Home > Nowcasting Solare > Dopo la 1040, il ritorno della 1039…

Dopo la 1040, il ritorno della 1039…

15 gennaio 2010

Non si vedono altre regioni attive nella parte visibile del sole.

Tra un paio di giorni la 1040 sarà sparita, e forse potremmo avere altrettanti giorni spotless, ma poi sarà la volta del ritorno della regione 1039 ben visibile nel Behind in basso a sinistra:

Nei prossimi giorni avremo modo di capire meglio se tale regione ha ancora la possibilità di avere macchie al suo interno, al momento sembra abbastanza attiva.

Gli indici solari, nonostante la 1040, che ricordo essere la regione più grande apparsa sinora dall’inizio del ciclo 24, si mantengono ancora a livelli sostanzialmente medio-bassi, la media del solar flux aggiustato nel mese di gennaio, ha raggiunto con ieri il valore di 78.85, distanziando al momento con un bel balzo dicembre 2009 che chiuse a 74.31.

Per il Sidc con ieri siamo ad una media mensile di RI pari a 5.2, ben lontani ancora dal 10.6 con cui chiuse il mese scorso.

Staremo a vedere se una volta che la 1040 sarà sparita dietro il lato nascosto del sole, ci sarà la possibilità di avere ancora giorni spotless, ed interessante sarà anche vedere come si comporteranno il flusso solare e gli altri indici solari.

Simon

Annunci
  1. 15 gennaio 2010 alle 17:17

    Aggiornamento gfs12 molto interessante

    Il run propone un ripristino del flusso basso atlantico sul lungo dopo un break…Infatti l’indice AO dopo una momentanea fase di neutralità già dai prossimi giorni tenderà a divenire ancora molto negativo….Sintomo di altro spappolamento del VP???
    Vedremo se ci sarà occasione per risvolti freddi anche nel Mediterraneo centrale…Tutto si puo’ dire ma non che questo Inverno europeo sia statico…Le mosse bariche dell’alta russa e scandinava nel futuro saranno ancora presenti con possibili risvolti freddi o gelidi la dove favoriranno lo scorrimento delle masse d’aria in discesa dai loro lati orientali.
    Italia sempre in bilico tra Oceano e grande freddo…Attendiamo un incastro giusto che per ora è mancato al Sud!

    Per il resto la situazione solare se si mantiene cosi non crea problemi, visto che tra 3 o 4 mesetti come dicono Ale e Simon ne sapremo di più…Se si mantiene cosi l’attività debole e se fossimo in un vero pre MAX allora saremmo apposto per una serie di cicli deboli….

  2. Fabio2
    15 gennaio 2010 alle 17:21

    Bisognerebbe vedere le previsioni per l’emisfero nord alle quote di 1, 10, 100hpa, ma non le trovo più…. 😦

  3. Fabio2
    15 gennaio 2010 alle 17:44

    Trovato il link sull’AO:

    http://www.cpc.noaa.gov/products/precip/CWlink/daily_ao_index/ao_index_ensm.shtml

    ho postato la previsione con l’ensemble perchè mi pare la più significativa: se confermata, per fine gennaio si potrebbe tornare sotto di netto.
    Vediamo……

  4. 15 gennaio 2010 alle 17:49

    La 1040 non é altro che la resurrezione della 1035, la 1039 che ritorna… della serie se non li uccidi… ritornano.

  5. ice2020
    15 gennaio 2010 alle 18:00

    Esatto, la 1040 è nata dai rimasugli della 1035 che ha ripreso foza nel solito punto…

    Se anche la 1039 avrà ancoa macchie al suo interno, saranno 2 le regioni che avranno fatto un giro completo del sole cn macchie.

    e come dice Ale, questa una cosa più da solar maximum (o quasi) piuttosto che da uscita di un minimo…

    a proposito, Ale se ci sei batti un colpo!

    Simon

  6. Nintendo
    15 gennaio 2010 alle 18:06

    il solar flux è destinato fisiologicamente a salire, ma se dovesse restare sotto il valore di 80 sarebbe indice di una partenza a fatica.

  7. Michele
    15 gennaio 2010 alle 18:14

    Che 2010….
    e poi a Luglio c’è il grande alllineamento con Giove…
    …come disse Ale…”son 27000 anni che non passa così vicino dal Sole….”
    E Se questo è un Pre max….non riesco ad immaginare la sua configurazione magnetica a Settembre/Ottobre…
    Questo si che è un bel vedere…..
    Erano mesi che non tiravo fuori questa parola….ma se continua così…
    mi sa tanto che il futuro….è…..

    “Maya”…magia…a capir cosa accadrà….

    Ale aspettiamo il tuo dire….

  8. ridacciano
    15 gennaio 2010 alle 19:22

    ma che fate la danza della pioggia perchè non ci siano macchie ? :-))))))

  9. Nintendo
    15 gennaio 2010 alle 19:33

    al massimo facciamo la danze del sole

  10. enrico
    15 gennaio 2010 alle 19:53

    Ognuno ha diritto di esprimere le proprie idee, ma parlare di massimo solare ha davvero poco senso, per vari indici, per la latitudine della macchie, per il fatto che in ciclo così “assurdo” non si sarebbe mai visto da quando si osservano le macchie (che è cmq pochissimo rispetto alla vita del sole…), insomma, si può dire tutto, anche che la terra è piatta (c’è ancora chi lo sostiene), ma insomma… 😉

  11. ice2020
    15 gennaio 2010 alle 20:21

    Non crediamo che siamo nel massimo vero e proprio…semmai riteniamo che il massimo lo raggiungeremo ben più presto di quello che dicono gli enti preposti…ma staremo a vedere…

    tieni presente che questo ciclo è sato anomalo fin dall’inizio, e lo è anche adesso che si sta lentamente riprendendo…

    prossimi 3-4 mesi cruciali…

    Simon

  12. Stefano Riccio
    15 gennaio 2010 alle 20:32

    addirittura c’è uno degli spaghi che esce dal grafico, quindi ci potrebbe essere un forte blocco in atlantico e grazie alla NAO neutrale potrebbe fare il ponte di wejkoff con l’anticiclone delle azzorre e bloccare anche il mediterraneo con conseguente discesa fredda sul mediterraneo verso fine mese.
    staremo a vedere…

  13. 15 gennaio 2010 alle 21:04

    Si aspettiamo e vedremo…Certo che tra un paio di mesi ne capiremo di più se siamo da massimo o meno 😉

  14. Andrew
    15 gennaio 2010 alle 21:40

    Io alla fine ho dovuto ricredermi su questo minimo, il minimo è di fatto concluso e il ciclo seguirà le vie previste dai nostri scienziati anche perchè il sole è in fase di lenta crescita ma costante e poi la latitudine è da ciclo a mezza vita il massimo sarà nel 2012 inizio 2013 e poi ci sarà la discesa ora veniamo al picco, sui 60-70 sunspot mensili secondo i miei calcoli forse anche qualcosina meno.

    Ragazzi e poi voglio dirvi una cosa a malincuore ma la vedo così scordatevi un Dalton o un Maunder o anche solo un Damon ci saranno forse uno due cicli più bassi degli altri ma nulla di più tutto nella normalità del Sole un super minimo sarà difficile che lo vediamo noi se non impossibile anche perchè con le strumentazioni che abbiamo si riescono a vedere anche gli spilli presenti sul Sole 😦

  15. ice2020
    15 gennaio 2010 alle 22:40

    Stai sereno…nessuno sa, nessuno può fare pevisioni…

    e cmq un ciclo cn un mssimo di 60-70 ssn è quasi un Dalon! (50ssn)

    Stiamo a vedere, è tutto da scoprire

    Ciao

  16. ice2020
    15 gennaio 2010 alle 22:41

    Ed aggiungo che un 60-70 coi conteggi attuali, è un 50 nel 1800…quindi d cosa stiamo a parlà???

    Notte

  17. ALE
    15 gennaio 2010 alle 23:10

    Simon hai Mail!!!!
    Per il resto solo 3 MOSTRI del SC23 riuscirono a fare un Tur completo del Sole:
    AR 9393 (Tre giri completi del Sole); Marzo-Maggio 2001, Un anno dopo il SOlar Max.
    AR 486; 484 e 488 nel Novembre 2003!
    Lo stesso Prof. Hathaway dice che solo le AR più attive sono in grado di sostenere macchie al loro interno per più di 1 Giro di Stella!!!
    Ma quali vie Andrew? Le originali previsioni che davano il MAX nei Primi del 2010 o una delle altre 5 versioni via via limate e aggiustate????
    Dunque pensi veramente che un metodo Deterministico che mappa 300 anni di conteggi (che per la vita del Sole sono meno di un respiro della nostra) sia in grado di prevedere un Maunder che non hanno nemmeno in memoria???
    Prendiamo allora i Probabilistici puri, quelli che si basano sulla Dynamo Transport, a detta del Prof. Svalgaard hanno dimostrato tutta la loro inadeguatezza!!!!
    E se io Vi dicessi che forse ci sono le prove FISICHE del primo vero tentativo da parte del Sole stesso che ci dice di essere quasi al suo MAX??
    ALE

  18. ice2020
    15 gennaio 2010 alle 23:46

    Eh si caro Ale…

    Diciamo subito che lunedì ci sarà un tua articolo che scotta…come sempe…

    Simon

  19. giorgio
    16 gennaio 2010 alle 01:35

    Ale spero vivamente che sia come tu dici,perche tutti i risvolti climatici attuali salterebbero.Il sole e” colui che dall”alto dei nostri cieli detta i tempi del nostro clima

  20. sbergonz
    16 gennaio 2010 alle 05:18

    Tranquilli, un minimo più o meno importante ci sarà, perchè la ns stella non è stata mai così attiva come negli ultimi 60 anni, che hanno portato al riscaldamento tra gli anni ’80 e 2000, quindi si deve regolarizzare per non diventare instabile. Il raffreddamento molto probabilmente ci sarà, forse appena appena meno intenso di come sarebbe stato se non ci fosse stata la CO2 antropica, ma ci sarà.

  21. nitopi
    16 gennaio 2010 alle 06:59

    pero’ la latitudine non quadra con il max…
    O no?
    in effetti in fase di max ho visto immagini con macchie sia sull’equatore che in periferia….

    Ciao
    Luca

  22. nitopi
    16 gennaio 2010 alle 07:04

    Si e’ un po’ che lo noto anche io… aree che si ripresentano… e lo avevi detto in un post in passato che questa e’ la caratteristiche delle “super macchie” …

    Solo che queste non lo sono…. (almeno, in apparenza…)

    Ciao

    Luca

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: