Home > Ghiacci Artici > Ghiacci Marini Artici – Situazione Novembre 2009

Ghiacci Marini Artici – Situazione Novembre 2009

12 dicembre 2009

Estensione:

Anomalia Concentrazione:

Area:

Trend Anomalia Estensione:

Curiosità:

Rispetto a 10 anni fa abbiamo 0.7milioni di kmq di estensione in meno e 1.2 in meno di area

Rispetto a 20 anni fa abbiamo 1.3milioni di kmq di estensione in meno e 1.4 in meno di area.

Rispetto a 30 anni fa abbiamo 0.9milioni di kmq di estensione in meno e 0.3 in meno di area

FABIO

Advertisements
  1. Fabio2
    12 dicembre 2009 alle 08:11

    Guardando la mappa, esaminando il grafico sul trend e leggendo i numeri, l’impressione è che i ghiacci siano in ripresa rispetto al 2007 e 2008, anche se non c’è per ora una chiara uscita da quel trend discendente indicato nel grafico. Magari, se il Sole dorme un altro po’, quel trend virerà (tra qualche anno) verso l’alto.

  2. ice2020
    12 dicembre 2009 alle 08:21

    Per Nintendo: nei dati sole in diretta perchè tra parentesi hai messo alcun volte da ricontrollare?

    Simon

  3. Fabio2
    12 dicembre 2009 alle 08:56

    Ciao Simon,

    se posso permettermi di darti/darvi un suggerimento, prevederei un canale a parte, in chiaro o riservato (a vostra scelta, in chiaro comunque da’ l’idea della massima trasparenza) per tutte le comunicazioni “di servizio” tra amministratori, articolisti e in generale tra chi contribuisce alla gestione del blog.
    Si tratterebbe, in sostanza, di aggiungere una voce al menù in alto nella pagina, non so se ho reso l’idea……

    Darebbe un’impressione di maggiore professionalità e diminuirebbe la confusione tra commenti di varia natura al medesimo articolo, specie quando ce ne sono decine (merito del successo del blog e del singolo articolo, peraltro).

  4. Andreabont
    12 dicembre 2009 alle 09:20

    D’altro canto segnalo l’antartide (dopo aver letto gli articoli che lo davano per il 2100 sciolto.)

    [img=http://nsidc.org/data/seaice_index/images/s_plot_hires.png]
    [img=http://nsidc.org/data/seaice_index/images/daily_images/S_timeseries.png]

    Nel lungo periodo il trend è di leggera crescita.

    Nel periodo immediato notiamo che siamo sopra la linea di media, e che stranamente siamo sotto la media 2007-2008, teoricamente quella che è stata tracica per l’artide…

  5. Andreabont
    12 dicembre 2009 alle 09:28

    http://www.repubblica.it/2009/06/sezioni/ambiente/conferenza-copenaghen/polo-sud/polo-sud.html

    😐

    Ok, ok, tutte le ipotesi devono essere viste con imparzialità, tutte devono avere il diritto di poter essere provate, almeno tentando.

    Ma adesso, che per spiegare il fatto che l’antartide non si sta sciogliendo (anzi, sta lentamente crescendo) tirini in ballo il buco nell’ozono, mi puzza.

    Sempre colpa dell’uomo, è colpa dell’uomo che si sta sciogliendo, ed è colpa sua che non si sta sciogliendo come dovrebbe 😐

    Bha, non tento nemmeno più di capirli….

  6. Andreabont
    12 dicembre 2009 alle 09:51

    Aggiornamento sole:

    20091211 180000 2455177.239 2091.168 0075.2 0072.9 0065.6
    20091211 200000 2455177.322 2091.172 0072.1 0069.9 0062.9
    20091211 220000 2455177.406 2091.175 0072.9 0070.7 0063.6

    In pratica ancora l’anomalia del solar flux delle 20 più basso del solar flux delle 22.

    Non credo sia manipolato intenzionalmente, non sono così scemi, ma è una anomalia, e mi piacerebbe scoprire che cosa significa.

  7. 12 dicembre 2009 alle 10:33

    Intanto negli USA imperversano le tempeste di neve e le immagini satellitari mostrano come l´America sia imbiancata. Effetto del GW certamente che ad inizio dicembre le tormente di neve coprano gli States…

  8. EnzoDD
    12 dicembre 2009 alle 11:16

    Stamattina c’era un po di bianco sui tetti di Dresda e nevica in Polonia dove tra poco andro’ per un week end trip!… d’altronde l’inverno e alle porte…

  9. Nintendo
    12 dicembre 2009 alle 11:19

    te l’ho detto 2 giorni fa, perchè non sono sicuro che siano giusti.
    poi, da Martedì prossimo non avrò internet per una settimana.

  10. Fabio2
    12 dicembre 2009 alle 11:29

    Pare che lunedì ci sarà un po di bianco anche sui tetti di molte città e paesi della Pianura Padana.
    E non è affatto escluso che, fino a fine dicembre, l’evento non possa ripetersi.

    Più in generale, di buono c’è che in questo autunno finalmente si sono riviste le classiche perturbazioni atlantiche e, proprio in questi ultimi giorni, l’anticiclone russo-siberiano. Erano anni che non si prospettava un’invernata classica come questa. Bene, bene…..

  11. giorgio
    12 dicembre 2009 alle 12:41

    L”ultima di ieri a copenaghen:se superiamo la soglia di 450 pmm(0,045%)l”umanita andrebbe incontro a seri problemi di salute.Ora sentire dire questo a livelli cosi alti e tacere non e” assolutamente possibile.Perche una persona possa avere qualche disturbo la concentrazione di co2 dovrebbe essere di almeno 10 volte quella attuale,tanto per darvi un”idea altri 5-10 mila anni di emissioni a questi ritmi(effetti retroattivi permettendo).Vi ricordo che ora siamo a 0,03785%di co2 .100 anni fa eravamo allo 0,0284%.Un secolo di emissioni equivalgono allo 0,01% in piu ammesso che sia tutta colpa dell”umanita.A voi i commenti.

  12. Andreabont
    12 dicembre 2009 alle 13:54

    Ormai ho deciso di ascoltare (prendendo con le pinze) solo i dati “scientifici”, non quelli puramente soggettivi sparati da un relatore qualsiasi che vuole solo fomentare la paura sulla fine del mondo.

    Copenaghen non è una conferenza scientifica, è una conferenza politica unita a tanto fanatismo pseudo-religioso.

  13. antartic
    12 dicembre 2009 alle 13:59

    è colpa dell’uomo!!!!

  14. Andreabont
    12 dicembre 2009 alle 14:04

    http://www.ivg.it/2009/12/12/gli-europei-scelgone-le-vacanze-eco-sostenibili-italiani-i-piu-verdi/

    “Non vorrai mica essere da meno?? Vieni anche tu nei nostri Hotel Ecologici!”

    Ed ecco a voi, signori miei, che parte in grande stile lo sfruttamento alla gallina d’oro del terzo millennio: il riscaldamento globale.

    Quando la scienza passa in secondo piano all’economia possiamo anche dire addio alla ragione: per questo non ho fiducia in Copenaghen.

  15. giorgio
    12 dicembre 2009 alle 14:14

    Vi do la prova ragazzi miei una volta per tutte della demenza di Copenaghen.Ebbene hanno detto che l”attuale concetrazione di co2 e” la piu alta da due milioni di anni.Se e cosi forse non si rendono nemmeno conto delle loro stesse buffonate.Ora che hanno detto questo devono spiegare una volta per tutte al mondo intero perche mille anni fa la terra era piu calda di 2 gradi di adesso con la meta di co2.Porca miseria PAGLIACCI PAGLIACCI PAGLIACCI E BUFFONI usano i nostri soldi per fare solo quello che gli pare manipolando tutto e tutti.un”altro esempio di manipolazione : l”ultimo decennio e” statto il piu caldo daquando si misurano le temperature.Bene perche non dicono anche sono undici anni che le temperature non crescono piu?PAGLIACCI PAGLIACCI PAGLIACCI E BUFFONI.

  16. 12 dicembre 2009 alle 14:58

    Voi riuscite ad immaginare quale sarebbe il futuro della popolazione mondiale se si facesse tutto quello che pochi pseudoscienziati tentano di imporre?
    Intanto niente carne perche dicono che il 50% del CO2 é emesso negli allevamenti, elettricitá razionata per la chiusura delle centrali a carbone, delle centrali nucleari e delle centrali che funzionano con gasolio (petrolio). Resterebbero solo quelle idroelettriche ma che non abbiano un impatto ambientale e quelle eoliche che forniscono lo 0,03% della energia mondiale e quelli fotovoltaici la cui incidenza é assolutamente uguale a zero.
    Vegetali coltivati solo senza uso di concimi chimici (derivati dal petrolio) e antiparassitari. Pesci solo quelli derivanti da allevamenti di piscicultura, in pratica lo 0,0006% del pescato attuale.
    Naturalemte niente riscaldamento e niente aria condizionata. Auto neanche a pensarci cosí come viaggi aerei e per nave. La parola d´ordine é che non bisogna piú usare prodotto derivati dal petrolio perché la raffinazione produce gas ad effetto serra e inquinanti. Ninete abbigliamento con fibre sintetiche.
    Questo solo pochi esempi.
    Il futuro é la decimazione della popolazione con la sopravvivenza di una ristretta elite ricca e prepotente.
    Tutto ció mi ricorda un bellissimo libro di Giorgio Vacca: Il medioevo prossimo venturo.

  17. Fabio2
    12 dicembre 2009 alle 15:26

    Naturale che simili opzioni non possano nemmeno essere prese in considerazione.
    Credo invece saremo progressivamente costretti ad utilizzare la tecnologia per ridurre l’impatto delle nostre azioni sul nostro pianeta. Ci costerà un po, ma sono convinto ne valga la pena. Mi riferisco soprattutto agli inquinanti, esclusa la CO2.

    Per quanto riguarda la CO2, invece, prima di convincermi a tirare fuori i soldi per far fare del business ad altri su tecnologie che ne emettano di meno o per niente, qualcuno deve convincermi che la CO2 è effettivamente una minaccia per il nostro clima. Finora non ho letto di prove convincenti e non basta una campagna sui mezzi di informazione, prospettando scenari catastrofici.
    Voglio vedere le prove, se ce ne sono. Altrimenti niente soldi, chiaro signori riuniti a Copenhagen? 🙂

  18. giorgio
    12 dicembre 2009 alle 15:57

    X Fabio 2: anche tu hai speso soldi per la riduzione della co2. 600 mln di euro stanziati dal nostro governo per sostenere la riduzione delle emissioni dei paesi in via di sviluppo.Soldi tuoi ,miei di tutti spesi senza nemmeno chiederti un”opinione.Il bello che parlano di riduzione di emissioni prendendo aerei di stato,accompagnati con la limosine,assaggiando antipasti di caviale , dormendo in hotel 5 stelle lusso sempre con i nostri soldi,quando solo qualche migliaio di km piu a sud persone muoiono ancora di fame.Un ottimo esempio.Molto bravi i nostri governanti,bravi davvero.Poi dobbiamo subire anche le loro menzogne e pagare il conto delle loro scelte.

  19. ice2020
    12 dicembre 2009 alle 16:02

    Andrea dammi il link del solar flux per favore, è 3 volt che lo sto chidendo…

    Simon

  20. ice2020
    12 dicembre 2009 alle 16:04

    Tranquillo Fabio ho corrtto io quelli annuali, mentre per quelli totali ci devo lavorare,,,

    anzi se qualcuno ha il link dei giorni spotless del sic, lo lasci qui sotto

  21. Stefano Riccio
    12 dicembre 2009 alle 16:18

    Questo è il link del solar flux penticton:
    http://www.spaceweather.gc.ca/sx-4-fra.php

  22. Andrea b
    12 dicembre 2009 alle 16:26
  23. Andrea b
    12 dicembre 2009 alle 16:29
  24. Andrea b
    12 dicembre 2009 alle 16:32

    Tuo fratello deve aver fatto un gran danno se ti ha cancellato i siti preferiti.

  25. ice2020
    12 dicembre 2009 alle 17:00

    Eh si…

    cmq ora i dati sole in diretta sn stati corretti e sn giusti:

    https://daltonsminima.wordpress.com/dati-sole-in-diretta/

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: