Home > Ciclo 24, Minimo di Eddy, Minimo Solare, Nowcasting Solare > La 1056 è in dissolvimento, ma arriva la 1057 con una Latitudine da Massimo!

La 1056 è in dissolvimento, ma arriva la 1057 con una Latitudine da Massimo!

23 marzo 2010

Per vedere l’immagine ingrandita: http://www.nso.edu/latest_images/gong_current_int.jpg

La regione 1056 ormai è inforte fase di decadenza e già da oggi non è più comtabile col L&N’s count, ma nel lato orientale del sole sta sopraggiungendo una nuova AR (che penso riceverà in giornata il numero 1057 dal Noaa) la quale già contiene delle micro-macchiette al suo interno.

La cosa interessante, è che dopo la 1054 che aveva una latitudine di 15-16° nord, questa sembra all’incirca un pò più bassa o al massimo con la stessa latitudine di quest’ultma, altro segno incofondibile che il ciclo sta continuando la sua marcia verso la sua fase di massimo, che forse appare più vicino di quanto dicano oggi come oggi le previsioni ufficiali della Nasa e del Noaa.

L’attività solare resta come al solito a valori very low, in particolare si segnala il solar wind che ormai da giorni è sotto i 300 km/s.

Stay tuned, Simon

  1. Alessio
    23 marzo 2010 alle 17:39

    Stavo leggendo ora la danno N16E80 alle 8:59 di oggi.

    http://www.lmsal.com/solarsoft/latest_events/gev_20100323_0859.html

  2. 23 marzo 2010 alle 18:02

    E’ arrivata giusto in tempo per il discorso che facevamo oggi..come si dice “a ciccio”……

  3. 23 marzo 2010 alle 18:32

    Se vogliamo fare un parallelo con il ciclo 23 ,le AR che comparivano a quelle latitudini con una buona frequenza si registrarono a fine a fine 2008!!!sappiamo poi quando ci fu il massimo……….

  4. 23 marzo 2010 alle 18:41

    Scusate oggi sono molto distratto,volevo dire fine 98 inizio 99…..

  5. Nintendo
    23 marzo 2010 alle 19:18

    come dicevo nell’articolo, è la latitudine quella da guardare adesso

    intanto qui si può avere un’idea di dove si trova, leggermente più in basso

  6. ALE
    23 marzo 2010 alle 19:38

    Devi vedere Riccardo le AR di discreta intensità!!!Ossia quelle con area almeno superiore a 150!!!!
    Prendi questa mappa per esempio:

    appena prima del MAX SC23!!! Occorre xò fare un inciso:
    Oltre alla latitunine osserviamo anche la coalescenza magnetica delle AR e sottolineiamo il fatto che nel SC23 le AR che fecero il famoso “Stellar-Tour” furono una decina, solo la AR9393 fece 3 giri e fu un caso da manuale!!!
    Ora siamo già a 5 AR che hanno bene o male completato il giro e almeno una, ha fatto 2,5 giri!!! Strano per un POST-Min no?
    Un altro termine di paragone è la forma degli Streamers della Corona solare, quando ci sono (Xchè a volte spariscono proprio!) sono nella medesime situazione del 1999-Dicembre!!!
    Invito tutti gli UTENTI Nia a scaricare l’applicazione Java dell’ESA:
    alla homepage di SOHO, si possono vedere e scaricare tutti i dati del SOHO stesso!!!!! L’applicazione è un Java e funziona su TUTTI i sistemi, da Windows a Linux passando per OSX di Apple!!!! OTTIMO, brava ESA!!!
    Da questa applicazione emergono dati molto interessanti che dimostrano come il Recinto di Carrington ci sia e sia una peculiarità degli ultimi 4 mesi!!!
    Il Parallasse con il punto di osservazione NN CENTRA NULLA!!!!
    ALE

  7. ice2020
    23 marzo 2010 alle 19:44

    Ottimo intervento Ale ed ottimo consiglio!

    Simon

  8. 23 marzo 2010 alle 20:29

    Bonsoir à tous et à Simon et Ale ,
    Le MAX peut-il réellement être en train de se produire car il faut pour cela que le magnétisme nord-sud change ? non ?
    Pour que le MAX se produise il faut un renversement magnétique ….
    J’ai parlé avec un ami hier et il disait ceci :

    ” Premièrement le max ne peut être passé car le magnétisme nord sud n’a pas changé, on peut parler de max théorique car si l’alignement prévu en juin 2010 est sensiblement le même qu’en 1650, il doit en résulter une nouvelle baisse d’activité, mais on sera toujours dans un minimum puisque le max ne peut avoir lieu faute de renversement magnétique, on sera alors a la même configuration du Maunder, des décennies sans taches, sans renversement magnétique, donc sans max, on ne peut pas changer de cycle sans renversement … ce sera le nouveau grand minimum ….? J’ai même vu que ça pourrait en fonction de l’alignement cet année être même pire que le Maunder…
    On va bientôt savoir …juin approche et le nouveau grand minimum aussi !! ”
    Bonne soirée ,
    Christal ,

  9. andrea b
    23 marzo 2010 alle 20:38

    il link dovrebbe alla pagina dovrebbe essere questo

    http://soho.esac.esa.int/data/archive/index_ssa.html

    programmino interessante

  10. ice2020
    23 marzo 2010 alle 21:16

    ECCO IL MESSAGGIO DI cRISTAL TRADOTTO CN GOOGLE:

    Buona sera a tutti e Simon e Ale,
    MAX può essere realmente accadendo, perché richiede che il nord magnetico scambio sud? no?
    Per la MAX accada abbiamo bisogno di una inversione magnetica ….
    Ho parlato con un amico ieri e ha detto:

    “In primo luogo il massimo può essere aumentata perché il nord magnetico e il sud non è cambiato, si può parlare di massima teorica, perché se l’allineamento prevista per il giugno 2010 è sostanzialmente lo stesso, come nel 1650, dovrebbe portare a un ulteriore calo attività, ma ci sarà sempre un minimo in quanto il massimo può verificarsi a causa di inversione magnetica, allora avremo la stessa configurazione di Maunder, da decenni, senza macchie o inversione magnetica, in modo che nessun max, non può modificare il ciclo senza inversione … sarà il nuovo direttore generale ….? minimo Ho anche visto che essa potrebbe funzionare in allineamento di quest’anno è ancora peggio del Maunder …
    Lo sapremo presto … giugno, il nuovo approccio e anche molto meno! “

  11. 23 marzo 2010 alle 21:20

    Grazie per il consiglio Ale!!!Voglio far notare che con il restringimento del recinto le AR attuali a differenza di quelle viste da fine dicembre a fine febbraio,non ce la fanno a sviluppare una buona coalescenza magnetica ed una discreta area!!!questo per il poco spazio che hanno a disposizione per crescere….Ad oggi è evidente come le AR superata la mediana si dissolvono velocemente,a differenza di qualche mese fa quando superatala mostravano ancora grande vigore e in alcuni casi tendevano ad espandersi ulteriormente…..

  12. 23 marzo 2010 alle 21:28

    Simon la traduzione non è perfettamente comprensibile,mi sembra però di capire che insiste sul fatto che non avremo inversione dei poli esarà uno pseudo max(max teorico) come avveniva nel maunder qundo non c’erano inversioni..correggimi se sbaglio…

  13. ice2020
    23 marzo 2010 alle 21:35

    sEMBREREBBE RIC, ma nn conosco miimamente il francese quindi mi limito a google translate…

  14. 23 marzo 2010 alle 21:39

    No te lo chiedo perchè anch’io giorni fà avevo pensato a questa cosa(si tratta di una semplice intuizione)…a tal proposito volevo chiedere quì sul blog se durante il maunder ci fossero state inversioni magnetiche…..

  15. giorgio
    23 marzo 2010 alle 21:41

    Ottima osservazione di Riccardo: in effetti se guardiamo il max del ciclo 23 nel 2000, avremo un max teorico del ciclo 24 alla fine del 2010 inizio 2011.Riccardo ci fa presente che siamo in una situazione simile a fine 98 inizio 99. Non per niente le AR attuali sono intorno al parallelo 15 e cioe circa 10-12 mesi prima del max dove le AR dovrebbero ragggiungere il parallelo 6-7.quindi in linea puramente teorica ci dovremmo trovare piu o meno a 1 anno dal solar max. Ma per l”effetto dell”allineamento di inizio estate il ciclo viene inibito dalle risonanze orbitali e quindi sul momento piu bello e” letteralmente “soffocato”.Complimenti Riccardo!!!

  16. 23 marzo 2010 alle 21:45

    Grazie Giorgio….devo ammettere che in molte cose mi trovo in perfetta sintonia con il tuo pensiero…

  17. giorgio
    23 marzo 2010 alle 21:53

    In effetti Riccardo pare non vi siano state inversioni magnetiche durante il Maunder.Le tue intuizioni sono giuste anche perche se il ciclo e” questo e” molto improbabile l”inversione magnetica.Ale faceva presente che durante il Maunder i cicli duravano piu o meno 10 anni.Io lessi alcuni mesi fa che i cicli durante il Maunder avevano massimi si ogni 10 anni circa ma che duravano per lo meno 20 anni.(Questo lessi)scusate ma non posso confermarlo con certezza.

  18. 23 marzo 2010 alle 22:36

    X Riccardo, per quello che riguarda le inversioni magnetiche durante il Maunder naturalmente non ci sono prove assolute, peró é importante il fatto che le macchie che si sono presentate durante il minimo erano tutte o quasi nell´emisfero sud del sole e solo l´ultimo ciclo del Maunder presentó importanti macchie anche nell´emisfero Nord, il che fa pensare giustamente alla mancata inversione anche se ci furono dei massimi di Sunspot durante i vari cicli che si mantennero nel loro andamento naturale dei 10/11 anni.
    La tua analisi sull´attuale minimo e che ben esposto é anche il mio pensiero!
    La diminuita carica magnetica solare fa vedere solo le macchie importanti che in altre situazioni sarebbero state molto piú imponenti.

  19. Pablito
    23 marzo 2010 alle 23:11

    Ho letto su Orione di Febbraio 2010 (pag 43) che gli astronomi russi Usoskin, Mursula, Kovalev in base alle documentazioni storiche hanno pubblicato il fatto che il ciclo medio solare nel periodo del Minimo di Maunder operò a bassissima attività e con una durata di 22 anni. Nei primi anni successivi al 1640 si è persa la ciclicità di 11 anni con una brusca discesa al minimo e l’instaurarsi di un ciclo lungo il doppio.
    Il ciclo di 11 anni ha ricominciato ad operare, a bassi livelli, tra il 1700 e il 1712, segnando la fine del MInimo di Maunder.
    E’ interessante notare che 22 anni coincidono con il ciclo magnetico senza l’inversione. Credo che è quello che sosteneva Christal.

  20. Alessio
    23 marzo 2010 alle 23:24

    quindi magari anche il sole è soggetto alle proprie stagioni, e forsemagari questo assopimento se confermato con il tempo potrebbe essere nel sistema una forse una tecnica per preservare la vita stessa del sole… La mia domanda è ma se non ci fossero interazioni magnetiche di tali proporzioni i cicli tenderebbero sempre a crescere come intensità?

  21. 23 marzo 2010 alle 23:34

    Il solar flux calcolato dal 1610 al 2010 sarebbe questo:
    http://solar-flux.narod.ru/
    Naturalmente il solar flux durante il Maunder é stato calcolato in base ai dati dei disegni di minimo 2 astronomi europei che abbiano visto delle macchie solari nella stessa data e alla stessa latitudine e facendo la conversione macchie/ solar flux. I dati di un solo astronomo non confermato dagli archivi di altri é stato scartato dai conteggi perché poco affidabile.
    Il solar flux mostra il mantenimento dei cicli durante il Maunder anche se non é confermata scientificamente l´inversione dei poli il che sarebbe oltremodo una anomalia. Peró durante il dalton si sarebbe visto effettivamente l´aborto di un ciclo quindi nulla vieta di pensare che anche durante il Maunder si sia potuto verificare il mantenimento dei cicli con i relativi massimi pur in assenza di una inversione dei poli magnetici… é tutto ancora da studiare.

  22. ice2020
    23 marzo 2010 alle 23:43

    Dove troverai Sand tutti questi link!

    Questo sul solar flux è unico, anche se è una ricostruzione ovviamente qualcosa ci dice….sia durante il maunder che il dalton il solar flux anche nel periodo del massimo nn saliva a più di 100-110!

    Incredibile!

    Sicuramente sarà stato più alto, perchè lo erano le stesse macchie.

  23. ALE
    23 marzo 2010 alle 23:45

    Ecco che Pablito ha spiegato la differenza tra Dalton-LIKE e Maunder-LIKE, nel Dalton la legge di HALE nn viene violata e i cicli continuano seppure in modo debole! Nel Maunder NO, la Hale’s LAW viene violata e il GMF stellare per così dire inciampa in un sistema stabile a bassa energia noto come Monopolar configuration! Visto che tutti i sitemi in fisica tendono ad assumere la più bassa energia potenziale possibile ecco che l Sole (non facendo diversamente!) se si setta in un periodo di bassa attività potrebbe perdurare il suo stato di quiescienza perchè energeticamente più favorevole, in soldoni, se la nostra amata stella potesse scegliere, sceglierebbe una situazione SPOTLESS, le attività magnetiche con manifestazioni violente dissipano energia in una forma che NON ALIMENTA MINIMAMENTE la fornace Stellare!!!!
    Ad una prima analisi poi sembrerebbe che i minimi “Pro-Hale-Law” come il Dalton e il Damon, siano innescati da motivi interni alla Dynamo Stellare, mentre per avere un Maunder-LIKE serve quel qualche cosa in più che al momento NON SI CONOSCE, ricordo che i dati di IMPUT dei moderni metodi di predizione dell’attività solare NON CONOSCONO NE MAUNDER, ne Spoorer, Ne WOLF!!! Gli unici che conoscono sono il Dalton e il Damon!!!! E’ curioso vedere come nel corso degli anni scorsi si è passati da prevedere un SC24 DIROMPENTE, anche più forte del 19° Ciclo, ad un ciclo normale ma GUAI a parlare di Damon o Dalton; questo fino al mese di MArzo del 2009 dove alcuni iniziarono a parlare almeno di Damon! Ora anche lo stesso Hathaway spiega che forse un Dalton è ripetibile! Stiamo a vedere e intanto posso solo sottolineare la polarità complessa della Nuova AR che si sta palesando… Macchie così il SC23 le sfornava negli anni compresi tra il 1999 e 2003, nel suo periodo di massima attività (controllate con i magnetogrammi SOHO!).
    ALE

  24. 23 marzo 2010 alle 23:51

    I disegni degli astronomi del tempo sono stati corretti con un fattore di k=2 nell´ultimo periodo del Maunder e K=3 nel primo periodo e cosí é stato possibile calcolare il numero di Wolf con i relativi massimi. Questo perché anche se si potevano vedere addirittura i pore con gli strumenti dell´epoca, gli astronomi segnavano nei loro archivi solo l´apparizione di macchie importanti.
    N.B. l´articolo su questi calcoli dei cicli del Maunder é giá nelle bozze.🙂

  25. ice2020
    23 marzo 2010 alle 23:53

    si si l’ho visto, prima però dovrei pubblicare quell’altro tuo sempre sul maunder…e sn indeciso ora su cosa pubblicare per domani…ora ci penso 10 minuti e poi lo lancio!

  26. 24 marzo 2010 alle 08:45

    Giusto Sand,hai detto benissimo,in questa situazione riescono ad emergere solo le AR con elevata coalescenza magnetica,che negli scorsi cicli avrebbero assunto dimensioni notevolissime!!!Inoltre vi invito a prestare attenzione a quello che ci ha detto ieri il nostro amico francese…la questione del massimo “teorico “è per me molto ineressante!Stiamo osservando tutti che il ciclo sta avanzando regolarmente facendo principalmente riferimento alla lat. delle AR,ed in particolar modo quella delle ultime(1054,1057) è da max pieno!!queste però non riescono più a svilupparsi come avveniva in gennaio-febbraio…il max “teorico”,quello “da copione”(con le AR a 15 gradi) ci sarà tra qualche mese,ma per via dell’azione inibitrice di giove-sat(che sarà sempre più importante),esso non corrisponderà con il max del ciclo in termini energetici!!!

  27. 27 marzo 2010 alle 11:30

    Prova visione campo magnetico:

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: