Home > Uncategorized > Direi che la questione SOLE debba ripartire da qui!

Direi che la questione SOLE debba ripartire da qui!

13 febbraio 2010

Ma non vedete che le AR si gonfiano e generano Spot quando passano in un ristretto spicchio di Sole di fronte al quale ci siamo noi Terrestri con le nostre sonde?
La 1045 ha fatto così e ora è in decadenza, la 1046 sta gonfiandosi ache lei…
La 1047 NO, è una spot di ciclo dispari!!!!
Guardate Voi stessi e confermatemelo!!!!
Lo spiccho in questione nn è niente altro che la proiezione degli angoli in intersezione delle congiuungenti di Giove e Saturno con il centro di massa del Sistema Solare!!!!
Lo spicchio si chiude, e questo è un dato di fatto, sarà completamente chiuso entro giugno!!!!
Li vedremo se i due Giganti imporranno la loro legge, ricordo che i loro GMF sommati sono circa 22 volte quello solare!!!!”

Su questo intervento del nostro Ale che ho ripescato in un passato articolo, potrebbe essere racchiusa la teoria verso cui Niroma ha speso la sua, ahimè carriera professionale, senza dimenticare i mitici laori di Landsheidt ovviamente…

Come ci dice il nostro Ale è chiaro ormai da tempo che le macchie partono fiacche nel limbo orientale e man mano che si spostano verso l’ormai arcinoto recinto di carrington crescono per poi regredire nuovamente!

So che L. Nitopi sta lavorando ad un sistema per dimostrare se questa è solo una nostra sensazione (basata comunaque sull’osservazione, nel senso che fateci caso, ma succede sempre così) o c’è davvreo qualcosa di più veritiero!

Noi non siamo scienziati, o almeno tranne Ale, il sotoscritto e la stragrande maggioranza dei lettori NIA siamo più che altro dei semplici appassionati che abbiamo però il coraggio di dire le nostre idee, giuste o sbagliate che siano!

Qui non si fanno previsioni, ma solo ipotesi!

Aspettando chiarimenti dal nostro ale, l quale chiederei pubblicamente che appena ha un pò di tempo si cimentasse a scriverci un bel articolo sulla questione in essere, collaborando anche conLuca Nitopi ad elaborare e perfezionare il suo nuovo sistemino!

Avanti così ragazzi, stiamo crescendo sempre più, e in barba ai detrattori!

Inoltre questa ennesima regione a polarità invertita (alla faccia del 3% di possibilità), che sta perdurando incostastata nel sud emisfero,la vogliamo far passare già innosservata come stanno facendogli americani?

http://solarcycle24com.proboards.com/index.cgi?board=general&action=display&thread=1066

Simon

Advertisements
Categorie:Uncategorized
  1. Nintendo
    13 febbraio 2010 alle 13:56

    ciao Simon, bentornato.
    il blog aveva bisogno di te e io fino a 2 giorni fa come ben sai non potevo gestirlo.

  2. Bernardo Mattiucci
    13 febbraio 2010 alle 15:17

    Beh… se fosse confermata questa ipotesi, cio’ significherebbe che l’allineamento planetario di cui si parla e straparla nell’arci-nota teoria legata al 2012, potrebbe avere qualche valenza scientifica.

    Io dal mio piccolo ho notato che il riscaldamento dei poli Nord e Sud, da qualche anno stanno avvenendo in modo contemporaneo nel periodo di Novembre-Dicembre-Gennaio.
    La motivazione non la conosco… ma posso immaginare che c’e’ qualcosa che, ciclicamente, fa impennare l’intensita’, credo, del Campo Magnetico Terrestre.

    Forse e’ lo stesso “qualcosa” che “attiva” il sole solo in determinate posizioni.

    Ma cos’e’?

  3. ALE
    13 febbraio 2010 alle 17:09

    Scusate ancora la mia poca presenza sul Forum di questi giorni ma sto avendo davvero poco tempo anche se da lunedì le cose cambieranno, il Lavoro mi darà un poco di respiro e riuscirò a esserci di +!!!
    Comunque Simon ha ben spiegato il concetto!!!Sto preparando un breve POST corredato di alcune immagini per fare meglio comprendere ciò che sostengo da quando ho letto le teorie del Prof. Niroma e del Prof. Semi.
    La crescita delle AR in corrispondeza della zona “incriminata” è un dato di fatto, è innegabile e, come dice un mio amico Fisico, per tutti i fenomeni è in linea di principio possibile trovare le equazioni che li regolano mentre è necessario approssimare le suddette equazioni perchè non abbiamo adeguata potenza di calcolo per la rianalisi dei dati in entrata!!!
    Ora corro a buttare giu’ due righe che meglio Vi facciano comprendere cosa intendiamo quando parliamo di questa interazione elettromagnetica tra i GMF planetari e il GMF Stellare.
    ALE

  4. ALE
    13 febbraio 2010 alle 17:14

    Vedo comunque Simon che su Solarcycle24 il prof. Svalgaard nn ti ha rixp!!!!
    Nel caso hai ancora il Link NASA con il POST del Prof. Hathaway che mette in evidenza la connessione tra elevata attività solare e macchie che perdurano per più di un giro?
    il LINK e’ : http://science.nasa.gov/headlines/y2001/ast27apr_1.htm
    Non credo che Svaalgard voglia contraddire Hathaway!!!
    ALE

  5. bora71
    13 febbraio 2010 alle 17:31

    Eguagliato il record del ciclo 24 per il flusso… Oggi è a 96 !!

  6. Michele
    13 febbraio 2010 alle 17:32

    Un breve spot….pubblicitario !

    In particolare X Giorgio che mi chiedeva INFO!
    Io lo sto leggendo …..molto ben fatto!

    http://macroedizioni.it/libri/la-prossima-era-glaciale.php

    “Anni di studi e ricerche hanno portato Robert Felix a dichiarare che il 75% di tutte le specie allora viventi fu distrutto da una glaciazione, l’ennesima della storia del nostro pianeta.
    Più o meno ogni 11.500 anni la Terra viene sorpresa da un’era glaciale, che arriva improvvisamente e altrettanto improvvisamente se ne va, lasciando dietro di sé una scia di morte e distruzione e cedendo il passo a un’era interglaciale, un’era di transizione.
    Quella in cui ci troviamo attualmente e che sarebbe agli sgoccioli.

    Arriva finalmente anche in Italia il libro che ha stravolto le certezze degli americani e ne ha acceso le paure più antiche. Robert Felix dà vita a una convincente e ben documentata teoria sulle cause delle estinzioni di massa e dei più preoccupanti fenomeni fisici che coinvolgono il nostro pianeta, alla scoperta del sottile filo che lega inversione di campo magnetico, innalzamento delle temperature degli oceani, terremoti e attività vulcaniche. ”

    Si parla naturalmente anche di Sole… visto che il campo magnetico terrestre…..(puntolini puntolini)

    CIAUZ

    P.S.

    X Ale con
    Hai mai verificato intorno a 13000a.c/ 11.500a.c.
    se ci son stati eclatanti allineamenti planetari?

  7. 13 febbraio 2010 alle 17:53

    Ciao Simon, come ti anticipai, inizio invece ad avere dubbi sulla fondatezza della teoria di Timo Niroma. Mesi fa passai qualche ora a leggerla dal suo sito ufficiale, si trattava più cher altro di una valanga di dati statitistici, che sono di difficile interpretazione.
    Credo che, gli influssi di Giove e Saturno possano esistere in qualche modo, ma secondo dei principi che sopno a noi poco chiari e di cui Niroma non mi pare che dia spiegazione.
    In questi mesi mi è capitato anche di osservare articoli riguardo ad altre stelle di classe M, osservate in spettrometria, e tutte pare che abbiano cicli simili a quello del Sole, anches e siamo lonati da dirlo con certezza.
    Poi la notiza che stiamo attraversando la “Local Fluff” un’area molto calda dove qualche migliaia di anni or sono esplose una supernova, grazie alle immortali analisi della sonda Voyager1, ci indica che le cause possono essere tante se applicate.
    Sinceramente, ho preso una forte coscienza del nostro Sistema Solare, con studi continui, ho letto decine di articoli, trattati, ipotesi, teorie.
    Nulla che mi ha dato l’ispirazione per rispondere a questo dilemma.
    Riguardo alle indicazioni statistiche di Niroma, tuttavia, non si nota una matematica precisione nel fenomeno PEG, forse anche perchè le opposizioni planetarie hanno distanze e angoli differenti, ma la cosa che mi lascia perplesso e che, questa in corso è la più massiccia da quando si osserva il cielo con cognizione di causa. Avremmo dovuto aspettarci un violentissimo superminimo, invece, seppur a fatica, il Sole sta lavoricchiando. Forse è troppo presto, bisognerà attendere, ma ripeto, ogni allineamento planetario delle ultime PEG (DALTON, DAMON, WOLF MAUNDER) è differente e minore rispetto a questo, in termini di parallasse e di vicinanza, per cui dovremmo già essere in defrofundis.
    Il mistero si infittisce. Tuttavia come possa lo 0,6-0,7% della massa del sistema solare disturbare la restante 99,2% è un mistero davvero grande.

  8. ice2020
    13 febbraio 2010 alle 18:01

    Anche qui ti può rispondere mglio ale…

    cmq Niroma anni fa scriveva:

    “La capacità del sole di produrre macchie solari è stata dal luglio scorso così debole , che è molto in linea con quanto suggeriscono Livingston-Penn -cioè che le macchie solari dovrebbero svanire entro il 2015. Ciò significherebbe un nuovo minimo di Maunder, ed il ciclo 24 potrebbe essere anche inferiore al Minimo di Dalton. In pratica ciò significa che potremmo dover attendere fino al 2010 per l’inizio del ciclo attivo 24.”

    Questa pseudo ripartenza solare sta proprio avvenendo nel 2010…

    nn dimentichiamoci poi eppure gi studi di un certo Landscehidt

    ciao

  9. ice2020
    13 febbraio 2010 alle 18:03

    ormai cn gli americani nn ho più molta voglia di discuteerci…gli auguro una X-flare all’8 potenza però diretta tutta sopra le loro teste… 🙂

    si scherza eh…

  10. Michele
    13 febbraio 2010 alle 18:33

    In merito a Landscehidt…..
    https://daltonsminima.wordpress.com/2009/11/17/landscheidt_oss_sul_momento-_angolare/

    Da metter nuovamente in evidenza !
    Poi…
    Ho ritrovato dei vecchi commenti di Geoff Sharp….

    “The important information from this article is the J,U,N alignment with S opposing….this is the key to solar inactivity. It happens at all of the major grand minima, but the angles of the planets determine the depth of the grand minimum. We are there right now, the position of the planets is very close to the Maunder position, the difference being that one lineup is not enough, which means this downturn will be a lot weaker than the Maunder.

    The perihelion of Jupiter is a very small player…but Jupiter is also the key. The angular momentum at the solar level is all Jupiter, but Jupiter is also controlled by the other 3 Julian planets via perturbations.”

    e

    “that should be Jovian planets….I have calculated each of the Jovian planets angular momentum using the Sun as the orbit axis point and matched it against the Sun. Jupiter is pulled out of its orbit by the other gas giants which is translated back to the solar angular momentum.”

    Parla di angoli e altro….anche qui ci vuol ALE …..
    Magari li legge

  11. 13 febbraio 2010 alle 19:48

    Nel behind nella parte Sud del Sole si vede una area abbastanza sviluppata.
    È la 1041 di ritorno!!! Con i suoi flares? Vedremo!
    La 1041 si affacció il 21 gennaio ma giá il 24 era in leggera decadenza e il 27 la diminuzione era chiarissima e il 29 non era numerabile con i nostri conteggi. La sua attivitá si era svolta nel famoso recinto.
    ORA RITORNA ANCORA! Le macchie sono sempre quelle che girano, girano.
    Ecco le immagini della 1041 il 17 gennaio (behind)
    il 21 gennaio quando si affaccia dalla parte della Terra
    e per ultimo le immgine del behind di oggi 13 febbraio da paragonare col behind del 17 gennaio.



  12. Emanuele
    13 febbraio 2010 alle 22:02

    X Ale: cavolo la teoria è estremamente interessante, ma quanto tempo dovrebbe durare l’allineamento planetario una volta chiuso definitivamente il recinto?
    Grazie

  13. giorgio
    13 febbraio 2010 alle 22:42

    Salve ragazzi Faccio notare:ma voi forse lo sapete gia che gia alla fine del secolo XIII ci fu un”altro poderoso minimo,che causo un forte rafffreddamento,esattamente 350 anno prima del Mandeur.Siccome Giove e Saturno si trovano opposti al sole ogni 350 anni circa,penso che ormai ci sia poco da dubitare su un”altro poderoso minimo stile Mandeur proprio quest”anno.Il futuro allinemanto del 4 luglio 2010 a mio avviso sara ancora piu pesante del Mandeur poiche Giove sara ancora piu vicino al sole rispetto al 1653 e Urano sara perfettamente in linea con Giove,cosa che non vi e” stata nel 1653.Ragazzi miei

    mi viene da pensare a ud MEGA MINIMO.Questo ragionamento e puramente logico e statistico senza base scientifica, pero se alla base di tutto c”e l”allineamento plantetario,dopo il bis ci sara pure il tris.

  14. giorgio
    13 febbraio 2010 alle 22:44

    Io lo chiamerei con tanto di cappello “il recinto di Ale”

  15. Andreabont
    13 febbraio 2010 alle 22:50

    20100213 180000 2455241.239 2093.515 0093.4 0091.1 0082.0
    20100213 200000 2455241.322 2093.518 0094.1 0091.8 0082.6

    Naaa, leggi bene, abbiamo un 91.1 – 91.8 aspettiamo il dato delle 22 per confermare.

    In ogni caso il sole tenta di ripartire, fin ora è un pò ingolfato, stiamo ad osservare.

  16. rick
    13 febbraio 2010 alle 22:52

    http://www.altrogiornale.org/_/content/content.php?content.301
    Un nuovo documento pubblicato da astronomi Australiani fornisce una indiscutibile conferma sul Modello di Fisica Iperdimensionale di Hoagland e Torun, proposto nel loro documento del 1989, Il Messaggio di Cydonia

    Il nuovo documento, intitolato “Does a Spin Orbit Coupling Between the Sun and the Jovian Planets Govern the Solar Cycle?” , evidenzia una relazione risonante e sincronizzata tra i cicli di picco delle macchie solari e le posizioni orbitali di Giove e Saturno.

  17. rick
    13 febbraio 2010 alle 22:55

  18. Andreabont
    13 febbraio 2010 alle 22:55

    Non so a cosa pensare, io rimango dubbioso su questa teoria, a questo punto non resta che eseguire il metodo scientifico sperimentale: se la teoria prevede esattamente il prossimo minimo possiamo definirla “corretta fino a prova contraria”.

  19. rick
    13 febbraio 2010 alle 22:57

    minimo fino al 2012 al massimo, poi picco e nuovo ciclo e nuova qualià della luce solare

  20. Andreabont
    13 febbraio 2010 alle 23:11

    Ci sono tutte gli indizi che portano ad un picco prima del 2012, nel caso peggiore siamo già in prossimità del picco, secondo la nasa invece il picco sarà per il 2013… insomma, sei fermo ad una data ormai abbandonata un pò da tutti 😄

    Per il resto non capisco cosa tu intenda per qualità della “luce solare”, forse l’unica cosa che possiamo definire quasi “costante” è la luce irradiata dal sole…

    Dubito che i minimi e i massimi possano influenzare l’illuminazione… non è mai accaduto.

  21. giorgio
    13 febbraio 2010 alle 23:16

    Per fortuna nosta serviranno solo pochi mesi ancora per confermare la teoria dell”allineamento planetario.Inoltre abbiamo pure la fortuna,cosa non da poco, di poter monitorare giornalmente la situazione.Infatti il recinto dovrebbe restringersi costantemente fino alla sparizione da qui ai prossimi 141 giorni.

  22. rick
    13 febbraio 2010 alle 23:17

    sicuramente non seguite questi argomenti, ma antichi testi parlano di un sesto sole, di un cambiamento ciclico nella qualita della luce solare
    il fisico nassim haramein ha fatto una ricerca di venti anni tra scienza moderna e testi antichi arrivando a importanti risultati premiati di recente e anche lui ci accenna a questo cambiamento nella luce solare http://www.theresonanceproject.org/research.html http://www.theresonanceproject.org/best_paper_award.html

    http://www.altrogiornale.org/_/forum/forum_viewtopic.php?82557.14
    la fisica a cui accennate come sconosciuta è stata scoperta da R.Hoagland, per molti un matto, da foto sulla piana di Cydonia e indipendentemente su testi antchi e osservazioni da Haramein
    * Collective Coherent Oscillation Plasma Modes In Surrounding Media of Black Holes and Vacuum Structure – Quantum Processes with Considerations of Spacetime Torque and Coriolis Forces (PDF), by Nassim Haramein and E.A. Rauscher.

    This paper details the dynamics of coherent bodies such as stars, black holes, and galaxies and provides in depth information about the nature of plasma and the vacuum at the quantum level.

    Published in R. L. Amoroso, B. Lehnert & J-P Vigier (eds.) Beyond The Standard Model: Searching For Unity In Physics, 279-331. © 2005 The Noetic Press, ISSN# 1528-3739.

  23. rick
    13 febbraio 2010 alle 23:17

    sicuramente non seguite questi argomenti, ma antichi testi parlano di un sesto sole, di un cambiamento ciclico nella qualita della luce solare
    il fisico nassim haramein ha fatto una ricerca di venti anni tra scienza moderna e testi antichi arrivando a importanti risultati premiati di recente e anche lui ci accenna a questo cambiamento nella luce solare http://www.theresonanceproject.org/research.html http://www.theresonanceproject.org/best_paper_award.html

    http://www.altrogiornale.org/_/forum/forum_viewtopic.php?82557.14

  24. rick
    13 febbraio 2010 alle 23:18

    sicuramente non seguite questi argomenti, ma antichi testi parlano di un sesto sole, di un cambiamento ciclico nella qualita della luce solare
    il fisico nassim haramein ha fatto una ricerca di venti anni tra scienza moderna e testi antichi arrivando a importanti risultati premiati di recente e anche lui ci accenna a questo cambiamento nella luce solare http://www.theresonanceproject.org/research.html

  25. rick
    13 febbraio 2010 alle 23:19

    http://www.theresonanceproject.org/best_paper_award.html

    http://www.altrogiornale.org/_/forum/forum_viewtopic.php?82557.14

    la fisica a cui accennate come sconosciuta è stata scoperta da R.Hoagland, per molti un matto, da foto sulla piana di Cydonia e indipendentemente su testi antchi e osservazioni da Haramein
    * Collective Coherent Oscillation Plasma Modes In Surrounding Media of Black Holes and Vacuum Structure – Quantum Processes with Considerations of Spacetime Torque and Coriolis Forces (PDF), by Nassim Haramein and E.A. Rauscher.

    This paper details the dynamics of coherent bodies such as stars, black holes, and galaxies and provides in depth information about the nature of plasma and the vacuum at the quantum level.

    Published in R. L. Amoroso, B. Lehnert & J-P Vigier (eds.) Beyond The Standard Model: Searching For Unity In Physics, 279-331. © 2005 The Noetic Press, ISSN# 1528-3739.

  26. rick
    13 febbraio 2010 alle 23:21

    è diverso tempo che sto dietro a queste informazioni, vi consiglio e spero che ci diate una occhiata

  27. rick
    13 febbraio 2010 alle 23:29


    ..”Avevo speso molto tempo per questa idea di un tetraedro in una sfera come parte della geometria della realtà ed era alla base della mia teoria e trovarla in un libro che parlava di conoscenza antica era pazzesco e dissi “Oh mio Dio mi hanno battuto di 2000 anni!”
    volevo registrare i diritti! Allora c’era l’elaborazione della relazione tra tetraedro e sfera che mostrava come il tetraedro toccava i punti ed erano due tetraedri opposti..

    uno che punta a nord, con 2/3 su e 1/3 giu, e interseca la sfera a 19.47° di latitudine dove vivo, alle Hawaii su uno di questi punti. Volevo capire, come mai? Qualcuno ascolta i miei pensieri..Ho capito che questo grafico era risultato da uno studio pubblicato da un ingegnere Americano che ha studiato la città di Teotihuacàn dove ci sono le piramidi e il resto..1:08 Il suo nome era Alliston junior e lo studio è stato pubblicato dall’American society 20 anni dopo la sua indagine a Teotihuacàn, quando ha iniziato ha scoperto una cosa curiosa, tutte le strutture sul posto sembravano posizionate per descrivere il sistema solare, trovo le orbite incluse Plutone e Nettuno! Plutone e Nettuno mi sembra sia stato scoperto nel tardo 800 e Plutono lo abbiamo scoperto nei primi del 900, 2:10 con l’osservatorio in Arizona, come queste persone millenni fa conoscevano queste orbite, sapevano dei pianeti e del giusto posizionamento per fare le loro orbite, sono cose molto difficili da capire spcialmente se non potete vederle!
    Quindi questo lo ha sconvolto e ha continuato a studiare e ha scoperto che ci sono ricorrenze di valori matematici nelle misure che prendeva, queste ricorrenze erano sempre le stesse e puntavano alla matematica di un tetraedro in una sfera, ecco perche ha fatto questo grafico nel suo studio, 3:33 dicendo che se queste persone comunicavano qualcosa a noi, parlavano di una sfera e un tetraedro, ha notato che anche l’antica citta a fianco di Mexico City si trova a 19.47 di latitudine sulla Terra. Quindi non solo contiene la matematica di un tetraedro in una sfera nel suo poszionamento, ma si trova anche dove il tetraedro interseca la sfera sulla Terra.

  28. 14 febbraio 2010 alle 02:29

    NOAA giving a region number 1048 to a magnetic area only. There is yet to be a spot…..Unbelievable.

    IA. Analysis of Solar Active Regions and Activity from 12/2100Z
    to 13/2100Z: Solar activity was low. Regions 1045 (N24W69) and 1046
    (N23W11) were stable during the period producing only low level
    C-class events. Both regions maintained Beta-Gamma magnetic
    classifications. New Region 1048 (N23E90) was numbered during the
    period after producing two C-class flares, the largest a C9.6 event
    at 13/1239Z, observed on SXI from around the east limb. No spots
    have been reported yet.

  29. roberto
    14 febbraio 2010 alle 08:05

    Voglio postare parte di un articolo apparso su NIA il 09/04/2010 relativo al compianto Prof. Niroma affinchè non ci dimentichiamo di quanto da lui previsto. Ora sono passati 10 mesi e la prevista ripresa del ciclo24 per Gennaio 2010 è una realtà acquisita. Quindi la prima parte della previsione si è rivelata esatta…….manca la caduta totale del campo magnetico ad inibire le macchie (2014-2015)…..Maunder si avvicina.
    Ecco l’estratto:

    “La capacità del sole di produrre macchie solari è stata dal luglio scorso così debole , che è molto in linea con quanto suggeriscono Livingston-Penn -cioè che le macchie solari dovrebbero svanire entro il 2015. Ciò significherebbe un nuovo minimo di Maunder, ed il ciclo 24 potrebbe essere anche inferiore al Minimo di Dalton. In pratica ciò significa che potremmo dover attendere fino al 2010 per l’inizio del ciclo attivo 24.

    Timo Niroma

    E così è accaduto

    Ora la palla passa a Giove

    Trovo interessante la teoria di Ale sul recinto….sto monitorando la porzione di sole da lui indicata ed effettivamente il comportamento delle macchie da lui descritto ha una corrispondenza empirica nella fase ciclica di crescita e decadenza che stanno avendo le macchie all’interno del “recinto”.
    E’ prematuro dirlo…ma tanti indizi cominciano a fare una prova.

    Inoltre ho visto i filmati postati da rick dove si afferma che il sole raggiunge il max quando le macchie sono a 19,5 gradi. Le macchie del recinto di Ale in che posizione stanno??? 19,5??

    Vorrei che rick spiegasse meglio cosa significa il cambio della luce del sole? cambio relativamente a cosa? Intensità, calore, frequenza? e quali le possibili conseguenze?
    Grazie. Ciao a Tutti

  30. roberto
    14 febbraio 2010 alle 08:07

    Scusate ho fatto un casino col copia e incolla.

  31. Emanuele
    14 febbraio 2010 alle 08:50

    Giorgio, si chiama Maunder non Mandeur! Un po’ di riguardo x il padre del più famoso minimo della storia recente.. 😉

  32. 14 febbraio 2010 alle 08:57

    guardate fra poco come la nuova 1048 assumerà le sembianze di platinette…….!!!!!!!!!!

  33. ida
    14 febbraio 2010 alle 08:58

    ciao a tutti
    solo per dire questo ad ARTHUR e a GIORGIO: volevo buttarvi là questo argomento. Ok, le possibili influenze dei pianeti in circostanze e assetti diversi hanno portato a minimi e superminimi, e c’è chi dubita che questo sia il caso. Ma appunto: non è che sia ancora tutto da vedere COME queste influenze agiscano?
    Intendo. Magari un Giove più vicino porta un effetto X, un Giove in diversa posizione porta un effetto Y, e magari la sommatoria degli effetti non è diretta, ma geometrica o in altro modo esponenziale.
    Abbiamo bisogno di dati, ma dobbiamo anche capire che magari l’effetto che abbiamo è la risultante di dati solo apparentemente tutti sullo stesso piano, “basic”, e sommati mostrano differenze. Faccio per dire (faccio un esempio in stile con il giorno di oggi, che è San Valentino):

    prendiamo una donna (Giove): da lontano vedete le forme, più da vicino anche l’espressione, più da vicino ancora sentite la voce e il profumo. Non è detto che tutte queste cose abbiano tutte segno più. Magari da lontano vi piaceva un casino (+), ma da vicino scoprite che è odiosa (-) e ha un profumo da donnaccia (+/-) oppure parla male di voi (-). Potrebbe essere così anche con le forze in gioco, che magari si mixano creando effetti complessi?
    ciao
    buon san valentino

  34. Emanuele
    14 febbraio 2010 alle 09:15

    X Roberto e tutti: Io penso che la catena a reazione sia un po’ più ampia.
    secondo me il sole agisce in primis a livello degli oceani, influenzando quelle che sono le variabili più importanti del clima terrestre, attraverso la modifica degli indici teleconnettivi come nino, nina, pdo, amo etcc..
    Dopodichè bastano piccole variazioni delle temperature superficiali oceaniche per sconquassare il sistema dato che esse sono in grado di intervenire sulla CDG come sulla formazione di campi altopressori a latitudini impensate dai modelli meteoclimatici in determinate stagioni.
    Lo sfaldamento del VP è una conseguenza dell’ingerenza dei campi di alta pressione che si incuneano fino nelle zone polari scalzando via lobi dello stesso.
    il movimento dei venti stratosferici è anch’esso determinato da ciclicità dipendente di base dalle T oceaniche.
    Se consideriamo che durante un minimo solare la superficie terrestre riceve meno energia e questa superficie è al 70% oceani…
    Inoltre non dimentichiamo che anche la teoria dei raggi cosmici si fonda sull’interazione tra bassa attività magnetica solare e superfici oceaniche.
    Gli oceani sono come una enorme centrale energetica in grado di determinare la T e i campi pressori sulla terra, e quindi il nostro clima.
    Il sole con il suo campo magnetico è in grado di influenzare la potenza e gli effetti di tale centrale energetica, la quale a sua volta produce effetti sugli indici teleconnettivi e in ultima analisi sui campi pressori, la T e i trend meteoclimatici delle varie zone della terra.
    Ecco, secondo me, in modo molto grezzo ed estremamente sintetizzato il sistema dovrebbe funzionare così.

  35. Andreabont
    14 febbraio 2010 alle 09:58

    Non hai ancora detto che cosa intendi per “cambio della luce solare”.

    Se è una cosa scientifica inizia ad argomentare.

    Se è una cosa new-age o simili mi sa che è il blog sbagliato 😄

  36. GIANFRANCO
    14 febbraio 2010 alle 10:15

    ANALISI XFETTA ! 😀

  37. 14 febbraio 2010 alle 10:27

    Anche CT segnala il ritorno della 1041!
    http://sidc.be/html/Solarmap.html

    Le macchie attualmente si stanno presentando ad una latitudine intorno ai 22° nord e sud in linea col max vicino che si avrebbe con macchie intorno ai 19,5°.

    Come segnalato da Geoff la nuova regione 1048 appena entrata nel recinto ha la sua sunspot! La latitudine di questa nuova regione é intorno ai 19° Nord,
    http://sohowww.nascom.nasa.gov/data/realtime/mdi_igr/1024/latest.html

  38. 14 febbraio 2010 alle 10:39

    A breve mi aspetto un flare classe X per sigillare l´ipotesi che il Sole sta arrivando al suo MAX.

  39. giorgio
    14 febbraio 2010 alle 11:01

    molto interessante lo spunto di Roberto.Ti faccio pero una piccola osservazione.Il minimo a mio avviso agisce in primis sugli oceani(Atlantico per primo e questo e dovuto alla sua dislocazione all”interno del pianeta) poi piu lentamente sul pacifico.la rottura continua del VP di quest”inverno e in parte dovuta all”influenza del NINO.vedremo se nel prossimo inverno senza NINO come si comportera il VP.Io metterei in ordine di successione 1-Sole 2- oceani 3 ghiacci polari 4-convergenze intertropicali 5-effetti sulle temperature terrestri.Per arrivare al punto 5 occorrono piu anni ancora di bassa attivita.Siamo comunque a un bivio e ci sono alcuni fattori tra i quali il raffreddamento Atlantico e il ciclo ENSO molto debole che fanno pensare ad una inversione di tendenza climatica.ma e ancora molto presto per tirare somme.Gia quest”estate avremo altri dati molto importanti, in particolare vedremo come si comportera la porzione Africana del fronte di convergenza intertropicale e a settembre i minimo estivo dei ghiacci artici.Comunque in questo particolare frangente io dedichero tutte le mie attenzioni al punto 1 e cioe il Sole,anche perche da esso dipende tutto il resto.X Ida: ottima osservazione la tua. Non ci resta che aspettare e vedere.

  40. enrico
    14 febbraio 2010 alle 11:16

    Non mi stupirebbe un flare di classe x, il ciclo 23 ne produsse già nel 1998 se non erro in agosto, quindi un paio di anni prima del massimo. 😉

  41. rick
    14 febbraio 2010 alle 11:24

    Haramein è giunto alla conclusione che tutto dal micro al macro nasca e sia alimentato da una singolarità prodottasi nella densità energetica nel vacuum
    Quindi anche il Sole sarebbe alimentato da una singolarità
    spiega che dobbiamo rivedere il concetto di buco nero ,lo ha definito black white whole, in cui la porzione irradiante circonda la porzione assorbente
    vi consiglio di leggere qua http://www.altrogiornale.org/_/forum/forum_viewtopic.php?82557.14 partite da pag 2, è una conferenza del 2003
    a pagina uno ci sono sezioni che saltano tra i vari punti per dare un quadro generale
    la densita energetica nel vacuum nella teoria in sviluppo di Haramein si struttura geometricamente, la geometria del collasso, la gravità, la parte contrattiva dell’universo che agisce contemporaneamente all’espansione che è la conseguenza della contrazione, questo flusso produce una dinamica a doppio toroide dal micro al macro creando le varie strutture che osserviamo, dall’atomo alla galassia ecc..noi osserviamo la parte irradiante ma dobbiamo capire il flusso contraente
    le macchie solari sono prodotte da vortici creati dalla singolarità centrale, che vanno da una parte all’altra, si mostrano in linea nelle due facce del sole

  42. rick
    14 febbraio 2010 alle 11:28

  43. rick
    14 febbraio 2010 alle 11:32

    Crossing the Event Horizon Another Cycle Begins:
    http://www.youtube.com/results?search_query=another+cycle+begin&search_type=&aq=f


    2000, poi 2001, inizio 2000, inizio 2001, 1997, 98, sempre piu attivo, molta attivita e 2000 il maximum e poi dovrebbe tornare a normale, ma no! Ecco il sole pochi mesi fa, molte piu macchie solari che mai prima, a volte ne hanno registrate 200, non ce ne sono mai state cosi tante, da Galileo non abbiamo mai visto qualcosa di simile, il sole non si calma, 1:00 l’ultimo ciclo è stato nel 2001+11 anni=? vi da la data per il prossimo ciclo del 2012, la fine del calendario Maya che ci dice che siamo vicini al muoverci nel sesto sole, ok? Ora ricordate la dinamica della teoria di questa mattina, buchi neri che generano buchi neri piu piccoli, particelle subatomiche che creano plasma attorno, quando è troppo rallenta e diviene instabile e rilascia parte del plasma e torna ad accelerare ancora..2:13 penso che ci avviciniamo a questa parte di emissione e penso lo abbia fatto prima..ecco i dati, non avevo lo scanner ma ho trovato dati recentementi, il sole ha iniziato a pulsare enormi impulsi e non ero sicuro, forse era la camera della soho, ma ho visto i dati degli ioni negativi prodotti dal sole 3:05 e vanno oltre il soffitto ora..quando avvengono gli impulsi ,la produzione di ioni negativi è normale in scala da 1 a 9 quando è tra 2 e 3, e recentemente (taglio).. il sole pulsa cosi e vi mostro come appare nella telemetria, dovete sapere e andare frame per frame 3:53…Ecco vedete? Poi il prossimo…4:17 la camera fa scatti ogni tot ore ma se siete fortunati prende lo scatto dell’impulso ma ne perde molti in mezzo, comunque qua ce ne sono alcuni, non so..non ho avuto sufficienti dati ma è significativo, e con Elizabeth Raucher abbiamo calcolato quanta energia serva per farlo, quando parli di un oggetto del sole che improvvisamente quasi raddoppia nei raggi x la sua radiazione in un attimo parli di molta energia! (pubblico) ci sono molti fisici che guardano cosa accade al sole,non tutti sanno di questo alcuni si, ho mostrato i dati ma non sanno cosa dire….5:54 Non lo abbiamo visto prima non è normale, ne ho un altro qua , hai notato il caldo questa estate? Il mondo non l’ha mai visto, migliaia di persone morte in europa, in cina 126°(F) di calore questo non è per il riscaldamento globale che non avviene cosi rapidamente, ma è qualcosa dovuto al sole che impazzisce.. altra cosa, Giove, avete sentito dell’Aurora Borealis 7:03, sapete cos’è ? Questi colori derivano dagli ioni emessi dal sole, catturati nel campo magnetico della Terra e incanalati nei poli e quando entrano nell’atmosfera creano queste radiazioni, avviene anche su altri pianeti, ecco su Saturno l’aurora boreale nei poli 7:51 Ecco quella su Giove, …(pubblico) sono immagini dei poli di giove, la cosa inusuale e non ho una immagine è che sulla Terra c’è cosi tanta attivita che l’Aurora è stata vista all’equatore vicino al messico e cosi via..c’è aurora borealis nel polo nord fissa per settimane e mesi, perche c’è cosi tanta attivita solare..il sole emette cosi tanti ioni che creano tutte queste aurore fisse..su Giove ora hanno osservato 9:17 un punto estremamente caldo nel polo nordi di giove, quasi grande quanto la terra, c’è cosi tanta attivita del sole e ioni che la superficie di giove inizia ad accendersi, giove ha la stessa composizione del sole, nella tradizione del sesto sole, inca, maya, ecc..dicono che nella prossima evoluzione ci saranno due soli…da queste tradizione ArthiurC.Clarke ha fatto il film 2010 in cui giove si accende in un sole e nasce un nuovo sole e ho pensato che era interessante ma voglio mostrarvi gli impulsi ..spero di trovarli…non ovvio perche c’è tanto..questi impulsi..

  44. enrico
    14 febbraio 2010 alle 11:45

    Ossignor….

  45. rick
    14 febbraio 2010 alle 11:50


    dice che dovremmo vedere un’attivita solare superiore a quanto mai registrato dai tempi di Galileo
    http://journals.cambridge.org/production/action/cjoGetFulltext?fulltextid=533512
    per superare gli effetti sul pianeta qualcuno dovrebbe farci il favore di rendere pubbliche nuove straordinarie tecnologie…lo metto come nota
    ora non trovo il punto preciso nei filmati, comunque parlava dei raggi x, raggi gamma..

  46. rick
    14 febbraio 2010 alle 11:52


    è tipico di cio che ci attenderemo da un sistema che sta per rilasciare parte della sua energia..ora ..2005 148 vediamo..(cerca un impulso del sole) ..questo è l’impulso piu grande che ho trovato! 1:26 dovreste vederne i dati, quando vedete il grafico di elettroni, ioni prodotti, tutto ad un picco..vedete le formazioni nella superficie del sole, queste pieghe in superficie, grandissima energia..come ho detto penso che il sole passi nel suo ciclo e divenga sbilanciato e lento per l’ energia e si prepari a rilasciarne molta nel sistema solare, cosa che stiamo provando, il clima cambia, diviene caldo, il plasma emesso si puo riorganizzare in piccoli pianeti e cambiare le dinamiche dei pianeti..molte cose possono avvenire..3:04 non posso dire molto di giove, la macchia cresce ed emette molta energia come raggi-x..non emette ancora “fuoco” ma diviene sempre piu caldo e piu grande rapidamente specialmente se il sole diviene piu bizzarro…(pubblico) 3:53 creare un bilanciamento? Può essere, molta energia e due grossi oggetti, Giove emette il 90% di energia in piu di quella che riceve dal sole per quello che credo sia il suo buco nero all’interno, quindi tutti gli oggetti sono in risonanza simpatetica e tendono alla stabilita ed equilibrio, quindi ci sarebbe una riorganizzazione della relazione simpatetica tra i due..(pubblico) 5:00 Si, è simile a un elettrone che va alla orbita seguente, simila ad una quasar che diviene galassia, questo impulso, il big bang come esempio, è una relazione frattale che trovi ovunque e tutte le dinamiche e i sistemi che vediamo nell’ universo sarebbero risultato di questo impulso. Recentemente abbiamo dati su come appare il sistema solare nella galassia, è dentro una bolla di nulla nella galassia, come se tutto il materiale fosse stato espulso ai bordi del sistema solare, non sanno perche, hanno pensato che una supernova sia esplosa vicina al sole, ma saremmo stati lanciati anche noi, e il sole è al centro della bolla, la spiegazione è che il sole abbia fatto l’impulso e spinto il materiale e facendolo avrebbe emesso il plasma per generare i nostri pianeti, ora sarebbe in procinto di rifarlo ma piu piccolo un micro impulso in un frattale ,per rilasciare abbastanza energia con questi impulsi per riguadagnare bilanciamento e tornare normale, 7:30 pero anche se fosse minore come emissione rilasciata sarebbe un grande evento per noi, certamente osserveremmo una nuova qualita di luminosita del sole, perche quando lo fa.. interessante se funziona cosi davvero non è incredibile pensare che possa chiarirsi che ,vedete tutte queste macchie solari? questi punti oscuri nel sole, se emettesse abbastanza plasma potrebbe mostrare la sua natura di buco nero, non perche proverebbe la mia teoria, ma se è cosi allora potremmo avere davvero tre giorni di oscurita senza sole, mentre riguadagna bilanciamento e torna ad emettere luce elettromagnetica. (pubblico) Si ci ho pensato, suggerisco che con la vostra coscienza e il sole è non prendetela in modo personale, quando il sole impazzisce cosi c’è tanta energia che influisce sulla coscienza umana e non ci sono dubbi, guardando i dati Bill, un ingegnere che ha registrato l’attivita del sole per 30 anni, il suo lavoro lo guardavo e mi faceva impazzire,influisce sulla coscienza umana! Lasciate andare, e non preoccupatevi se cio che dite è mal interpretato..

  47. rick
  48. Michele
    14 febbraio 2010 alle 15:38

    Hello Geoff Sharp
    Came back to NIA !

    P.S.
    Rick…
    Un pò di moderazione….

  49. Pelly
    14 febbraio 2010 alle 15:53

    x Rick

    Stai esagerando. Non creare allarmismo inutile. Anche se dovesse verificarsi qualcosa del genere…….noi siamo come formiche.

    Omplimenti per il blog. E’ interessantissimo!!!!!
    Ciao a tutti

    Pelly

  50. Andreabont
    14 febbraio 2010 alle 19:19

    x Rick

    Non offenderti, ho fatto fatica a vedere tutto quello che hai scritto, e quasi certamente mi sono perso buona parte di quello che hai scritto, ti invito alla sintesi e a meno link a youtube 😄

    Da quello che ho letto ti posso dire subito che mi hai dato l’impressione (tu o di colui dal quale citi) di utilizzare a vanvera termini scientifici senza nemmeno conoscerne il significato.

    Senza stare ad analizzare ogni singola frase, ti posso subito dire che 1) una singolarità è derivante da un modello matematico impreciso, infatti con buona probabilità le singolarità non esistono, dato che la natura non ha mai ammesso qualcosa di “infinito” non vedo perchè debba fare un eccezione con le singolarità (punti di densità infinita e di curvatura infinita dello spazio-tempo) 2) dire che al centro del sole c’è un buco nero vuol dire ignorare l’evidenza…. per esserci un buco nero ci deve essere una forte distorsione dello spazio-tempo, ergo una forte gravità… che semplicemente non si vede….

    Quindi sono tutti modelli, per carità, con magari anche qualcosa di buono… ma ci sono troppe cose “sparate lì” senza un minimo di fondamento…

    Non dico a priori che siano sbagliate, ma quando ti chiedo di argomentare ti chiedo anche di spiegare i fondamenti, provare la correttezza di questo modello e di poter dimostrare che le previsioni di questo modello coincidono con la realtà in casi passati e in casi futuri.

  51. rick
    14 febbraio 2010 alle 19:34

    io ho provato a mostrarvi un nuovo aspetto e vi ho dato le fonti e ci potete trovare tutte le informazioni piu tecniche che volete, potreste ammirare lo sforzo e poi andare direttamente alle fonti
    come ad esempio http://www.theresonanceproject.org/research.html
    del resto ho riportato pari pari la traduzione delle parole di Haramein in una conferenza non strettamente per pubblico scientifico
    ha presentato la sua ricerca ,fatta in collaborazione con Elizabeth Rauscher http://elizabethrauscher.com/ anche all’American Physical Society
    e da poco ha ricevuto il miglior premio nel campo della Fisica, Meccanica Quantistica, Relativita, Teoria del Campo e Gravitazione”
    magari potreste attingerne qualcosa di interessante, io faccio quello che posso col massimo impegno perche lo ritengo importante in questo periodo

  52. rick
    14 febbraio 2010 alle 19:53

    Haramein propone infatti come ho scritto una nuova visione dei “buchi neri”, il discorso di come la natura metta l’infinito in un confine finito seguendo leggi frattali lo spiega appunto Haramein e fa esempi di osservazione reale in natura e di previsioni azzeccate delle osservazioni poi effettuate grazie a questi nuovi concetti che propone, la densità energetica nel vacuum, il “vuoto” si suddivide creando confini, energia elettromagnetica, che noi osserviamo, quindi creando il “pieno”. La materia oscura è stata inventata perche nelle equazioni di campo di Einstein non è preso in considerazione il fattore “torsione” che ora lui e la Rauscher stanno applicando alle sue equazioni.
    Ha appena pubblicato http://www.theresonanceproject.org/pdf/schwarzschild_proton_a4.pdf
    il protone di schwarzchild
    After some 20 years of tireless dedication to his in depth research on unification, Nassim Haramein’s most recent scientific paper, “The Schwarzschild Proton,” received an award at the University of Liège, Belgium during the 9th International Conference CASYS’09 (Computing Anticipatory Systems).

    descrive l’atomo come un “mini buco nero” e unifica gravita ed elettromagnetismo escludendo la necessita della forza nucleare forte per tenere assieme i protoni.
    viene fuori che se segnamo ogni oggetto conosciuto dell’ Universo in una scala logaritmica con Massa contro Raggio, troviamo una progressione quasi lineare e il protone di Schwarzschild è sulla linea, mentre il Protone Standard è molto fuori, suggerendo che il modello standard è incorretto
    Serve una revisione fondamentale della fisica e anche della fisica quantistica

    Se vuoi elementi di conferma osservati li trovi nella conferenza che ho tradotto http://www.altrogiornale.org/_/forum/forum_viewtopic.php?82557.14

  53. Rick
    14 febbraio 2010 alle 22:53

    ..Io vorrei solo sapere chi mi ha fregato il nick. 😦
    Su NIA sono mesi che seguo e di tanto in tanto scrivo: ma la pappardella più sopra non l’ho scritta io… (Io sono quello con cui litigavi sul conteggio NOAA e SIDC)

    Oltretutto, qualcuno mi ha cancellato un post.
    Simo: tu leggi i log e vedi l’indirizzo mail, varo? Puoi mettere un po’ d’ordine, per favore?

  54. rick
    15 febbraio 2010 alle 07:12

    scusa abbiamo lo stesso nome non ho fregato nulla,è cosi all’anagrafe 🙂
    ciao usero un altro nick eventualmente

  55. Andreabont
    15 febbraio 2010 alle 07:53

    X Rick

    Allora, così diventa una altra cosa, dovevi subito specificare che è un tentativo di raggiungere la TOE, in questo caso la sua teoria è in diretta concorrenza con molte altre a va presa come “proposta”, finché non sarà dimostrata una delle tante proposte (o nessuna… potremmo non averla ancora trovata)

    In questo caso, una TOE, è per forza una teoria che andrebbe contro alcuni aspetti della relatività e della teoria quantistica… l’altra più accreditata (delle stringhe) vede le particelle appunto come “stringhe” di energia…

    Qui usciamo momentaneamente dal dominio della scienza, finchè queste teorie nn saranno verificate al di là di ogni ragionevole dubbio (stiamo parlando della teoria definitiva)

    Ora, è facile capire perchè si sta spendendo miliardi di euro nel più grande esperimento che l’essere umano abbia mai realizzato:

    http://it.wikipedia.org/wiki/Large_Hadron_Collider

  56. nitopi
    15 febbraio 2010 alle 09:39

    si, non quadra tanto neanche a me… Pero’ l’effeto c’e’ … ed e’ abbastanza visibile.
    Tra le cose che poco mi convincono e’ che l’allineamento dura poco…. la PEG duro’ una settantina di anni…
    Che faccia da “trigger?” …
    Ciao
    Luca

  57. ric
    15 febbraio 2010 alle 13:21

    secondo la TOE di Haramein con lhc stanno suddividendo la densità energetica nel vacuum che è suddivisibile infinitamente in poche parole e stanno raggiungendo limiti di energia proibitivi, si accorgeranno di un'”altra fisica”
    dobbiamo capire la dinamica di suddivisione della densita energetica nel vacuum e non cercare di capire quale sia la piu piccola porzione di spazio prodotta o “particella”
    trovi tutto nei video, scusami faccio quanto posso non sono “del mestiere”.
    Secondo questa TOE quelle che vengono definite stringhe in realtà sono vortici che formano onde stazionarie nell’energia del vacuum , quindi hai la caratteristica di “onda” e di “particella” in una sola entità che si muove sulla struttura del vacuum
    Ho parlato di questo perche inizialmente parlavate della teoria su Giove e Saturno e dei 19.5° quindi vi ho creato queste correlazioni con altre fonti
    se avete tempo guardateci bene 🙂
    min 11:00 http://www.youtube.com/watch?v=F6Es4Knctjo

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: