Home > Cambiamenti Climatici, Cose "ridicole", Global Warming > Le migliori 10 idee di Geoingegneria per salvarci dal riscaldamento globale

Le migliori 10 idee di Geoingegneria per salvarci dal riscaldamento globale

17 gennaio 2010

Visto che recentemente qualche animo si é un po’ surriscaldato per “raffreddare il clima” su NIA, vediamo “seriamente” alcune delle soluzioni piú ingegnose create dalle fertile menti dei salvatori del pianeta.
La soluzione al cambiamento climatico non è nelle mani dei politici, ma di alcuni scienziati seriamente impegnati a salvarci.
Per i non iniziati, Geoingegneria è più facile spiegare dicendo che é come il piano B per la lotta contro i cambiamenti climatici, nel caso in cui i nostri politici e i leader mondiali non ci riescano. E siccome l’accordo di Kyoto finisce nel 2012, e sia con Bali che con Copenhagen ci sono state costanti delusioni, forse è tempo di misure drastiche. A mali estremi estremi rimedi.
Scienziati di tutto il mondo sono già impegnati nel trovare soluzioni per difendere la Terra dal male del riscaldamento globale che noi umani gli abbiamo procurato. Eccone alcune che meritano tutta la nostra attenzione perché veramente geniali!
Allego giustamente i link dove potete trovare le idee proposte perché nessuno dubiti che sto parlando di cose serie.

10º . Ocean Iron Fertilization
“Dammi una nave cisterna di ferro, e ti darò una glaciazione” ha detto John Martin, scopritore del Ocean Iron Fertilization Idea.
http://www.whoi.edu/oceanus/viewArticle.do?id=34167
Occorre introdurre il ferro nello strato più superficiale dell’oceano e aumentare cosí la quantità di fitoplancton (plancton vegetale) nell’oceano. Ciò, a sua volta farà aumentare la quantità di cibo per la vita dell’oceano, rafforzerá l’ecosistema e, soprattutto, prenderá tanta CO2 e rilasciará ossigeno. Il problema, tuttavia, non è solo il processo, ma la scala su cui deve essere fatto per creare un tale impatto.

9. Cloud Reflectivity Enhancement
Creare delle nuvole bianche. Come? A quanto pare il ” piano vitale” Di Stephen Salter, dell’Università di Edimburgo è quello di avere 1.500 navi speciali denominate navi Flettner per spruzzare l’acqua degli Oceani come Spray in atmosfera per aumentare il biancore delle nuvole ed avere un maggior effetto albedo. Lo spray oceanicoo avrebbe funzionato all’interno di un concetto noto come effetto Twomey.
Il problema é quello di trovare acqua dell´oceano non inquinata.
http://en.wikipedia.org/wiki/Cloud_reflectivity_enhancement
http://www.geos.ed.ac.uk/homes/harvieb/salter.html
8. Dispersori – Stratospheric Sulfate Aerosol
Il rilascio in atmosfera alla velocità di 1 milione di tonnellate metriche all’anno di microparticelle attraverso l’uso di jumbo jet militari e artiglieria. L’idea è di riflettere parte della luce del sole prima che questa entri nella nostra atmosfera, riducendo così gli effetti del riscaldamento e ci aiuta a mantenerci belli e freschi.
http://en.wikipedia.org/wiki/Stratospheric_sulfur_aerosols_(geoengineering)

7. Blocco del Sole con veicoli spaziali
Alcune persone sono state a guardare troppi film di Star Trek; Stephen Schneider dell’Università di Stanford, per essere precisi, é sicuramente uno di questi. Egli suggerisce di costruire 60.000 navi spaziali scintillanti e la loro messa in orbita attorno alla Terra. Con questo processo che ha proposto pensa di evitare alcuni dei raggi del sole (10% per l’esattezza) e raffreddare la Terra. Costo: 100 miliardi di dollari l’anno.
Chissá cosa direbbe Spock di questa bella idea…..

6. Scrubber la CO2
Come il concetto di terraforming è stato introdotto nel film “Total Recall”, l’idea è quella di creare 250.000 scrubbers o succhiatori di C02 e distribuirle in giro per il mondo.
http://www.telegraph.co.uk/news/worldnews/northamerica/usa/2061358/CO2-scrubber-could-help-slow-global-warming.html
I gas a effetto serra potrebbe essere conservati nella metropolitana e nel carburante utilizzato per le industrie. Ecco il problema: 250.000 unità, che è un quarto di milione di macchine costruite e distribuite. Non è impossibile, ma considerando che i governi del mondo non riescono ad accordarsi su un menu per il pranzo, come dovrebbero organizzare un simile progetto pazzo?

5. Alberi artificiali
Il concetto é quello della costruzione di alberi artificiali da distribuire in tutto il mondo consentendo loro di filtrare il monossido di carbonio. Non ho idea del perché questo non dovrebbe funzionare al di là del fatto che stiamo usando gli alberi artificiali e non capisco perché non si potrebbero piantare piú alberi veri? Incredibile quanto possa sembrare, questa idea ha già ricevuto l’attenzione dei media.
http://news.bbc.co.uk/2/hi/science/nature/8223528.stm

4. L’Anidride Solforosa da disperdere nell´ aria
L’idea è quella di lanciare anidride solforosa (che raffredda la temperatura) nell´atmosfera a 15 Km. di altezza attraverso dei tubi che resterebbero sospesi perché attaccati a dei palloni o a dei dirigibili.
Avremmo cosí dei bellissimi tramonti rosso sangue.
La tecnologia è al momento disponibile e potrebbe essere facilmente implementata. Lo svantaggio è che, come molti altri costosi sforzi internazionali, un paese probabilmente finirebbe per pagare il conto di 300.000 miliardi di dollari.
http://www.treehugger.com/files/2009/10/hose-to-the-sky-spewing-so2.php

3. Frisbee nello spazio per salvare la Terra
L’idea proposta é quella di sparare milioni di dischi riflettenti in orbita intorno alla Terra. Stiamo parlando di circa 80.000 dischi al minuto nel corso degli anni. Hasbro, un produttore di giocattoli americano, è saldamente convinto di questa idea e sta producendo giá miliardi di dischi non curante del suo prossimo fallimento finanziario, anche i club di tiro al piattello in tutto il mondo sono affascinati da questa mirabolante idea.

2. L’Idea Vulcano
L´idea é quella di creare vulcani artificiali e usarli per vomitare fuori abbastanza particelle di cenere per raffreddare la Terra: si tratta di un progetto in corso da parte della British Royal Society, la cosa é quindi molto seria, e che richiederebbe una eruzione ogni pochi mesi, per il resto del nostro tempo qui sulla Terra, o almeno fino a quando non si riesce a capire come ridurre le nostre emissioni e ripulire ciò che abbiamo già fatto.
Qualora tali eruzioni si svolgano e quali effetti avrebbero sulla Terra nessuno lo sa veramente. Personalmente credo che qualsiasi vulcano artificiale dovrebbe essere fatto pure nei parchi di divertimento. I cervelloni che appoggiano questa idea dovrebbero essere gli unici ammessi nel parco, preferibilmente appena prima di una eruzione.
http://www.fleshandstone.net/healthandsciencenews/1597.html

Infine al primo posto assoluto delle idee geniali:
Il “Farting Tank” per le vacche
Se questo non è veramente geo-ingegneria…, gli scienziati dell´AGW dicono che una cena con bistecche per una famiglia di quattro persone è pari alla stessa quantità di emissioni di gas a effetto serra come un lungo viaggio fatto in un SUV. Il pensiero è quello di capire come sia possibile ridurre la produzione di metano del bestiame senza ridurre nello stesso tempo la quantità di bestiame. Un modo proposto per ridurre la produzione di gas di bovini è quello di dar loro da mangiare aglio, proprio per combattere la carne al sangue di draculiana memoria. Un altro modo piú intelligente è quello di attaccare dei serbatoi di plastica sulla mucca per incapsulare le loro scorregge o per dirla educatamente i loro peti.
http://news.bbc.co.uk/2/hi/americas/7499067.stm

Io avrei un´idea ancora migliore: perché non portare le vacche nello spazio e poi sparargli? I loro cadaveri potrebbe bloccare il sole e ridurre cosí le emissioni a effetto serra. Le carni resterebbero congelate nello spazio e potremmo recuperarle in qualsiasi momento attraverso le missioni shuttle.
http://www.independent.co.uk/environment/climate-change/cow-emissions-more-damaging-to-planet-than-cosub2sub-from-cars-427843.html

Sono certo che i lettori di NIA avranno anche loro qualche idea per salvare la Terra dalla catastrfe del riscaldamento globale causato dall´uomo…. avanti fuori le vostre idee… sono vietate le idee chiaramente sadiche o che inneggiano a stragi di scienziati del clima.

SAND-RIO

  1. 17 gennaio 2010 alle 12:37

    Ahahah, questo articolo ha contribuito decisamente a far mutare in positivo la giornata!!! Grande Nia anche in fatto di ironia!!!
    La mi proposta dunque per aprire le danze:

    Causare dei violentissimi terremoti artificiali sotto la siberia in modo da spostare, dopo ovviamente attenti calcoli, l’asse di rotazione di quel po che basta per favorire lo slittamento del polo nord sulla Cina ottenendo un triplice vantaggio:

    1) La Cina gelerebbe e forse inizierebbe a chiedersi se fosse ora di smettere di inquinare il mondo visto che le sue fabbriche si troverebbero travolte da qualche metro di ghiaccio 😉

    2) Libereremmo la Groenlandia dai ghiacci perenni dando finalmente alla Danimarca un pò più di Terra da coltivare emagari sorgerebbe una nuova gloriosa civilta vikinga.

    3) Con il polo nord spostato nel Sud Est asiatico, il Polo Sud cadrebbe tra il Pacifico e il Sud America e avremmo liberato dai ghiacci anche l’Antartide, portando finalmente alla luce i resti dei giganti antenati degli uomini; 🙂 questa cosa poi a cascata azzittirebbe finalmente la Chiesa e gli anticomplottisti come me che cesserebbero di essere scettici e…. udite udite…
    verrebbe fatta la raccolta differenziata della civiltà umana, cambio di clima = cambio di usi e costumi

    🙂 🙂 🙂

  2. Nintendo
    17 gennaio 2010 alle 13:06

    spero che quella sul biossido di zolfo sia una stronzata, perchè oltre che essere molto solubile in acqua e quindi immesso nell’atmosfera sarebbe poi un’impresa separarlo di nuovo è anche estremamente nocivo per le vie respiratorie.
    riguardo ai tramonti rossi, bo, non saprei, il gas è incolore.

  3. Fabio2
    17 gennaio 2010 alle 13:17

    Costruire teli bianchi grandi come continenti per aumentare l’albedo e raffreddare perlomeno le terre emerse.

    In alternativa, dipingere di bianco tutti gli edifici costruiti sulla Terra, nonchè tutte le superfici lastricate, cementificate o asfaltate dall’uomo che ricevano la luce solare.

  4. Fabio2
    17 gennaio 2010 alle 13:23

    Oppure:

    Produrre vastissime cortine di fumo/vapore (non roba tossica ovviamente), per schermare la luce del sole, almeno dove non ci sia molto vento.

    In particolare per l’Europa, realizzare un enorme telo bianco da stendere sul Sahara in estate, per indebolire l’anticiclone africano (il cosiddetto Cammello) e favorire così l’anticiclone delle Azzorre.

  5. enrico
    17 gennaio 2010 alle 13:28

    Beh, una volta ho sentito dire “bisogna rimandare in africa tutti questi “marrocchini” (riferendosi ai clandestini), lo vedi portano anche l’anticiclone africano !!”

    All’imbecillità umana non vi è limite, il nostro cervello è grande, se usato in maniera errata è micidiale…. 😦

  6. giorgio
    17 gennaio 2010 alle 13:45

    beh quella di ricoprire qualche migliaio di kmq del pacifico tropicale con teloni che riflettono i raggi solari potrebbe essere una soluzione non eccesivamente costosa e altamente efficace.

  7. 17 gennaio 2010 alle 13:49

    Io metterei tutte le persone bianche nude stese per terra per aumentare l´effetto albedo, e se ció non fosse sufficiente spalmerei tutti le persone negre, gialli, rossi, rosa e di qualsiasi colore essi siano, con vernice bianca e tutti per terra a respingere a calci i raggi solari.

  8. Andreabont
    17 gennaio 2010 alle 13:50

    Sei un grande 😄

  9. giorgio
    17 gennaio 2010 alle 13:52

    si possono pure lanciare tutti gli escrementi nello spazio per ridurre le emissioni di metano

  10. Ivan
    17 gennaio 2010 alle 14:08

    uahauahauaha

  11. Michele
    17 gennaio 2010 alle 14:18

    Sentite questa….

    El Ninò se ne va….e chi ci scalderà ….se il Sole non ripartirà…..

    http://www.cpc.noaa.gov/products/precip/CWlink/MJO/enso.shtml#current

  12. Mistral 101
    17 gennaio 2010 alle 14:32

    Be, si potrebbe coprire l’intero Sahara, l’Australia, ed altri vari deserti con pannelli solari. L’energia prodotta sarebbe senz’altro sufficiente per l’intera umanità e forse anche per gli abitanti di Marte, fermando immediatamente il consumo di petrolio.

    Oppure, dato che i gliacci si scioglieranno, si potrebbe sparare in orbita l’acqua in eccesso, in modo da mantenere costante il livello dei mari.

    O anche meglio, costruire diffusori alti 200 o 300km dal quale nebulizzare acqua gliacciata e creare uno schermo che rifletta nello spazio la radiazione solare.

    Le soluzioni sono infinite come la fantasia e l’id..zia umana.

  13. Mistral 101
    17 gennaio 2010 alle 14:36

    Una soluzione un po drastica sarebbe constatare e accettare che l’uomo sapiens è un fallimento della natura, diciamo un esperimento riuscito male, ed organizzare un Global Seppuko per liberare la terra e l’universo tutto da questa piaga.

    La vita sulla Terra continuerebbe senza di noi e fra qualche milione di anni la natura ritenterebbe magari con una civiltà acquatica.

  14. giorgio
    17 gennaio 2010 alle 14:42

    se evitiamo tutti di scor…..le temperature scenderebbero drasticamente.Un tappo nel c… costo o,50 euro per abitante.

  15. Sergio Musmeci
    17 gennaio 2010 alle 15:10

    In realtà Mistral, basterebbe (sembra strano ma è così) una copertura pari alla superficie di meno di mezza Italia nel deserto del Sahara con pannelli solari termodinamici di ultima generazione (parole di Rubbia che di queste cose se ne intende) per soddisfare l’attuale fabbisogno mondiale di energia…

  16. giorgio
    17 gennaio 2010 alle 15:11

    Non so se qualcuno di voi mi possa aiutare.sto cercando le tabelle con le medie dei solar flux mensili del ciclo 22 e 23.Mi basterebbe anche solo del 23.Confido nella vostra bonta

  17. 17 gennaio 2010 alle 15:13

    Spero di scrivere tra qualche giorno quali sono le conseguenze del AGW.
    Come primizia posso dire (sono notizie stampate su giornali serissimi) che il GW fa aumentare l´acne e l´altra che dice che con il GW aumenta la prosituzione.
    Ma sto cercando di fare una bella raccolta di queste perle scientifiche dei sostenitori agguerriti del GW.

  18. Mistral 101
    17 gennaio 2010 alle 15:23

    Si suda anche di più. Quindi maggior consumo di acqua e maggior inquinamento da tensioattivi.

  19. 17 gennaio 2010 alle 16:48

    Una idea sarebbe quella di portare tutti i ventilatori esistenti sul pianeta da una sola parte della Terra. Ad un preciso istante tutti i ventilatori rivolti in una direzione sarebbero azionati e con ció piano piano il pianeta si allontanerebbe un poco dal sole affievolendo cosí l´effetto scaldante dei suoi raggi.

  20. giorgio
    17 gennaio 2010 alle 17:09

    spingere le automobili in salita e spegnere i motori in discesa

  21. 17 gennaio 2010 alle 17:16

    Invece di spendere tanti soldi per cose inutili, una idea ottima sarebbe quella di allevare 500 miliardi di galline padovane, notoriamente bianche, e lasciarle libere di andare ovunque sulla Terra. Ció aumenterebbe l´effetto albedo oltre che a sfamare milioni di individui.

  22. giorgio
    17 gennaio 2010 alle 17:18

    respirare nei giorni pari.trattenersi nei dispari.

  23. giorgio
    17 gennaio 2010 alle 17:20

    Usare shampo alla clorofilla

  24. 17 gennaio 2010 alle 17:22

    Sarebbe meglio rapare a zero tutti gli esseri viventi e mettere della cera sul cuoio capelluto per aumentare l´effetto riflettente dei raggi solari.

  25. ice2020
    17 gennaio 2010 alle 17:33

    Siete tutti fuori oggi…

    Cmq mi state facendo pisciare dal ridere…

    meglio drammattizare cmq!

    😆

  26. nitopi
    17 gennaio 2010 alle 18:52

    ach!
    Sono arrivato tardi….
    Pero’ ma mucca con il serbatorio e’ a doppio uso… prima riempi il serbatoio con la mucca… poi monti il serbatoio sul tetto della macchina e giri indisturbato ….

    Poi quando hai fame tagli un pezzo di mucca e te la mangi…

    Ciaooo

  27. giorgio
    17 gennaio 2010 alle 19:06

    Sdrammatizzare non drammatizzare mi raccomando di usare solo creme alle erbe naturali e non abbronzarti troppo altrimenti il colore scuro riduce l”effetto albedo

  28. 17 gennaio 2010 alle 20:12

    Io metterei dei cannoni sparaneve al polo nord in modo da aumentare lo spessore del ghiaccio .
    E’ noto che il ghiaccio ha un certo potere isolante e quindi dopo un pò la formazione del ghiaccio rallenta … pompando l’acqua e sparandola si otterrebbe una maggiore riserva di freddo che rilasciata durante l’ estate potrebbe contribuire al raffreddamento complessivo del pianeta …

  29. 17 gennaio 2010 alle 20:14

    Già che ci siamo si potrebbe studiare una automezzo con mucca incorporata che produce il combustibile on-demand..

  30. alessan dro
    17 gennaio 2010 alle 20:31

    Dal corriere della sera di quale mese fa:
    coprire tutti i ghiacciai e i poli d’estate con teli bianchi che riflettono il sole e rattengono il fredddo.
    scoprirli in inverno

    per ghiacciare mezzo pianeta.

    gli ideatori hanno provato con cento metri quadrati e’ ha funzionato.

  31. carmelo
    17 gennaio 2010 alle 21:19

    Ragazzi,
    mi avete fatto ridere fino alle lacrime!! Alcune trovate sono veramente irresistibili.

  32. 17 gennaio 2010 alle 23:38

    si questa la conosco anche io ma il problema sta nel fatto che per costruire cosi tanti pannelli si dovrebbe consumare un energia molto molto più alta della loro reale resa futura

  33. 17 gennaio 2010 alle 23:40

    anche se in realtà io sapevo che ne servivano in maniera sufficiente da tappezzare l’intero deserto

  34. nitopi
    18 gennaio 2010 alle 07:24

    Anche in cima al Monte Bianco, al Monte Rosa, al Gran Paradiso… Il problema e’ che per far arrivare l’acqua liquida in cima devi metterci l’antigelo 8)
    Luca

  35. Dario
    18 gennaio 2010 alle 09:40

    Voi siete giovani, e xciò non vi ricordate del mini-geoengineering all’italiana, ossia un distinto signore milanese che a fine anni ’70 andò in TV a “Portobello” (mitica trasmissione diretta dal compianto Enzo Tortora) proponendo di spianare il Passo del Turchino (tra Genova e il Piemonte meridionale) x “creare una corrente d’aria” che avrebbe liberato x sempre la valle padana dalla nebbia.
    Forse se ne trova qualcosa su youtube…
    La cosa divise letteralmente l’Italia in due, tra convinti sostenitori e “scettici”, con i “professoroni” e gli “esperti” di turno chiamati a difendere o smontare la bizzarra tesi…
    Il tormentone “spianando il Turchino” divenne l’intercalare + usato in Italia x alcuni mesi…

    Nella serie di fumetti SF “Jeff Hawke” di Sidney Jordan si vede invece la Terra trasformata in un mini-Saturno x effetto dei detriti di un asteroide che ha colpito la Luna “sbocconcellandone” un bel pezzo; gli anelli formatisi attorno alla Terra ombreggiano la superficie del pianeta, innescando una nuova era glaciale, lasciando ai sopravvissuti del cataclisma ben poco tempo per ammirare il nuovo spettacolo astronomico…

  36. apuano70
    18 gennaio 2010 alle 10:04

    Io me lo ricordo benissimo, (ahimè questo significa che non son più tanto giovane 😦 ) l’idea era piuttosto interessante ma non credo che avrebbe sortito gli effetti auspicati, forse solo un miglioramento nelle aree immediatamente limitrofe all’intervento….
    Ciao!
    Bruno

  37. Mistral 101
    18 gennaio 2010 alle 10:29

    Me lo ricordo!!! Negli anni 70 nella Bassa la nebbia si tagliava col coltello.

    Come mi ricordo anche quello che voleva allungare il Po fino al canale di Otranto, scavando un canale tra la costa ed il mare lungo tutto l’Adriatico.

  38. nitopi
    18 gennaio 2010 alle 11:36

    E’ che poi devi girare con fienile al traino 8)

  39. giorgio
    18 gennaio 2010 alle 16:38

    Si possono staccare le foglie al tramonto cosi non respirano e riattaccarle all”alba per la fotosintesi

  40. Alessandro
    19 gennaio 2010 alle 08:21

    Oppure si crea un tubo di 20mila km
    si pompa l’acqua in alto che viene congelata a -100°
    e poi si fa scivolare dolcemente sino a terra (se precipita si crea attrito che genera calore) e in questo modo si potrebbero congelare gli oceani

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: