Archive

Archive for febbraio 2010

Ancora bassa attività solare! (DA NON PERDERE DOMANI ARTICOLO DI ALE!!!)

28 febbraio 2010 20 commenti

(Magnetogramma Gong autoaggiornante)

Non ci sono al momento altre regioni attive nella nostra stella ranne la 1051 che appare oggi sfilacciarsi ulteriormente.

Indici solari di nuovo sotto i tacchi, guardate a tal proposito doe sono arrivati dopo tempo che non lo facevano più gli X-ray:

Ieri alle 22 solar flux che scendeva a 77!

Dal Behind si nota l’ormai imminente ritorno della 1045 (anche se pare solo un enorme plage al momento) e di un’altra regione che non so dirvi ora se nuova o già esistente prima:

Il mese di febbraio provvisoriamente con i dati da me presi giorno per giorno chiude a 31.0 per il Noaa e 18.6 per il sidc, contrariamente a gennaio che chiuse rispettivamente a 21.3 e 13.1.

Domani inizia marzo, vediamo come proseguirà quest’ascesa del ciclo solare 24!

Simon

La Rubrica di NIA: A chi conviene di più l’inquinamento? – Parte 2

27 febbraio 2010 24 commenti

Per chi si fosse perso la prima parte potrà leggerla nel seguente link:

https://daltonsminima.wordpress.com/?p=7536

Analizziamo allora le due controparti che da sempre si contendono queste diatribe energetiche, ovvero il movimento ambientalista e le multinazionali.

I primi cercano di portare le multinazionali ad un utilizzo sempre minore del petrolio a favore delle energie alternative.

Le multinazionali invece vogliono continuare ad usare il petrolio perché costa meno.

Entrambe le ipotesi portano lo stesso ad un uso del petrolio, che in entrambi i casi resterebbe invariato.

Però una volta finito il petrolio le fonti alternative saranno l’unica strada e per produrle servirebbe lo stesso energia, il costo di questa energia dipenderebbe totalmente dalle fonti alternative il quale costo dipenderebbe dal costo dell’energia che è servita per produrli, creando così un circolo vizioso che l’unico modo per fermare sarebbe quello di dare in mano alla “stessa persona” sia il controllo dell’energia che la produzione degli strumenti da cui è ricavata.

I Petrolieri che detengono quindi molto potere decisionale e controllano gran parte dell’economia mondiale per chi dovrebbero patteggiare?

Viene da pensare che converrebbe patteggiare per gli ambientalisti, perché le multinazionali una volta finito il petrolio dipenderebbero da loro e non più dal petrolio, però è un controsenso perché noi abbiamo supposto ( considerando l’ipotesi 1 ) che gli ambientalisti siano un’entità distinta dai petrolieri, quest’ultimi quindi non dovrebbero patteggiare verso nessuno e messa così sembra proprio che non avrebbero altra scelta che aspettare che finisca il petrolio per poi dichiarare fallimento cercando di sfruttare fino all’ultima goccia il petrolio ancora esistente.

Nel caso di vincita degli ambientalisti i petrolieri perderebbero il loro potere e le multinazionali dipenderebbero dalle fonti alternative, se vincessero le multinazionali la situazione non cambierebbe, ma finito il petrolio la situazione sarebbe la stessa di prima, quindi alla fine chi vince sono sempre gli stessi, gli ambientalisti.

In entrambi i casi l’economia ne uscirebbe molto danneggiata e il potere passerebbe di mano.

Quindi a chi conviene inquinare?

La risposta ancora non pare chiara, ma c’è un’altra domanda ora a cui sarebbe meglio rispondere.

Come si finanziano quindi queste associazioni? sarebbe molto difficile che lo facciano solo per le vendite di energia alternativa visto che i petrolieri abbiamo detto che puntano a consumare fino all’ultima goccia il petrolio rimasto, a queste associazioni restano solamente gli sgravi fiscali e gli aiuti economici per sopravvivere, nell’attesa che il petrolio finisca, dove allora diventerebbero loro i “padroni”.

I petrolieri sembra strano però che lascino via libera a queste associazioni che così possono sopravvivere nell’attesa del loro fallimento, verrebbe da pensare che dovrebbero far qualcosa per combatterle, invece sempre più nel mondo l’opinione pubblica viene mobilitata per far apparire loro come i cattivi e gli ambientalisti come i buoni.

Abbiamo detto che le compagnie petrolifere detengono gran parte del potere economico e decisionale del mondo, allora esiste qualcosa al di sopra che riesce a sovrastare questo potere?

Come abbiamo accennato prima una volta finito il petrolio gli ambientalisti avrebbero in mano il monopolio dell’energia, quindi la situazione non sarebbe molto diversa, allora perché l’opinione pubblica li fa passare come buoni, perché far passare una cosa come giusta quando è ormai del tutto inevitabile, perché favorire qualcosa che tanto sarebbe già dovuta accadere?

La differenza sta nel modo in cui viene visto l’inquinamento, il petrolio è fonte di inquinamento ed essendo l’inquinamento dannoso il monopolio dei petrolieri viene fatto passare per “cattivo”, mentre quello futuro degli ambientalisti come “buono” perché non produrrebbe inquinamento.

Ma si ritorna alla domanda di prima, come mai l’inquinamento è stato etichettato come dannoso nonostante i petrolieri siano i “padroni del mondo”?

Il petrolio tanto finirà, che bisogno c’era di farlo passare per una cosa così negativa?

La situazione sta diventando complicata e andando avanti così non si arriverebbe mai ad una valida risposta corredata da un motivo verificabile e quantificabile, ma ci sarebbero solo ipotesi su ipotesi.

Troppi interrogativi abbiamo aperto e le cui risposte aprono nuovi interrogativi portando ad un circolo vizioso infinito che non porterebbe a nessuna conclusione.

Quindi, A chi conviene di più l’inquinamento? È impossibile dirlo e probabilmente è più semplice dire che conviene a tutti e non conviene a nessuno.

Spesso si dice che la soluzione più semplice ad un problema è sempre quella giusta e che per spiegare un determinato fenomeno spesso e volentieri conviene optare per quella meno complicata, e se fosse vera l’ipotesi 2 ?!

FABIO

Non più contabile la 1050 col L&N’s count, in netta fase di decadenza anche la 1051!

26 febbraio 2010 49 commenti

Come si può ben vedere dal Soho continum, le 2 regioni stanno ormai scomparendo, mentre l’attività solare rimane anche oggi a valori bassissimi!

Dal Behind si nota il ritorno della 1045:

che era stata una signora regione attiva apparsa lo scorso 6 febbraio come si può vedere nell’apposita pagina di NIA:

https://daltonsminima.wordpress.com/the-laymannias-count/

Ennesima AR che sta per compiere un giro completo della nostra stella, sebbene si presenti in fase calante rispetto a quando aveva girato la parte visibile del sole intorno a metà mese.

Continua la discesa del flusso solare che ieri alle 22 segnava 79!

Stay tuned, Simon

La Rubrica di NIA: A chi conviene di più l’inquinamento? – Parte 1

26 febbraio 2010 20 commenti

questo articolo sarebbe dovuto essere pubblicato in un’unica parte, ma per motivi di spazio che sono sorti durante l’elaborazione è stato diviso in 2 parti che però non sono da vedere come distinte, questo è un ragionamento interamente eseguito sulla domanda che pone il titolo e la 2 parti dovrebbero essere prese intere, per cui se qualcuno non dovesse apprezzare questa prima parte aspetti di leggere la seconda.

Domanda che potrebbe sembrare banale, ma che banale non lo è poi tanto ne tantomeno lo è la sua risposta, perché alla domanda: A chi conviene di più l’inquinamento, la risposta non è così scontata.

Uno risponderebbe senza pensarci che sono le industrie che più ci guadagnano ad inquinare, ma pensandoci bene alle industrie di inquinare o meno non è che interessi molto, allora lo sguardo passa alle multinazionali che comprano o producono materiali dalle industrie, e qui si va più sul profondo.

L’obbietto delle multinazionali, forse qualcuno non se lo è mai chiesto, è quello di vendere un prodotto in numero sempre maggiore con un costo di produzione il più basso possibile, non puntano mica ad inquinare o a fare altro tipo di attività illegali, il loro obbiettivo è il guadagno.

Per fare questo però c’è bisogno di energia, e chi ce la da l’energia al più basso costo disponibile ( considerando sia il costo dell’energia che il costo per utilizzarla )? Le compagnie petrolifere, ovvio.

Il petrolio è tutt’ora l’energia a più basso costo ad oggi disponibile, e addirittura per quei paesi del mondo più poveri è pressoché l’unica e sola fonte di energia disponibile, per cui il suo utilizzo sempre maggiore nel mondo non è da imputare alle multinazionali, nel capitalismo si sa, vince chi spende meno, perché così guadagna di più.

Allora la colpa è di chi tiene il prezzo del petrolio più basso di qualsiasi altra fonte di energia, e il petrolio è in mano alle compagnie petrolifere che creando un monopolio mondiale fanno il prezzo che vogliono alzandolo di un sacco per poterci guadagnare…………..ehi, aspetta, abbiamo detto che le compagnie petrolifere aumentano più del dovuto il prezzo del petrolio, quindi in teoria costerebbe anche meno, allora il problema diventa quello di capire come mai le altre fonti costino di più e non perché il petrolio costi meno.

Si potrebbe dire che le altre energie costino di più perché le stesse compagnie di prima fanno in modo che questo avvenga, ma il modo in cui questo sia possibile mi viene difficile da capire, cioè, chi produce e vende le altre energie se davvero costassero meno non avrebbe problemi a farle pagare ad un prezzo minore considerando che il petrolio costa uguale per tutti anche i costi di produzione per far funzionare le industrie che producono gli strumenti per ottenere le altre fonti di energia sarebbero lo stesso competitivi…………….ehi, aspetta, abbiamo detto che gli strumenti per usufruire delle energie alternative sono costruiti grazie al petrolio, ebbene si, neanche gli stessi produttori usano le loro stesse energie, viene da pensare che un motivo valido ci sia.

Se questo fosse vero saremmo davanti ad un incredibile paradosso, perché i mezzi necessari per sfruttare le energie alternative verrebbero costruiti con l’energia derivante dal petrolio, ed ecco quindi che qualunque sia il prezzo del petrolio esso sarà sempre minore delle altre energie perché parte integrante del loro processo di costruzione, quindi un eventuale maggiore produzione di questi mezzi alternativi non farebbe che arricchire i petrolieri.

Ma c’è un’altra ipotesi, molto più pessimistica.

Questa ipotesi vede le multinazionali del petrolio che sapendo che prima o poi il petrolio finirà corrono ai ripari diventando controllori di quelle industrie che producono i mezzi per ottenere le energie alternative, così da avere un monopolio stabile dell’energia anche una volta finito il petrolio.

Con questa seconda ipotesi tornerebbe tutto, tornerebbe il prezzo eccessivamente alto ( perché un conto è che sia più alto, ma un altro è che costi anche 10 volte tanto ) di queste energie e così una volta finito il petrolio avrebbero di che sopravvivere.

A pensarci vengono pochi dubbi su quale delle 2 ipotesi si avvicinerebbe alla realtà, perché vedrebbe i cosiddetti padroni del mondo cadere sotto le mani di altri una volta finito il petrolio, e con tutti i soldi che hanno difficilmente si lascerebbero morire così facilmente.

Comunque sia tutte e 2 le ipotesi portano in un primo tempo ad un arricchimento continuo dei petrolieri, mentre sul lungo periodo evolverebbero diversamente, portando però entrambe in una situazione dove l’energia costerebbe di più rispetto a prima e dove essa sarebbe in mano ancora una volta a poche “persone” che eserciterebbero un altro monopolio.

Ma chi lo controllerebbe questo monopolio? Nel primo caso le associazioni ambientaliste e nel secondo sempre i petrolieri.

FABIO

Continua la bassa attività solare! (Lunedì articolo di Ale sul recinto di Carrington e sul minimo in corso)

25 febbraio 2010 23 commenti

Le 2 nuove regioni attive, la 1050 e la 1051, non sono altro che 2 micetti, tra l’altro la 1050 è già in fase di netta decadenza!

Non si vede dal manetogramma la formazione di nuove AR,  di quelle vere, tipo la 1029, la 1035, la 1039, come potete vedere nell’apposita pagina del Blog sempre aggionata:

https://daltonsminima.wordpress.com/the-laymannias-count/

Inoltre la AR 1051 altro non è che la vecchia 1043, ennesima regione del ciclo 24 ad essere riuscita a compiere un giro di stella, ed ormai è chiaro che l’unico spicchio di sole che riesce a formare delle regioni attive è sempre lo stesso, in accordo ormai con quanto più volte esposto sull’ormai celeberrima teoria di Ale sul recinto di Carrington!

I maggiori indici solari appaiono ancora a livelli minimi:

X-Flare:

Planetary k-index:

Vento solare a 350 km/s, con annessi raggi cosmici che continuano la loro salita:

http://www.persicetometeo.com/public/popup/cosmic_rays.htm

Flusso solare che dopo aver raggiunto il record del ciclo 24 col valore di 93 continua la sua discesa, ieri alle 22 segnava infatti 80!

Il Minimo di Eddy continua…e chissà cosa accadrà nei prossimi mesi con la verifica della legge di L&P (che ha ricevuto  ancora conferme) e con l’allineamento dei giganti gassosi ai primi di luglio…tutto da vivere, qui su NIA!

Simon

Una scienziata italiana in Groenlandia dice che….(e possibili relazioni con la deviazione della corrente del golfo?)

25 febbraio 2010 53 commenti

Mentre tanti pseudo scienziati si dilettano a viaggiare esponendo le loro teorie prefrabbricate sul AGW, altri scienziati VERI fanno le loro ricerche e le loro esperienze nelle condizioni piú disagiate.

Vorrei fare questo articolo per onorare una scienziata italiana che é dovuta andare all´estero per mostrare la sua capacitá. Parlo di Fiammetta Straneo.

La Dott.ssa Straneo, laureata in fisica a Milano e fisica oceanografica a Washington, guida un gruppo di scienziati multi-istituzionale per fare ricerche ed esperimenti tra i ghiacci artici e i ghiacciai della Groenlandia. Lei con il suo gruppo sono andati, come quasi ogni anno, in Groenlandia nel fiordo di Sermilik, che collega il Mare di Irminger al ghiacciaio Helheim. L’ultimo decennio ha visto la perdita accelerata di ghiaccio in Groenlandia e il ghiacciaio Helheim si é già ritirato da molti chilometri. Il ghiacciao Helheim, uno dei piú veloci al mondo con parecchi chilometri all´anno, scende dalla costa fino al mare e fino a che il ghiaccio tocca il fondo marino non ci sono problemi, ma quando il mare sprofonda il ghiacciaio galleggia e da lí nascono i problemi. Il ghiacciaio si assottiglia e si scioglie.

Fiamma Straneo in giallo misura la temperatura

I ricercatori, guidati da Fiammetta hanno scoperto che i cambiamenti nelle correnti oceaniche del Nord Atlantico portano acqua subtropicale, molto piú calda, sempre più a nord. Acqua calda con circa quattro gradi Celsius è stato trovata durante le loro ricerche. Questa acqua calda combinata con una sua rapida propagazione, ha consentito lo scioglimento di masse dei ghiacciai della Groenlandia. L’acqua più calda si muove rapidamente attraverso i fiordi, portando via con sé il ghiaccio che si scioglie mantenendo le temperature relativamente calde. Straneo, spiega, “Questa è la prima indagine completa di uno di questi fiordi che ci mostra come queste acque calde circolano e come é vigorosa la sua circolazione. Cambiamenti nella circolazione oceanica su larga scala del Nord Atlantico sono un effetto moltiplicatore per lo scioglimento rapido dei ghiacciai, non nel giro di pochi anni, ma una questione di mesi dove il ghiacciaio scende a mare. Lei sottolinea quanto poco si sa sulle interazioni dell´oceano con i ghiacciai e che la continua osservazione sarà estremamente importante per avere un quadro completo di come si influenzano reciprocamente e di come regolamentano il livello del mare. È anche probabile che la comprensione di come questi collaborano aiuterà a comprendere come le correnti oceaniche e i ghiacci marini nel loro insieme possono influire nel clima regionale e globale. Un rapido afflusso di acqua fresca potrebbe servire a distruggere il sistema globale delle correnti dell´oceano, noto come il nastro trasportatore Oceanico e della Corrente del Golfo e corrente Nord Atlantica.

Il ghiacciaio della Groenlandia Helheim dove sono state fatte le ricerche

La loro ricerca conferma che non é stato il presunto riscaldamento dell´aria a sciogliere i ghiacciai della Groenlandia, ma il cambiamento della corrente Atlantica che sta portando molto piú acqua calda verso il nord.

Guardiamo una immagine attuale e vediamo come esiste una zona di acqua calda nel sud della Groenlandia e che viene dalla corrente del Golfo:

Anomalie temperature nord Atlantico

E vediamo invece una situazione come dovrebbe essere e come era lo scorso febbraio 2008:

Anomalie temperatura nord Atlantico

La differenza di temperatura marina tra le due date febbraio 2008 e febbraio 2010 nel sud della Groenlandia sono evidenti, ma sicuramente non é stato l´uomo a riscaldare e a modificare la corrente atlantica!

http://www.whoi.edu/page.do?pid=7545&tid=282&cid=69134&ct=162

Credo che ancora gli adepti del GW hanno tanto da studiare e prendere esempio dai veri ricercatori, che non manipolano i dati e non cercano di arricchirsi con la speculazione delle teorie fabbricate a tavolino.

Un´altra ricerca sta riguardando adesso lo Stretto di Bering, che fino a poco tempo fa tutti dicevano che non aveva nessuna influenza sulle correnti, sul clima e invece sembra che….. il seguito alla prossima puntata…..

SAND-RIO

Fiammetta Straneo, una vera scienziata:

Questo il suo sito:

http://www.whoi.edu/science/PO/people/fstraneo/

Il dottor Phil Jones ammette: Nessun riscaldamento Globale dal 1995, mentre stranamente sono spariti i dati della mazza da hockey…

24 febbraio 2010 87 commenti
  • I dati di vitale importanza per sostenere il ‘grafico della mazza da hockey’ sono andati persi
  • Non c’è stato alcun riscaldamento globale a partire dal 1995
  • Periodi di riscaldamento globale sono già accaduti in passato – ma non a causa dell’uomo
Professor Phil Jones 

Il professor Phil Jones (qui sopra in foto)  ha ammesso che i suoi dati non sono buoni  come dovrebbero essere.

Il mondo accademico al centro del caso Climategate, i cui dati grezzi sono essenziali per la teoria del cambiamento climatico, ha ammesso che ha dei problemi a rintracciare i dati.

I colleghi dicono che il motivo per cui il professor Phil Jones ha rifiutato la libertà di rendere pubbliche le informazioni è che egli può avere effettivamente perso i documenti pertinenti.

Il professor Jones ha detto qualche giorno fa alla Bbc che i colleghi hanno detto la verità e che a il suo ufficio era invaso di documenti e a lui mancava la capacità organizzativa per far si che nn venissero persi.

I dati mancanti sono fondamentali per il famoso grafico della  ‘mazza da hockey’ usata dai sostenitori dell’AGW a sostegno della loro teoria.

Il professor Jones ha inoltre ammesso la possibilità che il mondo era più caldo durante l’ epoca medievale di adesso – suggerendo che il riscaldamento globale non può essere un fatto legato all’ uomo.

E  ha aggiunto che negli ultimi 15 anni non vi è stato alcun riscaldamento ‘statisticamente significativo’.

Il professor Jones è entrato sotto i riflettori da quando si è dimesso da direttore della University of East Anglia Climatic Research Unit’s, dopo la fuga di e-mail che sarebbe la provasecondo gli scettici chegli scienziati pro-AGW manipolassero i dati.

Questi dati, raccolti da centinaia di stazioni meteorologiche di tutto il mondo e analizzati dalla sua unità, sono stati usati per anni per sostenere gli sforzi delle Nazioni Unite del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC) per far pressione sui governi mondiali per ridurre le emissioni di biossido di carbonio.

Fonte: http://www.dailymail.co.uk/news/article-1250872/Climategate-U-turn-Astonishment-scientist-centre-global-warming-email-row-admits-data-organised.html?ITO=1490

Io non mi sento di aggiungere altro…

Simon