Home > Minimo Solare, Misteri del Sole, Rubrica NIA, Terremoti e Vulcani > Manifestazioni solari & attività sismico/vulcanica terrestre da Gennaio a Maggio 2010

Manifestazioni solari & attività sismico/vulcanica terrestre da Gennaio a Maggio 2010

31 maggio 2010

In questi mesi ho deciso di ricostruire “graficamente” quest’anomalo inizio 2010 sia da un punto di vista solare (riportando su di esso uno dei suoi principali indici d’interferenza sulla Terra, l’indice “Ap”) che terrestre con l’andamento sismico vulcanico del pianeta .  Il grafico elaborato nella sua totalità : :http://img695.imageshack.us/img695/1028/analisicompleta2.jpg

Allora ragazzi, una piccola introduzione, in questi ultimi anni mi sono trasformato in un vero e proprio ricercatore di confine, andandomi a studiare tutte quelle ricerche testi scientifici voluti o non voluti riconoscere dalla scienza “ufficiale”, dagli studi di “Bendandi”, agli studi di “Tesla” per arrivare ad “Ighina” che ci descrivono le dinamiche materia/energia in una versione per così dire più “Unificata”.Secondo quest’ultimi ricercatori di confine , la terra sarebbe soggetta ciclicamente a vere e proprie scariche energetiche (gravitazionali e/o di natura elettromagnetica) prodotte dalla nostra stella e/o pianeti del sistema solare che che andrebbero ad influire, nel breve intervallo di tempo nel quale si verificano, sulle dinamiche geologiche del pianeta, producendo vere proprie fratture nel sottosuolo con sismi ed rimescolamenti magmatici se cosi terra-terra possiamo definirli. La scienza ufficiale ci parla di Cme , Flare ect…, in un sol termine si parla di tempeste geomagnetiche. Inutile sottolineare che tali manifestazioni devono aver nel mirino come con “centro”, “obbiettivo” la Terra ! In merito a quanto esposto sopra, vi riporto alcune interessanti citazioni riprese da un vecchio testo del 1930 a titolo “DEL MOTO DEI PIANETI –Natura elettromagnetica dei Terremoti ” di Alfredo Minzoni. In uno dei suoi capitoli finali si ipotizza infatti, una stretta correlazione fra perturbazioni magnetiche e correnti nel sottosuolo, infatti si cita :“ O le correnti interne sono causa del magnetismo esterno e questo si spiega con la legge di ampere. O le variazioni del magnetismo agiscono sulle correnti interne, ed allora si entra nel campo dei fenomeni d’induzione di Faraday. Noi siamo convinti assertori del secondo caso, perché il magnetismo terrestre è indubbiamente legato alle variazioni delle radiazioni o tempeste magnetiche del sole . “ In un altro passo cita : ”Ma se i vulcani sono centri d’energia elettrica, saranno anche centri di radiazione, su cui possono agire eccitandoli le radiazioni esterne.

Infatti la cronaca locale ci racconta di strane luci nel cielo alcune ore o decine di minuti prima di un potente sisma e/o eruzione vulcanica. Si parla di veri e propri plasmoidi formatesi come negli ultimi devastanti terremoti (Sichuan, o Cile/California di quest’anno). Anche nello spaventoso sisma  di Messina del 1908 si racconta di questi strani bagliori .

http://img263.imageshack.us/img263/6892/cieloprimaterremoti.jpg

A mio parere, l’ipotesi scientifiche suggeriteci da Minzoni possono essere accostate allo schema “Giove – Io” sede di potenti fenomeni ed interazioni elettriche ( correnti di Birkeland ), che potrebbero essere la causa delforte vulcanismo di “Io”. Infatti quest’ultimo è immerso nell’intenso campo magnetico di Giove, che induce forti correnti elettriche nel suo mantello. A questo punto è lecito pensare che l’attività sismico-vulcanica sia più di natura elettro-magnetica che meccanica. C’è proprio da dire non è che il magma all’interno della terra segue dei processi simili alla dinamiche della fotosfera solare ?  http://it.wikipedia.org/wiki/Io_%28astronomia%29

Successivamente il Minzoni ci riporta quest’altra interessante corrispondenza : “Un certo Perry della facoltà di scienze di Digion si accorse di una stretta corrispondenza tra i terremoti e le posizioni della Luna.”

E testualmente riporta poi :  ”Le radiazioni Terra – Sole possono essere eccitate diminuendo per interposizione altri pianeti sia interni che esterni. “

Quindi facendo uso di una delle tante risorse software disponibili in rete ho deciso di costruire questo grafico. In breve su l’asse “X” ho riportato il conteggio dei giorni , a partire dal 1° Gennaio 2010 al 20 Maggio 2010, mentre su l’asse “Y” ho adottato una particolare scala (da 0 a 120 ) comune per tutti i campi/indici analizzati ,dove mostro, sia  l’indice planetario “Ap” che la magnitudo dell’evento sismico, naturalmente i valori numerici di quest’ultima indicazione deve esser divisi per 10. Per comodità d’analisi ho successivamente riportato (traccia con valore Y=90 fittizio !) nel tempo l’evolversi dell’attività vulcanica. I dati esposti in quest’ultima traccia rappresentano tutti quei forti segnali di risveglio dell’attività vulcanica , dalle eruzioni, alle esplosioni fino alle nuove e significative, nel vero senso della parola “fumate” .Successivamente ho deciso di dividere il grafico in due parti , per una migliore comprensione ed analisi.

ANALISI INTERVALLO da 1° GENNAIO a 6 MARZO 2010

Per vedere ingrandito: http://img214.imageshack.us/img214/2316/analisigennaiofebbraiom.jpg

Allora, ricordo in primis che ad inizio anno, prima di buttarmi anima e corpo in questa ricerca, avevo notato (analizzando la mappa globale dei sismici) un forte incremento dell’ attività sismica accompagnata da una strana quanto anomala e contemporanea ripresa dell’attività vulcanica.  Infatti attraverso i miei continui monitoraggi geologici sul web, mi ero reso conto che il vero e proprio “fischio di partenza “ a questa particolare situazione era avvenuto a partire dal 18/20 Dicembre del 2009 circa. Allora ricorco, che in quel particolare periodo la nostra stella non stava dando grossi segnali di ripresa , l’indice “Ap” era quasi piatto (inchiodato su valori molto bassi 3 o 4 punti) e non mi era ancora saltata a l’occhio la stretta correlazione esistente fra i due indici (attività sismica  ed eventi solari) , correlazione che emergerà nel successivo periodo.

Tuttavia analizzando la questione da un punto di vista astronomico, non so se questa particolare fase d’attività sismico/vulcanica sia da imputarsi a qualche altro fenomeno. Mi spiego, non vorrei evadere molto nella trattazione, ricordo che in quelle particolari settimane di fine anno / inizio nuovo anno la velocità di rotazione della terra rallenta. Non è che la questione andrebbe impostata anche da un punto di vista “Gravitazionale” con forze , vettori , velocità planetarie in gioco e qui rientra in ballo in nome di “Bendandi” con allineamenti planetari,attrazioni lunari, maree solari e quant’altro. Inoltre si sente spesso parlare, più da fonti esoteriche, che scientifiche, che i giorni a cavallo del 21 Dicembre (solstizio d’inverno) non sono altro che un particolare periodo di maggiore sensibilità per la Terra, come se quest’ultima

attraversasse un vero e proprio periodo, come dire, di difese immunitarie abbassate, comunque non aggiungo altro, altrimenti si rischia di cadere nel classico catastrofismo firmato “Made in 2012/Maya” ! Ma procediamo con ordine e disciplina nell’analisi del grafico altrimenti si finisce dritti dritti fuori tema. Allora una prima osservazione da rilevare in questa iniziale analisi è la coincidenza di due eventi, ossia il primo sciame sismico nel Parco di Yellowstone e il disturbo geomagnetico del 18 – 25 Gennaio 2010, infatti un primo periodo interessante da analizzare è stato l’arco di tempo intercorso dal 20 gennaio al 27 gennaio :

Immagine che raccoglie l’intera banca dati d’eventi astronomici del periodo.

http://img263.imageshack.us/img263/9484/martesoleterravenere.jpg

Passano poche settimane  ed arriviamo al periodo intercorso fra il 5 febbraio  – 20 febbraio, nuova situazione delicata per la geologia del pianeta .

http://img143.imageshack.us/img143/6581/marteterramercurio.jpg

Interessante notare poi, come nei periodi temporali sopra citati, si siano manifestate delle macchie solari in posizione “earth-facing”  e contemporaneamente si siano presentati degli allineamenti planetari (Marte-Terra-Sole-Venere del 20 Gennaio e Marte-Terra-Mercurio del 5 Febbraio). Coincidenze, oppure nelle famose teorie enunciate da “Bendandi” delle maree solari ci può esser un filo di verità ? Cari miei, la risposta ci sarà con i prossimi allineamenti planetari estivi ed autunnali , il grande minimo solare sembra incombere e i disturbi magnetici, se pur modesti, pure. Quale migliore occasione per osservare se veramente ci possano essere delle fondamenta di verità su quanto enunciato in precedenza. In conclusione è facile osservare come l’intero periodo a cavallo tra metà Gennaio – metà Febbraio sia stato un periodo di modeste sollecitazioni solari sul nostro pianeta, tuttavia interessante da un punto di vista geologico con molteplici scariche sismiche con M > 6.0 e forti segnali di ripresa dell’attività vulcanica ! I primi effetti di questo minimo solare sulla geologia terrestre ?

The Role of Explosive Volcanism During the Cool Maunder Minimum

http://adsabs.harvard.edu/abs/2002AGUFMPP61A0298A

Relationship between global seismicity and solar activities

http://www.springerlink.com/content/buvw2tq081013210/fulltext.pdf?page=1

Prendendo a campione questo studio, troviamo scritto: Solar activity and global seismicity of the earth

http://www.springerlink.com/content/753717276h869880/

“Abstract  Results of studying the character and possible succession of cause-effect relations (in going from a disturbance source on the Sun to a response in the lithosphere in the range of periods from several days to the 11-year solar cycle) have been presented. It has been indicated that the maximum of seismic energy, released from earthquake sources in the 11-yr cycle of sunspots, is observed during the phase of cycle decline and lags 2 yr behind the solar cycle maximum. It has been established that the maximum in the number of earthquakes directly correlates with the instant of a sudden increase in the solar wind velocity.

Osserviamo allora che cosa è successo fra il 1 maggio e 2 maggio, festa del lavoro il 1 maggio per noi comuni mortali , ma giornata lavorativa per chi risiede nell’alto dei cieli a quanto sto per riportarvi ! Immagine riassuntiva dell’attività solare manifestatasi a cavallo dei due giorni,da sottolineare la presenza della CH402 in posizione earth facing e la contemporanea manifestazione di due flare prodotti dalla AR1064 ! http://img696.imageshack.us/img696/2081/riepilogogiornata.jpg Adesso andatevi a leggere il report completo dell’attività sismica terrestre registrata dal 1 al 2 maggio. Ho raccolto l’intera banca dati in un’unica immagine . Vi sembra tutto normale ? http://img248.imageshack.us/img248/130/terremoti12maggio.jpg A questo punto mi sorge spontanea una domanda, ma il nostro scudo protettivo è in buona forma ? Tutt’altro! Infatti come mostrato nell’immagine riportata qua sotto, non solo abbiamo avuto  una forte diminuzione del suo valore dell’intensità (vedi ultimi 400 anni)  ma recentemente come riportato in quest’articoli ha subito una forte accelerazione nel suo spostamento (polo nord magnetico)!

http://news.nationalgeographic.com/news/2009/12/091224-north-pole-magnetic-russia-earth-core.html

http://oregonstate.edu/dept/ncs/newsarch/2005/Dec05/magneticnorth.htm

E poi sono stati scoperti, recentemente dei veri e propri varchi o buchi nella magnetosfera terrestre. Rilevamenti effettuati dai cinque satelliti “Themis” della Nasa.

http://science.nasa.gov/science-news/science-at-nasa/2008/16dec_giantbreach/

Procedendo nell’analisi temporale del grafico abbiamo, il sisma verificatosi in Cile il domenica 28 Febbraio del quale , in prima analisi, non si evince nessuna  relazione solare o allineamento planetario scatenante, salvo per questa particolare quanto “strana” e “rara” dinamica solare verificatasi in data 25 Febbraio :   The ‘Great Magnetic Filament’

Nota giornalistica ripresa da sito “Spaceweather”:  http://spaceweather.com/archive.php?view=1&day=25&month=02&year=2010

Solar and Heliospheric Observatory (SOHO) images bracket the eruption between 0719 UT and 1919 UT on Feb. 24th. The event did not produce a bright solar flare, as sometimes happens when filaments erupt, but there was a coronal mass ejection (CME). SOHO coronagraphs observed at least one and possibly as many as three clouds billowing away from the sun: movie. If any of this material is heading for Earth–a big unknown!–it would arrive on Feb. 27th or 28th. Arctic sky watchers should be alert for auroras on those dates.

Avete letto bene ! Arrivo previsto per il 27/28 Febbraio …. ma che coincidenza, proprio lo stesso giorno del sisma Cileno ! A conclusione di quest’ultima trattazione lasciatemi riportare questo collegamento, dove sembra, che altri appassionati alle dinamiche solari e/o sismiche si siano accorti di queste particolari correlazioni esistenti fra quest’ultime due fenomenologie. http://www.abovetopsecret.com/forum/thread559327/pg1

ANALISI INTERVALLO 6 MARZO – 20 MAGGIO 2010

Per vedere ingrandito: http://img9.imageshack.us/img9/6820/analisimarzoaprilemaggi.jpg

Adesso  invece, passiamo  all’analisi di questo secondo intervallo di tempo, qui osservando il grafico, salta subito ad un’occhio attento, che l’andamento dell’indice “Ap” segue molto bene l’andamento della curva con indicazione dei sismi giornalieri più intensi ! E non solo, è interessante notare come i disturbi geomagnetici più rilevanti siano la causa scatenante degli sciami sismici in alcune aree vulcaniche, come Yellowstone (2° sciame), situazione già precedentemente osservata nel primo grafico (1° sciame sismico nel parco di Yellowstone a partire dal 18 Gennaio). Anche in questi mesi emerge poi l’ulteriore interessante relazione esistente fra la comparsa di macchie solari in posizione  “earth facing” è gli allineamenti planetari !

Immagine riassuntiva del periodo compreso fra il 28 marzo – 12 aprile :

http://img405.imageshack.us/img405/1862/terramercuriovenere.jpg

E in conclusione immagine riassuntiva del periodo compreso fra il 30 aprile – 10 maggio :

http://img171.imageshack.us/img171/9870/terramercuriosole.jpg

Piccola curiosità poi sul vulcano Islandese dal nome impronunciabile Eyjafjallajökul quella che riporto qua sotto è l’immagine dei tremori che hanno preceduto l’ultima nuova intensa fase eruttiva del 6 Maggio. Notate come i battiti ossia l’incremento dei tremori nel sottosuolo (28 aprile-2 maggio) sia proprio coinciso con l’ultimo modesto disturbo geomagnetico a cui è andato incontro il pianeta ! Coincidenze? Ripeto, non è che il magma la sotto segue le dinamiche solari ?

http://img13.imageshack.us/img13/590/godtrem.gif

MICHELE

Link-collegamenti da cui ho prelevato il materiale :

Software per creazione grafico : http://www.alentum.com/agrapher/index.htm

Elenco aggiornamenti su report attività vulcanica globale : http://www.volcanolive.com/news.html

Indice “Ap” gennaio febbraio  marzo:http://www.swpc.noaa.gov/ftpdir/indices/old_indices/2010Q2_DGD.txt

Indice “Ap” aprile  maggio : http://www.swpc.noaa.gov/ftpdir/indices/old_indices/2010Q1_DGD.txt

Catalogo flare categoria “M” : http://www.lmsal.com/solarsoft/latest_events_archive.html

Archivio attività sismica registrata da inizio anno : http://geofon.gfz-potsdam.de/db/eqform.php

Corona hole earth-facing : http://www.solen.info/solar/coronal_holes.html

  1. fra
    31 maggio 2010 alle 08:51

    interessante…

  2. 31 maggio 2010 alle 09:20

    Articolo strutturato in maniera impeccabile, dai contenuti notevoli!

  3. 31 maggio 2010 alle 09:21

    Complimenti per l’articolo Michele bel lavoro!!!
    Sapete leggendo la citazione sopra de “DEL MOTO DEI PIANETI” mi son venuti in mente i tag RFid quelli che usano come antitacheggio nei supermercati e non solo…, che funzionano proprio in modo simile (fatte le dovute proporzioni), nel senso che quando nelle immediate vicinanze di un tag 5 10 cm si trova un campo elettromagnetico ad una determinata frequenza, si attiva il chip integrato al loro interno che semplicemente rimodulando la stessa sorgente emette il loro codice di riconoscimento. e così sembra anche l’interazione dei campi dei corpi celesti che quando si trovano in determinate configurazioni “attivano” i pianeti e variano i campi sorgenti in una nuova condizione.

    Alessio

  4. Fabio2
    31 maggio 2010 alle 10:00

    Tema veramente di frontiera e difficilissimo da valutare.
    Direi complimenti per il coraggio dimostrato da Michele.
    Ora che hai notato delle correlazioni interessanti, non ti resta che scoprire le leggi fisiche che legano il magnetismo solare ai movimenti della crosta terrestre.
    Buon lavoro🙂

  5. Fede78
    31 maggio 2010 alle 10:36

    Sono un lettore di NIA da febbraio e volevo fare i complimenti a tutti. Nell’occasione volevo chiedere la seconda parte dell’articolo di Bendandi. Su Internet da qualche tempo gira una sua predizione su un prossimo terremoto che si verificherà a Roma l’11 maggio 2011, verità o bufala? Quale sarà lo scenario planetario x quel giorno?

  6. fra
    31 maggio 2010 alle 11:02

    purtroppo tutti gli scritti di bendandi non sono disponibili ( almeno online o forse non sono riuscito a trovarli ),sarebbe interessante leggerli e cercare di capirci qualcosa…è evidente che comunque non era un pazzo. Forse tu Michele riuscirai senz’altro a trovare maggiori informazioni.
    A proposito di interazioni Sole-Terra c’è un gruppo su facebook che pubblica info a riguardo, dando quasi certo questo collegamento http://www.facebook.com/photo.php?pid=228887&id=109146875781080#!/pages/CoincidenzeAvvisiStranezze-prima-di-un-TERREMOTO/109146875781080

  7. fra
    31 maggio 2010 alle 11:02

  8. fra
    31 maggio 2010 alle 11:03

    fra :
    http://www.facebook.com/photo.php?pid=228887&id=109146875781080#!/pages/CoincidenzeAvvisiStranezze-prima-di-un-TERREMOTO/109146875781080

    copiate e incollate tutto il link che per intero non si attacca…. e scusate il doppio, anzi triplo post!

  9. Alex
    31 maggio 2010 alle 11:20

    E’ una coincidenza che l’articolo esce proprio quando stò scrivendo in che modo l’attività solare contribuisce a generare terremoti e vulcanismo?
    Bello come articolo e ben documentato nno provato a smentire tali correlazioni ho solo sentito che tutto ciò non era possibile,il problema è che non hanno nulla dsi concreto per smentire tutto ciò.
    Alex

  10. ice2020
    31 maggio 2010 alle 11:45

    Innanzitutto complimenti a Michele perchè ha fatto davvero un lavoro esauriente!

    Sul Bendandi, Andrea-b mi ha detto che prima di far uscire la seconda parte dell’articolo, deve aspettare l’ok da Faenza e che prima sta lavorando per loro.

    abbiate pazienza, perchè c’è tanto amteriale che il nostro andrea è riuscito ad avere in possesso!

    Simon

  11. Michele
    31 maggio 2010 alle 12:09

    Buongiorno,innanzitutto un grazie a tutti voi per i complimenti !

    Allora notizia fresca…fresca…dopo il risveglio dei noti vulcani in Ecuador/Guatemala addesso abbiamo un nuovo risveglio nel Pacifico !

    http://www.pacificnewscenter.com/index.php?option=com_content&view=article&id=5505:cnmi-disaster-emergency-after-underwater-volcano-erupts&catid=45:guam-news&Itemid=156

    Naturalmente anche questa è un’altra coincidenza,sempre nello stesso intervallo di tempo !

    Personalmente la cosa che mi preoccupa maggiormente non sono tanto queste scariche,
    che a mio parere ci son sempre state!, ma la salute della nostra magnetosfera!
    Siamo letteralmente con le difese “Immunitarie” un pò bassine !

    @ Per il Club dei fan di Bendandi

    Non ci facciamo prendere da scoop sensazionalistici,proclami,allerte o quant’altro!
    Sappiamo pochissimo, se non “Nulla” del lavoro di Bendandi!
    Siamo letteralmente “Working in progress”
    Simon è stato molto chiaro!

  12. 31 maggio 2010 alle 12:26

    vulcano Mount Yasur notizie:
    http://www.meteoweb.it/cgi/intranet.pl?_cgifunction=form&_layout=news&keyval=news.news_id%3d21843

    Per il resto ottimo articolo complimenti!

  13. Artek
    31 maggio 2010 alle 12:35

    Ottimo articolo.

    Però manca una teoria solida di causa ed effetto di base, del sistema terra.
    Non si capisce se la forza geomagnetica è influenzata direttamente dal sole.
    Non si capisce come l’energia cinetica del vento solare agisca sui moti convettivi.
    E’ un attività solare solare bassa o alta per lunghi periodi di tempo, che rallentano il movimento della dinamo terrestre?
    Una compressione della magnetosfera durante fasi di forte sf, cosa causano?
    Cosa favorisce l’aumento dell’attività sismica? bassa circolazione geomagnetica o allineamento particolare del sistema solare?
    Un aumento significativo dei raggi cosmici, riscaldano il nucelo del pianeta in qualche modo, o favoriscono unicamente la formazione delle nubi?
    Che importanza ha l’inversione dei poli solari? favoriscono la dinamo terrestre o la inibiscono?

  14. Michele
    31 maggio 2010 alle 12:47

    Artek :
    Ottimo articolo.
    Però manca una teoria solida di causa ed effetto di base, del sistema terra.
    Non si capisce se la forza geomagnetica è influenzata direttamente dal sole.
    Non si capisce come l’energia cinetica del vento solare agisca sui moti convettivi.
    E’ un attività solare solare bassa o alta per lunghi periodi di tempo, che rallentano il movimento della dinamo terrestre?
    Una compressione della magnetosfera durante fasi di forte sf, cosa causano?
    Cosa favorisce l’aumento dell’attività sismica? bassa circolazione geomagnetica o allineamento particolare del sistema solare?
    Un aumento significativo dei raggi cosmici, riscaldano il nucelo del pianeta in qualche modo, o favoriscono unicamente la formazione delle nubi?
    Che importanza ha l’inversione dei poli solari? favoriscono la dinamo terrestre o la inibiscono?

    Vedi Artek il discorso è molto , molto più complesso e vasto, per poterne parlare con semplice post…
    Come avrai letto ho citato pure Ighina e Tesla…ecco..io
    non vorrei finire la vita come il povero “Tesla” che trascorse l’ultime ore della sua vita rinchiuso in un albergo di New York, con i certi personaggi loschi che gli stavan dietro dalla mattina alla sera !

    Io preferisco starmene in giardino a curare i miei Cactus!
    Lasciamo il potere a chi detine il potere..politico e scientifico e altro….
    tanto come spesso riportiamo sul blog….
    al “Sole” la sentenza !

  15. Giovanni
    31 maggio 2010 alle 13:13

    CIao MIchele sono in giro x lavoro e non ho tempo in questo momento ma mi riprometto di leggere attentamente il tuo post che sembra interessante. E ti daro il mio parere da geologo.
    P.S: MOlto bello il post di ieri di Sand-Rio
    CIao
    a tutti

  16. Alex
    31 maggio 2010 alle 13:26

    Artek :Ottimo articolo.
    Però manca una teoria solida di causa ed effetto di base, del sistema terra.Non si capisce se la forza geomagnetica è influenzata direttamente dal sole.Non si capisce come l’energia cinetica del vento solare agisca sui moti convettivi.E’ un attività solare solare bassa o alta per lunghi periodi di tempo, che rallentano il movimento della dinamo terrestre?Una compressione della magnetosfera durante fasi di forte sf, cosa causano?Cosa favorisce l’aumento dell’attività sismica? bassa circolazione geomagnetica o allineamento particolare del sistema solare?Un aumento significativo dei raggi cosmici, riscaldano il nucelo del pianeta in qualche modo, o favoriscono unicamente la formazione delle nubi?Che importanza ha l’inversione dei poli solari? favoriscono la dinamo terrestre o la inibiscono?

    Domani provo a risponderti io che stò facendo un articolo a proposito di questi,nel frattempo può esserti utile questo http://expianetadidio.blogspot.com/2010/03/universo-incostante-connessione-tra.html

  17. 31 maggio 2010 alle 13:28

    Ottimo l´articolo di Michele, “al limite” come dice lui, ma dopo un limite c`é sempre un altro limite successivo.
    Michele, c´è una ripetizione di alcuni paragrafi, posso togliere i doppioni?

  18. ice2020
    31 maggio 2010 alle 13:33

    sand-rio :

    Ottimo l´articolo di Michele, “al limite” come dice lui, ma dopo un limite c`é sempre un altro limite successivo.
    Michele, c´è una ripetizione di alcuni paragrafi, posso togliere i doppioni?

    Eh si Sand-rio, la colpa è anche un pò mia che nn me ne sn accorto…

    procedi pure, anche senn so l’ordine a sto punto…

    michele illuminaci!

  19. EnzoR
    31 maggio 2010 alle 13:35

    Ottimo lavoro Miki

  20. Fabrizio
    31 maggio 2010 alle 13:39

    L’argomento è interessante. Mi chiedo se l’autore sarebbe in grado di segnalare su nia prima che avvengano sismi distruttivi indicando gli eventi scatenanti e le fonti di volta in volta. Successivamente in caso di successo si potrebbe accludere l’area geografica interessata anche a livello continentale non sarebbe male secondo me visto che i terremoti per la scienza ufficiale non sono prevedibili.

  21. Michele
    31 maggio 2010 alle 13:40

    sand-rio :
    Ottimo l´articolo di Michele, “al limite” come dice lui, ma dopo un limite c`é sempre un altro limite successivo.
    Michele, c´è una ripetizione di alcuni paragrafi, posso togliere i doppioni?

    Sandro modifica…modifica…ci mancherebbe !!!
    Curiosità…ma dove stava la ripetizione…

  22. Michele
    31 maggio 2010 alle 13:44

    Fabrizio :
    L’argomento è interessante. Mi chiedo se l’autore sarebbe in grado di segnalare su nia prima che avvengano sismi distruttivi indicando gli eventi scatenanti e le fonti di volta in volta. Successivamente in caso di successo si potrebbe accludere l’area geografica interessata anche a livello continentale non sarebbe male secondo me visto che i terremoti per la scienza ufficiale non sono prevedibili.

    Fabrizio fermiamoci quì, per favore …
    leggiti il post (replica) ad Artek !!
    chiaro…non giochiamo a fare dio !!

  23. Nitopi
    31 maggio 2010 alle 13:52

    Ciao Michele…
    Vedo che hai lavorato sodo 8)

    Io sull’ipotesi dell’ifluenza magnetica sulle atività tettoniche terrestri sono abbastanza scettico. Sul satellite di Giove (IO) non ci piove, come pure su Encelado (Saturno) , anche se ci devono giocare parecchi le forze di marea.
    Per la terra i campi in gioco sono pero’ molto più bassi, e le masse da smuovere … molto più alte… con tempi di risposta… molto più lunghi….
    (mio opinione) .

    C’e’ da dire comunque che una spiegazione soddisfacente del magnetismo terrestre non c’e’….

    Ciao
    Luca

    P.S.
    Per “soddisfacente” intendo che non possa essere attaccada per qualche verso alla luce delle attuali conoscenze.

    Ciao
    Luca

  24. Michele
    31 maggio 2010 alle 13:55

    @ Alex

    Ammiro molto la passione con la quale porti avanti il tuo blog, una sola cosa però
    quando vado ad aprire il sito!
    E che pizza..mi vai in crash..il pc con tutte quelle immagini…link..aggiornamenti !
    Non ha mai valutato l’ipotesi di semplificaro ?

  25. Michele
    31 maggio 2010 alle 14:01

    @ Luca Nitopi

    Avevo realizzato anche una piccola introduzione al tema…ma mi è stata bocciata dalla “Censura di stato”…
    in primis la moglie….
    in secondis da Simon…
    Oltre al lavoro ci sarebbe stato da ridere…
    Giusto cmq ci mancherebbe ….è già bello “Succoso” e “Ripieno” così!

    Cmq Luca dici di escludere le influenze magnetiche…ma se si trattasse invece di qualche altro tipo di forza ???
    Qui lo dico e poi lo nego !

  26. Artek
    31 maggio 2010 alle 14:24

    Grazie Michele e Grazie Alex.

    Volevo fare una ultima considerazione.

    Come mai l’energia prodotta dal nucleo terrestre non viene mai presa in considerazione in nessun modello?
    Voglio dire, si calcola, molto approssimativamente, che vengano prodotti 4 mila miliardi di kw/h dal nucelo stesso, a cui va aggiunto l’immenso calore prodotto dagli attriti del mantello, rispetto a nucleo e crosta (non ancora quantificabili)
    E’ notoriamente ammesso dalla scienza ufficiale, che nucleo, mantello e crosta si muovano a velocità differenti.
    E’ impensabile ,quindi,ipotizzare che la terra stessa, abbia dei cicli propri di riscaldamento/raffreddamento ,di aumento/diminuzione della dinamo e di espansione/contrazione?
    E se presentasse dei cicli di inversione polare simili a quelli solari ma con lassi di tempo non ancora quantificabili?
    Del resto la “volatilità” delle componenti solari che muovono il nastro trasportatore è molto maggiore di quella terrestre. Le masse sono incredibilmente più veloci negli spostamenti.

    Se per ipotesi assurda, la terra avesse dei cicli (ancora non quantificabili) di inversione dei poli e di massima/minima attività del nucelo, si spiegherebbero tantissime cose.
    Non potrebbe essere che per assurdo, la dinamo (quindi il nucleo), abbiano la tendenza a diminuire velocità, fino all’inversione magnetica, che ne causerebbe la rimessa in moto a velocità massima?

    Scusatemi ancora, per queste affermazioni un pò fantasiose. Ma calcoli alla mano: attività solare, allineamento pianeti, raggi cosmici, e cicli di milankovich non sono sufficenti a spiegare la formazione delle vere ere glaciali, ma solamente ed in parte le peg.

  27. ice2020
    31 maggio 2010 alle 14:55

    Intanto il sidc per oggi mette un SN di 2, metti 0 che fai prima, dato che sarebbe spotless il sole!

    Cmq con i dati che ho aggiornato, il mese per il sidc finirebbe a 8.7!

    A domani per l’articolo riassuntivo del mese di maggio

  28. Giovanni
    31 maggio 2010 alle 15:08

    HO letto velocemente l’articolo e altrettanto velocemente e senza rancore vorrei “smontarti” alcune cose…e poi torno al lavoro.
    1)Il punto di partenza della mia critica é questo. BIsogna fare molta attenzione alle fonti. Citare un lavoro del 1930 a titolo “DEL MOTO DEI PIANETI” riguardo alla geologia dei terremoti (e alla geologia ingenere) é un po come leggersi S.Agostino per capire la struttra dell’universo o un testo predarwiiano per capire l’evoluzione delle specie. Negli anni 30 la geologia non era quasi nata come scienza. Una comprensione e spiegazione di vulcani e terremoti come fenomeno globale driva dalla tettonica delle placche introdotta alla metà degli anni 70. Negli anni 30 non si sapeva nulla sul mantello terrestre, sulla dinamica di formazione dei fludi magmatici, non si conoscevano le rocce metamorfiche, si pensava che fossili e minerali fossero scherzi di Dio per ingannare l’uomo. Insomma quel libro va bene per farsi una lettura storica, non sicuramente per porre delle basi scientifiche.
    2) il paragone che fai tra Io-GIove Terra-Sole, mi sembra quantomeno azzardato anche solo per i numeri in gioco troppo diversi
    Diametro Io 3’643 km Distanza Io-GIove 421’800 km
    Diametro TErra 12’745,594 km Distanza Terra-Sole 149’597’887 km
    LE forza in gioco elettromagnetiche ed altro non sono paragonabili, visto che poi sono forze che diminuscono con il quadrato dlla distanza.
    Poi l’età di IO e Terra é probabilmente molto diversa e di conseguneza lo stato chimico fisico della crosta, del mantello e del nucleo

    3) Sulla Terra ci sono circa 300-500 terremoti al mese, non so come si possano correlare con 300-500 episodi di attività solare mensili.
    http://neic.usgs.gov/neis/qed/
    I terremoti e l’attività vulcanica principali sono disposte al 99% lungo le suture delle placche, convergenti e divergenti. La correlazione tra tettonica delle placche o tettonica e basta con terremoti e vulcano é talmente chiara e stretta e direi indissolubile che é assurdo ipotizzare altre relazioni, un po come cercare al di fuori dal sole la sorgente di luce e calore che inonda quotidianamente la terra.
    4) SE l’attività solare avesse in qualche modo un’influenza preponderante sull’attività sismica e vulcanica vorrebbe dire che le forza in gioco sarebbero tali che le forme di vita sarebbero estinte da tempo, che i mari e gli oceani dovrebbero risentire di questa influenza (in quanto superficiali) decine e cantinaia di volte piu intensamente delle rocce e dei magmi in profondità ( le camere magmatiche stanno sotto un crosta di roccia solida di 20-70 km). Inoltre il clima e l’atmosfera cosi fragili dovrebbero essere devastati da un’azione tale da riuscire a scatenare terremoti ed eruzioni vulcaniche
    5) L’unica possibilità che ritengo plausibile é l’influenza solare sul campo magnetico e sull’inversione dei poli terrestre e eventualmente dell’azione solare come innesco a delle reazioni che avverebbero comunque. Nel senso che posso accettare che l’attività solare in generale possa favorire ( effetto catalizzatore) un terremoto o un eruzione, che comunque avverebbero per altri fattori. Il senso sarebbe questo…come un cerino buttato su una pozza di benzina scatena delle fiamme. COsi un cerino gettato nell’oceano (escluso il golfo del messico) si spegne e basta. Altro esempio se io metto un oggetto in bilico, basta un po d’aria, una leggera vibrazione per farlo cadere ( in questo senso puo agire il sole nei confronti di terremoti e vulcani). Se pero’ l’oggetto é ben stabile inchiodato a un piano, per falo cadere ci andrenne un uragano o una scossa di terremoti del 9°grado richter.
    COmunque complimenti per la ricerca. TI consiglio di leggere anche qualcosa sulla tettonica delle placche, e sulla vita del nostro pianeta che in ogni caso non puo far male.
    Ciao
    Giovanni

  29. Giovanni
    31 maggio 2010 alle 15:33

    Ah un’ultima cosa. NOn bisogna fare l’errore che fanno queli dell IPCC. I terremoti e i vulcani sono fenomeni geologici che hanno scale di tempo geologiche. COsi come non ha senso utilizzare le teperature degli ultimi 150 anni per dire che c’é stato un record di temperatura, mai registrato nel mondo mondiale, allos tesso modo ha veramente poco senso fare una statistica dei terremoti mensile per dire come hai fatto tu:

    In questi mesi ho deciso di ricostruire “graficamente” quest’anomalo inizio 2010 sia da un punto di vista solare ………..che terrestre con l’andamento sismico vulcanico del pianeta .

    Anomalo rispetto a cosa? al quaternario, al mesozoico, al triassico?, non sicuramente rispotto agli ultimi 1 10 100 1000 anni perché non avrebbe senso. RIcordatevi sempre che un giorno , un mese umani equivalgono a dei nanosecondi geologici. QUindi tu stai dicendo : in quel nano secondo i terremoti sono stati anomali rispetto al nano secondo precedente (parlando di un fenomeno che ha cicli, in raporto al nanosecondo, mensili!). Che senso ha?

    ALTRA FRASE

    Secondo quest’ultimi ricercatori di confine , la terra sarebbe soggetta ciclicamente a vere e proprie scariche energetiche (gravitazionali e/o di natura elettromagnetica) prodotte dalla nostra stella e/o pianeti del sistema solare che che andrebbero ad influire, nel breve intervallo di tempo nel quale si verificano, sulle dinamiche geologiche del pianeta, producendo vere proprie fratture nel sottosuolo con sismi ed rimescolamenti magmatici se cosi terra-terra possiamo definirli.

    queste cose le dicevano nel medio evo quando pensavano che ci fosse l’inferno al centro della terra.
    Le fratture ci sono si chiamano faglie e hanno un ciclo di vita di milioni di anni. I magmi non si rimescolano pio tanto visto che a livello petrografico per ogni ambiente geologico, per ogni tipo di roccia sorgente il magma ha una sua improta digitale ben definita. IL magma del Etna ha l suo codice genetio caratteristico di un magma basaltico intracontinentale ed é completamente diverso dal magma acido-intermedio del suo vicino cugino vesuvio.

  30. Fabio2
    31 maggio 2010 alle 15:34

    ice2020 :Intanto il sidc per oggi mette un SN di 2, metti 0 che fai prima, dato che sarebbe spotless il sole!
    Cmq con i dati che ho aggiornato, il mese per il sidc finirebbe a 8.7!
    A domani per l’articolo riassuntivo del mese di maggio

    Ma il solar flux di maggio è comunque sotto quello di aprile e direi che tanto basta.

    Ora giugno, a mio avviso un mese potenzialmente decisivo per comprendere le sorti di questo minimo: se il solar flux dovesse segnare un altro calo, specie se netto, io direi che con tutta probabilità il ciclo 24 sarebbe finito……altrimenti, secondo me bisognerebbe attendere perlomeno fino a fine anno per tirare le somme.

  31. Michele
    31 maggio 2010 alle 15:49

    Non importa che tu mi “smonti” Giovanni son già “smontato” di mio !!

    Punto 1)
    Gallina vecchia fa buon brodo, anche se non ti potrà sonar ad orecchio!

    Punto 2)
    Nei tuoi calcoli geologi, nucleo mantello fratture etc…è stata presa in considerazione questa cosa !

    http://www.spaceweather.com/archive.php?view=1&day=30&month=05&year=2010

    “On May 29th, the interplanetary magnetic field (IMF) tilted south and opened a crack in Earth’s magnetosphere. Solar wind poured in and fueled a G1-class geomagnetic storm.”

    Craccare la magnetosfera non è cosa da tutti i giorni

    Punto 3)
    Le scariche principali, quelle con magnitudo maggiore di 6, non tutte !
    E poi dici :
    “possano correlare con 300-500 episodi di attività solare mensili.”

    Io ho preso in considerazione gli eventi più intensi delle dinamiche solari,
    non ho mica conteggiato, ad esempio tutti i flare, anche i più piccoli!!

    Punto 4)
    Visto che parli di forme di vita..estinzioni e altro:
    Ti consiglio la lettura di questo testo!
    30 pagine di citazioni ad studi…..Bibliografia (testi scientifici)
    http://macroedizioni.it/libri/la-prossima-era-glaciale.php

    Punto 5)
    Condivido

    Grazie Giovanni,
    ci risentimao fra 5/6 mesi e controlliamo ancora come reagisce la geologia terrestre alle prossime sollecitazioni solari..ad esempio un bel
    “SOLAR FILAMENT”…

  32. 31 maggio 2010 alle 16:12

    Michele ha svolto un lavoro di “aggiornamento” su quanto gi[a discusso in questi articoli:
    https://daltonsminima.wordpress.com/2010/04/15/ma-i-terremoti-stanno-veramente-aumentando/
    https://daltonsminima.wordpress.com/2010/04/16/correlazione-tra-il-minimo-solare-e-violente-attivita-geofisiche/

    Nessuno ha la veritá in tasca e sicuramente la geologia si muove su spazi temporali che a noi sono poco familiari, poi tutto dipende sempre dall´uomo e dalla sua volontá e ricerca “umanesima” di voler controllare la natura e voler cercare di predire il futuro… che ci fa sempre paura.

  33. Michele
    31 maggio 2010 alle 16:17

    Devo riscrivero un’altra volta….
    TESTO SCIENTIFICO !!!!

    Solar activity and global seismicity of the earth

    “It has been established that the maximum in the number of earthquakes directly correlates with the instant of a sudden increase in the solar wind velocity.”

    Il problema è sempre il solito…
    Il geologo fa il geologo e non studia l’astronomia…
    L’astronomo fa l’astronomo e non studia la geologia..

    Il bello è che io non ho studiato ne la geologia ne l’astronomia !!!

  34. Michele
    31 maggio 2010 alle 16:23

    Mi scusino lor signori per il termine “rimescolamenti”!!!

    La prossima volta riportero l’equazione differenziale che esprime la pressione applicata sulla placca continentale, considerando le dilatazioni e le oscillazioni oceaniche….

  35. Fabio2
    31 maggio 2010 alle 16:42

    Fabio2 :

    ice2020 :Intanto il sidc per oggi mette un SN di 2, metti 0 che fai prima, dato che sarebbe spotless il sole!Cmq con i dati che ho aggiornato, il mese per il sidc finirebbe a 8.7!A domani per l’articolo riassuntivo del mese di maggio

    Ma il solar flux di maggio è comunque sotto quello di aprile e direi che tanto basta.
    Ora giugno, a mio avviso un mese potenzialmente decisivo per comprendere le sorti di questo minimo: se il solar flux dovesse segnare un altro calo, specie se netto, io direi che con tutta probabilità il ciclo 24 sarebbe finito……altrimenti, secondo me bisognerebbe attendere perlomeno fino a fine anno per tirare le somme.

    Naturalmente non posso escludere a priori che il solar flux continui a scendere per qualche mese ancora e poi risalga nettamente e l’attività solare riprenda come se niente fosse e più intensa dello scorso autunno.
    Tuttavia, in questo caso ci troveremmo in terreno sconosciuto per noi che osserviamo bene il Sole da poco meno di 250 anni.

    Ergo, se il Sole si comporta come ha fatto negli ultimi 250 anni circa, o a giugno riparte oppure il ciclo è andato.

  36. Artek
    31 maggio 2010 alle 16:45

    Ma avete notato quanto sta pompando il sole?
    Il vento solare sta continuamente aumentando di ora in ora!
    E’ pure in atto un aurora estesa!

  37. GIANFRANCO
    31 maggio 2010 alle 17:07

    Michele :

    Punto 4)
    Visto che parli di forme di vita..estinzioni e altro:
    Ti consiglio la lettura di questo testo!
    30 pagine di citazioni ad studi…..Bibliografia (testi scientifici)
    http://macroedizioni.it/libri/la-prossima-era-glaciale.php

    Robert W Felix non è uno scienziato.

    “Is Felix a climatologist, a volcanologist or an oceanographer? Er, none of the above. His biography describes him as a “former architect”. His website is so bonkers that I thought at first it was a spoof. Sadly, he appears to believe what he says. But there, indeed, was all the material that Bellamy cited in his letter, including the figures – or something resembling the figures – he quoted. “Since 1980, there has been an advance of more than 55% of the 625 mountain glaciers under observation by the World Glacier Monitoring group in Zurich.” The source, which Bellamy also cited in his email to me, was given as “the latest issue of 21st Century Science and Technology”.

    21st Century Science and Technology? It sounds impressive, until you discover that it is published by Lyndon LaRouche. Lyndon LaRouche is the American demagogue who in 1989 received a 15-year sentence for conspiracy, mail fraud and tax-code violations. He has claimed that the British royal family is running an international drugs syndicate, that Henry Kissinger is a communist agent, that the British government is controlled by Jewish bankers, and that modern science is a conspiracy against human potential.”

    fornte: http://www.guardian.co.uk/environment/2005/may/10/environment.columnists

  38. Alex
    31 maggio 2010 alle 17:20

    Michele 31 maggio 2010 alle 13:55 | #24 Quota @ Alex

    Ammiro molto la passione con la quale porti avanti il tuo blog, una sola cosa però
    quando vado ad aprire il sito!
    E che pizza..mi vai in crash..il pc con tutte quelle immagini…link..aggiornamenti !
    Non ha mai valutato l’ipotesi di semplificaro ?

    Se vuoi vedere tutto senza ne sfondo o complicazioni basta che guardi qui.
    http://expianetadidio.blogspot.com/feeds/posts/default?alt=rss

  39. Andrea B
    31 maggio 2010 alle 17:24

    Ottimo articolo Michele

  40. Michele
    31 maggio 2010 alle 17:42

    @ Alex & Andrea B

    Grazie

    @ Gianfranco

    Appunto è quello il bello!
    Studiati la vita privata di leonardo da Vinci..az….
    ihh..ihhhh..ihhh alla Bora

  41. ice2020
    31 maggio 2010 alle 17:45

    Fabio2 :

    Fabio2 :

    ice2020 :Intanto il sidc per oggi mette un SN di 2, metti 0 che fai prima, dato che sarebbe spotless il sole!Cmq con i dati che ho aggiornato, il mese per il sidc finirebbe a 8.7!A domani per l’articolo riassuntivo del mese di maggio

    Ma il solar flux di maggio è comunque sotto quello di aprile e direi che tanto basta.
    Ora giugno, a mio avviso un mese potenzialmente decisivo per comprendere le sorti di questo minimo: se il solar flux dovesse segnare un altro calo, specie se netto, io direi che con tutta probabilità il ciclo 24 sarebbe finito……altrimenti, secondo me bisognerebbe attendere perlomeno fino a fine anno per tirare le somme.

    Naturalmente non posso escludere a priori che il solar flux continui a scendere per qualche mese ancora e poi risalga nettamente e l’attività solare riprenda come se niente fosse e più intensa dello scorso autunno.
    Tuttavia, in questo caso ci troveremmo in terreno sconosciuto per noi che osserviamo bene il Sole da poco meno di 250 anni.

    Ergo, se il Sole si comporta come ha fatto negli ultimi 250 anni circa, o a giugno riparte oppure il ciclo è andato.

    Non credo che se a giugno il sole nn riparte, questo ciclo è andato.

    Bisognerebbe cmq aspettare almeno la fine dell’estate credo…

    Simon

  42. ice2020
    31 maggio 2010 alle 17:45

    Certo, poi ogni mese che passa così è sicuramente un altro tassello che rende sempre più possibile l’aborto del ciclo solare nuemro 24!

  43. Fabio2
    31 maggio 2010 alle 18:02

    ice2020 :

    Fabio2 :

    Fabio2 :

    ice2020 :Intanto il sidc per oggi mette un SN di 2, metti 0 che fai prima, dato che sarebbe spotless il sole!Cmq con i dati che ho aggiornato, il mese per il sidc finirebbe a 8.7!A domani per l’articolo riassuntivo del mese di maggio

    Ma il solar flux di maggio è comunque sotto quello di aprile e direi che tanto basta.Ora giugno, a mio avviso un mese potenzialmente decisivo per comprendere le sorti di questo minimo: se il solar flux dovesse segnare un altro calo, specie se netto, io direi che con tutta probabilità il ciclo 24 sarebbe finito……altrimenti, secondo me bisognerebbe attendere perlomeno fino a fine anno per tirare le somme.

    Naturalmente non posso escludere a priori che il solar flux continui a scendere per qualche mese ancora e poi risalga nettamente e l’attività solare riprenda come se niente fosse e più intensa dello scorso autunno.Tuttavia, in questo caso ci troveremmo in terreno sconosciuto per noi che osserviamo bene il Sole da poco meno di 250 anni.
    Ergo, se il Sole si comporta come ha fatto negli ultimi 250 anni circa, o a giugno riparte oppure il ciclo è andato.

    Non credo che se a giugno il sole nn riparte, questo ciclo è andato.
    Bisognerebbe cmq aspettare almeno la fine dell’estate credo…
    Simon

    Non possiamo dirlo con certezza, è chiaro, 250 anni di osservazioni (di cui in realtà poco meno di 200 realmente attendibili) non bastano, rispetto a miliardi di anni di attività solare.

    Tuttavia, stando ai dati sul sunspot number disponibili, se non mi è sfuggito qualcosa, quattro mesi consecutivi (o più) di calo indicavano sempre il declino del ciclo dopo il massimo.

  44. bari87
    31 maggio 2010 alle 18:14

    ot sole: cioè se non siamo oggi spotless mi faccio prete!!

    intanto continua la tempesta geomagnetica, vento solare che ha superato i 600 metri al secondo!!

  45. ice2020
    31 maggio 2010 alle 18:25

    E’ a causa di un buco coronale…

    cmq per le sorti di questo minimo presto uscirà un articolo di Fabio-Nintendo che statistiamente mette in relazione questo ciclo ai passati…

    Allo stato attuale delle cose, io penso più ad un Damon o Dalton piuttosto che ad un ciclo abortito, ma è anche vero che può anche succedere.

    Simon

  46. 31 maggio 2010 alle 18:28

    bari87 :

    ot sole: cioè se non siamo oggi spotless mi faccio prete!!

    intanto continua la tempesta geomagnetica, vento solare che ha superato i 600 metri al secondo!!

    Il vento sta arrivando da una grande CH che é proprio di fronte la Terra.

  47. 31 maggio 2010 alle 18:41

    Anche la NASA adesso smentisce il rapporto dell´IPCC sul feedback del calore
    (324 W.M2) che ritornerebbero sulla Terra perché tale teoria viola la 1ª e la 2ª legge della termodinamica.
    Questo é il nuovo diagramma emesso dalla NASA

    e questo il diagramma dell´IPCC:

    Con questo diagramma l´IPCC poteva manipolare a piacimento i propri modelli con i gas serra (CO2).
    Ora la NASA rimette le cose a posto!

  48. ice2020
    31 maggio 2010 alle 18:46

    In questo articolo continuate a parlare i sole e attività geofisiche, in quello nuovo sopra di sole e clima e le ultime news.

    Grazie per la collaborazione, simon

  49. Alex
    31 maggio 2010 alle 18:58

    GIANFRANCO :

    Michele :
    Punto 4)Visto che parli di forme di vita..estinzioni e altro:Ti consiglio la lettura di questo testo!30 pagine di citazioni ad studi…..Bibliografia (testi scientifici)http://macroedizioni.it/libri/la-prossima-era-glaciale.php

    Robert W Felix non è uno scienziato.
    “Is Felix a climatologist, a volcanologist or an oceanographer? Er, none of the above. His biography describes him as a “former architect”. His website is so bonkers that I thought at first it was a spoof. Sadly, he appears to believe what he says. But there, indeed, was all the material that Bellamy cited in his letter, including the figures – or something resembling the figures – he quoted. “Since 1980, there has been an advance of more than 55% of the 625 mountain glaciers under observation by the World Glacier Monitoring group in Zurich.” The source, which Bellamy also cited in his email to me, was given as “the latest issue of 21st Century Science and Technology”.
    21st Century Science and Technology? It sounds impressive, until you discover that it is published by Lyndon LaRouche. Lyndon LaRouche is the American demagogue who in 1989 received a 15-year sentence for conspiracy, mail fraud and tax-code violations. He has claimed that the British royal family is running an international drugs syndicate, that Henry Kissinger is a communist agent, that the British government is controlled by Jewish bankers, and that modern science is a conspiracy against human potential.”
    fornte: http://www.guardian.co.uk/environment/2005/may/10/environment.columnists

    Quello scritto in questa citazione altro non è che un parere del The Guardian,i giornalisti non sono affidabili al 100% anzi pur di fare i favori di chi stà più in altro possono “sputtanare” o farne delle celebrità di chiunque,basti vedere il caso “Raciti” definito “Santo”.
    Robert nopn è uno scienziato ma comprati il libro e vedrai che le sue fonti sono scientifiche e molto autorevoli,e non sono 5 ma almeno una quaranta-cinquantina.
    Quanto scritto lì non solo è privo di fondamento ma non merita i nessuna presa in considerazione.
    Robert è una persona serie che fa le ricerche per conto suo,no è vincolato da restringiment governativi o scopi di lucro come Ipcc o AL Gore o Phil Jones e tutta quella marmaglia..

  50. paolo 72
    31 maggio 2010 alle 19:03

    Bell’articolo Michele interessante!

  51. GIANFRANCO
    31 maggio 2010 alle 20:02

    Michele :
    @ Alex & Andrea B
    Grazie
    @ Gianfranco
    Appunto è quello il bello!
    Studiati la vita privata di leonardo da Vinci..az….
    ihh..ihhhh..ihhh alla Bora

    Azz il nuovo Leonardo…😀
    Puoi postare alcune fonti, grazie.

    @Alex
    Hai letto il libro? Puoi postare alcune fonti, grazie.

  52. nitopi
    31 maggio 2010 alle 21:26

    Michele :
    Cmq Luca dici di escludere le influenze magnetiche…ma se si trattasse invece di qualche altro tipo di forza ???
    Qui lo dico e poi lo nego !

    Scusa risposta in ritardo…
    Mareale? Non so. Sole+Luna fanno il 99% (a occhio e sputo) dell’effetto Quindi qualche influaenza sull'”innesco” dei fenomeni potrebbero averla.
    Sempre opinione, ne’…

    Ciao
    Luca

  53. donato
    31 maggio 2010 alle 21:38

    Condivido poco o nulla dell’articolo di Michele per le motivazioni splendidamente illustrate da Giovanni. Ottimo il post di Sand-rio a proposito del nuovo diagramma della NASA circa il bilancio energetico della Terra. Ricordo che qualche settimana fa ci fu un accanito scambio di opinioni tra alcuni frequentatori del blog a proposito della potenza entrante e di quella uscente dall’atmosfera terrestre. Rimasi allibito nell’apprendere che la quantità di energia entrante era diversa da quella uscente. Fortunatamente le cose sono tornate al loro posto e grazie ad una struttura che molti dei frequentatori del blog considerano uno degli avamposti dell’impero del male. Come potete vedere la scienza “ufficiale” non è proprio da buttar via. Sarebbe il caso di rivedere alcuni giudizi estremamente negativi che emergono da articoli e commenti e che riguardano NASA, NOAA, ecc.
    Saluti e buon lavoro a tutti. Donato

  54. Michele
    31 maggio 2010 alle 22:22

    Anche oggi un pò ballerina la Terra !

    MAP 6.4 2010/05/31 19:51:49 11.119 93.698 127.7 ANDAMAN ISLANDS, INDIA REGION

    MAP 6.0 2010/05/31 10:16:03 6.925 123.995 33.0 MORO GULF, MINDANAO, PHILIPPINES

    OT
    @ Gianfranco

    In via del tutto eccezionale….
    http://www.giovannidallorto.com/biografie/leonardo/leonardo.html

  55. GIANFRANCO
    1 giugno 2010 alle 01:13

    Michele :
    Anche oggi un pò ballerina la Terra !
    MAP 6.4 2010/05/31 19:51:49 11.119 93.698 127.7 ANDAMAN ISLANDS, INDIA REGION
    MAP 6.0 2010/05/31 10:16:03 6.925 123.995 33.0 MORO GULF, MINDANAO, PHILIPPINES
    OT
    @ Gianfranco
    In via del tutto eccezionale….
    http://www.giovannidallorto.com/biografie/leonardo/leonardo.html

    Ti ringrazio, ma non chiedevo materiale sulla vita di Leonardo Da Vinci, ma alcune delle fonti autorevoli del libro da te citato.
    Grazie

  56. astropedro
    1 giugno 2010 alle 09:07

    Ciao michele, gran lavoro!!!
    un saluto a tutti voi, e grazie del lavoro che fate….

    (un salutone all’arciere nitopi!!)

  57. 1 giugno 2010 alle 10:28

    Complimenti davvero anche se questi grafici e dati sono stati messi insieme solo per confrontare la cronologia degli eventi sono molto interessanti.
    Ho letto anche delle critiche molto argomentare di Giovanni che le trovo molto sensate … però vorrei far notate che quando fino al 1600 in molti avevano visto oscillare i lampadari e avevano visto solo un lampadario che si muoveva … e in molti avevano visto cadere le mele dagli alberi e avevano visto solo mele non un spunto per la comprensione delle leggi della gravità. Avere in coraggio di mettere in discussione tutto, rielaborando tutto e osservare le cose attraverso un ottica differente é sempre una buona pratica. La mentalità dei “rivoluzionari” é sempre in contrasto con i dogmi ed il pensiero scientifico corrente..
    Grazie Michele e a tutti quelli che scrivono su NIA e hanno il coraggio di essere “rivoluzionari”.

  58. Michele
    1 giugno 2010 alle 10:52

    Grazie ragazzi !
    Naturalmente il lavoro non si conclude al 20 maggio !
    Il monitoraggio in contemporanea dell’attività solare/allineamenti planetari
    & sismico/vulcanica continua!
    Considerate poi che stiamo portando avanti gli studi sui testi Bendandi!
    Con la partecipazione anche dell’utente “Andrea B.”
    C’è proprio da dire…
    “to be continued …..”
    Il prossimo aggiornamento (articolo) penso che si terrà per metà Dicembre,
    in maniera tale da avere 6/7 mesi abbondanti di materiale sul quale poi dibattere !

  59. Picapere
    1 giugno 2010 alle 11:01

    Complimenti vivissimi a Michele x l’eccezionale articolo e per le energie profuse nelle ricerche.
    Effettivamente c’è una scuola di pensiero geologica un po’ “eretica” che associa i movimenti del magma nella crosta terrestre a qualcosa di + “elettro-fluidodinamico” rispetto ai meccanicismi un po’ banali della consueta plate tectonics, la teoria si chiama “surge tectonics” e sul web (chiedo scusa ma nn ho i riferimenti sottomano) si trovano interessanti articoli, alcuni dei quali correlano la circolazione magmatica con il “nido caldo” di El Nino, ricollegandosi agli studi a suo tempo fatti sulla correlazione tra Nino e attività sismica nel Pacifico occidentale.
    Chissà se si arriverà alla “grande unificazione”, correlando e colleganto tra loro clima, astonomia e geofisica….

  60. Giovanni
    3 giugno 2010 alle 11:21

    Ciao Michele continuo qui i commenti su sismi eruzioni e attività solare…
    c’é anche il sito di vulcanologia italiano che avevo dimenticato.
    http://www.ct.ingv.it/index.php
    Che ne penso , é un po lungo da spiegare. In breve posso dire che ci sono 2 tipi di scienziati indipendentemente dall specializzazione.
    1)Quelli che hanno delle visioni globali e generali di piu fenomeni
    2)quelli che studiano in estremo dettaglio un fenomeno o un suo singolo aspetto.
    Poi ci sono 2 modi di fare ricerca scientifica
    1)Ossevare, prendere dati e elaborare una teoria
    2) FOrmulare un’ipotesi e poi cercare dei dati o degli “esperimenti” (con modelli gis ad esempio) che la confermino.
    Il appartengo alla categoria 1-1
    La ricerca scientifica mondiale oggi appartiene alla categoria 2-2
    Quindi non so che dire rispetto alle dichiarazioni della CIvetta. Non sono uno specialista dei capi flegrei ma in ogni caso so che si tratta di idrotermalismo legato all’attività vulcanica. PEr me che diventi una zona vulcanica con tanto di nuovo vulcano che spazza via tutto o diventi una zona fossile in cui tutti i fenomni si esauriscono, non fa nessuna differenza, nel senso che in entrambe i casi fa parte della normale evoluzione di un area vulcanica di questo tipo, stratta tra una zona di apertura oceanica nel turreno e convergenza nell’adriatico ( questa si che é una situazione piu eccezionale).
    COmunque per darti una traccia su cui continuare i tuoi studi sulla relazione sole-attivita vulcanico-sismica mi é venuta in mente questa cosa. Una cosa che non si riesce a spiegare é il perché le zone di convergenza e di estensione si siano sviluppate cosi come sono. E non si riesce a spiegare perché in certe ere geologiche prevalgano in tutto il pianeta fenomeni di convergenza o in altri fenomeni di divergenza o quiescenza. LA risposta generica riguarda i moti convettivi del mantello e eventualmente del nucleo terrestre. IN questo caso puo essere che l’orbita terrestra e anche l’attività solare influenzino la direzione, l’accelerazione o il rallentamento di questi moti sotterranei e quindi influenzino di conseguneza i movimenti della placche sulla superficie terrestre ( la tettonica delle placche)
    CIao

  61. Michele
    3 giugno 2010 alle 12:55

    @ Giovanni

    In merito:

    “In questo caso puo essere che l’orbita terrestra e anche l’attività solare influenzino la direzione, l’accelerazione o il rallentamento di questi moti sotterranei e quindi influenzino di conseguneza i movimenti della placche sulla superficie terrestre ( la tettonica delle placche).”

    Si credo che il “Nocciolo” della questione si trovi proprio all’interno di queste
    tue parole. Nell’articolo effettivamente mi ero espresso con una terminologia un pò troppo in stile “Medioevale” come giustamente avevi riportato !

    Sto cercando informazioni in merito alle dinamiche del magma nel mantello !
    Infatti ricordo,che ufficialmente si ritiene che i movimenti nel nucleo fuso inducono una corrente che produce un campo magnetico. Giusto?
    Il modello è stato chiamato della “dinamo ad autoeccitazione”.
    Quindi l’interno della Terra presenta delle vere e proprie dinamiche “Elettromagnetiche”.
    Ed essendo il campo magnetico terrestre indebolitosi molto in questi ultimi secoli, non è che “Tutto” il sistema è maggiormente soggetto a queste scariche,
    provenienti dall’esterno, che passando da questi veri e propri buchi nella magnetosfera, entrando nel vero senso della parola nel mantello/nucleo e ne alteranno (per il breve periodo, nel quale si verificano) le dinamiche ??
    Producendo brevi ma significative acceler/deceler. nel movimento !!

    Quindi Attività Solare (magnetica) indebolità quindi ….ne risente l’intera eliosfera/magnetosfera terrestre…quindi anche i più picccoli disturbi geomagnetici alterano (localmente e brevemente dove la scarica si incanala) le
    dinamiche geologiche !

    Anche in questo “post” scusa per la terminologia non strettamente tecnico/scientifica ma questa è l’ipotesi che “ad oggi” ritengo da prendere più in considerazione!
    Coem si dice…la sento più a “pelle” !!

    Ciao

  62. Giovanni
    3 giugno 2010 alle 14:58

    Ciao michele e grazie della risposta.
    Saro breve che ho da lavorà
    1)mi sembra anche da questo ultimo commento che il soggetto di studio sia stato centrato pienamente
    2)Sicuramente l’inversione regolare dei poli magnetici della terra e la dinamica dei moti convettivi del mantello ( alla base della tettonica dell placche) non sono stai spiegati in maniera esaustiva
    3)La tua ricerca non dev’essere mirata a spiegare il singolo evento sismico o vulcanico, ma a spiegare nel suo inseime e in tempi geologici queste dinamiche. A proposito invece é venuto in mente un’aspetto interessante della relazione eruzioni-sisimi con attività solare riguardo alla prevenzione. Prendiamo esempio l’Aquila. In questo caso la scossa principale é stata preceduta da numerose scosse premonitrici. Ora tenuto presente che l’attività sismica nella regione aquilana é legata alla convergenza appenninica verso l’adriatico ( che é indipendente dal sole) si potrebbe cercare di capire se c’é una relazione tra le variazioni di attività solare e il fatto che il sisma si sia verificato a talgiorno e tal ora. In questo senso puo essere che l’accumulo di energia tensionale nelle rocce possa scaricarsi improvvisamente con una scossa sismica e che questqa scossa sismica sia innescata in quel preciso mometo da un evento esterno (solare) che fornisce la cosiddetta energia di attivazione ( come il cerino sulla benzina). In questo contesto quindi in un’area sismica o vulcanic attiva, in cui si puo prevedere un evento “a breve” é possibile che si possa prevedere il momento in cui questo evento si verificherà guardano all’esterno, cioé al sole. Resta sottinteso che nessuna variazione dell’attività solare é in grado di scatenare un terremoto o un’eruzione in una zona asismica o non vulcanica.
    4)Non sono uno specialista di geofisica, e moti convettivi del mantello quindi su questo non posso aiutarti se non con questi link a articoli che forse gia conosci

    http://www.nuclearplanet.com/Herndon's%20Geodynamics.html
    http://rsta.royalsocietypublishing.org/content/360/1800/2521.full.pdf
    http://www.ias.ac.in/currsci/jun252006/1605.pdf

    5)Infine ti vorrei mettere in guardia ancora una volta rispetto all’utilizzo di studi scientifici “antichi”. Diciamo che per la geologia gli anni pre secondaguerra mondiale corrispondono un po agli albori di questa scienza e in quel periodo avendo poche basi scientifiche sull’argomento era molto piu facile fare ipotesi strampalate o prive di fondamento ( come era piu facile credere a draghi e straghe nel medio evo). Poi concordo con te con il fatto che i lavri scientifici dell’epoca ed in particolare quelli degli anni 50-70 fossero molto piu validi completi e approfonditi di quanto non si faccia oggi quando il denaro e di conseguenza i consti e i tempi la fanno da padrone. Io stesso sono un po una vittima di questo sistema, quindi ne parlo per esperienza personale…
    Quindi stai in guardia anche dagli studi recenti, soprattutto dell’IPCC!
    In ogni caso va bene rimettere in discussione tutto, ma non rimettiamo in discussione che la terra é rotonda, anzi che é un geoide……

    Tienimi al corrente

    Ciao

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: