del ciclo del 1913, però essendo ancora nel “cavo d’onda” del minimo, è presumibile si aggiungeranno ancora un bel po di giorni spotless, prima del prossimo massimo.

  33. Fabio2
    21 luglio 2009 alle 13:52

    E’ solo una curiosità meramente statistica, ma se il 2009 continuasse così, con lo stesso “ritmo” di giornate spotless, supererebbe (sia pure di poco) il 2008, posizionandosi subito dietro il 1913 (che è ormai quasi irraggiungibile, almeno per quest’anno, a meno di non assistere a 5 mesi consecutivi pressochè spotless)

  34. Michele Rn
    21 luglio 2009 alle 16:23

    X fabio 2:
    Il 2008 è raggiungibilissimo se i giorni di spotless continuassero come nel periodo gennaio-giugno 2009 che ha fatto registrare una media di 23.5 giorni di spotless al mese. Facendo una proiezione annuale se continuassimo allo stesso ritmo arriveremmo a 282 giorni di spotless, ovvio che è sempre possibile una ripresa del sole come è sempre possibile che torni a dormire come a dicembre o marzo… vedremo….

  1. 20 luglio 2009 alle 15:40
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: