Home > Cambiamenti Climatici, Global Warming e IPCC, IPCC > Climatologia e IPCC in crisi: Giusto o Sbagliato? (Prima Parte)

Climatologia e IPCC in crisi: Giusto o Sbagliato? (Prima Parte)

11 aprile 2010

Innanzi tutto mi scuso con tutti voi se questo articolo sará particolarmente lungo, ma la vicenda del clima sulla Terra non é risolvibile con frasi ad effetto tipo spot pubblicitari o con diagrammi piú o meno comprensibili, ed ho voluto riassumere, anche se a grandi linee, la situazione in cui si trova oggi la discussione sul clima e la situazione di crisi, a volte ingiusta, in cui si trova la climatologia. Sono partito dal fatto che esistono studi seri, sia in una direzione che nell´altra e che come spesso accade la veritá é nel mezzo. Quindi questo articolo non é né pro AGW né contro, ma spero di aver fatto un lavoro obiettivo, almeno ho tentato di farlo.

Afflitto da rapporti di lavoro sciatti, falsificazioni e esagerazioni, la ricerca sul clima si trova ad affrontare una seria crisi di fiducia.Quanto sono affidabili le previsioni sul riscaldamento globale e le sue conseguenze? E sarebbe davvero la fine del mondo se le temperature aumentassero oltre il famoso limite di due gradi Celsius?

Solo pochi mesi fa Jones era un uomo con una reputazione invidiabile: il capo del Climate Research Unit (CRU) presso l’Università di East Anglia a Norwich, in Inghilterra, un esperto nel suo campo e il padre di una allarmante curva della temperatura globale che, apparentemente, ha fatto vedere come la Terra si stava riscaldando a causa del riscaldamento globale di origine antropica.
Quei giorni sono ormai finiti.
Oggi, Jones, che è al centro della “vicenda Climategate, ha bisogno di sonniferi prende beta-bloccanti per aiutarlo a superare la giornata. E ‘stato al centro di uno scandalo di ricerca che lo ha colpito in modo imprevisto come un tamponamento in autostrada.
I suoi giorni sono ormai modellati da commissioni d’indagine, alle università e nel Parlamento britannico. Si siede sulla sua sedia nelle audizioni, sembrando un miserabile, a volte anche tremante. Internet è pieno di commenti di scherno su di lui.
Jones è finito: emotivamente, fisicamente e professionalmente.
Una delle conclusioni della sua famosa analisi statistica del clima mondiale è che la temperatura media sulla Terra è aumentato di 0,166 gradi centigradi per decennio tra il 1975 e il 1998. Questo, secondo Jones, è stato il chiaro risultato della sua ricerca e quella di molti altri scienziati.
Lui é al 100 per cento sicuro che il clima si è riscaldato, Jones ha detto implorante: “Non ho manipolato o fabbricato tutti i dati.”
Il suo problema è che il pubblico non si fida piú di lui,.la sua credibilità è distrutta, ed è così anche di un’intera categoria professionale che ha basato molto del suo lavoro fino ad ora proprio sulla ricerca di Jones.
Coloro che hanno sempre visto il riscaldamento globale come una cospirazione globale ora sentono un senso di soddisfazione. Gli scettici del clima si sentono vendicati, perché Jones, nella sua corrispondenza scritta con i colleghi, tutti esponenti della comunità di ricerca del clima, non si propone come uno scienziato obiettivo, ma piuttosto come un attivista o missionario che vede i suoi dati personali, come il suo santuario ed è intento a proteggerlo dagli occhi critici dei suoi detrattori.
La vicenda è Climategate ha macinato farina per i mulini degli scettici, che hanno acquisito crescente sostegno per la loro causa, in particolare nei paesi di lingua inglese. Quello che era iniziato con e-mail hacked nel Regno Unito si è moltiplicato in una crisi che colpisce tutta una disciplina scientifica. Al suo centro è una élite di un gruppo di scienziati altamente influenti, il Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici (IPCC) che operano per conto delle Nazioni Unite. Questi scienziati hanno organizzato e preparato, sotto l’ombrello dell’IPCC, previsioni sul clima terrestre cercando di convincere i governi mondiali ad eliminare gradualmente l’età del petrolio e del carbone.
Alla fine del 2007, l’IPCC è stato anche insignito del Nobel per la Pace il Presidente dell’IPCC Rajendra Pachauri era come la personificazione della coscienza del mondo. Lui ha accettato il premio a nome della sua organizzazione.”Il cambiamento climatico pone i nuovi rischi”, ha detto Pachauri al suo pubblico, dicendo che la decisione di assegnare il premio per l’IPCC è stato “un vibrante appello per la protezione della terra che si trova di fronte l’impatto del cambiamento climatico”. Egli ha anche avvertito del rischio di un mancato intervento: “Ogni anno di ritardo implica un impegno al cambiamento climatico maggiore in futuro”.
Da allora, l’IPCC ha vissuto una drammatica caduta. Meno di tre anni dopo questo trionfo appaiono gli errori e le esagerazioni nel rapporto IPCC. Essi comprendono la curva di temperatura contestato a Jones, la previsione che tutti i ghiacciai dell’Himalaya scomparirebbero entro il 2035 e l’aumento di calamità naturali senza citare alcuna fonte.
A metà marzo, il Segretario generale dell’ONU Ban Ki Moon ha fatto una brusca frenata e ha nominato un cane da guardia per l’IPCC. Il Consiglio InterAcademy, una coalizione di 15 accademie scientifiche nazionali, esaminerà i lavori dell’IPCC da questo autunno.
Esiste già un consenso oggi che le riforme profonde sono necessarie alla IPCC. La selezione dei suoi autori e gli ospiti non erano sufficientemente nonpartisan, non c’era abbastanza comunicazione tra i gruppi di lavoro, e non vi erano i meccanismi su come gestire gli errori.
Anche in questione è la posizione del presidente dell’IPCC Rajendra Pachauri, che è lodato come un “pensatore leader a livello globale”, nella sua biografia ufficiale. Per salvare il clima ha fatto una figura miserabile durante la crisi attuale. Il soomo guru del clima ha sommariamente respinto le obiezioni degli scienziati che non la pensavano come lui, come “scienza voodoo”.
Gruppi di scienziati di diversi istituti di ricerca sul clima chiedono le dimissioni di Pachauri. “La ricerca sul clima è ora in una situazione difficile, dicono, Pachauri ha offerto un fianco non protetto.agli scettici, dovrebbe assumersi la responsabilità di ciò e dovrebbe dimettersi”.
Nel complesso, l’intera professione è stata gravemente danneggiata dallo scandalo. Attualmente stianno subendo una massiccia erosione di fiducia. La ricerca sul clima è stata corrotta dalla politicizzazione, così come le centrali nucleari si credeva fossero sicure prima di Chernobyl.
Nessun altro ramo della scienza è cosí carica politicamente. Una guerra di religione sta infuriando tra allarmisti e scettici, e minaccia di consumare i veri climatologi. Ma è un conflitto critico, perché gira intorno a qualcosa come una massiccia ristrutturazione totale della società industriale, un “lavoro” che avrà un costo di migliaia di miliardi di euro.Potenti interessi economici e incrollabili convinzioni fondamentaliste entrano in gioco.
La crisi di credibilità in climatologia vive un momento estremamente sfavorevole. Dal vertice del 2009 a Copenaghen, la politica ambientale è in uno stato di shock. Il Presidente degli Stati Uniti Barack Obama, per esempio, ha messo in stand by la sua iniziativa per la nuova legislazione sul clima. E anche il presidente francese Sarkozy ha invertito il suo progetto di introdurre una tassa sul clima, dicendo: “Noi non imponiamo alcun vincolo sul nostro settore industriale”.

Credo che gli scienziati non dovrebbero mai sposarsi con le loro teorie perché in futuro potrebbero essere sconfessate da nuove scoperte. La ricerca scientifica deve essere interamente rivolta verso i risultati, oggi ci sono sempre più scienziati che vogliono essere i politici.
Gli inglesi del centro di ricerca sul clima il Met Office ha deciso che l’unico modo per riguadagnare la fiducia è rendere tutti i dati climatici disponibili online immediatamente, in un sistema che è accessibile a chiunque ed offre la massima trasparenza e includendo valutazioni critiche su quanto è affidabile ogni pezzo di informazioni. Il Met Office ha stimato che questo grande progetto internazionale, ci vorranno peró almeno tre anni, mentre per adesso quelli del GISS e del NOAA si guardano bene dal prendere iniziative simili.
Gli scienziati temono che senza un processo aperto, onesto, essi non troveranno più ascolto. Questo processo potrebbe significare che molto di ciò che è stato a lungo considerato “conoscenza scientifica” verrà messo sotto esame ancora una volta, in particolare si dovrá rispondere a cinque domande elementari sul futuro del clima:

* In quanti gradi effettivamenteé aumentata la temperatura della Terra e quanto ulteriormente le temperature aumenteranno?
* Quanto il livello del mare salirà in un clima con effetto serra?
* Possiamo aspettarci di vedere in futuro tempeste con una forza senza precedenti?
* Quali parti del mondo avranno più siccità e dove ci saranno più inondazioni?
* La situazione del pianeta sará veramente fuori controllo se la temperatura media globale aumenterá di oltre due gradi?

Per gli attuali grandi climatologi molte di queste questioni rimangono aperte. I media, i politici e anche gli scienziati parlano spesso di cambiamenti del clima con una certezza che in realtà non esiste.
Per esempio, ci sono molte indicazioni che in epoca medievale, tra 900 e 1.300 dC, quando i Vichinghi allevavano bestiame in Groenlandia e la vite era coltivata in Scozia, che è stata più calda di quanto lo sia oggi. Questo è precisamente ciò che Mann (quello che ha inventato la mazza di kockey) ha negato, con una certezza che irrita anche i suoi alleati.
Programmando qualsiasi computer, utilizzando la metodologia di Mann e inserendo dei dati del tutto casuali nel programma i risultati sono una curva mazza da hockey.
McIntyre ha scoperto questo trucco. Ma con la loro auto-esaltazione, i climatologi hanno fatto di lui una leggenda su Internet. Un milione di persone al mese visitano il suo blog. Essi comprendono sia gli scettici del clima e al solito dei teorici della cospirazione, ma anche, più recentemente, molti accademici matematici e scienziati.
McIntyre afferma che egli crede nel cambiamento climatico. “Io non voglio buttare via il bambino con l’acqua sporca», dice, “ma quando trovo errori, voglio che vengano corretto”.
Jones ha commesso un grande errore, è stato come un ragno nella sua tela.Quasi ogni dibattito interno tra i papi del clima passava attraverso il suo computer, lasciandosi dietro una scia digitale.
Soprattutto, però, Jones controllava la “pistola fumante” della climatologia: cioé la curva della temperatura della Terra. La temperatura record che risale agli inizi dell’industrializzazione sono destinate a provare che la temperatura globale media è già aumentata di quasi un grado Celsius dal 1850.
Ci sono vari elementi di prova indiretta che sostengono la teoria del riscaldamento globale. I ghiacciai si stanno ritirando, sono in aumento il livello del mare e i ghiacci marini nelle regioni artiche stanno diminuendo, almeno fino a qualche anno fa..Ma questi segni non sono nulla rispetto ai valori rilevati nelle stazioni meteorologiche.
Il problema è che la qualità dei dati grezzi provenienti dai servizi meteorologici di tutto il mondo differisce notevolmente. In un certo numero di stazioni meteorologiche, le temperature aumentano perché le case e le fabbriche erano state costruite intorno a loro. Altrove, le stazioni sono stati spostate e, di conseguenza, hanno improvvisamente prodotto diverse letture. In tutti questi casi, Jones ha dovuto usare metodi statistici per correggere gli errori nelle letture della temperatura, con un approccio chiamato “omogeneizzazione”.
Ma Jones ha proceduto correttamente nella omogeneizzazione dei dati? La maggior parte dei climatologi credono ancora nella tesi che Jones non ha intenzionalmente manipolato i dati. Tuttavia, sotto la pressione degli attacchi Jones ha dovuto ammettere qualcosa di incredibile: aveva cancellato i suoi appunti su come ha costruito l’omogeneizzazione. Ciò significa che non è piú possibile ricostruire con i dati grezzi la sua curva di temperatura.
Questo è uno dei più grandi peccati che uno scienziato possa commettere. È come se un cuoco non fosse più in grado di cucinare i suoi piatti perché ha perso le ricette.
Inoltre Jones ha attribuito una impennata dei valori di temperatura al calo dell’inquinamento atmosferico dal 1970 a causa di leggi più severe sulle emissioni. Le particelle in sospensione bloccano la radiazione solare, in modo che le temperature aumentano quando l’aria diventa più pulita. L’inquinamento atmosferico nel sud è sempre stata molto inferiore rispetto al nord, c’è meno terra e quindi meno industria nel Sud del mondo. Stranamente, tuttavia, l’aumento della temperatura nel sud è forte quanto lo è nel nord. E questo non è veramente possibile. È come se un meccanismo naturale é stata almeno in parte la colpa per l’aumento delle temperature, e questo farebbe diminuire la quota di influenza umana nel riscaldamento globale.
I critici di Jones poi lo rimprovano per non aver presosufficientemente in considerazione la crescita delle aree urbane.Le stazioni che ha usato dovevano essere rurali e sono ora nelle città. E perché è sempre più caldo in città che fuori, le temperature misurate in queste stazioni sono destinate a crescere.È stata trovata una forte correlazione tra aumento delle temperature dovute al riscaldamento urbano e la crescita economica della zona. Tale studio é stato inviato a Jones prima dell´ultimo rapporto dell´IPCC ma lui ha fatto di tutto per sopprimere tale studio. In uno dei messaggi di posta elettronica Jones ha apertamente ammesso di aver voluto mantenere questa pubblicazione fuori del rapporto dell’IPCC a tutti i costi. Alla fine Jones ha cercato di sminuire questo studio perché “statisticamente irrilevante” in altre parole, senza senso.

Il climatologo tedesco Hans von Storch ora vuole vedere un istituto indipendente ricalcolare la curva di temperatura, e suggerisce addirittura che gli scettici devono essere coinvolti nel progetto.Egli fa notare, tuttavia, che il trattamento dei dati richiederà diversi anni.
“Non c’è altro modo per riconquistare la fiducia che si è perso”, dice, “anche se sono certo che la nuova curva non sarà molto diversa da quella vecchia.”
E se lo fsarà? “”Sarebbe sicuramente la peggiore delle ipotesi per la climatologia. Dovremmo ricominciare tutto daccapo.”
Altre previsioni di climatologi, come quella che comportano un aumento notevole del livello del mare, dovranno inoltre essere rivalutate.
Queste previsioni avrebbero potuto essere le scene di un film horror: i grattacieli di New York, sporgevano di nell’oceano come scogli, mentre città come Amburgo e Hong Kong, Londra e Napoli erano state inondate da tempo, e interi paesi erano stati inghiottiti come Danimarca, Paesi Bassi e Bangladesh avevano cessato di esistere.
Un quarto di secolo fa i climatologisti hanno afferrato l’attenzione del pubblico con tali visioni terribili. Al momento, gli esperti hanno calcolato che il livello del mare aumenterebbe di oltre 60 metri se l’effetto serra causasse lo scioglimento di tutto il ghiaccio della Terra.
Nessuno oggi parla piú di scenari da incubo e nessuna delle simulazioni attualmente in vigore prevede lo scioglimento completo della calotta glaciale antartica.D’altra parte, quasi nessuno dei glaciologi ha dubbi che i livelli del mare saranno significativamente più alto lungo le coste entro la fine del secolo.Ma quanto più alto, esattamente? Le stime vanno da 18 cm. a 1,90 metri.
Naturalmente, questa non è una dichiarazione soddisfacente per i pianificatori costieri e politici ma non si può vendere qualcosa come la certezza se non si sa esattamente che cosa sarà.
Il presente rapporto dell´`parla di un intervallo relativamente conservatore da 18 a 59 centimetri. La maggior parte degli esperti ritengono questa stima troppo piccola.
Due fattori influenzano il livello del mare. Il primo lo colpisce direttamente: Quando l’acqua si riscalda, si espande.Questo effetto di riscaldamento, che può essere calcolato con relativa precisione, dovrebbe comportare che il livello del mare crescerebbe di circa 22 centimetri entro il 2100.
Un altro effetto che non è così facile da calcolare è la fusione dei ghiacciai di montagna e del ghiaccio in Groenlandia e Antartide.La maggior parte della fusione oggi sta accadendo nei ghiacciai di montagna, dalle Ande all’Himalaya.Secondo i calcoli dell’IPCC, questa attività di fusione contribuisce con 0,8 millimetri l’anno per l’aumento del livello del mare. Groenlandia e Antartide contribuiscono, ciascuno, con 0,2 millimetri.
Ma molti scienziati sono riluttanti a fare previsioni nuove, perché i processi interni nelle gigantesche calotte non sono sufficientemente compresi. Dati affidabili sul comportamento dei ghiacciai esistono solo da circa 10 anni. I ghiacciai della Groenlandia stanno mandando un importo particolarmente elevato di ghiaccio verso l’oceano ma dopo tale fase, comunque, molti flussi di ghiaccio diventano dormienti di nuovo per un periodo di tempo più lungo.

Fine prima parte

SAND-RIO

  1. bari87
    11 aprile 2010 alle 00:23

    spero di leggerlo quanto prima…attendo prima la seconda parte

    piccolo ot: ma sbaglio o sono stati piazzati 11ssn per oggi 11 aprile??

  2. 11 aprile 2010 alle 01:04

    No l’SN di 11 è riferito al 10 aprile, cioè a ieri.

  3. andrea b
    11 aprile 2010 alle 05:00

    Ottimo articolo che fa il punto
    Per ieri 10 Aprile

    sidc mette 7
    TODAY’S ESTIMATED ISN : 007, BASED ON 11 STATIONS.
    http://sidc.oma.be/products/meu/index.php

    NOAA
    mette 11
    http://www.swpc.noaa.gov/alerts/solar_indices.html

  4. autobas
    11 aprile 2010 alle 06:28

    Complimenti per la prima parte dell’articolo, chiaro e onesto. Intanto che quei Soloni si chiacchierano addosso il nostro bel sole viaggia a 75 scarso di flusso , ma questo se ne guardano bene dal commentarlo

  5. Pablito
    11 aprile 2010 alle 06:36

    Bell’articolo! Condivido in pieno la frase che dice che certi scienziati climatologi pretendono di fare anche i politici. Direi: “non solo!”. Spesso vogliono fare anche gli uomini d’affari o i guru della finanza. Perché con i loro rapporti influenzano anche il comportamento del Fondo Monetario o le scelte politiche dei governi nel campo dell’industria o dell’agricoltura dell’intero mondo, e questo vuol dire l’intera economia planetaria. Allora è facile passare dalla scienza alla corruzione per azione di un gruppo di pressione o di una lobby che richiedano risultati che li favoriscano negli affari. È inevitabile che accada questo perché il giro di denaro è troppo grande. L’unica soluzione è diffondere i dati con maggior trasparenza per un controllo a feedback da parte di tutto il mondo scientifico, senza creare templi del sapere climatologico esclusivi.

  6. Nintendo(FABIO)
    11 aprile 2010 alle 07:48

    bell’articolo Sand.
    però troppo lungo, anch’io in passato mi sono ritrovato con un articolo lungo ed era meglio se lo dividevi in più parti

  7. bari87
    11 aprile 2010 alle 08:11

    eh nono…guardate il solar terrestrial data…è aggiornato alle 7 dell’11 aprile..cioè oggi

    http://yfrog.com/5csolarn0nbhp

  8. giorgio
    11 aprile 2010 alle 08:16

    Complimenti Sand!!!Un”articolo che fa chiarezza,ma che gi getta nel caos piu totale.Adesso l”unica cosa che sappiamo e” che non sappiamo proprio nulla.Complimenti alla scienza moderna che con tutti i mezzi a disposizione ha distrutto la scienza(quella vera)

  9. bari87
    11 aprile 2010 alle 08:33

    ciao giorgio…buona domenica…mi confermi anche tu che oggi sono stati piazzati 11 ssn??

  10. giorgio
    11 aprile 2010 alle 08:41

    Da quello che vedo il NOAA dice 11.Ciao e buona domenica anche a te

  11. giorgio
    11 aprile 2010 alle 08:47

    Sand ti faccio i miei piu sinceri complimenti perche sei sempre in prima linea quando si trattato di smascherare gli imbroglioni.Hai avuto e hai molto coraggio.Ormai la pentola e” stata aperta e non dovrebbe esserci motivo per preoccuparsi.In tempi passati quando tutto era oscurato per bene hai rischiato parecchio.Sei un grande.Ciao giorgio

  12. giorgio
    11 aprile 2010 alle 09:01

    C”e un bellissimo articolo di meteo scienze sulla tragidia purtoppo annunciata di Rio,questo e” un”altro chiarissmo esempio di come la scienza sia sempre e solo al servizio del businness e trascuri invece quello che dovrebbe essere invece il suo vero scopo.SERVIRE L”UMANITA: http://www.meteoscienze.it/notizie/34-ultime-notizie/533-rio-de-janeiro-tragedia-annunciata

  13. Nintendo(FABIO)
    11 aprile 2010 alle 09:09

    per ora di rilevazioni fatte oggi io ho trovato solo quella dell’osservatorio Belga: http://sidc.be/images/last_ORBdrawing.jpg

    e mette spotless

  14. 11 aprile 2010 alle 09:09

    Il NOAA ancora non dice nulla!
    Ieri era 11, oggi ancora dobbiamo aspettare che aggiornino!
    http://www.swpc.noaa.gov/alerts/solar_indices.html

  15. giorgio
    11 aprile 2010 alle 09:14

    I dati provvisori NOAA danno ancora 11.Quelli definitivi non si possono avere adesso

  16. 11 aprile 2010 alle 09:32

    comunque mi sembra capire dalla mia ignoranza che il flusso solare stia scendendo!spero torni e si fermi tra i 65 e i 70,ma anche tra i 70 e 75 va bene….

  17. Nintendo(FABIO)
    11 aprile 2010 alle 09:45

    veramente il NOAA non ha messo nessun numero per ora, 11 è quello di ieri.

  18. giorgio
    11 aprile 2010 alle 09:54

    http://www.solarcycle24.com/ chiaro che aggiorneranno pero quello che io vedo adesso e” 11

  19. 11 aprile 2010 alle 10:05

    Stiamo entrando nel vivo della questione ragazzi,ci aspettano giorni di passione….il sole sta tornando bello pulito e tranquillo!!!!!cmq il NOAA non ha ancora aggiornato per oggi,lo farà in serata….http://www.swpc.noaa.gov/alerts/solar_indices.html

  20. 11 aprile 2010 alle 11:52

    Giorgio, 11 è riferito a ieri!
    Anche in quella tabella, mettono il valore di ieri perchè non avrebbe senso mettere una valore provvisorio che tra l’altro ancora non c’è.

    Ieri alle 20 solar flux a 75!

  21. ice2020
    11 aprile 2010 alle 12:19

    Giorgio è come ti dice Michele…

    per guardare il dato ufficiale bisogna guardare solo qui:

    http://www.swpc.noaa.gov/alerts/solar_indices.html

  22. ice2020
    11 aprile 2010 alle 12:20

    E per il Sidc oggi siamo spotless:

    http://sidc.oma.be/html/SWAPP/dailyreport/2010/meu101

  23. Nintendo(FABIO)
    11 aprile 2010 alle 12:40

    bene, molto bene

  24. giorgio
    11 aprile 2010 alle 17:11

    Se le cose stanno cosi mi scuso con Fabio e Michele

  25. luca 64
    11 aprile 2010 alle 19:39

    grande articolo…..io credo comunque che tutto questo casino sia dovuto a molte coincidenze..per esempio l’aumento della temperatura e coinciso con l’espansione dell’industrializzazione..dal 1870 ad oggi e molti credo quasi tutti abbiano messo in correlazione questi 2 fattori aumento co2 aumento temperatura…..oggi ci si sta accorgendo che non e cosi che abbiamo preso una grossa cantonata….certo che chi ha passato una vita a studiare e sostenere questa teoria trova moltissima difficolta ad ammetere di aver preso lucciole per lanterne….una cosa che non capisco comunque e come questi cervelloni non abbiano guardato al passato all’alternarsi da sempre di fasi calde e fredde quando ancora l’uomo saltava da un ramo all’altro…….

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: