Home > Ciclo 24, Minimo di Eddy > 3° mese consecutivo che chiude sotto a febbraio!

3° mese consecutivo che chiude sotto a febbraio!

1 giugno 2010

Il SN di Febbraio 2010 ancora non è stato superato, e dopo marzo ed aprile, si aggiunge anche maggio che secondo i miei calcoli termina a 8.7 (nel corso della giornata uscirà il resoconto mensile del sidc che solitamente, guarda caso, alza sempre il SN rispetto alla somma dei singoli giorni che io eseguo ogni sacrosanto dì!)

Per il Noaa invece il mese chiude a 19.9, ma qui preferisco non commentare e stendere un bel velo pietoso…

La media mensile provvisoria del solar flux aggiustato si attesta a 75.41, valore più basso di quello di aprile che era di 76.24, ed anche da questo si intuisce facilmente che sia Sidc che Noaa in questo mese di maggio hanno esagerato i loro conteggi, a dir il vero il Sidc non proprio in maniera vergonosa, mentre il Noaa è davvero incommentabile!

https://daltonsminima.wordpress.com/dati-sole-in-diretta/

Ma noi da poco tempo abbiamo il nostro conteggio che riporta le cose a posto, così guarda caso, seguendo le semplici regole del Nia’s count, magicamente maggio chiude sotto ad aprile e cioè 3.2 contro 3.8, rendendo così giustizia al calo del flusso solare registrato nel mese appena trascorso, dimostrando quindi di aver trovato la giusta formula per garantire la continuità col passato, e di questo ringrazio nuovamente Fabo e Luca che lo hanno reso possibile!

https://daltonsminima.wordpress.com/nias-sunspot-number/

Inoltre l’ area delle regioni solari è in netta fase di decrescita rispetto ai mesi di gennaio, febbraio e prima parte di marzo, e ciò ovviamente va di pari passo al costante calo del solar flux. Con maggio, sono 4 i mesi in cui il flusso solare dopo aver raggiunto e superato la media mensile di 80, non è ancora decollato a 100, ma anzi come già esposto, sta continuando a calare progressivamente. Questo è importante perchè da quando lo si misura, il solar flux ci bada circa  5-6 mesi prima di arrivare a 100 una volta che ha raggiunto la media di 80! Staremo a vedere!

Vi lascio con un semplice grafico in cui si mettono a confronto i dati Sidc con quelli del Nia’s count dei primi 5 mesi del 2010:

fig.jpg

Quelli del Noaa li ho volutamente omessi, tanto hanno dimostrato di valere meno che 0!

A più tardi per eventuali aggiornament!

Simon

Update:

 maggio chiude a 8.8 per il sidc:

http://sidc.oma.be/products/ri_hemispheric/

  1. Michele
    1 giugno 2010 alle 08:24

    Buongiorno popolo di NIA,

    OT
    per la consueta rubrica “Il Vulcano del giorno”, vi segnalo l’esplosione del vulcano “Bezymianny” in Kamchatka !

    “Kamchatkan and Northern Kuriles Volcanic Activity
    KVERT INFORMATION RELEASE 26-10
    June 01, 2010, 02:40 UTC (20:40 KDT)
    KAMCHATKA:
    BEZYMIANNY VOLCANO: 55°58’N, 160°36’E; Elevation 2,895 m
    AVIATION COLOR CODE IS RED
    Strong explosive eruption of Bezymianny volcano occurred from 12:30 till 12:50 UTC on May 31, according to seismic data.
    The volcano obscured by clouds.
    Big ash cloud 127×93 km remain over the Central part of Kamchatka at present (NOAA-19, 01:21 UTC on June 01, last satellite).”

    http://www.kscnet.ru/ivs/kvert/updates.shtml

    Naturalmente per i geologi e tutto normale ….come il sisma che si è verificato in Costarica ….

    http://www.meteoweb.it/cgi/intranet.pl?_tit=06:44%20-%20Forte%20scossa%20a%20largo%20della%20Costa%20Rica&_cgifunction=form&_layout=news&keyval=news.news_id%3D21875

    TERREMOTI: FORTE SCOSSA MAGNITUDO 6.1 A LARGO COSTA RICA (ANSA-REUTERS)

  2. Nitopi
    1 giugno 2010 alle 08:33

    Eh Eh EH …
    Però prima di cantar vittoria … aspettiamo di collezionare almeno un annetto di dati😉
    Ciao
    Luca

  3. paolo 72
    1 giugno 2010 alle 08:38

    Ottime notizie!Ora a poco più di un mese da questo allineamento vediamo che succederà!Ciao e buona giornata a tutti!!!!

  4. Fabio2
    1 giugno 2010 alle 09:51

    Bene, ottimo resoconto Simon!

    Stamattina il Sole è praticamente senza macchie, ad eccezione di un minuscolo puntolino. Inoltre, il solar flux sta lentamente scendendo da qualche giorno.
    E, se vale ancora qualcosa, lo Stereo Behind è pulito come non si vedeva da tempo.
    Insomma, Giugno inizia con una prospettiva di calma assoluta.
    Però è bene essere prudenti e aspettare di vedere che cosa ci riserva la nostra stella: non si sa mai, una regione attiva con macchie all’interno possono comparire dal nulla nel giro di poche ore.

    In ogni caso, il Sole è davvero una continua sorpresa, anche perchè lo si conosce ancora così poco…..

  5. EnzoDD
    1 giugno 2010 alle 10:10

    Simon c’e’ un piccolo errore…. Maggio chiude a 8.7 non a 18.7:-)
    Enzo

  6. EnzoDD
    1 giugno 2010 alle 10:12

    Non riesco ad aprire fig.jpg…. mi pare Word e poi non mi visualizza niente!

  7. 1 giugno 2010 alle 10:21

    EnzoDD :

    Non riesco ad aprire fig.jpg…. mi pare Word e poi non mi visualizza niente!

    Infatti sarebbe meglio una classica jpg o un pdf io uso solo Linux e i file di tipo .docx é piuttosto indigesto …

  8. Fabio2
    1 giugno 2010 alle 10:40

    EnzoDD :Non riesco ad aprire fig.jpg…. mi pare Word e poi non mi visualizza niente!

    Se hai un convertitore in formato Word 2007 riesci ad aprirlo.

    Per Simon, forse è meglio convertire il file in formato Word 2003. Oppure cambiare formato (immagine).

  9. ice2020
    1 giugno 2010 alle 11:23

    Come si fa a cambiare formato?

    Mi vergogno a chiederlo, ma nn so come si faccia, se me lo spiegate passo epr passo, lo correggo…

  10. ice2020
    1 giugno 2010 alle 11:26

    EnzoDD :

    Simon c’e’ un piccolo errore…. Maggio chiude a 8.7 non a 18.7:-)
    Enzo

    Corretto, grazie!

    E’ che si vede che mi sn beccato il virus del Noaa… 😆

  11. Andrea B
    1 giugno 2010 alle 11:51

    ice2020 :
    Come si fa a cambiare formato?
    Mi vergogno a chiederlo, ma nn so come si faccia, se me lo spiegate passo epr passo, lo correggo…

    credo basti fare salva con nome formato non uso word ma open office di più non so

  12. Fabio2
    1 giugno 2010 alle 11:51

    ice2020 :Come si fa a cambiare formato?
    Mi vergogno a chiederlo, ma nn so come si faccia, se me lo spiegate passo epr passo, lo correggo…

    In Word scegli “Salva con nome” nel menù in alto a sinistra e salva in formato “Documento di Word 97-2003”, anzichè semplicemente “Documento di Word”.🙂

  13. Andrea B
    1 giugno 2010 alle 11:52

    oppure esporta come pdf, png, o jpg

  14. Fabio2
    1 giugno 2010 alle 12:01

    ice2020 :Come si fa a cambiare formato?
    Mi vergogno a chiederlo, ma nn so come si faccia, se me lo spiegate passo epr passo, lo correggo…

    Simon, hai una mail per una comunicazione urgente…..

  15. ice2020
    1 giugno 2010 alle 12:02

    Fabio2 :

    ice2020 :Come si fa a cambiare formato?
    Mi vergogno a chiederlo, ma nn so come si faccia, se me lo spiegate passo epr passo, lo correggo…

    In Word scegli “Salva con nome” nel menù in alto a sinistra e salva in formato “Documento di Word 97-2003″, anzichè semplicemente “Documento di Word”. :-)

    Fatto!

    Guardate un pò…

  16. ice2020
    1 giugno 2010 alle 12:08

    Fabio2 :

    ice2020 :Come si fa a cambiare formato?
    Mi vergogno a chiederlo, ma nn so come si faccia, se me lo spiegate passo epr passo, lo correggo…

    Simon, hai una mail per una comunicazione urgente…..

    Grazie Fabio!🙂

  17. Artek
    1 giugno 2010 alle 12:56

    Noto con piacere che il conteggio NIA e SIDC sono praticamente uguali durante i primi 5 mesi.
    Quindi le 2 scale sono perfettamente comparabili, tenendo conto delle differenze di conteggio.
    L’unico dubbio rimane proprio a maggio, dove SIDC mostra un incremento a differenza di NIA.

  18. ice2020
    1 giugno 2010 alle 13:01

    Artek :Noto con piacere che il conteggio NIA e SIDC sono praticamente uguali durante i primi 5 mesi.Quindi le 2 scale sono perfettamente comparabili, tenendo conto delle differenze di conteggio.L’unico dubbio rimane proprio a maggio, dove SIDC mostra un incremento a differenza di NIA.

    Ci sembra più ragionevole ritenere che questa sia la prova del nove che il nostro conteggio funziona e concilia perfettamente il rapporto col solar flux e col passato!

  19. Fabio2
    1 giugno 2010 alle 13:09

    ice2020 :

    Artek :Noto con piacere che il conteggio NIA e SIDC sono praticamente uguali durante i primi 5 mesi.Quindi le 2 scale sono perfettamente comparabili, tenendo conto delle differenze di conteggio.L’unico dubbio rimane proprio a maggio, dove SIDC mostra un incremento a differenza di NIA.

    Ci sembra più ragionevole ritenere che questa sia la prova del nove che il nostro conteggio funziona e concilia perfettamente il rapporto col solar flux e col passato!

    Infatti. Fino a prova contraria, il Solar Flux è una misura ben correlata all’attività solare.

    E’ invece strano che i conteggi delle macchie se ne discostino, soprattutto in termini di trend…..per questo darei retta al solo SF e tarerei il metodo di conteggio NIA con il SF, appunto, in caso di necessità.
    Poi magari un giorno qualcuno ci dirà che il SF non è più ben correlato con la dinamica delle macchie……vedremo…..o per caso qualche studioso l’ha già detto?

  20. giaguaro
    1 giugno 2010 alle 13:19

    Che gli eventi stiano prendendo una piega abbastanza comparabile con le ipotesi dei “veri” studiosi e non dei soliti furbastri è già una bella vittoria.
    Adesso a poco più di un mese dal 4 luglio si apre un periodo decisivo per le nostre domande, e di conseguenza per molte delle risposte che verranno.

  21. Fabio2
    1 giugno 2010 alle 13:33

    OT
    giusto per anticipare (in modo molto scorretto🙂 ) un pezzetto dell’analisi di Miki sulla prossima stagione invernale, vi propongo questo link facile facile, che sicuramente alcuni di voi già conoscono:

    http://www.cpc.noaa.gov/products/analysis_monitoring/ensocycle/laninasfc.shtml
    http://www.cpc.noaa.gov/products/analysis_monitoring/lanina/cold_impacts.shtml

    la cosa interessante del primo link (grafico), a mio modesto parere, è l’area fredda che si forma tra Canada, Oceano Pacifico e Stati Uniti. Il testo nel secondo grafico spiega che si forma uno strato di aria più fredda del solito su Canada e parte degli USA occidentali in espansione verso le Grandi Pianure.

    Poichè le depressioni atlantiche che raggiungono l’Europa in autunno/inverno passano proprio di lì (di solito le onde perturbate si formano sul Pacifico orientale e poi attraversano il Nord America e l’Atlantico), questo indica che un episodio di Nina indebolisce le perturbazioni atlantiche. Ergo, ricompatta il vortice polare, impedendone ondulazioni, giusto? O sono fenomeni separati?

    Comunque, con la Nina dobbiamo attenderci meno precipitazioni da ovest.
    Il problema è QUANTE di meno…….

  22. Fabio2
    1 giugno 2010 alle 13:34

    giaguaro :Che gli eventi stiano prendendo una piega abbastanza comparabile con le ipotesi dei “veri” studiosi e non dei soliti furbastri è già una bella vittoria.Adesso a poco più di un mese dal 4 luglio si apre un periodo decisivo per le nostre domande, e di conseguenza per molte delle risposte che verranno.

    In effetti, così parrebbe. Mancano ancora le prove decisive, ma chissà, potrebbero arrivare già a giugno ed essere confermate a luglio ed agosto……vediamo…..

  23. ice2020
    1 giugno 2010 alle 13:34

    Nel sole stamane è apparsa un’altra regione sempre nel sud emisero, sotto alla 1076 già contata ieri dal noaa:

  24. 1 giugno 2010 alle 14:13

    OT:
    http://www.forumeteo-emr.it/showpost.php?p=107816&postcount=11

    interessante…. a quanto pare l’AO- invernale sembra aver lavorato

  25. 1 giugno 2010 alle 14:18

    L´area 1073 (NOAA) ossia la 76 (CT) é quella che é stata piú vicina all´equatore da quando é iniziato il ciclo 24.
    Si trova ai 11° Nord.

    Sono sempre piú convinto che mai che il massimo (se cosí si potrá chiamare) del ciclo 24 sará tra la fine del 2010 e inizio 2011.

  26. Michele
    1 giugno 2010 alle 14:24

    miki03 :
    OT:
    http://www.forumeteo-emr.it/showpost.php?p=107816&postcount=11
    interessante…. a quanto pare l’AO- invernale sembra aver lavorato

  27. 1 giugno 2010 alle 14:40

    Io invece Sandro sono sempre più convinto che il max lo abbiamo già passato..se veramente è valida al 100% la teoria dell’allineamento,cosa che scopriremo tra circa un mese(in realtà già abbiamo raccolto molte informazioni a riguardo),sarà un pò difficile avere il max come dici tu a fine 2010 inizio 2011,per due ragioni:

    1)Per quella data avremo un allineamento quasi perfetto con uno spiraglio infinitesimo,mentre a gennaio di quest’anno esso era molto più ampio(il famoso recinto,unico punto in cui si sviluppavano macchie).

    2)Sempre per quella data avremo un giove all’incirca al perielio ad una distanza dal sole circa pari a 4.95 AU,mentre qualche mese fà si trovava più distante(esattamente a 5 AU dal sole).

  28. Fabio2
    1 giugno 2010 alle 15:02

    miki03 :OT:http://www.forumeteo-emr.it/showpost.php?p=107816&postcount=11
    interessante…. a quanto pare l’AO- invernale sembra aver lavorato

    Ricerca molto interessante. Però non sono citate le fonti…..

  29. Fabio2
    1 giugno 2010 alle 15:10

    OT

    Ancora interessanti considerazioni:
    http://www.meteoscienze.it/licenza-joomla/610-tendenza-giugno-le-teleconnessioni-tengono-lontana-la-stabilita

    in sintesi, per ora niente estate classica…..

  30. Michele
    1 giugno 2010 alle 15:23

    Fabio2 :
    OT
    Ancora interessanti considerazioni:
    http://www.meteoscienze.it/licenza-joomla/610-tendenza-giugno-le-teleconnessioni-tengono-lontana-la-stabilita
    in sintesi, per ora niente estate classica…..

    Da sottolineare il passo finale ….
    “Nina e tripolo negativo non depongono ad una estate stabile. Notate, tra l’altro, come ampie zone degli oceani gloabli stiano raffreddandosi passando ad una anomalia negativa. Siamo alla svolta?”

  31. Fabio2
    1 giugno 2010 alle 16:26

    Michele :

    Fabio2 :OTAncora interessanti considerazioni:http://www.meteoscienze.it/licenza-joomla/610-tendenza-giugno-le-teleconnessioni-tengono-lontana-la-stabilitain sintesi, per ora niente estate classica…..

    Da sottolineare il passo finale ….“Nina e tripolo negativo non depongono ad una estate stabile. Notate, tra l’altro, come ampie zone degli oceani gloabli stiano raffreddandosi passando ad una anomalia negativa. Siamo alla svolta?”

    Sì, peraltro è quello che ci si attende in condizioni di Nina, specie se duratura. Inoltre, aggiungiamo pure il minimo solare, anche se non lo vedo citato sui siti (es. NOAA) che si occupano di dinamiche oceaniche ed atmosferiche….

  32. Nitopi
    1 giugno 2010 alle 16:28

    si, anche su 3Bmeteo concordano.
    tra l’altro , andate a vedere nelle news… A parte il polo che si squaglia (voglio vedere fino a quando…) pare che in Mongolia abbiano dei bei problemi perche’ stanno riemergendo dalla neve decine di migliaia di carcasse di animali morti nell’inverno, per le avverse condizioni meteo….

    Ciao
    Luca

  33. Fabio2
    1 giugno 2010 alle 16:32

    Nota per chi si è accostato a NIA solo di recente e magari si limita a leggere, senza intervenire: i frequenti “fuori tema” (OT) su temi meteo/climatologici, quando si parla di Sole, e viceversa, non sono necessariamente degli OT a tutti gli effetti:
    molti su questo blog (e non solo qui) sono convinti che il legame tra variabilità solare e variabilità climatica ci sia e sia ben stretto, anche se non ancora chiaramente individuato e provato (esistono però studi che indicano, ad esempio, un’influenza diretta dell’attività solare sul Nino).
    Per questo, il prolungamento della fase di bassa attività del Sole induce quasi naturalmente a ragionare sulle possibili conseguenze climatiche, anche alla luce del comportamento dei vari indici teleconnettivi (AO, NAO, ecc.) nonchè dell’ENSO (Nino e Nina).

  34. bari87
    1 giugno 2010 alle 17:08

    miki03 :
    OT:
    http://www.forumeteo-emr.it/showpost.php?p=107816&postcount=11
    interessante…. a quanto pare l’AO- invernale sembra aver lavorato

    io lo vado sostenendo qua e la da un bel pò ormai….

  35. 1 giugno 2010 alle 17:10

    Esatto Fabio2😉 concordo!
    Sole e clima vanno di pari passo

  36. 1 giugno 2010 alle 17:29

    X Simon, ti ho messo nelle bozze 4 articoli di Elmar, belli e nuovi per NIA.

  37. Giovanni
    1 giugno 2010 alle 17:48

    Ciao MIchele, hai scritto
    Naturalmente per i geologi e tutto normale ….come il sisma che si è verificato in Costarica ….

    E perché non dovrebbe essere normale?
    Terremoti e eruzioni vulcaniche ci sono sempre stati con frequene anche piu elevate di oggi.
    SI stimano circa 1500 vulcani attivi e in media 60 eruzioni all’anno.
    La cosa anormale sarebbe l’assenza di terremoti ed eruzioni.
    Il concetto di base é che bisogna pensare alla Terra come un pianeta in continuo movimento ed evoluzione (non solo attorno al sole) sia sulla sua superficie che al suo interno. In questo modo , i terremoti le eruzioni le alluvioni gli uragani le grandinate e, considerando insieme il sistema sole-terra, i cambiamenti climatici diventano tutti “normali”

  38. Michele
    1 giugno 2010 alle 18:14

    Giovanni :
    Ciao MIchele, hai scritto
    Naturalmente per i geologi e tutto normale ….come il sisma che si è verificato in Costarica ….
    E perché non dovrebbe essere normale?
    Terremoti e eruzioni vulcaniche ci sono sempre stati con frequene anche piu elevate di oggi.
    SI stimano circa 1500 vulcani attivi e in media 60 eruzioni all’anno.
    La cosa anormale sarebbe l’assenza di terremoti ed eruzioni.
    Il concetto di base é che bisogna pensare alla Terra come un pianeta in continuo movimento ed evoluzione (non solo attorno al sole) sia sulla sua superficie che al suo interno. In questo modo , i terremoti le eruzioni le alluvioni gli uragani le grandinate e, considerando insieme il sistema sole-terra, i cambiamenti climatici diventano tutti “normali”

    Sono il prima a voler cercar di capire come stanno le cose fino in fondo!!!
    Nessuna polemica, sono qui per imparare.
    Allora avrei bisogna di una mano..
    Mo mi spiego…
    Mi puoi consigliare una banca dati valida dove poter andar a pescare
    queste 60 eruzioni annue !
    Ci sarà da qualche parte un ente ufficiale che ha catalogato le eruzioni vulcaniche globali degli ultimi 200 o 400 anni ?
    Bhoo…la butto lì?

    Anzi sarei anche felice di “Indagare” in quei particolari anni dove dici che :

    “Terremoti e eruzioni vulcaniche ci sono sempre stati con frequene anche piu elevate di oggi.”

    Per il resto condivido a pieno il tuo parere…
    la Terra ferma…mi vien da ridere !
    Felice di parlare con te!
    Ci voleva un Geologo quà su NIA !

    P.S. Continuiamo la chiaccherata all’interno del mio articolo, così rimane tutto
    catalogato in maniera ordina e corretta!
    Ciao

  39. Manuel
    1 giugno 2010 alle 18:14

    il dato NOAA non lo considero nemmeno perchè non ha come scopo la continuità con il metodo di conteggio del passato, quindi non serve a nulla nel confronto con i minimi più importanti

    il dato SIDC è invece quello che deve interessare a noi, e devo dire che è un po una delusione vedere che questo mese mentre il solar flux è calato, il loro SN è aumentato, evidentemente hanno calcato troppo la mano con i conteggi, non c’è altra spiegazione
    fortunatamente c’è il solar flux, che ci dà un dato oggettivo da prendere in considerazione! io la butto lì, al di là del SN, se il solar flux anche il prossimo mese chiude su valori uguali o inferiori a quelli di maggio, per me bisogna cominciare a prendere in seria considerazione l’ipotesi che il massimo del ciclo 24 sia già avvenuto! e in questo caso si prospetterebbe per i prossimi anni un minimo di tipo Maunder più che di tipo Dalton, almeno secondo me

    infine un’ultima cosa: il vostro conteggio si sta dimostrando perfettamente correlato con il solar flux, ora non so se come conteggi rispecchia quelli del passato oppure no (occorrerebbe fare un conteggio storico utilizzando le immagini del passato per avere la controprova, non so però se questo sia possibile farlo), ma sicuramente sembra un conteggio coerente, e questa è un’ottima cosa, continuate così, magari verificando anche in futuro che rimanga correlato con il solar flux😉

  40. Giovanni
    1 giugno 2010 alle 18:41

    Grazie della piacevole risposta….. anch’io sono qui per imparare, soprattutto sul sole…
    e non posso risponderti in maniera precisa comunque se hai tempo e voglia prova a dare un’occhiata a questi siti su vulcani

    Francese
    http://www.activolcans.info/
    http://www.volcan-actif.com/

    Inglese
    http://volcanoes.usgs.gov/activity/index.php
    http://www.volcano.si.edu/

    e questa discussione l’ho continuata qui…😉

  41. Michele
    1 giugno 2010 alle 18:56

    Giovanni :
    Grazie della piacevole risposta….. anch’io sono qui per imparare, soprattutto sul sole…
    e non posso risponderti in maniera precisa comunque se hai tempo e voglia prova a dare un’occhiata a questi siti su vulcani
    Francese
    http://www.activolcans.info/
    http://www.volcan-actif.com/
    Inglese
    http://volcanoes.usgs.gov/activity/index.php
    http://www.volcano.si.edu/
    e questa discussione l’ho continuata qui…

    Grazie due dei quattro link li conoscevo già !

    Un’ultima cosa..
    di recente Lucia Civetta (prof .Geofisica) ha rilasciato questa dichiarazione in merito ai Campi Flegrei (ricordo una sera al Tg1, dopo la famosa dichiarazione di Boschi sul Marsili..è tutto il polverone che si alzo dopo le sue parole !!)
    Cito testuali parole:

    CIVETTA:
    “La sua attività è andata significativamente aumentando, nell’ultimo anno e soprattutto negli ultimi mesi !!
    GIORNALISTA
    “Di quanto si è ingrandita l’ultimo anno ?”
    CIVETTA
    “Si è più che triplicata !!”

    Sai è quel pezzo di frase “soprattuto negli ultimi mesi”
    che mi ha messo molte pulci negli orecchi… in correlazione poi con gli ultimi
    accadimenti vulcanici!
    Sicuramente poi sarà tutto nella norma anche in quella zona..capace ci saranno state infinità di volte che quella zona ha degli alti e bassi !?
    Che ne pensi?

  42. Giovanni
    1 giugno 2010 alle 20:19

    c’é anche il sito di vulcanologia italiano che avevo dimenticato.
    http://www.ct.ingv.it/index.php
    Che ne penso , é un po lungo da spiegare. In breve posso dire che ci sono 2 tipi di scienziati indipendentemente dall specializzazione.
    1)Quelli che hanno delle visioni globali e generali di piu fenomeni
    2)quelli che studiano in estremo dettaglio un fenomeno o un suo singolo aspetto.
    Poi ci sono 2 modi di fare ricerca scientifica
    1)Ossevare, prendere dati e elaborare una teoria
    2) FOrmulare un’ipotesi e poi cercare dei dati o degli “esperimenti” (con modelli gis ad esempio) che la confermino.
    Il appartengo alla categoria 1-1
    La ricerca scientifica mondiale oggi appartiene alla categoria 2-2
    Quindi non so che dire rispetto alle dichiarazioni della CIvetta. Non sono uno specialista dei capi flegrei ma in ogni caso so che si tratta di idrotermalismo legato all’attività vulcanica. PEr me che diventi una zona vulcanica con tanto di nuovo vulcano che spazza via tutto o diventi una zona fossile in cui tutti i fenomni si esauriscono, non fa nessuna differenza, nel senso che in entrambe i casi fa parte della normale evoluzione di un area vulcanica di questo tipo, stratta tra una zona di apertura oceanica nel turreno e convergenza nell’adriatico ( questa si che é una situazione piu eccezionale).
    COmunque per darti una traccia su cui continuare i tuoi studi sulla relazione sole-attivita vulcanico-sismica mi é venuta in mente questa cosa. Una cosa che non si riesce a spiegare é il perché le zone di convergenza e di estensione si siano sviluppate cosi come sono. E non si riesce a spiegare perché in certe ere geologiche prevalgano in tutto il pianeta fenomeni di convergenza o in altri fenomeni di divergenza o quiescenza. LA risposta generica riguarda i moti convettivi del mantello e eventualmente del nucleo terrestre. IN questo caso puo essere che l’orbita terrestra e anche l’attività solare influenzino la direzione, l’accelerazione o il rallentamento di questi moti sotterranei e quindi influenzino di conseguneza i movimenti della placche sulla superficie terrestre ( la tettonica delle placche)
    CIao

  43. giaguaro
    1 giugno 2010 alle 21:53

    Visto che siam qui per inquietarci tutti assieme perchè no
    http://earthquake.usgs.gov/earthquakes/recenteqsus/Quakes/uu00006514.php🙂

  44. giaguaro
    1 giugno 2010 alle 21:57

    Eh chi diceva che le cose spariscono nel nulla?Era un 3.3 allo yellowstone di mezzora fa non c’è più traccia e non c’è nessun terremoto di magnitudo simile li vicino o altrove nell’ultima ora…dove è finito?Io il sito dell’usgs lo guardo 50 volte al giorno perchè sono un paranoico ok ma questa cosa non era ancora successa…

  45. Darkman79
    1 giugno 2010 alle 22:23

    giaguaro non è la prima volta che lo fanno……….

  46. giaguaro
    1 giugno 2010 alle 22:25

    Eh lo so ma ti assicuro che io praticamente ci vivo sul sito dell’usgs fai conto che praticamente tutte le scosse di ogni giorno le becco sempre “rosse” a meno che non accadano di notte quando dormo.Se sono a casa almeno una volta l’ora ci passo a controllare.E nonostante tutto in 2-3 anni che seguo non mi era MAI capitato.Ci sono rimasto come un allocco veramente.
    Preoccupatevi perchè vuol dire che qualcosa di grosso sta per accadere sul serio.

  47. Darkman79
    1 giugno 2010 alle 22:30

    Giaguaro a me è capitato 3 volte di veder scritto yellowstone e poi dopo pochi minuti sparisce, questa non l’ho beccata in diretta.

    Comunque A Questo punto anche i piu’ scettici come fanno a non credere che li qualcosa sta succedendo e a sto punto non solo li! chissà quante altre cose stanno cancellando e modificando/nascondendo a partire dalle macchie solari dove contano pure i pixel bruciati dei loro monitor anche quando il sole è COMPLETAMENTE BIANCO

    non è possibile che ci sono centraline difettose ogni volta! riescono a percepire le cacatine di uccelli che generano magnitudo 0.9 o 1.4 e poi quando capita la botta piu forte è DIFETTOSA e stato un ERRORE una folata di VENTO.

  48. giaguaro
    1 giugno 2010 alle 22:39

    Infatti è veramente imbarazzante.Vedo il sito dell’usgs che si occupa dello yellowstone.A maggio normale attività con la scossa più forte del 2.5
    Eh beh se quelle sopra evaporano chiaro che sia così.Un 3.3 non lo puoi nascondere…le persone lo sentono tutte se sono abbastanza vicine.Iniziano ad essere scosse “importanti” sopra il 3.0
    Ma poi c’era tutto per benino chiaramente era tipo 12km di profondità e tutte le solite cosine apposto osservatorio sismico dello Utah (che se ne occupa) etcetc.
    Ora non c’è più niente da nessuna parte.
    Vergogna.

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: