Home > Ghiacci Antartici > Ghiacci Marini Antartici – Situazione Dicembre 2009

Ghiacci Marini Antartici – Situazione Dicembre 2009

11 gennaio 2010

Estensione:

Anomalia Concentrazione:

Area:

Trend Anomalia Estensione:

Curiosità:

Rispetto a 10 anni fa abbiamo 0.2milioni di kmq di estensione in meno e 0.3 in più di area

Rispetto a 20 anni fa abbiamo 0.7milioni di kmq di estensione in più e 0.4 in più di area.

Rispetto a 30 anni fa abbiamo 1milione di kmq di estensione in più e 0.9 in più di area

FABIO

Advertisements
  1. Fabio
    11 gennaio 2010 alle 19:54

    i ghiacci antartici reggono bene nonostante il gran caldo nell’emisfero sud, ora bisognerà vedere la tendenza nel lungo periodo, comunque positivo questo dato, poi come sempre bisognerà valutare quanto ghiaccio si formerà e tirare le somme nei prossimi mesi, io sono fiducioso!!!

  2. Luigi Lucato
    11 gennaio 2010 alle 20:09

    IPCC scientist: Global cooling headed our way for the next 30 years?
    http://wattsupwiththat.com/2010/01/11/ipcc-scientist-global-cooling-headed-our-way-for-the-next-30-years/

  3. Fabio
    11 gennaio 2010 alle 20:11

    Link immagine antartico di 2 giorni fa

  4. 11 gennaio 2010 alle 20:18

    C´era nelle bozze un articolo che avevo scritto ieri proprio su questo.
    WUWT ci ha preceduto ma di poco…. e poi il nostro sará un poco piú completo 🙂

  5. giorgio
    11 gennaio 2010 alle 21:04

    La somma dei due poli corrisponde esattamente a quella di 30 anni fa.Quindi per quanto concerne l”estensione globale abbiamo annullato un trentennio di GW.Un passettino avanti….sole permettendo.

  6. ice2020
    11 gennaio 2010 alle 21:07

    Domani mattina Sand pubblicalo te che io ho da fare!

    Intanto il solar flux aggiustato alle ore 20 sale a 86, nuovo record del ciclo 24…

  7. Michele
    11 gennaio 2010 alle 21:11

    x Fabio e Simon….
    Simon devi attivare i miei due link !
    Fabio nel precedente articolo c’è una piccola osservazione in merito alla CDG !!
    Ciauz

  8. Fabio
    11 gennaio 2010 alle 21:45

    Ottima osservazione, se questo minimo è davvero il primo di una serie di cicli molto deboli ne vedremo delle belle, posto un link interessante una cartina delle temperature europee, si noti come la nostra penisola sia stata risparmiata al momento dal gran freddo, le alpi giocano un ruolo fondamentale in questo, senza loro il nord italia sarebbe forse uno dei posti più nevosi del continente dato l’avvicinanza al mediterraneo

    http://www.wpsmeteo.it/mkportal/editor/jscripts/tiny_mce/plugins/imagemanager/images/articoli/temperature_europa.bmp

  9. Fabio
    11 gennaio 2010 alle 22:05

    Bella osservazione Michele!!!!:):) chiedo scusa:):)
    CIAO CIAO:):)

  10. Andreabont
    11 gennaio 2010 alle 22:36

    Ti dirò di più:

    L’Artide è giaccio immerso nel mare, a causa dell’anomalia dell’acqua, il giaccio ha più volume dell’acqua (infatti galleggia).

    Quindi, se l’Artide si scioglie, miei cari, il livello del mare si abbassa (e la salinità pure)

    L’Antartide è un continente, se si sciogliesse, l’acqua si aggiungerebbe al mare, facendo salire il suo livello… ma, miei cari, non si sta sciogliendo (anzi)

    Quindi, per ora, solo i ghiacciai sulle montagne stanno facendo salire il livello del mare, null’altro…

    Come mai tutto questo allarmismo, dove è finito il mare minaccioso che doveva sommergerci?

  11. Nintendo
    11 gennaio 2010 alle 23:05

    riguardo a questa cosa della PEG in arrivo, io ritengo sia una grandissima balla, i dati satellitari mostrano tutt’altro e questo periodo di freddo nell’emisfero nord non è così eccezionale come lo si vuol far sembrare.

    riguardo ai riassunti mensili sul gw spero di riuscire a inserire nelle bozze domani quello dell’italia, e quello sui dati satellitari

  12. Andrew
    11 gennaio 2010 alle 23:37

    Devo però farti un appunto durante la peg non si è avuta la glaciazione totale del pianeta c’è stata una variazione delle correnti atmosferiche una modifica della compsizione dell’atmosfera e una variazione anche di mezzo grado può provocare scombussolamenti enormi vedi per esempio quello che sta succedendo a livello emisferico io penso che i dati satellitari non corrispondano perfettamente alla realtà e ricordo ache che gli enti di monitoraggio fanno sempre capo ai sostenitori del global warming

  13. Nintendo
    11 gennaio 2010 alle 23:54

    ok, ma non cambia la cosa, questo periodo resta molto freddo, ma non del tutto eccezionale:
    non conosco dati asiatici, ma a livello europeo e americano non siamo poi così eccezionali.

  14. 12 gennaio 2010 alle 08:19

    Ok questo “tempaccio” nell’ emisfero nord può essere quasi normale. Ma sicuramente a Nord non é caldo come qualcuno aveva pronosticato. Ovvero il tempo fa come cavolo gli pare …
    Questi allarmismi secondo me sono solo campagne pubblicitarie per vendere fumo e prodotti quali impianti di pannelli fotovoltaici, tetti d’oro e mulini a vento … che si ammortizzano in solo 30 40 anni …
    Tutto é diventato eco ecologico ecocompatibile … eco_un_cavolo. Ti rifilano auto che hanno solo la campagna pubblicitaria ecocompatibile … tutto consuma di più perché anno aggiunto nuove funzionalità … cavalli in più climatizzatori etc. etc.
    Insomma cerchiamo di vedere le cose con un pò di cinismo e scetticismo !
    Cerchiamo di togliere il rumore di fondo dellla pubblicità dalle informazioni che riceviamo … non é un operazione semplice ma essere scettici a prescindere e non dare mai niente per scontato é sempre utile.

    Sta di fatto che non mi sembra che l’aumento della CO2 sia riuscito a bloccare gli inverni come diceva qualcuno … questo dovrebbe esser sufficiente per ridimensionare e di molto l’ importanza di tale componente che si perderebbe nella somma delle altre variabili.
    Insomma come accendiamo la TV ogni 20 minuti ascoltando una pubblicità o seguendo un notiziario qualcuno ci ricordano che bisogna diminuire i gas serra per ridurre il riscaldamento globale …
    … io questa menzogna globale proprio non riesco a digerirla e tutte le volte mi innervosisco … %&#ç@!!

  15. Antartic
    12 gennaio 2010 alle 09:30

    Ciao ragazzi aggiornata a due giorni fa

    Questa è la situazione artica a due giorni fa.

    Questa è la situazione antartica di due giorni fa.

    Questa è la situazione aggiornata della baia di Baffin.
    http://arctic.atmos.uiuc.edu/cryosphere/IMAGES/recent365.anom.region.4.html

    L’anomalia maggiore la presenta proprio questa porzione di artico… ritornando al al discorso della Corrente del Golfo!!

    Come ha detto Giorgio siamo ritornati a valori di trent’anni fa!!!
    http://arctic.atmos.uiuc.edu/cryosphere/IMAGES/global.daily.ice.area.withtr

  16. Antartic
    12 gennaio 2010 alle 09:32

    Ciao ragazzi aggiornata a due giorni fa

    Questa è la situazione artica a due giorni fa.
    http://arctic.atmos.uiuc.edu/cryosphere/IMAGES/seaice.anomaly.arctic

  17. Antartic
    12 gennaio 2010 alle 09:33

    Questa è la situazione antartica di due giorni fa.
    http://arctic.atmos.uiuc.edu/cryosphere/IMAGES/seaice.anomaly.antarct

  18. Antartic
    12 gennaio 2010 alle 09:33

    Questa è la situazione aggiornata della baia di Baffin.
    http://arctic.atmos.uiuc.edu/cryosphere/IMAGES/recent365.anom.region.4.ht

  19. Antartic
    12 gennaio 2010 alle 09:34

    L’anomalia maggiore la presenta proprio questa porzione di artico… ritornando al al discorso della Corrente del Golfo!!

    Come ha detto Giorgio siamo ritornati a valori di trent’anni fa!!!
    http://arctic.atmos.uiuc.edu/cryosphere/IMAGES/global.daily.ice.area.w

  20. sbergonz
    12 gennaio 2010 alle 09:46

    Ti straquoto!

  21. agrimensore g
    12 gennaio 2010 alle 09:56

    Nella teoria di Svensmark sui raggi cosmici è incluso il motivo per cui l’antartide va in controtendenza (notere il meno 0.3 dell’estensione degli ultimi dieci anni, proprio quando da quando si è fermato il global warmng, rispetto ai dati positivi dell’ultimo trentennio, cioè col manifestarsi del global warming

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: