Home > Uncategorized > I fatti di cronaca odierni sono troppo gravi, rompo il mio silenzio stampa…

I fatti di cronaca odierni sono troppo gravi, rompo il mio silenzio stampa…

20 novembre 2009

Ironia della sorte potrebbe pensare qualcuno… ma quello che è accaduto nelle ultime ore merita la mia partecipazione!

Ironia della sorte perchè proprio dopo che sono stato minacciato di ingiuste querele, scoppia un caso Globale!

Non ne sappiamo ancora molto, non abbiamo ancora i particolari, ma da quello che trapela e se davvero venisse confermato come sembra, saremmo dinanzi al “Watergate climatico” più incredibile della scienza moderna!

Siamo in attesa che chi ha il materiale scottante elargisca più informazioni…

Ripeto siamo in attesa che arrivino conferme o smentite, ma pare assolutamente improbabile che si tratti di un pesce di aprile, troppe le particolarità ed i riferimenti!

Prego Sand-rio di aggiornare in continuazione questo post, non credo sia finità qui,anzi siamo solo agli inizi.

Simon

Update 1

Ecco un articolo sul Telegraph:

When you read some of those files – including 1079 emails and 72 documents – you realise just why the boffins at Hadley CRU might have preferred to keep them confidential. As Andrew Bolt puts it, this scandal could well be “the greatest in modern science”. These alleged emails – supposedly exchanged by some of the most prominent scientists pushing AGW theory – suggest:

Conspiracy, collusion in exaggerating warming data, possibly illegal destruction of embarrassing information, organised resistance to disclosure, manipulation of data, private admissions of flaws in their public claims and much more.

Fonte originale: http://blogs.telegraph.co.uk/news/jamesdelingpole/100017393/climategate-the-final-nail-in-the-coffin-of-anthropogenic-global-warming/

Nonostante tutto, invito tutti alla calma, per quel che ne sappiamo ancora, potrebbero esserci anche state delle forzature da parte degli hackers che hanno reso pubblica la cosa… di certo certe frasi imbarazzanti rimangono, quanto meno chi di dovere dovrebbe fare di tutto per giustificarle…

Update 2

Ancora altre news dal sito di A.Watts:

http://wattsupwiththat.com/2009/11/20/mikes-nature-trick/

tradotto da google

http://translate.googleusercontent.com/translate_c?hl=it&sl=en&tl=it&u=http://wattsupwiththat.com/2009/11/20/mikes-nature-trick/&rurl=translate.google.it&usg=ALkJrhgupskh3L9jsnTDSSFXntcZ_dt3nQ

Update 3

Il New York Times

http://www.nytimes.com/2009/11/21/science/earth/21climate.html?_r=2&ref=science

tradotto da google

http://translate.google.it/translate?u=http://www.nytimes.com/2009/11/21/science/earth/21climate.html?_r=2&ref=science/&sl=en&tl=it&hl=it&ie=

 

Advertisements
Categorie:Uncategorized
  1. conan
    20 novembre 2009 alle 20:06

    beh , erano cose a noi gia note… ma se tutto questo fosse vero sarebbero dure legnate per il sig. Al Gore , IPCC, ecc… che schifo…. tutto per rubare soldi….. vai avanti Simon e tutti quanti qui a NIA….state smuovendo le acque…. la liberta’ di pensiero e’ di tutti… nessuno ti puo’ querelare per quello che dici e pensi….

  2. Nintendo
    20 novembre 2009 alle 21:28

    scusate se ho cancellato gran parte dei commenti, ma questo fatto che si è verificato oggi è parecchio serio, preferirei evitare di leggere i commenti di Cip.
    proprio per far felici i lettori come Cip pensavo di creare su una piattaforma un vero forum.

  3. ice2020
    20 novembre 2009 alle 21:28

    Qualcuno dei moderatori è intervenuto giustamente…

    Ora basta davvero…

    sand-rio lascialo stare, si commenta da solo…

  4. 20 novembre 2009 alle 21:29

    OK hai fatto bene.

  5. Andrea..n
    20 novembre 2009 alle 21:55

    BRAVI..

  6. ice2020
    20 novembre 2009 alle 22:05

    Il sito Climateaudit è bloccato da oggi…

    sembrerebbe che stiano venendo fuori cose sempre più grosse….

    Ci sarebbero e-mail che scottano e tanto…

    sempre nell’attesa di capire se ci sia qualcosa di vero oppure no…

  7. ice2020
  8. 20 novembre 2009 alle 22:21

    Il telegiornale piú visto del Brasile, “O Jornal Nacional” della rete O Globo (oltre 80 milioni di telespettatori) ha fatto un pezzo giornalistico dal titolo:
    “I dati del Riscaldamento Globale potrebbero essere stati falsificati”.
    dando notizia di quanto giá é stato pubblicato anche da noi.

  9. ice2020
    20 novembre 2009 alle 22:25

    Vediamo domani i quotidiani italiani, ma i TG oggi nn hanno nemmeno rilasciato un accenno…

    L’Italia è proprio un Bel Paese…

  10. rick
    20 novembre 2009 alle 22:27
  11. Fabio2
    20 novembre 2009 alle 22:30

    Dai toni che colgo qui e su Climate Monitor, si teme ci sia stato un imbroglio notevole.
    Gravissimo, se fosse vero.
    In ogni caso, resto convinto che il Sole, nel giro di alcuni anni, possa fare giustizia di tutto e rendere inutile qualsiasi papocchio architettato allo scopo di cancellare l’inversione del Global Warming.

    Dunque pazienza e fiducia, eventuali imbroglioni saranno smascherati.

  12. Nintendo
    20 novembre 2009 alle 22:40

    io resto dell’idea che il tutto potrebbe essere un falso, che però magari potrebbe basarsi su cose relativamente vere e quindi essere scomodo cmq.

  13. Fabio2
    20 novembre 2009 alle 22:44

    A proposito di pazienza e soprattutto fiducia:

    http://www.meteogiornale.it/notizia/16655-1-tornano-normali-le-temperature-annue-degli-states

    forse qualcosa si è già mosso nella direzione cui accennavo sopra…… 🙂

  14. ice2020
    20 novembre 2009 alle 22:51

    Ho appena saputo che è reato in Italia divulgare queste e-mail…sn riportati quindi solo i link…

    il caso sta esplodendo, ne sapremo di più domani e nei prossimi giorni!

    Simon

  15. 20 novembre 2009 alle 22:55

    Il blog watts up with that ritorna all´attacco pubblicando i dubbi di McIntyre di Climate Audit. Metto il link con la traduzione google per tutti. Il sito di Climate Audit risulta ancora intasato e di difficile accesso.
    http://translate.google.it/translate?u=http://wattsupwiththat.com/&sl=en&tl=it&hl=it&ie=
    o il sito in originale:
    http://wattsupwiththat.com/

  16. 20 novembre 2009 alle 23:53

    URGENTEEE
    cercate di tradurre le parti sottolineate di questo documento (PER CHI HA SCARICATO I FILE)

    SOAP part B 09-10-01.doc

  17. GIANFRANCO
    21 novembre 2009 alle 00:22
  18. Andrea b
    21 novembre 2009 alle 05:34

    grazie gianfranco ho letto l’articolo penso sia molto interessante.
    Ha un tono iniziale molto titubante ma mi sono piaciuti alcuni commenti degli interessati in particolar Patrick J. Michaels parla non di pistola fumante ma di fungo atomico.

    Speriamo che la notizia sia vera al 100%.

    Per Simon l’ho aggiunto come update.

    E intanto Il CLIMAGATE continua

  19. Luigi Lucato
    21 novembre 2009 alle 07:33

    ASSORDANTE il SILENZIO sui quotidiani ITALIANI
    mentre all’ESTERO si parla di

    A global warming meltdown

    Global Warming Bombshell

    ecc …

    vista l’importanza delle cosa per i provvedimenti allo studio a COPENHAGEN ecc…
    forse almeno una ANALISI sulla veridicita’ o meno dei DATI.

    Oppure il GW è una FEDE intoccabile … :mrgreen:

  20. trilli
    21 novembre 2009 alle 07:56

    Ne parla “Il Foglio”.

  21. antartic
    21 novembre 2009 alle 08:24

    C’è un omertà da parte dei grandi TG italiani e quotidiani in genere!!!!
    Una cosa inaudita!!!
    V E R G O G N O S O !!!!

  22. 21 novembre 2009 alle 08:26

    Incredibile cosa sentono le mie orecchie….aspettiamo e valutiamo…se fosse vero tutto ci sarebbero cose da dire….

  23. rick
    21 novembre 2009 alle 09:30

    ora fanno come con mckinnon
    siccome è stato un “hacker” allora son tutte bufale..ragazzi sveglia, son tutte balle quelle sul riscaldamento globale, il riscaldamento è di tutto il sistema solare..

  24. furio
    21 novembre 2009 alle 10:38

    ragazzi, non ci stupiamo del silenzio dei media italiani, credo che la cosa non sia intenzionale, tanto più che il governo attualmente in carica è uno dei più CO2 scettici d’ europa…

    semplicemente questo è un sintomo dell’interesse che la scienza riscuote nel nostro paese, della capacità dei nostri giornalisti scientifici e di quanto le notizie che deflagrano al di fuori di casa nostra vadano a stimolare l’attenzione di chi informa gli italiani, sempre occupati a guardare il loro orticello e le loro faccenducole di periferia…

  25. antartic
    21 novembre 2009 alle 10:52

    Meno male che internet esiste fuori anche dall’italia… Bisogna capire che è inutile insabbiare le notizie, tanto poi emergono a galla!!!

  26. Peyce
    21 novembre 2009 alle 10:55

    Da quanto ho capito si dovrebbe trattare “solamente” di e-mail dove alcuni scienziati sostenitori del AGW denigravano i loro colleghi scettici. Spero vivamente che il tutto finisca così perchè se scoprissimo che sono arrivati a falsificare dei dati, sarebbe qualcosa di assolutamente inconcepibile.
    Stiamo a vedere…

  27. 21 novembre 2009 alle 11:05

    Il rullo compressore degli internauti ha iniziato il suo viaggio.
    Nella emails e nei documenti finora esaminati ci sono questi temi che a poco a poco saranno sicuramente analizzati a fondo.
    Riconoscimento di dati e pratiche errate
    Celebrazione della morte di uno scienziato “scettico”
    Imbrogli e trucchi nei dati da usare (quello che viene chiamato la scelta delle ciliegie, cioé scegliere solo quei dati che suffragano le nostre teorie)
    Cancellamento di dati
    Azioni illegali
    Nascondere informazioni
    Interferenze nel peer-review
    Pratiche finanziarie (utilizzo di conti personali anche all´estero) con societá interessate ad un determinato risultato delle ricerche.
    Piano piano tutto sará svelato.

  28. Peyce
    21 novembre 2009 alle 11:14

    O.O … Ti posso chiedere la fonte?

  29. 21 novembre 2009 alle 11:29

    http://ecotretas.blogspot.com/
    Dove trovi anche le parti delle emails che conducono a quanto detto.
    Oltre che naturalmente su
    http://wattsupwiththat.com/
    http://www.climateaudit.org/

  30. 21 novembre 2009 alle 11:40

    Altri approfondimenti li trovi qui:
    http://climaterealists.com/?id=4413

  31. 21 novembre 2009 alle 11:41

    E naturalmente sul New York Times, un giornaletto di provincia:
    http://www.nytimes.com/2009/11/21/science/earth/21climate.html?_r=2&hp

  32. Peyce
    21 novembre 2009 alle 11:43

    Grazie sto leggendo ora alcune e-mail…increbile non ci sono parole!

  33. Andrea b
    21 novembre 2009 alle 11:50

    usando google news come modalità di ricerca climate research unit vengono fuori 121 articoli

    http://news.google.it/news/story?pz=1&cf=all&ned=it&hl=en&ncl=dS0rhzNNOwRO4WM3phaUMLhonTk3M&cf=all&scoring=n

  34. GIANFRANCO
    21 novembre 2009 alle 12:06

    cmq sul fatto che si tratti di email e documenti “rubati” non dovrebbero esserci più dubbi, arrivano conferme dal centro e dai diretti interessati (come riportato su diversi articoli, ultimo in ordine cronologico è il foglio).
    rimane da capire l’autenticità di tutto il materiale.

    ci aspettano giorni interessanti.

  35. Layla
    21 novembre 2009 alle 12:24

    Deplorevole il furto ma deplorevole anche l’inganno e la menzogna.

  36. Andrea b
    21 novembre 2009 alle 12:27

    sul foglio appare un buon articolo che spiega cosa ci dovrebbe essere oltre mail sembra ci siano dei dati molto importanti

    http://www.ilfoglio.it/soloqui/3890

  37. ice2020
    21 novembre 2009 alle 12:27

    Si ci aspettano giorni interessanti…se qualcuno si può informare se qui in italia pubblcare tali e-mail che stanno facendo il giro del pianeta sia veramente reato come mi par di avercapito ieri…

    anche una volta stabilito questo, e rvolgendomi a Sand-rio, Fabio ed Andrea, cerchiamo di oggi di continuare a parlare di questo che viene già chiamato “Climate gate”, magari con un altro articolo ancora più specifico semre che, ripeto, le e-mail possiamo pubblicarle…e dovremmo ovviamente anche tradurle per bene stavolta!

    Fatemi sapere, abbiamo il dovere di rendere ai nostri lettori più info possibili…

    prego anche gli utenti di postare link e materiale che per forza di cose potrbbe sfuggirci…

    Simon

  38. Andrea b
    21 novembre 2009 alle 12:46

    http://it.wikipedia.org/wiki/E-mail

    Il Garante della privacy afferma che la posta elettronica deve avere la stessa tutela di quella ordinaria.
    quindi gli indirizzi non devono essere riportati
    per il contenuto non è chiaro se sia una bufala o meno se siano state alterate o meno. Ma dovrebbe valere il principio della privacy.

  39. giorgio
    21 novembre 2009 alle 12:56

    Ragzzzi occupiamoci di sole i gossip non mi interessano.Se qualcuno ha sbagliato paghera mi interessano molto di piu i commenti sullo stato attuale dell”attivita solare.Stiamo vivendo un momento unico godiamocelo!!

  40. 21 novembre 2009 alle 12:57

    Tradurre le mail é molto complicato, come sai anche tra noi usiamo abbreviazioni, termini che ci conducono a incontri precedenti, termini tecnici usati solo tra loro. La miglior cosa é usare per abbreviare le cose o google o Yahoo o ASK o world Lingo o altri traduttori. Una mia traduzione per esempio non sarebbe tanto migliore di quella di uno di questi traduttori, e inoltre potrei usare dei termini interpretativi che possono sconvolgere il significato.

  41. GIANFRANCO
    21 novembre 2009 alle 12:59

    forse dipende dalla nazionalità del server che ospita il sito…
    forse 🙂

  42. Ivan
    21 novembre 2009 alle 12:59

    Azzz!! In Italia tutti muti, per ora, ma non è che siamo i più co2 scettici, ma semplicemente siamo i più messi male

  43. 21 novembre 2009 alle 13:08

    Anche Roy Spencer (il climatologo che ha sempre contestato i dati del riscaldamento marino e terrestre) entra nell´argomento.
    http://www.drroyspencer.com/2009/11/global-warmings-blue-dress-moment-the-cru-email-hack-scandal/

    Cosí come ci sono molti dettagli e aggiornamenti su:
    http://climatedepot.com/

  44. ice2020
    21 novembre 2009 alle 13:18

    Sand, leggi il nuovo articolo…ed in quanto collaboratore, e mi rivolgo anche ad Andrea e Fabio, intervieni anche diretamnte nel nuovo articolo con gli update…

    Simon

  45. Dario
    22 novembre 2009 alle 14:11

    In fatto di privacy, lo stesso Watt riporta le mail oscurando con una serie di XXXX i domini degli indirizzi mail, ma con un po’ di malizia si capisce lo stesso di chi si tratta….
    Da quel poco che ho letto nelle discussioni su WUWT, in cui sono stati riportati i testi di alcune mail, la dignità professionale e scientifica di quei “signori” è ormai ridotta a 0, ed i penosi tentativi di difendersi tirando in ballo un “linguaggio improprio” tra collegi mi ricorda il buon Clinton che definì “relazione affettiva impropria” i passatempi in ufficio con la Lewinsky.
    A parte squisitezze di bon ton come il rallegrarsi per la morte di colleghi “rivali”, ne esce fuori una serie di nefandezze mica da ridere, con intrallazzi tra “compagni di merende” ed ai danni dell’opinione pubblica…
    Se fossero in Italia, ho il dubbio che questi signori rischierebbero serio con tutta una serie di capi di accusa:
    – interesse privato in atti d’ufficio (il patrimonio personale di Jones pare ammontare a 13,5 milioni di sterline);
    – divulgazione di notizie false atte a turbare l’opinione pubblica;
    – concorrenza sleale tra colleghi;
    – vilipendio ai danni di altri ricercatori,
    – falso ideologico,
    e via discorrendo.
    Restiamo in attesa di vedere cosa ne esce fuori; ho l’impressione che a Copenaghen i delegati di Russia, Cina e India arriveranno un tantino “arrabbiatini” e chiederanno all’ONU di fare un bel repulisti all’IPCC…

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: