Home > Cambiamenti Climatici, IPCC > Gli errori emergenti del rapporto IPCC per il 2007 non sono accidentali, ma fondamentali

Gli errori emergenti del rapporto IPCC per il 2007 non sono accidentali, ma fondamentali

24 marzo 2010

Con le notizie che sono arrivate ultimamente da Bali, e cioé che c`é un’indagine internazionale condotta sul gruppo intergovernativo dell’ONU sui cambiamenti climatici e il suo presidente Rajendra Pachauri un paio di settimane fa sarebbero stati fatti enormi titoli in prima pagina. Ma mentre l´Europa l´Asia e il Nord America sono ancora spazzate da tempeste di neve, in un inverno piú freddo da  decenni, c’è stata una sorta di tregua nella tempesta del riscaldamento globale, dopo tre mesi, quando sull’IPCC e sul dottor Pachauri si sono abbattute tempeste di neve quasi quotidiane  con  nuovi scandali e nuove rivelazioni. E una ragione per questa tregua è che il vero messaggio di tutti gli scandali è andato perduto.

La difesa principale offerta dai serristi sulle rivelazioni dell´ultima relazione del 2007 dell’IPCC è che sono stati solo un paio di errori marginali dispersi in un mare di 3000  pagine di documenti. Le 3000 pagine che sicuramente qualcuno, anche su NIA conosce a memoria e di cui legge un versetto ogni sera prima di addormentarsi.  OK, sarebbe stato sbagliato prevedere che i ghiacciai himalayani potevano sciogliersi entro il 2035, che il riscaldamento globale stava per distruggere il 40 per cento della foresta amazzonica e tagliare i raccolti africani del 50 per cento, che il livello del mare sarebbe aumentato pericolosamente da invadere il 65% dell´Olanda, cosí come gli uragani devastanti, la siccità ed altri “eventi meteorologici estremi” sarebbero stati sempre peggiori. Questi sono stati, dicono loro,  una manciata di errori isolati in un rapporto di massa, il loro possente edificio di ortodossia del riscaldamento globale rimane illeso. La scienza “è risolta”, il “consenso”, è intatto.

Ma questo non coglie affatto il punto.Mettendo insieme tutti gli errori si può vedere che spunta  la questione centrale dell’intera farsa del riscaldamento globale.

Tutti questi allarmi hanno avuto particolare rilievo nel rapporto IPCC del 2007 e ognuno di loro ha dimostrato di essere basata non su prove concrete ma su notizie allarmistiche, derivate non da corretti scienziati  ma da attivisti ambientali. I ghiacciai non stanno scomparendo ma sono naturalmente in calo da oltre 150 anni nel loro ciclo naturale di avanzata e regressione, il danno alla foresta amazzonica non è dovuto al cambiamento del clima, i raccolti africani hanno maggiori probabilità di aumentare che diminuire, il livello del mare non sta aumentato ma anzi sta rallentando,  l’attività degli uragani è inferiore a quello di 60 anni fa, le siccità sono state più frequenti in passato, non vi è stato alcun aumento di alluvioni o ondate di calore.

Inoltre, è emerso. come hanno ammesso molti scienziati dell´IPCC, che in quasi tutti i casi, la decisione di includere queste notizie allarmistiche non é stato per una prova scientifica ma solo perché quella era la storia voluta da quelli che stavano in alto nella gerarchia dell´IPCC. Occorreva terrorizzare i politici che hanno le chiavi del denaro.

In aggiunta, ora possiamo leggere in un dettaglio sconvolgente, la verità degli sforzi compiuti per garantire in ogni caso lo scandaloso inserimento della ideologia del famigerato grafico “bastone da hockey”  nella stessa relazione del 2007  per dimostrare che alla fine del 20 ° secolo, le temperature erano stati catapultati a livelli senza precedenti. Ciò è stato ritenuto necessario perché dopo che il grafico è stato al centro del rapporto IPCC del 2001  recentemente era stato sputtanato dimostrando come fosse una illusione statistica.
In altre parole, per certi aspetti fondamentali del rapporto IPCC per il 2007 non era altro che propaganda imprudente, progettato per creare il panico nei politici mondiali per avere  un accordo a Copenaghen e che tutti noi dovremmo pagare il più grande progetto di legge singolo mai presentato alla razza umana, per un importo di decine di centinaia di miliardi di Euro. .E come sappiamo, di fronte alla prospettiva di questo abisso finanziario ed economico, la conferenza di Copenhagen é terminata nel caos, con praticamente nessun  accordo.

La cosa impressionante è stata la velocità e la portata del disfacimento del consenso intorno all´IPCC, assistita, naturalmente, poco prima di Copenaghen, dal “Climategate” con le email e i codici informatici trapelati dall´ East Anglia’s Climatic Research Unit.  Il loro significato ha illuminato il mondo sulle attività di un piccolo gruppo di scienziati britannici e statunitensi nel cuore del IPCC, e come tra di loro  hanno discusso il modo di manipolare i dati per mostrare il riscaldamento mondiale più veloce cercando delle prove a giustificazione, lottando contro le legittime richieste per i dati da esperti esterni per nascondere la loro manipolazione e cospirando per mettere a tacere i loro critici escludendo il loro lavoro da riviste scientifiche e dalla stessa relazione dell’IPCC del 2007.
Il Dr Phil Jones del CRU  ha svolto un ruolo centrale nella paura del riscaldamento globale per 20 anni.
Le implicazioni di tutto questo per la paura di riscaldamento, come è stato presentato a noi nel corso degli ultimi due decenni, è innegabile. La reputazione del IPCC è a brandelli. E questo per non voler io dire nulla della reputazione personale di colui che è stato la mente della relazione del 2007, il suo presidente, il dottor Rajendra Pachauri.

Pachauri ha guadagnato milioni di sterline per il suo istituto di ricerca Teri, e ulteriori dettagli stanno ancora emergendo per come ha sfruttato la sua posizione in un impero di affari mondiale, tra cui 17 contratti vantaggiosi dalla sola Unione europea. Ma non dobbiamo aspettarci che la la verità venga a galla in maniera troppo improvvisa, data questa massa di interessi che la invischiano come una melma mafiosa. Troppe persone hanno troppa posta in gioco per consentire di abbandonare la fede del riscaldamento globale causato dall´uomo, questa fede li ha sostenuti tanto tempo e ha fatto sí che oggi tanti di loro siano ricchi, anzi ricchissimi.

Dal 1988, quando la più grande paura che il mondo ha visto, ha preso il via, centinaia di miliardi di euro sono stati riversati nei progetti di ricerca accademica non per provare la tesi del riscaldamneto a causa della CO2, ma per prendere questo come un dato di fatto appunto come una FEDE, e di utilizzare i modelli di computer per far sembrare che il suo impatto spaventoso fosse possibile. Il mercato globale del “carbon trading” già vale 126 miliardi dollari l’anno, potrebbero essere presto milioni di miliardi e quindi  vale la pena cercare di aumentare tale terrore globale fino a che il tempo non li smaschererá. I  governi chiedono e chiederanno sempre di piú centinaia di miliardi da essere buttati nei sistemi di energia detti alternativi ma che guarda caso fino adesso a partire dalla stessa America riguarda SOLO LA COSTRUZIONE DI NUOVE CENTRALI NUCLEARI e ció sará fatto aumentando le tasse e le bollette energetiche lasciando le briciole alla ricerca avanzata su altre fonti di energia alternative.

Con tutto questo potente esercito di politici ingenui, di funzionari, di commercianti di carbonio, di mafiosi, di intrallazzatori, i finanziamenti per la ricerca accademica sulle energie alternative e rinnovabili sono alla ‘fame” sono ridotti quasi a zero, elemosina per loro,  miliardi per i fedeli del AGW. Hanno messo in essere il vero mostro di Frankenstein. Per loro conta solo il fantomatico riscaldamento globale e i soldi che ci guadagnano con questa favola. Ma il Sole sta facendo loro un brutto scherzo, se continua questa fase e se le previsioni degli scienziati autonomi, rispetto alla industria del GW, si confermeranno, hanno a disposizione pochissimi anni prima che il pianeta inizi la sua fase di raffreddamento e pochissimi anni prima di essere vergognosamente smascherati e sputtanati per quello che sono: amici di merende!

SAND-RIO

  1. Nintendo
    24 marzo 2010 alle 00:33

    ci tenevo a lasciare il primo commento.
    l’articolo me lo leggo più tardi😀

  2. Davide M.
    24 marzo 2010 alle 01:28

    Io invece l’articolo l’ho già letto tutto e posso dire a gran voce…..SAND-RIO SEI UN MITO!!!😉
    Scherzi a parte, gran bell’articolo, complimenti. Se puoi, arricchiscilo con qualche stralcio di articolo giornalistico che parli degli scandali. Sarebbe molto interessante sapere cosa scrive la stampa internazionale. Comunque ottimo lavoro. Complimenti!

  3. autobas
    24 marzo 2010 alle 04:38

    E poi noi italiani siamo tutti mafiosi. E loro cosa sono?

  4. Pablito
    24 marzo 2010 alle 05:14

    Bellissimo articolo, Sand-Rio, che condivido totalmente. Ormai le truffe avvengono su scala planetaria grazie a queste istituzioni internazionali che hanno obbligato a una cessione di sovranità gli stati del mondo, per poi dimostrarsi totalmente corruttibili. Pensiamo allo scandalo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità infiltrata da persone vicine alle grandi case farmaceutiche alle quali hanno fatto guadagnare miliardi con il vaccino dell’influenza A1/H1, creando un falso allarme epidemia. Oppure guardiamo alla crisi finanziaria dove le agenzie di rating, fino all’ultimo hanno coperto le truffe di alcuni istituti finanziari, facendo guadagnare miliardi a pochi e facendo perdere tutto ai piccoli risparmiatori.
    In questo panorama non stupisce che sia stato nominato a presiedere l’IPCC Rajendra Pachauri, un economista specialista in trasporti ed in particolare di società ferroviarie, mentre tutti pensano nel mondo che sia un valente climatologo.

  5. Alessio
    24 marzo 2010 alle 08:36

    proprio un bell’articolo!!
    Il problema che è così per l’ 80% della storia che ci insegnano, tutto è volto ad arricchire chi e ha la briglia di questo cavallo di troia.
    In ogni caso siamo testimoni del contrario e come dice giustamente Sand, saranno sputtanati…

  6. Luigi Lucato
    24 marzo 2010 alle 08:41

    si parla di fatti simili anche qui
    http://petrolio.blogosfere.it/2010/03/riserve-di-petrolio-esagerate-di-un-terzo-e-balle-sul-clima.html

    il problema è che siamo immersi in un mondo in cui la maggior parte dei DATI
    è VIRTUALE ed stata ampiamente ELABORATA …

    ad esempio

    a presiedere l’IPCC Rajendra Pachauri, un economista specialista in trasporti ed in particolare di società ferroviarie

    … il problema non è il CLIMA … ma il picco del petrolio e la crisi dei trasporti
    è l’uomo IDEALE ?

  7. bora71
    24 marzo 2010 alle 10:06

    Febbraio 2010: a livello globale il secondo più caldo dopo il 1998, Inverno secondo solo al 2007
    L’inizio del 2010, influenzato dal Nino, propone un’accelerazione del Global Warming. Febbraio è stato il secondo più caldo dopo quello del 1998, il bimestre gennaio-febbraio viene dopo solo a quello 2007.
    http://www.meteogiornale.it/notizia/17630-1-febbraio-2010-a-livello-globale-il-secondo-piu-caldo-dopo-il-1998-inverno-secondo-solo-al-2007

  8. bora71
    24 marzo 2010 alle 10:11

    x Sand RIO
    Ma mentre l´Europa l´Asia e il Nord America sono ancora spazzate da tempeste di neve, in un inverno piú freddo da decenni,”

    per par condicio bisognerebbe dire anche che il Canada e la Groenlandia hanno vussuti l’inverno piu’ caldo da anni e anni…

    ripeti il GW non si valuta per degli episodi..dove c’e’ una discesa molto fredda dall’altra parte c’e’ una risalita molto calda..
    ma dalla media delle temperature di tutto il mondo…
    e sopra ti ho messo i dati ufficiali..
    ciao e buona giornata

  9. 24 marzo 2010 alle 10:27

    Ti ho giá risposto in articoli precedenti, ma evidentemente leggi solo quello che ti aggrada. Alla fine del 2009 avevo giá scritto che il 2010 doveva essere il piú caldo della storia. Che i mesi di gennaio febbraio, marzo etc etc avrebbero mostrato questo riscldamneto e ti avevo anche scritto il perché questo riscaldamento era necessario. Ti ho anche detto quali sarebbero stati gli aumenti di temperatura durante i vari mesi.
    Il presunto riscaldamento globale é gonfiato ancora una volta per ricattare i politici che hanno negato i miliardi dei fondi di ricerca durante la riunione di Copenaghen. Il GW esiste ma é NATURALE! L´AGW esiste solo come arma di ricatto e perché qualcuno si arricchisca alle spese della popolazione.

  10. 24 marzo 2010 alle 10:58

    Per gli adepti dell´AGW é importante leggere questo libro;
    http://www.amazon.com/Eco-Sex-Green-Between-Sheets-Sustainable/dp/1580081185

    dove tra l´altro viene insegnato a non usare assorbenti per le donne, ad evitare anche gli assorbenti per i neonati, ad evitare di fare approcci in auto quando é molto meglio fare una bella passeggiata in bici, evitare di fare l´amore vicino ad un caminetto e evitare l´uso di aria condizionata in estate, i giocattoli sex ecologicamente corretti, cosa mangiare prima e dopo l´atto sessuale, che tipo di lenzuoli mettere a letto quali sono i regali corretti anti AGW come usare la carta igienica riciclata e tra l´altro… come riciclare i preservativi!

  11. Nintendo
    24 marzo 2010 alle 11:10

    scusate se vado in OT:
    Simon hai una mail, importante!

  12. adri63
    24 marzo 2010 alle 12:06

    dalla media delle temperature in tutto il mondo!!!!!!!
    media che nessuno è in grado tecnologicamente di fare questa è la verità

  13. giorgio
  14. 24 marzo 2010 alle 12:30

    Ottimo articolo, Giorgio! Ma ancora non é finita qui perché nei diagrammi usati dalla banda bassotti dell´IPCC si riduce il raffreddamento che il pianeta ha avuto dal 1940 al 1976 (quando agli inzi degli anni 70 si parlava proprio di nuova era glaciale in arrivo). Riducendo il calo delle temperature avuto in questo periodo automaticamente si alzano tutte le temperature successive di almeno 0,5°. Su questo ennesimo tentativo di truffa climatica, e che é stato smascherato ultimamente (non hanno considerato che esistevano giá delle rilevazioni globali di temperature fatte da enti di ricerca mondiali) tra qualche giorno faremo un altro articolo con prove e tutto e quali sono state le conseguenze “climatiche” terrorizzanti che hanno ottenuto con questa ennesima truffa.
    Inesrisco per adesso solo questa immagine che mostra l´effetto di innalzamento delle temperature globali tra la situazione A reale e la situazione B falsificata

  15. Alessio
    24 marzo 2010 alle 12:45

    e poi ti producono celle solari al telloruro di cadmio…. l’energia pulita.. come un Tensioattivo anionico….

  16. sbergonz
    24 marzo 2010 alle 13:31

    Ragazzi, non dimentichiamo che le falsificazioni fattte dal CRU e venute alla luce sono solo una piccolissima parte di tutte quelle che sono state fatte dagli enti collegati all’IPCC o su cui i dati IPCC si basano (ma sui dati CRU si basa sia il NOAA che la NASA, e il GISS sarà senza peccato?)

  17. sbergonz
    24 marzo 2010 alle 13:33

    Direbbe il buon Bartali, e con ragione, “la scienza del clima è tutta sbagliata e tutta da rifare!!!”

  18. 24 marzo 2010 alle 13:41

    I dati satelittari delle temperature rilevate dalla NASA sono elaborati e ….. dall´Istituto Goddard (GISS) legato mani, piedi e PORTAFOGLIO al CRU.
    Quando nell´articolo ho accennato ad Inglesi e americano invischiati mi riferivo proprio a questi.

  19. ice2020
    24 marzo 2010 alle 14:03

    Complimenti Sand per l’articolo che io mi ero già gustato tanti giorni fa…

    Insomma tutto fa brodo pur di giustificare che l’AGW esiste, ed io sn contento che continuino a gonfiare tutti i dati più che possono, perchè come diceva mio nonno “più è grosso, e più quando casca fa rumore”!

  20. nitopi
    24 marzo 2010 alle 14:30

    Alessio, quello e’ il drogaggio…
    Sicuro non abiterei vicino a dove le fabbircano (o comunque a dove si “fa silicio”…)

    Ciao
    Luca

  21. nitopi
    24 marzo 2010 alle 14:31

    Bello!
    Ciao
    Luca

  22. Andrea b
    24 marzo 2010 alle 14:32

    bellissimo articolo complimenti.

  23. ice2020
    24 marzo 2010 alle 14:59

    Consiglio a bora 71 di leggersi questo articolo proposto da giorgio sopra, così magari chissà se la smetterà di scerivere sempre le stesse cose:

    http://wattsupwiththat.com/2010/03/23/why-joe-bastardi-see-red-a-look-at-sea-ice-and-gistemp-and-starting-choices/#more-17626

  24. giorgio
    24 marzo 2010 alle 15:19

    Direi che in nostro amico Sand ci ha fatto “PER CHI VUOLE E NON SI TAPPA OCCHI E ORECCHIE” capire come funziona il meccanismo.Quindi se vogliamo sapere quale sia stato in termini reali il GW degli ultimi 150 anni dobbiamo fare domanda direttamente in cielo per che tanto non lo sapra mai nessuno.C”e rimasta pero una strada per capire l”evoluzione climatica. 5 cose in particolare da monitorare.1-Andamento dei ghiacci polari.(a meno che non comincino pure a soffiarci aria calda per scioglierli).2-Andamento dei cicli ENSO. 3-Uragani e monsoni.4-linea di convergenza intertropicale.5-corrente atlantica(ex golfo).Il monitoraggio di questi 5 elementi ci permette di capire in che direzione va il clima terreste senza farci perdere inutile tempo sui dati taroccati delle temperature.

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: