Home > Global Warming > Energia domani 1: Un’idea controcorrente. L’effetto serra causato dall’anidride carbonica.

Energia domani 1: Un’idea controcorrente. L’effetto serra causato dall’anidride carbonica.

6 giugno 2010

Le analisi per la produzione futura di energia di solito iniziano con la costatazione che dobbiamo salvare il pianeta dal surriscaldamento causato dall’effetto serra. L’effetto serra sarebbe dovuto dall’immissione di anidride carbonica nell’atmosfera,  bruciando carburanti fossili. L’uomo sarebbe responsabile del surriscaldamento del globo.

Un numero notevole di iniziative mira a ridurre o a eliminare l’emissione di anidride carbonica. L’industria automobilistica sviluppa auto elettriche, si produce energia elettrica con l’energia eolica, con l’energia solare, si fanno enormi investimenti. Si paga il diritto di emissione di anidride carbonica.

Ridurre o eliminare l’emissione di anidride carbonica è diventato sinonimo di comportamento ecologico.

Per  eliminare le emissioni di anidride carbonica si propone l’utilizzo dell’energia nucleare non tenendo conto che il potenziale inquinante di questa tecnologia è di tutt’un’altro ordine di grandezza. Incidenti nucleari e l’uso del nucleare da parte di terroristi possono compromettere  la sopravivenza sulla terra.

La correlazione tra concentrazione dell’anidride carbonica e temperatura terrestre (mettiamo quella misurato dal progetto ARGO, e non quella pubblicata dall’IPCC) non permette di trarre conclusioni per causa ed effetto. Esistono lunghi periodi, compreso quello attuale, in cui un aumento continuo della concentrazione dell’anidride carbonica nell’aria è accompagnato da un abbassamento della temperatura terrestre.

Condizionare l’umanità intera sulla base di una correlazione cattiva o per lunghi periodi persino negativa non è corretto. I modelli per lo sviluppo climatico, basati sull’effetto serra, hanno fornito previsioni che non si sono verificate. Secondo queste previsioni le Alpi sarebbero rimaste con una copertura nevosa insufficiente per sciare. Gli orsi polari sarebbero rimasti a nuoto. Durante gli anni dell’aumento di temperatura della terra, dal 1980 al 1998, tutto questo era credibile. Adesso non lo è più. Ma la politica non riesce più a fare la curva. E’ troppo bello salvare la terra.

I dati fornito per sostenere l’effetto serra causato dall’uomo sono divergenti. I sostenitori dell’AGW forniscono dati che dicono che l’anidride carbonica è causa del 4% dell’effetto serra (il 4% è banalmente il rapporto delle concentrazioni tra vapore acqueo e anidride carbonica nell’atmosfera e non tiene conto delle notevoli differenze spettrali tra i due). Qualcuno arriva fino al 25% (Wikipedia). C’è chi dice che l’anidride resta nell’atmosfera con una costante di tempo di 10 anni, altri dicono che sarebbero 100 anni.

Oppositori del AGW (cosiddetti “denigratori”, affossatori del globo) pubblicano dati che dicono che l’effetto serra causato dal vapore acqueo e quello causato dall’anidride carbonica si sovrappongono.  L’effetto serra causato dall’anidride carbonica manca all’effetto serra causato dall’acqua. In fin dei conti, finché il vapore acqueo nell’atmosfera è prevalente, l’effetto serra causato dall’anidride carbonica sparirebbe. Non sarebbe male chiarire la questione in maniera attendibile.

C’è sicuramente un limite per l’immissione di anidride carbonica nell’atmosfera. Questo limite è determinato da due fenomeni: L’effetto sull’uomo e altri essere viventi e l’effetto sul clima. L’effetto sull’uomo si conosce, quello sul clima no.

Per l’uomo una concentrazione dell’uno percento dell’anidride carbonica nell’atmosfera non ha alcuna conseguenza. Questo è il limite di legge per l’interno di edifici con presenza umana, una concentrazione 25 volte superiore a quella nell’atmosfera attualmente. Il 2,5% di concentrazione crea problemi, il sangue non riesce più a liberarsi dell’anidride carbonica in maniera efficace. L’otto percento è mortale.

L’effetto serra sul clima è causato dall’assorbimento della radiazione infrarossa, che viene dalla terra, da parte dell’atmosfera. La radiazione infrarossa, termica, non può raggiungere lo spazio.  L’effetto serra, necessario per poter vivere sulla terra, è causato soprattutto dal vapore acqueo. Lo spettro di assorbimento nell’infrarosso dell’acqua è largo. Lo spettro di assorbimento della radiazione infrarossa da parte dell’anidride carbonica consiste di tre linee strette.

Sarebbe necessario conoscere in maniera attendibile l’effetto serra causato dall’anidride carbonica in presenza di vapore acqueo. Un indice potrebbe essere la temperatura notturna in deserti molto arridi.  L’effetto serra causato dall’anidride carbonica dovremmo vederlo lì.  Con l’aumento dell’anidride carbonica nell’atmosfera dovrebbe fare meno freddo di notte. Non risulta finora (questo è una proposta ad effettuare una ricerca specifica).

Facciamo l’ipotesi che il risultato di studi più approfonditi sia che l’uomo può influenzare il clima terrestre con il controllo delle emissioni di anidride carbonica.  In caso di raffreddamento del globo, come sembra attualmente, potremmo aumentare l’effetto serra, aumentando il contenuto di anidride carbonica nell’atmosfera. Ma nessuno sa a quale livello bisogna andare per ottenere l’effetto desiderato e nessuna sa se questo livello sia raggiungibile. Aumentando la concentrazione dell’anidride carbonica nell’atmosfera aumenterebbe  anche il suo assorbimento da parte dell’acqua e da parte delle piante. Potrebbe essere difficile aumentarla più di tanto.

Dovremmo stabilire quale è il contenuto ottimale di anidride carbonica nell’aria. Ci sono anche argomenti importanti per sostenere una concentrazione più elevata di quella attuale. Però a voler controllare il clima, è meglio essere prudenti. Il sistema potrebbe essere instabile. Meglio sapere prima molto bene come funziona. Che l’uomo abbia già influenzato il clima ha l’aspetto di una presunzione.

Un aumento della concentrazione di anidride carbonica nell’aria sarebbe vantaggioso per l’agricoltura. Le piante crescerebbero meglio. Un contributo contro la fame nel mondo. (http://blog.maripositas.org/horticulture/ocap-organic-carbon-dioxide-for-assimilation-of-plants)( http://www.guardian.co.uk/science/2006/aug/12/oilandpetrol.food)  In Olanda l’anidride carbonica va prodotta allo scopo di utilizzo nelle bruciando gas naturale! E’ stato confermato un aumento del 40% della crescita delle rose nelle serre. Il fatto di bruciare gas naturale per produrre anidride carbonica indica quanto si è disposti a pagare l’anidride carbonica allo scopo di incrementare la produzione agricola.

Qualche conto: Mettiamo l’energia solare sia 1 kW al metro quadro (La costante solare è 1,366 kW/m2). Con un rendimento del 6,6% (il rendimento oggi effettivamente ottenibile con la fotosintesi, ma sembra che lsi possa arrivare molto più in là), un metro quadro può produrre 8,9 grammi di alcool etilico o equivalente all’ora. Però ci vogliono oltre all’energia solare 17 grammi di anidride carbonica. Con il contenuto di 390 ppm nell’aria in volume (uguale a 0,71 grammi al metro cubo a livello mare, condizioni normali)questi organismi da fotosintesi dovrebbero assorbire tutta l’anidride carbonica di 23,9 metri cubi d’aria all’ora.

La concentrazione di 390 ppm nell’aria è insufficiente per sfruttare l’energia solare con processi di fotosintesi.

Questo vale non solo per microorganismi, ma per tutte le piante e per agricolture. L’anidride carbonica nell’aria è usata dalle piante insieme all’uso della radiazione solare e ad acqua a sintetizzare sostanze organiche, soprattutto carboidrati, come zuccheri e cellulosa.

Raccogliere l’anidride carbonica dalle stazioni termoelettriche alimentate da carburanti fossili e fornirla a impianti di fotosintesi  vale la pena. In futuro questo potrà chiudere il cerchio. L’anidride carbonica raccolta serve a produrre carburanti usando l’energia solare tramite la fotosintesi. E’ troppo preziosa per seppellirla in cave sotterranee. Stoccare anidride carbonica in quantità enormi in cavità sotterranee potrebbe essere pericoloso. Per incidenti  o atti terroristici  grandi quantità di anidride carbonica potrebbero essere liberati e localmente potrebbe uccidere tutti,  come a Pompei.

Elmar Pfletschinger

  1. Alex
    6 giugno 2010 alle 12:54

    Qualcuno ha battuto la testa?

  2. ice2020
    6 giugno 2010 alle 13:18

    Alex :

    Qualcuno ha battuto la testa?

    😆

  3. ice2020
    6 giugno 2010 alle 13:25

    Sospetto l’andamento del grafico jaxa per la’rtico ultimamente:

  4. 6 giugno 2010 alle 13:48

    L´idea é sicuramente controcorrente ma interessante

  5. Fabio2
    6 giugno 2010 alle 14:24

    ice2020 :Sospetto l’andamento del grafico jaxa per la’rtico ultimamente:
     http://www.ijis.iarc.uaf.edu/seaice/extent/AMSRE_Sea_Ice_Extent.png

    OT
    Scusate, Simon ha un’email….prova a dare un’occhiata….🙂

  6. 6 giugno 2010 alle 16:06

    La 1076 è in decadenza e domani girerà nel farside e il behind è copletamente pulito, potremo avere una nuova serie spotless nei prossimi giorni.

  7. paolo 72
    6 giugno 2010 alle 16:29

    Ciao!Così sembra!speriamo anche che il solar flux scenda sotto i 70!

  8. Davide M.
    6 giugno 2010 alle 17:56

    sand-rio :L´idea é sicuramente controcorrente ma interessante

    Sì, controcorrente ma la spiegazione è plausibile. Mi viene in mente a tal proposito il bel recupero delle foreste in amazzonia. Chissà che non ci sia lo zampino in senso positivo proprio della co2.

  9. 6 giugno 2010 alle 17:57

    Il vento solare sta fluendo da una coronal Hole transequatoriale.

  10. Davide M.
    6 giugno 2010 alle 17:59

    paolo 72 :Ciao!Così sembra!speriamo anche che il solar flux scenda sotto i 70!

    Intanto il sf aggiustato delle 23 di ieri è sceso sino a 71,6.
    Attendiamo ora il dato delle 17 di oggi, chissà che non ci siano ulteriori sorprese. Cmq con un behind così non mi sembra dire un’eresia che nei prossimi giorni sicuramente scenderemo nuovamente sotto i 70 come già successo peraltro una decina di giorni fà.

  11. nitopi
    6 giugno 2010 alle 17:59

    CIto un brano dell’articolo :

    “Qualche conto: Mettiamo l’energia solare sia 1 kW al metro quadro (La costante solare è 1,366 kW/m2). Con un rendimento del 6,6% (il rendimento oggi effettivamente ottenibile con la fotosintesi, ma sembra che lsi possa arrivare molto più in là), un metro quadro può produrre 8,9 grammi di alcool etilico o equivalente all’ora. Però ci vogliono oltre all’energia solare 17 grammi di anidride carbonica. Con il contenuto di 390 ppm nell’aria in volume (uguale a 0,71 grammi al metro cubo a livello mare, condizioni normali)questi organismi da fotosintesi dovrebbero assorbire tutta l’anidride carbonica di 23,9 metri cubi d’aria all’ora.”

    Cioe’ in 8 giorni si pappa tutta la CO2 nella colonna d’aria con superficie 1 metro quadro…

    Ho sempre avuto qualche sospetto che ci fosse qualcosa che non tornava nei conti sulla cosiddetta “energia rinnovabile” .
    Puo’ funzionare solo se ci sono pochissimi utilizzatori!

    Ciao
    Luca

  12. 6 giugno 2010 alle 18:02

    Davide M. :

    sand-rio :L´idea é sicuramente controcorrente ma interessante

    Sì, controcorrente ma la spiegazione è plausibile. Mi viene in mente a tal proposito il bel recupero delle foreste in amazzonia. Chissà che non ci sia lo zampino in senso positivo proprio della co2.

    È stato provato da una ricercatrice americana che le foreste canadesi e nord americane hanno aumentato il loro sviluppo del 20%. Probabile che tale sviluppo sia in tutto il mondo. Chissá se riesco a trovare il link ma era una notizia di alcuni mesi fa.

  13. giorgio
    6 giugno 2010 alle 18:16

    ice2020 :Sospetto l’andamento del grafico jaxa per la’rtico ultimamente:
    http://www.ijis.iarc.uaf.edu/seaice/extent/AMSRE_Sea_Ice_Extent.png

    Cosa ti fa pensare al tarocco?

  14. Davide M.
    6 giugno 2010 alle 18:24

    sand-rio :

    Davide M. :

    sand-rio :L´idea é sicuramente controcorrente ma interessante

    Sì, controcorrente ma la spiegazione è plausibile. Mi viene in mente a tal proposito il bel recupero delle foreste in amazzonia. Chissà che non ci sia lo zampino in senso positivo proprio della co2.

    È stato provato da una ricercatrice americana che le foreste canadesi e nord americane hanno aumentato il loro sviluppo del 20%. Probabile che tale sviluppo sia in tutto il mondo. Chissá se riesco a trovare il link ma era una notizia di alcuni mesi fa.

    Grazie sand-rio, sarebbe molto interessante. Se riesci a trovarlo mi piacerebbe molto leggerlo, ciao

  15. ice2020
    6 giugno 2010 alle 18:28

    giorgio :

    ice2020 :Sospetto l’andamento del grafico jaxa per la’rtico ultimamente:
    http://www.ijis.iarc.uaf.edu/seaice/extent/AMSRE_Sea_Ice_Extent.png

    Cosa ti fa pensare al tarocco?

    Come spiegava i giorni scorsi Andrea-b, quest’anno alla jaxa dicono di aver migliorato il lro sistema di rilevamento dei ghiacci, ed infatti al 1° giugno nn vi è stato l’update con la curva in risalita come gli scorsi anni, ma vedo che quella in picchiata però c’è!

    Non me ne intendo molto di queste cose, bisognerebbe vedere altri grafici tipo quello che aveva postato sand-rio ieri..

    Simon

  16. ice2020
    6 giugno 2010 alle 18:29

    Anche perchè nn c’è un problema di temp, anzi:

  17. ice2020
    6 giugno 2010 alle 18:32

    Stefano Riccio :

    La 1076 è in decadenza e domani girerà nel farside e il behind è copletamente pulito, potremo avere una nuova serie spotless nei prossimi giorni.

    Domani sarà cmq contata al 100% dal noaa, e molto probabilmente anche dal sidc!

    Poi dopo si, potrebbe anche riaversi un altro periodo spotless!

    Interessante sarà vedere il solar flux di oggi!

  18. giorgio
    6 giugno 2010 alle 18:50

    ice2020 :Anche perchè nn c’è un problema di temp, anzi:
    http://ocean.dmi.dk/arctic/plots/meanTarchive/meanT_2010.png

    al di la di eventuali correzzioni,l”artico comunque e” in caduta libera.Pero questo fenomeno e” sicuramente parte di un processo che ci sta portando dritti verso un periodo di GC.su questo i dubbi sono pochi e comunque anche se si verificasse un minimo assoluto,per gli amici del AGW sara l”enneima vittoria di Pirro.Un”esercito quando invade un territorio nemico perde sempre molte forze.Ma cio che conta e” la vittoria finale,cosi l”artico in quest”ultimo anno delle colate gelide ne ha lanciate un bel po.

  19. ice2020
    6 giugno 2010 alle 18:58

    Ricordiamo anche che per un polo che va malino, un altro va benissimo!

    E poi i conti si faranno alla fine, a settembre, ma io continuo a dire che questa discesa così rapida mi suona un pò strana!

  20. 6 giugno 2010 alle 18:59

    nitopi :
    ……..

    Ho sempre avuto qualche sospetto che ci fosse qualcosa che non tornava nei conti sulla cosiddetta “energia rinnovabile” .
    Puo’ funzionare solo se ci sono pochissimi utilizzatori!

    Ciao
    Luca

    In effetti miliardi di esseri viventi stanno già usando l’ Anidride Carbonica per vivere e la cosa sembra che funzioni abbastanza bene … diciamo da più di 600 Milioni di anni … mettiamocelo bene in testa l’ Anidride Carbonica é vita é cibo … ogni giorno noi stesso magiamo dei cibi che una contengono carboidrati e che sono stati sintetizzati usando Energia Solare Acqua e quella schifezza chiamata Anidride Carbonica.

  21. 6 giugno 2010 alle 19:12

    ice2020 :

    Ricordiamo anche che per un polo che va malino, un altro va benissimo!

    E poi i conti si faranno alla fine, a settembre, ma io continuo a dire che questa discesa così rapida mi suona un pò strana!

    Secondo me hanno taroccato i dati bisognerebbe archiviare le immagini e confrontarle con quelle degli anni scorsi per vedere se stanno tramando qualcosa e se le hanno modificato anche quelle io ne avevo salvata qualcuna come anche i tabulati con i dati il file plot.csv … se volete provo a fare un controllo … di sicuro il file con i dati é stato modificato .. ho provato con il comando unix diff e hanno modificato tutti valori degli anni precedenti …
    Questo é il bello dei nuovi metodi di misurazione … oggi abbiamo un valore tra qualche anno retroattivamente cambierà per chissà quale valore . Non ho parole quel grafico per me vale meno che zero … carta igienca!
    Da un punto di vista informatico.. basta mettere una funzione che fà un controllo sulla data e si abbassano i valori per l’ anno desiderato.

    Se non pubblicano i dati grezzi e i codici sorgente dell’ elaborazione tutto questo é carta straccia. Non solo una volta pubblicati bisognerebbe mettere una firma una MD5 checksum in modo tale che qualcuno si prenda la briga di aggiustarli.

    P.S. http://it.wikipedia.org/wiki/MD5

  22. ice2020
    6 giugno 2010 alle 19:16

    I dati grezzi dovrebbero essere questi?

  23. ice2020
    6 giugno 2010 alle 19:18

    Per il Norsex ad esempio siamo sopra sia al 2007 che al 2008 e poco sotto al 2009:

    Che si mettano d’accordo!

  24. 6 giugno 2010 alle 19:19

    Davide M. :

    sand-rio :

    Davide M. :

    sand-rio :L´idea é sicuramente controcorrente ma interessante

    Sì, controcorrente ma la spiegazione è plausibile. Mi viene in mente a tal proposito il bel recupero delle foreste in amazzonia. Chissà che non ci sia lo zampino in senso positivo proprio della co2.

    È stato provato da una ricercatrice americana che le foreste canadesi e nord americane hanno aumentato il loro sviluppo del 20%. Probabile che tale sviluppo sia in tutto il mondo. Chissá se riesco a trovare il link ma era una notizia di alcuni mesi fa.

    Grazie sand-rio, sarebbe molto interessante. Se riesci a trovarlo mi piacerebbe molto leggerlo, ciao

    </blockquot

    Davide guarda questo link:
    http://oregonstate.edu/ua/ncs/archives/2009/oct/global-warming-may-spur-increased-growth-pacific-northwest-forests

  25. giorgio
    6 giugno 2010 alle 19:25

    ice2020 :Per il Norsex ad esempio siamo sopra sia al 2007 che al 2008 e poco sotto al 2009:
    http://arctic-roos.org/observations/satellite-data/sea-ice/observation_images/ssmi1_ice_ext.png
    Che si mettano d’accordo!

    con tutte queste manipolazioni ormai non se ne puo piu del NOAA.la loro credibilita e” finita sotto i tacchi delle scarpe.E chiaro ormai che dove possono aver mano per omettere o correggere lo fanno immediatamente.

  26. ice2020
    6 giugno 2010 alle 19:47

    giorgio :

    ice2020 :Per il Norsex ad esempio siamo sopra sia al 2007 che al 2008 e poco sotto al 2009:
    http://arctic-roos.org/observations/satellite-data/sea-ice/observation_images/ssmi1_ice_ext.png
    Che si mettano d’accordo!

    con tutte queste manipolazioni ormai non se ne puo piu del NOAA.la loro credibilita e” finita sotto i tacchi delle scarpe.E chiaro ormai che dove possono aver mano per omettere o correggere lo fanno immediatamente.

    Jaxa nn è noaa…Nsidc è noaa:

  27. giorgio
    6 giugno 2010 alle 19:55

    ice2020 :

    giorgio :

    ice2020 :Per il Norsex ad esempio siamo sopra sia al 2007 che al 2008 e poco sotto al 2009:http://arctic-roos.org/observations/satellite-data/sea-ice/observation_images/ssmi1_ice_ext.pngChe si mettano d’accordo!

    con tutte queste manipolazioni ormai non se ne puo piu del NOAA.la loro credibilita e” finita sotto i tacchi delle scarpe.E chiaro ormai che dove possono aver mano per omettere o correggere lo fanno immediatamente.

    Jaxa nn è noaa…Nsidc è noaa:
    http://nsidc.org/data/seaice_index/images/daily_images/N_timeseries.png</blockquoteo ormai per me il NOAA e" un"ossessione

  28. 6 giugno 2010 alle 20:27

    FLUSSO REGISTRATO A 67.7!!!!!!
    aggiustato 69.8!!!!!!
    SOTTO I 70!

  29. ice2020
    6 giugno 2010 alle 20:28

    miki03 :

    FLUSSO REGISTRATO A 68!!!!!!

    Si, incredibile, quello aggiustato a 69.8!!!

  30. 6 giugno 2010 alle 20:29

    ice2020 :

    miki03 :

    FLUSSO REGISTRATO A 68!!!!!!

    Si, incredibile, quello aggiustato a 69.8!!!

    Non mi hai dato il tempo di correggere😆

  31. ice2020
    6 giugno 2010 alle 20:32

    Il solar flux sta avendo una tendenza al ribasso, nn c’è che dire, qui le cose stanno iniziando a divenire molto interessanti!

  32. 6 giugno 2010 alle 20:34

    Questo l´allineamento planetario oggi:

  33. 6 giugno 2010 alle 20:47

    Ho riguardato velocemente l’archivio del solar flux.
    L’ultimo valore registrato inferiore all’attuale è stato quello del 31/08/2009 alle ore 17!

  34. paolo 72
    6 giugno 2010 alle 20:56

    bellissime notizie,e bellissimo grafico!lo puoi poi mettere il 4 luglio,e magari con un altro articolo aggiunto?

  35. Fabio2
    6 giugno 2010 alle 21:08

    miki03 :Ho riguardato velocemente l’archivio del solar flux.L’ultimo valore registrato inferiore all’attuale è stato quello del 31/08/2009 alle ore 17!

    Accidenti, ci siamo fumati tutta la ripartenza autunnale……ribadisco, sbaglierò ma se giugno termina sotto maggio, per me il ciclo 24 è praticamente spacciato.

  36. paolo 72
    6 giugno 2010 alle 21:11

    Ale ha sempre detto:dovete avere pazienza…

  37. riki
    6 giugno 2010 alle 21:36

    Ragazzi ieri ho avuto modo, di incontrare amici di sappada,udite venerdi mattina +4 e nei boschi c’è ancora la neve.

  38. Fabio-Nintendo
    6 giugno 2010 alle 21:52

    SF spaventosamente basso.

  39. Fabio2
    6 giugno 2010 alle 21:56

    riki :Ragazzi ieri ho avuto modo, di incontrare amici di sappada,udite venerdi mattina +4 e nei boschi c’è ancora la neve.

    Ieri (sabato) sono stato in alta Val Brembana, provincia di Bergamo e da 1700-1800 metri di quota ci sono ancora grossi nevai che ostacolano le escursioni sui sentieri tracciati, in quanto li interrompono in vari punti. Le cime (le più alte della zona sfiorano i 2400 metri) sono ancora tutte bianche.
    Ricordo di essere stato nella stessa zona a giugno 2004 e i nevai a quella quota proprio non c’erano.

  40. fabiov
    6 giugno 2010 alle 22:42

    ragazzi ma ale che fine a fatto?

  41. 6 giugno 2010 alle 22:44

    riki :

    Ragazzi ieri ho avuto modo, di incontrare amici di sappada,udite venerdi mattina +4 e nei boschi c’è ancora la neve.

    Stanno riaprendo le stazioni di sci in Austria e nella Svezia.

    http://www.skiinfo.com/News-104-en.jhtml?aic=186343
    http://www.thelocal.se/27040/20100604/

  42. Michele Rn
    6 giugno 2010 alle 22:53

    Solar flux aggiustato delle ore 20 70.0

  43. 6 giugno 2010 alle 23:05

    Ho ritrovato il file plot.csv risalente allo 08-12-2009 che avevo memorizzato per provare a fare un grafico su base trimestrale centrato sulla data http://www.gixware.com/index.php?mod=Download/Plot_Artico
    Nel download sono presenti tre file in formato testo con nomi autoesplicativi …

  44. 6 giugno 2010 alle 23:07

    Media flusso solare aggiustato giugno: 74.016

  45. Fabio-Nintendo
    7 giugno 2010 alle 00:05

    segnalo un errore nel conteggio di alcuni giorni nei mesi di Gennaio, Maggio e Giugno

    entro 2 giorni cercherò di risolvere il problema.
    mi scuso per l’inconveniente.

    https://daltonsminima.wordpress.com/nias-sunspot-number/

  46. 7 giugno 2010 alle 01:29

    Perfare il confronto dell’estensione del ghiaccio artico ed antartico negli anni scorsi si possono usare questi video animati con l’estensione giorno per giorno.

    Artico dal 1978 al 2006:

    Dell’antartico invece i dati disponibili sono solo dal 2003 al 2006:

  47. Davide M.
    7 giugno 2010 alle 03:01

    sand-rio :

    Davide M. :

    sand-rio :

    Davide M. :

    sand-rio :L´idea é sicuramente controcorrente ma interessante

    Sì, controcorrente ma la spiegazione è plausibile. Mi viene in mente a tal proposito il bel recupero delle foreste in amazzonia. Chissà che non ci sia lo zampino in senso positivo proprio della co2.

    È stato provato da una ricercatrice americana che le foreste canadesi e nord americane hanno aumentato il loro sviluppo del 20%. Probabile che tale sviluppo sia in tutto il mondo. Chissá se riesco a trovare il link ma era una notizia di alcuni mesi fa.

    Grazie sand-rio, sarebbe molto interessante. Se riesci a trovarlo mi piacerebbe molto leggerlo, ciao
    </blockquot
    Davide guarda questo link:http://oregonstate.edu/ua/ncs/archives/2009/oct/global-warming-may-spur-increased-growth-pacific-northwest-forests

    Grazie mille, molto interessante😉

  48. Davide M.
    7 giugno 2010 alle 03:11

    sand-rio :Questo l´allineamento planetario oggi:

    Da dove estrapoli questa immagine? Usi un programma o un link su internet?

  49. Davide M.
    7 giugno 2010 alle 03:18

    Il solar flux oggi non và oltre il 70.3
    Questo infatti è l’ultimo rilevamento alle 23 utc.
    Come avevo detto qualche post più sopra, oggi abbiamo avuto la sorpresa e chissà quante altre sorprese ci darà il sf nei prossimi giorni con un behind così. Potremmo infatti registrare ancora una serie spotless di una decina di giorni. Staremo a vedere.

  50. Giovanni
    7 giugno 2010 alle 12:22

    La risposta a molte delle tue domande la trovi qui, il punto é che é dimostrato che la CO2 non influisce in modo significativo su variazioni di temperatura dei vari strati atmosferici
    ed è anche dimostrato che lo spettro di assrobimento della CO2 si sovrappone in gran parte a quello dell’H2O e la parte che non si sovrappone si satura ( cioè assorbe tutta la radiazione infrarossa a q

    http://www.pensee-unique.fr/doutes.html

  51. Giovanni
    7 giugno 2010 alle 12:27

    La risposta a molte delle tue domande la trovi qui,
    http://www.pensee-unique.fr/doutes.html

    il punto é che
    1) é dimostrato che la CO2 non influisce in modo significativo su variazioni di temperatura dei vari strati atmosferici
    2) è anche dimostrato che lo spettro di assrobimento della CO2 si sovrappone in gran parte a quello dell’H2O e la parte che non si sovrappone si satura ( cioè assorbe tutta la radiazione infrarossa a quelle lunghezze d’onda specifiche) intorno a concentrazioni superior a 280 ppm. Quindi che ci siamo 300 ppm o 1000 ppm di CO2 poco importa per la radiazione che é gia tutta assorbita.

    Per l’IPCC e i promotori dellAWG basta dire 2 cose
    1) ci sono altri interessi dietro, economici prima di tutto
    2)Non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire…quindi inutile sperare che tra questi individui e enti ci possa essere uan presa di posizione chiare e un’ammissione di superficialità e falso allarmismo.

    Tranquilli che tra un po l’IPCC se ne uscirà fuori con qualche nuova teoria strampalta su imminenti catastrofi inesitenti causate dall’uomo. Per le catastrofi reali quotidiane invece chiudiamo gli occhi, che ci piace sognare.

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: