Home > Cambiamenti Climatici, Global Warming e IPCC > CO2: ovvero l`utile idiota

CO2: ovvero l`utile idiota

5 dicembre 2009

In tutta questa storia che il nemico numero 1 dell`habitat umano sia il CO2, c`é qualcosa che non mi convince, anzi piú di qualcosa.
Fino a qualche anno fa le battaglie ecologiste dei verdi (alle quali partecipavo anche io) erano dirette contro dei nemici ben visibili e che pregiudicavano la vita quotidiana di tutti noi. Erano battaglie contro l´inquinamento atmosferico, contro le piogge acide, contro l´inquinamento di fiumi, laghi, mari, oceani e delle fonti idriche, erano battaglie contro l´inquinamento che tutti i mezzi di trasporto producevano nelle nostre cittá con famosi monumenti colpiti dallo smog acido che li deteriorava, erano battaglie contro l´inquinamento chimico, battaglie contro le sette sorelle petrolifere, battaglie contro l´inquinamento acustico ed elettromagnetico, grandi battaglie per la salvezza di balene, foche, tartarughe, felini, elefanti, rinoceronti e tutti gli animali minacciati dal disboscamento e deforestazione, erano battaglie per la raccolta differenziata dei rifiuti e il suo smaltimento.
Grandi battaglie destinate a salvare il pianeta da quelli che lo stavano distruggendo: le grandi industrie chimiche, le centrali elettriche a carbone, le aziende siderurgiche che usavano grandi quantitá di carbone per trasformare il ferro in acciaio, battaglie contro i cementifici, contro l´uso di prodotti cancerogeni come l´amianto della Eternit, e potrei continuare all´infinito.
Oggi tutto questo é passato (o quasi, non voglio essere troppo pessimista), ma oggi nessuno dei grandi mezzi di comunicazione parla piú del vero inquinamento, tutto dimenticato.
Oggi si parla solo di CO2, che oltrettutto non é poi cosí dannoso come dicono essendo uno degli elementi essenziali per la vita, e tutto quello che inquina veramente tanto? NULLA! OMERTÀ!
L´impressione che ho, é che le grandi aziende multinazionali, che hanno inquinato tranquillamente per tanto tempo nel dopoguerra e che per alcuni anni sono stati sotto la lente di ingrandimento dei media mondiali per i danni causati al pianeta, e che avrebbero dovuto spendere miliardi di euro o dollari per limitare le loro emissioni altamente nocive, hanno trovato nel CO2 l`utile idiota, il fantoccio, il prestanome da mettere avanti per distogliere l´attenzione di tutti su quello che fanno ancora oggi queste aziende. Sono anni che queste aziende stanno lavorando senza piú che nessuno vada lí a rompere guardando i loro scarichi industriali e le loro emissioni di fumi e fuliggine nell´aria, hanno avuto la possibilitá di trasferire le loro attivitá nocive in India e in Cina che avevano bisogno di queste societá per sostenere il loro sviluppo.
E allora, queste aziende che dispongono di enormi capitali, possono benissimo foraggiare una falsa campagna contro il CO2, l´utile idiota, basta che loro possano continuare a svilupparsi inquinando come prima e peggio di prima.
Ecco allora che si spiega il furore contro il CO2 degli Stati Uniti, dell´Europa e degli altri paesi compreso quelli in via di sviluppo del BRIC. Il pensiero dei politici di questi Stati é questo: facciamo pure la falsa battaglia contro il CO2, cosí lasciamo che le nostre aziende veramente inquinanti continuino ad inquinare il pianeta, e a foraggiare le nostre tasche.
Il lucro viene prima di tutto, e comprare scienziati, giornalisti, politici, con finanziamenti milionari é stato un guadagno rispetto al dover spendere miliardi per adeguare le loro aziende contro il veleno che emettono e che continueranno ad emettere ancora per tanti anni.
Come diceva il titolo di un film di qualche anno fa: vai avanti tu (CO2), che a me viene da ridere.

SAND-RIO

  1. Nitopi
    5 dicembre 2009 alle 11:30

    …penso proprio che tu abbia ragione…
    Ciao
    Luca

  2. 5 dicembre 2009 alle 11:31

    Sull’onda dello scandalo delle e-mail rubate che avrebbero rivelato la manipolazione dei dati sul surriscaldamento climatico, il Met Office, il servizio metereologico britannico, ha messo in cantiere il riesame dei dati sulla temperatura del pianeta relativi agli ultimi 160 anni. Un tentativo di sedare la polemica scoppiata dopo la divulgazione, a novembre, di una serie di e-mail del prestigioso Climatic Research Unit (CRU) dell’University East Anglia, che dimostrerebbero che la comunita’ scientifica altera i dati per amplificare l’effetto dell’intervento umano sul cambiamento climatico.

    Scommetto tutto quello che volete che tutto finirá in un gran NULLA.
    Chi controllerá il lavoro del Met Office? Saranno divulgati i dati grezzi?

  3. Nintendo
    5 dicembre 2009 alle 11:38

    Da perito chimico posso tranquillamente dire che la CO2 non è tossica per l’uomo, se non in quantità stratosferiche.

  4. GIANFRANCO
    5 dicembre 2009 alle 11:39

    COMPLIMENTI Sand-rio, condivido pienamente!
    Come si possono fare vertici mondiali contro la CO2 ed il falso problema del riscaldamento globale di origine antropica e non occuparsi dell’ILVA di Taranto, che produce l’8% dell’inquinamento europeo da DIOSSINA(agente cancerogeno!!!)!?!?!

    E’ uno schifo!

  5. Nintendo
    5 dicembre 2009 alle 11:41

    Inoltre, non so se è un caso, ma intanto nel famoso grafico con gli SN del NOAA il solar flux viene ora citato come “Misurato” e non come prima solo “Solar Flux”

  6. Andrea b
    5 dicembre 2009 alle 11:50

    hanno detto che ci metteranno 3 anni a ricontrollare i dati in tre anni e che la fine del controllo avverrà nel 2012.
    Da qui a tre anni lo scandalo sarà bello che dimenticato è già molto che ne parlino i giornali italiani ora chissà fra tre anni.

  7. Andrea b
    5 dicembre 2009 alle 12:01

    il problema non è la CO2 ma l’inquinamento il link mostra foto dell’inquinamento in Cina.

    http://www.chinahush.com/2009/10/21/amazing-pictures-pollution-in-china/

    Una foto vale mille parole.

  8. Nintendo
    5 dicembre 2009 alle 12:14

    e te pensa che loro, i cinesi, non vogliono fare niente per rimediare questo.
    però se vanno alle conferenza mondiale promettono di ridurre le emissioni di CO2 per salvare il pianeta, ovviamente sono promesse che non manterranno mai, ma si vede come glie ne freghi del popolo.

  9. Luigi Lucato
    5 dicembre 2009 alle 12:24

    Si riscive la storia CLIMATICA ?
    o si sostituisce una paura che sta crollando la CO2
    con una nuova paura il 2012

    e in questo si liberano finalmente i VERI dati SOLARI

  10. 5 dicembre 2009 alle 12:32

    30/11/2009 – 14h07
    Frio atípico surpreende brasileiros na Antártida

    Un freddo atipico sorprende i brasiliani nell´antartide;
    si tratta dei ricercatori della Base Ferraz che stanno vivendo condizioni di accumulo di neve e ghiaccio mai viste prima in tanti anni di ricerca, e la base permanente ha iniziato ad operare dal 1984….
    Su questo faró un articolo tra qualche giorno tanto per distruggere quello che viene detto in questi giorni riguardo alla scomparsa del ghiaccio in antartide. Sono tutte BUFALE!!!
    Il continente non é mai stato piú in forma come adesso.
    Adesso dicono che é l´ozono che preserva il continente dal riscaldamento…. ma come? Non era l´ozono il nemico numero 1 fino a qualche anno fa?
    Una sola parola RIDICOLI!

  11. Andreabont
    5 dicembre 2009 alle 13:04

    Quoto pienamente.

    Non sono mai stato a fare manifestazioni e non lo farò mai, ma sono sempre stato contro l’inquinamento, io stesso mi considero una vittima di esso.

    Ho sempre vissuto con la consapevolezza che meno si inquina meglio si vive.

    Ma adesso, che il modo è ormai accecato dal “capro espiatorio” comune come CO2, il vero inquinamento non ha più importanza: perché la CO2 va combattuta poiché causa di tutti i mali dell’uomo, fa nulla se è alla base della vita vegetale (e dunque nostra)….

    Certo! Troppa CO2 è nociva, su qui non ci piove! Ma arrivare a tale accanimento su di essa è eccessivo, soprattutto perchè nessuno parla, o fa qualcosa per l’inquinamento da metalli pesanti, da polveri sottili o simili.

    Si arriva a dare molte salatissime se non diminuisce la CO2, e nessuno dice nulla se la gente muore di cancro.

    Anche perché non è certo che diminuendo la CO2 il clima torni com’era prima, anzi, lo reputo improbabile. il clima muta, e non è possibile tenerlo fermo… soprattutto NOI non siamo in grado di fermarlo: non riusciamo nemmeno a prevederlo!

    Meglio spendere i soldi per difenderci da un eventuale mutazione e per combattere quello che si più combattere: il vero inquinamento.

  12. roberto
    5 dicembre 2009 alle 13:52

    Ciao a tutti sono roberto. vi seguo tutti i giorni anche se non intervengo perchè non sono sufficientemente competente. il blog è molto bello. Questa debolezza del sole è una bella vittoria per NIA che da molto tempo evidenzia l’anomalia dell’attività solare. Continuate a tenerci aggiornati!!!
    Una domanda per il Sig. Micalizzi: può segnalarmi il link da dove preleva le emissioni delle GFS a 850 e 500 HPa long range?

    Grazie e ciao a tutti

  13. giorgio
    5 dicembre 2009 alle 14:29

    Complimenti Sand-rio,sono daccordo pienamente con te.Da mesi dico queste cose,da mesi dico che e” una battaglia inutile contro i mulini a vento.Da mesi dico che sulla CO2 si e” creata una new economy dove la CO2 e” la vera moneta di scambio e niente e nessuno puo fermarla perche su questo falso problema si sono gia investiti migliaia di migliardi di euro e di dollari e creati milioni di posti di lavoro.Che cosa e” successo?Ve lo dico io.La terra si stava riscaldando troppo per effetto della forza solare.Alcuni scienziati senza fare i dovuti riscontri hanno addebitato alle emissioni umane la colpa del riscaldamento semplicemente perche confrontando i periodi antecedenti hanno notato che la Co2 era presente in quantita maggiori nei secoli piu caldi,mentre in quelli piu freschi c”era meno Co2.Ma nessuno si e” mai chiesto se l”anidride carbonica fosse non la causa ma una conseguenza del riscaldamento.Quanto incide la Co2 sul riscaldamento?Nessuno e” in grado di dirlo.Bene su questo falso problema e” partita una vera e propria macchina economica (un vero rullo compressore)che ha investito l”intero pianeta.Ma….ma……all”improvviso e” successo qualcosa di inaspettato:il sole si e” inceppato e adesso sono guai.Guai perche ammettere lo sbaglio significa distruggere un sistema economico globale con conseguenze devastanti sull”economia e sull”occupazione.Quindi bisogna proseguire con l”inaganno e la menzogna manipolando scienza e informazione.QUESTA MACCHINA NON PUO FERMARSI. Ma il problema ora e” un”altro.Come si puo preparare un pianeta alle conseguenze di un possibile raffreddamento,quando ancora con l”inganno e la menzogna parla di riscaldamento?Se vogliamo bene ai nostri fratelli sopratutto quelli piu poveri e privi di mezzi economici dobbiamo al piu presto informarli che presto le risorse alimentari potrebbero scarseggiare per colpa del freddo e non del caldo.Dobbiamo fare qualcosa prima che sia troppo tardi.Tante persone moriranno di fame e di freddo e la colpa maggiore sara quella dei nostri politici che continuano ad ingannare il mondo intero.Dobbiamo fare tutti qualcosa, tutti abbiamo una responsabilita.Tutti dobbiamo agire al piu presto con ogni mezzo possibile.Il mondo deve essere informato!!!

  14. 5 dicembre 2009 alle 14:44

    Bravo Giorgio, in piú posso suggerire che quando la terra comincerá a raffreddarsi sul serio tra qualche anno per via del minimo solare, LORO diranno che hanno SALVATO la Terra grazie alla riduzione del CO2. Poi si dovrá trovare un altro nemico da abbattere, ed il prossimo nemico sará il metano nell´atmosfera, e via ad un´altra battaglia per salvarci dalla distruzione, con tanti miliardi che girano.

  15. ice2020
    5 dicembre 2009 alle 15:13

    Grandi ragazzi, state facendo un lavoro meraviglioso,….

    purtroppo come pensavo nn ho sempre a disposizione internet (anzi quasi per niente), ma presto tornerò…

    Continuate così, e a presto…

    ah purtroppo nn posso inviare ea-mail per da qui ho msn bloccato…

    Cmq orgoglioso di voi!

    Simon

  16. apuano70
    5 dicembre 2009 alle 15:28

    Ciao Roberto, se non ricordo male il sito che chiedevi a Micalizzi dovrebbe essere il seguente:
    http://www.meteociel.fr/modeles/gfse_cartes.php?ech=6&code=0&mode=0
    Vedrai che anche lui te lo confermerà.
    Bruno

  17. apuano70
    5 dicembre 2009 alle 15:41

    Gran bell’articolo Sand-rio, come sempre del resto 😉 concordo con Giorgio che sarebbe una gran bella cosa poter avvisare il resto del mondo su quelli che potrebbero essere gli sviluppi climatici nel futuro prossimo, ovvero niente più riscaldamento globale ma una bella “rinfrescata” coi fiocchi……
    Concordo altresì con l’affermazione che tutto il meccanismo che si è messo in moto per il Global Warming è IMPOSSIBILE FERMARLO!
    Quasi giornalmente e,talvolta anche più volte al giorno, mi imbatto in notiziari e articoli di giornale dove si ribadiscono fino alla nausea i dogmi del AGW: scioglimento delle calotte polari, innalzamento del livello degli oceani, Venezia e altre città che saranno sommerse, deserti che avanzeranno inesorabili etc.etc.
    E lo scandalo CLIMAGATE? Giusto un paio di servizi televisivi, forse nemmeno 4 minuti in tutto e forse tre articoli giornalistici…
    Che schifo….. sono nauseato!
    Bruno

  18. 5 dicembre 2009 alle 16:05

    Mio articolo su meteoweb

    http://www.meteoweb.it/cgi/intranet.pl?_cgifunction=form&_layout=sezioni&keyval=sezioni.sezioni_id=4384

    Mappe aggiornate in automatico su la destra trovi tutto per gli spaghi di TUTTA Europa e Italia

    http://www.meteoweb.it/cgi/intranet.pl?_cgifunction=includi_pages&pagina=mappe1_satelliti2

    Climatologia e mappe qui

    http://www.meteoweb.it/cgi/intranet.pl?_cgifunction=includi_pages&pagina=mappe8_climatologia

    http://www.meteociel.fr/modeles/gefs_cartes.php?ech=0&code=0&mode=1

    Spero di esserti utile, su meteoweb abbiamo creato diverse sezioni con mappe aggiornate, sulla sinistra del menù trovi tutto cio che ti interessa 😉

  19. yepp
    5 dicembre 2009 alle 16:52

    Ciao
    Leggo da moltissimo ma non sono mai intervenuto. Approfitto per farvi i più sentiti complimenti per lo spettacolare lavoro che state svolgendo e per la passione che ci mettete .. bravissimi davvero. Questo articolo rappresenta pienamente il mio pensiero e mi rappresenta completamente ,,,, complimenti

  20. apuano70
    5 dicembre 2009 alle 17:03

    Vado un’attimo OT per segnalare che dal magnetogramma GONG risultano abbastanza evidenti 3 piccole regioni con polarità dispari nell’emisfero sud.

    Bruno

  21. Nintendo
    5 dicembre 2009 alle 17:13

    vedi ad usare hotmail, se invece usassi yahoo.

  22. Nitopi
    5 dicembre 2009 alle 18:54

    … basta pensare all’acqua gasata….
    O allo Champagne 8)

    Ciao
    Luca

  23. 5 dicembre 2009 alle 18:57

    ´L´unica CO2 dannosa é quella che si trova nella Cocacola o nelle altre bibite gasate.

  24. roberto
    5 dicembre 2009 alle 20:22

    Grazie a tutti per i link. buon monitoraggio

  25. Andreabont
    5 dicembre 2009 alle 20:40

    http://meteolive.leonardo.it/meteolive-notizia-28935-la_nasa_rivede_al_ribasso_il_nuovo_ciclo_solare,_potrebbe_essere_tra_i_piu_deboli_dellultimo_secolo.html

    Anche la NASA inizia a prendere sul serio il minimo, e finalmente ammette che “non hanno idea di quanto stia accadendo alla nostra stella”.

    Parlano di un 2010 in cui si aspettano una ripresa del nuovo ciclo, seppur sottotono rispetto ai cicli precedenti. Per quanto ne so potrebbero essere troppo ottimisti.

  26. bora71
    5 dicembre 2009 alle 22:17

    è un dato di fatto chimico e fisico che la CO2 è un gas ad effetto serra che può influenzare in parte il clima ..

    da meteotriveneto
    “la quantità media di energia che arriva sopra l’atmosfera è di 341,3 watt/m2, che sarebbe l’intensità media della radiazione solare rapportata alla superficie di tutta la Terra. Di questi watt/m2 vengono riflessi verso lo spazio ben 101,9, mentre dei restanti 240 circa che ne rimangono, 78 vengono assorbiti dall’atmosfera e 161 watt/m2 raggiungono la superficie.
    Questo è il contributo del sole.
    La terra si scalda e a sua volta emette circa 396watt/m2, tra questi 238,5 sfuggono nello spazio, il resto è praticamente assorbito dall’atmosfera e nubi. L’atmosfera si scalda (effetto serra) e rimette verso la superficie 333 watt/m2.
    Quindi la superficie terrestre riceve 161 watt/m2 dal sole e ben 333 watt/m2 dall’effetto serra, in pratica più del doppio..
    Va da se che senza l’effetto serra la temperatura media del pianeta toccherebbe i -18/-20°C invece degli attuali +15°C”

    E’ dimostrato scientificamente che i gas serra alterano l’equilibrio climatico del sistema terra.
    E’ dimostrato scientificamente che l’uomo ha alterato la concentrazione dei gas serra.

    ovvio che non sappiamo QUANTO la CO2 influenzi il nostro clima..

    ciao ragazzi!!

  27. Ivan
    5 dicembre 2009 alle 23:56

    va beh..io dico almeno servisse la riduzione di co2 immessa nell’atmosfera a ridurre l’inquinamento! Almeno…poi è logico che dietro alo sviluppo e all’innnovazione ci sono i milioni e sempre le stesse multinazionali, in tutti i campi credo sia così. Resta grave l’inganno e la falsificazione della scienza solo per interesse e per investire su nuove tecnologie a minor immissione di co2 molto costosi e magari con nuove vetture che negli anni sono diventate maggiormente inquinanti(per nn dire anche più trogoli 🙂 ) .. grrrr

  28. Roberto
    6 dicembre 2009 alle 00:41

    Per bora 71:
    No, non ci siamo assolutamente. Dati energetici errati in entrata e dati energetici errati in uscita. Evitiamo di copiare Al Gore ed i suoi L………o
    Gradirei che Piera, la quale aveva inoltrato dei calcoli ben precisi in merito alcuni mesi fa, si facesse sentire, sempre che possa.

  29. Davide M.
    6 dicembre 2009 alle 00:49

    Mitico Gianfranco!!!
    E mitico anche sand-rio che ha scritto questo post, sottoscrivo ogni tua parola, complimenti!!!
    Io sono di Taranto e sò bene di cosa stà parlando Gianfranco. Questi sono problemi seri, altro che co2!!!
    ciao

  30. Davide M.
    6 dicembre 2009 alle 00:51

    hai detto bene!!! Sono ridicoli.

  31. Davide M.
    6 dicembre 2009 alle 01:00

    Bravo Roberto, fai bene a sottolineare la cosa, questi dati sono assolutamente sbagliati e poi nel discorso di bora non esce fuori il fatto che l’uomo produce solo l’1% della co2 totale prodotta sulla terra.

  32. Davide M.
    6 dicembre 2009 alle 01:14

    Simon fai bene a star fuori un paio di giorni, oltre a riposarti avrai tempo anche di riprenderti dalle 2 scoppole che avete preso all’olimpico di Torino stasera. Ma il top della goduria credo sia stata l’espulsione di mourinho e la sua assenza dalla sala interviste….un bambino offeso 😀
    Scusare l’OT 😉

  33. GIANFRANCO
    6 dicembre 2009 alle 01:35

    Ciao Roberto,
    io leggo i modelli da http://www.wunderground.com/modelmaps/maps.asp?model=GFS&domain=EU che vanno oltre le 180h (384)…

    VEDERE i giorni 16-17-18.

  34. Francesca
    6 dicembre 2009 alle 07:29

    Salve! Sono una vostra appassionata lettrice, e vi ho scoperto proprio andando alla ricerca di qualcuno che non avesse il cervello otturato dalle tante fandonie che si sentono in giro sul clima.
    Da tantissimo tempo pur non avendo alcuna conoscenza scientifica sul clima sono convintissima che l’attuale riscaldamento sia dovuto a un normalissimo ciclo climatico, come li definisco io, in cui a un periodo di freddo si alterna ad uno di caldo, uno dei tanti che hanno caratterizzato la storia dell’umanità.
    Quando i Romani conquistarono mezzo mondo, fino al profondo nord, vi erano forse montagne di neve e di gelo o lo hanno potuto fare grazie a un clima mite che con i loro mezzi gli ha consentito di fare viaggi pluriennali verso Nord, e i vichinghi avevano forse delle rompighiaccio per navigare intorno alla groenlandia? Oppure anche loro erano dei grandi produttori di CO2? Beh, forse qualcuno sosterrà che a quel tempo c’erano molte più mucche….
    Continuate così e il tempo vi darà ragione!!

  35. Pietro
    6 dicembre 2009 alle 09:13

    A me risulta che le nuove automobili in vendita sono classificate come Euro 4, Euro 5 etc in base alle emissioni di CO2 e sono oggettivamente meno inquinanti del passato; ci sono forse altri parametri meno pubblicizzati o emettendo meno anidride carbonica devono per forza emettere anche meno altre sostanze realmente inquinanti?

  36. Andreabont
    6 dicembre 2009 alle 09:46

    Su questo non c’è dubbio, ma non solo per la CO2, ma anche il vapore acqueo, il metano e moltissimi altri gas.

    E per la CO2 la maggior parte è di origine naturale: qui si parla solo di quella prodotta dall’uomo, che certi dicono sia la causa di tutto, altri dicono che la sua influenza è soltanto marginale.

    Io propendo naturalmente per la seconda: la CO2 antropica ha massimo accentuato un fenomeno che stava già accadendo per altri innumerevoli motivi (ancora non del tutto chiari), e comq lo ha fatto con un’influenza secondo me bassa.

    Tralaltro, tutti i dati sull’influenza umana sul clima che sono portati dai “catastrofisti”, sono dati non dimostrabili, fondati su semplici ipotesi che ad oggi non sono dimostrabili per mancanza di tecnologia.

    Tu citi l’energia ricevuta e l’energia dispersa dall’atmosfera: sono stime, i satelliti non riescono ancora a darci il bilancio preciso. E il bilancio a favore del GW è soltanto ipotizzato, poiché i satelliti non riescono a misurare una variazione così piccola come quella che ipotizzano.

    Alla fine, tutto il modello usato oggi si basa solo su ipotesi che non possono essere verificate. Bella roba.

  37. Andreabont
    6 dicembre 2009 alle 09:54

    Io spero che emettano meno di tutto il resto.

    Certo, se emettono meno CO2 è comunque una cosa positiva, ma tra tutte è la meno importante.

    Quello che temo è una caccia alle streghe alla CO2 che tralascia invece le cose più importanti.

  38. gianni
    6 dicembre 2009 alle 10:15

    Sempre con questi copia e incolla basta che noia

  39. 6 dicembre 2009 alle 11:01

    E’ provato che la Co2 altera il clima?
    Cazzo,dicevano che l’eccezionale ondata di calore del 2003 era stata causata dai gas serra tra cui la Co2.
    E nel frattempo è coincisa invece con l’inatteso aumento dell’attività solare che raggiunse il picco nel 31 ottobre del 2003 con un flare di X 45.
    Alcuni lo definirono addirittura un massimo solare secondario dopodiche l’ondata di caldo finì poco dopo.
    Se davvero fosse stato il gas serra a causare quell’aumento delle temperature o ripeto il termine descrittomi da un ambientalista sostenitore del GW”la pressione dei gas serra” come mai in questi anni nonostante l’aumento della Co2 atmosferica anche a causa dell’incremento dell’attività vulcanica che sta tutt’ora continuando non vedo più queste eccezionali ondate di caldo causate da questa “pressione”?
    Inoltre è provato che la Co2 favorisce la crescita delle piante e delle foreste ed è tutt’altro che un gas tossico.
    Ricordo che dopo l’ondata di uragani del 2005 Al Gore disse”vedrete cosa ci aspetterà il prossimo anno” e infatti l’anno successivo nn vi fu alcun uragano.
    Obama invece quando seppe che anche altri pianeti del sistema solare stavano mostrando segni di riscaldamento ,tagliò i fondi alla NASA per quelle ricerche.
    Scomoda Verità?Forse non tutti sanno che nel film di Al Gore,una scomoda verità,sono stati riscontrati ben 35 errori.
    Ora che il falso Premio Nobel per la pace è alla destra di Obama vi fiderste ancora di tutto quello che dicono.
    Forse la verità più semplice è che la teoria dell’effetto serra è diventata anche un ottimo capitale per l’economia americana.
    Ma anche una grandissima balla per la quale si prendono misure ragionate in maniera incomptente e stupida.

  40. 6 dicembre 2009 alle 11:31

    Non accadrà MAI una cosa simile sarebbe da 1 metro di neve a 300 mt e 30 cm al suolo 🙂

  41. bora71
    6 dicembre 2009 alle 12:15

    la verita’ puo’ essere anche nel mezzo..
    io non dico che l’uomo sia colpevole dei cambiamenti climatici al 100%…e neppure che lo sia il sole al 100%%
    non sempre e’ tutto nero o tutto bianco..ma ci sono molte sfumature..
    buona domenica a tutti!!

  42. Ivan
    6 dicembre 2009 alle 12:52

    ..quoto…la verità se difficile da stabilire sta sempre nel mezzo!
    ma perhè solo la co2 viene messa in ballo? Nel gw antropico come causa probabile dei cambiamenti climatici credo che il metano sia un gas a maggior impatto serra.

  43. GIANFRANCO
    6 dicembre 2009 alle 12:53

    x bora: “Falsi cation Of The Atmospheric CO2 Greenhouse E ects Within The Frame Of Physics”

    http://arxiv.org/PS_cache/arxiv/pdf/0707/0707.1161v4.pdf è una pubblicazione di alcuni fisici di un Università tedesca.

  44. 6 dicembre 2009 alle 13:05

    Hai ragione Bora, effettivamente l´attivitá umana ha una sua influenza, ma dira, come hanno detto e scritto gli uomini dell´ICPP che il sole é una costante e non influenza nulla é una menzogna bella e buona. Poi quanto sia questa influenza non tocca a noi dirlo, mica prendiamo tutti quei soldi che prendono loro per dire questo é cosí questo e cosá ecc ecc.

  45. NiKola
    6 dicembre 2009 alle 17:30

    Salve. Vi seguo da parecchi mesi con interesse e vi faccio i parziali complimenti per gli argomenti che si trattano. Dico parziale perché quando pubblicate questo ultimo argomento sul summit di domani cercando problemi economici al voler ridurre inquinamento non vi capisco proprio. Siete i primi ad andare cauti visto le non certezze matematiche su gli effetti di questo minimo solare. Che problemi vi causa voler inquinare meno? Voler bloccare la deforestazione o iniziare ad utilizzare qualche energia alternativa (anche in previsione della fine del petrolio). Oppure ragionare in termini di risparmio energetico. Avete paura che qualcuno vi abbassi la qualità della vita?

  46. Andrea b
    6 dicembre 2009 alle 20:14

    Sono favorevole ad una riduzione dell’inquinamento al 100%. Mi piacerebe che usassimo sistemi meno inquinanti.
    Il problema di fondo non è solo la produzione di CO2 che forse aumenterà la temperatura ……
    A Copenaghen non si parlerà di problemi reali (di metalli pesanti, di polveri sottili, di INQUINAMENTO) invece si parlerà dell’effetto serra dell’aumento del livello del mare del fatto che forse fra un secolo la temperatura aumenterà di 2 °C.
    Il rischio è che si parli molto di gas ad effetto serra aumento dei livelli dei mari, e poco di sostanza, qualità della vita.

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: