Home > meteo, Meteorologia, Minimo di Dalton, Sole e Clima > Gli Inverni Nella PEG – parte 5

Gli Inverni Nella PEG – parte 5

12 agosto 2009

C’eravamo lasciati con l’inverno 1708/09, continuiamo quindi con il resto del 1700 che vide finire la parte più cruenta della PEG ( insieme alla fine del minimo di Maunder ) e quindi con stagioni più miti ( verso la fine del secolo ci saranno alcuni tra gli inverni più miti degli ultimi 500 anni, battuti solo dal 2006/07 ).

Partiamo con l’inverno 1715/16, molto rigido, il Tamigi gela a fine Novembre per scongelarsi solo per i primi di Febbraio, si potè quindi organizzare di nuovo la Fiera dei Ghiacci.

Nel continente è da segnalare il congelamento in due momenti della Senna a Parigi, in Italia invece si registrarono ben 37 nevicate in Piemonte ( da Novembre a Marzo ) con la vegetazione che fiorì solo per i primi di Aprile.

A De Bilt in Olanda il mese del Gennaio 1716 risulta avere un valore di -5°C ( media mensile ), inferiore ai -4.8°C del Gennaio 1709 per esempio.

Aggiungo anche il 1716/17 dove viene segnalata molta neve a Roma, ma nulla più, neanche l’entità dell’accumulo.

Il Tamigi gelò inoltre nel 1728/29 come anche la laguna veneta, ma l’episodio non fu severo, bisogna aspettare il 1739/40 prima di trovare un signor inverno, in Inghilterra il Tamigi gelò per Natale e dopo pochi giorni il ghiaccio permise di organizzarci sopra la Fiera, a Londra la temperatura infatti raggiunse il valore di -22°C e la maggior parte dei fiumi Inglesi gelarono, questo inverno è stato uno dei più freddi per le isole britanniche ( solo il 1962/63 come livelli di freddo è paragonabile a quell’inverno, infatti esso risulta essere il più freddo dal 1741 ).

Nel resto del continente l’inverno non fu da meno, il gelo duro più di 2 mesi e i fiumi rimasero gelati fino a metà Marzo ( a De Bilt il mese di Gennaio chiuse a -4.5°C, mentre a Berlino il bimestre Gennaio-Febbraio chiuse come uno dei più freddi di sempre, -8°C ), la laguna veneta gela nuovamente e a Roma la neve cade abbondante.

Disposizione Barica nel Gennaio 1740

Disposizione Barica nel Gennaio 1740

Curioso l’inverno successivo, il 1740/41 dove il mese di Novembre ( 1740 ) è stato il più freddo del semestre invernale ( quel Novembre è il più freddo della serie sia di De Bilt che di Berlino e probabilmente il più freddo per l’Europa ).

Segnaliamo anche il Gennaio 1744 dove a Palermo l’accumulo stagionale di neve raggiunse il mezzo-metro ( valore mai più neanche avvicinato ),fu però il Gennaio 1755 un mese veramente rigido per l’Italia, con la laguna veneta che ghiacciò per uno spessore di 43cm in profondità, il mese fu secchissimo, infatti non ci sono state precipitazioni nevose, solo l’adriatico grazie allo stau ricevette accumuli discreti, in Inghilterra invece l’inverno si concluse mite, infatti non vengono segnalati casi di congelamento dei fiumi.

Molto freddo fu anche il 1762/63, a Parigi il mese è uno dei più freddi ( -2.4°C ) e a Londra il Tamigi gelò completamente, mentre a De Bilt Gennaio chiuse al 3° posto tra i mesi più freddi con -5.8°C ( primo il Gennaio 1823 con -7°C e secondo il Febbraio 56 con -6.7°C che ovviamente risulta il mese più anomalo )

Passiamo ora all’inverno 1766/67, il Tamigi gelò nuovamente e nella campagna inglese si raggiunsero temperature fino a -27°C, in Italia il mese di Gennaio per Milano risulta essere il più freddo dell’intera serie, -4.6°C ( ma non il più anomalo che è il Febbraio 56 ), anche se casualità vuole che nel complesso non risulti tra i più freddi, anzi, addirittura si concluse più mite dell’inverno precedente.

Da segnalare il Gennaio 1779, in mezzo ad un inverno molto mite questo Gennaio è forse il simbolo delle inversioni termiche, infatti esso è il mese più freddo dell’archivio di Innsbruck ( dal 1777 in poi ) con -11.9°C, è incredibile se si pensa che non c’è stata alcuna irruzione fredda e che nel resto dell’Europa il mese si concluse con valori normalissimi per il periodo ( Milano per esempio chiuse il mese a -0.4°C )

Fine parte 5

FABIO

  1. ice2020
    12 agosto 2009 alle 17:38

    Per la cronaca, 33° giorno spotless di fila!

  2. andrea
    12 agosto 2009 alle 18:59

    e -19 al raggiungimento della serie dell’anno scorso di questi tempi e se si pensa che poco tempo fa parlavamo di ripresa del ciclo ora siamo tornati nel più profondo sonno con indici quasi azzerati vento solare intorno ai 350 e un attività fotosferica pressochè nulla scusate l’OT ma valeva la pena segnalarlo

  3. giovannimicalizzi
    12 agosto 2009 alle 21:56

    Mostruoso..Ma se sipuressero i 92 giorni di fila senza spotless, che è il record se non sbaglio del 1913, cosa accdrebbe?

  4. giovannimicalizzi
    12 agosto 2009 alle 21:56

    Scusate superassero volevo dire

  5. ice2020
    12 agosto 2009 alle 22:34

    Impossibile per il Sidc (per via di Catania)

    non impossibile (anche se molto ma molto difficile) per il Noaa

    e cmq nn accadrebbe niente di diverso da quello che sta già accadendo od accadrà…

    tra l’altro l’anno scorso da giugno a settembre se nn ci fossero stati i conteggi moderni avremmo già superato i 92 giorni!

    Ciao

  6. piridinio
    12 agosto 2009 alle 23:03

    101 giorni per la precisione Simon.

  7. giovannimicalizzi
    13 agosto 2009 alle 07:51

    peccato, quindi non avremo mai un record ufficiale sulle carte con il diverso metodo di conteggio…. 😦

  8. nitopi
    13 agosto 2009 alle 08:05

    Tu dici 8) ??

  9. nitopi
    13 agosto 2009 alle 08:24

    E’ un po’ che mi “lumo” i dati dei cicli e l’andamento di quest’ultimo …
    Da vecchio “guardone” di grafici (l’unico algoritmo e’ il mio istinto 8) ) ho estrapolato e tirato fuori la mia previsione 🙂 🙂 🙂
    Siccome Simon e’ scaramantico … non la guardi 🙂 🙂 🙂
    Poi la riguardiamo tra qualche anno ….

    Ciao
    Luca

  10. Sand-rio
    14 agosto 2009 alle 11:25

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: