Home > Statistica Solare > Il Sole è ripartito in 4°a? No, sta solo giocando con la frizione!

Il Sole è ripartito in 4°a? No, sta solo giocando con la frizione!

3 ottobre 2009

Settembre 2009 si è chiuso con un SN mensile di 4.2, voi direte, il più alto da Marzo 2008, quando il mese si chiuse a 9.3, ma abbiamo già avuto un periodo del genere, cioè durante Novembre 2008 che chiuse a 4.1, quindi con lo stesso valore di questo Settembre, sappiamo poi cosa è successo.

Intanto 4.2 è comunque un valore inferiore a 5, valore che noi a NIA abbiamo associato ad un mese con attività non più da minimo profondo, quindi finchè i valori di SN mensili saranno sotto al 5 il minimo sarà ancora bello pieno.

Con questo Settembre siamo quindi arrivati a 18 mesi consecutivi sotto al valore di 5, già superato da un pezzo il valore del 1913 ( 15 mesi di fila ) e davanti a noi resta solo la prima posizione, occupata dal minimo di Dalton, quando si restò sotto al 5 per ben 24 mesi consecutivi.

E pensare che si dice ancora che questo minimo non abbia poi così tanti caratteri di eccezionalità, almeno questo è quello che traspare dai centri internazionali.

Tornando alla questione del valore di 5, da inizio minimo i mesi finiti sotto quel valore sono 26, ed è qui che si vede ancora la differenza con il minimo 15, infatti durante quel minimo i mesi sotto al 5 in totale furono 34, mentre da questo punto di vista il minimo di Dalton è irraggiungibile, con ben 46 e 38 mesi in totale.

Il 2009 fino a Settembre ha un valore medio di SN pari a 2, il 2008 chiuse a 2.9 e a Settembre era a 3.3

Aspettiamo quindi prima di decretare la fine del minimo.

FABIO

Annunci
  1. David
    3 ottobre 2009 alle 11:09

    Aggiornamento del grafico degli under5

  2. 3 ottobre 2009 alle 11:16

    Un minimo che dura meno di un ciclo solare io non lo considererei nemmeno “minimo”, ma solo un “ciclo anomalo”.

    Quindi aspettiamoci che la situazione continui ancora per un pò…

  3. conan
    3 ottobre 2009 alle 12:20

    concordo , anche perche’ il solar flux e’ gia’ tornato intorno ai 70 , 70.7 per la precisione.
    penso che se il ciclo 24 fosse ripartito il flux non sarebbe sceso ancora a 70…. per me altra fase prolungata di spotless , oppure piccole regioni unatantum e cio’ direbbe che il 24 sara’ un ciclo anomalo o molto basso contrariamente alle previ dei vari esperti nasa ecc…
    La mia personale opinione , e’ che il sole sia disturbato da qualcosa nell’universo , Giove? il futuro allineamento dei pianeti? qualcosa d’altro che non sappiamo spiegare? questo c’e’ da capire , perche’ puo’ essere una causa che in passato non si e’ mai verificata .
    Magari alla Nasa gia’ lo sanno ma non dicono nulla , ecco perche’ cercano di nascondere un po’ la cosa….

  4. Nintendo
    3 ottobre 2009 alle 12:30

    eh?

  5. 3 ottobre 2009 alle 12:44

    Quello che voglio dire è che se lo paragoniamo a dalton (da 2 a 3 cicli solari) non possiamo pensare che si fermi a nemmeno un ciclo.

    Se si dovesse fermare qui (cosa che reputo strana) il fenomeno non sarebbe classificabile come vero minimo solare, ma solo come ciclo anomalo, rispetto alla media.

    Per avere un vero minimo il prossimo ciclo deve ricominciare, e il “massimo relativo” (ad oggi previsto nel 2013) deve essere “fiacco”, molto più basso dello scorso massimo relativo.

    Se nel 2013 avessimo un massimo relativo uguale o superiore (ripeto, cosa a cui non credo molto) non potremmo dire che il ciclo è finito semplicemente perchè non sarebbe nemmeno iniziato.

    Se pensate che il minimo ci sia, non allarmatevi per 2 macchiette qua e là. Il bello non è adesso, il bello lo vedremo nel 2013, quando con un massimo relativo sotto-media nessun centro di studi potrà negare ciò che sta succedendo.

    Naturalmente le mie rimangono ipotesi. Il sole ci sta insegnando a lasciare da parte la nostra presunzione e a osservare. Non posso dire se questo è davvero un minimo oppure è solo una anomalia isolata. Per ora ha tutta la faccia di un minimo… ma stiamo a vedere.

  6. 3 ottobre 2009 alle 12:55

    Se permetti, qui siamo nella realtà, non in Sunshine o simili film di fantascienza catastrofista 😄

    Giove influenza il sole…. e fino ad oggi dove è stato giove??? XDXDXD

    Allineamento pianeti? Il sole occupa il 99.8% della materia totale presente nel sistema solare… secondo te si fa influenzare più di tanto dai pianeti??? (movimenti di oscillazione a parte, che non c’èntrano con il campo magnetico solare)

    A parte che i prossimi allineamenti sono previsti se non erro a settembre del 2040, luglio 2060 e novembre 2100. (tutti allineamenti imprecisi, con diversi gradi di scarto d’errore)

  7. gianni
    3 ottobre 2009 alle 13:22

    Quindi con oggi siamo al 2° gg spotless consegutivi?

  8. Rick
    3 ottobre 2009 alle 13:23

    Giove dov’era?
    Giove è sempre stato li’, ma il buon Timo Niroma aveva anche notato che se il perielio è ravvicinato ci sono turbamenti sul comportamento solare, e questi turbamenti possono essere anche influenzati dalla posizione del centro di massa solare.

    Il Sole generalmente si fa’ un baffo dei pianeti che gli girano intorno, ma la teoria del centro di massa del sistema solare dice anche che se questo viene a cadere troppo “dentro” al Sole, questa situazione particolare potrebbe influenzare la dinamo solare.
    Esempio pratico: un lanciatore del martello, per caricare il lancio, ruota con l’attrezzo su se’ stesso, e il peso e l’atleta attorno ad un comune centro di massa: se però nella rotazione l’atleta si pesta un piede, quello perderà l’equilibrio e comprometterà il lancio.

    Aspettiamo certo di vedere come si comporta il sole, ma c’è già stato chi da molti indizi ha annunciato il “delitto” senza aspettare di trovare le “prove” del reato.

  9. Rick
    3 ottobre 2009 alle 13:23

    Due giorni di fila!
    Stappiamo lo spumante!

  10. Rick
    3 ottobre 2009 alle 13:24

    Scherzi a parte, 2 giorni sono solo 2 giorni, prima di tornare in fibrillazione per una serie consecutiva interessante, aspettiamo che duri più di 2 settimane… 🙂

  11. 3 ottobre 2009 alle 13:28

    Io penso che la variazione dell’ attività solare é probabilmente é di natura astronomica … ma le cause non credo che siano circoscritte a livello di sistema solare …
    Però c’ é da notare una cosa il periodo orbitale di Giove é di circa 11,8 anni terrestri e corrisponde all’ incirca ad un ciclo solare …
    http://it.wikipedia.org/wiki/Giove_%28astronomia%29

  12. arthurmcpaul
    3 ottobre 2009 alle 13:53

    Buongiorno, vedo con piacere che si accenna finalmente a cause esogene per giustificare il minimo in corso.
    Non scherziamo dando del fantascientifico a queste ipotesi, si corre il rischio di fare la parte dei negazionisti. Apriamo la mente, sforziamoci di farlo, anche solo per rispetto al nostro maestro di sfide impossibili: Timo Niroma.
    Giove e Saturno, assieme ad Urano hanno una massa piccolissima per influenzare una nana gialla come il Sole, ma aprite cuore e mente e prima di chiudervi a riccio analizzate bene la questione.
    I “segnali” pulsanti dei giganti gassosi, sono udibili fin sulla Terra, come descritto in decine di fonti ufficiali, tra cui la beneamata e populistica Wikipedia.
    Gli influssi elettromagnetici, durante l’allineamento dei tre giganti, in linea retta col Sole, cosa che sta accadendo già da giugno 2009 e si protrarrà con sempre maggiore perfezione fino al luglio del 2010, “potrebbe” creare una intensa risonanza magnetica, a “spirale”, che si amplificherà sempre piu influendo sulle regioni attive del Sole. Come tutti sapete, dalle suddette regioni, affinchè sorgano lemacchie e poii flare, occorre che il plasma non abbia disturbi elettromagnetici, in quanto il fenomeno stesso delle macchie è di natura elettromagnetica.
    Con l’allineamento progressivo dei tre gassosi, seppur briciole, si crea evidentemente un potenziale attivo piu che propirzionale alle loro ininfluenti masse, capace di inibire proprio le sunspot a nascere.
    Io mi fermo qui, perche come Luca Nitopi saprà, se vado oltre mi date poi davvero per pazzo, ma vi chiedo cortesemente, se siete studenti di astrofisica o semplici appassionati di fisica e ne sapete di piu di me di analizzare questa possibilità, e di riflettere, fatelo almeno per gli sforzi di Niroma, le cui teorie statistiche sono ancora prive del sostegno astrofisico per diventare legge.

    Se qualcuno volesse supportare le mie idee (che a differenza di Niroma, chiamno in causa anche il fattore Nemesis) e avendo tali conoscenze, prego cortesemente tra l’altro di scrivermi, per realizzare uno studio teorico approfondito su questa questione:
    arthur.mcpaul@gmail.com
    (Vito)

  13. arthurmcpaul
    3 ottobre 2009 alle 13:58

    negativo siamo gia in allineamento con Giove, Saturno e a breve si aggiungerà anche Urano, fino al luglio del 2010, con una precisione molto stretta.

  14. carmelo
    3 ottobre 2009 alle 14:29

    Aggiungerei una cosa a quanto detto da Vito, e cioè che i campi magnetici dei pianeti non sono proporzionali alle loro masse, tanto è vero che, se non ricordo male, il campo magnetico di giove è ben maggiore di quello della nostra stella.
    Correggetemi se sbaglio.

  15. Sand-rio
    3 ottobre 2009 alle 14:52

    NIA giá si é occupato del prossimo allineamento dei giganti gassosi:

    https://daltonsminima.wordpress.com/2009/03/22/nel-2010-il-sole-giove-e-saturno-saranno-perfettamente-allineati-ed-aumenteranno-gli-effetti-sulla-nostra-stella/

    Vi invito poi a leggere le previsioni di Timo Niroma sempre qui su NIA.

  16. apuano70
    3 ottobre 2009 alle 14:55

    Non sbagli Carmelo, Il campo magnetico di Giove è circa 13 volte maggiore di quello del Sole, e anche Saturno non scherza in quanto la forza del suo campo è circa la metà di quello di Giove!
    Bruno

  17. 3 ottobre 2009 alle 15:00

    Era quello che dicevo: massimo si sposta il centro di massa, e dunque il centro gravitazionale… ma il massimo notabile è una oscillazione della stella.

    Per notare effetti dentro la stella però la gravità dei pianeti dovrebbe essere altissima…

    Il sole influenza le maree, ma il grossod el lavoro è fatto dalla luna… eppure la luna è molto più piccola del sole, e di tanto più piccola.

    Eppure influenza maggiormente la terra (quando si tratta di gravità) del sole… perchè? Perchè è più vicina!

    Ora, Se alla nostra distanza il sole non riesce ad influenzarci più di tanto (e ricordo quel 99,8% di massa totale) come possono i pianeti riuscire ad influenzarlo talmente tanto da disturbare la dinamo solare (vuol dire che impongono un movimento di dilatazione del sole, cosa che è quasi impossibile considerando la gravità solare.

    Scusate il mio scietticismo per questa spiegazione, è giusto che si facciano ipotesi sul caso. Ma questa mi puzza un pò… poi magari mi sbaglio… ma permettetemi di sollevare qualche dubbio.

  18. arthurmcpaul
    3 ottobre 2009 alle 15:06

    Esatto, Il campo magnetico gioviano varia da 4.2 Gauss (0.42 mT) all’equatore fino a 13 Gauss (1.3 mT) ai poli, 13 volte più intenso del campo magnetico solare

  19. 3 ottobre 2009 alle 15:14

    Le teorie di Timo sono interessanti e val la pena di approfondire !
    Per simulazioni fatte in casa e vedere se i minimi correlano per davvero ho usato un software di simulazione : Celestia con il quale andando in dietro nel tempo si possono verificare “a occho” le rispondenze tra minimi solari e allineamenti … non ho potuto dedicarci molto tempo ma in effetti sembra che una relazione ci sia davvero 🙂

  20. bora71
    3 ottobre 2009 alle 15:22

    Conan..ma ke stai dicendo???
    ci sono stati minimi piu’ profondi di questo in passato!!!

  21. conan
    3 ottobre 2009 alle 15:30

    Carp andreabond , se permetti , io dico la mia opinione che non mi pare insensata!! Magari mi sarò spiegato male ma non ho detto cavolate… C’era anche chi in tempo diceva che la terra era rotonda e veniva deriso… Ognuno ha le sue idee e in in paese civili ci si confronta… Ma tù a quanto pare non abiti in quel paese! Cordiali saluti professore…

  22. bora71
    3 ottobre 2009 alle 15:33

    io sinceramente non trovo nulla di anomalo..
    il sole si e’ sempre comportato cosi’…ogni tanto si prende le sue pause e allora ecco il minimo di “Spoerer”, intercorso all’incirca tra il 1420 ed il 1490..
    il minimo di “Maunder” , percorse quasi l’intero XVII Secolo..
    Il minimo di “Dalton” presente tra la fine del Settecento ed il 1830 circa..
    ci fu un altro minimo profondo tra il 1880 ed il 1920..
    Dal 1940 in poi l’attività solare è stata in continuo crescendo..non trovo niente di anormale che ora potremo avere un altro minimo profondo..
    sono i cicli naturali del Sole..si e’ sempre comportato cosi’..

  23. arthurmcpaul
    3 ottobre 2009 alle 15:43

    Su questo “nulla questio”. Il problema di Niroma è capire perchè?
    E se è prevedibile… in modo da poter creare un modello efficente di previsione non solo statistico come facciamo adesso, ma anche “fisico”.

  24. 3 ottobre 2009 alle 15:58

    Accidenti con Celestia sono andato indietro fino al 1913 e devo dire che la configurazione astrale Sole Giove Saturno é molto simile a quella attuale
    .. http://www.shatters.net/celestia/download.html.

  25. ALE
    3 ottobre 2009 alle 16:07

    Non guardate la massa dei pianeti ma il loro GMF!
    Giove ha un GMF di circa 14 volte superiore a quello solare!!!!
    Saturno la Metà!
    XChè?
    C’entra il periodo di rotazione e il fatto che i supergiganti hanno un cuore di idrogeno metallico superconduttore!!!!
    L’allineamento planetario imporrà sul Sole due vettori di magnetizzazione opposti che agiranno in maniera sinegica sulla Dynamo solare stessa!!!
    TUTTI I MINIMI DEL PASSATO HANNO AVUTO GIOVE E SATURNO IN OPPOSIZZIONE!!!
    Come già spiegai in un mio Post l’allineamento che si verificherà sarà molto particolare perchè ci si metterà anche Urano!!!
    Si chiama azione a distanza di campi elettromagnetici!!!
    ALE

  26. ALE
    3 ottobre 2009 alle 16:08

    X Luci0:
    é vero xò allora fu Saturno al perielio e Giove all’afelio!!!!
    Ora è il contrario come nel 1653!!!
    ALE

  27. ALE
    3 ottobre 2009 alle 16:10

    QUOTO BORA71!!!!
    Hai Ragione!!!
    1000 anni non sono NULLA nella vita della nostra stella!
    Pensa che un fotone generato al centro del Sole ci mette 1000 anni prima di arrivare sulla Terra!!!!
    ALE

  28. 3 ottobre 2009 alle 16:25

    La cosa é davvero sconcertante ! Credo che mi metterò a studiare per bene Celestia per vedere se si possono fare simulazioni un pò più precise sarebbe bello preparare una demo e un filmato …

  29. ALE
    3 ottobre 2009 alle 16:32

    X Luci0:
    Io per il mio POST ho usato SOLEX 10.1 in modalità eliocentrica!!!
    E il Sito JPL della NASA!!!!
    ALE

  30. 3 ottobre 2009 alle 16:54

    Come già detto, sono aperto alle ipotesi, ma non alla presunzione di avere delle leggi basate sul nulla.

    A me, questa ipotesi puzza, ma come già detto potrei sbagliarmi.

    Non sono un professore e presumo che nemmeno tu lo sia.

    Poi se mi sbagliassi ne sarei felice, sono sempre felice quando la scienza progredisce… ma nn posso tirarmi indietro dall’avere la mia opinione… o forse nn ne ho il diritto?

    Comq se trovate le prove che confermano quest’ipotesi fatemele vedere, perchè una volta c’èra la gente che credeva che la terra fosse piatta, poi hanno scoperto che era tonda perchè qualcuno lo ha provato. Altrimenti chiunque poteva dire che la terra era trapezioidale o di altra forma, senza provare le proprie affermazioni.

    Sono contro la negazione a priori di una teoria, ma sono contro anche alla fede in un’idea senza prove e con evidenti punti che andrebbero quantomeno spiegati meglio, poichè per le leggi attuali risultano poco solidi…

  31. Toscanaccio
    3 ottobre 2009 alle 16:55

    Sinceramente non capisco il motivo di questi commenti… se vuoi spiegamelo, per favor…

  32. Toscanaccio
    3 ottobre 2009 alle 16:59

    Mmm
    Quali sono altre date degli allineamenti fra i pianeti, me lo sapreste dire?
    E come erano disposti più o meno? Penso siano informazioni preziose…

  33. 3 ottobre 2009 alle 17:19

    x Toscanaccio.
    Io ho provato a vedere se esisteva qualche relazione tra i minimi solari e allineamenti tra Giove e Saturno, ho notato che se sono tra loro in opposizione o in congiunzione si verifica un minimo solare, mentre se sono in quadratura un massimo ..
    Mi piacerebbe evidenziare il perielio e afelio dei due pianeti per ma Celestia non sembra avere questa funzionalità

  34. conan
    3 ottobre 2009 alle 17:40

    x andreabond:
    e’ quello che qua dentro gente come simon , nintendo , ale e molti altri molto preparati stanno facendo…. cioe’ cercare di capire il perche’ a volte succedono dei minimi solari cosi profondi….. nessuno fino ad ora ha delle prove , nemmeno gli scienziati piu’ blasonati….! figuriamoci noi… ma si discute , si mettono assieme le idee di tutti e si ragiona , senza dare del fantascientifico a qualcuno che ha una sua teoria…. a me pare che quella di Timo Niroma sia fino ad ora la piu’ plausibile , poi solo il tempo ci dira’ se sara’ quella giusta…. ma fino ad ora pare la piu’ esatta…. difatti io non ho giudicato il tuo intervento l’ho letto e in parte anche concordato…..se ti da fastidio quello che pensano gli altri… problema tuo non mio…

  35. Andrea b
    3 ottobre 2009 alle 17:55

    se centrassero oltre alle forze gravitazionali (centro del sole massa sole diverso dal centro di massa del sistema solare) anche quelle magnetiche tieni conto che il plasma è più suscettibile alle forze magnetiche

    https://daltonsminima.wordpress.com/2009/05/18/campi-magnetici-in-gioco-nel-sistema-solare-prima-parte/

    Cito campo magnetico gioviano dunque 13 volte più intenso
    campo magnetico solare!!!

    ti rimando anche ad un particolare l’articolo di ale sulle risonanze orbitali di giove e saturnodel

    https://daltonsminima.wordpress.com/?s=risonanze+orbitali

  36. Andrea b
    3 ottobre 2009 alle 18:01

    assolutamente non sei pazzo e credo che oltre alla gravità possano centrare il magnetismo dei giganti gassosi
    https://daltonsminima.wordpress.com/?s=risonanze+orbitali

  37. bora71
    3 ottobre 2009 alle 18:03

    nulla da dire su quello che dici Conan..
    ma non mi puoi dire che il sole sia disturbato da qualcosa nell’universo..e che puo’ essere una causa che in passato non si e’ mai verificata .
    e tutti gli altri minimi anche piu’ intensi e profondi..allora???
    ciao!

  38. Andrea b
    3 ottobre 2009 alle 18:07

    x Toscanaccio e Lucio

    non mi stancherò di postarlo credo che il post citato da Ale sia
    https://daltonsminima.wordpress.com/?s=risonanze+orbitali

  39. Luca
    3 ottobre 2009 alle 18:07

    LuciO mi ha quasi (quasi) convinto sulle correlazioni.
    La cosa che non mi spiego e’ il campo magnetico. Il vettore campo punterebbe perpendicolare all’eclittica, quindi che i due siano in opposizione/quadratura/congiunzione non dovrebbe avere granche di influenza.
    (dovrebbe contare molto di piu’ la distanza assoluta dal sole: tutti e due al perielio, massimo effetto…) .
    Ci deve essere qualche cosa in piu’ : infatti schematizzare il tutto come tre dipoli e’ abbastanza ridicolo, non fosse altro che tutte le particelle cariche emesse dal sole …
    1) sono deviate dai campi
    2) generano loso strsse – si muovono… – un campo magnetico…

    Ciao
    Luca

  40. Luca
    3 ottobre 2009 alle 18:12

    Very OT :
    Avete visto che bello sul sito SOHO?
    Danno la possibilita’ di installarsi un programmino java che permette di scaricare tutte le immagini di archivio, di consultarle, di fare dei “filmini” del periodo interessato … molto carino!!!

    ://sohowww.nascom.nasa.gov/data/archive/index_ssa.html
    Ciao
    Luca

  41. Luca
    3 ottobre 2009 alle 18:13

    scusate ho postato un indirizzo – porcheria… ci mancavano le http…

    http://sohowww.nascom.nasa.gov/data/archive/index_ssa.html

  42. conan
    3 ottobre 2009 alle 18:23

    x bora , il fatto che ci possa essere qualcosa d’altro nell’universo l’ho messa come ipotesi…. non puo’ essere…?? siamo convinti di conoscere tutto del nostro sistema solare e extrasolare…?? siete veramente sicuri che non ci possa essere qualche altro campo magnetico nell’universo che a scadenze regolari o non disturba la nostra stella….?? noi abbiamo dati da quanto tempo sul sole? 100-150 anni ? ma la nostra stella di anni ne ha miliardi…. io sto solo postando delle ipotesi , poi ognuna posta le sue .

  43. arthurmcpaul
    3 ottobre 2009 alle 18:31

    Non dovrebbe avere… grossa influenza dipolo solare, ma potrebbe anche averla…
    In effetti, visto che finalmente si parla del “reale” problema, ammesso che gli allineamenti planetari spieghino sostanzialmente le PEG, chi ha la finezza e il coraggio di dire a cosa sono dovute le ciclicitá delle GEG (grandi ere glaciali) e chi mi saprebbe accennare a come potevano essere i valori solari durante quei cicli?

  44. ice2020
    3 ottobre 2009 alle 18:39

    Cavolo, manco un giorno e devo dire che Nintendo abbia centrato il segno.

    Ora nn ho il tempo di leggere tutti i messaggi.

    Continuate così.

    Simon

  45. bora71
    3 ottobre 2009 alle 18:41

    ma su questo sono d’accordo con te Conan…
    hai detto solo una frase di troppo..
    “che puo’ essere una causa che in passato non si e’ mai verificata”
    eh no…minimi anche piu’ profondi ci sono stati anche in passato..quindi il minimo di oggi potrebbe avere la stessa causa di quelli di una volta…

  46. Andrea b
    3 ottobre 2009 alle 19:41

    Ti rigiro la domanda considerando la risonanza orbitale di Giove (Periodo orbitale : 11.86 Anni) e Saturno ( 29.45 Anni.) Risonanza orbitale fra i due Giove e Saturno (11.86 x 29.45=circa 350 anni). Periodo circa fra una PEG e l’altra.

    la risonanza orbitale di Giove (Periodo orbitale : 11.86 Anni) e Saturno ( 29.45 Anni.) e Urano (Periodo orbitale : 84.32 Anni). Risonanza orbitale fra i tre Giove , Saturno e Urano (11.86 x 29.45 x (84.32/2 una volta con Giove ed una con Saturno)=circa 14700anni.

    L’unica cosa da fare è aspettare da qui ad un paio di anni e vedere cosa succede al sole.

  47. Fabio2
    3 ottobre 2009 alle 20:05

    OT:
    oggi sul sito wattsupwiththat.com, Leif Svalgaard risponde testualmente ad un altro forumista:

    “Leif Svalgaard (12:02:27) :

    Philip T. Downman (11:43:17) :
    Does anyone know how the two latest sunspots 1026 and 1027 scored on magnetic field strength? According to Livingston and Penn they should be 2000 Gs or less to fit in their prognosis of dissappearing.
    Their average was 1917 G, so right on track

    Cioè, le ultime due macchie, 1026 e 1027 hanno manifestato un campo magnetico pari, in media, a 1917 Gauss, esattamente lungo la retta proposta da Livingston e Penn.
    Ricordo che l’ultimo grafico pubblicato risaliva a Febbraio 2009, Dunque a distanza di 7 mesi, nulla è cambiato, la loro ipotesi è tuttora valida, o meglio attende una eventuale smentita.

  48. battista77a
    3 ottobre 2009 alle 20:26

    https://daltonsminima.wordpress.com/2009/06/17/ecco-perche-le-vere-macchie-stanno-latitando/

    cito dall’articolo

    ” I 2 studiosi ritengono che una volta raggiunto il valore di 1800 Gauss le macchie non saranno più visibili.”

    Ora 1917 Gauss è molto vicino a 1800 non è che ci stiamo avvicinando prima del previsto ???

    Quelo che mi chiedo è le macchie meno visibili perchè più calde influirano sulla radiazione del solar flux? Mispiego non è che ci sarà una miglior correlazione macchia radiazione con altre frequenze e non più con quella a 2,8 GHz

  49. Fabio2
    3 ottobre 2009 alle 20:46

    1800 gauss, per ammissione di Livingston e Penn, è un valore indicativo. in realtà, dicono il valore soglia è approssimato e potrebbe essere inferiore, anche attorno ai 1500 gauss.

    L’ipotesi che fai sulla frequenza del “solar flux aggiustato” in funzione dell’accresciuta temperatura delle regioni attive (e dunque delle macchie) è in effetti suggestiva. Ma non ho davvero elementi da aggiungere.

  50. battista77a
    3 ottobre 2009 alle 21:48

    Ci aveva già pensato Svaalgard ad una ricerca simile nel suo lavoro me lo sono ricordato

    https://daltonsminima.wordpress.com/2009/06/23/svaalgard-sul-solar-flux-e-sulla-sua-correlazione-con-il-sn/

    cito

    Confronto tra il Solar Flux e il flusso solare misurato ad altre frequenze radio

    In un precedente articolo vi ho detto che il solar flux è la quantità di radiazione misurata a 2,8 Ghz (10,7 cm), ma non è l’unica misurazione nel campo delle microonde. Molti altri osservatori hanno delle lunghe serie di dati, ad altre frequenze come l’osservatorio di Toyokawa che ha registrato il flusso solare a 3,75 GHz (8 cm) a 2 GHz (15 cm) e a 1 GHz dal novembre 1951 all’aprile 1994. Dal maggio 1994 ad oggi le misure sono passate all’osservatorio di Nobeyama sempre in Giappone. La correlazione tra queste tre misurazione è tale da poter mediante un fattore di scala sovrapporre i tre andamenti di flusso nel tempo (come vedete nell’immagine, in rosso la media dei tre)

    comunque bisognerà tenerle monitorate secondo me.

  51. 3 ottobre 2009 alle 22:12

    x conan
    Quello che é anomalo é il GW che é stato riscontrato recentemente a livello di Sistema Solare …
    Sulla Terra un aumento di temperatura é facilmente spiegabile, in termini di aumentata attività solare, mentre resterebbe inspiegabile l’ aumento di temperatura riscontrato nei pianeti più lontani dal sole e che ricevono solo una frazione della radiazione solare…
    Si potrebbe spiegare la cosa solo in termini di una variazione della capacità di disperdere il calore del mezzo interplanetario, una specie di effetto serra a livello di sistema solare insomma …

    Queste sono solo mie opinioni personali e non supportate da nessun riscontro oggettivo … quasi discorsi da bar

  52. 3 ottobre 2009 alle 22:26

    x Andrea b
    Grazie il link che hai postato … io seguo NIA solo da qualche mese e ho visto e letto tantissime cose veramente interessanti !

  53. conan
    4 ottobre 2009 alle 06:51

    certo bora che i minimi profondi ci sono stati in passato lo so , ma l’interrogativo che mi ponevo e’ se la causa di tutti questi minimi sia sempre la stessa , ( per esempio l’allineamento di giove e saturno col sole ) , o se ci sono altre variabili a disturbare il sole , mi spiego meglio : magari il minimo di Maunder e’ stato causato dall’allineamento di giove ecc… cioe’ la teoria di timo niroma…. , e invece il minimo di Dalton e’ stato causato da altri fattori…. poi sul discorso del gw solare , ho letto da qualche parte che a riscaldare il sistema solare potrebbe essere l’eliosfera…. qualcuno di voi ne sa qualcosa ? se trovo il link dove l’ho letto lo posto….

  54. ida
    4 ottobre 2009 alle 07:05

    la 1026 ha partorito una macchia proprio sul bordo…
    speriamo che se la rimangi.

  55. conan
    4 ottobre 2009 alle 07:15

    ah ecco trovato il link:
    http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.3150
    se qualcuno ha gia’ sentito parlare di questa teoria…. questa spiegherebbe il gw del sistema solare…

  56. 4 ottobre 2009 alle 07:34

    Ok, ma adesso ti spiego perchè mi puzza un pò anche l’influenza del campo magnetico dei giganti gassosi.

    Tutti sappiamo che un campo in fisica non ha un limite, si estende a infinito. Ma sappiamo anche che l’intensità del campo è inversamente proporzionale alla distanza dalla sorgente del campo stesso.

    Ovvero, più mi allontano dal sole, ad esempio (parlo di quello gravitazionale adesso), meno sentirò la sua influenza gravitazionale, fino ad essere così distante che l’influenza è un infinitesimo che tende a zero.

    Lo stesso vale per il campo magnetico: non ho dati a dire il vero che mi possano dire quanto è l’influenza dei giganti gassosi a livello solare, ma non mi interessa nemmeno perchè c’è un grossissimo problema, questo: http://it.wikipedia.org/wiki/File:Magnetosphere_rendition.jpg

    Bene, perchè sulla terra è così importante la magnetosfera??
    Perchè devia il vento solare, che ci cuocerebbe tutti al vapore se non venisse deviato… ma osservate le immagini… il vento solare è elettricamente carico…. influisce sul campo magnetico del pianeta e tende a deviarlo verso l’esterno.

    La mia domanda è: il campo magnetico dei giganti gassosi è davvero così potente da fregarsene 1) della distanza astronomia 2) dell’influenza del vento solare che tende a farlo muovere nel verso opposto ?????

    E se davvero riuscisse a raggiungere il sole, l’intensità residua sarebbe davvero capace di schiacciare l’intenso campo magnetico solare e di operare un’influenza così evidente??

    Sono tutte domande logiche che aspettano risposta… capisci perchè ho tanti dubbi su questa spiegazione?

  57. ida
    4 ottobre 2009 alle 07:34

    io non saprei.
    però la questione di un aumentato campo magnetico di Giove è interessante, se vera.
    altrove si parla di nubi interstellari, solo che non ho link per questo. Oppure vecchi materiali usciti prima di questo periodo:
    http://www.nature.com/nature/journal/v261/n5555/abs/261032a0.html

  58. free
    4 ottobre 2009 alle 08:56

    Seguo da un po’ di tempo il forum con crescente interesse. Non sono appassionato di astrofisica ma conosco (per la professione che svolgo) l’umana inclinazione in campo scientifico a volere ricondurre quanto si osserva a modelli numerici cercando di costruire anche modelli previsionali.
    Purtroppo l’affidabilità di tale metodologia è legata anche e soprattutto alle dimensioni dell’ambiente entro il quale si osserva un certo fenomeno che fa si chè la rispondenza del modello previsionale sia sempre limitata a brevi periodi.
    Concludendo, volevo porre la Vs attenzione sulla seguente mia osservazione:
    il Sole (e cio che gli orbita intorno) si muove all’interno della Via Lattea che è una galassia del tipo “a spirale” caratterizzata da zone a differente densità, per compiere una intera orbita impiega circa 250 milioni di anni (anno galattico), Questo limita le nostre precise e minuziose osservazioni a degli “attimi” rispetto a tale periodo. Quanto stiamo osservando da qualche attimo a questa parte, potrebbe essere dovuto a piccole variazioni di densità del mezzo interstellare che originino, oltre a variazioni di temperatura del sistema solare, variazioni del campo magnetico dei corpi che lo compongono che, mentre su un pianeta come la Terra sono misurabili, nel caso del sole sono anche “visibili” attraverso la presenza/assenza di macchie ? Inoltre, ammessa l’ipotesi sopra descritta, potrebbe esserci una correlazione con i recenti impatti di corpi celesti con Giove e Venere, praticamente scoperti “per caso” solo quando si sono cerificati?

  59. free
    4 ottobre 2009 alle 08:57

    P.S. L’ultima parola è “verificati”..

  60. furio
    4 ottobre 2009 alle 09:14

    immagine soho 00.43…macchia ben visibile nell’emisfero meridionale…nel prossimo aggiornamento sarà già sparita, ma solo per via della rotazione del nostro astro…vediamo se contano, comunque quella è stata ed è una signora regione…

  61. 4 ottobre 2009 alle 11:57

    Could I suggest reading my theory on the influence of one particular planetary lineup (J/S/N/U) that occurs roughly every 172 years which also coincides exactly with all solar slowdowns.

    http://www.landscheidt.info/?q=node/5

  62. ice2020
    4 ottobre 2009 alle 12:09

    Thank you Geoff!

    Ragazzi, Geoff ha fatto un lavoro biblico, è ovviamente in inglese, ma credo si intuisca abbastanza bene.

  63. ice2020
    4 ottobre 2009 alle 12:20

    Sn prioprio curiso di vedere come si comporterà il noaa oggi.

    Non ho visto l’immagine soho di mezzanotte, ma sto vedendo quella di stamane alle 6.40 circa.

    Non si può nemmeno dire che si tratti della regione 1026, perchè gli è apparsa davanti, ma distaccata. Dicerto fa parte di wuelle “active regions di cui parla anche il dott. Svalgaard.

    Per locarno e l’osservatorio del sidc siamo a 0 (catania la domenica nn fa osservazioni)

    Aspettiamo il Noaa stsera

    Simon

  64. conan
    4 ottobre 2009 alle 12:27

    questo potrebbe quindi confermare la tesi , visto che l’allineamento e’ gia in atto e sara’ perfetto nel 2010 , che i grandi minimi sono duvuti all’allineamento di questi pianeti…. Ricapitolando allineamento in corso , minimo solare prolungato , ciclo 24 che non riparte…come dice simon i prossimi 6 mesi ci diranno a cosa andremo incontro….

  65. ice2020
    4 ottobre 2009 alle 12:33

    Però una volta feci una domanda ad Ale, perchè prorpio lo stesso Geoff su solar cycl 24 mi scrisse che un allineamneto solo nn basta a fare un Maunder…

    infatti mi ricordò anche un grafico che però nn ritrovo, che il maunder nel suo corso fu caratterizzato da ben 3 allineaneti…

    Simon

  66. conan
    4 ottobre 2009 alle 12:46

    ma i prossimi non sono 2017 e 2040? non vorrei dire cavolate ma sul 2040 sono sicuro , non mi ricordo bene il 2017….

  67. ice2020
    4 ottobre 2009 alle 12:49

    Allora ci siamo! 🙂

  68. Toscanaccio
    4 ottobre 2009 alle 14:12

    Avrei alcune domande…
    Prima di tutto, cosa si intende esattamente con “allineamento”? Visto che fra Giove e Saturno dovrebbero essere relativamente frequenti ( immaginate una mappa dove al centro è posto il sole, attorno al quale ruotano Giove e Saturno, il primo a maggior velocità. In partenza pensateli sulla stessa retta insieme al sole e nel loro punto di massima vicinanza, cioè sulla stessa metà dell’eclittica. Ora fate ruotare Giove, fino a fargli compiere una rivoluzione; saturno nel frattempo avrà percorso un quarto della propria strada. Fate rivolvere quindi ulteriormente il gigante gassoso arancione, finché non raggiungerà Saturno: ecco che in 7-8 anni si sono allineati di nuovo.
    Mi domando quindi come debbano essere disposti affinché vengano considerati “allineati”…

  69. Sand-rio
    4 ottobre 2009 alle 14:42

    Queste sono le tabelle dei pianeti.
    http://www.astrosurf.com/cosmoweb/sistemasolare/pianeti/tabella.html
    http://www.astrosurf.com/cosmoweb/sistemasolare/pianeti/sinodico.html

    Ogni 175 anni i pianeti esterni, Giove, Saturno, Urano e Nettuno, sono allineati geometricamente mentre tra Giove e Saturno l´allineamento si verifica circa ogni 20 anni.

  70. carmelo
    4 ottobre 2009 alle 15:25

    Free ha posto dei quesiti veramente interessanti, che sicuramente meritano un’analisi approfondita. Finora nessuno ha risposto. C’è qualcuno che se la sente di vagliare le ipotesi di Free e di esprimere il proprio parere? Io non sono in grado, ma molti di Voi, che hanno conoscenze di astrofisica, certamente si.
    Saluti a tutti.
    Carmelo

  71. ice2020
    4 ottobre 2009 alle 15:48

    Io personalmente nn so rispondergli e mi spiace avere tante lacune in merito…

    molte volte si pensa che basti aver fondato un Blog per sapere tutto…

    più volte ho scritto che quando l’ho fondato, nn avevo ancora chiare tante cose, e vi assicuro che ancora tante mi sn oscure…

    Posso dirvi di aver imparato IO tanto da voi…

    e grazie a tutti per i complimenti e soprattutto la passione che ci metette.

    Questo articolo apero da Fabio ieri ha fatto venir su proprio una gran bella discussione.

    Grazie ancora a tutti, Simon

  72. free
  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: