Home > Indici Teleconnettivi, meteo, NINA, NINO > El nino west, QBO in bilico tra + e -. Proviamo ad inquadrare la primavera-estate.

El nino west, QBO in bilico tra + e -. Proviamo ad inquadrare la primavera-estate.

12 marzo 2010

Ormai da ottobre si è parlato spesso di come questo Nino west based andasse a complicare la previsione per questo inverno che, nonostante ciò, si è rivelata abbastanza buona. Intanto questo trimestre invernale punta a battere il record di AO- grazie al Nino sommato alla QBO- (quasi neutra) e al minimo solare che hanno letteralmente distrutto il VP impedendone per tutto l’inverno una seria ripresa.

Allora, come dicevo ormai da ottobre questo Nino si è sviluppato molto ad ovest e, dopo un tentativo di esplodere ad est a novembre, li è rimasto. Tutt’ora si prevede per la zona 3.4 una persistenza anche per la stagione estiva di un’anomalia piuttosto marcata con ritorno nella neutralità/nina debole solo da luglio-agosto.

Nel frattempo in zona 1+2 l’anomalia sarebbe neutra/deb. positiva con possibili tendenze al deb. negativo andando avanti con la stagione.

Già detto questo si potrebbe dire che sarà una primavera-estate tutta da scoprire, ma a complicare ancora di più le cose è la QBO. Come sappiamo la QBO ha cicli di circa due anni o poco meno, appunto Quasi Biennial Oscillation. Ma quest’anno il ciclo negativo è…. Positivo!
Infatti l’inversione dei venti è avvenuta si a 30hPa, ma a 50hPa la QBO non accenna a scendere! Il dato di gennaio risulta in aumento da +1.44 di dicembre a +1.74, mentre in questa fase solitamente ci si trova attorno ai -10. La QBO- in estate è molto “pericolosa” in quanto porta spesso ad estati veramente bollenti. Questa positività imprevista potrebbe forse darci una mano a smorzare gli effetti caldi del Nino?
Proviamo ad analizzare gli anni con Nino west-based e QBO a 50hPa NEGATIVA:

possiamo notare una fortissima componente subtropicale nel periodo marzo-agosto, mentre analizzando le primavere-estati con nino west e QBO a 50hPa POSITIVA….

ecco che le correnti artiche potrebbero portare ad una fresca primavera-estate.
Per ora siamo stranamente in fase POSITIVA della QBO… a questo punto la cosa si fa molto interessante per la possibile evoluzione dei prossimi mesi!
(Prossimo aggiornamento a metà aprile circa)

Fonti:

Dati reanalisi:

http://www.esrl.noaa.gov/psd/cgi-bin/data/composites/printpage.pl

Valore QBO 30hPa e 50hPa

http://www.cpc.noaa.gov/data/indices/qbo.u30.index

http://www.cpc.noaa.gov/data/indices/qbo.u50.index

Previsioni Stagionali el Nino:

http://www.cpc.ncep.noaa.gov/products/people/wwang/cfs_fcst/

MICHELE (RN)

  1. Nintendo
    12 marzo 2010 alle 10:08

    vorrei ricordare a tutti che il nostro michele a inizio inverno c’ha preso alla grande.
    tutti davano inverno inesistente per colpa del Nino, e invece noi siamo sempre stati dalla parte opposto.
    NIA rules.

  2. roby
    12 marzo 2010 alle 10:23

    Bel lavoro ma un piccolo appunto:
    i grafici del nino riportati nell’articolo sono un pò vecchiotti infatti sono aggiornati alla metà di febbraio.

    I grafici aggiornati sono nettamente al ribassso:

    Ciao

  3. enzo
    12 marzo 2010 alle 10:33

    quindi un estate calda?? o bisogna ancora aspettare ?? grazie

  4. Nintendo
    12 marzo 2010 alle 10:45

    per l’estate meglio aspettare maggio, sperando di non rivivere quello dello scorso anno.

  5. Ivymike
    12 marzo 2010 alle 10:53

    Scusate non vorrei dire una cavolata, ma mi piace molto questo sito ma da ignorante in materia, mi piacerebbe negli articoli leggere cose comprensibili al posto di sigle. Tipo: “Intanto questo trimestre invernale punta a battere il record di AO- grazie al Nino sommato alla QBO- (quasi neutra) e al minimo solare che hanno letteralmente distrutto il VP impedendone per tutto l’inverno una seria ripresa.” Magari altri sanno cosa sono AO, QBO e VP ma per uno interessato che non se ne intende non si capisce niente…

  6. Nintendo
    12 marzo 2010 alle 11:08

    AO: Artic Oscillation
    QBO: ( lo dice l’articolo ) Quasi Biennal Oscillation
    VP: Vortice Polare

  7. Fabio2
    12 marzo 2010 alle 11:08

    Ricordo bene. Fin da agosto Michele aveva prospettato un inverno tutt’altro che mite e monotono, simile per certi versi a quello del 1986-87.

    Lo seguo tuttora con grande attenzione: dunque vediamo come si comporta la QBO.

  8. DOM
    12 marzo 2010 alle 11:12

    Secondo me primavera fresca intervallata da pause calde o molto calde ( per il periodo ) dovute non a subtropicali e quindi innalzamento ITCZ ma a forti scambi meridiani dovuti al Vortice Polare ancora spappolato

  9. 12 marzo 2010 alle 11:19

    OT Mi scuso ma a volte mi vengono in mente le cose più assurde …
    … gli sciami meteorici, persei leonidi etc. potebbero influenzare il clima o meglio la le condizioni meteo?
    Ho trovato una tabella con gli sciami più importanti con i fenomeni principali … http://www.astroala.it/didattica/sciami_meteorici.htm.
    In pratica la terra ogni anno incrocia le orbite di acune comete dove trova i resti delle code … pulviscolo di varia natura orbitante che potrebbe accentuare la formazione di corpi nuvolosi … 🙂

  10. andrea b
    12 marzo 2010 alle 11:56

    per saperne qualcosa di più sul QBO
    http://en.wikipedia.org/wiki/Quasi-biennial_oscillation

  11. 12 marzo 2010 alle 12:38

    si, l’articolo è stato scritto a metà febbraio, e quindi le immagini non sono aggiornate, comunque si el nino tende a calare velocemente e se dovesse continuare con questo trend la sua influenza fredda sulle SST atlantiche potrebbe diminuire rapidamente con l’avanzare della stagione.

  12. Ivymike
    12 marzo 2010 alle 12:39

    Grazie mille per le delucidazioni.

  13. 12 marzo 2010 alle 12:40

    Purtroppo ad ora la situazione è pressochè identica ad avere una estate simil 2009, forse anche 2003, ma aspetterei appunto perchè la situazione attuale può evolvere anche in modo favorevole…

  14. ice2020
    12 marzo 2010 alle 12:56

    Mi scuso io con tutti e con Michele per nn averlo pubblicato prima, ma pensavo, visto il titolo, che poteva aspettare un pò prima di essere pubblicato…

    E Complimenti a Michele per i suoi ragionamenti sull’inverno!

    Simon

  15. Fabio2
    12 marzo 2010 alle 13:01

    Pressochè identica?
    Ok per la presenza del NINO calante, come nel 2003, ma ad esempio lTCZ (la linea di convergenza tra alisei e monsoni) mi risulta sia più bassa che in passato, o sbaglio?
    Questo non può cambiare le carte in tavola?

  16. Nitopi
    12 marzo 2010 alle 13:26

    E chissà!
    Se me vessi chiesto un anno fa ti avrei risposto “ma va!” …
    Pero’ mi sto rendendo conto che l’equilibrio climatico da un canto sembra molto stabile, dall’altro sembra sensibile a variazioni minime di parametri che a prima vista ci sfuggono….

    Ciao
    Luca

  17. Fabio2
    12 marzo 2010 alle 14:26

    Scusate per l’OT, riguarda il sole, anche se si tratta di un noto sito meteo:

    http://www.meteogiornale.it/notizia/17555-1-attivita-solare-bassa-il-ciclo-24-non-decolla-clamoroso-ritorno-spotless

    Anche loro hanno qualche dubbio, ma non citano le fonti dell’articolo, chissà da quali articoli o discussioni hanno tratto le affermazioni riportate.

  18. giorgio
    12 marzo 2010 alle 14:31
  19. marcello
    12 marzo 2010 alle 14:31

    Piccolo OT:
    Chi mi sa dire perchè negli ultimi giorni a metà mattina gli X ray vanno regolarmente a zero per poi risalire?
    Ciao e grazie a chi risponderà

  20. Fabio2
    12 marzo 2010 alle 14:37

    scusa ma c’è un problemino al link, forse non è corretto, oppure non è raggiungibile, anche togliendo il “leggiamo”

  21. giorgio
    12 marzo 2010 alle 14:45

    Non riesco a riportare la tabella, ma vi posso garantire che l”unica volta che l”indice e” rimasto positivo per quasi 2 anni e stato a cavallo tra l”85 e l”86 e sappiamo bene che inverno c”e stato.Inoltre noto una correlazione tra indice negativo=caldo e indice positivo=freddo.Non e automatica ma comunque significativa.ricordiamoci che quest”anno c”e stato un ENSO+.Non oso immaginare se ci fosse stato un ENSO -. comunque se l”indice rimarra positivo (non credo)avremo un”estate fresca.Se andra in negativo come io penso…be” auguri e climatizzatori accesi

  22. marcello
    12 marzo 2010 alle 14:46

    Altro OT, scusate.
    Monitorando il sito “Painel Global”, segnalato da sand-carioca, ho constatato che l’attività tellurica più energica ha riguardato prevalentemente l’emisfero sud e l’area intertropicale.
    Ora, d’inverno, l’emisfero australe è quello più “rivolto” verso il sole.
    E se ci fosse una relazione diretta sole-terra nella causazione dei terremoti?
    E se adesso che ci avviciniamo all’estate l’emisfero boreale fosse più esposto alle sollecitazioni telluriche indotte dal sole?
    Maah, incrociamo le dita :-_

  23. ice2020
    12 marzo 2010 alle 14:59

    L’ho notato anch’io…a sto punto credo sia un errore di inizializzazione dei dati!

  24. Fabio2
    12 marzo 2010 alle 15:38

    Perchè pensi che l’indice diventerà negativo?

  25. Fabio2
    12 marzo 2010 alle 15:41

    E soprattutto, l’indice è diventato negativo in molti anni, ma solo il 2003, che io ricordi, è stato caratterizzato da un’estate rovente.

  26. 12 marzo 2010 alle 16:24

    LA QBO dici?
    Se stai parlando di quella allora ecco come funziona la correlazione con il
    Qui sotto ti posto come deve essere perchè qui sia FREDDO
    nostro clima:
    Inverno: (novembre-aprile)
    Min. solare e QBO-
    Max. solare e QBO+

    Estate (maggio-ottobre)
    L’influenza dell’indice è molto ridotta in quanto è legata a al Vortice Polare, che in estate è quasi completamente distrutto.
    Comunque generalmente è favorevole una fase positiva dell’indice.

    Ovvio che non è solo questo a governare il clima, ma è comnque uno di quelli che è in grado di fare notevoli differenze.

  27. 12 marzo 2010 alle 16:26

    Ah, dimenticavo….
    per fare un esempio, se quest’anno avessimo avuto QBO+ probabilemte tutta l’italia da nord a sud avrebbe vissuto un nuovo 2006/07, a causa di un atlantico molto attivo con forti rimonte calde sul mediterraneo.

  28. giorgio
    12 marzo 2010 alle 16:55

    X Fabio 2 : ripeto QBO- con ENSO+ = possibile estate rovente vedi 2003.Inoltre non sono io che penso che il QBO passi in negativo bensi il blog di METEO SCIENZE.

  29. enrico
    12 marzo 2010 alle 17:16

    Lasciatelo stare in pace questo 2003 🙂 !

    Tutte le primavere viene tirato in ballo, è stato un episodio speciale che si verifica una volta ogni x anni (+ o -), causato da una notevole concomitanza di eventi che non si può verificare tutti gli anni.
    Cio non significa che possa fare caldo, l’anno scorso qui, la seconda parte di agosto e la prima settimana di settembre furono più calde del 2003 ! E allora ?
    Ma non certo in tutta Europa ai livelli di quell’anno storico….

    Mi viene quasi da pensare che qlc tifi per questo….

    Fossi il redattore o il moderatore di un sito meteo come prima regola metterei “scordatevi il numero 2003”, come Mossad per i relativi agenti ! 😉

  30. 12 marzo 2010 alle 17:21

    Ragazzi prevedere come sarà la prossima stagione estiva è pressappoco impossibile e questo penso lo sappiate meglio di me..inoltre ricordo che il 2010 era previsto da molti l’anno senza inverno in europa,e poi abbiamo visto come è andata a finire..dunque basandoci solo sulla lettura degli indici spesso si cade in grossi errori…a mio avviso siamo un punto di svolta,e sono sicuro che da quì in avanti avremo inverni freddi e piovosi,ma per avere grossi cambiamenti nella stagione estiva c’è da attendere.Infatti è evidente come la fascia zonale si sia abbassata rispetto al passato,ma non abbastanza da poter contrastare gli anticicloni estivi…Infine vi faccio notare che i modelli di calcolo non hanno più la precisione di un tempo cambiando radicalmente previsione da un run all’altro soprattutto quando prevedono l’arrivo di alta pressione..fino a poco tempo quando prevedevano l’arrivo di un’alta pressione non c’era trippa per gatti….ora è esattamente il contrario….

  31. 12 marzo 2010 alle 17:55

    Approposito di quanto detto poco fa non so se avete visto l’ultimo aggiornamento gfs…sembra di molto ridimensionata l’ingerenza anticiclonica prevista all’unisono da tutti i modelli in questi giorni…

  32. ice2020
    12 marzo 2010 alle 17:59

    Aspettiamo reading…cmq cn un canadese così, c’è da aspettarsi di tutto, anche una primavera cn piogge intervallate anche da periodi caldi a causa dello sprofondamento in atlatico del flusso e conseguente rimonta subtropicale su di noi..

  33. Stefano Riccio
    12 marzo 2010 alle 18:20

    intanto il golfo del messico è sempre più freddo:
    http://polar.ncep.noaa.gov/ofs/viewer.shtml?-natl-temp-0-small-rundate=latest

  34. giorgio
    12 marzo 2010 alle 18:22

    Ci sono parecchie incognite rispetto al passato. La prima e” questo ciclo ENSO che e”veramente molto difficile da interpretare.La seconda e l”Atlantico che si trova in una situazione complicatissima:da una parte abbiamo la zona orientale a ridosso dell”africa dove l”oceano e” surriscaldato,mentre il golfo del messico e tutta la zona corrispondente al perrrcorso della GDG molto freddo.A me viene da pensare che il forte rallentamento della CDG ha generato un surplus di calore in zona equatore(dovuto allo stallo).La porzione africana dell”ITCZ potrebbe risentire parecchio di questo eccesso di calore che bagna le coste occidentali africane, quindi dal mio punto di vista avremo una convergenza tropicale molto alta nella parte dell”africa occidentale e molto piu bassa nella parte orientale,il che potrebbe significare alternanze continue tra ondate di calore e periodi piu freschi durante l”estate.

  35. Nintendo
    12 marzo 2010 alle 19:37

    vi ricordo che l’ultima irruzione di gelo assurdo molto tardiva è stata precursore dell’estate più calda di tutti i tempi.
    lo so che la meteo non fa così, ma io un po’ di scaramanzia ce la metto.

  36. adri63
    12 marzo 2010 alle 19:39

    enrico ha ragione lasciate stare il 2003 anno anomalo in tutti i sensi . io penso, e ho notato che i modelli meteo al momento attuale sono saltati, o meglio, mentre prima azzeccavano fino a 5 6 gg adesso al massimo 2gg . seguo il.meteo.it che è il migliore a mio parere e ho constato che fa fatica a essere giusto sui 6 gg , domanda perchè? risposta i nostri modelli non prevedono le variabili solari che ci sono attualmente quindi dire oggi coma sarà l’estate è come giocare al lotto.cmq la butto, visto l’ attuale minimo sarà normale non certamente caldo

  37. giorgio
    12 marzo 2010 alle 19:43

    Sono molto in sintonia con Nintendo.I presupposti per un”estate rovente ci sono tutti.

  38. enrico
    12 marzo 2010 alle 20:05

    Una volta alla tv chiesero come sarebbe stata l’estate, ed il “meteoman” del caso rispose “calda!” ……. 🙂

    Certo, nel 2003 ci fu del freddo tardivo, ma, perlomeno dalle mie parti anche nel 2005, a Firenze ho un 11/03/2005 con una minima di +0.1° , ed un -2° dell’8/3/2005 , quindi ben più di quest’anno, almeno per ora, ed il 2005 non fu caldo, ma, sempre qui, con un’estate moooolto fresca e piovosa.
    Purtroppo non ho i dati del marzo 2003.

    Quindi, occhio 😉

  39. 12 marzo 2010 alle 20:13

    Intanto, qui come già scritto sopra, non si è mai detto che sarebbe stato un non inverno in europa, ma si è sempre affermato che avremo avuto una interazione, freddo russo e atlantico, come in fondo poi è stato. Secondo me comunque, questa primavera sarà fresca e l’estate sarà fredda se considerata in un contesto generale di sopramedia in europa, insomma una estate in media o lievemente sopra media con tendenza al fresco a giugno e a scaldarsi via via da luglio.

    Per quanto riguarda l’HP in arrivo, sarà solo di passaggio causa momentaneo ricompattamento del VP che, con un po’ di fortuna potrebbe accennare una retrogressione fredda a inizio terza decade, ma ci andrei cauto. Probabile è invece un nuovo crollo dell’AO a fine mese con nuovo ritorno dell’inverno in aprile.

  40. Michele
    12 marzo 2010 alle 20:17

    In tutto questo dire…..
    Una cosa è sicura per i prossimi Inverni….
    Non ci dobbiamo lamentare se i prossimi anni…..vedremo cose peggiori di queste….
    La “Natura” da sempre sei “Segni premonitori”….

    500 mt sul livello del mare e a poco più di 40 km. in linea d’aria dal mare !!

    Volterra (Pisa)

    http://www.meteoweb.it/cgi/intranet.pl?_tit=In%20Toscana%20pi%C3%B9%20neve%20del%20%E2%80%9956%20%28foto%29&_cgifunction=form&_layout=news&keyval=news.news_id%3D18154

    Non si aprono più le finestre….

  41. Stefano Riccio
    12 marzo 2010 alle 20:21

    a firenze nel 2003 ci furono tre giorni gelidi con minime sottozero addirittura ad aprile cioè il 7 aprile con -1, l’ 8 aprile con -3.2 e il 9 aprile con -1.

  42. 12 marzo 2010 alle 20:22

    In estate, sopratutto quando è a rischio AO-, le SSTA sono molto importanti. Quando abbiamo un atlantico orientale freddo vi sarà una fortissima tendenza ad un EA+, non sbloccabile e quindi subtropicale africano ad oltranza, ma se l’anomalia negativa si va a isolare più a ovest l’HP delle azzorre avrebbe via libera in atlantico, tra l’altro sostenuto da una spinta meridiana del vortice che si trova tra groenlandia e canada.

    Per fare un esempio sarebbe una estate simile al 2005 ma con le anomalie circa 1000km ad ovest.

  43. Nintendo
    12 marzo 2010 alle 21:21

    X Enrico: nel 2003 ci fu l’incredibile ondata di gelo dell’aprile 2003, dove da me gelarono quasi tutti i fiori, fu un disastro, minime sui -4°C sulla costa e ovviamente più fredde all’interno, roba assurda.
    il marzo 2005 lo conosciamo tutti e sappiamo benissimo com’è stato.
    ma io parlavo di tardive, irruzione che cadono nella prima decade di marzo non sono tardive.

  44. enrico
    12 marzo 2010 alle 21:53

    Ringrazio per gli interventi sul freddo tardivo nel 2003, azz. in aprile… non lo ricordavo !

    In ogni modo, qui, per adesso, a Firenze, non mi risultano giorni sotto zero in marzo, solo un + 0.2° ed il 6/3 ed un +0.6° di stamani… aprile è ancora lontano, vediamo.

    Altra storia per la valdera, 80cm a Chiusdino… incredibile…

  45. Stefano Riccio
    12 marzo 2010 alle 22:15

    se ti interessa i record di firenze peretola, che è la stazione meteo ufficiale per firenze, li puoi trovare qui:
    http://it.wikipedia.org/wiki/Stazione_meteorologica_di_Firenze_Peretola
    cmq a firenze università, che non è la stazione ufficiale, stanotte c’èrano -0,4°.

  46. adri63
    12 marzo 2010 alle 22:18

    se tardive si intende aprile allora qua a lecco è tutto normale vediamo cosa succede ad aprile. cmq rimango dell’idea x la mia zona estate fresca

  47. Stefano Riccio
    12 marzo 2010 alle 22:22

    intanto, tornando al sole, la regione 1055 è già scomparsa.

  48. Nintendo
    12 marzo 2010 alle 22:31

    tardive io le intendo come successive al 10 Marzo, ma c’è chi considera tardiva anche un’irruzione che arriva a fine febbraio, la cosa diciamo che è soggettiva.

  49. 12 marzo 2010 alle 23:17

    Ho ritrovato un tuo commento…….
    “nel caso fossero azzeccate, direi che come minimo facciamo una colletta su NIA e gli regaliamo una gita a Reading all’ECMWF”
    😛

    🙂

  50. giorgio
    13 marzo 2010 alle 01:36

    Ragazzi se ragioniamo un po la vera anomalia sta nella quantita di precipitazioni e non nelle temperature che si sono sotto media ma non sono affatto eccezzionali.Anch”io che vivo a Modena non ho mai visto tanta neve a meta marzo.Pero il fatto di scendere sotto zero nella seconda decade del mese non “e affatto un evento rarissimo.Tutte queste nevicate a mio avviso sono dovute alla combinazione ENSO+MODERATO CON MINIMO SOLARE.Atre situazioni del tipo: ENSO forte avrebbero dato come risultato un inverno mite e secco.Oppure ENSO- :molto piu freddo ma con poca neve.E stato un inverno raro solo cme quantita delle precipitazioni.

  51. giorgio
    13 marzo 2010 alle 01:44

    X Stefano Riccio : e” la 1054 che e” tosta http://www.persicetometeo.com/public/popup/magnetogram.htm

  52. Luigi Lucato
    13 marzo 2010 alle 06:51
  53. Luigi Lucato
    13 marzo 2010 alle 06:52
  54. enrico
    13 marzo 2010 alle 08:05

    La 1054 è una macchia “grossa”, basta vedere da sola che flusso “soffia”…

    X la temp, io guardavo i dati del Lamma, se ne possono guardare mille, ma per adesso in Firenze e dintorni, è assolutamente prematuro parlare di gelo tardivo.
    Un -3 il 27 di mazo i il 4 di aprile lo sarebbe senza dubbi ! 😉

    Temperature intorno allo zero in marzo, si sono verificate molte volte.
    Nevicate come quella passata sulle colline e dintorni, un pò meno…

  55. 15 marzo 2010 alle 17:26

    Vorrei fare una correzione l’anomalia è neutra tra -0.5 e +0.5 si parla di anomalia debole quando si superano questi determinati valori

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: