Home > Ciclo 24, NIA's Count, NIA's Sunspot Number, Statistica Solare > NIA vi presenta, Il 1° Conteggio alternativo al SIDC

NIA vi presenta, Il 1° Conteggio alternativo al SIDC

23 aprile 2010

Dopo tanto tempo finalmente abbiamo deciso di partire con questa idea.

Un’idea che da tanto tempo si vociferava nel blog, da almeno un anno direi visto che proprio un anno fa il blog subiva un’impennata di visitatori, noi eravamo sempre stati restii a fare una cosa del genere visto che ci mancavano i mezzi primari per farlo ma soprattutto perché ancora i conteggi moderni non portavano ad aumenti vertiginosi e spropositati del Sunspot Number.

Così, dopo aver visto che la situazione stava peggiorando ancora ( cosa per’altro già difficile ) ci siamo decisi a portare avanti questo progetto.

Veniamo subito al dunque, visto che il resto non ci interessa.

Il conteggio si basa su 4 principali fasi:

1)      Rilevazione

2)      Verifica delle Macchie

3)      Conteggio

4)      Correzione del Numero di Wolf

Spieghiamo quindi un passo alla volta:

–          Rilevazione:

Data la mancanza di un telescopio ci dobbiamo basare su quello che la rete ci offre, prendiamo quindi le immagini della sonda spaziale SOHO delle Nasa come base del nostro conteggio.

Il nostro obiettivo è quello di rimanere il più fedele possibile ai dati rilevati nel 1800 e nei primi anni del 1900, anni nei quali i cicli solari erano più deboli e i minimi più profondi ( quindi cerchiamo di rifarci ai conteggi fatti nei periodi solari più simili a quelli odierni ) per fare questo ci avvaleremo di una singola rilevazione per giorno.

Gli osservatori come ben sapete fanno una singola rilevazione a giorno, e dato che nel 1800 il SIDC aveva contatti solo con i centri europei le varie rilevazioni si rifacevano praticamente tutte alla mattinata, non avendo più quindi la possibilità di cambiare un conteggio se la macchia si formava durante il tardo pomeriggio-sera ( per esempio ).

Noi però abbiamo scelto come orario indicativo quello delle 12.00UTC, orario centrale della giornata.

Ovviamente sappiamo che le immagini SOHO non è detto che aggiornino proprio alle 12.00, per cui si prende quella di orario più vicino.

Nel caso in cui non sia possibile reperire l’immagine SOHO si utilizzerà come SN “ufficiale” il valore dato dal SIDC

–          Verifica delle Macchie:

Questo passaggio si avvale del Layaman&NIA’s Count secondo il quale una macchia che occupa meno di 23 pixel nel 1800 non sarebbe stata vista e quindi non contata.

Il punto essenziale di questo passaggio è semplicemente determinare il numero di regioni da assegnare al Numero di Wolf.

Nota: I giorni spotless di questo conteggio non hanno valore “ufficiale”, per quelli c’è la pagina specifica del Layman&NIA’s Count che conta i veri giorni spotless, considerando l’intero arco delle 24 ore.

–          Conteggio:

Il Conteggio è essenzialmente assegnare un Numero di Wolf con la formula che tutti conoscete.

Se qualcuno ha dei dubbi rimando alla pagina sulle conoscenze di base: https://daltonsminima.wordpress.com/conoscenze-base-sole/

–          Correzione del Numero di Wolf

Dato che il Numero di wolf da solo non sarebbe confrontabile con quello del SIDC che viene corretto con un fattore di correzione tutt’ora non completamente noto anche noi abbiamo deciso di utilizzarne uno, il valore di K è 0.6, lo stesso che usa il centro di Locarno, quello principale del SIDC

D’ora in poi i dati saranno inseriti nella nuova pagina già dedicata a questo nuovo ed alternativo conteggio: https://daltonsminima.wordpress.com/nias-sunspot-number/

I dati del mese corrente verranno inseriti direttamente sul sito così da essere di facile lettura, ma come potete intuire dagli archivi già presenti, per ottimizzare lo spazio a mese concluso sarà tutto archiviato su file pdf.

Guida per leggere i File pdf:

SN: indica il numero di wolf così come viene calcolato attraverso la sua formula

SN Corr. : indica il numero di wolf dopo aver subito la correzione con il fattore K per poterlo confrontare con l’RI del SIDC

Ora Rilev. : indica l’orario dell’immagine SOHO su cui si basa il conteggio

Mens. : indica i 2 valori mensili di SN

(per problemi o chiarimenti è consigliabile scrivere direttamente nella pagina che mettiamo a disposizione, tranne ovviamente per la giornata di Venerdì 23 Aprile dedicata al debutto di questo conteggio).

Il Conteggio sarà interamente gestito da me, prometto nel limite delle mie possibilità di essere il più professionale possibile e di essere sempre presente per aggiornare la pagina.

Se dovesse succedere che non sarà più possibile per me continuare sceglierò io stesso il sostituto.

FABIO

  1. Nitopi
    23 aprile 2010 alle 07:39

    Ciao Fabio!
    Intanto auguroni per l’iniziativa (che so già che ti prenderà parecchio tempo…)
    Volevo solo darti un paio di spunti :
    – Dal mio programmino esce un numero di Wolf ma non e’ corretto (c’e’ un bachetto…) quindi, fino a nuova versione… calcolalo a mano !!!)
    – Il fattore correttivo 0.6 … Non ricordo bene, ma il conteggio non era già tarato per un fattore 1 ? (non so, non me lo ricordo bene… io sentirei anche Geoff…)
    – i files PDF : archiviali anche su un sito di data storage (ad esempio quello che uso per mettere il programmino), oltre che sul tuo PC…. in caso di crash del sito wordpress… non si sa mai….

    In bocca al lupo

    LUCA

  2. Nintendo(FABIO)
    23 aprile 2010 alle 07:43

    i conteggi sono fatti esclusivamente da me, il programma serve solo per i 23 pixel
    il fattore correttivo 0.6 è quello di Locarno ed è applicato al mio conteggio
    i file PDF sono sul mio computer, e metterli su siti come mediafire o megaupload renderebbe meno immediata la lettura.

  3. 23 aprile 2010 alle 08:17

    OT
    Ho preparato un immagine della differenza tra situazione dei ghiacci artici riferita 22/04/2007 e 22/04/2010

  4. EnzoDD
    23 aprile 2010 alle 08:23

    Scusate ma non ho capito perche’ il fattore K….non era per poterlo equiparare ai conteggi del passato?…ma se gia’ voi effettuate un conteggio come nel passato perche’ bisogna moltiplicare per il fattore K?
    Grazie del chiarimento
    Enzo
    P.S. Se il fattore K serve ad altro scusate il mio intervento!

  5. Fabio2
    23 aprile 2010 alle 08:26

    Bello, mi pare prevalgano le aree azzurre, dunque dove c’è ghiaccio ora, ma non c’era nel 2007, giusto?
    E in termini numerici, a quanto ammonta la differenza? Quanti kilometri quadrati?

  6. Nitopi
    23 aprile 2010 alle 08:33

    L’importante è avere un backup!!! ;)… magari doppio… e in due posti diversi…

    Ciao
    Luca

  7. 23 aprile 2010 alle 08:39

    In rosso le zone coperte dal ghiaccio nel 2007 in bianco le zone presenti nel 2007 e nel 2010 mentre in azzurro le zone coperte dal ghiaccio nel 2010 ma non ghiacciate nel 2007.
    04,22,2007,12869531
    04,22,2010,13669219
    la differenza di quasi 800.000 kmq
    Qui puoi trovare tutti gli “aridi” valori numerici http://www.ijis.iarc.uaf.edu/seaice/extent/plot.csv
    04,22,2010,13669219

  8. Nintendo(FABIO)
    23 aprile 2010 alle 08:58

    dobbiamo moltiplicare per il fattore K, perchè questo è quello che fa il SIDC, quindi anche noi dobbiamo farlo.

  9. Fabio2
    23 aprile 2010 alle 09:45

    Ok grazie🙂
    800.000 kmq su 1869531 significa il 6,2% di estensione in più al 22/04/2010 2010 rispetto al 22/04/2007.
    Un bel recupero, in 3 anni, non c’è che dire…….speriamo continui così….

  10. Fabio2
    23 aprile 2010 alle 09:47

    Condivido, non si sa mai, tutte le grandi aziende (e anche gli enti scientifici) seri hanno una doppia copia di backup…….🙂

  11. Nintendo(FABIO)
    23 aprile 2010 alle 09:52

    tranquilli su megaupload sono registrato, ci vorrebbero 5 secondi per uppare il tutto se dovesse servire.

  12. bari87
    23 aprile 2010 alle 10:23

    intanto il sole è in coma profondo…dal 1 al 23 aprile quant’è la media degli sunspots per il SIDC?

  13. Fabio2
    23 aprile 2010 alle 10:30

    In effetti il grafico del solar flux (vedi ad esempio i grafici su http://www.solarcycle24.com), misura dell’attività solare più del SSN (che risente della valutazione soggettiva di chi lo redige), è piuttosto eloquente: negli ultimi 3 mesi il grafico si è progressivamente appiattito attorno al valore di 75 e non sembra, per ora, volersene discostare.

    Però secondo me bisogna attendere ancora 2-3 mesi per trarre delle conclusioni nette, ammesso che questa stasi continui (altrimenti credo che si debba aspettare fino alla fine dell’anno). In fondo basta ancora un pochino di pazienza🙂

  14. bora71
    23 aprile 2010 alle 10:30

    qui si e’ parlato tanto di climategate..
    Diverse organizzazioni hanno istituito gruppi e commissioni di indagine, composti da persone di diverse competenze e provenienze per verificare la bontà dei dati. I risultati sono visibili a tutti e alla luce del sole ed è stata smontata anche questa storia del trucco.

    i dati sono stati analizzati (sono sempre stati reperibili) da diverse commissioni e poi pubblicati. Il parlamento Inglese ha svolto un’indagine, l’University of East Anglia ha attivato un’inchiesta affidandola a scienziati esterni ed indipendenti, l’università della Pennsylvania ha indagato l’operato di uno dei suoi docenti ecc…

  15. bora71
    23 aprile 2010 alle 10:33

    “non mi sembra di aver letto su nessun documento dell’IPCC che l’attuale riscaldamento è con certezza imputabile all’uomo, questa è una enfatizzazione creata soprattutto dai media.
    L’unica sicurezza che ho letto è che questo periodo fa parte di “normali cicli che ci sono sempre stati in passato” e come dimostrano recenti studi questa affermazione molto probabilmente non è veritiera. ”
    Neo Meteotriveneto

  16. bari87
    23 aprile 2010 alle 10:35

    chissà perchè i pezzi grossi quando furono incalzati dalle domande chiedendo delucidazioni in merito rispondevano

    “ehmm..cioè…si…no…erano dati miei…cioè…sai…tipo”

    PER FAVORE!!SE NN AVEVANO NIENTE DA NASCONDERE NON RISPONDEVANO COSI’

    E INTANTO LE TEMPERATURA SATELLITARI DOPO LA BOTTA NINO SONO NUOVAMENTE A +0,45

  17. bora71
    23 aprile 2010 alle 10:37

    “non so voi, ma io sono per una lettura corretta degli studi e per un confronto delle tesi basato non sugli ideali e sui pregiudizi, ma sulla ricerca e sulla scienza. Non me ne frega nulla dell’IPCC, quello che mi interessa è cercare di capire e lo faccio non attraverso siti improbabili o i media, ma leggendo ricerche scientifiche e studi. Per esempio ho potuto leggere uno studio recentissimo (dicembre 2009) di Judith L. Lean che prende in considerazione i cicli solari e le varie forzanti naturali, cercando di quantificare tutti contributi. Lo studio cita per esempio le variazioni indotte dall’ENSO, che per il forte El Nino del 1998 è quantificabile in circa 0,2° sulla temperatura globale. Questo per esempio è un argomento molto molto interessante, questa è scienza, non polemiche o affermazioni su fatti che non esistono e che mettono in discussione il GW.”
    Neo Meteotriveneto

  18. Fabio2
    23 aprile 2010 alle 10:46

    Scusa Bora, ma più che leggere i commenti di altri, riportati da te, mi interesserebbe molto di più conoscere il tuo pensiero sul tema, frutto di elaborazione personale.

    E mi piacerebbe conoscere la tua impressione anche su altri temi: dal comportamento del sole ai ghiacci artici alla Corrente del Golfo, ecc.
    Qui su NIA si parla di tante cose, mica solo di medie di temperatura e di IPCC.

  19. Nintendo(FABIO)
    23 aprile 2010 alle 10:52

    Bora,

    io ormai non ti prendo più in considerazione, ho letto molti tuoi interventi in tantissimi forum e blog e ho visto commenti sempre diversi, come se fossero scritti da persone diverse.

    o non hai una linea di pensiero e quindi cambi idea molto velocemente o lo fai apposta e ti diverti a scrivere in questo modo.

    mi dispiace bora, ma ormai non sei neanche più costruttivo nei tuoi commenti perchè so che quello che scrivi probabilmente non lo pensi veramente e quindi perchè dovremmo ragionarci sopra se neanche tu ci credi?

  20. ice2020
    23 aprile 2010 alle 11:02

    Attenzione per il solar flux a guardare quel grafico: lì viene preso il solar flux registrato e nn aggisutato, quindi può essere fuoviante!

    Per bari87: se vai nella pagina dati sole in diretta avrai semepre la tua risposta sui dati solari aggiornati giorno per giorno!

  21. bora71
    23 aprile 2010 alle 11:04

    mi dispiace..ma ho ripetuto molte volte come la penso..
    non mi va di scrivere sempre le solite cose..
    comunque non parla male il mio amico di Meteotriveneto..e’ una persona molto preparata anche se non condivido tutto quello che dice..
    ma il rispetto per tutto e tutti.. ci vuole..
    ps..non importa Nintendo se non mi prendi piu’ in considerazione..vivo lo stesso..
    ciao a tutti..e mi raccomando portate rispetto sempre per qualunque pensiero..

  22. adri 63
    23 aprile 2010 alle 11:09

    secondo me la paga simon x mettere pepe sul blog . scherzo simon non ti offendere

  23. ice2020
    23 aprile 2010 alle 11:11

    Caro bora, ti rispettiamo ti rispettiamo…ora però parliamao anche dell’iniziativa del nostro Fabio…encomiabile direi!

    Finalmente dopo tanto tempo speso a denunciare certi conteggi a dir poco scandalosi soprattutto da parte dell’ente che dovrebbe garantire la continuità col passato e con la collaborazone anche di certi osservatori tipo Locarno e Catania non lo fa, NIA ha un suo metodo di conteggio ufficiale!

    Mi sn accorto di una cosa cmq nel sistema che nn va, ed ho bisogno di parlare sia con nintendo che luca nitopi.

    Simon

  24. Andrea b
    23 aprile 2010 alle 11:15

    soprattutto è un sistema chiaro sulla questione dei 23 pixel🙂

  25. ALE
    23 aprile 2010 alle 11:19

    Fabio COMPLIMENTI!!!!
    Per il resto che dire…. leggo ora un commento che dice: “minor storm from incoming CME….”
    Ma lo dice pure il bollettino NOAA e spaceweather che siamo negli streamers di due coronal holes….. ma che CME d’EGITTO!!!
    Va bhè, poi siamo noi i faziosi!!!!
    ALE

  26. Alessio
    23 aprile 2010 alle 11:24

    Spero che tu legga….
    Il problema rimane sempre il fatto che non è che uno se la prende con l’IPCC per quello che scrive o non scrive sui documenti, a meno di farlucche antiscientifiche, ma quanto per il fatto che in base a quello che l’ IPCC scrive non chiarendo i governi prendono le loro decisioni in fatto di legislazioni a antiquinamento, e questo diventa un vero e proprio salasso per una persona che oggi guadagna 1000 € al mese quando va bene ha magari 2 figli da mantenere ai quali a scuola sarà insegnato che l’automobile che viene pubblicizzata in Tv è la peggior razza di assassino per le specie viventi sulla terra e quindi che si prepari a pagare caro gli errori che hanno fatto i suoi genitori e quelli che farà, con tasse multe in ZTL ecc… controllo dei fumi, opagare il gas per scaldarsi uno sproposito, obblgarlo a spendere un sacco di soldi per installare pannelli fotovoltaici.
    Sai quanto costa costruire una casa in classe Ao B ? e se percaso i genitori di qualcuno con anni ed anni di sacrifici hanno lasciato in eredità un appartamento (degli anni 60) ai figli oggi come minimo viene catalogatoà
    in classe D o E perdendo un sacco di valore sul mercato.
    Beh vedi perchè è un problema?
    Questa è la condizione in cui vivono più del 80% delle persone, almeno in italia.

  27. Nintendo(FABIO)
    23 aprile 2010 alle 11:45

    mah, io il tuo pensiero non l’ho proprio capito.
    passi da scrivere una cosa e appoggiarla postando un nostro articolo su altri siti e poi qui, lo stesso articolo lo tratti come se fosse inesatto e fuorviante.

  28. Nintendo(FABIO)
    23 aprile 2010 alle 11:49

    ho letto il problema.
    non saprei, a me non è sembrato che avesse dei problemi.
    se vi interessa posso darvi la data di inizio della nuova colorazione: 21/03/2010

  29. Nitopi
    23 aprile 2010 alle 11:52

    Aspettiamo la risposta di Geoff.
    Il camnale che conta e’ il verde…
    Ciao
    Luca

  30. ice2020
    23 aprile 2010 alle 11:52

    cn la nuova colorazione, secondo me una regione per prendere il numero ha bisogno di meno pixels dei 23 di prima.

    vediamo cosa risponde geoff a luca…

    ma nn è un problema, è solo quetione di ritarare il pogramma…

  31. agrimensore g
    23 aprile 2010 alle 11:59

    complimenti per l’iniziativa, un ottimo lavoro, anche se mi trova perplesso nel momento in cui viene applicato il k di Locarno

  32. ice2020
    23 aprile 2010 alle 12:02

    Meglio il k= a 1?

  33. bora71
    23 aprile 2010 alle 12:04

    caro Fabio Nintendo
    io non appoggio nessuno..ma non mi sembra neppure di avervi mai offeso.. sarebbe bello trattare questo argomento..senza pregiudizi, cosa che non vedo da entrambi i lati..serristi e non..
    non mi piacciono le esagerazioni..e le certezze..nessuno ha la verita’ in tasca sul clima..e io sono qui che leggo tutto..leggo anche voi..e cerco di capire..
    e cerco di rispettare tutti..quello che non fai tu..
    adesso inizi anche a offendere..vediamo se hai il coraggio
    di ripetere quello che mi hai detto..perche’ non so se ti rendi conto..
    ma potrei anche denunciarti..

  34. Nintendo(FABIO)
    23 aprile 2010 alle 12:10

    guarda puoi minacciarmi quanto vuoi che io non mi nascondo come fai te dietro a scuse del tipo: “io non appoggio nessuno”

    tu sei il tipico personaggio che a seconda della situazione in cui si trova da ragione a quello che gli fa più comodo.

  35. 23 aprile 2010 alle 12:23

    Hi Guys, sometimes we get things lost in the translation but I will give it a go.

    Personally I think you are reinventing the wheel, I am already doing what you are proposing which might make it confusing for some. At the same time it might be good to have another body checking my results, I am unsure.

    We have a clear cut standard that is working well and is hopefully highlighting the gross over counting by NOAA and to some extent SIDC. But we will have future challenges when SOHO finally shuts down and SDO takes over. This will require recalibration of the formula which will be based on a new image which we have no idea of yet. This will add to the confusion if we have too many counting standards I think.

    I would be happy to share my spreadsheet with you guys every month for a backup check, but if not I am sure we can still push in the same direction.

  36. 23 aprile 2010 alle 12:24

    Ottimo lavoro Fabio. NIA diventerá sempre piú “professionale”. Complimenti!!
    I problemini che si incontreranno sono i classici problemi di gioventú che ogni nuovo programma incontra prima di essere al 100%.

    ALE la CH a livello quasi equatoriale che sta facendo alzare un poco il SF é la CH401

    e non certamente CME.

  37. andrew
    23 aprile 2010 alle 12:39

    Ottimo Fabio era ora che si facesse un conteggio tutto nostro🙂 però devo farti una domanda e cioè perchè, in caso di mancanza di immagini prendete i dati sidc che hanno avuto il coraggio di contare la speks di ieri?

  38. ice2020
    23 aprile 2010 alle 12:46

    Dear Geoff, thanks for your answer!

    We believe that our count, even if different from yours, may still be valid and also a good alternative to the often inaccurate counts of SIDC.

    We are working though with some different methods in the same direction, trying to ensure continuity with the past that the SIDC is unable to do!

    We are happy to compare our data with your monthly and try to improve together!

    Good work!

    Simon

  39. ice2020
    23 aprile 2010 alle 12:48

    Beh, in quel caso lì dove si è praticamente certo che il L&N’s count darebe 0, si mette 0 comunque! (e si guarda ovviamente il continum del gong)

  40. ice2020
    23 aprile 2010 alle 12:50

    Bora e fabio, ogni vostro altro commento qui dentro fuori tema verrà cancellato…vedetevela in pvt!

    Simon

  41. ice2020
    23 aprile 2010 alle 12:52

    Cmq sulla questione del k vorrei che agrimensore rispondesse…siamo qui anche per cercare consigli e capire se il nostro metodo di conteggio può essere migliorato…

    Simon

  42. Nintendo(FABIO)
    23 aprile 2010 alle 12:53

    prendiamo i dati del SIDC perchè non possiamo lasciare un buco nel conteggio, sarebbe impossibile dopo calcolare la media mensile.

    anche se bisogna dire che 100-150 anni fa avrebbero fatto così nei giorni con cieli nuvolosi.

  43. ice2020
    23 aprile 2010 alle 12:55

    Fabio esiste anche il continum del gong ed una macchia come quella di ieri si vede ad occhio che nn passerebbe la prova del L&N, quindi ieri sarebbe stato 0 anche se le immagini soho nn sarebbero arrivate…chiedi consiglio in questi casi, io ormai ho l’occhio allenato!

    Simon

  44. 23 aprile 2010 alle 13:09

    Ok Simon, if you want to do your own thing that is good, but perhaps pick another standard. I already have a standard which I don’t want confused, so perhaps you could come up with your own using another method other than the 23 pixels measuring between 0-70 in the green channel that last for 24 hours?

  45. ice2020
    23 aprile 2010 alle 13:11

    Intanto il sidc conferma il conteggio della giornata di ieri, mentre oggi risiamo spotless!

    100 anni fa oggi sarbbe stato il 10° giorno spotless consecutvo, mentre con oggi riparte si riparte da1!

  46. Andreabont
    23 aprile 2010 alle 13:20

    http://www.corriere.it/scienze_e_tecnologie/energia_e_ambiente/10_aprile_23/marzo-caldo-sempre_cfc0cf12-4ec7-11df-83f9-00144f02aabe.shtml

    Propongo una misura alternativa delle temperatura (controllando errori di ricezione, vedi articolo di ieri)

    Perchè non possiamo continuare così, a dire che il marzo passato è stato il mese di marzo “più caldo di sempre”, quando abbiamo appena passato uno degli inverni che ha visto l’europa e il nord america intasati per il freddo e l’eccessiva neve!!!!

  47. Andreabont
    23 aprile 2010 alle 13:24
  48. Fabio2
    23 aprile 2010 alle 13:25

    sì, certo, lo so Simon, da ora fino all’autunno il solar flux aggiustato sarà un poco superiore a quello misurato, dunque occorre correggere progressivamente la curva verso l’alto di qualche punto.
    Adesso, ad aprile, quello aggiustato dovrebbe grosso modo coincidere con quello misurato.

    Ma la sostanza non cambia: il grafico si è appiattito verso il basso, il Sole si è di nuovo appisolato e nessuno sa se e quando si risveglierà.

  49. ice2020
    23 aprile 2010 alle 13:25

    Our count does not last 24 hours … we choose an image Continum soho every day and using this we apply the L’s count.

    Even observers SIDC are a collection day.

    This method is only a sperimental thing, request a loud voice to all users of the Blog, I see no confusion with your calculations, this is something I am very pleased to readers of NIA, we do not want to overshadow your method …

    Yours sincerely

    simon

  50. Fabio2
    23 aprile 2010 alle 13:27

    Non ricordo molti interventi da parte tua su Corrente del Golfo, Artico.
    E ne ricordo alcuni sul Sole ma non recenti. La situazione attuale è molto particolare, perchè intervieni nei post quasi sempre in OT ?

    Da un bel po di tempo parli solo di temperature medie e di IPCC.

  51. Fabio2
    23 aprile 2010 alle 13:29

    Denunciare chi?
    Ma non essere ridicolo, siamo in un forum di discussione scientifica.
    Concentrati sui temi anzichè su inutili polemiche di principio.

  52. Nintendo(FABIO)
    23 aprile 2010 alle 13:42

    ci penserò, però sono più propenso ad utilizzare i dati SIDC in caso di impossibilità nel calcolare l’SN

  53. darkman79
    23 aprile 2010 alle 14:12

    :-O non sanno piu’ cosa inventarsi…

  54. apuano70
    23 aprile 2010 alle 14:26

    Ma da un “ricercatore” che si chiama “FASULLO” che ci si poteva aspettare….:D

    Scherzi a parte, con questi personaggi in giro c’è ben poco di che ridere!!!

    Complimenti a Fabio (Nintendo)!!! Ci voleva finalmente, era da “una vita” che chiedevi un conteggio autonomo, disinteressato e CORRETTO SCIENTIFICAMENTE PARLANDO!
    Grande NIA!

    Bruno

  55. apuano70
    23 aprile 2010 alle 14:27

    oops…. chiedevo…. !

  56. 23 aprile 2010 alle 14:31

    Non volevo intervenire in un articolo come questo che é di estrema importanza per lo sviluppo di NIA, ma come al solito alcuni OT vorrebbero dimostrare quello che non esiste e cioé un riscaldamento globale.
    Ho da poco iniziato una ricerca sul sistema di rilevazione delle temperature, salinitá e correnti marine effettuato con 3000 boe e conosciuto come progetto ARGO, che iniziato nel 2003 doveva dimostrare al mondo l´inequivocabile riscaldamento degli oceani.
    Ebbene ARGO ha dimostrato un inequivocabile RAFFREDDAMENTO degli oceani dal 2003 ad oggi!!
    Quando finiró la ricerca penso di fare alcuni articoli sull´argomento.

  57. Andrea b
    23 aprile 2010 alle 14:38

    ho letto i due articoli e sono rimasto senza parole…….

    “La superficie di ghiaccio dell’oceano Artico è stata pari a 15,1 milioni di chilometri quadrati, con una contrazione del 4,1% rispetto alla media 1979-2000: la quinta superficie più piccola degli ultimi 31 anni.” Invece di dire che è il terzo anno di ripresa dal 2007 +1,5 miliomi Kmq.

    “La desertica provincia cinese occidentale del Xinjiang ha registrato il marzo più piovoso dal 1951, il secondo per le province di Jilin e Shanghai. Per altre due province cinesi, Guangxi e Hainan, marzo 2010 sarà invece ricordato come il più secco della storia.” se piove è colpa del GW se è siccità è colpa del GW

    “la metà del calore non si trova, e si teme che si stia accumulando nelle profondità oceaniche.” non è che non si trova ma forse siamo in una fase di minimo storico e invece il sole (considerato una costante) ce ne fornisce di meno?

  58. ice2020
    23 aprile 2010 alle 14:44

    Ottimo Sand!

    Per il resto ragazzi, il ritornello ormai lo conosciamo…

    nn ci resta nel nostro piccolo che cercar di sensibilizzare più gente possibile!

  59. Fabio2
    23 aprile 2010 alle 14:44

    Per adesso dicono che è la quinta superficie più piccola, ma se l’Artico dovesse recuperare ulteriormente (con questo Sole dormiente è un’ipotesi da prendere sul serio) non potrebbero più scriverlo.

    Basta avere fiducia, i fatti si imporranno su qualsiasi tentativo di sminuirli, questione di pochi anni.

  60. ice2020
    23 aprile 2010 alle 14:46

  61. Fabio2
    23 aprile 2010 alle 14:46

    E’ persino ovvio che gli oceani si siano raffreddati, dal 2003 ad oggi l’attività del Sole è diminuita in modo visibile e un pochino è calata anche la TSI (Total Solar Irradiance) oltre a possibili altri effetti secondati (copertura nuvolosa, ecc.) che potrebbero aver dato un ulteriore contributo al raffreddamento.

    Ma non per tutti le cose ovvie lo sono……🙂

  62. Fabio2
    23 aprile 2010 alle 14:49

    A giudicare dai numeri che ho sentito, neanche poi più tanto piccolo….🙂

  63. ice2020
    23 aprile 2010 alle 15:33

    Nintendo urgentemente su msn!

    Simon

  64. agrimensore g
    23 aprile 2010 alle 15:35

    Scusate rispondo solo ora alla domanda di Simon. Sì, per me era meglio mettere k=1, cioè ininfluente, dato che il “ritorno al passato” già è stato effettuato con espedienti visivi (i pixel) e di finestre temporali. Se usiamo anche il k, torniamo al passato due volte🙂
    E un’altra raccomandazione: non prendetemi sul serio, cioè, non datemi retta…🙂

  65. Andreabont
    23 aprile 2010 alle 15:38

    Non potevo lasciarli passare, per quanto condivida l’importanza di questa iniziativa di NIA.

    Il fatto è che c’è appena stato il “giorno della terra” e c’è da aspettarsi articoli apocalittici… questi in particolare non potevano passare inosservati.

  66. ice2020
    23 aprile 2010 alle 15:40

    Immaginavo che era questa l tua risposta, ma volevo sentirtela dire…in realtà usare il computo dei pixelx serve solo a vedere se una regione prende il numero…una volta che l’ha presa, noi nel numero di wolf inseiamo anche i porepiccoli piccoli, quelli che magari 100 anni fa anche se contavano le macchie più grandi nn contavano…da qui l’uso del k= a 0.6…

    Cmq Fabio urgentemente su msn per favore!

  67. Nintendo(FABIO)
    23 aprile 2010 alle 16:23

    Il k viene usato in quanto il numero di wolf in se non sarebbe confrontabile.
    il SIDC riceve dagli osservatori astronomici i numeri di wolf e li corregge, lo fa da sempre e dobbiamo farlo anche noi.

  68. ALE
    23 aprile 2010 alle 16:34

    Ho appena letto il link di Andreabont!!!
    Ma cavolo questi meritano il NOBEL per la Fisica!!!! Ma da quando il calore va nelle profondità oceaniche??? Questa me la devono proprio spiegare!!!!!
    Comunque ragazzi ricordiamoci che il Sole alla fine metterà tutti in fila per distribuire una bella raffica di sberle (scientificamente parlando chiaro!).
    Io personalmente amo un Sole come quello di questi ultimi 30 giorni, quieto ma con manifestazioni della sua grandezza, con X-Ray piatti (W lo scudo di ozono) e flux bassino, ma con spettacolari plasma-loop e filaments che danzano nei Limb!!!! Insomma una Stella che ci fa capire che è viva, motore della vita sulla Terra e troppo amorevole per farci tutti arrosto!!!!
    E io sorrido ad affermazioni del tipo: ” il Sole nn è una forzante degna di nota per il clima terrestre”, umilmente sarebbe meglio dire che “non si è ancora dimostrata la vera natura della forzante solare”, così andrebbe bene ma no, avanti a relegarlo a ultimo fra gli ultimi, a imbrigliarlo in schemi prestabiliti!!!
    La dimostrazione di parte del mio pensiero viene dal sito web di Gary Palmer, uno che il Sole lo ama davvero e infatti ha registrato il dominio:
    http://www.solarminimum.com/
    ALE

  69. Fabio2
    23 aprile 2010 alle 16:45

    Mah, forse si riferiscono all’anidride carbonica intrappolata sotto forma di rocce, ma mica solo negli oceani…..boh…..

    Il Sole in realtà, a rigor di logica, è la forzante per eccellenza, io non ne vedo altre se non indotte dal Sole stesso🙂
    Poi, certo, si dimostrerà quello che c’è da dimostrare.

  70. 23 aprile 2010 alle 16:57

    Una nuova Piccola era glaciale.
    Uno studio pubblicato dalla rivista “Environmental Research Letters” mostra che la forza dell´inverno appena passato, dove le temperature sono arrivate ai 22 °C. negativi nel Nord del continente europeo, si ripeteranno con maggiore frequenza nelle prossime decadi, riportando il freddo visto l`ultima volta 300 anni fa.
    http://iopscience.iop.org/1748-9326/5/2/024001
    I ricercatori della Universitá di Reading, in Inghilterra, sono arrivati a questa conclusione dopo aver confrontato i dati registrati nelle stazioni meteo (i dati veri e non quelli manipolati) con le misurazioni di piú di 300 anni scorsi.
    Oggi cosí come nel XVII secolo, il pianeta vive un periodo di bassa attivitá solare che influenza l´arrivo di correnti di aria che amenizzano le temperature fredde nord europee. Le correnti di aria provenienti dal nord Canadá, passando sopra l´oceano incontrano aria piú fredda rispetto agli anni scorsi, dovuto al raffreddamento dell´oceano e al minor apporto di acqua calda della corrente del Golfo.
    Capo dell´equipe che ha condotto questo studio é Mike Lockwood che ha preso i dati dalla Centrale Inglese Temperature, che ha la banca dati piú antica del mondo.
    Lo studio mostra che i cicli solari influenzano le temperature con un aumento per circa 300 anni per poi diminuire vigorosamente per 100 anni.
    Giá da alcuni anni é cominciata la fase di raffreddamento che proseguirá per altre decadi e decadi.
    http://iopscience.iop.org/1748-9326/5/2/024001/fulltext

    Preparatevi gente, preparatevi.

  71. Slug
    23 aprile 2010 alle 17:15

    che tristezza leggerti

  72. 23 aprile 2010 alle 17:57

    Io spero che non si cominci a fare i catastrofisti al contrario …🙂
    Insomma il Global Warming é forse terminato e lentamente qualcosa stà cambiando … ma non é meglio rimanere con i piedi per terra invece di cominciare a spararle grosse?
    Ma che debbono vendere qualche pubblicazione o cosa …
    Io continuo a ripetere che dopo tre giorni le previsioni meteo non sono più valide … arrivare a dire che ci sarà una piccola era glaciale, quando ancora non esiste uno straccio di teoria sembra davvero prematuro.

  73. giorgio
    23 aprile 2010 alle 18:24

    E” uno studio che afferma questo non noi.Ciao Lucio.

  74. giorgio
    23 aprile 2010 alle 18:31

    Torno un momento sul discorso dei ghiacci fatto da fabio 2.Bene quando si afferma che quella di quest”anno e” la 5″ estensione peggiore di sempre o si afferma il falso o non si conosce la realta.L”estensione dei ghiacci marini artici e” la migliore del del decennio.Siamo a ben 13669000km al 22/4 che piu o meno rappresenta la punta massima del 2006.Inoltre l”estensione massima e” stata raggiunta il 31 marzo.anche questo un record decennale.Lo sciogliemento sta procedendo molto lentamente e se la tendenza rimane ci saranno delle grosse sorprese quest”anno.

  75. andrea b
    23 aprile 2010 alle 18:52

    per l’estensione dei ghiacci sono ottimista pure io ma per avere una certezza dobbiamo aspettare almeno settembre

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: