Home > Cambiamenti Climatici, Ghiacci Antartici, Ghiacci Artici, IPCC > Come sta messo il nostro Pianeta? – Parte 1

Come sta messo il nostro Pianeta? – Parte 1

26 gennaio 2010

Dallo scandalo del Climate Gate è venuta fuori la cosa più importante che potevano ottenere, cioè, gli scienziati che sono promotori dell’AGW e che farebbero parte dell’elite della climatologia mondiale non sanno spiegarsi come mai negli ultimi anni le temperature hanno smesso di aumentare.

Il che è preoccupante, se non ci riescono loro figuriamoci noi a trovare una soluzione, ma probabilmente la loro ottusità e il loro portafogli gli portano a negare l’evidenza visto che sono ancora più che convinti che l’unico fattore in grado di cambiare le temperature sia la CO2, quando ormai ben tutti sanno che in realtà il suo effetto è pressoché ininfluente.

Facciamo quindi un’analisi della situazione odierna, partendo prima dalla questione dei ghiacci marini:

Ghiacci Artici:

Ghiacci Antartici:

come si può vedere alla difficile situazione dei ghiacci artici fa da contrappeso un’ottima salute di quelli antartici, questo ormai lo sappiamo tutti, ma volevo postare anche un altro grafico che mostra la quantità di ghiaccio sulle coste della Russia, della Siberia e dell’Alaska in Agosto, cioè poco prima del minimo stagionale:

come si può ben vedere si nota una vastissima variabilità annuale ( linea tratteggiata ) ma anche per quanto riguarda un’analisi su tempi più lunghi vengono fuori periodi con più ghiaccio e periodi con meno ghiaccio, frutto delle variazioni naturali dei cicli oceanici, non certo dovuto alle attività umane.

Un argomento collegato a quello dei ghiacci è l’innalzamento del livello del mare, anche se il fenomeno non dipende dai ghiacci marini spesso viene trattato come se ne fosse la diretta conseguenza, ma ben sappiamo che il ghiaccio marino è proprio detto marino perché poggia sull’acqua e perché deriva dal congelamento del mare, quindi sostanzialmente si tratta di un equilibrio acqua ghiaccio che se dovesse “rompersi” o “spostarsi” non comporterebbe nessun tipo di catastrofe.

Vediamo quindi come è variato ilo livello dei mari:

da come si può vedere il livello dei mari è in continuo aumento dal 1900, senza discontinuità, eppure non segue lo stesso andamento delle temperature, il che dovrebbe far pensare che o il livello dei mari non dipende dalla temperatura e quindi dipende da altri fattori o i dati sul livello dei mari sono sbagliati, andiamo a vedere nel dettaglio i dati satellitari:

Notiamo come l’aumento sia sempre minore man mano che ci avviciniamo ai giorni nostri.

A guardare il grafico l’aumento è stato di circa 15cm dal 1900 al 2000, quindi ipotizzando un aumento sempre costante nel 2100 dovremmo avere circa 30cm in più del 1900, mi chiedo dove siano tutti i metri e metri di mare in più che prevede l’IPCC?

Io poi ho la “fortuna” ( si fa per dire visto che io odio il mare ) di vivere in una città di mare e considerando i dati satellitari dal 2000 al 2009 ci dovrebbe essere stato un aumento di circa 3cm, sinceramente un po’ pochini per essere stato il decennio più caldo di sempre ( almeno questo è quello che dicono all’IPCC ), cmq per ora il mio mare, schifoso per quanto possa essere è sempre li e vi assicuro che da me con 1m in più finirei sott’acqua, e dato che la mia città ( che nel passato era molto più simile a Venezia ) è ancora qui bella tranquilla.

Con la 2° parte parleremo delle temperature globali, della CO2 e delle nuvole.

FABIO

  1. EnzoDD
    26 gennaio 2010 alle 13:45

    Veramente interessante… il valore dei ghiacci Russi-Alaska attualmente e’ praticamente quasi uguale a quello del 1900… certo la diminuizione dei ghiacci artici da questi grafici potrebbe sembrare correlata all’innalzamento marino, anche se di un’entita’ piu’ contenuta rispetto a quello che vogliono farci credere!… vediamo ora se con questo minimo solare eccezionale questa tendenza verra’ invertita per l’artico, per avere la controprova che l’AGW non c’entra niente e di conseguenza che l’innalzamento marino e’ ad esso correlato!… stiamo per vivere tempi interessanti credo…

  2. Maabus
  3. Dario
    26 gennaio 2010 alle 16:36

    Come ho già scritto su ilmeteo.it (sono “Picapere”), i grafici sarebbe il caso di falri indicando la percentuale, non il valore assoluto; posso anche far vedere che i ghiacci sono diminuiti di 1 milione di Km2, ma quanto è in percentuale?
    Nei fenomeni terrestri oscillazioni entro il 5-10% sono assolutamente naturali e normali…

  4. Nintendo
    26 gennaio 2010 alle 16:54

    è sbagliatissimo invece mostrarli in %, perchè dipendono troppo dal valore della media.
    per l’artico per esempio un 5% di anomalia in Luglio vale molto meno di un 5% in Dicembre.
    i ragionamenti con i % valgono solo se si fa riferimento ad un media fissa e invariabile.

  5. mistral 101
    26 gennaio 2010 alle 18:25

    Circa l’innalzamento del livello degli oceani, avevo letto anni fa su una rivista (non ricordo più’ se Le Scienze o Fucus) che la Terra viene investita ogni giorno da miriadi di micrometeoriti di ghiaccio. E’ possibile che questi micrometeoriti si sciolgano (o meglio vaporizzino) in atmosfera, contribuendo ad alzare il livello degli oceani?

    Che ne pensate?

  6. Stefano Riccio
    26 gennaio 2010 alle 18:59

    beh mi pare ridicolo che dei micro pezzetti di ghiaccio possono alzare il livello del mare, per di più il ghiaccio vaporizzerebbe nell’impatto con l’atmosfera e non riuscirebbe ad arrivare sulla terra.

  7. mistral 101
    26 gennaio 2010 alle 19:14

    Be, una volta entrate in atmosfera anche se vaporizzate, prima o poi le molecole di H2O arrivano a terra. Mentre l’innalzamento del livello degli oceani sarebbe da considerare sul lunghissimo periodo.

  8. 26 gennaio 2010 alle 19:15

    Io penso che l´innalzamento dei mari sia dovuto alla massa enorme di detriti che portano negli oceani ogni anno tutti i fiumi del mondo.
    L´innalzamento avrebbe cosí un andamento abbastanza regolare. Per verificare l´effettivo alzamento dei mari occorrerebbe depurare tale l´innalzamento dalle centinaia di tonnellate di terra che i fiumi trasportano.

  9. 26 gennaio 2010 alle 19:18

    Comunque é un articolo ottimo! Bravo Fabio.

  10. giorgio
    26 gennaio 2010 alle 21:17

    Gli unici ghiacci che possono far crescere gli oceani sono quelli Hymalayani,Andini,Alpini ecc..oppure un ipotetico ma non ancora dimostrato abbassamento del livello dei ghiacci antartici.dato che in alcuni siti raggiunge i 4 km di altezza.Altre ipotesi sono amio avviso da scartare.Faccio notare che anche se i ghiacci polari artici sono ancora in deficit,il minimo estivo del 2009 ha segnato un recupero di 1 mln di kmq rispetto al minimo storico del 2007.Vi sembra poco un +25% in due anni?.attenzione perche quando vi e” una inversione di tendenza prima vi e” una stabilizzazione, successivamente un lento recupero e solo successivamente il recupero tende a farsi consistente.Quindi dato molto positivo.Altra cosa importantissima l”estate artica si e” ridotta mediamente di una settimana rispetto agli ultimi anni,infatti il minimo estivo e” stato raggiunto il 13 sett. risp alla media che era intorno al 20 sett.del 2007-2008.Cosa non da poco anche questa per chi e” attento ai dettagli.Da tenere ancora in forte considerazione e” l”abbassamento della linea di convergenza intertropicale,che nel 2009 e” stata di ben 100km rispetto alla media trentennale,un dato che per molti non significa molto.Ma vi posso garantire che ogni abbassamento delle temperature globali e” sempre stato preceduto da un”arretramento del fronte intertropicale.Inoltre altro dato (ultimo aggiornamento 20 gennaio)il ciclo ENSO e” in forte ridimensionamentoCon un indice SOI fortemente negativo come abbiamo avuto un nino cosi debole e” sicuramente sintomo di carenza energetica del pacifico tropicale..Praticamente resta solo attivo il nino 4 mentre nino 1 e 2 sono passati adirittura in negativo.golfo del messico freddisimo.assenza di perturbazioni atlantiche (solo canadesi di origine pacifica).Corrente del golfo deviata,copertura nevosa dell”emisfero nord che non si verificava da almeno 30 anni.Vortice polare praticamente in coma profondo.ci sono abbastanza indizi per dire con cuore sereno che i prossimi anni saranno piu freddi e anche se le temperature attuali non mostrano ancora segni di forte cedimento anche se per me e” ormai solo questione di tempo.Anche perche prima si muovono i sensori poi solo successivamente arrivano i fenomeni.Mi chiedo come si possa essere arrivati in cosi pochi anni di minimo solare a una situazione del genere.Forse c”e qualcosa d”altro e qui l”uomo puo aver fatto la sua parte.Ma io mi fermo qui perche la mia e” solo un”ipotesi priva di dimostrazione scientifica.

  11. Nintendo
    26 gennaio 2010 alle 21:22

    l’aumento del livello dei mari è in parte dovuto all’espansione degli oceani per effetto delle maggiori temperature.

  12. 27 gennaio 2010 alle 00:13

    Simon, Sand, NIA…
    Torniamo per un attimo alla questione UFO sul Sole.
    E’ tutto il giorno che sto perdendo tempo con gli spagnoli dello Starviewer per fargli capire che quelle robette sono errori di trasmissione dati e non astronavi madri, ma mi hanno risposto che hanno ben 260 riviste scientifiche che possono documentare che elementi come il mercurio possono resistere a 2,5 milioni di gradi Kelvin…
    Nonostante l’assirdita del discorso, chiedo un aiuto a voi. E’ possibile avere le immagini del Sole riprese da un altro osservatorio, come lo STEREO ad esempio, o da Terra, nello stesso giorno o meglio ancora nello stesso quarto d’ora?

    Una seconda domanda, tutti i fotogrammi sono stati rimossi dal sito di SOHO. Normale prassi!?
    La cosa era gia successo con altre anomalie.

    Arthur

  13. ice2020
    27 gennaio 2010 alle 00:21

    Sullascomparsa dein fotogrammi, nn crdo sia prassi comune, ciò è effettivamente un pò strano!

    Qui ti lscio il link dell’archivio Stereo e soho:

    http://stereo-ssc.nascom.nasa.gov/browse/2009/09/09/index.shtml

  14. ice2020
    27 gennaio 2010 alle 00:21

    PS.se sei interessato fai un articolo e mandamelo er e-mail

    Simon

  15. 27 gennaio 2010 alle 01:20

    Ci puoi contare, Ho rianalizzato già due immagini. Ho scoperto il bandolo della matassa. Preparo un bel debunking con i controfiocchi. Ormai adesso è tarda notte, nel pomeriggio di domani al massimo sarà pronto tutto.

  16. 27 gennaio 2010 alle 01:35

    Grazie per il link, e buonanotte

  17. Davide M.
    27 gennaio 2010 alle 01:59

    Bravo Arthur!!!
    E’ proprio palese che la storia delle navicelle sul sole è una cazzata…..da quelle immagini non si intravede nulla che possa assomigliare ad astronavi madri che per giunta dovrebbero essere grandi delle dimensioni della terra!!! Assurdità su assurdità.
    Buon lavoro, ciao

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: