Home > Cambiamenti Climatici, NINA, Sole e Clima > Il Massimo solare porta una Nina debole? Leggete qui…

Il Massimo solare porta una Nina debole? Leggete qui…

15 gennaio 2010

Stabilire un legame fondamentale tra il ciclo solare e il clima globale, è la ricerca condotta dagli scienziati della National Science Foundation (NSF) finanziati dalla National Center for Atmospheric Research (NCAR) di Boulder, Colorado, che cerca di dimostrare quali influenze potrebbe avere l’attività solare sui fenomeni del Nino e della Nina nelle acque del Pacifico.

La ricerca potrebbe aprire la strada verso previsioni della temperatura e delle  precipitazioni in determinati momenti, durante i cicli di 11 anni del sole.

“Questi risultati sono sorprendenti in quanto mettono in correlazione una serie scientificamente fattibile di eventi che collegano il ciclo solare di11 anni con il fenomeno dell’ ENSO, che poi influenza la variabilità del clima in tutto il mondo”, dice Jay Fein, direttore del programma in NSF Division of Atmospheric Sciences. “Il prossimo passo è quello di confermare o meno questi risultati interessanti del modello con analisi di dati di osservazione e con nuove osservazioni”. L’energia totale che raggiunge la Terra  varia di solo lo 0,1 per cento in tutto il ciclo solare.

Alcuni scienziati hanno cercato per decenni di collegare questi alti e bassi di attività solare, agli agenti atmosferici naturali e alle variazioni del clima, cercando di distinguere questi effetti sottili dal modello più ampio che vede l’uomo come causa principale del surriscaldamento globale. Sulla base dei lavori precedenti, questi ricercatori hanno utilizzato i modelli computerizzati dell’NCAR  sul clima del pianeta e più di un secolo di studi sulla temperatura dell’oceano per rispondere alle domande di lunga data sulla connessione tra l’attività solare e clima globale.  La ricerca, è stata pubblicata nel mese di luglio in un articolo del Journal of Climate, ed è stata finanziata dalla NSF, sponsor NCAR, e dal Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti.

“Abbiamo arricchito gli effetti di un nuovo meccanismo per comprendere ciò che accade nel Pacifico tropicale, quando c’è un massimo di attività solare”, spiega lo scienziato del NCAR  Gerald Meehl, autore principale della riceca. “Quando il sole è ai suoi picchi di attività, esso ha azioni ad ampio raggio e spesso sottili effetti sulle precipitazioni tropicali e sui sistemi meteo in gran parte del mondo.” Il nuovo tema, già trattato in precedenza da Meehl e colleghi,  mostra come il Sole una volta raggiunta la massima attività, riscalda le zone libere di nuvole dell’Oceano Pacifico in modo sufficiente per far aumentare l’evaporazione, intensificare le piogge tropicali e gli alisei, e raffreddare la parte orientale del Pacifico tropicale. Il risultato di questa catena di eventi è simile a un evento Niina like, anche se il raffreddamento di circa 1-2 gradi Fahrenheit è focalizzato più ad est, ed è soltanto  forte circa la metà di una tipica Niña. Verso l’anno successivo o dopo il secondo, la Niña  attivata dal massimo solare tende ad evolversi in un El Niño, appena lenti correnti sostituiscono l’acqua fredda sul Pacifico orientale tropicale con acque più calde del solito. Ancora una volta, la risposta dell’oceano è solo circa  forte la metà un usuale El Niño. In verità La Niña e El Niño sono associati con i cambiamenti nelle temperature delle acque superficiali del Pacifico orientale. Ed Essi possono influenzare i modelli meteo in tutto il mondo. La carta non analizza l’impatto degli eventi meteo guidati dal sole. Ma Meehl e il suo co-autore, Julie Arblaster, entrambi del NCAR e l’Australian Bureau of Meteorology, hanno constatato che la Nina guidata dal sole tende a provocare condizioni di caldo e secco in lacune parti del Nord America occidentale. Ulteriori ricerche saranno necessarie per determinare l’impatto aggiuntivo di questi eventi meteo in tutto il mondo.

“Basandoci sulla nostra comprensione del ciclo solare, potremmo essere in grado di connettere le sue influenze con la meteo in un modo che può alimentare  più previsioni lungo termine”dice Meehl. Gli scienziati sanno da anni che a lungo termine le variazioni solari incidono su alcuni modelli meteorologici, tra cui la siccità e le temperature regionali. Ma lo stabilire una connessione fisica tra il ciclo decennale solare e i modelli climatici a livello mondiale si è dimostrata sfuggente. Uno dei motivi è che solamente da ochi anni sono stati usati dei modelli computerizzati che sono stati in grado di simulare realisticamente i processi associati con il riscaldamento e il raffreddamento del Pacifico tropicale, associato a El Niño e La Niña.

Con questi modelli ora in mano, gli scienziati sono in grado di riprodurre il comportamento del sole del secolo scorso e vedere come esso influisce sul Pacifico. Per scovare questi collegamenti un pò sottili tra il Sole e la Terra, Meehl ei suoi colleghi hanno analizzato le temperature della superficie del mare dal 1890 al 2006.  Hanno poi utilizzato due modelli computerizzati basati su dati del NCAR per simulare la risposta degli oceani alle variazioni dell’attività solare. Essi hanno scoperto che, quando il sole raggiunge il suo picco di attività, una piccola quantità di energia solare si accumula in più nell’arco di diversi anni provocando un leggero aumento nel locale riscaldamento atmosferico, in particolare tra le parti tropicali e subtropicali del Pacifico, dove le zone sono in genere scarse di nuvole e quindi la radiazione solare non è schermata. Questa piccola quantità di calore supplementare porta a una maggiore evaporazione, producendo vapore acqueo supplementare.  A sua volta, l’umidità è trasportata dai venti alisei alle zone normalmente piovose del Pacifico occidentale tropicale, alimentando piogge pesanti.

Appena questo ciclo climatico si intensifica, gli alisei si rafforzano sempre più. Ciò mantiene il Pacifico orientale ancora più fresco e asciutto del solito, producendo le condizioni di Nina. Anche se questo modello del Pacifico è prodotto dal massimo solare, gli autori hanno trovato che il suo cambio verso a condizioni di Nino è probabilmente attivato dallo stesso tipo di processi che normalmente portano a passaggi tra La Niña e El Niño. La transizione ha inizio quando i cambiamenti della forza degli alisei produce lenti impulsi equatoriali noti come onde di Rossby delle acque oceaniche superficiali, che impiega circa un anno per tornare indietro a ovest attraverso il Pacifico.

L’energia che poi riflette dal limite occidentale del Pacifico tropicale, rimbalza verso est lungo l’equatore, approfondendo lo strato superiore di acqua e riscaldando la superficie dell’oceano. Come risultato, il Pacifico subisce un effetto tipo El Niño circa due anni dopo il massimo solare. L’evento si stabilizza dopo circa un anno, e il sistema torna ad uno stato neutrale. “El Niño e La Niña sembrano avere dei propri meccanismi separati”, spiega Meehl “, ma il massimo solare può interferire e inclinare la probabilità verso una debole La Niña. Se il sistema si stava dirigendo verso un Niña comunque”, aggiunge , “sarebbe presumibilmente una Nina più grande.”

Fonte: http://209.85.129.132/translate_c?hl=it&sl=en&tl=it&u=http://www.sciencedaily.com/releases/2009/07/090716113358.htm&rurl=translate.google.com&usg=ALkJrhg78WwSnZK8QxD8vwgb9bgna1MamA

Tradotto da Simon

Annunci
  1. Michele
    15 gennaio 2010 alle 07:33

    Solar Activity Controls El Niño and La Niña

    Il suo nome è….Dr Theodor Landscheidt
    Ecco a chi bisognerebbe dare 2 o 3 Nobel!!!!

    http://www.john-daly.com/sun-enso/sun-enso.htm

  2. agrimensoreg
    15 gennaio 2010 alle 11:09

    Ma perchè oltre alla TSI che è quasi costante, non si guardano anche agli altri parametri solari tipo densità e velocità del vento solare? Magari è un po’ difficile nel lontano passato per nel recente… (beh, sì, lo ammetto, io sono affascinato dalla teoria sui GCR, per cui la domanda è un po’ di parte:-) )

  3. 15 gennaio 2010 alle 12:02

    Ragazzi io sono curioso di sapere se effettivamente questo calo storico dell’AO per cosi tanto tempo possa esser causato dalla scarsa attività solare…Si hanno notizie nei minimi passati di questo indice a valori molto bassi?Io so che purtroppo non si possono far paragoni perchè è da pochi decenni che lo si calcola insieme alla NAO..

    Intanto ecco spuntare l’orso russo ma la lotta sembra ancora a favore del flusso atlantico…Italia davvero sfortunata se pensiamo a quest’annata invernale 2009/2010 in mezza Europa…
    Ecco aggiornamenti:

    http://www.meteoweb.it/cgi/intranet.pl?_cgifunction=form&_layout=sezioni&keyval=sezioni.sezioni_id=4861

  4. ice2020
    15 gennaio 2010 alle 12:07

    Ciao Agrimensore, solo una nota di servizio: il tuo articolo nn lo pubblichiamo oggi, c’è già questo.

    Cmq sn contento che hai già familiarizzato con la gestione aticoli—
    Ciao 😉

    Simon

  5. agrimensoreg
    15 gennaio 2010 alle 13:12

    ok scusa, ora dovrò familirizzerò anche con la tempistica :-). Solo che è appena moficato rispetto alla versione che hai in bozza. Comunque so che ci pensi tu, se lo devo fare io avvisami via mail, grazie.

  6. luca bo
    15 gennaio 2010 alle 13:14

    riporto anche qui quello che ho detto sull’altro post..
    e’ da un po’ che vi leggo e vedo una grande confusione sul GW antropico..

    La teoria del GW non sostiene che dappertutto e sempre farà caldo, che ogni anno sarà più caldo di quello passato, che ogni mese sarà sempre sopra media, poiché singole variazioni sono assolutamente normali e in linea con la comprensione fisica del sistema climatico (incluso il rapporto gas serra/temperatura che non può essere sempre perfettamente lineare). Ciò che conta in un ragionamento climatico è il trend delle temperature, valutabile solo nel lungo periodo.
    Il problema è che il rapido aumento delle temperature osservato dopo il 1980, con un tasso di crescita sconosciuto almeno nell’ultimo millennio, non può essere attribuito solo alla variabilità solare e alle altre cause naturali.

  7. ice2020
    15 gennaio 2010 alle 13:28

    nn ti preoccupare, ci penso io…

  8. ice2020
    15 gennaio 2010 alle 13:32

    Come nn può essere attribuito ad un aumento irrisorio della CO2 antropica…

    Tu parli di trend di temp dal 1980 ad oggi, e con molta sicurezza affermi che questo trend di salita sia la più alta dell’ultimo millennio (optimum medievale incluso)…

    beh, io nn ne sarei tanto convinto…

    Secondo me, sole a parte, il nostro clima ha sempre attraversato dei momenti ora più caldi ora più freddi, e ritengo sia in grado tramite i suoi feedback di autoregolarsi da solo-

    Ciao

  9. ice2020
    15 gennaio 2010 alle 13:40

    “non ti fidi dei dati?.ok..il miglior termometro sono i ghiacciai..
    come sono rispetto a 30 anni fa?”

    Carissimo Luca-bo, ti rispondo qui:

    I ghiacciai artici rispetto a 30 anni fa sn diminuiti, ma secondo me nei prossimi anni vi sarà lo switch verso il loro lento recupero.

    Io ho pazienza di aspetatre, te no?

  10. Fabio2
    15 gennaio 2010 alle 14:15

    Ma siamo ancora a metà Gennaio, c’è ancora Febbraio, io direi di aspettare almeno la fine di questo mese, per trarre qualche prima conclusione……e poi se nevica abbondantemente a media/bassa quota sulle Alpi anche a Gennaio e Febbraio, grazie ad un flusso atlantico che punta sul Mediterraneo, ben venga, così i ghiacciai nei prossimi anni torneranno ad espandersi 🙂

  11. Fabio2
    15 gennaio 2010 alle 14:15

    …..estate permettendo, s’intende……

  12. sbergonz
    15 gennaio 2010 alle 14:32

    Però sono già 10 anni che la temperatura mondiale oscilla senza trend…

  13. Emanuele
    15 gennaio 2010 alle 14:48

    ….anche se ho visto che il NOAA si attende, dopo una fase sostanzialmente neutra intorno a fine mese, un nuovo deciso calo dell’AO… dunque questo inverno potrebbe non aver affatto finito di stupirci….

  14. 15 gennaio 2010 alle 15:02

    Luca in un articolo precedente abbiamo cercato di capire perché dopo 11 anni che le temperature non aumentano o diminuiscono malgrado l´aumento della CO2 questa legge dell´AGW deve essere considerata ancora come una legge immutabile.
    https://daltonsminima.wordpress.com/2010/01/07/l%C2%B4incomprensibile-non-riscaldamento-attuale-3/
    Se mi speghi scientificamente i dubbi postati nell´articolo proporremo di dare i Nobel dell´IPCC e di Al Gore, a te.

  15. 15 gennaio 2010 alle 15:09

    Quanto al fatto che dici, che il clima cambia negli anni e che non é mai lo stesso , questo é proprio una tesi degli orrendi estremisti “negazionisti”.
    Anche all´optimum medievale si arrivó dopo anni e anni con temperature che avevano un trend di crescita al riscaldamento, ma mica fu colpa della CO2!
    Quando ci spieghi scientificamente l´optimum medievale saremmo molto soddisfatti.

  16. agrimensoreg
    15 gennaio 2010 alle 15:13

    I ghiacciai marini dell’Antartide sono aumentati.
    Il mio pronostico: nei prossimi anni assisteremo ad un recupero dell’artico ed ad una diminuzione in antartico, specie se il sole rimane abbastanza calmo.

  17. agrimensoreg
    15 gennaio 2010 alle 15:15

    Sul tasso di crescita “sconosciuto” ho altre info.
    Se riesco a ritrovarle le posto.

  18. 15 gennaio 2010 alle 15:28

    A quanto la dai la scommessa sulla diminuzione dei ghiacci dell´Antartico con l´aumento dell´artico?
    E quanto vinco se scommetto che nei prossimi 15 anni aumenteranno sia i ghiacci dell´artico che Antartici?
    🙂

  19. Fabio2
    15 gennaio 2010 alle 15:31

    Infatti, troppo presto per tirare le somme dell’inverno, che peraltro, in termini meteorologici, termina a fine febbraio. Aspettiamo fine gennaio e vediamo che cosa ci cucinerà l’inverno per febbraio, quando la massa di aria gelida russo-siberiana è al suo culmine.

    E di febbrai gelidi per l’Italia ce ne sono stati diversi in passato: 1956, 1991, giusto i primi due che mi vengono in mente……

  20. Fabio2
    15 gennaio 2010 alle 15:33

    Due viaggi premio in Artico ed Antartico, paga NIA 😉

  21. 15 gennaio 2010 alle 15:39

    Per NIA intendi Simon?

  22. 15 gennaio 2010 alle 15:52

    Io credo che tutti i ghiacci nei prossimi decenni recupereranno

  23. ice2020
    15 gennaio 2010 alle 16:31

    No, si fa una colletta… 😆

  24. Andreab
    15 gennaio 2010 alle 16:34

    vado un attimo OT riprtando un trncio di un articolo di wattsup

    Judicial Watch, il gruppo di interesse pubblico che indaga e persegue la corruzione del governo, ha annunciato oggi di aver ottenuto i documenti interni della NASA’s Goddard Institute for Space Studies (GISS) relativi alla polemica scoppiata nel 2007 quando blogger canadese Stephen McIntyre esposti un errore nella NASA trattamento dei dati di temperatura prime da 2000-2006, l’aumento esagerato riportati in letture della temperatura negli Stati Uniti. Secondo notizie di stampa multiple, quando la NASA corretto l’errore, i nuovi dati apparentemente provocato un rimescolamento delle classifiche della NASA per gli anni più caldi mai registrati negli Stati Uniti, con 1934 sostituendo 1998 in cima alla lista.

    Comunque avrebbero fatto di peggio

    http://translate.google.com/translate?hl=it&ie=UTF-8&sl=en&tl=it&u=http://wattsupwiththat.com/2010/01/14/foiad-emails-from-hansen-and-giss-staffers-show-disagreement-over-1998-1934-u-s-temperature-ranking/&rurl=translate.google.com#more-15252

    tutte le mail libere in un file di 11 Mb (215 pagine)

    http://wattsupwiththat.files.wordpress.com/2010/01/783_nasa_docs.pdf

  25. 15 gennaio 2010 alle 16:41

    Ecco lo sapevo che c´era la fregatura sotto!.
    Comunque considerato che Marzo-Aprile (spero) saró nel punto abitato piú vicino al polo Sud (Ushuaia) Vi faró un reportage con foto e interviste agli abitanti per sapere da non-scienziati se ci sono stati cambiamenti climatici, e quali, in questi ultimi anni.

  26. Nintendo
    15 gennaio 2010 alle 16:46

    vado un po’ OT
    X Simon: scrivo qualcosa sulla decade appena passata in Europa, per confrontarla e vedere quanto sia stata eccezionale.

  27. Nintendo
    15 gennaio 2010 alle 16:58
  28. 15 gennaio 2010 alle 17:04

    La prova provata che Nasa, l´Ist. Goddard e sicuramente altri istituti internazionali legati alla IPCC dell´ONU sono tutti una banda che aiutati dalla poca intelligenza di molti e dalla facilitá di corrompere giornalisti, politici e scienziati con la promessa di finanziamenti, hanno pompato i dati per creare allarme come i peggiori terroristi.
    Se non fosse stato per quell´impenitente rompicoglioni di McIntyre la farsa sarebbe giá passata alla storia del clima!

  29. agrimensoreg
    15 gennaio 2010 alle 17:12

    La scommessa sui ghiacci la do 3 a 1. Nel senso che se vinco (cioè cala l’Antartico e sale l’Artico, come trend pluriennale ovviamente) pretendo un caffè, altrimenti pago cappuccino e cornetto.
    Tra quanti mesi (o anni) ci risentiamo? 🙂

  30. Fabio2
    15 gennaio 2010 alle 17:14

    Ma no, non serve, basta qualche buon banner pubblicitario e in qualche mese ti ritrovi con dei soldini da investire

  31. Andreab
    15 gennaio 2010 alle 17:50

    aspetta provo a postarlo come video

  32. giorgio
    15 gennaio 2010 alle 17:53

    Ciao Simon ciao ragazzi,un gran bell”articolo.X Luca Bo: fai la somma dei due poli e vedi quale risultato hai.Noterai che rispetto a 30 anni fa la superfice globale e” la stessa.Prova inoltra a confrontare l”ultimo ciclo ENSO con quello di 30 anni fa: ha la stessa intensita.Confronta la linea di convergenza intertropicale con quella di 30 anni fa e vedrai che corrisponde pure quella.Io ti posso soltanto dire che a parte che il trend di temperature degli ultimi anni e” in calo, il massimo del 1998 non e” mai piu stato nemmeno avvicinato.Sono pochi anni che le temperature stanno calando,ma l”inversione di tendenza c”e stata e fidati che alla NASA lo sanno benissimo e per questo si sono presi un TIME AUT di 10 anni come fanno nelle tornei e non e un caso.Sono nella scusa del temine m….. e si prendono una pausa cosi intanto la massa di pecoroni ben indottrinati fa tempo a dimenticarsi di tutte le balle che hanno raccontato fino adesso!!!

  33. luca bo
    15 gennaio 2010 alle 18:04

    e’ falso che negli ultimi 10 anni il GW si e’ arrestato!!!!!
    Il 1998 è solo un anno più caldo del normale, frutto di un Nino assolutamente eccezionale. Tolto il 1998 la crescita delle temperature risulterebbe costante e lineare.
    Dai dati GISS il 1998 è superato dal 2005 e dal 2007, quindi a livello globale non è l’anno più caldo.
    Gli ultimi anni sono stati quasi sempre tra i più caldi da quando esistono misurazioni strumentali.

    io non sostengo che il GW sia solo colpa dell’uomo, come del resto non lo sostiene neppure l’IPCC (basta leggere i rapporti). Io sostengo che contestare il ruolo della CO2 come gas serra equivale a contestare e mettere in discussione i principi della fisica e dalla chimica.

    E’ dimostrato scientificamente che i gas serra alterano l’equilibrio climatico del sistema terra. E’ dimostrato scientificamente che l’uomo ha alterato la concentrazione dei gas serra. E’ dimostrato scientificamente che il peso della radiazione di ritorno non è per niente banale, la superficie terrestre riceve 161 watt/m2 dal sole e 333 watt/m2 di ritorno dall’atmosfera (più del doppio).

    ATTENZIONE RAGAZZI
    Meteorologia e Climatologia sono due differenti discipline scientifiche, con la prima si studia il tempo di oggi, di ieri e di domani, mentre il clima non è altro che la situazione atmosferica valutata sui lunghi periodi, decenni o più.

  34. luca bo
    15 gennaio 2010 alle 18:10

    se prendiamo gli ultimi 10 anni o dal 1998 il GW potrà sembrare stabile, anche se a dire il vero l’anno più caldo secondo GISS è stato il 2005 e poi 2007, ma se si allarga lo sguardo agli ultimi 30 o 100 anni la tendenza è chiara!
    E il 1998 è un anno solo più caldo del normale (altrimenti il trend sarebbe quasi costante, con gli ultimi anni tra i più caldi da quando si misurano le temperature).

    un’altra cosa..
    il legame tra gas serra e temperatura è qualcosa di più complesso di un semplice paragone tra grafici, esistono dei feedback, esistono delle “sfasature”, e comunque ritorniamo sempre al primo punto: le cose vanno valutate nel lungo, meteo e clima sono due cose diverse, un’estate calda o un inverno freddo non sono per forza sinonimi di accelerazione o rallentamento di un trend climatico globale ultra-decennale.

  35. luca bo
    15 gennaio 2010 alle 18:20

    ultimo consiglio..
    cercate di informarvi senza credere a tutto ciò che si legge…
    Su Internet c’è parecchia spazzatura..
    leggete i rapporti dell IPPC(come fate a criticare se non li avete mai letti!)..
    studiate un po’ di chimica dell’atmosfera, bilancio radiativo terrestre e ciclo del carbonio..
    cosi’ potete ragionare con la vostra testa..
    se si conosce la materia si è in grado di giudicare le fonti..

  36. giorgio
    15 gennaio 2010 alle 18:23

    Luca nessuno mette in discussione che la co2 e” un gas serra.La differenza tra quello che dici tu e io sta nella quantita del gas nell”atmosfera.Ebbene la Co2 rappresenta lo0,03% della composizione atmosferica.Sai quanto e” cresciuta in 150 anni? Di appena 0,009% e inotre tutto da verificare se questo aumento tanto insignificante in percentuale sia dovuto per la maggior parte alle attivita umane.Sul fatto che l”uomo puo interagire con il clima sono daccordo ma bisogna verificare quanto?A quanto ammonta la quota umana del GW e a quanto ammmonta invece quella naturale?Non concordo inoltre con te sulle temperature.Siamo in fase di lento calo termico lo dimostrano tutti gli indici principali.

  37. Andreab
    15 gennaio 2010 alle 18:25

    Credo che ognuno debba essere libero di credere in ciò che vuole è un atto di fede.

    Quindi se tu sei libero di dire e credere che
    “contestare il ruolo della CO2 come gas serra equivale a
    contestare e mettere in discussione i principi della fisica e dalla chimica”.

    Ma la scienza nasce mettendosi in discussione e
    bisogna poter contestare ipotesi scientifiche altrimenti saremmo ancora all’età della pietra e tutti crederebbero che il sole gira attorno alla terra.

    Quello che contesto è dogma di fede a una mera ipotesi scientifica che spiega l’aumento di temperatura sia legato esclusivamente ai gas serra

  38. Nintendo
    15 gennaio 2010 alle 18:30

    vado per capoversi:
    1° le temperature come dimostrato anche nell’articolo da me scritto sul GW di Dicembre mostra chiaramente un trend non in salita per quanto riguarda gli ultimi 11 anni.
    questi i dati UAH e RSS
    98: +0.51 / +0.55
    99: +0.04 / +0.09
    00: +0.04 / +0.08
    01: +0.20 / +0.24
    02: +0.31 / +0.33
    03: +0.28 / +0.36
    04: +0.19 / +0.25
    05: +0.34 / +0.37
    06: +0.26 / +0.28
    07: +0.28 / +0.31
    08: +0.05 / +0.08
    09: +0.26 / +0.26

    tra tutte le possibile ed esistenti serie storiche solo le GISS mostrano il 2005 come superiore al 1998 ( e conosciamo le GISS, per quello abbiamo smesso di prenderle in considerazione )
    riguardo alla crescita mi sembra tutto forchè costante, dal 2002 abbiamo un leggero calo addirittura maggiore nelle RSS che sono decisamente più stabili delle UAH
    ( non sto a calcolarti il coefficiente di regressione, penso che il calo si veda anche con i soli dati grezzi )

    2° l’IPCC sostiene che il GW sia colpa unicamente dell’uomo, questo si legge nelle note finali di ogni bollettino che fa uscire, poi, cos’è sta storia che negare l’effetto della CO2 va contro la chimica?
    io da perito chimico, che quindi per 5 anni ho fatto solo della gran fisica e della gran chimica non capisco dove sia il problema? la CO2 per esempio si dice che assorbi una gran quantità delle luce solare, ma sappiamo che assorbe solo in uno spazio brevissimo dello spettro di assorbimento per esempio del vapore acqueo, e sappiamo che la storia di lasciar passare e poi bloccare non è vera, visto che i gas non hanno un lato A e un lato B, e se assorbono le radiazioni in un verso lo fanno anche nell’altro.
    la legge di lambert-beer poi ci dice anche per le concentrazioni talmente basse di CO2 in atmosfera la quantità assorbita nel suo breve spettro di assorbimento è molto piccola

    3° non è ancora stato dimostrato che i gas alterino l’equilibrio climatico della terra, primo perchè non esiste nessun equilibrio climatico e secondo, se proprio dovesse esistere esso è dovuto proprio ai gas serra enza i quali la vita sulla terra sarebbe impossibile e terzo perchè ancora non si conosce il loro peso all’interno del sistema (aperto e non chiuso come dicono all’IPCC) terra

    4° non è vero che sono due cose diverse, la 2° è la diretta conseguenze della prima, uscirà un mio articolo, spero a breve dove accenno alla strana moda si separare la climatologia dalla meterologia

  39. Nintendo
    15 gennaio 2010 alle 18:32

    io la mia risposta l’ho data nella replica al tuo messaggio, mi scuso per prima ma avevo mandato più volte le stesso messaggio per errore.
    poi mi piacerebbe sapere se sei di bologna? possiamo incontrarci, io studio li.

  40. apuano70
    15 gennaio 2010 alle 18:36

    Attento Luca, di spazzatura se ne trova tanta anche nei documenti “ufficiali” dei grandi Enti preposti al controllo e studio del Clima e delle sue variazioni, basti pensare al recente Clima-Gate venutosi a creare per le oramai famose mail del CRU che , tra l’altro, NESSUNO ha smentito…
    Un consiglio: non fare di tutta l’erba un fascio, non credere a tutto quello che ti viene detto, come giustamente dici tu, ragiona con la tua testa.
    Ciao!
    Bruno

  41. apuano70
    15 gennaio 2010 alle 18:39

    Quoto! Tra l’altro vi sono stati dei periodi in cui il livello di CO2 aumentava costantemente mentre il trend delle temperature era in netto calo (vedi articolo di qualche giorno fa).
    Bruno

  42. giorgio
    15 gennaio 2010 alle 18:51

    X NIntendo: nel +o,26 di dic c”e anche di mezzo il nino.Si spiega la variazione ripetto al 2008 con nina.

  43. Nintendo
    15 gennaio 2010 alle 18:57

    ormai dovresti saperlo che per l’IPCC se cala la T è colpa della CO2, se sale è colpa della CO2.
    probabilmente anche la recente crisi economica è colpa della CO2.

    e forse anche il fatto che l’alta atmosfera si sta raffreddando; proprio li dove c’è la CO2, ed è quindi colpa sua, non assorbe abbastanza radiazioni da far salire la T che invece scende.

  44. giorgio
    15 gennaio 2010 alle 18:58

    Quando io parlo di tendenza al Cooling mi riferisco sopratutto agli indicatori.Anche se le temperature si sono mosse poco i risvolti arriveranno nei prossimi anni. Ci sono tutte le basi per un futuro piu freddo e le basi sono queste: 1° cicli enso sempre piu deboli. 2° inversione di tendenza nei ghiacci polari.3° cicli uragani e tifoni molto ridotti. 4° linea di convergenza intertropicale arretrata.Bene da queste basi si generera sicuramente un futuro cooling.Aspettate un po per i risultati.Prima si semina….poi si raccoglie.Un po di pazienza ragazzi!

  45. 15 gennaio 2010 alle 19:10

    Ottima discussione, vedo che Luca é ben preparato e anche non si mette ad insultare come fanno tanti quando ci si addentra in una appassionante discussione.
    Noi non neghiamo che la temperatura globale sia aumentata negli ultimi 100 anni, ma questo per noi é accaduto in stragrande maggioranza per processi naturali e non antropici.
    Il ghiaccio artico giá si é scilto tra il 1920 e il 1945, quando l´uomo lanciava meno del 10% della CO2 che lancia oggi nell´atmosfera. La copertura di ghiaccio nel 2009 giá é stata maggiore del 2007.
    La permanenza del ghiaccio dipende dal trasporto di calore fatto dalle correnti marittime: la corrente calda di Huroshio, nel Pacifico, e la corrente calda del Golfo del Messico nell´Atlantico (o corrente del Golfo). Questa ultima, é stata molto attiva negli anni 1995-2007 e ha trasportato piú calore verso l´artico con il conseguente maggior scioglimento dei ghiacci.
    Tutto naturale, tutto alla luce del Sole, senza truccare i dati.
    Questi sono fatti.
    Sciogliendosi non eleva il livello dei mari, poiché giá il suo volume é dentro il mare.
    Questo trasporto di calore é in parte controllato da un ciclo di 18,66 anni (Prof. Molion) che ha avuto il suo massimo tra il 2005 e il 2006. Gli studi SCIENTIFICI e no la Fiction, indicano che il ghiaccio della Groenlandia é lí sin dalla ultima era glaciale e cioé da 15 mila anni. IL ghiaccio del polo Sud, invece, ha continuato ad aumentare negli ultimi 60-70 anni.
    Questi sono fatti che anche l´IPCC ammette essere veri……

  46. luca bo
    15 gennaio 2010 alle 19:43

    ma perche’ dovrei insultare..scherziamo?
    siamo qui per discutere serenamente..

    pero’ quello che scrivo per favore dovete leggerlo tutto con attenzione..
    perche’ di quello che dite le risposte le ho gia’ date..
    lo dico sopratutto per Apuano..io studio e ragiono con la mia testa..occorre dare un taglio alla disinformazione cominciando piuttosto a postare studi scientifici..
    non si puo’ postare sempre articoli di stampo giornalistico, spesso scritti da inesperti che non hanno le basi per affrontare certe tematiche..
    Incominciamo invece a discutere di scienza, citando magari qualche dato e/o pubblicazione scientifica..

    RIPETO
    il fatto che i gas serra siano in grado di alterare l’equilibrio radiativo del sistema terra è un fatto assolutamente dimostrato scientificamente. Il peso dei gas serra e della radiazione di ritorno non è per niente banale, la superficie terrestre riceve 161 watt/m2 dal sole e 333 watt/m2 di ritorno dall’atmosfera (più del doppio). Contestare il ruolo della CO2 come gas serra equivale a contestare i principi della fisica e dalla chimica, quindi smettiamola di negare l’evidenza.

    x Nintendo..
    Il raffreddamento della bassa stratosfera non è solo in linea con la comprensione fisica e chimica del GW, ma è anche una prova dell’aumento dei gas serra. Si tratta di un esercizio banale per chi ha studiato un minimo fisica, in quanto se la radiazione viene assorbita sempre di più dai gas serra, la stratosfera per forza di cose tenderà a raffreddarsi.
    un saluto cordiale a tutti

  47. luca bo
    15 gennaio 2010 alle 19:48

    dimenticavo..x sandcarioca
    riscrivo quello che ho gia’ detto

    Il problema è che il rapido aumento delle temperature osservato dopo il 1980, con un tasso di crescita sconosciuto almeno nell’ultimo millennio, non può essere attribuito solo alla variabilità solare e alle altre cause naturali.

    x nintendo..
    e’ una falsita’ che l’IPPC sostiene che il GW sia colpa unicamente dell’uomo,
    evidentemente non hai letto i loro rapporti..

  48. luca bo
    15 gennaio 2010 alle 19:51

    scusate IPCC..

  49. Nintendo
    15 gennaio 2010 alle 20:10

    io i rapporti dell’IPCC li ho letti e per quanto possa far schifo il mio inglese è scritto a chiare lettere che secondo loro tutto ciò che va oltre la CO2 è trascurabile, sostenendo anche che il sistema terra sia chiuso.

    io poi non ho mai parlato di stratosfera, ho parlato erroneamente di alta atmosfera ( mesosfera e ionosfera ), ma parlavo dell’alta troposfera, proprio dove ci sono i gas serra.

    poi non capisco perchè non hai risposto a quello che io avevo scritto e neanche alla mia domanda.

  50. luca bo
    15 gennaio 2010 alle 20:28

    senza offesa Nintendo..
    ma non mi piace il tuo approccio polemico..sento una vena di rivalsa nei tuoi interventi..
    non sono qui per litigare,ma discutere serenamente..
    quindi preferisco evitare il confronto con te..mi dispiace..
    ciao!

  51. luca bo
    15 gennaio 2010 alle 20:51

    x sandcarioca sull’optimum medievale

    intanto che la Groenlandia era tutta verde e’ una bufala..e che si coltivava i vigneti in Inghilterra non e’ una sorpresa..si coltivavano un tempo come si coltiva ora, anzi, ora molto di più e se è per questo oggi si coltiva la vite al 58° di latitudine in Svezia
    http://www.wineblog.it/?p=102

    sulla Groenlandia verde
    “Vorrei anche soffermarmi su alcuni luoghi comuni che mi piace sconfessare, perché dovremmo smettere di propagarli – almeno questo – per fare spazio, invece, ai veri problemi aperti. Spesso si racconta che non è vero che oggi la temperatura stia salendo in maniera così evidente. Il fatto che la Groenlandia sia stata chiamata “Terra verde” implicherebbe che attorno all’anno 1000 questa terra fosse ampiamente vegetata. Qualcuno addirittura scrive in articoli un po’ deliranti che essa fosse coperta completamente di boschi. La Groenlandia è coperta da circa 3.500 metri di ghiaccio di spessore su 2 milioni di chilometri quadrati di superficie. Questa storia nacque verso l’anno 1.000 dall’esilio di un personaggio che si chiamava Erik il Rosso, il quale, dopo aver compiuto alcuni assassini in Islanda, venne esiliato in Groenlandia, dove restò tre anni sulla costa Sud che è addirittura a latitudini più meridionali rispetto all’Islanda. Su quella costa effettivamente c’è un po’ di erba, come c’è tuttora, e si può quindi praticare una modestissima agricoltura e un po’ di allevamento. Lì, Erik il Rosso decise di fondare una colonia. Ritornò quindi in Islanda e disse la prima bugia pubblicitaria documentata: ribattezzò la Groenlandia, che si chiamava in realtà “Terra nostra”, il toponimo originale degli Inuit, con il nome di Greenland, “Terra verde”, semplicemente per attirare coloni, in modo da avere più forza lavoro per fondare la colonia che poi in effetti si insediò. Da questa storiella di un migliaio di anni fa nasce l’idea che la Groenlandia avesse un clima molto più favorevole di quello che ha oggi, cosa che non risponde a verità. E’ vero che intorno all’anno Mille ha avuto un momento di temperature relativamente miti, che però poi sono peggiorate, perché tra il 1500 e il 1850 abbiamo avuto la “Piccola Età Glaciale”, ma non si tratta certo di pensare ad una Groenlandia coperta di foreste: è importante sottolinearlo”.

    allora ricapitoliamo..
    Groenlandia – Terra verde FALSO

    La Groenlandia venne chiamata così da Erik non perchè effettivamente fosse a lui apparsa verde, ma per il semplice fatto che lui voleva stabilire lungo le coste delle comunità, e trovò il fatto di chiamarla “terra verde” un ottimo strumento pubblicitario per invogliare la gente ad ascoltarlo.
    E’ lui stesso che lo dice nelle sue memorie, non io.

    Erik e amici arrivarno in Groenlandia e coltivarono ogni ben di Dio – FALSO

    Erik e i suoi amici per sopravvivere si dedicarono principalmente alla pesca, alla caccia e all’allevamento, i cui prodotti venivano venduti in Scandinavia per poter acquistare grano e beni vari.

    Erik e coloni dovettero scappare dalla Groenlandia per il cambio climatico – IN BUONA PARTE FALSO

    Erik, come moltissimi altri coloni, morirono a causa di un’epidemia di peste negli anni immediatamente successivi al 1000 AD.
    Ci furono inoltre guerre con gli Inuit, ma soprattutto la colonia fondata da Erik svanì col tempo dopo una lunga decadenza, legata al fatto che era comunque stabilita su un territorio lontano dai grandi traffici, scomoda per tanti motivi e per ultimo l’arrivo di epoche ulteriormente più rigide non fecero altro che convincere ad andarsene anche gli ultimi rimasti.

  52. luca bo
    15 gennaio 2010 alle 20:53

    http://www.ipcc.ch/pdf/assessment-report/ar4/wg1/ar4-wg1-faqs.pdf
    Quarto Rapporto dell’IPPCC a pag. 114 si ribadisce che non ci sono evidenze di temperature globali più elevate delle attuali nel corso di tutto l’Olocene (gli ultimi 11600 anni).

    L’assenza dei ghiacci alpini per alcuni secoli prima e dopo l’impero di Augusto, nei primi decenni del primo millennio, non ha però riscontri nella letteratura scientifica. Al contrario, i dati di una carota di ghiaccio estratta a Colle Gnifetti, a 4450 m sul Monte Rosa, ha mostrato un’eta’ del ghiaccio basale antecedente di migliaia di anni all’eta’ Romana (si parla addirittura di ghiaccio risalente al tardo Pleistocene). Oppure, si potrebbe anche ricordare la perfetta conservazione della mummia preistorica di Otzi, emersa dal ghiaccio nel 1991 sul confine italo-austriaco, ad indicare che quella zona posta a 3212 m di quota e’ stata coperta dal ghiaccio per almeno 5200 anni prima di emergere.

    Analogamente, la presenza di “migliaia” di epoche calde con “temperature assai più alte delle attuali” non ha riscontri dagli studi sulla paleoclimatologia relativi quantomeno agli ultimi diecimila anni. Mentre per gli ultimi 1000 anni c’è ormai un diffuso consenso scientifico sul fatto che le temperature medie dell’emisfero nord degli ultimi decenni sono senza precedenti, la ricostruzione delle temperature dei millenni precedenti è molto più difficoltosa. Le ricostruzioni disponibili, ad esempio questa, mostrano comunque un quadro molto diverso da quello indicato da Dalla Porta Raffo.

  53. luca bo
    15 gennaio 2010 alle 20:59

    non so ragazzi..
    mettiamo in discussione il fatto che la CO2 è un gas che contribuisce all’incremento dell’effetto serra? Mettiamo in discussione la fisica e la chimica?

    Una delle prime nozioni che si spiegano quando si parla di effetto serra, è che “se non ci fosse l’atmosfera con i suoi gas serra, la temperatura media del pianeta sarebbe di -21°C… quindi l’effetto serra c’è già in natura”. E di conseguenza: se l’uomo ci aggiunge anche i suoi gas serra, abbiamo effetto serra naturale + gas serra antropici = effetto serra in parte aumentato perchè la composizione chimica dell’atmosfera cambia anche se di pochissimo.

    la quantità media di energia che arriva sopra l’atmosfera è di 341,3 watt/m2, che sarebbe l’intensità media della radiazione solare rapportata alla superficie di tutta la Terra. Di questi watt/m2 vengono riflessi verso lo spazio ben 101,9, mentre dei restanti 240 circa che ne rimangono, 78 vengono assorbiti dall’atmosfera e 161 watt/m2 raggiungono la superficie.
    Questo è il contributo del sole.
    La terra si scada e a sua volta emette circa 396watt/m2, tra questi 238,5 sfuggono nello spazio, il resto è praticamente assorbito dall’atmosfera e nubi. L’atmosfera si scalda (effetto serra) e rimette verso la superficie 333 watt/m2.
    Quindi la superficie terrestre riceve 161 watt/m2 dal sole e ben 333 watt/m2 dall’effetto serra, in pratica più del doppio..
    Va da se che senza l’effetto serra la temperatura media del pianeta toccherebbe i -18/-20°C invece degli attuali +15°C.

  54. luca bo
    15 gennaio 2010 alle 21:05

    dagli isotopi possiamo affermare che la CO2 immessa in atmosfera è aumentata per l’utilizzo da parte dell’uomo di combustibili fossili (a dimostrarlo è appunto la diversa composizione isotopica dell’anidride carbonica). La CO2 non è il maggiore gas serra, ma è uno dei più importanti ed è considerato una forzante climatica, cosa che il vapore acqueo non è (la vita del vapore acqueo è molto breve, non per niente fa parte di un ciclo le cui particelle di H2O rimangono in atmosfera pochi giorni, mentre la CO2 rimane anche 50-200 anni). Sappiamo anche che la presenza del vapore acqueo in atmosfera dipende dalla temperatura globale (la concentrazione del vapore acqueo nell’aria è determinata soprattutto dall’evaporazione dell’acqua degli oceani). Sappiamo anche che la molecola d’acqua assorbe quasi tutte le lunghezze d’onda dell’ IR termico escluso in una finestra tra 7000 e 18000nm, ed è proprio in questa finestra che il contributo della CO2 diventa importante, in quanto assorbe gran parte dell’infrarosso tra i 14000 e 16000nm.
    L’elevata permanenza della CO2 nell’atmosfera rende questa molecola in grado di “forzare” alla lunga anche la concentrazione del vapore acqueo (feedback della CO2), essendo quest’ultimo dipendente dalla temperature globale. Nel considerare quindi la CO2 come gas serra, dobbiamo tener conto non solo della sua capacità di assorbimento, ma anche della sua concentrazione, della sua permanenza media e dei suoi possibili feedbacks (es: vapore acqueo).

    E’ dimostrato scientificamente che i gas serra alterano l’equilibrio climatico del sistema terra.
    E’ dimostrato scientificamente che l’uomo ha alterato la concentrazione dei gas serra.

    Le prove sui Gas Serra sono scientificamente concrete, piuttosto non vi sono prove scientifiche tali da dimostrare che l’aumento della temperatura sia dovuto ad altre cause…

    SPERO CHE LEGGIATE TUTTO..lo so che ho scritto troppo..ma spero siano cose interessanti..

  55. Nintendo
    15 gennaio 2010 alle 21:28

    se tu eviti i miei interventi solo perchè sono l’unico che ne capisce di più di chimica, fisica e statistica non è certo colpa mia e mostra quanto ne sappia tu in realtà su questo argomento.

  56. Nintendo
    15 gennaio 2010 alle 21:40

    riguardo alla groenlandia si sa benissimo che la storia della terra verde sia falsa e nel blog mai è stata accennata una cosa del genere.
    i carotaggi groenlandesi e antartici dimostrano che l’olocene aveva un temperatura sicuramente superiore a quelle dell’ultimo carotaggio eseguibile, mentre non è applicabile alle temperature registrate con i termometri, visto che non abbiamo serie così lunghe.
    otzi non è stato trovato perchè il ghiaccio si è sciolto, ma perchè la montagna franando e rompendosi ha trasportato il corpo la dove il ghiaccio non è perenne ( quelle montagne le conosco bene visto che spesso ci faccio si estivo ).
    e anche se fosse stato trovato nel ghiacciaio, esso si muove costantemente e quindi per effetto del movimento prima o poi sarebbe riemerso in superficie.
    cmq dimostra che nel 3000ac faceva più caldo, visto che il ghiaccio è tutt’ora li, mentre otzi indossava vestiti relativamente leggeri.

  57. 15 gennaio 2010 alle 21:48

    Sono cose imteressanti ma non c´è una prova che il clima stia cambiando SOLO per colpa della CO2 antropica che ha una influenza marginale nel riscaldamento del pianeta.

  58. Nintendo
    15 gennaio 2010 alle 21:57

    riguardo ai gas serra:
    ci dicono che se non ci fossero la terra sarebbe più fredda, ma nessuno dice che il 98% dei gas serra è rappresentato dal vapore acqueo.
    l’acqua assorbe in uno spettro molto più ampio e anche se non assorbe una gran quantità di radiazioni tramite la legge di lambert-beer possiamo subito notare come l’assorbanza sia direttamente proporzionale alla concentrazione.
    ma sopratutto tu sai come si comportano le molecole e gli atomi?
    non penso, perchè l’energia che assorbono fa vibrare i legami inter e intramolecolari a tal punto da provocare salti elettronici, spesso vibrazionali che decadono i rilassamenti non radiativi, quindi in rilascio di energia vibrazionale e non elettromagnetica.
    l’effetto albedo del vapor acqueo è poi completamente sotto-valutato e i bilanci energetici che fa l’IPCC sono completamente sbagliati perchè non è vero che tutta l’energia non riflessa venga assorbita e poi partono dalla TSI che si sa che è inutile considerarla visto che l’energia del sole non si misura di certo con quelle cose li.
    dal sole riceve molta più energia e molta più energia viene liberata, sopratutto l’energia assorbita dalle nubi non diventa calore visto che subiscono processi di juole-thompson.
    riguardo al ragionamento della temperatura, purtroppo con questa misura non si può fare molto, la temperatura non indica nel il calore presente in un sistema ne la sua energia.

    poi tu scrivi: “E’ dimostrato scientificamente che i gas serra alterano l’equilibrio climatico del sistema terra.
    E’ dimostrato scientificamente che l’uomo ha alterato la concentrazione dei gas serra ”

    sono entrambe false, visto che non esiste nessun equilibrio climatico, basti solp pensare all’alternarsi delle glaciazioni, che furono causate dal brusco calo della circolazione termoalina visto che le due americhe si erano unite 8 quelli si possono chiamare mutamenti climatici, non certo ste robette )
    la 2° poi, non abbiamo dati certi della reale quantità di CO2 in atmosfera e non sappiamo come essa è distribuita e sopratutto non sappiamo quali erano le quantità nel passato rispetto a quelle odierne ( visto che dai carotaggi non possiamo accedere a dati recenti ).
    e la quantità di CO2 che l’uomo immette è solo il 30% di quella immessa dalla respirazione degli oceani e sopratutto, la CO2 è lo 0.02% dei gas serra, male che vada diventerà lo 0.03%

  59. Emanuele
    15 gennaio 2010 alle 22:04

    Apprezzo gli interventi di luca bo che mi sembra preparato ed espone bene i concetti.
    Vorrei chiederti luca, visto che affermi che non ci sono prove scientifiche che dimostrino che l’aumento di T dipenda da ltre cause, ma tu davvero non consideri l’idea che il sole possa agire sul clima e sulla T? è vero, sicuramente non è dimostrato… però esiste una correlazione tra periodi più freddi e minimi solari importanti, e pure una correlazione tra la forte crescita della T negli ultimi decenni e forte attività solare… Sapresti quantificare a quanto ammonta in % l’effetto serra di natura antropica oggi rispetto al naturale effetto serra? io non nego che l’uomo emettendo tanta C02 contribuisca ad aumentarla e ad aumentare quindi il volume dei gas serra e forse a sbilanciarne la miscela verso la C02, però mi domando se questa cosa sia davvero così rilevante per la T e il clima o se, invece noi non facciamo parte di un sistema che se ne frega delle nostre “scoreggine” in atmosfera e va dritto per la sua strada dato che ha i suoi meccanismi naturali di autoregolazione e feedback(sole, oceani…).. che dici?
    Dici che l’aumento della T non è mai stato così intenso come negli ultimi anni, però anche l’attività solare è stata a livelli eccezionali negli ultimi cicli.
    e comunque anche in passato si sono verificati periodi con T più elevata o C02 più abbondante in atmosfera e l’uomo era un sottosviluppato dal punto di vista delle emissioni. Non so, non si può negare ciò che dici (la C02 è aumentata anche solo perchè siamo diventati miliardi e respiriamo tutti!) tuttavia mi riesce difficile pensare che l’uomo possa modificare il clima e la T globale ed essere determinante. Uno studioso ha detto: “attenzione che se il sole starnutisce siamo tutti morti!”. Guardiamo il sistema solare d fuori.. vediamo i piccoli presuntuosi ominidi? no vediamo una stella potentissima che può spegnere la nostra atmosfera con un battito di ciglia, data la sua forza energetica. Ho la sensazione che si aumentiamo di un zic la C02, per carità, ma più che altro questa storia sia uno strumento in mano a una classe politica-economica e di governo globale-capitalistico che la utilizzi a proprio uso e consumo per indurre le masse a nuovi consumi, con una logica nuova, eco-compatibile. guardatevi solo le ultime pubblicità di auto… una marea di cazzate… Io sono laureato in economia e mi occupo di finanza… caro luca io apprezzo davvero la tua preparazione e rispetto le tue affermazioni, ma ti dico: tieni aperti anche i tuoi di occhi e ricrdati che sei parte di un sistema ECONOMICO dove la scienza è per ora uno strumento al servizio…

  60. luca bo
    15 gennaio 2010 alle 22:35

    vi ringrazio amici,ma sia chiaro una cosa..
    MAI DETTO CHE L’UOMO E’ L’UNICO RESPONSABILE DEI CAMBIAMENTI CLIMATCI..
    le ere glaciali e interglaciali ci sono sempre state…anche un bambino lo sa..
    i cicli solari sono importanti..non lo nego
    E’ ovvio che il sole è in grado di modificare il clima, in passato è stato così, ma è altrettanto ovvio che la correlazione tra attività solare e temperature globali è oramai piuttosto debole (sotto tutti i punti di vista, sotto qualsiasi dato) e piu’ avanti vi faro’ vedere qualcosa(scusatemi ma stasera sono stanco)

    ho solo dimostrato scientificamente che i gas serra alterano l’equilibrio climatico del sistema terra..purtroppo..dico purtroppo perche’ sono un freddofilo come voi..

    troppo rapido l’aumento che abbiamo avuto negli ultimi anni..in passato non era mai successo..i cambiamenti climatici sono sempre stati graduali..
    notte ragazzi

  61. luca bo
    15 gennaio 2010 alle 23:04


    un trend con temperature in ascesa è composto da momenti di pausa, di flessione e di crescita.

  62. Nintendo
    15 gennaio 2010 alle 23:23

    1) non è vero che le glaciazioni ci sono sempre state
    2) chi lo dice che la correlazione dell’attività con la temperatura è debole, non abbiamo un indice che ci mostri l’attività solare e se ce lo avessimo sarebbe una serie temporale troppo corta.
    3) se è debole quella del sole allora lo è anche quella della CO2 visto che:
    1880-1920: CO2 stabile T in diminuzione
    1920-1940: CO2 in leggero aumento, T in marcato Aumento
    1940-1970: CO2 in marcato aumento, T in diminuzione
    1970-2000: CO2 in marcato aumento, T in marcato aumento
    2000-2010: CO2 in marcato aumento T in leggero calo

    che gran correlazione.

    4) tu non hai dimostrato niente e sopratutto non lo hai fatto scientificamente visto che non sai neanche cosa significhi, studiati quello che diceva galileo, l’inventore della scienza moderna.
    poi quante volte te lo devo dire che non esiste un equilibrio climatico è solo una delle tante mode dette da chi di clima non capisce niente ( come anche quella che meteorologia e climatologia siano 2 cose diverse )
    i gas serra invece che alterarlo lo migliorano visto che il loro effetto principale è quello di livellare le temperature tra polo e tropici alzando le celle di Hadley

    5) come sarebbe a dire che in passato non è mai successo, ecco le prove del contrario: http://wattsupwiththat.com/2009/12/12/historical-video-perspective-our-current-unprecedented-global-warming-in-the-context-of-scale/

    sinceramente stai diventando stufoso, dai degli ignoranti agli altri e poi tu sei il primo che si comporta in quel modo.

  63. nitopi
    16 gennaio 2010 alle 07:28

    “la mummia preistorica di Otzi, emersa dal ghiaccio nel 1991 sul confine italo-austriaco, ad indicare che quella zona posta a 3212 m di quota e’ stata coperta dal ghiaccio per almeno 5200 anni prima di emergere.”

    Ciao..
    Vista adesso la lunga discussione ….
    Mi permetto di osservare una cosa (tra molte…) che spesso viene portata come prova dell’eccessivo riscaldamento della terra….

    Se 5200 anni fa Otsi e’ stato coperto dalla neve… vuol dire che era in una zona che era scoperta… Quindi allora si andava da un periodo caldo ad uno molto piu’ freddo (e’ rimasta coperta per 5200 anni… lo prova che sia giunto a noi…)
    Il fatto che il suolo dovesse essere sgombro da neve e praticabile al momento del fattaccio e’ plausibile pensando che l’uomo era ferito da una freccia alla scapola e molto indebolito… dubito che fosse in grado di arrampicarsi su un ghiacciaio…

    Ciao
    Luca

  64. apuano70
    16 gennaio 2010 alle 09:41


    luca bo (19:43:55) :

    ma perche’ dovrei insultare..scherziamo?
    siamo qui per discutere serenamente..

    pero’ quello che scrivo per favore dovete leggerlo tutto con attenzione..
    perche’ di quello che dite le risposte le ho gia’ date..
    lo dico sopratutto per Apuano..io studio e ragiono con la mia testa..occorre dare un taglio alla disinformazione cominciando piuttosto a postare studi scientifici..
    non si puo’ postare sempre articoli di stampo giornalistico, spesso scritti da inesperti che non hanno le basi per affrontare certe tematiche..
    Incominciamo invece a discutere di scienza, citando magari qualche dato e/o pubblicazione scientifica..

    Ciao Luca bo, scusa se rispondo solo adesso ma troppo lavoro e troppo poco tempo libero non mi consentono di intervenire spesso…
    Non vorrei che tu avessi frainteso: il mio non voleva essere un intervento polemico nei tuoi confronti, ci mancherebbe altro!
    Se lo hai interpretato in tal modo allora ti chiedo scusa.
    Voglio che tu sappia che io la penso esattamente come te riguardo alla disinformazione quindi ben vengano i tuoi interventi, ancor più quando suffragati da prove scientifiche certe!
    Nel gran caos che regna nel mondo della (dis)informazione non è semplice, per chi non ha preparazione specifica, destreggiarsi: i principali canali informativi dei Media sono totalmente inaffidabili in quanto mirano a fare del sensazionalismo e spesso sembrano essere “telecomandati” per fare in modo che la popolazione abbia una certa “prospettiva” delle notizie diffuse.
    Sia ben chiaro che questa è una mia personalissima opinione, discutibile se vuoi, che però mi ha portato a ricercare riscontri diversi alle mie sensazioni.
    Ci sarebbe da parlare per delle ore ma il tempo è tiranno! 🙂
    Per ora ti saluto cordialmente!
    Bruno

  65. Emanuele
    16 gennaio 2010 alle 10:12

    Io ribadisco un concetto universale:
    Oggi ricordiamoci tutti in quale contesto viviamo!
    Viviamo in un sistema economico di stampo capitalistico fondato sul consumo perpetuo e sulla produzione continua. è un sistema che si sa come inizia ma non si sa come evolve e se può essere riciclato positivamente. per ora il sistema va avanti in modo indiscriminato perchè non è ancora stato sviluppata una sostenibilità dell’equilibrio tra i fattori di produzione e il consumo.
    Senza parlare delle ingiustizie sociali o dello sfruttamento indiscriminato delle risorse o dell’INQUINAMENTO AMBIENTALE, deve essere chiaro un punto:
    Il sistema è in crisi relativa e in questo momento storico ha bisogno di sostenere la domanda di consumi a livello globale.
    Quale migliore occasione di colpevolizzare l’umanità di pecoroni cavalcando la falsa iseologia delle emissioni di C02? e indurle a rivedere i propri stili di vita e, ovviamente di consumo?
    Ma, soprattutto ci prendono per il culo! ma chi cacchio è che emette C02???
    Io, piccolo uomo, scusatemi se respiro un po’, non mi sento responsabile x niente e se scoreggio, al max è metano, che ti da una mano!!!
    sono LORO che emettono, loro che ci rompono i coglioni tutti i giorni su giornali e TV! Loro che fanno si che Cina e India brucino petrolio e carbone senza regole perchè gli fa comodo avere una enorme fabbrica di schiavi sottopagati e dove non esistono diritti per milioni e milioni di operai formichine. Poi vendono a NOI a prezzi vergognosi cio che hanno prodotto a costi irrisori, in barba ai più elementari diritti del lavoratore e soprattutto inquinando peggio di prima dato che gli impianti in quei posti non hanno i controlli di qui. Questo è in estrema sintesi solo uno, il più evidente simpatico effetto della globalizzazione, della delocalizzazione produttiva, ossia di un mondo senza regole. Ora caro Luca tu pensi che l’IPCC sia sganciato dalla POLITICA ECONOMICA??? Ma secondo te come mai nelle grandi città non si usano i mezzi a idrogeno? o elettrici? perchè si usa ancora il gasolio? Guarda che mentre da un lato ce la menano ancora con le emissioni e le stronzate eco-compatibili dall’altro aumentano la merda in atmosfera e fanno vertici per stabilire quanta merda hanno diritto a emettere.
    Ti pare normale questo? E alla fine usano questa storiella, peraltro creata da loro per creare un senso di colpa collettivo da sanare con nuovi consumi eco-compatibili, di prodotti ottenuti violando diritti umani e inquinando più di prima. correte a comprare l’auto xyz prodotta con meno emissioni e salvate i cuccioli di orso bianco! A parte che gli orsi polari si sono moltiplicati perchè basta non cacciarli e lasciarli trombare in pace… resta il fatto che mi devono dimostrare come fanno a fare una auto che ingloba un processo produttivo eco-compatibile.. in CINA!!!!! Potrei andare avanti ore a dimostrare le incongruenze di sto sistema e modo di pensare e lavare il cervello alla gente…
    E calcola che non sono comunista o anti capitalista o cazzate del genere. ANTIGLOBAL SI, quello si perchè non sono stupido, ho gli occhi x vedere, le orecchie x sentire, la testa x ragionare e non mi faccio fare la predica da chi è causa della cosa che denigra (C02) e non mi bevo la storiella che si sono inventati x me.
    Sta aumentando la C02 e allora? è colpa dell’uomo? non lo so e nel caso è colpa degli stronzi di cui sopra, non dell’uomo in generale. Andremo tutti arrosto e sommersi come ci tritano le palle da anni? e chi l’ha detto? loro. è la verità? io non me la bevo… come vedi è tutto molto riconducibile a logiche, interessi, obbiettivi… di altri pochi uomini che ne comandano molti…

  66. Emanuele
    16 gennaio 2010 alle 10:16

    Scuste ho scritto un po’ di parolacce… non succederà più!

  67. Nintendo
    16 gennaio 2010 alle 13:53

    lo riscrivo qui e che sia l’ultima volta.
    negare che la CO2 aumenti la temperatura terrestre non è affatto contro la chimica e la fisica.
    negare che la terra subisca processi naturali e che sia un sistema aperto che volge sempre a sistemi di entropia sempre maggiore, questo va contro le leggi della fisica e della chimica

    X LucaBo: se vuoi scrivere in un blog devi anche accettare che ci sia gente che ti dimostra che quello che scrivi non è vero, altrimenti sei pregato di non scrivere più.
    parli di equilibrio climatico e non sai neanche cosa siano le glaciazioni e non sai neanche che le glaciazioni sono apparse solo recentemente sulla terra ( in proporzione all’età del pianeta )

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: