Home > Minimo Solare > AGOSTO E’ 0

AGOSTO E’ 0

1 settembre 2009

http://sidc.oma.be/products/ri_hemispheric/

update: per oggi, 1° Settembre Catania conta e mette 14, il SIDC che dipende dall’osservatorio siciliano conterà sicuramente, settembre non parte quindi benissimo.
aspettiamo il NOAA che invece potrebbe non contare visto che già lo ha fatto ieri sera, che storia anche questa.
la macchia di ieri sera comunque a leggere altri siti di riferimento sembra essere stata visibili solo per pochissime ore.

giusto per curiosità va detto che rispetto allo scorso Agosto, ricco di polemiche, i centri internazionali si siano scambiati i ruoli.

FABIO

UPDATE2: Un grazie a Fabio per essere stato lesto stamattina ad aggiornare il Blog con i dati del Sidc.

Dando uno sguardo all’EIT 195, devo ammettere che rispetto a ieri la regione è andata aumentando di intensità:

Ma c’è stato un momento nella tarda serata di ieri che invece la regione appariva in fase di decadenza…

diciamo che il Noaa è stato anche abbastanza fortunato, così sono intoccabili, discorso diverso sarebbe stato se appunto la macchia avesse continuato il suo declino…ma come mostrano le immagini sopra, suddetta area attiva è andata rinforzandosi!

Meglio così sinceramente, almeno se siamo stati sfortunati, lo siamo stati effettivamente per qualcosa che meritava…va anche detto che, sarà solo un caso, ma tutti i satelliti tranne gli Stereo, sono praticamente bloccati!

Comunque ciononostante finisce a 0 per il Sidc, che ricordiamolo alla fin fine è il centro ufficiale internazionale di conta delle sunspot!

Ed ora non mi vengano a dire che l’osservatorio di Catania non è determinante nella segnalazione delle macchie al centro belga: stranamente finisce a 0 per Catania e finalmente ce la fa a finire a 0 anche per il Sidc!

Come già ricordato, nulla cambia all’eccezionale minimo solare in corso…

Il mese di agosto a livello di flusso solare, termina infatti con una media di 69.06!

A tal proposito non riesco davvero a capire il Dr.Svalgaard che afferma continuamente che il flusso è in fase di crescita…

a parte il fatto che siamo in fase di declino da 3 mesi di fila ormai, ma secondo voi che differenza c’è ad esempio tra agosto dello scorso anno che chiuse con una media di solar flux di 67.90 e quello di quest’anno a 69.06?

Un’unità in più di flusso solare fa così tanta differenza?

A me risulta che quando un ciclo riparte per davvero, le differenze anche tra un mese e quello successivo possono anche essere dell’ordine di parecchie unità, qui invece si tratta di aver concluso questo agosto rispetto non al mese prima ma addirittura a quello dell’anno scorso con la differenza di una sola unità, non so se ci rendiamo conto, dove sta sta crescita del flusso solare tale da poter affermare come fa Svalgaard che il ciclo 24 sia ripartito a tutti gli effetti???

Va beh, andiamo avanti per la nostra strada, il ciclo 24 sarà anche partito, ma forse Svalgaard ed il Noaa in generale non hanno ancora capito, o meglio fanno finta di non capire, che il minimo solare sta continuando e alla grande…

Alla prossima serie spotless ragazzi…

Simon

Annunci
  1. Nintendo
    1 settembre 2009 alle 08:13

    il dato ufficialissimo è quello trimestrale, ma ormai è ufficiale al 99.9%, non penso che possano cambioare uno 0

  2. Fabio2
    1 settembre 2009 alle 08:13

    Insomma, rispetto ad agosto 2008, stavolta NOAA e SIDC si sono scambiati i ruoli, giusto ?

    Cambia poco, non appena la macchiolina svanisce comincerà un’altra serie spotless e si vedrà…..

  3. Fabio2
    1 settembre 2009 alle 08:18

    Chissà qual è stata l’intensità del campo magnetico di questa macchiolina, cioè se ci siamo avvicinati ancora alla fatidica soglia dei 1800 Gauss indicata da Livingston e Penn (la macchia è davvero piccola e molto poco evidente)……qualcuno sa dove si possono cercare queste informazioni ?
    Grazie mille!

  4. piridinio
    1 settembre 2009 alle 08:23

    intanto catania fa 17 per oggi 1° settembre.

    non si smentisce mai, ma almeno stavolta ha permesso al SIDC di chiudere il mese a 0, diamone marito.

  5. apuano70
    1 settembre 2009 alle 09:07

    Intanto vediamo cosa combina il NOAA oggi: se chiudere il mese a 0,4 piuttosto ch a 0 per loro ha significato qualcosa credo che conteranno anche oggi.
    Mi risulta poi strana l’estrema rarefazione degli aggiornamenti di SOHO: qualcuno sa se ci sono dei problemi di funzionamento?
    Comunque, macchia più, macchia meno, il minimone prosegue dritto per la sua strada, alla faccia di NOAA e SIDC!
    Bruno.

  6. Fabio2
    1 settembre 2009 alle 09:39

    L’unica cosa che noto è che il solar flux è un poco più alto rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, quando viaggiavamo sul 67,50-68 (aggiustato, dunque quello misurato era un poco più basso).
    Grosso modo, in 12 mesi, il solar flux dovrebbe essere cresciuto di circa 1 unità. L’aveva fatto notare Svalgaard qualche giorno fa sul forum di wattsupwiththat, lasciando intendere che in 12 mesi si tratta dell’unico elemento degno di nota (visto che anche agosto 2008 era terminato quasi spotless).

    Che ne pensate ?

  7. apuano70
    1 settembre 2009 alle 09:41

    Certo che Catania…. occhio di falco!!!
    Alle 06:15 vedevano 4 macchie, alle 08:03 tutto svanito?

    Poi, come fanno a dare un 17, non dovrebbe essere un 14 al limite?
    Bruno.

  8. apuano70
    1 settembre 2009 alle 09:49

    Mah, io credo che rispetto allo scorso Agosto 2008 il Flux lievemente più alto possa essere stato prodotto da quel che rimaneva della AR 1024, che già lo aveva fatto sobbalzare nel periodo in cui aveva prodotto le macchie e che risulta la regione più importante, finora, di questo nuovo(?) ciclo.
    Comunque, la differenza è davvero minima: 67,5/68 contro i 69 attuali poca roba se si raffronta a valori da vera ripartenza del ciclo.
    Ciao, Bruno.

  9. Nintendo
    1 settembre 2009 alle 09:51

    scusa Simon se ti ho preceduto, ma ero curioso di vedere se il mese finiva a 0.2 o 0.3 e che fosse finito a 0.0 mi ha lasciato di stucco, era una notiziona e ho pubblicato il link.

  10. ice2020
    1 settembre 2009 alle 09:51

    Fabio 2 ho aggiunto qualcosa in home all’articolo proprio sul solar flux…

    è ridicolo affermare che la salita di un unità del flusso solare sia così importante, capisco che ci si può attaccare solo a quello, e mi riferisco a quelli del Noaa, ma è ridicolo, ripeto, dire che un rialzo di un unità sia così determinante per la ripartenza di un ciclo—quando un ciclo riparte per davvero la diffeenza di unità tra un emse e quello immediatamente successivo sono dell’ordine di diverse unità, figuriamoci quelle tra 2 mesi di anni diversi…

    Lasciamo perdere vah…

    Simon

  11. ice2020
    1 settembre 2009 alle 09:52

    Nintendo hai fatti il tuo “dovere”!

  12. apuano70
    1 settembre 2009 alle 09:56

    Simon, non avevo letto l’aggiornamento ma in pratica abbiamo pensato la stessa cosa!
    Credi che quanto ho scritto in relazione alla presenza della 1024 possa essere valido o secondo te si tratta di una normale fluttuazione del minimo?
    Bruno.

  13. ice2020
    1 settembre 2009 alle 10:04

    Chi lo sa Bruno…

    io penso che il ciclo 24 sia ripartito, ma in modo strano.

    cioè ancora non è riuscito a decollare…

    e nn mi riferisco solo alle serie spotless di 50 giorni, ma al fatto che anche gli altri indici solari sono praticamente al minimo!

    Ritorniamo quindi sempre al solito discorso:

    Cosa accadrà ora?

    partirà finalmente più deciso, o sarà la fotocopia degli ulltimi mesi?

    Nel caso acacdesse la seconda ipotesi, nessuno potrebbe più negare che siamo in procinto di entrare in un superminimo!

    Bisogna aspettare, ancra qualche mese…entro dicembre potremmo avere già le idee più chiare di oggi…

    Ciao

  14. Giorgio
    1 settembre 2009 alle 10:06

    scusate la franchezza ma quando leggo Simon che scrive, aproposito di quanto sostiene Svalgaard, “è ridicolo affermare che la salita di un unità del flusso solare sia così importante” mi viene da chiedere a Simon: scusa , ma tu chi sei per dare del ridicolo al parere di uno come Svalgaard !?! Sarebbe come se io, da perfetto ignorante in materia, solo perchè mi vado girando i tanti siti on line sulla medicina, dessi del ridicolo a quanto sostiene il Dott. Veronesi sui tumori….
    Ma va là.

  15. apuano70
    1 settembre 2009 alle 10:14

    Ciao Giorgio, riguardo a quanto hai scritto mi permetto di ossevare che vi sono dei dati incontrovertibili relativi a diversi cicli solari (dal ’54 in poi) sul solar flux che dimostrano che le ripartenze dopo una fase di minimo hanno l’effetto di far salire il flux di diversi punti (es. da circa 70 a 90/100) nell’arco di pochi giorni e non di 12 mesi!
    Quindi è sufficientemente motivata l’affermazione di Simon riguardo la frase di Svalgaard, ovviamente secondo il mio modestissimo punto di vista!
    Saluti, Bruno.

  16. ice2020
    1 settembre 2009 alle 10:14

    Carissimo Giorgio, non ho dato del ridicolo alla persona Svalgaard, il quale stimo tantissimo!

    Forse il termine ridicolo ti sembrerà un pò fuori luogo ed eccessivo…ma se ragioni un pò cn la tua estolina, capisci in fretta che la sostanza del mio ragionamento nn fa una piega…

    Vedi, il Dr.Svalgaard che oltre ad essere una persona preparatissima è anche una persona squisita, lavora cmq per il Noaa e deve star dietro a certe regole…

    devo aggiungere altro?

    se nn ti piace ridicolo, allora fa finta che abbia scritto esagerato, sbagliato…

    penso ce se ti soffermi a ragionare con la tua testolina, al di là del termine colorito dell’attributo ridicolo, ci arrivi anche da solo…

    l’aumento di un unità in un anno, ripeto UN ANNO, del solar flux per te è una cosa importante?

    no, per me è una cosa ridicola!

    Ciao

  17. Marcus
    1 settembre 2009 alle 10:16

    Giorgio, c’è forse qualcuno che può vietarci di dare dei giudizi?
    Simon ha soloto dato il suo commento ad un’opinione…peraltro condivisibile per quanto mi riguarda. Se anche sulla rete si deve avere i titoli per parlare…allora si può spengere il computer ed accendere la tv.

  18. Nintendo
    1 settembre 2009 alle 10:16

    X Giorgio: Simon ha tutte le ragioni per dirlo, in un anno il solar flux ha ancora valori da super minimo, l’anno scorso era si più basso, ma ricordiamoci che l’anno scorso sono stati toccati i valori di solar flux più bassi da quando si misura, cioè dal 1954.
    quindi preoccuparsi per il solar flux che è aumentato ( anche se in realtà negli ultimi 3 mesi è diminuito ) mi sembra molto strano.

  19. Fabio2
    1 settembre 2009 alle 10:27

    Per capirci qualcosa bisogna aspettare ancora diversi mesi, si tratta di vedere se il trend crescente di solar flux e di TSI prospettati da Svalgaard (ancora lui 🙂 )in due suoi ormai noti grafici si riveleranno esatti, nel medio termine però.

    Intanto a fine settembre c’è la conferenza sul minimo nel Maine, ww.soho23.org. Vediamo i risultati di quell’incontro.

  20. conan
    1 settembre 2009 alle 10:42

    x Giorgio e senza polemiche : hai fatto proprio l’esempio migliore….hai fatto un esempio sulla medicina…. dove va avanti solo se sei il figlio di… il nipote di…. il cognato di…. e dove c’e’ una delle lobby piu’ grandi al mondo…
    In questi centri non dico sia uguale ma hanno , ognuno , una loro politica….TI faccio un esempio: ti ricordi quando il prof. CARLO RUBBIA , grandissimo fisico che io stimo e reputo uno dei migliori , soteneva la ricerca sulla fusione nucleare a freddo??? bene un team di ricercatori ha riprodotto in laboratorio la produzione di energia tramite fusione a freddo , hanno dimostrato che con la ricerca si sarebbe potuto produrre energia su larga scala , ebbene nonostante i risultati positivi il professore , che allora era a capo della ricerca in italia ha lasciato perdere tutto… e non ha mai risposto alle domande sulla fusione a freddo dei giornalisti mai…. perche’ secondo te?

  21. Vito
    1 settembre 2009 alle 11:13

    X conan:
    Io ho avuto modo di lavorare al CNR di Padova e so con certezza che esiste un programma europeo di ricerca sulla “fusione a freddo” coordinata da Bruxelles e dal Cern di Ginevra e di risulati concreti per adesso non c’è ne sono.
    Questa storia è un po’ come il motore ad idrogeno che tutti osannano ma che in realtà, nonostante numerosi prototipi, non ha ancora raggiunto un grado di affidabilità per la sua messa sul mercato e basso costo e in tutta sicurezza.
    Se guardiamo sempre ai complotti e alle lobby finiamo per perdere fiducia nell’unica arma che abbiamo, seppur difettosa: la ricerca.

  22. sbergonz
    1 settembre 2009 alle 12:09

    Giorgio, se Veronesi affermasse che il cancro è curabile con un’aspirina, io non sono medico ma per me farebbe la stessa figura di Svalgaard!

  23. Giorgio
    1 settembre 2009 alle 14:31

    Caro Simon e cari sostenitori di Simon, quello che non mi sembra corretto è la mancanza di rispetto. Dare del ridicolo a ciò che sostiene Svalgaard, sostenere che Svalgaard è succube del NOAA e definire la mia come”testolina” è solo mancanza di rispetto. Peccato, in queste occasioni questo blog scade parecchio di livello.

  24. piridinio
    1 settembre 2009 alle 14:36

    mi dispiace giorgio, faccio le scuse io per tutti, probabilmente è stato un momento di nervosismo, nessuno vole insultare te o svalgaard.

  25. conan
    1 settembre 2009 alle 15:33

    giorgio , per l’idrogeno sai bene anche tu che serve piu’ energia per produrlo di quella che se ne ricava….. mi dovresti , cortesemente sia chiaro e se puoi , spiegarmi perche’ il Prof. Rubbia non risponde mai alle domande sulla fusione a freddo… perche’ Rubbia , ( allora a capo dell’ENEA ) , prima ha acconsetito all’esperimento per confermare la teoria e dopo i risultati positivi ottenuti , non si e’ piu’ fatto sentire ed ha scelto un altro gruppo di lavoro…. che ha prodotto altri buoni risultati ma tutto e’ fermo li…. credimi prova solo a pensare per un attimo se domani uno scienziato dicesse : la fusione fredda funziona a costi irrisori e con poche scorie…. a me spiace dire certe cose ma i fatti parlano chiari…. ora chiudo il discorso perche’ penso sia ot…. ciao

  26. ice2020
    1 settembre 2009 alle 16:36

    Caro Giorgio, io nn ho detto che tu hai una testolina…

    il dire che se uno ragiona con la sua testolina, nn vuol dire dire che hai la testolin…e cmq da queste parti è un modo di dire comune…se ti senti offeso per questo , ti porgo e mie scuse, ma spero di essermi spiegato ora…

    per quanto concerne il discorso Svalgaard invece, le spiegazioni le ho date prima, se nn ti bastano, nn posso farci niente…

    tu hai detto al tua ed io dico la mia

    Ciao 😉

  27. apuano70
    1 settembre 2009 alle 17:28

    Ciao Giorgio, non era mia intenzione offenderti così come non volevo denigrare l’operato di Svalgaard, difatti ho semplicemente evidenziato quello che, secondo me, era giusto: spero che tu non neghi le evidenze e quelle relative ai dati del solar flux dal 1954 ad oggi, evidenze sono!
    Ciò non toglie che se, per un qualunque motivo o parola detta da me tu debba ritenerti offeso, faccio pubblica ammenda e ti chiedo scusa ribadendo il concetto che non era assolutamente nelle mie intenzioni farlo, così come sono sicuro della buona fede di tutti coloro che hanno “difeso” Simon.
    Credo che tu sia a conoscenza dei ripetuti e gratuiti attacchi che Simon ed il suo Blog hanno dovuto subire, pertanto è automatico, una sorta di meccanismo di autodifesa, che spinge chi crede in questo Blog e nella buona fede di chi lo dirige ad intervenire qualora vi sia un intervento un tantino più “graffiante” del dovuto.
    Chiaramente il confronto tra persone che la pensano diversamente è sempre ben accetto e stimola le discussioni purchà il tutto scorra entro i binari del rispetto come giustamente hai osservato tu.
    Cordialmente saluto, Bruno.

  1. 1 settembre 2009 alle 08:14
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: