Home > Cambiamenti Climatici, glogal warming, IPCC, Minimo Solare > Questa è la lista degli scienziati solari e non che hanno predetto un Grand Minima e un Global Cooling

Questa è la lista degli scienziati solari e non che hanno predetto un Grand Minima e un Global Cooling

25 novembre 2009

Questo articolo era già pronto in bozze da tempo, di certo oggi come oggi dopo lo scandalo Climate Gate, speriamo che alla voce di tanti studiosi che venivano offuscati dal sistema pro-AGW, venga dato lo spazio e l’attenzione che si meritano!

1. Dr. Habibullo I. Abdussamatov: Russian Academy of Scientists. Head of space research at the Pulkova Observatory, St. Petersburg.

Comment: RIA Novosti, August 25, 2006: “Khabibullo Abdusamatov e i suoi colleghi hanno affermato che un periodo di forte raffreddamento simile a quello della Piccola Era Glaciale potrebbe partire dal 2010-2015 e toccare il suo picco nel 2055-2060 a causa di un profondissimo minimo solare del tutto simile al Maunder.”

 2.  David Archibald. Summa Development Limited. (Australia).

     From his paper: Archibald, D.C., (2006), Solar Cycles 24 and 25 and predicted climate response, Energy and Environment, Vol.17, No.1.

      “Basato sul fatto che sia il ciclo 24 che il 25 avranno un picco di 50 SSN , c’è da aspettarsi un declino della temp globale di 1.5°C intorno al 2020.”

 3. Dr. O.G.Badalyan, and Dr.V.N. Obridko, Institute of Terrestrial Magnestism. Russia, Dr.J.Sykora. Astronomical Institute of the Slovak Academy of Sciences, Slovak Republic.

     From their paper: Balalyan, O.G., V.N. Obridko, and J. Sykora, (2000), Brightness of the coronal green line and prediction for activity cycles 23 and 24, Solar Physics, 199: pp.421-435.

Comment from paper: “Un lento aumento dell’attività del ciclo 23 ci permette di affermare che il prossimo ciclo 24 avrà un picco SSN pari a 50 equivalente al Minimo di Dalton.”

4. Dr. B. P. Bonev,  Dr. Kaloyan M. Penev, Dr. Stefano Sello.

    From their paper: Bonev, B.P., et. al., (2004), Long term solar variability and the solar cycle in the 21st century, The Astrophysical Journal, Vol. 605, pp.L81-L84.

“Siamo arrivati alla conclusione che la presente epoca di riscaldamento globale è al termine a causa dell’inizio di un lungo periodo di bassissima attività solare”

5. John L. Casey, Director, Space and Science Research Center. Orlando, Florida

    From the center’s research report: Casey, John L. (2008), The existence of ‘relational cycles’ of solar activity on a multi-decadal to centennial scale, as significant models of climate change on earth. SSRC Research Report 1-2008 – The RC Theory, www.spaceandscience.net.

“Come risultato della nostra teoria, si può predire che il prossimo minimo solare potrebbe partire entro i prossimi 3-14 anni e durare per 2-3 cicli solari. Abbiamo stimato che ci sarà un calo della temperatura globale di 1-1.5°C se non maggiore,almeno come accadde durante il minimo di Dalton.

 6. Dr. Peter Harris. Engineer, retired, Queensland, Australia.

Dalla sua analisi dei cicli glaciali e interglaciali egli ha concluso che c’è la probabilità del 94% di un imminente Global Cooling e dell’inizio di una nuova era glaciale.

7. Victor Manuel Velasco Herrera. Researcher at the National Autonomous University of Mexico.

Questo il suo commento rilasciato ad agosto 2008: “… in 2 anni o poco più inizierà un periodo di global cooling che sfocerà in una piccola era glaciale che durerà per 60-80 anni”

8. Dr’s. Y.T.Hong, H.B. Jiang, T.S. Liu, L.P.Zhou, J.Beer, H.D. Li, X.T.Leng, B.Hong, and X.G. Qin.

From their paper: Response of climate to solar forcing recorded in 6,000-year (isotope) O18 time-series of Chinese peat cellulose. The Holocene 10.1 (2000) pp. 1-7.

Mostrando la loro ricerca sulle misurazioni dell’ isotopo O18 che era più elevato durante i periodi più freddi del clima terrestre hanno concluso che: ” Se il trend dell’O18 dopo il 1950 continua così…il prossimo massimo dell’O18 ce lo aspettiamo tra il 2000 ed il 2050 con conseguente diminuzione della temp globale”

9. Dr. Boris Komitov, Bulgarian Academy of Sciences, Institute of

    Astronomy, and  Dr. Vladimir Kaftan: Central Research Institute of Geodesy, Moscow.

     From their paper: Komitov, B., and V. Kaftan, (2004), The sunspot activity in the last two millennia on the basis of indirect and instrumented indexes: time series models and their extrapolations for the 21st century, paper presented at the International Astronomical Union Symposium No. 223.

Commento alla loro ricerca: “Dalle nostre estrapolazioni per il 21° secolo, ne viene fuori che un minimo solare supercentenario avverrà entro le prossime decadi. Esso sarà simile al minimo di Dalton, ma probabilmente più lungo…”

10. Dr. Theodor Landscheidt (1927- 2004), Schroeter Institiute for Research in Cycles of Solar Activity, Canada)

Questo il suo commento dopo lunghi anni di ricerca sull’attività solare: ” Contrariamente a quanto affermato dall’IPCC riguardo l’inquinamento antropico come causa del riscaldamento globale, io affermo invece che ci sarà un lungo periodo i global cooling chetoccherà la sua fase massima intorno al 2030..”

11. Dr. Ernest Njau: University of Dar es Salaam, Tanzania.

     From his paper:  Njau, E., (2005), Expected halt in current global warming trend?, Renewable Energy, Vol.30, Issue 5, pp.743-752.

Commento dal suo lavoro: “…la media della temp globale ha toccato il suo picco nel 2005, dopo del quale noi ci aspettiamo un netto trend di decrescita…”

12. Dr. Tim Patterson: Dept. of Earth Sciences, Carleton Univ., Can.      

Da un articoloal Calgary Times: May 18, 2007: ” Entro il 2020 il ciclo 25 sarà il più debole dopo la piccola era glaciale…”

13.Dr’s. Ken K. Schatten and W.K.Tobiska.

From their paper presented at the 34th Solar Physics Division meeting of the American Astronomical Society, June 2003:

“Il risultato sorprendente delle nostre predizioni sui cicli solari è un rapido declino dell’attività solare, a partire dal cclo numero 24. Se questo trend continuasse noi potremmo rivivere un altro Minimo stile Maunder…”

14. Dr. Oleg Sorokhtin. Merited Scientist of Russia and Fellow of the Russian Academy of Natural Sciences and researcher at the Oceanology Institute.

Dai suoi ultimi articoli riguardanti i cambiamenti climatici egli ha affermato: ” Gli astrofisici conoscono 2 cicli solari, di 11 e 200 anni…la Terra ha passato il suo picco del periodo più caldo e presto una nuova fase fredda sopraggiungerà, a partire dal 2012. Il vero freddo arriverà intorno al 2041 quando l’attività solare avrà raggiunto la sua più bassa fase e durerà per almeno 50-60 anni…”

15. Dr’s. Ian Wilson, Bob Carter, and I.A. Waite.

From their paper: Does a Spin-Orbit Coupling Between the Sun and the Jovian Planets Govern the Solar Cycle? Publications of the Astronomical Society of Australia 25(2) 85-93 June 2008).

“Riteniamo che il livello di attività solare diminuirà significativament nella prossima decade e rimarrà bassa per circa 20-30 anni. Tutte le volte che il sole ha avuto scarsa attività prolungata ne passato, le temperature sono scese mediamente di 1-2°C”

16. Dr’s. Lin Zhen-Shan and Sun Xian. Nanjing Normal University, China

From their paper in Meteorology and Atmospheric Physics, 95,115-121: Multi-scale analysis of global temperature changes and trend of a drop in temperature in the next 20 years.

“…Noi crediamo che i cambiamenti climatici globali entreranno in una fase di raffreddameto globale nei prossimi 20 anni…”

Questi sono solo stralci del pensiero di alcuni scienziati che ritengono il sole o i cambimaenti naturali intrinseci del pianeta i principali artefici dei cambiamenti climatici e che prevedono una controtendenza delle temperature globali dai prossimi anni in poi. Solo il tempo ci dirà chi avrà ragione, o l’IPCC o i cosidetti “negazionisti”.

Dispiace solo vedere che tra questi scienziati non sia presente il Grande Timo Niroma… Riposa in pace Timo…

Fonte: http://www.spaceandscience.net/sitebuildercontent/sitebuilderfiles/researcherswhopredictsolarhibernationorclimatechangetocoldera9-22-08.doc

Simon

  1. Stefano Riccio
    25 novembre 2009 alle 14:18

    Interessanti dichiarazioni, peccato però che nessuno ne abbia mai parlato…

  2. 25 novembre 2009 alle 14:27

    Io mi schiero con la graduale diminuzione termica, non perchè ne sono tifoso pure, ma anche per le ovvie analisi col passato che hanno sempre visto una diminuzione termica col perdurare di attività solari deboli…Il tempo darà ragione vedrete!

  3. 25 novembre 2009 alle 14:27

    La cupola si sta disintegrando…speriamo che tutti questi scienziati vengano riabilitati come si deve

  4. furio
    25 novembre 2009 alle 15:45

    …bel post…

    interessante notare che ci sono predizioni di cicli estremamente deboli e quindi di un raffreddamento già nel 2003…in tempi non sospetti, quando altri predicevano un ciclo 24 a livello superlativo…

  5. Marcello
    25 novembre 2009 alle 15:53

    OT per la Redazione: ieri sera in Catalogna l’indice Inter-CL, di cui avete dimostrato di essere assidui cultori, ha registrato un secco -2 dovuto principalmente al fattore mou.
    Registro il Vostro silenzio sul punto……
    It’s a joke
    Marcello

  6. ice2020
    25 novembre 2009 alle 16:08

    😆

    Sta zitto vah, che me girano ancora…si può perdere col Barcellona, ma nn senza mai essere scesi in campo!

    Mourinho VATTENE!!!

    Fine ot ragazzi adesso…

  7. 25 novembre 2009 alle 16:10

    @ Marcello, è vero l’indice è in netto calo, ma i ragazzi di Pep mi rocordavano tanto i ragazzi del Lippi, quelli che …

    anche qui il parallelismo tra l’IPCC e le email nascoste cista tutto, non credi!!!!

  8. Enzo
    25 novembre 2009 alle 16:35

    Come sta oggi il sole?…ce la facciamo a finire sotto il 5 anche questo mese?

  9. ice2020
    25 novembre 2009 alle 16:57

    siamo spotless anche oggi…per il sidc siamo fermi a 4.1 (ma soggetti a revisione mensile)…

    che ti devo dire…

    mancano 5 giorni alla fine di novembre, se appare un’altra maccheitta, anche piccola appunto, n ce la faremo…

    a dopo per il consueto nowcating solae…

    simon

  10. Mistral 101
    25 novembre 2009 alle 16:59

    Il passato ci dice che le temperature sulla Terra sono state a volte un pochino più calde, ma spesso molto più fredde.

    Dopo decenni di attività solare ai massimi livelli abbiamo un misero mezzo grado di riscaldamento in più.

    Basta un meteorite, un vulcano, o il sole in un minimo profondo che il sistema torna subito verso il freddo e potrebbe generare una PEG o anche una EG.

    E’ solo questione di tempo.

    Beppe

  11. Andreabont
    25 novembre 2009 alle 19:53

    Se per questo in passato ci sono stati periodi con ben 3 volte più CO2 libera in atmosfera di oggi, eppure il mondo non è finito.

    Non dico che la CO2 faccia bene (a parte la sua indispensabilità per la vita vegetale, e quindi la nostra), ma non serve tutto questo catastrofismo.

  12. Claudio Costa
    25 novembre 2009 alle 20:00

    Lo dicono anche Mccraken e Scafetta.

  13. giorgio
    25 novembre 2009 alle 20:13

    Anche stasera sul tg5 si e parlato di copenagen e di riduzione di emissioni di co2.Stavolta a parlare e” ninte di meno che il presidente degli Stati Uniti.Ebbene: ratifica del protocollo di Kioto e riduzione del 13% entro il 2012 del 50% entro il 2030 del 87% entro il 2050 delle emissioni di co2 con tanto di immagini di ghiacciai che fondono e orsi senza ghiacci.Io ve lo avevo detto e” tempo perso il riscaldamento globale va avanti per la sua strada.E una battaglia persa occupiamoci di sole e clima e basta!!!!Il potere econimico prevarica tutto anche la scienza ma qui c”e gente convinta di combattere contro i mulini a vento.Svegliatevi una volta per tutte

    $$

  14. giorgio
    25 novembre 2009 alle 21:22

    sul fatto che siamo dentro a un minimo moltro profondo di cui non si puo stimare la durata tutti siamo daccordo.Il minimo c”e e un dato di fatto tutti proviamo a fare raffronti con il passato,ma il passato e gia passato puo ripetersi come no.Viviamo e scopriamo questo minimo giorno per giorno godiamo del presente e basta.Il futuro si puo immaginare ma non si puo prevedere:Per me e qualcosa di veramente eccezzionale,una fortuna che tanti nei decenni passati avrebbero voluto avere ma non hanno fatto in tempo perche soni morti prima.Noi abbiamo questo grande privilegio,che nemmeno i nostri nonni hanno avuto.Ragazzi io sono felice di vivere in questa era unica in cui il sole e andato in letargo,potremo anche vederne gli effetti nel futuro ma per ora questa e la situazione ed e veramente incredibile e meravigliosa.Sto imparando ad amare con tutto il mio cuore la nostra meravigliosa stella che non smette di stupirci giorno dopo giorno

  15. 25 novembre 2009 alle 22:41

    I also predicted SC24 & SC25 to be less than 50SSN back in 2008. Then backed it up with a 200 year sunspot prediction here: http://www.landscheidt.info/?q=node/6

    The prediction method relies on angular momentum that is controlled by Neptune & Uranus.

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: