Home > Nowcasting Solare > Ancora Spotless!

Ancora Spotless!

8 dicembre 2009

siamo ancora spotless, con oggi 8 Dicembre arriveremo ad una serie consecutiva di 16 giorni sia per il NOAA che per il SIDC, con il nostro conteggio invece saremo a 19, ad un passo da concludere un’altra serie da 20, ma dal Behind sembra che possa arrivare qualcosa, e da domani una nuova regione potenzialmente ben attiva entrerà nel visiblie

FABIO

Annunci
  1. Stefano Riccio
    8 dicembre 2009 alle 14:28

    Io dubito che domani possa succedere qualcosa perchè la prima regione è una plage, la seconda è già sfaldata nel behind delle 14.
    Ora dobbiamo vedere com’è la terza.

  2. 8 dicembre 2009 alle 14:45

    La terza regione dalla estensione sembra anch´essa una plage senza macchie dentro. Se cosí fosse questo mese di dicembre comincia a diventare interessante.
    La zona che Gong farside segnala con una probabiltá di esistenza del 79% arriverá tra circa una settimana e avrá tutto il tempo per sfaldarsi.
    http://gong.nso.edu/data/farside/

  3. Nicola
    8 dicembre 2009 alle 14:50

    Da notare anche i buchi coronali a medie latitudini, ottimo 😀

  4. Fabio2
    8 dicembre 2009 alle 14:52

    Esatto, anch’io sono perplesso: l’unica regione degna di nota, secondo il farside GONG, è ancora ben lontana. Le altre due, al momento, non sembrano niente di che. Beninteso, sappiamo bene che una regione può produrre macchie da un giorno all’altro e anche meno, però nel farside finora non si vedeva alcunchè degno di nota, tranne appunto quello che avete citato.

    Dunque, come al solito, attendiamo con pazienza. 🙂

  5. 8 dicembre 2009 alle 15:16

    Buchi coronali all’equatore…strepitoso il nostro sole

  6. Stefano Riccio
    8 dicembre 2009 alle 15:24

    I buchi coronali all’equatore sono da pieno minimo, quindi i fatti sono due
    1) o il ciclo 24 non parte
    2) oppure sta già finendo

  7. Nicola
    8 dicembre 2009 alle 15:42

    No aspetta, i buchi coronali all’equatore sono da massimo!
    Infatti su wikipedia spiega così:
    “durante il minimo solare, i buchi coronali si trovano principalmente nelle regioni polari del Sole, mentre durante il massimo solare sono dislocate in tutta la superficie solare.”

    Quindi saremmo in massimo ora, o comunque vicinissimi…

    Ciao 🙂

  8. 8 dicembre 2009 alle 15:48

    si sono da massimo a quanto sò…

  9. Stefano Riccio
    8 dicembre 2009 alle 15:51

    Scusatemi è un mio lapsus

  10. Stefano Riccio
    8 dicembre 2009 alle 15:54

    Volevo dire che siamo in un massimo very low!

  11. nitopi
    8 dicembre 2009 alle 16:01

    anche il GONG farside vede qualcosa…

  12. 8 dicembre 2009 alle 16:09

    Se arriviamo a fine settimana spotless significa una serie di 20 gg. “ufficiali” e di 23 per NIA. Una serie cosí adesso é stupefacente!

  13. Nicola
    8 dicembre 2009 alle 16:11

    Esatto 😀

  14. Nintendo
    8 dicembre 2009 alle 16:21

    e vorrebbe dire agganciare il 2008 come giorni spotless

  15. Stefano Riccio
    8 dicembre 2009 alle 16:23

    se agganciamo il 2008 sarei proprio curioso di vedere cosa dicono al noaa per giustificare il fatto

  16. frozen
    8 dicembre 2009 alle 16:33

    E intanto il nostro caro Dr. Hathaway posticipa il max di altri 5/6 mesi circa, ma che bravo!!! Fin quando durerà questo giochetto che continua ormai da più di un’anno??? Perchè è di questo ke si tratta!!!

  17. Andrea b
    8 dicembre 2009 alle 16:45

    XNITOPI
    il disegnnino che forse cercavi nel post di prima può essere questo?

  18. 8 dicembre 2009 alle 16:55

    Intanto quasi per far un piacere ai fanatici dell’ AGW che a Copenaghen si stanno scatenando … i ghiacci dell’ Artico in un giorno hanno perso più di 100.000 kmq … il dato é molto sospetto perché riporta un numero molo preciso ovvero 10,865,000 kmq .
    Non sono un complottista ma certe coincidenze mi irritano parecchio …

  19. Stefano Riccio
    8 dicembre 2009 alle 17:34

    beh bisogna farci il callo, per dieci giorni ne sentiremo parlare in qualsiasi telegiornale del ghiaccio che si sciogle e di tutti i catastrofismi vari.
    Poveracci sono proprio fissati…

  20. GIANFRANCO
    8 dicembre 2009 alle 17:46

    ma anche se non lo agganciassimo, sarebbe per una manciata di giorni…

  21. Pietro
    8 dicembre 2009 alle 17:46

    Ahah ridicoli!
    Dotto’ mi sa che a gennaio devi scendere un altro po’ con quella curva…

  22. GIANFRANCO
    8 dicembre 2009 alle 17:48

    arriveremo al 2013 e sarà ancora lì a spostare la data del massimo 😀

  23. 8 dicembre 2009 alle 18:03

    Domani postiamo un articolo sulla vera situazione in antartico con i ricercatori della base brasiliana Ferraz che non vogliono piú sentir parlare di riscaldamento globale ma solo di raffreddamento globale perché LORO la stanno vivendo in una estate antartica particolarissima.
    Non sono climatologi a tavolino che elaborano e modificano dati, sono scienziati che vivono sul campo una vita di sacrificio per la scienza VERA.

  24. 8 dicembre 2009 alle 18:35

    Notizie stupefacenti arrivano da Copenaghen!!
    Per ora posso solo dirVi che esiste un trattato segreto tra USA, Inghilterra e che verrá presentato dalla Danimarca (come prestanome) dove i paesi ricchi possono continuare le loro emissioni e i paesi popveri sono invece obbligati ad accettare le riduzioni di emissioni.
    Il tutto tagliando fuori l´ONU e l´IPCC e arriva il controllo del Banco mondiale.
    Il Brasile e la Cina che dovevano fare una conferenza stampa stasera hanno abbandonato la sala per avere notizie su questo accordo segreto.
    Il giornale The Guardian é quello che ha diffuso questo accordo segreto tra stati.

  25. 8 dicembre 2009 alle 18:37

    Questo é il draft che the guardian é riuscito ad avere e pubblicare:
    http://www.guardian.co.uk/environment/2009/dec/08/copenhagen-climate-change

  26. Luigi Lucato
    8 dicembre 2009 alle 18:59
  27. Luigi Lucato
    8 dicembre 2009 alle 19:37

    Copenhagen climate summit in disarray after ‘Danish text’ leak
    http://www.guardian.co.uk/environment/2009/dec/08/copenhagen-climate-summit-disarray-danish-text

  28. ALE
    8 dicembre 2009 alle 19:39

    Buona sera a tutti Voi!
    Aggiorniamo innanzitutto il “farside ufficiale” MD-Doppler-Imaging:

    Bello pulito!!!!
    Io mi aspetto ancora una AR magari con macchie sull’emisfero Sud il 10 Dicembre e poi siamo in linea con il 2008.
    Ora, invece di sperperare fondi per la ricerca su AGW farebbero bene ad investire in Ricerche sulla nostra stella, fino all’anno scorso sentivo dire: “Il Sole non è una forzante degna di nota per il clima terrestre”; Ora credo che finalmente ci farà capire la sua importanza nelle dinamiche climatiche terrestri!
    ALE

  29. ice2020
    8 dicembre 2009 alle 19:47

    Mancano pochi giorni e risarò dei vostri!

    Incredibilile la nuova striscia spotless!

    Quella regione anche a me nn sembra nulla di che, ma verdrmo domani…

    continuate così ragazzi!

    Siete grandissimi

    PS.sempre msn bloccato…

    Simon

  30. 8 dicembre 2009 alle 19:53

    Copenhagen, Danimarca —Il giornale inglese “The Guardian” ha pubblicato oggi un testo che sarebbe un accordo climatico scritto in segreto tra Danimarca, Stati Uniti e Gran Bretagna. Il documento é caduto come una bomba e si parla solo di questo nei corridoi della riunione di Copenaghen. Questo accordo aumenta il potere dei paesi ricchi, riduce il ruolo dell´ONU nelle future negoziazioni climatiche e prevede l´abbandono del protocollo di Kioto.
    Giá da ieri vcircolovano voci che la Danimarca avrebbe presentato un documento a parte. Quando il giornale The Guardian ha pubblicato il documento ha provocato reazioni immediate dei paesi in via di sviluppo e dei paesi poveri. Il Brasile che doveva fare una conferenza adesso, ha sospeso le conversazioni per mettersi in contatto con il governo brasiliano.
    Questo accordo stá essendo chiamato ” testo danimachese”, e stabilisce limiti disuguali per la riduzione delle emissioni di carbonio tra paesi sviluppati ed emergenti nel 2050.
    L´accordo permetterebbe ai paesi ricchi, per esempio, di emettere quasi il doppio di carbonio per abitante contro i paesi emergenti
    Ancora secondo il testo ottenuto dal Guardian, l´accordo segue la stessa linea del protocollo di Kioto: responsabilizza i paesi ricchi per i rischi dei cambiamenti climatici ed esige il compimento di obiettivi. I paesi emergenti
    potranno adottare obiettivi volontari per la riduzione delle emissioni.
    Secondo gli specialisti, il testo stabilisce che il Banco Mondiale sará il responsabile per amministrare il finanziamento dei cambiamenti climatici, il che ridurrebbe il ruolo dell´ONU.
    La pubblicazione dell´accordo segreto ha lasciato i paesi sviluppati ed emergenti furiosi.
    Il Brasile e la Cina che dovevano fare delle dichiarazioni in una conferenza stampa hanno abbandonato la sala per chiedere maggiori informazioni sopra questo ennesimo scandalo.

    COSA VALE FARE TANTO CHIASSO SE DUE PAESI VOGLIONO IMPORRE LE LORO CONDIZIONI A TUTTI GLI ALTRI??

  31. nitopi
    8 dicembre 2009 alle 20:19

    no, no… era quacosa tipo questo

    Come se il grafico del SN andasse “negativo” ….

    Ciao
    Luca

  32. Andreabont
    8 dicembre 2009 alle 20:22

    Non so bene, scrivo solo dopo aver letto quando voi avete scritto sul caso.

    Sembrerebbe più che un accordo serio un accordo fatto per far esplodere uno scandalo in grado di far fallire miseramente la conferenza.

    Io credo da tempo che questa conferenza sia inutile (così come è fatta) e che in realtà ci siano solo interessi economici: e infatti di soldi ne girano tanti. A molti paesi (tra cui gli USA) farebbe comodo salvare la faccia (gli USA hanno appena dichiarato che i gas serra sono estremamente pericolosi) senza perdere troppi quattrini (e un fallimento della conferenza gli farebbe risparmiare non poco)

    Insomma, tanti giochini politici e poco clima, come immaginavo: una completa farsa.

  33. nitopi
    8 dicembre 2009 alle 20:26

    Si, Simon, non solo spotless! Guarda i magnetogrammi…. da paura!
    E poi il vento solare: hanno dovuto mettere 200 come fondoscala nella pagina di Soho…. era 250 fino a qualche settimana fa…
    Ciao
    Luca

  34. nitopi
    8 dicembre 2009 alle 20:35

    scusate l’OT…
    bell’articolo su 3bmeteo

    http://www.3bmeteo.com/giornale/meteo_articolo-9344.htm

    Ciao

    Luca

  35. dome
    9 dicembre 2009 alle 01:32

    😮 mamma mia non avevo notato… sembrano due veri e propri strappi ;D

  36. Enrico
    9 dicembre 2009 alle 09:06

    Una provocazione.

    Tutti voi, sareste pronti a rinunciare a parte delle vostre “ricchezze” e comodità, in pratica fare un passo indietro (che sia uno dei cellulari e dei tv lcd posseduti, o l’abbonamento ad una paytv, o l’adsl flat, o la seconda auto, o una vacanza etc. etc.) per la collettività ?
    Che sia per il clima, per l’inquinamento o per il benessere di tutti poco cambia.
    Sareste pronti ? Io dico di no… io no, non mi nascondo, ci stiamo così poco al mondo ed è già piena di sofferenza la vita che non vorrei proprio rinunciare a niente, anzi, vorrei di più !!!
    Figuriamoci chi ha molto più di noi, inteso come €€€€€

    E questo è quello che accade adesso, è chiaro che i paesi più grandi, inquinatori, non vogliono fare passi indietro, non lo vogliono i politici perchè non lo vuole il popolo, ed il popolo sono gli elettori…. siamo noi !

    Tagliare le emissioni, ridurre l’inquinamento, produrre con più attenzione alla natura etc. comporta inevitabilmente un aumento dei costi di produzione, quindi o si alzano i prezzi e si provoca una crisi globale, oppure qualcuno si accontenta di guadagnare meno…. ma in quel caso, qlc finirà per comprare meno, e di nuovo siamo in crisi.

    Non c’è soluzione… continuerà tutto ad andare come va adesso, queste conferenze, meeting etc. sono solo una grande perdita di tempo ed un’occasione per chi ci va di fare delle belle mangiate a “sbafo”.

    Parliamo del Sole che è meglio…..

  37. Nitopi
    9 dicembre 2009 alle 09:34

    E via, verso il burrone, con l’intelligenza di un lemming 8) 8) 8)

    Però purtroppo hai ragione.
    Ci siamo evoluti abbastanza da riuscire a sfruttare l’ambente, ma non abbastanza da capire quando smettere….

    Ciao
    Luca

  38. NiKola
    9 dicembre 2009 alle 10:24

    Salve. La provocazione di Enrico ha colpito in pieno. Non ho resistito a rispondere.
    Il problema è l’eventuale “crisi Globale” vero? Come se già un miliardo di persone non muoino di fame. Almeno tu hai avuto coraggio di dire quello che sicuramente molti pensano. Un bel discorsetto di puro menefreghismo verso il prossimo (attenzione che se il convincimento sul sole si riveli sbagliato sarà menefreghismo verso voi stessi). Mi raccomando non dimenticare di fare la comunione domenica!

  39. Enrico
    9 dicembre 2009 alle 11:17

    Ciao Nikola.

    E’ evidente che è solo una provocazione, il mio menefreghismo resta tale, per adesso, perchè vedo che chi davvero conta, se nè strafrega a sua volta, e quindi posso stare attento a cosa compro e perchè, e non solo perchè ho pochi soldi (e lo faccio..), posso fare la raccolta differenziata da sempre (e lo faccio..), posso evitare si sprecare l’energia non solo per le bollette ( e lo faccio..), ma oltre questo ? Cosa dovrei fare come singolo ? Stare attento a chi votare ? Provo a fare anche quello, con i miei limiti.
    Non faccio la comunione e non guardo il GF (a qlc potrebbero non sembrare legate le 2 cose, invece lo sono moltissimo….) per fortuna….

    Ma non accetterei di pagare il prezzo di un sistema “più giusto” per il semplice fatto che, se fatto dall’uomo non sarà mai giusto e non sarebbe spartito in manier equa, come le tasse, nè più nè meno.
    Io magari dovrei privarmi di qlc che davvero mi serve e che ho ottenuto con sacrifici, i “soliti” non rinuncerebbero a niente.
    La crisi globale attuale nè è una prova, a rimetterci sono sempre i soliti tranne qualche strombazzata eccezione, ed “ironia” della sorte ci stanno rimettendo anche i paesi non sviluppati….

    Come ha detto Nitopi, giù nel burrone, ed è quello che succederà, prima o poi.

  40. NiKola
    9 dicembre 2009 alle 14:24

    E’ chiaro che noi nel nostro piccolo possiamo fare relativamente poco. Son le grosse decisioni dall’alto che vanno prese, anche con il coraggio del cambiamento, che non per forza intendono abbassare la qualità della vita ma semplicemente pensarla più sostenibile. La tua provocazione mi ha infastidito, anche se magari tu non credi veramente a quello che hai scritto molti invece si. Son persone che sanno che nel 2100 non ci saranno più e del prossimo non interessa niente.

    Per quanto riguarda la crisi io ho un parere tutto mio, il solo fatto che per uscirne dicono di consumare-acquistare-spendere la dice lunga in che razza di economia siamo. Non sicuramente intorno alla persona. Senza contare che nell’ultimo anno “grazie” alla crisi una stazione di rilevamento italiana ha misurato -3% di CO2. O per lo meno gli è stata data la responsabilità visto il minor lavoro industriale.

  41. Andreabont
    9 dicembre 2009 alle 18:44

    Io sto solo dietro al mio istinto di sopravvivenza.

    Mi muovo solo se ne va della mia esistenza e della mia sopravvivenza.

    Un pò come tutti d’altronde, ma non tutti hanno il coraggio di ammetterlo.

    Dare soldi per un qualcosa che avrà basse probabilità di successo e che comunque credo che non c’entri molto con il problema?? No, preferisco usare i miei soldi per qualcosa di più “certo” e “CONCRETO”.

  42. Andreabont
    9 dicembre 2009 alle 18:47

    Aggiungo: riempire il nostro habitat di metalli pesanti e altre sostanze altamente nocive è un attentato alla salute, e quindi alla mia esistenza.

    Ne segue che meglio usare soldi e forze per combattere quello, piuttosto che la CO2.

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: