Home > Ciclo 24, Minimo di Eddy, Nowcasting Solare > Toniamo ufficialmente spotless, mentre col L&N’s count siamo già al 6° giorno consecutivo!

Toniamo ufficialmente spotless, mentre col L&N’s count siamo già al 6° giorno consecutivo!

15 aprile 2010

Per il Sidc già da ieri siamo senza macchie e da oggi lo siamo anche per il Noaa, il bolletino della prima metà di aprile è addirittura sovrapponibile come media a quella di gennaio, mese che chiuse poi a 21.5 per il Noaa e 13.1 per il Sidc e molto lontana da quella di febbraio, il mese che finora ha fatto registrare i valori più alti di SN e solar flux da quando è ripartito il ciclo 24!

Il sole si presenta tranquillo nella sua parte visibile, mentre dal behind è ormai imminete l’affacciarsi della prima regione nel nord emisfero che sembra comunque aver perso molta della sua verve rispetto ai gioni scorsi:

Sempre dal Behind si può notare il grande buco coronale (CH) transequatoriale che molto probabilmente farà alzare il vento solare nei prossimi giorni.

L’attività solare resata a valori molti bassi!

Stay tuned, Simon

  1. 15 aprile 2010 alle 16:29

    La nube di cenere avanza verso sud-est.
    Dopo gli areoporti London gatewik e London Heatrow chiuso anche l’areoporto Paris Cherles De Gaulle e altri 23 scali francesi.

  2. 15 aprile 2010 alle 16:55

    Per quanto conosco i vulcani, essendo nato sull´Etna, quello islandese non dovrebbe avere ulteriori esplosioni di cenere, ma solo fase effusiva. La cenere che ha lanciato é stato l´espulsione e disentegrazione del tappo di cenere che si era formato in questi ultimi 200 anni di quiete. La pressione dei gas interni ha polverizzato il tappo lavico. Ma dovrebbe aver finito qui, le ripercussioni climatiche di una tale emissione di cenere in atmosfera dovrebbe essere abbastanza ridotta e qualche piccola ripercussione climatica potrebbe aversi a partire dal prossimo autunno. Salvo nuove sorprese.

  3. 15 aprile 2010 alle 16:57

    Intanto festeggiamo la piccola serie (per ora) spotless di L&Ns count, e che gli altri enti ufficiali ci seguano!

  4. giorgio
    15 aprile 2010 alle 17:02

    Susate ragazzi pero qualcosa non mi torna.Sebbene l”ITCZ secondo il NOAA e” piu basso,non mi tornano i conti rispetto alle mie rilevazioni, nel senso che secondo le mie osservazioni l”ITCZ doveva trovarsi piu a sud rispetto a quello che ha pubblicato il NOAA.Queste sono le immagini di oggi quindi in teoria dovrebbe gia essere ancora piu alto rispetto alla media della prima decade.Le immagini che osservavo io i primi di aprile davano un fronte ancora piu basso.Osservate http://www.intelliweather.net/imagery/intelliweather/sat_meteosatfd_580x580_img.htm http://www.meteoscienze.it/itcz/539-itcz-si-ricomincia-da-dove-ci-eravamo-lasciatilarretramento-si-conferma

  5. Nintendo(FABIO)
    15 aprile 2010 alle 17:37

    Il Nostro conteggio dimostra di essere molto più affidabile del SIDC, inutile negarlo.

  6. andrea b
  7. andrea b
  8. ice2020
    15 aprile 2010 alle 19:12

    Seondo il far side, la 1057 stamane aveva il 100% di avere macchie al suo inerno:

  9. Michele
    15 aprile 2010 alle 19:28

    @ Andrea B

    X Bendandi…oltre al reportage….potresti cercarfe informazioni in merito
    alla grande opera di Bendandi…..

    “Un Principio Fondamentale dell’Universo”
    – Il Sole la sua attività e genesi del ciclo undecennale –

    Io provai a contattare direttamente la fondazione….e ricordo bene la loro risposta..

    “salve sono la presidente e mi scuso delritardo ma stiamo preparando il trentennale della morte
    esistono lo meglio ne esistono ancora poche copie del libro scritto da bendandi e del mio.
    per ora non siamo in grado di inviare materiale che deve essere ancora visionato e catalogato
    grazie di avere scritto
    paola lagorio”

    Quanta politica nelle loro parole…Oibooooo!!!

    Nel nome della vera scienza sarebbe interessante riuscir a trovare una copia del libro….
    bendandi è stato un genio….cerchiam di non fargli fare la fine di Tesla o altri
    ricercatori di confine…TUTTI CENSURATI !!!

    Quest’appello è rivolto a tutte le persone interessate che avran l’occasione di recarsi quei giorni a Faenza!!

    Grazie

  10. andrea b
    15 aprile 2010 alle 20:01

    OK grazie del suggerimento

  11. Michele
    15 aprile 2010 alle 20:04

    Provaci Andrea !
    Se riesci a beccare qualche fa Bendandi…. corri alla prima copisteria !!

    Ciao

  12. Nitopi
    15 aprile 2010 alle 20:14

    Si…no…non so….
    Sono vulcani diversi…
    Questa e’ una eruzione di faglia… L’etna e’ sopra una zona di subduzione… (se ben ricordo)…

    P.S.

    Te l’ho salutato (l’Etna), due settimane fa, dal teatro di Morgantina…
    Ciao
    Luca

  13. Andreabont
    15 aprile 2010 alle 20:27

    Sono proprio le ripercussioni climatiche locali che mi interessano, sono curioso di vedere se una eruzione di questo tipo (comunque rilevante) in concomitanza con un possibile inizio di un minimo solare possa causare effetti climatici misurabili.

  14. ice2020
    15 aprile 2010 alle 20:56

    Media flusso solare che scende ancora:

    https://daltonsminima.wordpress.com/dati-sole-in-diretta/

  15. Andreabont
    15 aprile 2010 alle 21:07

    http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/scienza/2010/04/15/visualizza_new.html_1762663466.html

    Senza entrare nel merito delle statistiche, possiamo riassumere un concetto fondamentale:

    “Questo inverno è stato freddo e nevoso a causa del riscaldamento globale.”

    Non lo nego come fenomeno in s’è, ma a me sembra che lo stiano usando un pò troppo come capro espiatorio… qualsiasi cosa accada danno la colpa al povero GW😄

  16. Nintendo(FABIO)
    15 aprile 2010 alle 21:39

    dovresti sapere che è sempre colpa del GW.
    riguardo all’inverno italiano, non è stato ne freddo ne nevoso, per cui si parte già con i dati sbagliati.

  17. ALE
    15 aprile 2010 alle 21:44

    Buona sera a tutti Voi!
    Ma allora Simon è la 1057 che sta facendo il “giro di Stella”?
    Occhio al farside GONG che aveva il 100% di ratio ma solo il 93% di Duty Cycle!!!
    Quando questo valore è sotto il 98% è facile vedere il sistema che ritratta al successivo RUN!!!
    Occorre anche confrontare con il sistema MDI-Doppler di SOHO, io personalmente seguo entrambe i sistemi, quello di SOHO fa un solo RUN attendibile ogni 2gg mentre GONG ne sforna 2 al giorno!!! E’ un poco come GFS e ECMWF!!!!
    Seguendoli entrambe si ha una buona visione di insieme!!! Potete trovare i LINK:
    http://soi.stanford.edu/data/full_farside/
    Per il resto servirebbe ancora una AR dicimo “grandina” di almeno 350 di area per completare la reversione polare del SOLE!
    Oggi siamo così:
    http://bdm.iszf.irk.ru/Holes.htm
    ALE

  18. ice2020
    15 aprile 2010 alle 21:57

    Si, è il ritorno della 1057 Ale..

  19. darkman79
    15 aprile 2010 alle 22:31

    OT – Sta notiza ho dovuto faticare per trovarla😀

    http://www.google.com/hostednews/ap/article/ALeqM5hoqCiB9livfcTEQ5nXLDxvXQZWZgD9F3O9K01

    Mica male…

  20. bari87
    15 aprile 2010 alle 23:28

    ISLANDA: ESPERTI, ERUZIONE POTREBBE DURARE ANCHE UN ANNO

    (AGI) – Reykjavik, 15 apr. – L’eruzione vulcanica nel ghiacciaio di Eyjafjallajokull in Islanda potrebbe essere molto lunga e durare fino a un massimo di un anno. La previsione e’ degli esperti islandesi secondo cui: “Il tempo di durata di questo tipo di eruzioni e’ variabile, da qualche giorno a un anno” ha detto Magnus Tumi Gudmundsson, professore di geofisica. “A giudicare dall’intensita’ di quest’ultima – ha aggiunto potrebbe durare un lungo periodo di tempo”. Thorsteinn Jonsson dell’Ufficio meteorologico islandese ha ricordato che l’ultima eruzione di 100 anni fa e’ durata un intero anno. “Questa e’ dello stesso tipo ma potrebbe anche fermarsi in due o tre settimane”. L’eruzione nel ghiacciaio di Eyjafjallajokull e’ la prima in Islanda dal 2004 e la prima all’interno del ghiacciaio dal 1823, ovvero da quasi 200 anni.
    Umbril non è collegato Segnala messaggio Rispondi citando

  1. 15 aprile 2010 alle 15:54
I commenti sono chiusi.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: