Home > Nowcasting Solare > Ancora una volta, c’è solo una regione attiva nel nostro Sole!

Ancora una volta, c’è solo una regione attiva nel nostro Sole!

21 gennaio 2010

La 1041 ormai è ben visibile, e da oggi è conteggiata anche dal L&N’s count.

Ma non possiamo far altro che constatare che ancora una volta il Sole non riesce a produrre più di 1 regione attiva per volta.

Infatti come potete osservare dal magnetrogramma Gong, non sono presenti altre AR degne di nota, la stessa 1041 a dir il vero, al momento sta facendo più parlare di sè per gli X-flare fin qui record del ciclo 24, piuttosto che per le dimensioni delle sue macchie.

Anche lo Stereo Behind rimane pulito:

Infine lo stesso flusso solare aggiustato ieri alle 20 ricalava a 79.

Stay tuned, Simon

Annunci
  1. Nintendo
    21 gennaio 2010 alle 17:54

    se continua così non andiamo molto lontano.

  2. bora71
    21 gennaio 2010 alle 18:04

    secondo me e’ ancora presto..vedrete che nei prossimi mesi ci saranno parecchie macchie contemporaneamente..non e’ che il sole possa riprendere l’attivita’ all’improvviso..ci vuole tempo..e’ sempre stato cosi’..

  3. apuano70
    21 gennaio 2010 alle 18:06

    Concordo Fabio, è ripartito ma come un ciclomotore con il “pallino” alla candela! 🙂
    Bruno

  4. bora71
    21 gennaio 2010 alle 18:10

    regioni attive intendevo..

  5. apuano70
    21 gennaio 2010 alle 18:11

    Ciao Bora, è probabile che possa fare qualcosa di più di quanto non stia facendo adesso, ma non credo che potra arrivare alle previsioni che hanno stilato NOAA, NASA & C.
    Vedremo strada facendo cosa succederà anche se penso che il prossimo Solar Max possa restare tranquillamente sotto ai 50 SSN, con buona pace dei conteggi “moderni”.
    Bruno

  6. 21 gennaio 2010 alle 18:29

    È molto probabile che ci saranno in futuro piú regioni attive presenti. Se non fosse cosí saremmo giá in pieno minimo di Eddy, che si dovrebbe manifestare (se tutto va nella giusta direzione) con la sua potenzialitá “minima” sia in questo che molto di piú nei prossimi cicli. Capisco che vorremmo tutto si manifestasse in tempi brevissimi, ma come mi insegni tu per il clima, anche il Sole vuole i suoi tempi, che non sono quelli della nostra cultura del “tutto e subito”.

  7. enrico
    21 gennaio 2010 alle 18:40

    Calma e sangue freddo…. mica in 2 mesi si arriva al massimo solare ! 😉

    Se vi fossere 2 regioni contemporaneamente, come la 1040, ci sarebbe un flusso superiore a 100-120 e 70-80 macchie giornaliere, che è un livello abbastanza alto, soprattutto se ci si aspetta un ciclo modesto, valori appunto che potrebbero essere raggiunti tra molti mesi o anche anno/i.

    La macchia 1041 non è grande, ma l’impronta magnetica si, è grande, a dimostrazione che prima di essere visibile probabilmente le dimensioni erano ben maggiori e cio spiegherebbe anche i flare M.

    Prossimi giorni decisivi per capire se andrà verso un certo declino, oppure prenderà ancora vigore.

    E’ un fenomeno che va analizzato con tempi mooolto lunghi, secondo me.

  8. Nintendo
    21 gennaio 2010 alle 18:41

    a guarda re gli SSN invece si nota che una volta partito il sole di solito ingranava la marcia, almeno che quella fosse una falsa partenza, e potrebbe anche essere questo caso, ma ne dubito.

  9. giorgio
    21 gennaio 2010 alle 19:05

    Ale se ci sei batti un colpo.Io penso che solo due regioni attive dovrebbero avere molta piu consistenza.Hanno il campo libero da interferenze.Penso personalmente da povero ignorante che questo e” piu o meno il massimo che la stella possa offrire adesso.Non so ma no riesco a vedere un futuro prossimo tanto piu attivo di adesso.per me questo e” MASSIMO.scusatemi se dico stupidate sono solo un amatore

  10. Pietro
    21 gennaio 2010 alle 19:10

    Ottimo commento.

  11. ice2020
    21 gennaio 2010 alle 19:26

    Si certo, che questo sia un ciclo anomalo ormai lo si sa, nn ci aspettavamo di certo un esplosione di regioni attive…

    C’è chi come il nostro Ale ritiene possibile che il sole abbia già innescato la marcia verso un massimo solare, c’è chi come altri che ritiene che ciò possa anche essere possibile, ma forse anche no, pensando più ad una ripresa lentagraduale e cmq su una cosa sn abbastanza sicuro, e cioè che il massimo nn sarà nel 2013 come dicono alla nasa, ma molto prima…

    Simon

  12. bora71
    21 gennaio 2010 alle 19:33

    grande Enrico..
    il massimo ci sara’ nel 2013..hai voglia se c’e’ tempo per avere piú regioni attive presenti..

  13. Michele
    21 gennaio 2010 alle 19:47

    Ciao…Simon la posta elettronica ti funziona ?
    Se …Si….
    A breve ti mando una cosetta!

  14. Ivan
    21 gennaio 2010 alle 19:49

    Di sicuro qualcosa verso una ripresaanche se debole si sta vedendo..resta da capire quando si arriverà nel massimo e che risultati proponga, sempre che non si sia già parecchio vicini. Per me pare che se debba “faticare” troppo per raggiungerlo, sia plausibile un massimo solare molto debole. Ci vuole tempo, quello sicuramente 🙂

  15. giorgio
    21 gennaio 2010 alle 19:49

    Se la pensi cosi Bora 71 mi fa tanto piacere per te: io penso da amatore che questo e” massimo solare o quasi.Se poi tu avrai ragione mi congratulero con te. Spero proprio di no, ogni indizio porta a pensarmi a un 2000 ciclo 23 e considerando che questo e” un ciclo molto debole puo francamente durare anche solo 9 – 10 anni

  16. giorgio
    21 gennaio 2010 alle 19:54

    due o tre mesi al massimo per sapere la verita.Leggetevi un po l”articolo di ale di lunedi forse vi rinfreschera un po la memoria ragazzi miei

  17. 21 gennaio 2010 alle 20:09

    Una cosa mi lascia perplesso: la 1041 si stava presentando con flare di categoria M, ricordiamo che ció non si verificava da 2 anni, e vari di categoria C, (ieri 9 ctg C e 4 ctg M) e addirittura abbiamo avuto nei giorni scorsi quello che si chiama ormai tsunami solare partito proprio dall´area della 1041; oggi siamo ancora a solo 3 di ctg C, inoltre presenta “solo” 7 sunspot… che stia giá decadendo?

  18. 21 gennaio 2010 alle 20:12

    Anche il solar flux é in discesa, alle 18,00 é a 81,5 aggiustato.
    http://www.spaceweather.gc.ca/sx-4-fra.php

  19. giorgio
    21 gennaio 2010 alle 20:15

    XBora 71.Sono uno che le dolomiti le conosce.parlo con diversi operatori e tutti dicono che negli ultimi due anni le cose stanno cambiando e la maggior parte va indietro di 30 anni con i ricordi.I montanari capiscono poco di sole ma le loro dolomiti le conoscono bene!

  20. ALE
    21 gennaio 2010 alle 20:38

    Buona sera a tutti Voi!
    Finalmente la 1041 mostra il suo volto e personalmente sono MOLTO FELICE di vederla!!!
    Tranquilli! Non sono IMPAZZITO! Sono solo contento per l’ennesima conferma che attendevo: “la 1041 a.k.a. 1039 ha compiuto un giro e mezzo di stella conservando un’ottima coalescenza magnetica! Andando a rileggere i vecchi articoli del Prof. Hathaway e Wilson (liberamente consultabili) si può affermare che il SC24 risulta più anomalo e difficilmente inquadrabile con i metodi deterministici di predizione!
    Prendiamo la AR 9077 che nel 2000 sancì il MAX del SC23, riuscì appena a fare mezzo giro di stella generando però Flare di classe X-6 (100 volte più potente del classe M di ieri!). Per arrivare a vedere AR che resistono ad almeno un giro occorre scomodare la 9393 che di giri ne fece 3! Allo stato delle cose la 1039-1041 con un giro e mezzo di stella presenta quindi una coalescenza magnetica che è quantificabile spannometricamente come un mezzo della 9393!!! Io sono sempre del parere (e mageri ci scriveò anche un piccolo POST) che “o le metodiche deterministiche le accetti in toto o non le accetti per nulla!”.
    Il MAX nel 2013 significa applicare la “legge di Hathaway” dei cicli solari che qui riassumo: dal primo filotto di almeno tre giorni spotless (marzo e poi ottobre 2004) del ciclo in corso dopo il MAX, si contino 2 anni e si ottiene il Solar-MIN; poi, sempre dalla suddetta data si contino 6 anni e si ottiene la data del MAX. Il Min dunque doveva inizialmente essere nel 2006 e infatti il 2006 vide una ridottissima attività solare fatto salvo l’evento del 4 Dicembre 2006 dove si scatenò un X-20 Monster solar flare da una AR che, guarda caso, fece 1 giro di Stella!
    Anche in questo il Prof. Hathaway ci vide giusto e scrisse:”è usuale che nella parte più profonda dei minimi solari si scateni un FLare considerevole, è stato così negli ultimi tre cicli, da quando si mappano gli X-Ray!”.
    Il Prof. Hathaway ci prese poi anche sulla comparsa delle prime AR a polarità invertita: Luglio 2006, scrisse che in linea con il suo metodo previsionale le nuove AR comparse apparteneti al SC24 sanciranno un ciclo con MAX nei primi mesi del 2010!!!
    Ora però sappiamo come è andata, il minimo è stato spostato avanti fino al dicembre 2008 e il MAX piazzato ben 5 anni dopo (Settembre 2013).
    Ora Vi chiedo e Vi domando 2 cose:
    1) E’ corretto prendere il metodo di Hathaway solo a metà, la metà che fa più comodo per rinviare il MAX?
    2) E se per caso i primi anni del SC24 fossero stati “mangiati” da una interferenza in totale discordanza di fase con un SC23 che caricò la corona solare con un extra energetico, extra che il SC24 ha sofferto molto a causa della sua discendenza da un GMF Stellare che, secondo la NASA stessa, è risultato nel 2001 il 30% più debole? Sarebbe come se una interferenza il 30% più forte schiacciasse in completa discordanza di fase un ciclo già il 30% più debole! E qui sorge la domanda:” Una interazione così è additiva o moltiplicativa?”
    A quest’ultima domanda io e un mio caro amico Phd in Fisica stiamo cercando di dare una risposta!
    ALE

  21. ALE
    21 gennaio 2010 alle 20:49

    X Enrico:
    Visto che mi sembra di capire che te ne intendi di Astrofisica solare Ti invito a leggere:
    http://science.nasa.gov/headlines/y2006/15aug_backwards.htm
    e
    http://solis.nso.edu/news/Cycle24.html
    ALE

  22. giorgio
    21 gennaio 2010 alle 20:57

    AR che compaiono per un giro intero e piu sono AR da MAX poi se si vuole confondere anche la poche cose che conosciamo bene andiamo avanti cosi.Tutto il contrario di tutto.Io Ale da povero amatore dico che questo o e” un ciclo debole con max 2010 e allora sia a un similis Dalton oppure ben venga sia anomalo come dicono e allora buon giorno Mandeur.

  23. ALE
    21 gennaio 2010 alle 21:15

    Vedi Giorgio, mi fa piacere che un “povero amatore” come erroneamente ti definisci riesca a cogliere!!!
    Alcuni dicono 300 anni nella vita del SOle è NULLA! Vero!!!
    Poi gli stessi dicono: Un Maunder è IMPOSSIBILE!!!
    Ricordiamo che per fortuna la nostra amata Stella farà come vuole e in barba a tutti quelli che cercano di IMBRIGLIARLA in solidi schemi!!!!
    E’ inutile ancora oggi l’Uomo è al centro dell’Universo per molti Scienziati purtroppo!!!
    Per il resto riconfermo ciò che ho detto RIGUARDANDOMI TUTTE LE AR DEL VECCHI CICLO23: una AR che compie il 60-70% di “giro di Stella” è da MAX; un giro e mezzo-due è da POST MAX; lo dice anche il Prof. Hathaway!!!!
    Non so che cosa significa ora nel ciclo in corso , questi però sono gli “imput” deterministici!!!!

    ALE

  24. giorgio
    21 gennaio 2010 alle 21:22

    350 anni di storia del sole sono pochi pero la poca storia ci insegna che circa 4 anni di ciclo quasi inattivo corrispondono ad un ciclo molto debole e con una sucessiva fase attiva di 6/7 anni al massimo con attivita ridotta,modello Damon o Dalton.Se poi il ciclo salta tutto fa pensare al Mandeur.Altrimento la storia ci consegnera qualcosa di diverso mai registrato fino ad ora.E anche questo e” possibile.

  25. ice2020
    21 gennaio 2010 alle 21:32

    Tra qualche mese avremo già delle risposte…

    di certo se guardiamo i precedenti ultimi cicli, una volta ripartito (come sembra il sole ora) era un crescendo fino al massimo, ma anche se era un crescendo graduale, cmq era sempre più forte di come sta facendo di questi tempi…daltronde come detto giustamente anche da qualcuno sopra, (ed è anche la mia odea), da un ciclo così nn possiamo attenderci che questa lentezza e debolezza…

    Forse in tanti nn hanno ancora capito che i veri giochi iniziano adesso, anche durante il maunder ed il dalton i minimi nn sn durati per sempre, soprattutt all’inizio!

    Ogni possibilità è dunque aperta!

    Simon

  26. Stefano
    21 gennaio 2010 alle 22:06

    Buonasera, volevo chiedere se è possibile fare un parallelismo tra il vecchio ciclo 23 e questo nuovo ciclo 24 appena ripartito. Questo perchè non mi ero mai avvicinato a questa affscinante scienza e non riesco ancora a cogliere le differenze e le anomalie di questo ciclo rispetto agli altri se non dalle parole dei più esperti. Grazie.

  27. Andreabont
    21 gennaio 2010 alle 22:21

    Anche io noto quasi una tristezza di fondo per il fatto che il ciclo è partito…

    1) Un ciclo non si può “bloccare”, o almeno, non è mai successo e non è nemmeno prevedibile un comportamento del genere.

    2) Il minimo (generale), come dicevo, è confermabile solo al raggiungimento del massimo (locale) di questo ciclo, quindi ben venga questo massimo, ci toglierà un bel pò di domande.

    3) Il fatto che il ciclo solare sia ripartito non vuol dire che il sole non sia ancora in fase di bassa attività, anzi, data la ripartenza, per quella poca che abbiamo visto, possiamo dire che l’attività solare rimane ancora estremamente sotto media, staremo a vedere se anche il massimo (locale) sarà sotto media.

  28. Andreabont
    21 gennaio 2010 alle 22:35

    Non è facile confrontare due cicli in questo modo, ma tento di riassumerti il comportamento del sole in questi ultimi anni.

    Il sole ha dei cicli di attività lunghi circa 11 anni, in cui passa da una fase di bassa attività (minimo locale) a una fase di forte attività (massimo locale) e così via…

    Negli ultimi cicli il sole ha però avuto una serie di cicli solari particolarmente intensi, facendo prevalere una forte attività: questo periodo è un massimo globale.

    Ogni volta che vediamo un massimo o un minimo globale lo chiamiamo con un nome per comodità, ad esempio, nella storia, il minimo di Maunder è stato un lungo periodo, durato diversi cicli solari, di bassissima attività.

    I centri di ricerca, abituati alla forte attività hanno previsto un ciclo 24 (il nostro attuale) come estremamente forte, prevedendo come picco del massimo locale l’anno 2012, cosa che, immaginerai, ha dato gas al mito della fine del mondo maya…

    http://www.astronomia.com/2006/12/27/un-ciclo-solare-esplosivo/

    Da allora le previsioni sono state ritoccate verso il basso innumerevoli volte… l’attività solare, uscita dal ciclo 23, ha iniziato a scendere e…. non si è più rialzata…

    Almeno fino a un mesetto fa (seriamente) in cui si è ricominciato a vedere qualcosa. Nei messi precedenti abbiamo addirittura osservato un intero mese senza segni di attività (spotless).

    Il fatto è che il sole è sostanzialmente in “ritardo” sulla tabella di marcia da un tempo considerevole, tanto che le previsioni ufficiali hanno dovuto spostare in avanti di un anno la data del massimo locale, fino al 2013, e di certo non sarà “esplosivo” come pensavano.

    Naturalmente ogni tipo di previsione sta perdendo significato, dato che il sole le sta sfatando tutte, una dietro l’altra. E inutili sono i tentativi che molti fanno per “far tornare i conti”.

    Il dubbio, che giorno dopo giorno sta diventando certezza, è che questo ciclo, il 24°, sia l’inizio di un minimo globale che porterà ad un lungo periodo di bassa attività solare.

    Poi naturalmente nascono innumerevoli ipotesi, tutte affascinanti, ed eccoci qui 🙂

  29. 21 gennaio 2010 alle 22:46

    Andrea il tuo riassunto é stato ottimo e esemplificativo al massimo!!

  30. Michele
    21 gennaio 2010 alle 22:52

    Un attimo OT, per segnalarvi….
    L’aggiornamento della Corrente del Golfo!
    A mio parere continuano le anomalie!!

  31. 21 gennaio 2010 alle 22:54

    Domani voglio vedere quella zona ancora nel behind e che si trova proprio sull´equatore. È da un paio di giorni che resiste e quindi non é una cosa passeggera. Se avesse uno spot o se crescesse sarebbe da max pieno.
    Qui si nota meglio:

  32. ice2020
    21 gennaio 2010 alle 22:56

    No sand, ormai è andata quella…

  33. 21 gennaio 2010 alle 23:00

    In effetti é ancora abbastanza strana. Quello che hai giustamente segnalato come corrente forte nel nord del Canadá é la stessa che entrava nel labrador dalla parte sud della Groenlandia. Sembra quindi che almeno in quella parte la corrente sia un poco scesa verso sud. Se cosi fosse la parte occidentale del mare della groenlandia dovrebbe adesso cominciare a gelare di piú di quanto fatto finora.

  34. Michele
    21 gennaio 2010 alle 23:03

    Una cosa è sicura Sand…
    C’è un cambiamento…basti osservare l’immagini dell’area del Golfo….
    sembra veramente che non spinga più come prima!

  35. rbateman
    22 gennaio 2010 alle 06:44

    I would think that whatever is causing the L&P effect of sunspots losing contrast is also at work keeping spotted regions at a minimum, in this case, 1 at a time. If you examine the Stereo Aheah & Behind, you will find that the two regions (1040 & 1041) are opposite each other on the Solar Globe, bisecting a line at the solar center something like 30 degrees.

  36. enrico
    22 gennaio 2010 alle 18:51

    Certo Simon con quel titolo te le sei un pò “gufata” visto che una nuova area si sta formando…. 😉 naturalmente si “ruzza”… 🙂 e cmq per adesso è davvero piiiiiiiiccola.

  37. frozen
    22 gennaio 2010 alle 21:02

    Eccola, l’avevate chiamata?? non si è fatta attendere! Comparsa una nuova regione sull’NH così finalmente ora abbiamo 2 regioni attive contemporaneamente!

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: