Home > Ciclo 24 > La 1047 “trans” non c’ è piú.

La 1047 “trans” non c’ è piú.

11 febbraio 2010

La zona 1047 nel sud del Sole con la macchia a polaritá invertita, per essendo ancora presente, non ha piú sunspot.

La 1045 é in fase di forte calo e solo la 1046 sembra in crescita.

Come dice ALE le macchie sembrano crescere solo in uno spicchio del Sole, quello che lui ha chiamato recinto di Carrington, e poi cominciano a diminuire.

Oggi vorrei aggiungere anche questo continuum per paragonare la grandezza del Sole con Terra e Giove.

Nel Behind ancora zone attive in approssimazione ma solo nella parte settentrionale del Sole!

Sembrano per ora piú delle plage che aree con sunspot, ma sará che quando entrano nella parte verso la Terra si sveglieranno anche loro?

Infine ecco i dati del vento solare.

Il NOAA tanto per non perdere il vizio, pur con la 1047 ormai senza macchie ci spara un bellissimo 47 !! con due sole regioni attive! Cioé il NOAA vede all’ interno delle zone 27 sunspot!!

http://www.swpc.noaa.gov/alerts/solar_indices.html

Oggi CT, che ha sempre l´occhio di falco, aveva visto solo 13 sunspot essendo tutte le altre dei semplici pore. A questo punto, dato che lo stesso si é ripetuto nei giorni passati, penso che il NOAA stia contando macchie, pore, ombre e anche l´idea di una possibile sunspot.

Intanto segnaliamo che la NASA ha lanciato oggi un satellite Solar Dynamics Observatory (SDO) per studiare la variabilitá del Sole e del suo campo magnetico.
Ne avevamo parlato a suo tempo:

https://daltonsminima.wordpress.com/2009/12/16/la-nasa-lancia-un-satellite-per-studiare-la-diminuita-luminosita-del-sole/

A breve un articolo su questo nuovo strumento di ricerca sulla natura della nostra stella.
UPDATE: NOAA non si accontenta e spara ancora piú grosso! adesso dice che ci sono 34 sunspot nelle due aree!!!
Sand-rio

Annunci
Categorie:Ciclo 24 Tag:
  1. Giorgio
    11 febbraio 2010 alle 16:49

    In alto a destra nel magnetogramma al lato della 1045 noto un”AR trans

  2. 11 febbraio 2010 alle 17:03

    Questo l´ultimo aggiornamento del NOAA:
    http://www.swpc.noaa.gov/alerts/solar_indices.html

  3. André R.
    11 febbraio 2010 alle 17:19

    CA..PPERI…ho postato e osservato queste immagini su questo forum a me effettivamente sembra a polarità da ciclo dispari…e ha prodotto una macchia di tutto rilievo!!!

    http://forum.meteonetwork.it/1058092484-post2466.html

  4. André R.
    11 febbraio 2010 alle 17:21

    ditemi la vostra che a questo punto sono davvero molto curioso…ma dal magnetogramma SOHO traspare questo fatto…

  5. 11 febbraio 2010 alle 17:28

    Sembrerebbe come dici, ma é un´altra area (1048) o é sempre la 1045?
    CT é sempre attenta a queste nuove aree, ad esempio ieri aveva segnalato un pore a nord est della 1046 poi dopo poche ore scomparsa. Se effettivamente si puó identificare come una nuova area allora é a polaritá invertita. Occorre solo aspettare domani.
    Oggi non la segnalano come nuova area, forse lo fará l NOAA ma ho tantissimi dubbi.

  6. André R.
    11 febbraio 2010 alle 17:34

    comunque la polarità invertita c’è giusto?…quindi per quanto la segnalino o meno ha prodotto una bella macchia…ma il fatto secondo me eccezionale(a parte che si trova nel NH ) ma e nata ai margini di una regione ancora molto attiva…ciò comporta e fa comprendere quanto il campo magnetico solare sia nella piu totale confusione…
    André

  7. Fabio2
    11 febbraio 2010 alle 17:57

    Se la teoria di ALE sullo spicchio di attività delle macchie (causa il progressivo allineamento di Giove e Saturno) è esatta, mese dopo mese dovremmo assistere ad una progressiva riduzione della durata di vita delle macchie.

    Se ALE azzecca questa, io glielo ho già detto, mandi subito il curriculum al NOAA ed al SIDC :-), anzi ad Hathaway in persona 🙂

  8. arturo
    11 febbraio 2010 alle 18:09

    Azzeccate ?! Ma sbaglio o 1 mesetto fa si parlava di ciclo abortito, di piccole macchie, della mancaza assoluta di flare, di macchie troppo vicine all’equatore, di ciclo ormai al massimo(!), di ciclo 25 ?

    Adesso che avete avuto quasi 100 di flux e decine di macchie (gonfiate o meno ce ne sono state molte, grandi ed ale giuste latitudini), e che il ciclo 24 sta partendo in maniera seria ci si dimentica delle previsioni passate ? 😉

  9. Giorgio
    11 febbraio 2010 alle 18:37

    Interessante il fenomeno,potrebbe ripetersi ancora,non appena la AR escono”dall”angolo”,

  10. Andreabont
    11 febbraio 2010 alle 18:39

    Più che previsioni sono ipotesi… e l’ipotesi del massimo solare presso il 2010-2011 non è ancora esclusa….

    PS: Di massimi solari senza macchie non ne ho mai visti (ok, 300 anni di osservazioni storiche sono pochi, però…) nemmeno in Maunder, e questo non fa differenza.

  11. 11 febbraio 2010 alle 18:47

    Qui ognuno ha le sue idee e le puó esplicitare liberamente. Noi non siamo la scienza ufficiale e facciamo le nostre previsioni, ipotesi, sogni, scommesse.
    Mica perdiamo qualcosa nello stipendio se facciamo delle previsioni teoriche che poi si rivelano sbagliate.
    Io per esempio ho le mie idee da completo quasi ignorante in materia, che sono diverse da quelle degli altri anche se convergono in molti punti.
    Penso e lo continuo a dire che siamo vicini al massimo del ciclo 24 che si avrá verso fine 2010 inizio 2011, che sará un ciclo debole e che ancora piú debole sará il prossimo ciclo.
    I fatti mi smentiranno? Non perderó il sonno né il pane per questo.
    🙂

  12. giorgio
    11 febbraio 2010 alle 19:16

    Se cosi fosse aumenterebbero le possibilita di andare incontro a un collasso magnetico.

  13. giorgio
    11 febbraio 2010 alle 19:22

    Arturo: hanno sbagliato scienziati di prima,fugriamoci noi.Siamo qua per discutere e dare opinioni.Per la verita assoluta c”e solo DIO.

  14. giorgio
    11 febbraio 2010 alle 19:34

    A proposito di Giove,c”e la possibilita che il suo avvicinarsi al sole abbia ritardato la fine del ciclo 23 e di conseguenza il ciclo passato potrebbe aver durato ben 13 anni.Quindi l”ipotesi che il ciclo si sia concluso ad agosto 2009 non e” affatto assurda.se fosse cosi sarebbe il ciclo piu lungo della storia,mentre il 24 potrebbe al contrario essere il piu corto.

  15. 11 febbraio 2010 alle 22:23

    È incredibile come la 1045 stia decadendo rapidamente all´uscita del recinto.

  16. Michele
    11 febbraio 2010 alle 22:31

    X Sand…

    Piccolo Ot…

    Ci siamo capiti…ricordi….io continuo a monitorare….

    Confronta la corrente del 10-02-2011, con quella del 11-02-2009
    con mercator-ocean!
    Gli piace troppo andar verso le coste del Labrador!
    E poi mi sembra che lungo le coste degli States abbia preso una bella botta!!!
    E’ tutta fatta a pezzettini….

  17. anonimo
    11 febbraio 2010 alle 22:31

    salve

    sperando che non venga linciato per questo OT terrificante, vorrei rendervi partecipi di un mio
    pensiero, e non mi dispiacerebbe affatto conoscere il pensiero di tutti voi.

    Volevo condividere una riflessione con voi, sperando che non vi dispiaccia troppo.

    Le piramidi, intesa come tipologia di costruzione, a me non interessa a quale scopo siano state costruite, mi interessa solo il periodo storico.Da ciò che è evidente,
    le problematiche nella costruzione di queste strutture erano davvero complesse e risultano in moltissimi casi orientate perfettamente con punti cardinali e stelle.
    Non mi interessa capire come abbiamo fatto, rifletto sul periodo, quasi la totalità di queste strutture megalitiche risalgono più o meno allo stesso periodo, un bel pò di anni fa.

    Non voglio menzionare date perchè la datazione del carbonio 14, è piena di problematiche, che anche l’attività solare può alterare.

    Se oggi, in questi ultimi 30 anni sono stati innalzati grattacieli enormi in tutto il mondo, e perchè la tecnologia lo ha permesso, e la tecnologia arriva a tutti prima o poi.
    Dando per scontato che la nostra capacità mentale in questi anni non è variata, la tecnologia è la differenza e la chiave di tutto.
    Riflettere, invece, su cosa rappresentano le piramidi, è assai più difficile perchè sconosciamo il loro livello di spiritualità o evoluzione di coscienza.

    Continuando a riflettere, dopo la nascita di queste costruzioni, dopo la fine del regno egizio c’è un periodo di assoluto vuoto tecnologico. A me non è dato sapere se gli egizi
    conoscevano la precessione degli equinozi, non ne ho idea, ma è davvero strano pensare a quelle costruzioni orientate verso punti cardinali e costellazioni
    e dopo 9 mila anni chiedersi se è la terra che gira intorno al sole o viceversa. Risulta abbastanza ambigua come cosa.Da questo ne deduco, e non mi sembra tanto improbabile,
    che evidentemente questo boom tecnologico che ha permesso la costruzione di edifici così imponenti sia scomparso senza lasciare traccia.Per la verità ci sono anche altre cosette
    oltre le piramidi che dimostrano senza equivoci uno sviluppo tecnologico inspiegabile, ma non voglio dilungarmi eccessivamente.

    Non dimentichiamoci che il nostro cervello ha circa 200.000 anni, e la terra è come se girasse con il suo motorino facendo sempre le stessa strada,
    passando sempre dalle stesse vie.Con questo voglio dire che se davvero qualcosa di ciclico accade, ed a noi al momento non è dato saperlo, non possiamo pensare che
    i nostri avi non siano stati dei buoni osservatori, e non abbia davvero nulla da insegnarci.

    La nostra società si è evoluta tecnologicamente, ma la nosta coscienza insieme alla nostra tecnologia furono resettate, e da allora la tecnologia ha prevalso su tutto.
    Ma questo non è evoluzione, a mio parere la vera tecnologia si sviluppa su una base solida, dire che la nostra tecnologia è usata male, per me è davvero superfluo.

    Noi non ci sentiamo più parte di qualcosa di grande, ci sentiamo soli, non costruiamo edifici per farli restare migliaia di anni, ma fin quando non cade il governo.
    Ho sempre pensato che i popoli dell’antichità erano più evoluti di noi, tecnologicamente non ne ho idea, ma sicuramente loro erano parte di qualcosa, loro sapevano
    che l’uomo non può nulla contro la natura, contro la ciclicità degli avvenimenti.Loro non erano arroganti, loro osservavano il cielo e mi basta questo per capire
    che sicuramente dentro di loro sentivano qualcosa che ad oggi perde di significato: guardare il cielo.

    Quest’anno ci sarà un allineamento gallatico che in parte si è presentato durante il minimo di mounder, e leggevo che ovviamente, si è già ripetuto circa 22 mila anni fa.
    Non si può essere razionali e scientifici su certi argomenti quando neanche la datazione ufficiale di materiali è un metodo unicamente accettato da tutti.
    Non non abbiamo idea di nulla, mi piace pensare che il sole un giorno ci spiegherà come stanno le cose.Alla fine il wurm è finito 10 mila anni fa, e probabilmente
    in questo momento c’erano -15 gradi, e mi diverte pensare due homo sapiens che parlano, ed uno dice all’altro di non preoccuparsi, perchè tanto accade ogni tot anni, e che
    di certo non erano loro la causa di questo, ma di ciò che gli stava attorno, ciò di cui loro si sentivano parte.Perchè effettivamente, se io mi sento parte di qualcosa,
    e nelle stelle vedo la mia strada, probabilmente invece di pensare a costruire una villa fashion, lo farei allineando le fondamenta alla costellazione dell’acquario.

    Ogugno di noi ogni giorno guarda il sole con tanto entusiasmo ma spinto da motivazioni diverse.Chi vorrebbe che il sole raffreddi tutto, chi spera in eruzioni spettacolari,
    chi vorrebbe nel sole la chiave di uno dei misteri più grandi dell’uomo, e chi vorrebbe che il sole spiegasse a tutti noi, che siamo ridicoli davanti a tutto quello che ci
    palesa davanti, di cui ne abbiamo perso l’essenza, il vero significato.

  18. nitopi
    11 febbraio 2010 alle 23:03

    Anonimo… Non ti si lincia ma…. Limita lo scritto 8)
    Una ventina di righe bastano 🙂
    Ciao
    Luca

  19. nitopi
    11 febbraio 2010 alle 23:05

    DAI… facciamo passare anche la 1046 e poi rifaccio i grafici….
    Pero’ per avere la statistica ne servirebbero una decina , di transiti…
    ……….
    Se ci fosse il vecchio prof. di Sperimentazioni 1…. ne vorrebbe almeno trenta…. 8)
    Ciao
    Luca

  20. 11 febbraio 2010 alle 23:24

    Secondo me per la verità assoluta basta il Papa … 🙂

  21. 11 febbraio 2010 alle 23:25

    Anonimo tu pensi troppo. 🙂

  22. giorgio
    11 febbraio 2010 alle 23:29

    Da osservare anche le AR trans alla come quella di oggi,potrebbero essere diametralmente opposte alle AR pari.

  23. 11 febbraio 2010 alle 23:30

    In effetti credo che “anonimo” ci abbia fatto uno scherzo di carnevale … ma é probabile che durante il minimo solare si riaprirà lo “stargate” e le astronavi aliene che sono sotto le piramidi probabilmente potranno ripartire verso lo spazio profondo … 🙂

  24. 11 febbraio 2010 alle 23:37

    Ho detto una cavolata cosmica non é lo spazio profondo … tutti gli ufologi sanno che gli Atlantidi sono nativi della costellazione di Orione … 🙂

  25. 11 febbraio 2010 alle 23:48

    Comunque conteggi a parte il sole sembra ripartito davvero … certo che le macchie saranno anche numerose ma piuttosto piccole .
    Io credo che le macchie aumenteranno ancora e spero che siano abbastanza evidenti da permettere l’ osservazione su uno schermo é gia da qualche mese che ho montato telescopio ma finora non sono mai riuscito a “vedere” niente di buono …

  26. Nitopi
    12 febbraio 2010 alle 07:27

    COMUNICAZIONE DI SERVIZIO….

    Simon e’ in panne con la connessione internet. Sara’ di nuovo tra di noi al massimo tra un paio di gg. Nel frattempo ci prega di continuare con articoli e commenti…

    Ciao
    Luca

  27. sbergonz
    12 febbraio 2010 alle 08:02

    Secondo me hai detto delle cose belle e sensate, ma sarebbe meglio postarle sul forum NIA.

  28. 12 febbraio 2010 alle 09:29

    Buongiorno a tutti..volevo segnalare quasi 10cm di neve sulle colline intorno a Roma…c’aveva provato in più occasioni ma era dal 2005 che non si vedeva una nevicata decente da queste parti…cambiando discorso,mi chiedevo se quelli del noaa avessero tutti gli occhi da falco..dove cavolo le hanno viste 64 spots…?

  29. 12 febbraio 2010 alle 10:16

    Al Gore meriterebbe la “casa bianca”…. un igloo!!

  30. slug
    12 febbraio 2010 alle 11:36

    Cacchiarola ma non doveva essere un inverno mite nel nord emisfero??? hahaha c’hanno azzeccato alla grande un super nino inverno assente hahahaha che tristezza, neanche il gioco delle bocce è così approssimato, vicino non conta ma almeno vicino è…… ciao ragazzi….

  31. Michele
    12 febbraio 2010 alle 12:15

    Sole ….

    Flare Cat. M8.3 !!
    Indovinate in che direzione ???

  32. Michele
    12 febbraio 2010 alle 12:20

    Più centrale di così…..

  33. giorgio
    12 febbraio 2010 alle 12:27

    abbiamo un notevole contrasto tra i valori X-ray , K-Index, solar flux , con il vento solare.Mentre i primi salgono,quest”ultimo continua a rimanere molto basso.

  34. bora71
    12 febbraio 2010 alle 12:29

    certo che chi parlava di ciclo abortito era completamente fuori strada..
    ora attendiamo e vediamo l’intensita’ del massimo previsto nel 2012..

  35. giorgio
    12 febbraio 2010 alle 12:32

    Michele e” molto interessante la correlazione tra attivita solare e attivita sismica e vulcanica.Non sara per caso che i due valori sono inversamente proporzionali?

  36. giorgio
    12 febbraio 2010 alle 12:35

    Chi vive sperando……….mi sa che nel 2012 ti annoierai un po

  37. Michele
    12 febbraio 2010 alle 12:41

    Massimo …
    Quando in questa tabellina vedremo scritti de numeri a due cifre….
    allora sarà ripartito…

    http://www.swpc.noaa.gov/ftpdir/indices/old_indices/2010Q1_DGD.txt

    Geomagnetic A-Indices
    e
    Planetary K-Index
    caro Bora…

  38. giorgio
    12 febbraio 2010 alle 12:41

    Una buona lettura aiuta sempre a prendere il sonno di notte

  39. Michele
    12 febbraio 2010 alle 12:45

    Giorgio non mi voglio sbilanciare …
    visto i tempi che corrono….
    A breve finisco la mia ricerca poi la passo a Simon!
    naturalmente se vorrà pubblicarla !?

    Intanto andatevi a vedere “Il recinto”…
    Gonfia..sgonfia…..
    http://sohodata.nascom.nasa.gov/cgi-bin/soho_movie_theater
    E’ uno spasso…

  40. agrimensoreg
    12 febbraio 2010 alle 12:50

    La penso anch’io così, ove per “ripartito” intendo che il sole riprenda una maggiore influenza sulla Terra nonchè sul sistema solare. Poi che si formino le macchie è importante, ma un sole che lavora sodo dovrebbe far vedere l’Ap che aumenta sensibilmente. Oppure L&P potebbero aver ragione…

  41. enrico
    12 febbraio 2010 alle 12:59

    Mah…io vedo un flaro di classe M8, che è poco meno di X, non mi pare segno di un ciclo malsano… 😉

  42. 12 febbraio 2010 alle 13:49

    Anche chi parlava di ciclo esplosivo era molto fuori strada. E chi lo diceva erano fior fiore di scienziati astrofisici che camminavano a un palmo da terra!

  43. 12 febbraio 2010 alle 14:16

    Per CT la 1045 ha 2 susnspot e 3 pore
    la 1046 ha 7 sunspot e 9 pore.
    Per SIDC oggi addirittura siamo con un SSN di 24 su 2 aree cioè ci sono solo 4 sunspot.
    http://sidc.be/products/meu/index.php

    Scommetto che il NOAA conterá tutto compreso i pore e quindi non sará meno di 41, ma siccome loro ormai contano anche i pixel bruciati, i tentativi di sunspot e le immaginazioni notturne metteranno + di 50!

  44. 12 febbraio 2010 alle 14:20

    Come dicevamo una nuova area ha approcciato l´earthside ed é solo una plage, vedremo se anche questa quando entrerá nel recinto comincerá a svegliarsi con sunspot e flare.

  45. agrimensoreg
    12 febbraio 2010 alle 14:25

    Luca, che vuol dire con la tua comunicazione di servizio, che dobbiamo pubblicare gli articoli autonomamente?
    Ciao

  46. nitopi
    12 febbraio 2010 alle 14:52

    Simon e’ stato un po’ criptico….
    Io ho pronto il secondo sulle misure della temperatura…
    Dategli un’occhiata nelle bozze…

    Fa fine… Non impegna… 8)
    e riempie la pagina 🙂
    Ciao
    Luca

  47. agrimensoreg
    12 febbraio 2010 alle 15:29

    Un ottimo articolo, ho già in mente un commento. L’unica cosa: temo che il titolo, in un ambiente vasto ed etorogeneo come la rete, possa innescare commenti da avanspettacolo. Vedi tu se è il caso di precisare meglio…
    In ogni caso, penso tu sia il naturale sostituto gestore del NIA (se simon è d’accordo) quindi, se puoi e se ti va, fa pure tu da riferimento per decidere la pubblicazione, altrimenti l’autogestione diventa complicata.
    Ciao!

  48. giorgio
    12 febbraio 2010 alle 16:15

    Mancano appena 142 giorni al grande allineamento planetario,dove i grandi giganti gassosi Giove e Urano da una parte e Saturno dall”altra con la loro strapotenza gravitazionale terranno sotto scacco il nostro astro,deviando il centro di massa solare e inibendo la normale attivita magnetica.Resta fuori dal gioco di competizione solo un piccolo spicchio di Sole che poco a poco giorno dopo giorno da qui al 4 luglio andra lentamente e inesorabilmente inglobato nello “strattonamento”planetario.Oggi come 357 anni fa siamo alla vigilia di un grandissimo evento che ci condurra come si sostiene da piu parti ad un grande minimo che una volta per tutte mettera a tacere chi ancora sostiene che il genere umano e” capace di modificare in modo sostanziale il nostro clima.Giorno per giorno potremo verificare con i nostri stessi occhi se la teoria di Ale illustrata qui si NIA il giorno 9 gennaio corrisponde alla realta.Se cosi fosse Ale diventerebbe l”eroe di questo bellissimo ed entusiasmante blog.

  49. giorgio
    12 febbraio 2010 alle 16:17

    Rettifica 9 febbraio

  50. 12 febbraio 2010 alle 16:19

    Concordo con agrimensore, per ora vai avanti Luca e domattina pubblica il tuo articolo, poi nel pomeriggio pubblico un aggiornamento sulla situazione del Sole.

  51. Michele
    12 febbraio 2010 alle 16:46

    Guarda Giorgio non è per minimizzare il lavoro di ALE.
    Ne quello di Livigston&Penn….
    Ne quello di Landscheidt..
    ma queste cose si son sempre sapute…
    Se scavi scavi nella storia dell’umanità….
    L’unica differenza rispetto a prima e che quando l’uomo antico
    (usciva dal proprio posto lavoro), prendeva e andava a meditare
    osservando le stelle e un bel tramonto..
    Adesso invece deve correre..correre altrimenti perde il Bus..
    che lo deve riportar a casa!

  52. Fabio2
    12 febbraio 2010 alle 17:53

    Finalmente tra qualche mese potremo verificare se effettivamente Giove e Saturno hanno degli effetti visibili sull’attività del Sole, oppure se si tratta di una delle tante teorie senza fondamento……sono proprio curioso…..

  53. bora71
    12 febbraio 2010 alle 18:54

    Ancora un nuovo record del ciclo 24: brillamento di classe M8!!
    SSN 64
    le ultime previsioni non davano un sole cosi’ in forma a gennaio e febbraio..
    sta andando oltre le aspettative!!
    io sono convinto che non sara’ un ciclo esplosivo..pero’ se va avanti cosi’..non si sa mai.

  54. 12 febbraio 2010 alle 19:27

    Se va avanti cosí si conferma che i signori del Sole ne sanno meno di noi!
    E si conferma che il Sole sta dando manifestazioni da massimo o quasi del ciclo.
    Forza cosí verso il massimo!
    Grazie Bora per sottolineare questi record (tu hai una mania con i record 🙂 ) che ci avvicinano a quanto dico io: che stiamo avvicinandoci al max entro fine 2010 inizio 2011.

  55. 12 febbraio 2010 alle 19:34

    Buona sera a tutti…devo dire che sono rimasto molto affascinato dalla teoria dell’allineamento cosiderando le possibili ripercussioni che questo potrebbe determinare….cosi’ dando un’occhiata ho potuto constatare che in tutte le occasioni di minimo rilevante si è avuto un allineamento(o quasi)..soprattutto ho fatto caso alle dislocazioni relative al 1855 e al 1913..praticamente uguali…

  56. 12 febbraio 2010 alle 19:59

    Solar flux a 100! ( 98 corretto) Il max si avvicina!

  57. giorgio
    12 febbraio 2010 alle 20:09

    Sand.volevo con il mio OT darvi uno spunto per impostare se volete nei prossimi giorni un articolo qui su NIA con tanto di grafica e descrizioni ben dettagliate su cio che sta per accadere nei prossimi mesi,in relazione a cio che ha espresso ALE,rendendo cosi la cosa comprensibile a tutti i lettori.Ciao Giorgio

  58. 12 febbraio 2010 alle 20:17

    È un articolo che solo ALE potrebbe scrivere date le sue conoscenze.
    Intanto é bene osservare come il solar flux é completamente fuori scala con quello previsto.

    Mentre “pompano” le sunspot per adeguarle alle loro previsioni;

    Con tutto questo ´pompaggio da parte del NOAA le differenze di conteggio tra SIDC e NOAA questo mese sareanno assurde.

  59. enrico
    12 febbraio 2010 alle 20:20

    “la Cina è vicina !” (il mago di Milano a Zelig…) 😉

    Sarà anche se si avvicina il massimo solare, ma di solito in quel periodo le macchie sono molto basse di latitudine, sull’equatore o giù di li, non tutte ma una buona parte, cosa che anche qui è stata sottolineata spesso, ed amplificata ogni qual volta una piccola “plage” del ciclo 24 fosse un pò troppo bassina, auspicando cicli abortiti e massimi in corso con livelli da minimi già più di 1 anno fà.
    Non penso che le macchie “caleranno” magicamente nel giro di qualche mese o settimana, per adesso sono tutte molto alte, niente a che spartire con un massimo solare.

    Si, il massimo si avvicina, e tra non molto (10 mesi e qualche giorno) è Natale. 🙂

  60. 12 febbraio 2010 alle 20:24

    Sei un poco fuori strada. Le macchie durante il massimo sono proprio a quelle latitudini è dopo il massimo che cominciano a scendere verso l´equatore.
    Quindi macchie a quelle latitudini sono perfettamente compatibili col MAX!
    Le macchie all´equatore si presentano durante la transizione tra un ciclo e l´altro quando contemporaneamente iniziano ad alte latitudini le macchie del nuovo ciclo.

  61. giorgio
    12 febbraio 2010 alle 20:29

    Occorre un po di pazienza….poco meno di 5 mesi…proprio come nel 1653 con lo stesso allineamento planetario.Verifica che cosa successe proprio in quel preciso anno.Ciao Giorgio.

  62. slug
    12 febbraio 2010 alle 20:44

    bene e se appuriamo che accadra la stessa cosa del 1653 con il sole in un profondo minimo cosa consigliate di fare?

  63. Michele
    12 febbraio 2010 alle 20:50
  64. 12 febbraio 2010 alle 20:54

    Ma è certo che l’allineamento dei pianeti producano questo possibile andamento molto basso dei cicli solari e grand minium?
    Giorgio sn affascinato da tali notizia..Spiegami come e se sarà effettivamente cosi..Dammi delle percentuali della realizzazione di una simile cosa, che sarebbe clamorosa e che potrebbe davvero traghettarci in un’altra PEG se si realizzasse un altro Maunder….

  65. 12 febbraio 2010 alle 21:11

    Giovanni, ne abbiamo parlato piú volte:
    Ale ha scritto diversi articoli su questo tema, ma sicuramente questo é il principale:
    https://daltonsminima.wordpress.com/2009/12/29/risonanze-orbitali-la-parola-alleclittica-super-minimum-in-arrivo-2/

  66. giorgio
    12 febbraio 2010 alle 22:39

    La correlazione tra l”allineamento del 1653 e il minimo di Mandeur e” un dato di fatto.Rispetto al 1653 e l”allineamento del 2010 ha 3 varianti.1’Giove si trovera in posizione piu vicina al sole.2 Urano sara perfettamente allineato a Giove.3 Saturno sara piu lontano rispetto al 1653.Giove comunque sara il fattore piu incisivo perche e il pianeta piu grande del sistema solare e il piu vicino al Sole dei 3 in ballo.Penso personalmente che un grande minimo ci sara.Sara da verifiare di quale intensita questo dipende molto dalla situazione attuale del ciclo 24.Mi spiego meglio:se il ciclo fosse appena partito e cioe nel settembre 2009 potrebbe essere che riprenda una se pur minima attivita nel 2014 quando l”influenza di Giove sara cessata.Se invece come si sotiene qui su NIA il ciclo 24 fosse partito nel 2006 potrebbe abortire completamente.

  67. nitopi
    13 febbraio 2010 alle 07:22

    Modificato il titolo.. 8)…perche’ in effetti anche i termometri….

    CIao
    Luca

  68. enrico
    13 febbraio 2010 alle 07:55

    Sandcarioca, su Spaceweather vatti a vedere l’archivio, del 2001, durante il massimo solare, e vedrai quante macchie c’erano sull’equatore… 😉

    “bene e se appuriamo che accadra la stessa cosa del 1653 con il sole in un profondo minimo cosa consigliate di fare?”

    Comprasi un blusottino !!! 🙂

  69. 13 febbraio 2010 alle 10:39

    Enrico sei ancora fuori strada. Il massimo solare del ciclo 23 calcolato dal SIDC si é avuto nel mese di Marzo/aprile 2000!

    http://en.wikipedia.org/wiki/List_of_solar_cycles
    http://www.swpc.noaa.gov/ftpdir/weekly/RecentIndices.txt

    Adesso fai qualche calcolo sulla durata media dei cicli solari dal punto di massimo (anni 10,7).
    Vedi anche qualche articolo precedente sulle conoscenze base del sole proprio qui su NIA.

  70. enrico
    13 febbraio 2010 alle 11:07

    Va bene, guarda l’aprile del 2000 : http://sohowww.nascom.nasa.gov//data/REPROCESSING/Completed/2000/eit304/20000413/20000413_1919_eit304_512.jpg

    Non mi pare sia paragonabile alla situazione attuale, come latitudine intendo.

    Vedremo tra qualche mese… 😉

  71. 13 febbraio 2010 alle 11:40

    Enrico, io partendo dalla data di massimo del ciclo 23 (marzo 2000) , non credo alla previsione del NOAA che dice che il prossimo massimo sará nel maggio 2013, perché significherebbe immagginare un ciclo di oltre 13 anni!
    Se invece consideriamo la durata di un ciclo medio avremo che il massimo sará tra metá/fine 2010 e inizio 2011. Ma naturalmente sono ipotesi, poi potrebbe anche verificarsi un ciclo di 14 anni!

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: