Home > Cambiamenti Climatici, Global Warming > Il Progetto ARGO: alla ricerca del calore che non esiste! (Progetto ARGO ultima parte)

Il Progetto ARGO: alla ricerca del calore che non esiste! (Progetto ARGO ultima parte)

3 maggio 2010

I sensori delle sonde, durante il periodo dall´inizio del progetto ARGO fino ad oggi, hanno dato una inaspettata indicazione: che le temperature oceaniche non sono aumentate ed anzi sono leggermente dimunuite dal 2003 ad ora.
Gli stessi scienziati che hanno condotto il progetto sono rimasti sbalorditi da questi risultati.

Per esempio il 19 marzo 2008 in un comunicato ufficiale della NPR,
story.php?storyId=88520025 

si afferma questo:

“I circa 3000 robot ARGO hanno mandato un messaggio sconcertante. Gli strumenti indicano che non c’ è stato riscaldamento negli ultimi 4/5 anni. Continua josh Willis nel marzo del 2008 tentando minimizzare e imbarazzato dalle domande che gli ponevano in una conferenza: “C’ è stato un raffeddamento molto leggero, ma non é nulla di veramente significativo”
Questo é sbalorditivo anche perché Josh Willis del Laboratorio Jet Propulsion della Nasa afferma che gli oceani sono la sola cosa che conta quando si parla di riscaldamento globale, questo perché circa il 90% del riscaldamento totale é rappresentato dagli oceani, e oltre tutto le temperature oceaniche non sono soggette a correzioni come le temperature terrestri dovute alle isole di calore urbano”.
Vediamo allora in un raro diagramma come si sono comportate le temperature oceaniche mondiali secondo le sonde ARGO. Questo diagramma é il solo esistente, prima che qualcuno in “alto” non ha preteso delle correzioni. Il grafico sotto proviene da Craig Loelhe, che lo ha ottenuto dallo stesso Willis.

Dico raro diagramma perché non si conosce quasi nulla delle risultanze del progetto.
Un’ altra figura rarissima é questa che mostra
le temperature degli oceani nella decade 1993/2003 e quello che hanno misurato le sonde ARGO tra il 2003 e il 2005.

Ad un certo punto hanno cercato di spiegare il motivo del raffreddamento degli oceani che secondo loro non poteva esistere e che minacciava tutta la impalcatura creata attorno all’ AGW. La minaccia era tale che ormai Josh Willis era invitato ai convegni solo per spiegare “Il raffreddamento degli Oceani mondiali”. Josh Willis che forse sperava di prendere anche lui un premio Nobel dimostrando il riscaldamneto globale degli oceani, si é trovato contro anche i suoi stessi colleghi fanataci dell’ AGW. Allora ha cominciato a cercare il motivo di questo raffreddamento ed é andato dal fatto (ridicolo come poi dimostrato) che gli oceani si erano raffreddati perché si erano sciolti piú ghiacci artici e antartici, proprio come un bicchere di alcool con il cubetto di ghiaccio per raffreddarlo. Cioé hanno preteso dire che l’ AGW aveva provocato il raffreddamento degli oceani. Poi ha detto che forse le sonde avevano avuto un errore nei messaggi inviati a terra e ha fatto rivisionare tutto il programma, perdendo cosí quasi un anno di tempo di tanti tecnici, poi ha ipotizzato che forse erano errati i dati precedenti ad ARGO cosí se le temperature precedenti erano piú fredde di quelle dichiarate, automaticamente si alzavano le temperature misurate da ARGO.

E questo é stato il risultato del trucco proposto:

Il solito trucco usato anche altre volte come quando hanno tentato diminuire il riscaldamento medioevale e diminuire la little Ice Age e mostrare al mondo quella famosa e ormai ridicola mazza di Hockey. Alla fine i capoccia dell´IPCC del CRU del Met Office della NASA del GISS ecc hanno detto che non si doveva parlare piú di ARGO. Metterlo in naftalina, in quarantena come un virus, farlo scordare, nessuno doveva fare piú domande su ARGO e non si dovevavo mostrare diagrammi, statistiche o altro, fino a ordini diversi. E cosí é che noi poveri idioti ci dobbiamo subire tutte le fregnacce del Riscaldamento Globale, delle falsitá delle temperature terrestri e delle falsificazione dei dati delle temperature satellitari del GISS.

Nel 2009 Loehle Craig. In “Cooling of the global ocean since 2003. Energy & Environment 20(1&2): 99-102. dice prove alla mano e con quel diagramma avuto da Josh Willis;
“Il contenuto del calore tra il 2003-2008 (4,5 anni) dei dati oceanici sono stati valutati per tendenza. La componente lineare del modello ha mostrato un trend di -0,35 (± 0.2) x 1022 Joule per anno. Il risultato è coerente con altri dati che mostrano una mancanza di riscaldamento nel corso degli ultimi anni.”
In questo diagramma possiamo vedere le incredibili differenze di misurazioni delle temperature oceaniche dal 2003 al 2008 tra GISS, ARGO Willis e Loehle Craig:

In precedenza la misura del riscaldamento globale è sempre stata la temperatura dell’aria. Ma tutti i dati satellitari dicono che le temperature dell’aria sono stati in una lieve tendenza al ribasso dal 2002. I termometri terreni sono quelli preferiti dagli allarmisti del riscaldamento globale perché hanno fatto vedere [truccando i dati, spostando le centraline, scegliendo le centraline nelle cittá e negli aeroporti, ecc] un certo riscaldamento fino al 2006 ma adesso anche loro mostrano una tendenza al raffreddamento.
Dei Termometri in terra non ci si può fidare perché, anche negli Stati Uniti, 89 % di essi non lavora secondo le linee guida che dicono che le centraline meteo devono essere a più di 30 metri da un riscaldamento artificiale o sorgenti radianti che riflettono il calore affinché i loro dati possano essere considerati corretti.
Le temperature degli oceani non erano state adeguatamente misurati fino a metà 2003, quando la rete Argo è diventata operativa.
Prima di Argo, le temperature degli oceani sono stati misurate con bathythermographs (XBT) sonde tipo usa e getta che venivano sparati in acqua da un fucile da parte delle navi lungo le rotte principali di navigazione commerciale. La copertura geografica degli oceani mondiali era scarsa e poi gli XBT non vanno giú a 2000 mt. come le sonde Argo, e la loro dati sono molto meno accurati.

In conclusione il programma ARGO costa milioni di dollari l´anno, ma non si pubblica nulla, non si sa nulla, se entrate nel sito ufficiale non trovate un diagramma, una analisi, nulla!
index.html

Se i dati di ARGO avessero trovato una tendenza al riscaldamento non pensate che sarebbe stato pubblicato senza fine su giornali, riviste e in tv in tutto il mondo?
Non pensate che data l´importanza che hanno le temperature oceaniche questo non é assolutamente straordinario?

Hanno messo la testa sotto la sabbia come gli struzzi, ma noi gliela faremo tirare fuori e vogliamo che parlino e facciano vedere tutti i dati grezzi, come hanno calcolato i risultati finali e vogliamo sapere la veritá. Il fatto é che fino ad oggi a parte qualche diagramma fasullo non hanno aperto agli scienziati i loro archivi. Tutto segreto, fino a quando?

La morte del riscaldamento globale arriva dal fondo degli oceani…

SANDRO

  1. autobas
    3 maggio 2010 alle 04:20

    Le risate che ci faremo il giorno in cui annunceranno, sotto una nevicata epocale, che il GW ha ripreso forza🙂 🙂

  2. 3 maggio 2010 alle 05:01

    Non capisco “lo sbalordimento degli scienziati”.

    Chissà perché questi signori, si aspettano sempre qualcosa di diverso da quello che accade… e si sbalordiscono.

    Sintomo di idiozia persistente? Io credo proprio di sì, con un pizzico di malafede.

  3. 3 maggio 2010 alle 05:04

    Ah, a proposito, l’altro giorno al TG Leonardo di Rai 3 una “scienziata”, classica sacerdotessa del GW di cui non ricordo il nome, ha detto che l’indebolimento anomalo dell’attività solare sta causando un raffreddamento della Terra che può indurre in errore chi cerca di valutare il GW fondato su “cause antropiche”.

    Ormai non sanno più a cosa attaccarsi.

  4. Marco85
    3 maggio 2010 alle 05:46

    Mi sembra che in queste affermazioni ci sia un po’ di ipocrisia.
    Fino a quando si parlava da parte degli ambientalisti di global warming crescente si diceva che le ricerche sull’ambiente non erano ancora a buon punto, erano solo teorie e modelli, che ci sono milioni di fattori in gioco e che l’uomo non può essere l’unica causa e così via dicendo. Adesso che c’è, a quanto sembra, una controtendenza (anche se ognuno suona la sua campana e uno dice l’opposto dell’altro) sembra che si è sicuri del fatto che è tutta una bufala, sembra quasi che adesso ci sono tutti i dati che servono per dire che tutto va bene. Mi sembra un po’ esagerato, non vi sembra?

  5. 3 maggio 2010 alle 07:29

    Complimenti Sand-rio … un bellissimo articolo.
    Quello che sconcerta é questo senso unico con cui vengono finanziate le ricerche … non per aumentare la conoscenza ma nella migliore delle ipotesi nel cercare una giustificazione ai finanziamenti stessi.
    Se le cose stanno davvero in questi termini … la politica e il marketing stanno rendendo la ricerca scientifica inaffidabile.
    Se togliamo le misurazioni alla scienza rimangono solo le teorie e i discorsi … che diventano istantaneamente discorsi da bar.

  6. bora71
    3 maggio 2010 alle 08:22

    OT
    ma il sole non doveva essere morto?
    Kpa tra i 5 e i 6….condizioni da tempesta geomagnetica.
    percentuale del 10% di Classe M.
    SSN 47
    SFI 80

  7. bora71
    3 maggio 2010 alle 08:28

    Aprile 2010: silenziosamente caldo…
    Il mese di Aprile appena trascorso è terminato con anomalie sull’Italia superiori al grado medio positivo rispetto alle medie storiche. Eppure…

    Eppure sembra che tali anomalie siano oramai state filtrate, sia dai media che talvolta anche dagli stessi esperti, come una cosa del tutto normale.

    Un mese per l’appunto silenziosamente caldo, come sempre più spesso accade nei resoconti mensili che andiamo ad effettuare.
    http://www.meteogiornale.it/notizia/17899-1-aprile-2010-silenziosamente-caldo

    il giorno 30 aprile è stato registrato un record di caldo presso la stazione di Dobbiaco +21.8

  8. Fabio2
    3 maggio 2010 alle 08:34

    http://www.meteogiornale.it/notizia/17894-1-artico-in-buona-salute

    Bora, e questa come la mettiamo? Nel conto del Global Warming o che altro? E pesa di più la buona estensione dei ghiacci artici o il caldo in Italia?

  9. Fabio2
    3 maggio 2010 alle 08:36

    Quanto al Sole, a quest’ora doveva essere in piena attività, con il Solar Flux in viaggio verso i 100, dunque ben sopra gli 80, in media.
    Invece negli ultimi 2-3 mesi si è progressivamente ammosciato e non basta una singola tempesta geomagnetica a risollevarne le sorti. Occorre un trend di attivtà in netta crescita. Lo stiamo aspettando dalla metà di febbraio…….

  10. Fabio2
    3 maggio 2010 alle 08:43

    Bora, non dimenticarti di questo:

    http://www.meteoscienze.it/enso-monitoraggio-continuo/560-bollettino-enso-28-aprilenina-in-arrivo

    Naturalmente necessita di doverosa conferma, settimana per settimana, però la tendenza dei grafici più aggiornati è evidente.
    L’estate potrebbe anche risultare calda, almeno a ondate, è capitato spesso dopo un Nino, ma è da vedere cosa accadrà dopo, in autunno e inverno, con l’eventuale Nina.

  11. Nitopi
    3 maggio 2010 alle 09:01

    e se l’artico e’ in buona salute, l’antartico non piange… Ha recuperato lo svantaggio di inizio stagione e marcia nella media trentennale….
    Che bello a Dobiaco!
    A Genova stentiamo a raggiungere i 20°C di massima… Con lo scirocco…

    Ciao
    Luca

  12. Nitopi
    3 maggio 2010 alle 09:04

    Questo e’ il mio monitor climatico ( 8) ) … parete Sud del Sassopiatto…
    L’anno scorso c’e’ strato il contatto tra l’ultima neve dell’inverno 08-09 e la prima dell’inverno 09-10 … cosa che non avevo mai registrato.

    Ciao
    Luca

  13. Nitopi
    3 maggio 2010 alle 09:05

    ooops … il link,….

    http://www.mahlknechthuette.com/m1/foto.jpg?id=0

    Ciao
    Luca

    P.S.
    E’ anche un posto delizioso per una vacanza al fresco ….
    Luca

  14. Nitopi
    3 maggio 2010 alle 09:17

    E certo che , guardando localmente , si può dimostrare tutto ed il contrario di tutto…

    Leggendo qua è la nelle “news” di 3B Meteo

    – Bolla calda sull’europa centrale (temperature che schizzano sopra i 25°C tra Francia Olanda e Germania)
    – irruzione fredda sulla Gran Bretagna ( tutta la Scozia e l’Irlanda del Nord sotto zero)
    – Livigno imbiancata e neve in trentino sopra i 1500m….

    Tutto perche’ l’aria e’ un buon isolante ed ha una capacità termica infima…
    Se prendessimo una “bolla” d’aria dal sahara e la spostassimo sul polo nord (facendola viaggiare , ovviamente, lungo la superficie terrestre), per una giornata o poco più potremmo avere dei record di caldo incredibili.
    Ghiaccio sciolto: quasi nulla….

    Ciao
    Luca

  15. bari87
    3 maggio 2010 alle 09:59

    ahahah bora…rasenti il ridicolo lasciatelo dire…sono 3 mesi che l’attività solare è a fondo scala E TU NON HAI DETTO MAI NULLA, FACENDO FINTA DI NIENTE, ora per UN GIORNO T-A-R-O-C-C-A-T-O perchè è taroccato (dove li vedi 47 ssn?SE LO SONO INVENTATI DI SANA PIANTA…GUARDATI IL GONG, GUARDATI IL CONTINUUM) vieni a scirvere queste cose?

    MA TI RENDI CONTO DI QUELLO CHE DICI?…E SE QUESTE MACCHIETTE SE NE VANNO?COSA VERRAI A SCRIVERE?..DIMMELO CHE LO VOGLIO SAPERE

    io voglio sapere se il sole torna spotless nei prossimi giorni TU COSA DIRAI?

  16. apuano70
    3 maggio 2010 alle 10:25

    Grazie ancora a Sand-rio per aver realizzato questi tre articoli magnifici sul progetto “Argo”!
    Era un argomento a cui mi ero avvicinato e sinceramente avevo anch’io trovato alquanto strano che sul sito non vi fosse alcun riferimento a risultati, grafici o quant’altro potesse far capire qualcosa sulla situazione delle temperature degli oceani…
    Gran bel lavoro davvero!
    Bruno

  17. Fabio2
    3 maggio 2010 alle 10:39

    Bari87

    Il buon Bora non dirà nulla di suo, cercherà solo un altro articolo da copiare ed incollare che confermi le tesi che difende qui su NIA.

    Naturalmente spero mi smentisca, ma finora ha fatto così, da mesi ormai, e quasi solo su un unico argomento, il Global Warming e dintorni.

    Peccato, si potrebbero discutere con lui gli articoli di cui si riportano i link, i dati che si postano. Limitarsi a copiarli ed incollarli secondo me è una rinuncia.

  18. 3 maggio 2010 alle 10:51

    Ottimo Sand,le stai praticamente smascherando tutte….questi poverini che non sanno più cosa fare ti odieranno a morte…..ed aggiungo questo:…

  19. Nitopi
    3 maggio 2010 alle 11:03

    In effetti, Sand, qualche pubblicazione si trova su Argo, segurendo i link delle varie nazioni e dei congressi… ma pare che si limitino a disquisizioni di modelli locali , non di valutazioni “in toto”…

    Ciao
    Luca

  20. 3 maggio 2010 alle 11:30

    In attesa che qualcuno si degni a diffondere i dati di ARGO del 2009 (sperando che non siano truccati anche se non credo che li lasceranno come nel diagramma sopra) hanno giá provveduto a taroccare i dati del livello degli oceani.
    questo é il diagramma che riunisce i dati originali (in grigio chiaro) e i dati come “dovranno” essere (in nero) per mostrare che gli oceani ci stanno sommergendo.

    Il solito “trucco” abbassare i dati iniziali in modo che automaticamente si alzano quelli successivi.

  21. ice2020
    3 maggio 2010 alle 11:38

    NEL FARE I MIEI COMPLIMNTI A sAND-RIO PER QUESTE SQUISITE 3 PARTI SUL PROGETTO ARGO DOVE TUTTI E A CONVENIENZA TACCIONO, RICORDO AGLI ARTICOLISTI DI NIA CHE “LA CASSA PIANGE”!

    SIMON

  22. indopama
    3 maggio 2010 alle 11:40

    @Marco85 (05:46:34)
    dici bene.
    in primo luogo il GW e’ un termine inesatto, cosa vuole dire globale? di tutto il globo? ma se facciamo fatica a misurare la temperatura della superficie… quindi per noi il GW adesso e’ impossibile da rilevare.
    allora limitiamoci alla parte di globo che noi viviamo, cioe’ il terreno che tocchiamo e lo strato di aria che respiriamo.
    il progetto delle boe argo serve per i pesci e noi non siamo ancora pesci. quindi l’argo lo scartiamo.
    si possono rilevare le temperature delle due cose citate sopra? no, perche’ sono due strati molto disomogenei, soprattutto l’aria.

    quindi dobbiamo dire semplicemente che non siamo in grado di stabilire come sono variate le temperature (se non le grandi variazioni analizzando la storia) negli anni.

    per quelli che dicono che le centraline nelle citta’ non vanno bene, ma se e’ proprio qui che vive la maggior parte della gente! bisogna, anziche voler stabilire un valore globale che non siamo in grado di fare bisognerebbe proprio monitorare il meglio possibile la variazione di temperatura delle citta’ per vedere se stiamo costruendo ambienti idonei alla vita delle persone oppure no.

    lasciando stare il pianeta che e’ troppo potente per noi piccoli uomini…

  23. ice2020
    3 maggio 2010 alle 11:46

    A proposito del sole, ieri hanno ontato una regione nel sud emisfero, la 1065, che nn esiste:

    Ma oggi sn presenti 3 regioni cn macchie, anche se nn tutte contabili col L&N’s count:


    https://daltonsminima.wordpress.com/the-laymannias-count/

    Ergo aspettiamoci oggi dal noaa un altro conteggio sbalorditivo!

    Simon

  24. ice2020
    3 maggio 2010 alle 11:58

    Indopama:

    Se nn siamo in grado di stabilire un valore globale che non siamo in grado di fare, allora su cosa si regge l’aGw???
    sul nulla!

    Inoltre come fai a dire che gli oceani nn sn importanti????

    Sn la superficie più estesa del pianeta ed hanno delle capacità termiche incredibili, capaci di regolare l’intero sistema climatico mondiale!

    Secondo me hai le idee un pò confuse…

  25. Andrea b
    3 maggio 2010 alle 12:05

    x simon vedo di finire l’articolo sul Bendandi per questo fine settimana

    a Faenza ci sarà un festeggiamento per i 20 anni dell’Hubble
    ci andrò e ne farò un articolo il 7 maggio 2010

    http://www.bancadiromagna.it/unibanca/brom/eventi.nsf/Immagini/bendandiana_invito.pdf/$File/bendandiana_invito.pdf

  26. giorgio
    3 maggio 2010 alle 12:06

    Faccio i miei piu sinceri complimenti a Sand per il suo articolo.Colgo l”occasione per far notare come la macchina della CDG si e” inceppata.se guardiamo le anomalie sull”atlantico e” piu che mai evidente che in nastro trasportatore si e inceppato e il calore rimane isolato al largo delle coste marocco-senegalesi.Non circola piu e se da una parte si puo dire scongiurato il pericolo uragani dall”altro,prepariamoci a disastri annunciati sulle coste spagnole e portoghesi,infatti se le perturbazioni passassero a ovest dell”africa per poi dirigesi a Nord sono dolori!!!!!la storia e gia scritta prepariamoci a tempeste disumane sull”europa sud occidentale http://www1.ncdc.noaa.gov/pub/data/wksst/wksst.20100421.gif

  27. Andreabont
    3 maggio 2010 alle 12:11

    Dato che siamo in vena di Link😄

    http://www.meteogiornale.it/notizia/17894-1-artico-in-buona-salute

    Fa sempre piacere che qualcuno sostenga le stesse cose che noi osserviamo da tanto tempo🙂

    Soprattutto questo passaggio mi fa particolarmente piacere: “Secondo il prestigioso ente norvegese Arctic Roos, […] la situazione della banchisa artica sarebbe ottimale sia in estensione, sia in area. ”

    E pensare che secondo i più catastrofisti sostenitori del AGW ad oggi i poli dovevano essere quesi del tutto sciolti…

  28. indopama
    3 maggio 2010 alle 12:13

    @ice2020
    “gli oceani regolano l’intero sistema climatico mondiale”.

    bisogna che me lo dimostri, e come fai se non analizzando le temperature dell’aria, delle nubi, della superficie del suolo, insomma di quelle cose che non riusciamo a fare se non in maniera molto molto approssimativa?

    tu dai come certa una supposizione.

    anche io penso che gli oceani siano importanti ma bisogna provarlo prima di trasformarla in certezza. cosi’ si lavora nella scienza.

    poi ti correggo una cosa, proprio per la loro configurazione piatta gli oceani NON sono la superficie piu etesa del pianeta, la piu’ estesa sono le piante le quali sono attaccate al suolo e immerse nell’aria, con al loro interno tanta acqua ma che non proviene direttamente dagli oceani.

    e’ difficilissimo dire chi piu’ influenza il fattore temperatura (sempre ricordando che non sappaimo cosa sia la temperatura) perche’ appunto i fattori sono molti e vanno analizzati tutti insieme. le sole boe argo vanno bene per il fattore oceano, a questo bisogna aggiungere gli altri se vogliamo fare scienza, altrimenti rimane solo gossip.

  29. Nitopi
    3 maggio 2010 alle 12:35

    X Simon… Ti toccherà pubblicare il mio pallosissimo articolo sul momento angolare 8) 😉 🙂

    … Un evergreen…

    Per Giorgio … notiamo come la corrente perseveri a star girata tra Groenlandia e Labrador….. proprio dove questo inverno proclamavano “record di surriscaldamento”… Per forza… non si era mai infilata li dentro 8)

    Ciao
    Luca

  30. 3 maggio 2010 alle 12:38

    A proposito di CDG ho notato delle significative variazioni in termini di salinità che non accennano a rientrare nella norma,anzi continuano ad aumentare vertiginosamente..se prendiamo la cartina della salinità riferita ad inizio maggio 2008 e la confrontiamo con quella attuale,si può osservare la drastica diminuzione della salinità a largo delle coste venezuelane e peruviane ed anche più a nord…la variazione della salinità in questi mari è normale durante l’anno,ma se osservate bene noterete che essa risulta nel 2010 molto precoce e molto più pronunciata verso nord,andando a lambire il golfo del messico..noterete inoltre come in pieno atlantico(ad un’altezza di circa 50 gradi nord),le acque siano leggermente più dolci,mentre più a nord,sopra la norvegia siano sensibilmente più salate…..ditemi voi se non sono anomalie preoccupanti…!!!

  31. ice2020
    3 maggio 2010 alle 12:38

    Indopama, ma dico stai scherzando forse???

    Gli oceani sn il fattore più importante per la regolazione CLIMATICA mondiale, questo nn lo dico io, ma la scienza meteo-climatica, altrochè gossip!

    saluti

  32. 3 maggio 2010 alle 12:53

    Scusate,volevo intendere le coste colombiane e non peruviane….

  33. anonimo
    3 maggio 2010 alle 12:57

    indopama,
    la carne masticata noto non piace neanche a te,
    condivido il tuo pensiero.

  34. bora71
    3 maggio 2010 alle 13:59

    io Fabio 2 sono qui se vuoi un confronto leale e sincero…
    ma finche’ tu mi posti link di Molinaro(oddio!!) non possiamo certamente dibattere su niente…
    io posto articoli scientifici approvati dal mondo scientifico e tu mi posti articoli di appassionati amatoriali e sopratutto freddofili maniacali..

    l’estensione temporanea dei ghiacci artici e’ dovuta non a un RAFFREDDAMENTO GLOBALE..
    ma a un certo tipo di configurazione barica..
    la vera prova come tutti sanno..la abbiamo a settembre..li’ si puo’ trarre delle conclusioni sui ghiacci artici..

    sul sole non ho detto niente di male..mi sembrava giusto aggiornare la situazione visto che qui lo fate solo quando vi comoda(quando ci sono spotless)…
    a te la risposta..ciao

  35. bora71
    3 maggio 2010 alle 14:02

    oddio Simon ma allora ascolti anche te cosa dice la scienza meteo-climatica…
    ma leggila sempre non solo quello che ti comoda…
    in amicizia tuo bora71….

  36. 3 maggio 2010 alle 14:07

    Bora invece di postare le solite cose di MTG (grande scienziati?) o dire che Molinaro (che non so neanche chi sia) non merita nessun credito (sei forse tu migliore di Molinaro come scienziato o studioso del clima e meteo?) perché non mi posti qualche bell´articolo scientifico peer- reviewed su ARGO e sui risultati che hanno ottenuto sul presunto GW?

  37. Nitopi
    3 maggio 2010 alle 14:13

    e cosi’ saresti, per una volta, IN TOPIC ? 😉

    Ciao
    Luca

  38. bora71
    3 maggio 2010 alle 14:21

    x indopama
    ma qui non si fa scienza…purtroppo…
    si da’ piu’ impoertanza ad articoli amatoriali scritti da appassionati e per lo piu’ freddoffili incalliti..

  39. 3 maggio 2010 alle 14:32

    Bora qui nessuno si é mai definito scienziato e non facciamo quindi articoli scientifici. Siamo solo persone che usano il proprio cervello, a differenza di qualcun altro, cercando di sapere e capire.
    Se ami gli articoli scientifici hai sbagliato sito.

  40. Fabio2
    3 maggio 2010 alle 14:35

    x Bora

    Io posto e commento articoli tratti da un sito che ha già imbroccato le previsioni sull’andamento dello scorso inverno, quanto il Metoffice inglese diceva tutt’altro…..poi sappiamo com’è andata a finire…..mi risulta che i loro articolisti partano sempre da elementi di fatto. In ogni caso avremo modo di verificarne l’attendibilità già nel corso di questo mese, visto che ci sono ben due articoli dedicati al tempo di maggio.

    Ti posti e basta, di solito, senza aggiungere commenti nè stimolare la discussione.
    Davvero un peccato……

  41. Fabio2
    3 maggio 2010 alle 14:41

    Bora, forse non ti è chiaro che questo è un sito amatoriale, dove ci sono semplici appassionati del tema, che cercano di capire e dicono la loro senza la pretesa di essere ascoltati ma con la speranza di capirne di più.
    Tra gli amatori poi ci sono alcuni ben preparati (non il sottoscritto), altri meno, ma tutti animati da un genuino interesse alle materie che qui si discutono……

    Tu sei realmente interessato a questi temi o partecipi soprattutto per fare il bastian contrario (che in se’ peraltro è a mio avviso una funzione comunque utile per NIA, come ho già osservato) ?

  42. Fabio2
    3 maggio 2010 alle 14:42

    Quanto ai ghiacci artici, caro Bora, la configurazione barica che citi dura ormai da almeno 2 anni e non accenna a finire. Sicuro sia solo quella la ragione del recupero?

  43. Fabio2
    3 maggio 2010 alle 14:45

    Infine, ribadisco, Bora, più che il singolo evento solare in se’, per quanto eclatante (una tempesta geomagnetica) io guarderei con più attenzione ai trend di medio periodo. E quelli adesso (tra 3-6 mesi non so, vedremo) mi dicono cose diverse da quelle che hai inteso dire tu quando hai citato l’ultima tempesta.

    Anche il confronto di questa prima porzione di ciclo 24 con le statistiche dei cicli degli ultimi 200 anni fa pensare e lascia dei dubbi, come qualche arguto forumista ha osservato.
    Non certezze, beninteso, ma dubbi e perplessità, peraltro che tendono a crescere, anzichè stemperarsi nella relativa normalità di un eventuale ciclo solo un po più debole del normale.
    Che ne pensi?

  44. Fabio2
    3 maggio 2010 alle 14:47

    Intendiamoci, non voglio polemizzare con Bora nè con nessun altro. Non è utile nè corretto.
    Però porre questioni concrete sì, e leggerne di altrettanto (se non di più) concrete (e magari criticarle argomentando), altrimenti che discussione è?

  45. 3 maggio 2010 alle 14:59

    Fabio2 mi dispiace contraddirti ma l´estensione attuale dei ghiacci artici quest´anno, è superiore alle estensioni dal 2003 a oggi, quindi da 8 anni!
    Naturalmente ció é stato causato dal riscaldamento globale che in questi ultimi 8 anni ha imperversato.🙂🙂

    Cmq per Bora gli ricordo che giá a dicembre scorso avevo “previsto” le temperature mensili per il 2010 e che ogni mese cercano di farci credere siano esatte.
    Ti ricordo che avevo previsto per marzo +0,68
    Aprile + 0,72
    maggio +0,69: giugno +0,75; luglio +0,81; agosto +0,75; Sett. +0,70;
    Ott. +0,68; Nov. +0,65; Dic. +0,64.
    Queto se si verifica un fenomeno Niña per il 2010 se no le T. saranno superiori di 0,3/0,4.
    Scrivile queste Profezie e poi vediamo di quanto sbaglio.

  46. ice2020
    3 maggio 2010 alle 15:38

    A parte il fatto che i buon bora parla parla ma alla fine è ilprimo che fa copia-incolla di siti nn scienifici ed amatoriali come il nostro…

    cmq al di là di questo caro bora, perchè nn ci posti qualche artolo peer rewied sul progetto argo come ti ha chiesto Sndro?

  47. Nitopi
    3 maggio 2010 alle 15:43

    … Quella la chiamavamo “regressione al contrario….
    e’ una dei trucchetti che gli studenti imparavano (se volevano sopravvivere) al corso del mio gia’ citato prof. di “esp. 1″…
    Quando i dati sperimetnli non ricalcano la legge desiderata… fai venire dei valori che ti vadano bene….

    (qualcuno aveva anche elaborato un programmino che, impostata la deviazione desiderata dava i valori sperimentali con distribuzione gaussiana….)

    Ciao Luca

  48. Nuuk
    3 maggio 2010 alle 16:56

    Grazie mille! fremevo nell’attesa della parte conclusiva del “Caso ARGO”!
    Molto interessante, complimenti Sandro.

  49. ice2020
    3 maggio 2010 alle 17:19

    Eccolo il Noaa!

    SN di 64 cn ben 5 regioni che contano:

    http://www.swpc.noaa.gov/alerts/solar_indices.html

  50. ice2020
    3 maggio 2010 alle 17:25

    Il Noaa in questi ultimi 2 giorni ha fatto follie!

    Non vorrei che stiano già usando il sdo per contare…in tal caso i dati nn li prenderei nemmeno più…anche oggi contta una regione che nn esiste!

  51. 3 maggio 2010 alle 17:27

    Si apre il centro scommesse!!!A me ne sfugge una,e chi la trova vince un viaggio in trentino in compagnia di bora……

  52. paolo 72
    3 maggio 2010 alle 17:48

    AAAAAAAA!!!!!hanno paura del 4 luglio….

  53. andrea b
    3 maggio 2010 alle 17:50

    io ne vedo 4 di regioni contando le macchie forse un 47-48 di sn se lo meritava
    oggi certo non 64 se consideri l’area totale di 60

    se consideri il rapporto dei due valori hai (60 Area/64 sunspot) 0,9375 è un valore bassissimo

    in tutto il ciclo 23 sarà capitato al massimo 5 volte valori così bassi

    https://daltonsminima.files.wordpress.com/2009/09/rapporto-fra-sa-e-sn.png?w=510&h=382

    nell’arco dell’ultimo mese i valori del rapporto di Area e Sn SWPC sono bassissimi un segno dei tarocchi che combinano oppure la dimostrazione che livingstone e penn avevano ragione e le macchie stanno scomparendo

  54. Alessio
    3 maggio 2010 alle 18:22

    Ma ieri sera segnavano 48 sn e come area 50 poi questa mattina sono andato a vedere e l’area era 20… chissa oggi cosa ci propongono i nostri ilusionisti..
    sarebbe da capire in quale periodo dell’anno ,si riuniscono per discutere i dati con gli enti sostenitori ai quali fanno le loro richieste di fondi…

  55. apuano70
    3 maggio 2010 alle 18:27

    …Mah… ora provo a segnarmeli e poi li gioco al Lotto i numeri che da il NOAA…
    fosse mai che almeno lì servano a qualcosa?…😉
    Bruno

  56. giorgio
    3 maggio 2010 alle 18:32

    Ragazzi e amici miei di NIA non vi preoccupate.Da grandissimo profano quale sono in materia,(pero molto fortunato nell”azzeccarci) vi dico che questi saranno gli ultimi giorni del 2010 in cui NASA/NOAA SIDC e compagnia bella avranno modo di sparare numeri della lotteria.Ancora pochi giorni forse al massimo un paio di settimane e poi la festa per i baroni della fisica solare sara finita e finira in modo molto drammatico poiche si ritroveranno disoccupati.Feci una scommessa con Simon a meta gennaio e mi sa che il direttore mi dovra pagare una pizza.

  57. bora71
    3 maggio 2010 alle 18:35

    anch’io Fabio non voglio fare polemiche..anche se qui basta non essere d’accordo con qualcuno e subito si viene presi in giro..

    sul sole ti dico che le previsioni del ciclo solare, hanno sempre previsto un SSN più basso, rispetto a quello reale.

    gli Australiani, nonostante il valore “basso” di Aprile, dopo averlo previsto il mese scorso a 8.4 di media, questo mese lo correggono al rialzo, mettendolo a 8.8, restando il massimo inalterato.
    Previsioni di Aprile per il ciclo solare 24:

  58. bora71
    3 maggio 2010 alle 18:36

    era per Fabio2 la mia risposta..

  59. Nintendo(FABIO)
    3 maggio 2010 alle 19:16

    inseriti nelle bozze i due resoconti dei ghiacci.
    carino quello artico😉😀

  60. Andrea77
    3 maggio 2010 alle 19:36

    OT fatevi quattro risate con questo video….

    ciao

  61. 3 maggio 2010 alle 19:39

    Il bello è che con tutte queste regioni il flux non supera gli 80 alle 18 UTC.

  62. ice2020
    3 maggio 2010 alle 19:53

    Guardatevi il video postato da andrea-77!
    😆😆😆

    Dedicato a Bora…

  63. giorgio
    3 maggio 2010 alle 20:00

    Non solo quello,pure quelli correlati.C”e ne una marea.

  64. paolo 72
    3 maggio 2010 alle 20:02

    forte!!!!

  65. 3 maggio 2010 alle 20:11

    La migliore cosa che fanno questi ecoterroristi é proprio quella di far divertire.

  66. ice2020
    3 maggio 2010 alle 20:17

  67. Michele
    3 maggio 2010 alle 21:22

    Sembra un vampiro!!!!!!!!!!

  68. bora71
    3 maggio 2010 alle 21:36

    eh si’..quella si’ e’ scienza..da che sito scientifico avete preso il video?..ihihih
    comunque divertente..anche i serristi si sono messi a ridere…

  69. Davide M.
    4 maggio 2010 alle 01:50

    x bora71
    Ma io veramente ti caccerei da questo blog e ti bannerei a vita.
    Pur di dar credito alle fandonie che sostieni sei andato a cercarti dei dati di fantomatici australiani che prevedono ciò che piace a te.
    Oltre a essere ridicolo (è chiaro ormai a tutti che sei diventato lo zimbello di questo blog, insomma il pagliaccetto di cui tutti ridono e deridono), sei anche palesemente ciò che neghi in continuazione di essere, e cioè anche tu un serrista eco-terrorista.
    Ti nascondi nei tuoi stessi commenti sottolineando che sei confuso e non sai a chi credere, ci posti link di articoli squallidi e di teorie AGW argomentate sul nulla.
    Ma a chi vuoi prendere in giro? Io t’avevo sgamato già più di un’anno fà quando hai iniziato a scrivere e infastidire velatamente su questo blog spacciandoti per uno che è “confuso”.
    Io dico che tu hai le idee molto chiare, e forse ce l’ha ancor più chiare di te il tuo portafogli.
    Saluto tutti, alle prossime…..e scusate lo sfogo.

  70. andrea b
    4 maggio 2010 alle 04:08

    c’è anche questa versione con alcuni fotogrammi dedicati all’amico Gore

  71. Fabio2
    4 maggio 2010 alle 07:25

    x Bora

    Io lascerei perdere le previsioni sull’attività solare, in questi anni se ne sono viste di tutti i colori, ho anche scritto un articolo in cui evidenziavo che, ponendo su un grafico tutte le previsioni sul massimo del ciclo 24 elaborate negli ultimi anni si otteneva un istogramma, con SN compreso tra meno di 40 e 180 e un numero abbastanza uniforme di valori intermedi. Insomma, sebbene le previsioni siano sempre doverose (bisogna provare) è come dire che l’uomo sul Sole finora ci ha capito ben poco e conviene semplicemente osservarlo con molta umiltà ed attenzione.

  72. Fabio2
    4 maggio 2010 alle 07:32

    Infine, Bora, di solito si viene presi in giro se ci si fa prendere in giro: le tesi ben argomentate, anche se di segno diverso rispetto a quelle prevalenti hanno sempre udienza dove ci sono persone senza particolari pregiudizi. E qui credo ce ne siano.
    Ma, appunto, le tesi devono essere ben argomentate, se no diventano postulati, un po come la guerra GW-anti GW per partito preso, alla quale mi astengo dal partecipare.
    In sintesi, ci sono elementi che suggeriscono una influenza dell’attività umana sul clima ma, nonostante studi pluridecennali, non è ancora stato dimostrato (dati alla mano) che questa influenza sia rilevante, poichè la temperatura è salita senz’altro nel corso del XX secolo, in coincidenza con lo sviluppo industriale, ma nello stesso periodo anche il Sole si è dato parecchio da fare.
    Analogamente, di recente sono emersi elementi che suggeriscono una significativa influenza sul clima delle variazioni di attività del Sole, persino di quelle nell’ambito di un singolo ciclo di Schwabe.
    Ma si attendono doverose conferme (o smentite), che si spera possano arrivare già dall’attento monitoraggio di questo ciclo 24.

  73. Albert010
    4 maggio 2010 alle 08:09

    Grazie mille per questo articolo!
    Un altro tassello che si aggiunge ai tantissimi che provano la scandalosa manipolazione mediatica e pseudoscientifica sull’AGW, per foraggiare la marea di pseudoclimatologi che hanno proliferato come locuste in questi ultimi 20 anni, e per spremere la gente con nuove tasse inutili.

    Piuttosto, vorrei fare notare una cosa di cui nessuno parla, in questi giorni.

    Sembra che tra i media e nella rete ci sia una specie di tentativo di minimizzare il disastro ecologico del Golfo del Mexico e della Louisiana.

    Credo che lo sforzo sia quello di non compromettere l’immagine “ecologista” di Obama, anche se lui – e pochi lo dicono – ha le sue responsabilità in questo disastro della marea nera, poichè aveva dato il via libera a nuove trivellazioni petrolifere, e non aveva preteso i dovuti controlli sulla loro sicurezza.

    E a me sembra incredibile che non si crei subito una task-force dei migliori esperti mondiali di trivellazioni oceaniche, e si lasci la patata bollente nelle mani della sola BP, e non si sappia dire altro che “ci vorranno tre mesi per fermare il petrolio”.

    Le dichiarazioni di Obama: “la BP pagherà i danni” sono penose, sembrano le dichiarazioni di un avvocatino in una causa di una lite di confine, quando ogni giorno 800.000 barili di petrolio fuoriescono in mare, e tutta la catena alimentare verrà avvelenata, e una quantità di specie animali moriranno.

    E dove sono Greenpeace, il WWF, e tutte le organizzazioni ecologiste che strepitano a più non posso quando si parla di GW?

    Io ho l’impressione che vogliano salvare l’immagine di Obama (e dell’altro grande ciarlatano Al Gore), se fosse successo a Bush ci sarebbero manifestazioni in tutto il mondo.

    Sono ridicoli, stanno a guardare il mezzo grado di calore in più in 100 anni, e non dicono nulla per un disastro ecologico come mai si era visto…

    RI-DI-CO-LI!!

  74. bora71
    4 maggio 2010 alle 11:21

    x Fabio2
    le previsioni degli australiani sono state sempre le piu’ precise…controlla…

    io ho sempre argomentato…ma purtroppo secondo me non leggete quello che scrivo..
    e ti ho fatto vedere che negli ultimi anni c’e’ qualcosa che non va..

    “Gentilmente qualcuno mi potrebbe commentare questo grafico sotto? sono più di 25/30 anni che l’attività solare è in calo e le temperature non sembrano avere lo stesso andamento, come mai? come si fa ad attribuire il calo degli anni 70 all’attività solare quando l’attuale calo è ugualmente profondo, vale solo per oggi il ritardo, mentre negli anni 70 no?

    Comparison of the Hadley CRUT3 global temperature index (green) and sunspot numbers (red). The chart uses a trailing 12 average of temperature as well as sunspots:

    25/30 anni, non qualche anno, il discorso sui tempi di risposta diversi della correlazione sole/temperatura perché oltre che essere ridicolo come argomento, non ha neppure riscontri nel passato (intorno al 1600 e 1780 l’attività solare era analoga se non superiore a quella attuale, ma le temperature non sono aumentate..

    TSI/temperature http://img62.imageshack.us/img62/2643/tsivstemp.gif

    ATTENDO UNA TUA RISPOSTA

  75. bora71
    4 maggio 2010 alle 11:37

    x Davide
    tu credi di piu’ al mondo scientifico..agli studi fatti dagli scienziati (ho anche postato qualche link)
    o credi di piu’ agli appassionati amatoriali e per lo piu’ freddofili incalliti? (i link che postate voi)
    rifletti..
    io sono un freddofilo..pero’ va bene fare il tifo per un era glaciale..tutti noi lo speriamo..ma se la realta’ e’ diversa perche dobbiamo continuare a fantasticare??
    ciao

  76. ice2020
    4 maggio 2010 alle 11:45

    Caro bora, qui nessuno fa il tifo per un era glaciale!

    Dove sn sti link che postiamo dei freddofili incalliti?

    Se c’è qualche utente che posta qualcosa, nn è che posso impedirglielo, ma tu per questo perchè devi sputtanare la linea editoriale del Blog?

    Nia è ormai un sito conosciutissimo, nn è che posso star dietro a tutti i forumisti che lo frequentano, ma da qui a dire che Nia vuole un era glaciale o che postiamo solo link di freddofili incalliti pur di dar adito alle nostre idee, ce ne corre!

    Se vuoi più rispetto da parte mia, cerca di mostrarlo te per primo!

    Non è la prima volta che te lo dico, e sto iniziando a stancarmi!

    Simon

  77. Fabio2
    4 maggio 2010 alle 12:36

    x Bora

    Non mi fido delle previsioni, voglio vedere l’andamento vero, misurato, dell’attività solare, poi semmai commentiamo quello.

    25-30 anni che cala l’attività solare? Ma come, se il ciclo 23 (e ancora di più il 22) sono stati fra i più intensi e con minimi brevi e relativamente intensi? Rivedi le tue fonti, ma soprattutto controlla il grafico (SSN) del SIDC. http://www.sidc.be

    Quale fosse l’attività solare attorno al 1600 di preciso non lo sappiamo, tant’è che non siamo in grado di ricostruire l’andamento del SSN (nè tantomeno del solar flux o del TSI). Un po meglio va nel 1780, ma anche lì la ricostruzione non è precisa come quella degli ultimi 160 anni.
    Ergo, prima di fare affermazioni così avventate, ti prego di controllarle presso altre fonti, ad esempio quelle ufficiali (SIDC).

  78. Davide M.
    4 maggio 2010 alle 13:48

    Ecco, è arrivato prima fabio2 di me a dimostrarti che quanto tu dici sono fandonie. Ma come fai ad affermare che negli ultimi 25-30 anni c’è stata la decadenza dei cicli solari quando sappiamo tutti benissimo da dati ufficiali (vedi noaa e sidc) che il cilo 22 e 23 sono stati tra i più attivi dopo il medialwarming?
    Se tu affermi certe cose postando link di scienziati e studiosi pazzi che argomentano le loro teorie su dati non ufficiali (per non dire proprio inventati), come credi che io e altri forummisti di NIA possiamo cliccare sui tuoi link e leggere questi cofani di cavolate?
    Punto ultimo e poi spero di non tornar più su questo argomento con te…. secondo te noi siamo così pazzi da sperare un’era glaciale ben sapendo le conseguenze catastrofiche che ciò comporterebbe?
    Le ere glaciali passate sono state contrassegnate da estinzioni di massa di qualsiasi forma vivente sulla terra. Migrazioni di popolazioni e animali verso i tropici, insomma un fuggi fuggi generale in cerca del caldo. Niente di ciò che vediamo del mondo attuale tornerà più lo stesso. Guerre inimmaginabili si scatenerebbero nel mondo per il controllo delle fonti energetiche per il semplice istinto della sopravvivenza. Per il freddo saresti capace anche di uccidere il tuo vicino di casa per fregargli i mobili e dargli fuoco per riscaldarti. Ecco cosa significa un era glaciale, ma è molto peggio di quanto noi possiamo immaginare. Come puoi credere che noi speriamo una nuova era glaciale?
    Questo è ciò che noi chiamiamo eco-terrorismo, e non lo supportiamo, anzi lo combattiamo.
    Spero di non leggere più nè da parte tua nè da parte dei tuoi amici serristi ulteriori commenti accusatori su questo argomento.
    Saluti

  79. Fabio2
    4 maggio 2010 alle 18:11

    Bora

    Nessuno qui fa il tifo per un’era glaciale, che non è in vista, per quanto ne sappiamo: per scatenare un’era glaciale ci vuole ben altro che un minimo come quello di Maunder; occorrono probabilmente variazioni nell’orbita terrestre e nell’inclinazione dell’asse terrestre rispetto al piano dell’orbita.

    Semmai è lecito attendersi, qualora il Sole continuasse a languire, una maggiore frequenza di inverni freddi e di estati fresche, nei prossimi anni e decenni.

  80. bora71
  81. ice2020
    4 maggio 2010 alle 23:33

    O mamma mia bora, tu i grafici nn li sai leggere!

    Si vede chiaramente anche da quel grafico che hai postato te che la tendenza è a salire, si il ciclo 23 è stato più debole degli altri, ma in generale l’attività solare degli ultimi 40 anni9 è stata altissima!

    Sei propio fuori strada!

    Lascia perdere il discorso sole per favore, ti conviene…

    lascia perdere davvero!

  82. Nickee
    5 maggio 2010 alle 18:34

    Vorrei sottoporvi una grossa imprecisione a mio avviso riguardante l’articolo.
    I dati di ARGO sono assolutamente a disposizione di tutti, non è vero che non sono accessibili, basta navigare nel sito e trovare le indicazioni…

    …questo è il link diretto, si elabora la richiesta e la si riceve via mail

    http://www.argodatamgt.org/Access-to-data/Argo-data-selection

    Seguo da appassionato il vostro sito anche se non ne capisco molto ma sarebbe utile verificare meglio le notizie perchè altrimenti si rischia di passare per non credibili😉

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: