Home > Ciclo 24, Minimo di Dalton, Statistica Solare > Il Sole dice Damon! ma anche Dalton!

Il Sole dice Damon! ma anche Dalton!

7 giugno 2010

Qualche giorno fa mi sono ritrovato a cercare qualche statistica per piazzare questi primi mesi del Ciclo 24 rispetto ai cicli passati.

Ho deciso così di in assenza di dati particolari di lunga durata di concentrarmi particolarmente su 2 diversi aspetti, gli RI mensili e i giorni spotless.

Per prima cosa ho deciso di determinare il tempo di confronto, sappiamo che con questo Maggio sono ben 17 i mesi passati dalla conclusione del minimo nel Dicembre 2008, per fare cifra tonda ho così preso 15 mesi per fare un confronto ( per il prossimo aspettiamo quindi di averne almeno 18, cioè 1 anno e mezzo )

Mi sono messo a calcolare i giorni spotless registrati nei primi 15 mesi di ogni ciclo a partire ovviamente solo dal 10°, in quanto prima non abbiamo dati certi dei giorni spotless ( a dire il vero non lo sarebbero neanche per gli RI )

Ed ecco qui i dati:

Ciclo 24: 269 ( con il Layman’s sarebbero circa 350 )

Ciclo 23: 153

Ciclo 22: 68

Ciclo 21: 76

Ciclo 20: 90

Ciclo 19: 190

Ciclo 18: 122

Ciclo 17: 235

Ciclo 16: 147

Ciclo 15: 251 ( subito dopo il minimo del 1913 per intenderci )

Ciclo 14: 236

Ciclo 13: 151

Ciclo 12: 235

Ciclo 11: 179

Ciclo 10: 297

Ed ecco subito che il Ciclo 10 è l’unico che abbia toccato un valore di giorni spotless superiore ( sappiamo che nei mesi di Aprile e Maggio questo ciclo ha però aumentato i proprio giorni spotless ) e considerando i valori teorici del Layman’s Count questo ciclo 24 avrebbe avuto anche più giorni spotless del ciclo 10 che sarebbe comunque l’unico simile a questo.

Ora voi direte, che particolarità ha il Ciclo 10? Come suggerisce il titolo, il Ciclo iniziato nel Gennaio del 1856 è stato il primo del Minimo di Damon, ne avevamo già parlato tempo fa di assonanze proprio con questo periodo e qui abbiamo un altro dato che conferma quello da noi già più volte detto.

https://daltonsminima.wordpress.com/2009/10/06/minimo-di-damon-e-minimo-di-eddy-a-confronto-prima-parte/

Va detto quindi che per ora questo è il 2° Ciclo che nei suoi primi 15 mesi registra più giorni spotless, di certo questa statistica non tiene conto del Minimo di Dalton, ma non si può certo dire che sia normale il Ciclo 24, dividiamo in 3 parti questa statistica, per data di inizio del ciclo

Media giorni spotless primi 15 mesi dei Cicli iniziati tra il 1851 e il 1900: 216

Tra il 1901 e il 1950: 198

Tra il 1951 e il 2000: 115

( Media Minimo di Damon: 225 )

Il trend in diminuzione rende ancora più eccezionale questo Ciclo 24

Analizziamo adesso invece l’RI medio dei primi 15 Mesi, ecco i dati ( ommetterò la parola Ciclo ):

24: 5.60

23: 11.44

22: 27.21

21: 19.11

20: 15.43

19: 12.46

18: 15.08

17: 7.23

16: 14.78

15: 6.77

14: 8.97

13: 15.31

12: 9.50

11: 15.31

10: 5.21

9: 13.37

8: 13.39

7: 5.13

6: 2.06

5: 6.30

4: 21.88

3: 11.57

2: 22.89

1: 9.76

Per prima cosa va detto che i conteggi anche se sappiamo essere più alti del dovuto su una media di 15 mesi con un valore così basso assumono una rilevanza quasi nulla e quindi trascurabile.

A colpo d’occhio notiamo che sono 3 i cicli ch più si avvicinano al 24, uno l’abbiamo già incontrato ed è proprio il Ciclo 10, gli altri 2 fanno parte del Minimo di Dalton e sono il 7 ( ultimo dei 3 ) e il 5 ( primo dei 3 )

Ancora una volta abbiamo una situazione quasi identica al Minimo di Damon, che però stavolta si rispecchia anche con la situazione di inizio Minimo di Dalton.

Il ciclo 24 si mostra sempre più eccezionale di quanto ce lo vogliano far credere, analizziamo quindi per periodi:

1751-1800: 14.48

1801-1850: 8.49

1851-1900: 11.33

1901-1950: 10.57

1951-2000: 17.13

( Media Minimo di Dalton: 4.50 )

( Media Minimo di Damon: 10.18 )

C’è più variabilità in mezzo per via dei 2 minimi che non coincidono ovviamente con i periodi di 50 anni scelto, ma si nota come rispetto agli ultimi 50 anni questo Ciclo 24 non ha proprio niente a che fare.

Guardiamo ora qualche dato del SF, sappiamo che il confronto vale solo per gli ultimi 50 anni dato che non abbiamo una serie temporale così lunga, se poi contiamo che abbiamo già asserito la totale diversità da questo Minimo con quelli degli ultimi 50 anni il confronto lascia il tempo che trova, ma lo facciamo lo stesso.

( tutti i confronti sono fatti con i dati del Solar Flux Aggiustato )

Ciclo 19: 75.95

Ciclo 20: 76.64

Ciclo 21: 79.84

Ciclo 22: 83.42

Ciclo 23: 73.71

Ciclo 24: 72.59

La differenza messa così può sembrare poca, ma se condieriamo che il record del valore più basso ( aggiustato ) del SF è di circa 65, le differenza con il 2° valore ( ciclo 23 ) diventano di circa il 15% in più

Altro dato interessante sono i mesi che ci sono voluti per passare da un valore di 80 ( che decreta l’uscita dalla fase profonda del minimo ) a 100 ( che decreta l’inizio definitivo della fase ascendente ).

Ciclo 19: 6 mesi

Ciclo 20: 5 mesi

Ciclo 21: 5 mesi

Ciclo 22: 10 mesi

Ciclo 23: 8 mesi

Per una media quindi di circa 7 mesi per passare da 80 a 100, per ora in questo ciclo 24 compreso il mese di maggio siamo al 4° mese dopo aver superato gli 80, vediamo che succederà per l’estate

C’è da considerare però che io ho preso per fare il confronto il passaggio definitivo tra 80 e 100, mi spiego meglio:

nel Minimo tra il ciclo 21 e 22 in 2 occasioni è stata superata la soglia degli 80, nel Febbraio 1986 e nell’Ottobre 1986, senza però avere un trend al rialzo visto che nei mesi successivi i valori tornarono anche sotto i 70, per partire definitivamente solo nell’Aprile 1987, dopo quella data infatti non si sono registrati valori sotto i 70

altro esempio è quello del 1977, nel Febbraio il SF superò gli 80, per poi però scendere sotto nei 2 mesi successivi e divenire definitivo solo nel Maggio dello stesso anno.

È quindi possibile che la risalita verso valori di SF vicini ai 100 sia più lunga di quanto si possa pensare e che se si considera il fatto che la risalita potrebbe più lenta di quella dei cicli dell’ultimo cinquantennio allora potremmo anche pensare che ci vogliano come minimo altri 10/12 mesi prima di poter superare i 100.

FABIO

  1. Fabio2
    7 giugno 2010 alle 09:48

    Analisi completa e lucida, ben fatta Nintendo.

    Aggiungerei solo un elemento, che ho controllato ma potrei sbagliare e per questo te ne chiedo conferma:
    considerando la buona correlazione tra sunspot number e solar flux (e dunque assumendo, magari rozzamente, che i trend dei due parametri, almeno in passato, coincidessero), ho notato che, almeno negli ultimi 200 anni (grosso modo dal Minimo di Dalton) al calo del sunspot number per più di tre mesi consecutivi ha corrisposto sempre il declino del ciclo, cioè lo “scollinamento” dal massimo in direzione del minimo.

    Invece, due o tre mesi consecutivi di calo, in diversi casi, sono riscontrabili anche nei trend di progressione verso il massimo. 4 mesi, mi pare, mai.

    La conclusione della mia osservazione, se corretta beninteso, è che se a fine giugno il Solar Flux medio dovesse risultare inferiore a quello di maggio, potremmo essere già nel trend discendente del ciclo 24. O almeno, entreremmo in territorio sconosciuto, rispetto alle osservazioni disponibili degli ultimi 20 cicli almeno.

    Che ne pensi? Riscontri anche tu la medesima consecutività ? Ti sembra un indice utile ? Ti fa trarre anche qualche altra conclusione, a cui magari no ho pensato ?

  2. Fabio2
    7 giugno 2010 alle 10:25

    Per quanto riguarda le conclusioni che si possono trarre dalla tua analisi, concordo: guardando alla statistica, finora non si può dire iù di quello che hai detto tu, la somiglianza con l’inizio del cosiddetto “Minimo di Damon” è abbastanza evidente.

    Ma, come noto, la statistica da sola non dice tutto, e poi è passato solo 1 anno e mezzo dal minimo di dicembre 2008…..

  3. Fabio-Nintendo
    7 giugno 2010 alle 11:00

    Fabio2 :

    Analisi completa e lucida, ben fatta Nintendo.

    Aggiungerei solo un elemento, che ho controllato ma potrei sbagliare e per questo te ne chiedo conferma:
    considerando la buona correlazione tra sunspot number e solar flux (e dunque assumendo, magari rozzamente, che i trend dei due parametri, almeno in passato, coincidessero), ho notato che, almeno negli ultimi 200 anni (grosso modo dal Minimo di Dalton) al calo del sunspot number per più di tre mesi consecutivi ha corrisposto sempre il declino del ciclo, cioè lo “scollinamento” dal massimo in direzione del minimo.

    Invece, due o tre mesi consecutivi di calo, in diversi casi, sono riscontrabili anche nei trend di progressione verso il massimo. 4 mesi, mi pare, mai.

    La conclusione della mia osservazione, se corretta beninteso, è che se a fine giugno il Solar Flux medio dovesse risultare inferiore a quello di maggio, potremmo essere già nel trend discendente del ciclo 24. O almeno, entreremmo in territorio sconosciuto, rispetto alle osservazioni disponibili degli ultimi 20 cicli almeno.

    Che ne pensi? Riscontri anche tu la medesima consecutività ? Ti sembra un indice utile ? Ti fa trarre anche qualche altra conclusione, a cui magari no ho pensato ?

    controllerò, ma dubito che una cosa del genere possa essere associata al passaggio tra massimo e minimo, anche perchè, fino ad ora vengono calcolati tramite la media smoothed dell’RI

  4. Fabio2
    7 giugno 2010 alle 11:10

    Fabio-Nintendo :

    Fabio2 :
    Analisi completa e lucida, ben fatta Nintendo.
    Aggiungerei solo un elemento, che ho controllato ma potrei sbagliare e per questo te ne chiedo conferma:considerando la buona correlazione tra sunspot number e solar flux (e dunque assumendo, magari rozzamente, che i trend dei due parametri, almeno in passato, coincidessero), ho notato che, almeno negli ultimi 200 anni (grosso modo dal Minimo di Dalton) al calo del sunspot number per più di tre mesi consecutivi ha corrisposto sempre il declino del ciclo, cioè lo “scollinamento” dal massimo in direzione del minimo.
    Invece, due o tre mesi consecutivi di calo, in diversi casi, sono riscontrabili anche nei trend di progressione verso il massimo. 4 mesi, mi pare, mai.
    La conclusione della mia osservazione, se corretta beninteso, è che se a fine giugno il Solar Flux medio dovesse risultare inferiore a quello di maggio, potremmo essere già nel trend discendente del ciclo 24. O almeno, entreremmo in territorio sconosciuto, rispetto alle osservazioni disponibili degli ultimi 20 cicli almeno.
    Che ne pensi? Riscontri anche tu la medesima consecutività ? Ti sembra un indice utile ? Ti fa trarre anche qualche altra conclusione, a cui magari no ho pensato ?

    controllerò, ma dubito che una cosa del genere possa essere associata al passaggio tra massimo e minimo, anche perchè, fino ad ora vengono calcolati tramite la media smoothed dell’RI

    L’archivio dati SIDC però riporta anche i dati “monthly” del sunspot number (non “smoothed” mi pare di capire), nello stesso file di quelli “smoothed”. Ed è ai primi che mi riferisco…….

  5. marcello
    7 giugno 2010 alle 11:21

    Catania conta una nuova spot nel nord emisfero, ma io non vedo nulla.
    Avete vista migliore della mia e riuscite a scorgere qualcosa.
    Ciao a tutti

  6. bari87
    7 giugno 2010 alle 11:53

    marcello :
    Catania conta una nuova spot nel nord emisfero, ma io non vedo nulla.
    Avete vista migliore della mia e riuscite a scorgere qualcosa.
    Ciao a tutti

    si ma è solo uno speck per ora!…MAH

  7. Fabio2
    7 giugno 2010 alle 12:15

    Fabio2 :

    Fabio-Nintendo :

    Fabio2 :……………………..

    controllerò, ma dubito che una cosa del genere possa essere associata al passaggio tra massimo e minimo, anche perchè, fino ad ora vengono calcolati tramite la media smoothed dell’RI

    L’archivio dati SIDC però riporta anche i dati “monthly” del sunspot number (non “smoothed” mi pare di capire), nello stesso file di quelli “smoothed”. Ed è ai primi che mi riferisco…….

    Ho ricontrollato l’archivio SIDC dei SN (non smoothed dunque) e devo smentirmi, o almeno correggere la mia affermazione precedente (si vede che non avevo guardato bene, oppure avevo consultato la colonna errata di dati):

    in fase di “salita” dal minimo esistono casi di decrescita del sunspot number per 4 mesi consecutivi negli anni 1816 (in prossimità del massimo), 1825, 1869, 1925-1926, 1927 (in prossimità del massimo), 1967-1968 (in prossimità del massimo). Vi è un unico (mi pare) caso di 6 mesi consecutivi di decrescita del SN a cavallo del massimo (tra due massimi relativi) nel 1947-1948.

    Dunque pare che 4 mesi consecutivi di decrescita del sunspot number, durante il trend di salita del ciclo, siano associati a cicli deboli o molto deboli (Damon, Dalton o il massimo del 1928), oppure più raramente avvengano tra due massimi relativi (ma questa, negli ultimi 200 e più anni è risultata un’eccezione unica).

    La conclusione che si può trarre è che, ovviamente, più lunga è la serie di mesi con SN/SF in calo, più è probabile che il ciclo stia declinando o comunque crescendo con grande fatica.
    Oltre i 4 mesi consecutivi, o siamo proprio al massimo, oppure più probabilmente il ciclo sta declinando.
    Però 5 mesi consecutivi di calo del SN/SF sono piuttosto rari, anche quando il massimo è già passato con certezza, anche se sicuramente significativi: dunque se a luglio/agosto il Sole dovesse “rimbalzare” verso l’alto, non sarebbe significativo, mentre lo sarebbe e molto se il Solar Flux dovesse scendere ancora (ammesso che giugno confermi il calo).

  8. 7 giugno 2010 alle 12:25

    Che qualcosa di inedito stia accadendo lo mostra anche il diagramma a farfalla (adesso aggiornato al 30 maggio). Il diagramma non mostra la fase di crescita di inizio ciclo fino al massimo, ma solo una fase discendente del ciclo. Sembra come se mancasse tutta la fase iniziale del ciclo 24 e che esso sia giá nella fase post massimo. In pratica sono assenti quasi del tutto le macchie a nord e sud dei 30°.

  9. Fabio-Nintendo
    7 giugno 2010 alle 12:36

    1) i dati ufficiali non parlano di 4 mesi in calo di RI, ma solo 3
    2) se dovessimo guardare statistiche del tipo: quanti mesi successivi sotto ad un valore predefinito non ne usciamo più
    3) non significa cmq niente

  10. Fabio-Nintendo
    7 giugno 2010 alle 12:41

    179906 1799.458 10.6 6.8
    179907 1799.543 2.1 7.0
    179908 1799.628 0.0 7.1
    179909 1799.710 0.0 6.6

  11. Fabio-Nintendo
    7 giugno 2010 alle 12:42

    180006 1800.457 23.7 13.2
    180007 1800.542 21.0 15.3
    180008 1800.627 19.5 17.0
    180009 1800.709 11.5 18.5

  12. Fabio-Nintendo
    7 giugno 2010 alle 12:42

    181201 1812.044 11.3 2.5
    181202 1812.126 1.9 2.9
    181203 1812.208 0.7 3.7
    181204 1812.290 0.0 3.7

  13. Fabio-Nintendo
    7 giugno 2010 alle 12:44

    182404 1824.290 19.4 9.1
    182405 1824.375 2.8 10.2
    182406 1824.457 0.0 9.4
    182407 1824.542 0.0 7.9

  14. Fabio-Nintendo
    7 giugno 2010 alle 12:44

    182507 1825.541 30.9 17.1
    182508 1825.626 25.7 17.8
    182509 1825.708 15.7 18.5
    182510 1825.793 15.6 19.9
    182511 1825.875 11.7 21.5

  15. ice2020
    7 giugno 2010 alle 12:47

    sand-rio :

    Che qualcosa di inedito stia accadendo lo mostra anche il diagramma a farfalla (adesso aggiornato al 30 maggio). Il diagramma non mostra la fase di crescita di inizio ciclo fino al massimo, ma solo una fase discendente del ciclo. Sembra come se mancasse tutta la fase iniziale del ciclo 24 e che esso sia giá nella fase post massimo. In pratica sono assenti quasi del tutto le macchie a nord e sud dei 30°.
    http://sidc.be/images/butterflycatania.png

    Questo grafico parla più di 1000 parole!

    E’ indiscusso che il ciclo 24 nn ne vuol ancora sapere di riprtire cn tenacia, la dimostrazione sn anche queste spots di piccola media dimensione che stanno interessando il sole ultimamente, per cui il solar flux nn si alza più di tanto, anzi sta tornanndo pian piano ai valori della scorsa state quando il minimo era nella sua fase più profonda!

    Simon

  16. Fabio-Nintendo
    7 giugno 2010 alle 12:47

    189009 1890.708 17.2 9.8
    189010 1890.793 11.2 10.8
    189011 1890.875 9.6 13.1
    189012 1890.960 7.8 16.5

  17. Michele
    7 giugno 2010 alle 12:52

    ice2020 :

    sand-rio :
    Che qualcosa di inedito stia accadendo lo mostra anche il diagramma a farfalla (adesso aggiornato al 30 maggio). Il diagramma non mostra la fase di crescita di inizio ciclo fino al massimo, ma solo una fase discendente del ciclo. Sembra come se mancasse tutta la fase iniziale del ciclo 24 e che esso sia giá nella fase post massimo. In pratica sono assenti quasi del tutto le macchie a nord e sud dei 30°.http://sidc.be/images/butterflycatania.png

    Questo grafico parla più di 1000 parole!
    E’ indiscusso che il ciclo 24 nn ne vuol ancora sapere di riprtire cn tenacia, la dimostrazione sn anche queste spots di piccola media dimensione che stanno interessando il sole ultimamente, per cui il solar flux nn si alza più di tanto, anzi sta tornanndo pian piano ai valori della scorsa state quando il minimo era nella sua fase più profonda!
    Simon

    Impressionante !
    Non aggiungo altre parole…

  18. Fabio-Nintendo
    7 giugno 2010 alle 12:53

    192309 1923.704 13.2 5.7
    192310 1923.789 11.6 5.8
    192311 1923.871 10.0 6.8
    192312 1923.956 2.8 8.1
    192401 1924.041 0.5 9.8

  19. ice2020
    7 giugno 2010 alle 12:54

    Fabio, cosa vuoi dire cn tutti sti umeri?

    nn li capisco messi così…

  20. Fabio2
    7 giugno 2010 alle 12:54

    sand-rio :Che qualcosa di inedito stia accadendo lo mostra anche il diagramma a farfalla (adesso aggiornato al 30 maggio). Il diagramma non mostra la fase di crescita di inizio ciclo fino al massimo, ma solo una fase discendente del ciclo. Sembra come se mancasse tutta la fase iniziale del ciclo 24 e che esso sia giá nella fase post massimo. In pratica sono assenti quasi del tutto le macchie a nord e sud dei 30°. http://sidc.be/images/butterflycatania.png

    Non ne sono convinto:

    al diagramma dell’attuale ciclo 24 mancano le macchie con latitudine inferiore ai 10 gradi, che sono invece presenti nel diagramma relativo al ciclo 23 (ma anche in quello del ciclo 22, sia pure in misura più ridotta), a partire da un anno prima del massimo e poi sempre di più dopo il massimo, fino a divenire la maggioranza delle macchie;

    inoltre scarseggiano decisamente le macchie con latitudine superiore ai 30 gradi, che sono invece presenti nel ciclo 23 (e nel 22) fino al massimo e qualcuna persino dopo.

    Insomma, mi sembra un diagramma di difficile interpretazione, rispetto a quello del ciclo precedente. Osservando le “ali” della farfalla, trovo difficile se il massimo sia prossimo, in corso, o già passato.

  21. Fabio-Nintendo
    7 giugno 2010 alle 12:56

    196501 1965.043 17.5 11.7
    196502 1965.123 14.2 12.0
    196503 1965.205 11.7 12.5
    196504 1965.287 6.8 13.6

  22. Fabio-Nintendo
    7 giugno 2010 alle 12:56

    196505 1965.372 24.1 14.6
    196506 1965.454 15.9 15.0
    196507 1965.539 11.9 15.5
    196508 1965.624 8.9 16.4

  23. ice2020
    7 giugno 2010 alle 12:56

    Fabio2 :

    sand-rio :Che qualcosa di inedito stia accadendo lo mostra anche il diagramma a farfalla (adesso aggiornato al 30 maggio). Il diagramma non mostra la fase di crescita di inizio ciclo fino al massimo, ma solo una fase discendente del ciclo. Sembra come se mancasse tutta la fase iniziale del ciclo 24 e che esso sia giá nella fase post massimo. In pratica sono assenti quasi del tutto le macchie a nord e sud dei 30°. http://sidc.be/images/butterflycatania.png

    Non ne sono convinto:

    al diagramma dell’attuale ciclo 24 mancano le macchie con latitudine inferiore ai 10 gradi, che sono invece presenti nel diagramma relativo al ciclo 23 (ma anche in quello del ciclo 22, sia pure in misura più ridotta), a partire da un anno prima del massimo e poi sempre di più dopo il massimo, fino a divenire la maggioranza delle macchie;

    inoltre scarseggiano decisamente le macchie con latitudine superiore ai 30 gradi, che sono invece presenti nel ciclo 23 (e nel 22) fino al massimo e qualcuna persino dopo.

    Insomma, mi sembra un diagramma di difficile interpretazione, rispetto a quello del ciclo precedente. Osservando le “ali” della farfalla, trovo difficile se il massimo sia prossimo, in corso, o già passato.

    Le macchie sopra i 30° nn le vedi perchè semplicemente nn ci sn state, er quelle sui 10° bisogn ancora aspettare, quelle compaiono a ridosso èpropriod del massimo e soprattutto dopo!

    Non c’è niente da capire!

  24. ice2020
    7 giugno 2010 alle 12:58

    Fabio basta di intasare il td cn tutti sti numeri che manco spieghi cosa sono🙂

    Utilizza il tuo tempo per sistemare il Nia’s count che è meglio! 😆

  25. Fabio2
    7 giugno 2010 alle 12:58

    ice2020 :Fabio, cosa vuoi dire cn tutti sti umeri?
    nn li capisco messi così…

    Sta rispondendo a me, ma io parlavo di cali di SN/SF pari ad 4 mesi consecutivi, non 3.

    Comunque se il SF calasse per più mesi consecutivi credo sarebbe MOLTO significativo (penso ad esempio ad un calo che continuasse a giugno e poi magari anche a luglio ed agosto).
    Non è semmai vero il contrario, cioè se sale e scende in continuazione, è difficile dire qualcosa di significativo.

  26. Fabio-Nintendo
    7 giugno 2010 alle 13:00

    i numeri da me postati sono tutti i periodi di 4 o più mesi che hanno visto l’RI scendere dal 1° al 4° ( o più ) durante il primo periodo di ascesa al massimo.
    come si può ben vedere, avere 4 mesi di RI in calo non significa nulla.
    sono altre cose che determinano un massimo basso.

  27. 7 giugno 2010 alle 13:03

    Io credo che se il SF si abbassa nella sua media mensile il ciclo 24 è alla frutta e non penso che si potrà raggiungere il massimo con 100 o più..

  28. Fabio2
    7 giugno 2010 alle 13:04

    ice2020 :

    Fabio2 :

    sand-rio :……………..

    Le macchie sopra i 30° nn le vedi perchè semplicemente nn ci sn state, er quelle sui 10° bisogn ancora aspettare, quelle compaiono a ridosso èpropriod del massimo e soprattutto dopo!
    Non c’è niente da capire!

    Però le macchie con latitudine superiore ai 30 gradi, nei cicli 23 e 22 non sono comparse subito, ma dopo un po e in particolare subito prima del massimo (ciclo 23) ed a cavallo del massimo (ciclo 22). Mi riferisco a questo grafico a farfalla: http://sidc.be/html/papi22c.html .

    Questi sono gli elementi che mi lasciano perplesso……magari però, durante un ciclo debole (Damon/Dalton), effettivamente le macchie a latitudini oltre i 30 gradi non compaiono proprio…..

  29. ice2020
    7 giugno 2010 alle 13:05

    Fabio2 :

    ice2020 :Fabio, cosa vuoi dire cn tutti sti umeri?
    nn li capisco messi così…

    Sta rispondendo a me, ma io parlavo di cali di SN/SF pari ad 4 mesi consecutivi, non 3.

    Comunque se il SF calasse per più mesi consecutivi credo sarebbe MOLTO significativo (penso ad esempio ad un calo che continuasse a giugno e poi magari anche a luglio ed agosto).
    Non è semmai vero il contrario, cioè se sale e scende in continuazione, è difficile dire qualcosa di significativo.

    Dipende anche quanto scende e sale…

    perchè se metti che giugno termina cn una media del solar flux di 76, beh, siamo in salita rispetto ai 75.26 di maggio, ma siamo cmq a valori bassissimi!

    Cmq lo ridico: te guarda ad esempio oggi, la nuova regione contata nel nord emisfero che al momento è solo una speck!

    Finchè si continuano contare ste robe qui, nn solo falsifichi il confronto col passato, ma anche il reale stato di attività del sole, perchè ad un SN eventuale odirno di 20 ad esempio, nn corrisponderùà un adeguato aumento del flusso solare!

    Siamo sempre alle solite, se guardiamo al SN il ciclo ci dice una cosa, se guardiamo al solar flux ed al Nia’s count e ne dice un’altra che corrisponde alla verità!

  30. ice2020
    7 giugno 2010 alle 13:07

    Fabio-Nintendo :

    i numeri da me postati sono tutti i periodi di 4 o più mesi che hanno visto l’RI scendere dal 1° al 4° ( o più ) durante il primo periodo di ascesa al massimo.
    come si può ben vedere, avere 4 mesi di RI in calo non significa nulla.
    sono altre cose che determinano un massimo basso.

    Si concordo!

  31. ice2020
    7 giugno 2010 alle 13:11

    Fabio2 :

    ice2020 :

    Fabio2 :

    sand-rio :……………..

    Le macchie sopra i 30° nn le vedi perchè semplicemente nn ci sn state, er quelle sui 10° bisogn ancora aspettare, quelle compaiono a ridosso èpropriod del massimo e soprattutto dopo!
    Non c’è niente da capire!

    Però le macchie con latitudine superiore ai 30 gradi, nei cicli 23 e 22 non sono comparse subito, ma dopo un po e in particolare subito prima del massimo (ciclo 23) ed a cavallo del massimo (ciclo 22). Mi riferisco a questo grafico a farfalla: http://sidc.be/html/papi22c.html .

    Questi sono gli elementi che mi lasciano perplesso……magari però, durante un ciclo debole (Damon/Dalton), effettivamente le macchie a latitudini oltre i 30 gradi non compaiono proprio…..

    No ti sbagli, anche perchè in quel diagramma nn è spaecificata l’appartenenza ad un ciclo, che nel caso del ciclo 23, ancora potevano esserci macchie del icclo 22 all’inizio e così via…

  32. Fabio2
    7 giugno 2010 alle 13:14

    ice2020 :

    Fabio2 :

    ice2020 :……..

    Dipende anche quanto scende e sale…
    perchè se metti che giugno termina cn una media del solar flux di 76, beh, siamo in salita rispetto ai 75.26 di maggio, ma siamo cmq a valori bassissimi!
    Cmq lo ridico: te guarda ad esempio oggi, la nuova regione contata nel nord emisfero che al momento è solo una speck!
    Finchè si continuano contare ste robe qui, nn solo falsifichi il confronto col passato, ma anche il reale stato di attività del sole, perchè ad un SN eventuale odirno di 20 ad esempio, nn corrisponderùà un adeguato aumento del flusso solare!
    Siamo sempre alle solite, se guardiamo al SN il ciclo ci dice una cosa, se guardiamo al solar flux ed al Nia’s count e ne dice un’altra che corrisponde alla verità!

    Esatto Simon, come dicevo prima, se il Solar Flux sale e scende di poco, non si può dire granchè di significativo, tranne che il tempo passa, il ciclo non decolla, e quindi il massimo sarà presumibilmente piuttosto debole.

    E condivido anche il resto, guardiamo al Solar Flux, lasciamo stare il Sunspot Number “ufficiale”, è affetto da troppi elementi, diciamo così, “soggettivi”.

    Concordo anche sull’utilità di confrontare un sunspot number non “gonfiato” con il solar flux, se serve a segnalare scostamenti tra i due, che finora non mi pare ci siano stati (tipo che uno scende e l’altro invece sale rispetto al mese precedente).
    Attenzione però alle valutazioni soggettive, è molto difficile essere obiettivi sul sunspot numnber, anche con le migliori intenzioni (quelle che certamente sono adottate da NIA).

  33. Fabio2
    7 giugno 2010 alle 13:18

    ice2020 :

    Fabio2 :

    ice2020 :

    Fabio2 :

    sand-rio :……………..

    ……

    No ti sbagli, anche perchè in quel diagramma nn è spaecificata l’appartenenza ad un ciclo, che nel caso del ciclo 23, ancora potevano esserci macchie del icclo 22 all’inizio e così via…

    Sì, certo, nel diagramma non è specificata la polarità delle macchie e dunque in una “farfalla” possono essercende di pertinenti al ciclo precedente o a quello successivo.
    Ma parliamo di frazioni minime, rispetto al totale, che non dovrebbero cambiare la sostanza, o sbaglio?

    In ogni caso, è un bel casino, non ci sono elementi che possano indurre a conclusioni nette, solo indizi, spesso e volentieri discordanti. Mi sa che bisogna attendere ancora un poco……fine anno?

  34. 7 giugno 2010 alle 13:25

    Fabio2 :

    ice2020 :

    Fabio2 :

    sand-rio :……………..

    Le macchie sopra i 30° nn le vedi perchè semplicemente nn ci sn state, er quelle sui 10° bisogn ancora aspettare, quelle compaiono a ridosso èpropriod del massimo e soprattutto dopo!
    Non c’è niente da capire!

    Però le macchie con latitudine superiore ai 30 gradi, nei cicli 23 e 22 non sono comparse subito, ma dopo un po e in particolare subito prima del massimo (ciclo 23) ed a cavallo del massimo (ciclo 22). Mi riferisco a questo grafico a farfalla: http://sidc.be/html/papi22c.html .

    Questi sono gli elementi che mi lasciano perplesso……magari però, durante un ciclo debole (Damon/Dalton), effettivamente le macchie a latitudini oltre i 30 gradi non compaiono proprio…..

    Quel grafico del SIDC é fermo al 31/12/2009.
    Poco dopo l´inizio del ciclo le macchie crescono di latitudine fino ad arrivare al suo massimo. Nel ciclo 24 questa fase di crescita fino al massimo manca. È solo presente, fino ad ora solo la fase discendente post max.
    Anche il nuovo foruncolo segnalato oggi da CT é ai 15° Nord.

  35. Michele
    7 giugno 2010 alle 13:31

    Giovanni Micalizzi :
    Io credo che se il SF si abbassa nella sua media mensile il ciclo 24 è alla frutta e non penso che si potrà raggiungere il massimo con 100 o più..

    Condivido è così semplice …ma dove può trovare la forza per rialzarsi!?
    Ad esempio quando si presenta una “misera” macchiolina sale a 73/76…
    Poi la macchia svolta… e il SF piomba in 1/2 giorni sui 70!
    Sembra una molla..si fa fatica per comprimerla…ma poi quando la lasci..
    “schizza” nuovamente verso i 70 !
    Qui c’è Giove e Saturno che fan il gioco del “Tiro alla fune” !!!😆

  36. 7 giugno 2010 alle 13:33

    Per non parlare del SF ritornato ai livelli di luglio/agosto dello scorso anno.
    Non avevo finora pensato ad un aborto del ciclo, ma adesso BISOGNA prendere in considerazione questa idea. La teoria di L&P non era una barzelletta.
    Anche questo grafico mostra che….
    http://sidc.be/html/wolfjmms.html
    E questi grafici sono fatti con i dati GONFIATI del SIDC, se li facessimo con i numeri del NSN (NIA SUNSPOT NUMBER) vedremmo che il ciclo 24 é morente.

  37. ice2020
    7 giugno 2010 alle 13:42

    Fabio2 :

    ice2020 :

    Fabio2 :

    ice2020 :

    Fabio2 :

    sand-rio :……………..

    ……

    No ti sbagli, anche perchè in quel diagramma nn è spaecificata l’appartenenza ad un ciclo, che nel caso del ciclo 23, ancora potevano esserci macchie del icclo 22 all’inizio e così via…

    Sì, certo, nel diagramma non è specificata la polarità delle macchie e dunque in una “farfalla” possono essercende di pertinenti al ciclo precedente o a quello successivo.
    Ma parliamo di frazioni minime, rispetto al totale, che non dovrebbero cambiare la sostanza, o sbaglio?

    In ogni caso, è un bel casino, non ci sono elementi che possano indurre a conclusioni nette, solo indizi, spesso e volentieri discordanti. Mi sa che bisogna attendere ancora un poco……fine anno?

    Secondo me se il solar flux continua a nn salire per altri 3-4 mesi, allora potremmo iniziare a pensare ad un aborto del ciclo 24!

  38. ice2020
    7 giugno 2010 alle 14:18

    Intanto interessante la previsione per i ghiacci artici a settmbre sul sito di watts:

    http://translate.googleusercontent.com/translate_c?hl=it&ie=UTF-8&sl=en&tl=it&u=http://wattsupwiththat.com/2010/06/06/wuwt-arctic-sea-ice-news-8/&prev=_t&rurl=translate.google.it&usg=ALkJrhhI-vnsR4ZFERTwFP_mV8sINgpExQ

    quello he conta ora è lo spessore dei ghiacci, nn l’etensione!

    E ad estensione siamo messi bene rispetto gli ultimi anni!

  39. 7 giugno 2010 alle 14:48

    Si Simon e pare che Ao e Nao siano in procinto di neutralizzarsi o lievemente di esser positivi e questo deporrà per un ripristino dell’estensione…Speriamo duri almeno fino a Settembre tale salita di indici!

  40. Fabio2
    7 giugno 2010 alle 14:58

    sand-rio :Per non parlare del SF ritornato ai livelli di luglio/agosto dello scorso anno.Non avevo finora pensato ad un aborto del ciclo, ma adesso BISOGNA prendere in considerazione questa idea. La teoria di L&P non era una barzelletta.Anche questo grafico mostra che….http://sidc.be/html/wolfjmms.htmlE questi grafici sono fatti con i dati GONFIATI del SIDC, se li facessimo con i numeri del NSN (NIA SUNSPOT NUMBER) vedremmo che il ciclo 24 é morente.

    E’ quello che pensavo da un po’ di tempo: di fronte al solar flux che cala per più mesi consecutivi, fermo restando quanto discusso con Nintendo, il sospetto viene……

  41. Fabio2
    7 giugno 2010 alle 15:01

    sand-rio :Per non parlare del SF ritornato ai livelli di luglio/agosto dello scorso anno.Non avevo finora pensato ad un aborto del ciclo, ma adesso BISOGNA prendere in considerazione questa idea. La teoria di L&P non era una barzelletta.Anche questo grafico mostra che….http://sidc.be/html/wolfjmms.htmlE questi grafici sono fatti con i dati GONFIATI del SIDC, se li facessimo con i numeri del NSN (NIA SUNSPOT NUMBER) vedremmo che il ciclo 24 é morente.

    A proposito della teoria di Livingston e Penn, qualcuno ha aggiornamenti in merito ? Io sono rimasto a quanto segnalato da Svalgaard ad inizio anno, poi non ho trovato più nulla sul fatto che i campi magnetici delle nuove macchie continuassero a seguire la retta decrescente da loro tracciata.

  42. 7 giugno 2010 alle 15:31

    Ad oggi il ciclo 24 é uno dei meno intensi degli ultimi 400 anni… cioé da quando si misurano i cicli.
    Se l’attività continua anemica, il sole può essere entrato in una fase tranquilla simile a minimo Dalton, se non piú simile al minimo di Maunder… o piú, (peché il Maunder non é il livello piú basso in assoluto nei miliardi di anni di esistenza del sole) caratterizzato da circa 50 macchie solari al mese nel suo massimo del ciclo solare.

  43. 7 giugno 2010 alle 15:35

    Giovanni Micalizzi :

    Si Simon e pare che Ao e Nao siano in procinto di neutralizzarsi o lievemente di esser positivi e questo deporrà per un ripristino dell’estensione…Speriamo duri almeno fino a Settembre tale salita di indici!

    Ma col cavolo… scusami eh….
    AO+ e NAO+ chiudiamo agosto talmente sopra media che il 2003 sarà la PEG in confronto😆

  44. Fabio-Nintendo
    7 giugno 2010 alle 15:36

    ho iniziato a correggere i dati.
    quelli mensili sono corretti.

    ora metto i pdf e poi Giugno

    https://daltonsminima.wordpress.com/nias-sunspot-number/

  45. bora71
    7 giugno 2010 alle 15:42

    Tutti gli studi più completi e recenti, persino quelli fatti da certi scettici, confermano che l’attuale trend di riscaldamento non può essere spiegato dal sole, “qualsiasi sia il meccanismo considerato e in qualsiasi modo si pensi che la radiazione solare possa essere amplificata”. Tutti i parametri del sole che possono avere un’influenza sul clima negli ultimi 20-30 anni sono andati verso una direzione opposta rispetto a quella richiesta per spiegare il GW.
    La storiella del riscaldamento dovuto all’attività del secolo scorso è ormai una leggenda da forum, perché è già stata smentita dai fatti, da studi, da tutto. Riproporla, ripeterla in modo ossessivo, dimostra solo la pochezza di certi argomenti. Perfino uno scettico e sostenitore del sole come Scalfetta ha ammesso che l’attività solare non può spiegare l’aumento termico degli ultimi decenni.

    come si vede dal grafico sopra l’aumento della temperatura non può essere spiegato dal sole, la TSI (Total Solar Irradiance), ovvero l’energia che la Terra riceve dal Sole, ha avuto un andamento costante e negli ultimi anni addirittura in calo. Tutto questo è innegabile.
    Neanche 150 anni di sunspots (mi piacerebbe poi conoscere il meccanismo per cui le macchie sarebbero in grado di influenzare il clima visto che la TSI è in calo o costante) possono spiegare l’attuale trend:

    l’attività solare non può spiegare da sola l’attuale trend, questo secondo me lo capirebbe anche un bambino.
    La moltitudine di feedbacks, di retroazioni, di meccanismi indiretti e diretti, ci dovrebbe suggerire che chi sostiene che sia tutta colpa dell’uomo sbaglia di grosso, come sbaglia chi afferma che la responsabilità sia attribuibile al sole. La complessità del clima richiede una serie di teorie, un’insieme di cose e non un solo colpevole.
    Neo Meteotriveneto

  46. fabiov
    7 giugno 2010 alle 15:44

    ice2020 :Intanto interessante la previsione per i ghiacci artici a settmbre sul sito di watts:
    http://translate.googleusercontent.com/translate_c?hl=it&ie=UTF-8&sl=en&tl=it&u=http://wattsupwiththat.com/2010/06/06/wuwt-arctic-sea-ice-news-8/&prev=_t&rurl=translate.google.it&usg=ALkJrhhI-vnsR4ZFERTwFP_mV8sINgpExQ
    quello he conta ora è lo spessore dei ghiacci, nn l’etensione!
    E ad estensione siamo messi bene rispetto gli ultimi anni!

    speriamo Simon! sarebbe un importantissimo risultato! speriamo che la nina dia una mano quest’anno al vortice polare, sarebbe ottimo se si approfondisse piano piano da fine luglio..e consideriamo che negli ultimi 3 anni sempre il vortice polare ha dimostrato di ripartire prima della norma con un ottima magnitudine…

  47. marchetto
    7 giugno 2010 alle 15:46

    Tutti gli studi più completi e recenti, persino quelli fatti da certi scettici, confermano che l’attuale trend di riscaldamento non può essere spiegato dal sole, “qualsiasi sia il meccanismo considerato e in qualsiasi modo si pensi che la radiazione solare possa essere amplificata”. Tutti i parametri del sole che possono avere un’influenza sul clima negli ultimi 20-30 anni sono andati verso una direzione opposta rispetto a quella richiesta per spiegare il GW.
    La storiella del riscaldamento dovuto all’attività del secolo scorso è ormai una leggenda da forum, perché è già stata smentita dai fatti, da studi, da tutto. Riproporla, ripeterla in modo ossessivo, dimostra solo la pochezza di certi argomenti. Perfino uno scettico e sostenitore del sole come Scalfetta ha ammesso che l’attività solare non può spiegare l’aumento termico degli ultimi decenni.

    come si vede dal grafico sopra l’aumento della temperatura non può essere spiegato dal sole, la TSI (Total Solar Irradiance), ovvero l’energia che la Terra riceve dal Sole, ha avuto un andamento costante e negli ultimi anni addirittura in calo. Tutto questo è innegabile.
    Neanche 150 anni di sunspots (mi piacerebbe poi conoscere il meccanismo per cui le macchie sarebbero in grado di influenzare il clima visto che la TSI è in calo o costante) possono spiegare l’attuale trend:


    l’attività solare non può spiegare da sola l’attuale trend, questo secondo me lo capirebbe anche un bambino.
    La moltitudine di feedbacks, di retroazioni, di meccanismi indiretti e diretti, ci dovrebbe suggerire che chi sostiene che sia tutta colpa dell’uomo sbaglia di grosso, come sbaglia chi afferma che la responsabilità sia attribuibile al sole. La complessità del clima richiede una serie di teorie, un’insieme di cose e non un solo colpevole.

  48. marchetto
    7 giugno 2010 alle 15:47

    ghiacci artici estensione

    la cosa si fa preoccupante..davvero

  49. 7 giugno 2010 alle 15:50

    marchetto :

    ghiacci artici estensione
    http://www.ijis.iarc.uaf.edu/seaice/extent/AMSRE_Sea_Ice_Extent.png
    la cosa si fa preoccupante..davvero

    Io invece… non lo trovo poi così preoccupante.. per ora😀

  50. 7 giugno 2010 alle 15:59

    Scafetta dice che il Sole spiega il 70% del GW l´altro 29,99% é spiegato dai cicli multidecadali o FORSE lo 0,001 dalla CO2.
    La diminuzione di temperatura derivante dal calo dell´attivitá solare principalmente dalle facule, che sono piú calde rispetto alla superficie solare, e non dalle macchie solari che sono un semplice indice per dimostrare il calo di attivitá, si stima possa essere non meno di 0,7° C. In pratica si annullerebbero 100 anni di GW.

  51. Artek
    7 giugno 2010 alle 16:01

    @Marchetto.

    A dire il vero, nel grafico sunspot/temperatura, vedo un nesso bello evidente.
    Solo che il ritardo tra attività solare e temperatura appare “shiftato” di 5-10 anni.
    Le temperature normalizzate, sembrano riferirsi all’attività solare media tra i massimi ed i minimi dei 5-10 anni pre temperatura registrata.
    Sembra che il riscaldamento/raffreddamento degli oceani, influenzi la temperatura globale media dopo 5-10 anni.

  52. bari87
    7 giugno 2010 alle 16:06

    Artek :
    @Marchetto.
    A dire il vero, nel grafico sunspot/temperatura, vedo un nesso bello evidente.
    Solo che il ritardo tra attività solare e temperatura appare “shiftato” di 5-10 anni.
    Le temperature normalizzate, sembrano riferirsi all’attività solare media tra i massimi ed i minimi dei 5-10 anni pre temperatura registrata.
    Sembra che il riscaldamento/raffreddamento degli oceani, influenzi la temperatura globale media dopo 5-10 anni.

    oooh e cribbio è questo uno dei punti cardine della questione!!!…..non come certa gente che pretende i cambiamente per il mese prossimo!

    giusto artek!

  53. bari87
    7 giugno 2010 alle 16:07

    no scusate…..ma è tornato marchetto???

    SIMON……………;)

  54. 7 giugno 2010 alle 16:19

    Scafetta, N., “prove concrete di un origine celeste delle oscillazioni del clima e delle sue implicazioni”, Journal of Atmospheric e Solar-Terrestrial Physics (2010), doi: 10.1016/j.jastp.2010.04.015 [ http:// arxiv.org/PS_cache/arxiv/pdf/1005/1005.4639v1.pdf ])

  55. Fabio2
    7 giugno 2010 alle 16:44

    miki03 :

    Giovanni Micalizzi :
    Si Simon e pare che Ao e Nao siano in procinto di neutralizzarsi o lievemente di esser positivi e questo deporrà per un ripristino dell’estensione…Speriamo duri almeno fino a Settembre tale salita di indici!

    Ma col cavolo… scusami eh….AO+ e NAO+ chiudiamo agosto talmente sopra media che il 2003 sarà la PEG in confronto

    Beh, ma forse dipende anche da quanto saranno maggiori di 0 (se lo diventeranno) e per quanto tempo…..forse sarebbe meglio che fluttuassero attorno alla neutralità o appena sopra, o sbaglio ? Intendo, per consentire all’Artico di riprendersi senza arrostire noi che abitiamo alle medie latitudini.

  56. Fabio2
    7 giugno 2010 alle 16:54

    miki03 :

    …………..
    Ma col cavolo… scusami eh….AO+ e NAO+ chiudiamo agosto talmente sopra media che il 2003 sarà la PEG in confronto

    Miki, avrei una domanda per te: in un commento ad un articolo precedente avevi accennato ad un calo delle temperature oceaniche appena al largo dell’Africa Occidentale.
    Questo dicevi che ti faceva temere la formazione di una bassa pressione semipermanente e quindi una spinta per l’antilone africano a farci visita e magari a fermarsi come ospite non gradito sul Mediterraneo.
    Hai accennato a metà luglio, anzichè agosto. Cosa ti fa pensare a questa tempistica anticipata ?
    E secondo te quanto tempo ci vuole perchè si formi una lacuna barica del genere, non appena le temperature superficiali oceaniche vanno sottomedia ?

  57. Fabio2
    7 giugno 2010 alle 17:05

    marchetto :Tutti gli studi più completi e recenti, persino quelli fatti da certi scettici, confermano che l’attuale trend di riscaldamento non può essere spiegato dal sole, “qualsiasi sia il meccanismo considerato e in qualsiasi modo si pensi che la radiazione solare possa essere amplificata”. Tutti i parametri del sole che possono avere un’influenza sul clima negli ultimi 20-30 anni sono andati verso una direzione opposta rispetto a quella richiesta per spiegare il GW.La storiella del riscaldamento dovuto all’attività del secolo scorso è ormai una leggenda da forum, perché è già stata smentita dai fatti, da studi, da tutto. Riproporla, ripeterla in modo ossessivo, dimostra solo la pochezza di certi argomenti. Perfino uno scettico e sostenitore del sole come Scalfetta ha ammesso che l’attività solare non può spiegare l’aumento termico degli ultimi decenni. http://i42.tinypic.com/18f8n8.jpgcome si vede dal grafico sopra l’aumento della temperatura non può essere spiegato dal sole, la TSI (Total Solar Irradiance), ovvero l’energia che la Terra riceve dal Sole, ha avuto un andamento costante e negli ultimi anni addirittura in calo. Tutto questo è innegabile.Neanche 150 anni di sunspots (mi piacerebbe poi conoscere il meccanismo per cui le macchie sarebbero in grado di influenzare il clima visto che la TSI è in calo o costante) possono spiegare l’attuale trend:http://img143.imageshack.us/img143/7459/screenhunter01jul141946gc7.gifhttp://my.net-link.net/~malexan/Temp-Sunspot.gifl’attività solare non può spiegare da sola l’attuale trend, questo secondo me lo capirebbe anche un bambino.La moltitudine di feedbacks, di retroazioni, di meccanismi indiretti e diretti, ci dovrebbe suggerire che chi sostiene che sia tutta colpa dell’uomo sbaglia di grosso, come sbaglia chi afferma che la responsabilità sia attribuibile al sole. La complessità del clima richiede una serie di teorie, un’insieme di cose e non un solo colpevole.

    Dire che “la colpa non può che essere dell’uomo” perchè non ci si riesce a dare altre spiegazioni non è in se’ una spiegazione.
    Anzi, semmai dimostra ancora una volta che non ci sono prove sperimentali dell’influenza dell’uomo sul riscaldamento della Terra. Sono solo teorie, non dimostrate.

    Quanto all’influenza del Sole, sebbene pare che la TSI non sia variata granchè negli ultimi decenni (ma presto Simon pubblicherà un articolo che rimette in discussione questo assunto) sono allo studio “effetti collaterali” che possono spiegare certe variazioni di temperatura: la variazione dei raggi ultravioletti durante un ciclo di Schwabe (che modificherebbe la concentrazione di ozono, uno dei gas serra), la variazione dei raggi cosmici durante lo stesso ciclo, che influenzerebbe la copertura nuvolosa (nubi basse), influenzando il clima.

    Insomma, se è vero (forse) che il Sole, complessivamente, irradia (quasi) allo stesso modo, a specifiche frequenze questo non è vero (es. i raggi ultravioletti assorbiti dalla fascia di ozono mi risulta siano diminuiti di ben il 6%, rispetto all’ultimo massimo) e può cambiare le carte in tavola.

  58. Artek
    7 giugno 2010 alle 17:27

    Piccolo OT, ma non trovo nulla a riguardo.
    Il sole, nel caso in cui si presentino dei cicli molto deboli, inverte la propria polarità durante le fasi di massimo?

  59. Manuel
    7 giugno 2010 alle 17:27

    sand-rio :
    Per non parlare del SF ritornato ai livelli di luglio/agosto dello scorso anno.
    Non avevo finora pensato ad un aborto del ciclo, ma adesso BISOGNA prendere in considerazione questa idea. La teoria di L&P non era una barzelletta.
    Anche questo grafico mostra che….
    http://sidc.be/html/wolfjmms.html
    E questi grafici sono fatti con i dati GONFIATI del SIDC, se li facessimo con i numeri del NSN (NIA SUNSPOT NUMBER) vedremmo che il ciclo 24 é morente.

    sono d’accordo, il rischio c’è, e in quel caso un minimo di tipo spoerer o maunder non ce lo toglierebbe nessuno, o almeno credo

    occorrerà monitorare con attenzione, specie nei prossimi due mesi che secondo me saranno decisivi, se il solar flux continuerà il trend degli ultimi quattro mesi allora diventerà un’ipotesi realistica

    ora se volete sapere come la penso, se da una parte sarei felice di osservare un fenomeno del genere (e le conseguenti conseguenze sul clima) con gli strumenti moderni, però, a giudicare dai danni provocati da un clima freddo come quello della piccola era glaciale preferirei che il raffreddamento fosse più moderato, ai livelli del periodo 60/70 o del periodo a cavallo tra la fine dell’800 e l’inizio del ‘900
    comunque sia noi possiamo solo limitarci ad osservare e studiare, non possiamo fare altro, a differenza di quello che pensa qualcuno secondo cui l’uomo ha più incidenza della nostra stella😛

  60. Manuel
    7 giugno 2010 alle 17:30

    @marchetto: quindi secondo te

    -aumento dell’AMO
    -PDO passata in territorio positivo
    -attività solare molto elevata, e oltre tutto appena successiva a due cicli che sono stati da record

    questi non sono fattori che potrebbero aver fatto aumentare la temperatura terrestre? e soprattutto, quali sarebbero i fattori negativi per i quali quest’aumento non avrebbe dovuto manifestarsi?

  61. Fabio2
    7 giugno 2010 alle 17:44

    Manuel :@marchetto: quindi secondo te
    -aumento dell’AMO-PDO passata in territorio positivo-attività solare molto elevata, e oltre tutto appena successiva a due cicli che sono stati da record
    questi non sono fattori che potrebbero aver fatto aumentare la temperatura terrestre? e soprattutto, quali sarebbero i fattori negativi per i quali quest’aumento non avrebbe dovuto manifestarsi?

    Non aspettarti una risposta puntuale da un provocatore.

    Presumo si diverta a fare il bastian contrario, qui su NIA in un senso, in altri blog e forum in senso opposto, come qualche forumista molto curioso ci ha fatto notare tempo addietro.
    Ma a noi non frega niente, vero ?

    Noi, convinti amatori delle materie di NIA, guardiamo con curiosità e attesa a quello che ci riserverà il Sole ed il clima sul nostro pianeta, senza rinunciare a formulare ipotesi e previsioni.

  62. 7 giugno 2010 alle 18:11

    Fabio2 :

    miki03 :

    …………..
    Ma col cavolo… scusami eh….AO+ e NAO+ chiudiamo agosto talmente sopra media che il 2003 sarà la PEG in confronto

    Miki, avrei una domanda per te: in un commento ad un articolo precedente avevi accennato ad un calo delle temperature oceaniche appena al largo dell’Africa Occidentale.
    Questo dicevi che ti faceva temere la formazione di una bassa pressione semipermanente e quindi una spinta per l’antilone africano a farci visita e magari a fermarsi come ospite non gradito sul Mediterraneo.
    Hai accennato a metà luglio, anzichè agosto. Cosa ti fa pensare a questa tempistica anticipata ?
    E secondo te quanto tempo ci vuole perchè si formi una lacuna barica del genere, non appena le temperature superficiali oceaniche vanno sottomedia ?

    La lacuna barica si è già formata. E’ debole, ma dlle carte si vede sempre quel cedimento dei GPT in zona:
    http://91.121.94.83/modeles/gfs/run/gfs-0-132.png?6

    Non è ancora nulla di che, ma se non dovesse essere agganciata dal flusso polare ed essere trasportata su di noi entro metà mese si innescherà una situazione autobloccante.
    La goccia raffredda il mare e attira sempre un maggior numero di colate a raffreddare ulteriormente il mare.
    Ad oggi l’ipotesi che venga riagganciata è abbastanza alta anche perchè poi non potrebbe avvenire il passaggio dall’attuale WR4 al WR2 previsto a fine mese se non vi fosse il veloce passaggio in WR1.
    Per quanto riguarda gli indici, beh… AO neutra e NAO neutra allora siaremmo a posto! Il polo starebbe bene e noi pur sempre sotto HP ma con temperature in media o leggermente al di sopra. Nulla di più. Ma la vedo dura. Per ora rimane il fatto che agosto è previsto come un mese bollente proprio per il formarsi di una falla barica imponente in est atlantico che potrebbe portarci o un agosto simil 2003 (o al massimo leggermente più fresco) oppure un agosto caldo, ma non troppo per infiltrazioni fresche da Est dovute ad un HP africano con direttrice Spagna-Centro Europa, ma leggermente tendente a spanciare su di noi.

  63. ice2020
    7 giugno 2010 alle 18:21

    Artek :

    Piccolo OT, ma non trovo nulla a riguardo.
    Il sole, nel caso in cui si presentino dei cicli molto deboli, inverte la propria polarità durante le fasi di massimo?

    Il sole inverte sempre la sua polarità nel massimo solare.

  64. ice2020
    7 giugno 2010 alle 18:26

    bora71 :

    Tutti gli studi più completi e recenti, persino quelli fatti da certi scettici, confermano che l’attuale trend di riscaldamento non può essere spiegato dal sole, “qualsiasi sia il meccanismo considerato e in qualsiasi modo si pensi che la radiazione solare possa essere amplificata”. Tutti i parametri del sole che possono avere un’influenza sul clima negli ultimi 20-30 anni sono andati verso una direzione opposta rispetto a quella richiesta per spiegare il GW.
    La storiella del riscaldamento dovuto all’attività del secolo scorso è ormai una leggenda da forum, perché è già stata smentita dai fatti, da studi, da tutto. Riproporla, ripeterla in modo ossessivo, dimostra solo la pochezza di certi argomenti. Perfino uno scettico e sostenitore del sole come Scalfetta ha ammesso che l’attività solare non può spiegare l’aumento termico degli ultimi decenni.
    http://i42.tinypic.com/18f8n8.jpg

    come si vede dal grafico sopra l’aumento della temperatura non può essere spiegato dal sole, la TSI (Total Solar Irradiance), ovvero l’energia che la Terra riceve dal Sole, ha avuto un andamento costante e negli ultimi anni addirittura in calo. Tutto questo è innegabile.
    Neanche 150 anni di sunspots (mi piacerebbe poi conoscere il meccanismo per cui le macchie sarebbero in grado di influenzare il clima visto che la TSI è in calo o costante) possono spiegare l’attuale trend:
    http://img143.imageshack.us/img143/7459/screenhunter01jul141946gc7.gif
    http://my.net-link.net/~malexan/Temp-Sunspot.gif

    l’attività solare non può spiegare da sola l’attuale trend, questo secondo me lo capirebbe anche un bambino.
    La moltitudine di feedbacks, di retroazioni, di meccanismi indiretti e diretti, ci dovrebbe suggerire che chi sostiene che sia tutta colpa dell’uomo sbaglia di grosso, come sbaglia chi afferma che la responsabilità sia attribuibile al sole. La complessità del clima richiede una serie di teorie, un’insieme di cose e non un solo colpevole.
    Neo Meteotriveneto

    Volevate vedere chi è marchetto?

    Bene, ho accettato un commento del signor bora che è bannato, ed è uguale a quello de signor marchetto…

    Io ovviamente già lo sapevo…
    Quindi lasciatelo perdere.-..

  65. Fabio-Nintendo
    7 giugno 2010 alle 18:29

    per favore, lasciate perdere Bora71

  66. ice2020
    7 giugno 2010 alle 18:30

    Intanto anche se noaa e sidc contano i brufoletti, il sole in realtà è blank!

  67. ice2020
    7 giugno 2010 alle 18:31

    Fabio-Nintendo :

    per favore, lasciate perdere Bora71

    Bannato anche quell’ip Fabio, nn scoccerà più—

  68. Luca
    7 giugno 2010 alle 18:58

    ecco cosa dice l’ ISAC del CNR
    http://www.isac.cnr.it/documenti/ISAC-Clima.pdf
    buona lettura!

  69. giorgio
    7 giugno 2010 alle 19:04

    Complimenti Nintendo,un lavoro lungo e minuzioso.sei una macchina.non ho parole per esprimere il mio apprezzamento.

  70. giorgio
    7 giugno 2010 alle 19:10

    Miki 03. AO+ e NAO+ per il proseguimento dell”estate e il caldo sara praticamnente scontato.Mai poi in autunno le cose cambieranno radicalmente e in particolare in inverno.Il NAO tornera negativo, l”ENSO pure negativo e l”AO rimarra positivo,poiche il VP non avra piu alcuna sollecitazione,in particolare in inverno avanzato.Questa e” la mia previsione anche se immagino le conseguenze nefaste.Pero io da li non mi muovo

  71. ice2020
    7 giugno 2010 alle 19:13

    Luca :

    ecco cosa dice l’ ISAC del CNR
    http://www.isac.cnr.it/documenti/ISAC-Clima.pdf
    buona lettura!

    Lavoro assolutamente imparziale, ho dato una letta veloce, ma mi sn dovuto fermare perchè davvero nn ce la facevo!

    Esiste solo la Co2 Co2 e Co2…ed anche quando i gas serra già erano aumentati (1940-1980) e le temp diminuivano, dicono che era colpa della luce del sole che veniva riflessa dall’inquinamento stesso!

    si mettessero d’accordo per favore, per loro è sempre e solo l’uomo che manipola il clima!

    spero che questa bufala finisca il prima possibile…

    Simon

  72. Alex
    7 giugno 2010 alle 19:14

    Mamma mia ma quanto incoscente è quel “ragazzino”.
    Comunque sia quello che dice è sempre la solita storia:una sparata da sagra che di fondamento non ha nulla di vero.

  73. Alex
    7 giugno 2010 alle 19:16

    Sandrio o Ive2020,potrei avere una vostra e-mail così posso scrivervi?

  74. ice2020
    7 giugno 2010 alle 19:21

    Alex :

    Sandrio o Ive2020,potrei avere una vostra e-mail così posso scrivervi?

    simosina@hotmail.it

  75. 7 giugno 2010 alle 19:31

    aledibel@hotmail,com

    ice2020 :

    Alex :

    Sandrio o Ive2020,potrei avere una vostra e-mail così posso scrivervi?

    simosina@hotmail.it

  76. Andrea B
    7 giugno 2010 alle 19:31

    ottimo lavoro fabio sono riuscito a leggere il post solo ora

  77. 7 giugno 2010 alle 19:53

    giorgio :

    Miki 03. AO+ e NAO+ per il proseguimento dell”estate e il caldo sara praticamnente scontato.Mai poi in autunno le cose cambieranno radicalmente e in particolare in inverno.Il NAO tornera negativo, l”ENSO pure negativo e l”AO rimarra positivo,poiche il VP non avra piu alcuna sollecitazione,in particolare in inverno avanzato.Questa e” la mia previsione anche se immagino le conseguenze nefaste.Pero io da li non mi muovo

    L’AO potrebbe rimanere negativa tra fine ottobre e metà dicembre circa. Il dopo dipenderà dall’intensità della nina. L’articolo sugli autunni/inverni di nina uscirà ad agosto come successo l’anno scorso per quelli di el nino.

  78. 7 giugno 2010 alle 19:56

    Intanto come da previsione, questo giugno per l’artico si sta rivelando il peggiore in assoluto.
    Forse da metà mese però ci potrà essere un recupero, ma non sarei tanto sicuro che possa rialzare il mese dall’ultima posizione

  79. ice2020
    7 giugno 2010 alle 20:02

    miki03 :

    Intanto come da previsione, questo giugno per l’artico si sta rivelando il peggiore in assoluto.
    Forse da metà mese però ci potrà essere un recupero, ma non sarei tanto sicuro che possa rialzare il mese dall’ultima posizione

    Nella prima pagina dei commenti di questo articolo ho lasciato un intererrantissimo link riguardo alla reale situazione dei ghiacci artici, in sostanza nn bisogna preoccuparsi tanto dell’estensione fin qui raggiunta, quello che conta è il volume del ghiaccio artico, e nn siamo messi male!

    cmq i conti li facciamo a settembre!

    Simon

  80. 7 giugno 2010 alle 20:03

    Ah…
    un’altra cosa….
    IMPORTANTE
    Qualcuno sa se esistano dati termici del periodo 1925-1944 in Italia di qualche località?
    Quel periodo fu caratterizzato da AMO+ PDO+, sarebbe interessante vederne i riscontri sul clima, visto che per molto tempo tale accoppiata non tornerà più.

  81. fabiov
    7 giugno 2010 alle 20:26
  82. 7 giugno 2010 alle 20:30

    X Simon: nelle bozze trovi l´articolo: “L´influenza del “sistema solare” e i cicli di 60 anni.” Che spiega l´ultimo lavoro di Nicola Scafetta e che sta cominciando in questi giorni ad essere discusso dai climatologi di tutto il mondo.

  83. ice2020
    7 giugno 2010 alle 20:34

    sand-rio :

    X Simon: nelle bozze trovi l´articolo: “L´influenza del “sistema solare” e i cicli di 60 anni.” Che spiega l´ultimo lavoro di Nicola Scafetta e che sta cominciando in questi giorni ad essere discusso dai climatologi di tutto il mondo.

    Si ho visto Sand…

    Ci sn tanti articoli ora nelle bozze, cn calma saranno pubblicati tutti!

  84. ice2020
    7 giugno 2010 alle 21:01

    Ale mi ha risposto all’email, haa vuto probl familiari ed è stato assente per diversi giorni…mi ha lasciato come sempre un interessantissimo pensiero, che qui vi riporto:

    “Venendo a noi devo confessarti che non sono amareggiato, sono PROFONDAMENTE SCHIFATO, dal comportamento di NOAA e SIDC con gli ultimi conteggi fatti! Meno male che resta il FLUX a rendere giustizia, almeno fino a che non toccano anche quello!
    Un articolo lo sto già preparando da tempo e spero che presto sarà pronto! Sto cercando di aspettare a mandarlo e a finirlo perchè ogni giorno che passa senza macchie serie (e da Maggio solo 3 AR hanno dato origine a macchie degne di nota di cui solo la 1069 con una discreta attività X-Ray, siamo dunque tornati nella situazione di “SunSpot Super Star” che caratterizzò i primi 7 mesi del 2009) è una conferma a quanto oramai credo fermamente: il SC24 è candidato a essere a tutti gli effetti un SC Abortito!!!!
    Essendo questa però una affermazione pesante da fare nel BLOG e visto che grazie ai conteggi attuali sembrerebbe che l’Eddy sia più simile ad un Damon che ad un Dalton e quindi tantomeno ad un Maunder!
    Dai lasciami ancora un poco per avere le conferme di cui ho bisogno!!!!”

    Quindi quando avrà le idee più chiare proporrà uno dei suoi articoli che a questo punto potrebbe sancire la parola definitiva sull’andamento del ciclo 24!

    Ma ancora come ha anche scritto gli serve tempo ed altre prove…al momento ancora nn vi sn certezze, ma più passa il tempo….e più i dubbi sembrano dipanarsi…

  85. andrew
    7 giugno 2010 alle 21:14

    ice2020 :Ale mi ha risposto all’email, haa vuto probl familiari ed è stato assente per diversi giorni…mi ha lasciato come sempre un interessantissimo pensiero, che qui vi riporto:
    “Venendo a noi devo confessarti che non sono amareggiato, sono PROFONDAMENTE SCHIFATO, dal comportamento di NOAA e SIDC con gli ultimi conteggi fatti! Meno male che resta il FLUX a rendere giustizia, almeno fino a che non toccano anche quello!Un articolo lo sto già preparando da tempo e spero che presto sarà pronto! Sto cercando di aspettare a mandarlo e a finirlo perchè ogni giorno che passa senza macchie serie (e da Maggio solo 3 AR hanno dato origine a macchie degne di nota di cui solo la 1069 con una discreta attività X-Ray, siamo dunque tornati nella situazione di “SunSpot Super Star” che caratterizzò i primi 7 mesi del 2009) è una conferma a quanto oramai credo fermamente: il SC24 è candidato a essere a tutti gli effetti un SC Abortito!!!!Essendo questa però una affermazione pesante da fare nel BLOG e visto che grazie ai conteggi attuali sembrerebbe che l’Eddy sia più simile ad un Damon che ad un Dalton e quindi tantomeno ad un Maunder!Dai lasciami ancora un poco per avere le conferme di cui ho bisogno!!!!”
    Quindi quando avrà le idee più chiare proporrà uno dei suoi articoli che a questo punto potrebbe sancire la parola definitiva sull’andamento del ciclo 24!
    Ma ancora come ha anche scritto gli serve tempo ed altre prove…al momento ancora nn vi sn certezze, ma più passa il tempo….e più i dubbi sembrano dipanarsi…

    Finalmente era ora ero preoccupato spero comunque niente di serio🙂 tornando al discorso Sole io son sempre più convinto che potremmo sempre più trovarci dentro un Dalton coi dati del Nia’s count e che questo ciclo 24, se non è abortito per lo meno ha superato la sua fase di max e il solar flux parla da solo e sono pienamente concorde con quanto detto da Ale🙂

  86. andrew
    7 giugno 2010 alle 21:17

    Comunque il solar flux a 70 è veramente un dato notevole ah e poi volevo dire una cosa anche se non commento mai complimenti a tutti per gli ottimi articoli😀

  87. ALE
    7 giugno 2010 alle 21:45

    Il problema ragazzi è che a questo punto, se non ci affidiamo al NIA’s count, potrebbe essere che veramente l’Eddy venga sottovalutato!!!!
    Io sinceramente sono veramente stupito di come NOAA e SIDC abbiano a disposizione strumenti più raffinati dell’SDO, alla fine di Maggio Catania segnalò una PORE che nemmeno l’SDO vedeva!!! Avanti così!!!!
    Per quanto riguarda la concreta possibilità che la nostra Stella possa infilarsi in un Superminimo stile Maunder, Wolf o Spoorer, posso affermare che come tempistiche ci siamo, i cicli solari non sono solo Schwabe, esistono cicli più lunghi scanditi da minimi profondi che nemeno NASA, NOAA e SIDC potranno nascondere!!!
    La continua discesa delle AR nella loro marcia verso la cintura equatoriale, la legge di Joy che oramai viene puntualmente violata, il FLux che nonostante la 1076 crolla sotto il valore misurato di 68 alle 17:00 UTC di ieri, la formazione in queste ore di una AR (molto piccola ma SDO vede già dei piccoli PORE!!!) nel Sud Emis a netta polarità invertita, violando dunque ancora una volta la legge di Hale, sono tutti piccoli messaggi che il Sole ci invia!!!!
    Parlando poi delle CHs che sono oramai a spasso per tutta la corona solare dando chiaramente segnali discordanti rispetto alla roadmap che vogliono farci credere!!!!
    Stiamo ancora una volta ad aspettare, a Gennaio Vi chiesi tre mesi, ora tre mesi sono passati e mi sembra che il Sole ci stia regalando grandi emozioni, attendiamo che questo mese di Giugno volga al termine per vedere la vera natura del Minimo di Eddy!!!
    ALE

  88. Fabio2
    7 giugno 2010 alle 21:49

    miki03 :

    Fabio2 :

    miki03 :

    …………..Ma col cavolo… scusami eh….AO+ e NAO+ chiudiamo agosto talmente sopra media che il 2003 sarà la PEG in confronto

    Miki, avrei una domanda per te: in un commento ad un articolo precedente avevi accennato ad un calo delle temperature oceaniche appena al largo dell’Africa Occidentale.Questo dicevi che ti faceva temere la formazione di una bassa pressione semipermanente e quindi una spinta per l’antilone africano a farci visita e magari a fermarsi come ospite non gradito sul Mediterraneo.Hai accennato a metà luglio, anzichè agosto. Cosa ti fa pensare a questa tempistica anticipata ?E secondo te quanto tempo ci vuole perchè si formi una lacuna barica del genere, non appena le temperature superficiali oceaniche vanno sottomedia ?

    La lacuna barica si è già formata. E’ debole, ma dlle carte si vede sempre quel cedimento dei GPT in zona:http://91.121.94.83/modeles/gfs/run/gfs-0-132.png?6
    Non è ancora nulla di che, ma se non dovesse essere agganciata dal flusso polare ed essere trasportata su di noi entro metà mese si innescherà una situazione autobloccante.La goccia raffredda il mare e attira sempre un maggior numero di colate a raffreddare ulteriormente il mare.Ad oggi l’ipotesi che venga riagganciata è abbastanza alta anche perchè poi non potrebbe avvenire il passaggio dall’attuale WR4 al WR2 previsto a fine mese se non vi fosse il veloce passaggio in WR1.Per quanto riguarda gli indici, beh… AO neutra e NAO neutra allora siaremmo a posto! Il polo starebbe bene e noi pur sempre sotto HP ma con temperature in media o leggermente al di sopra. Nulla di più. Ma la vedo dura. Per ora rimane il fatto che agosto è previsto come un mese bollente proprio per il formarsi di una falla barica imponente in est atlantico che potrebbe portarci o un agosto simil 2003 (o al massimo leggermente più fresco) oppure un agosto caldo, ma non troppo per infiltrazioni fresche da Est dovute ad un HP africano con direttrice Spagna-Centro Europa, ma leggermente tendente a spanciare su di noi.

    Ok, grazie davvero Miki, speriamo che la lacuna barica venga riagganciata come speri (e spero anch’io).

    Per agosto, mi ricorda la famigerata lacuna barica portoghese del 2003. in effetti l’area fredda al largo delle coste USA comincia ad assomigliare in modo sinistro a quella presente nel 2003. Per ora è un po più giù di latitudine rispetto al 2003, vediamo se sale.

  89. Fabio2
    7 giugno 2010 alle 21:54

    giorgio :Miki 03. AO+ e NAO+ per il proseguimento dell”estate e il caldo sara praticamnente scontato.Mai poi in autunno le cose cambieranno radicalmente e in particolare in inverno.Il NAO tornera negativo, l”ENSO pure negativo e l”AO rimarra positivo,poiche il VP non avra piu alcuna sollecitazione,in particolare in inverno avanzato.Questa e” la mia previsione anche se immagino le conseguenze nefaste.Pero io da li non mi muovo

    AO positivo e NAO negativo? Una lacuna barica semipermanente in Atlantico, niente anticiclone russo-siberiano e continue incursioni artiche in Europa ? Mah, mi pare più uno scenario autunnale che invernale, però vediamo…….però l’AO non cambia nettamente di segno solo ogni tanto, cioè non una volta l’anno ?

  90. ice2020
    7 giugno 2010 alle 21:54

    Effettivamente, questa regione nel sud emisfero ha polarità invertita, ed anche la latitudine potrebbe essere discerta per una macchia da ciclo 25:

  91. fabiov
    7 giugno 2010 alle 21:57

    Ciao Ale e ben ritrovato!!! volevo chiederti un parere sulle Coronal mass ejection di questi ultimi tempi..

  92. 7 giugno 2010 alle 22:01

    Fabio2 :

    giorgio :Miki 03. AO+ e NAO+ per il proseguimento dell”estate e il caldo sara praticamnente scontato.Mai poi in autunno le cose cambieranno radicalmente e in particolare in inverno.Il NAO tornera negativo, l”ENSO pure negativo e l”AO rimarra positivo,poiche il VP non avra piu alcuna sollecitazione,in particolare in inverno avanzato.Questa e” la mia previsione anche se immagino le conseguenze nefaste.Pero io da li non mi muovo

    AO positivo e NAO negativo? Una lacuna barica semipermanente in Atlantico, niente anticiclone russo-siberiano e continue incursioni artiche in Europa ? Mah, mi pare più uno scenario autunnale che invernale, però vediamo…….però l’AO non cambia nettamente di segno solo ogni tanto, cioè non una volta l’anno ?

    Ecco la meravigliosa configurazione AO+ e NAO-

    😆

    Comunque l’AO varia spesso e in poco tempo, è raro avere in inverno periodi in cui è stabile sulla neutralità.

  93. Fabio2
    7 giugno 2010 alle 22:05

    ALE :Il problema ragazzi è che a questo punto, se non ci affidiamo al NIA’s count, potrebbe essere che veramente l’Eddy venga sottovalutato!!!!Io sinceramente sono veramente stupito di come NOAA e SIDC abbiano a disposizione strumenti più raffinati dell’SDO, alla fine di Maggio Catania segnalò una PORE che nemmeno l’SDO vedeva!!! Avanti così!!!!Per quanto riguarda la concreta possibilità che la nostra Stella possa infilarsi in un Superminimo stile Maunder, Wolf o Spoorer, posso affermare che come tempistiche ci siamo, i cicli solari non sono solo Schwabe, esistono cicli più lunghi scanditi da minimi profondi che nemeno NASA, NOAA e SIDC potranno nascondere!!!La continua discesa delle AR nella loro marcia verso la cintura equatoriale, la legge di Joy che oramai viene puntualmente violata, il FLux che nonostante la 1076 crolla sotto il valore misurato di 68 alle 17:00 UTC di ieri, la formazione in queste ore di una AR (molto piccola ma SDO vede già dei piccoli PORE!!!) nel Sud Emis a netta polarità invertita, violando dunque ancora una volta la legge di Hale, sono tutti piccoli messaggi che il Sole ci invia!!!!Parlando poi delle CHs che sono oramai a spasso per tutta la corona solare dando chiaramente segnali discordanti rispetto alla roadmap che vogliono farci credere!!!!Stiamo ancora una volta ad aspettare, a Gennaio Vi chiesi tre mesi, ora tre mesi sono passati e mi sembra che il Sole ci stia regalando grandi emozioni, attendiamo che questo mese di Giugno volga al termine per vedere la vera natura del Minimo di Eddy!!!ALE

    Anch’io pensavo che giugno fosse decisivo, ma per altre ragioni, legate al calo del solar flux in corso da marzo……vediamo…..se poi rimandiamo a luglio o ad agosto per cercare ulteriori conferme, poco male…..

  94. Fabio2
    7 giugno 2010 alle 22:07

    fabiov :Ragazzi da non perdere….
    http://www3.lastampa.it/tuttoscienze/sezioni/edicola/articolo/lstp/45511/

    Niente male, una voce dissonante rispetto al coro dei sostenitori del global warming di origine antropica……

  95. fabiov
    7 giugno 2010 alle 22:08

    Fabio2 :

    fabiov :Ragazzi da non perdere….http://www3.lastampa.it/tuttoscienze/sezioni/edicola/articolo/lstp/45511/

    Niente male, una voce dissonante rispetto al coro dei sostenitori del global warming di origine antropica……

    davvero, pienamente daccordo con te.. spero che in molti lo leggano..

  96. ALE
    7 giugno 2010 alle 22:09

    Io Simon ho sinceramente il sentore che una grossa fetta di SC24 ce la siamo vista passare sotto gli occhi dal 2007 al 2009, mi spiego: La prima (le prime AR di cui una con Macchie) di SC24 nascono in Luglio 2006, tutto secondo le previsioni del Prof. Hathaway, poi in gennaio 2008 sembra partire, ma zoppica fino ad ottobre dove tutti, Hathaway compreso dicono: “FInalmente il Sole è partito, il nuovo ciclo inizia, are you ready for solar Kathrina?”. Hathaway allinea le sue previsioni puramente deterministiche a quelle della Prof.ssa Masumi Dikpati, la quale da trattazioni puramente probabilistiche piazzava il SolarMax nei primi del 2011!!!Le Ar del 2008 sono del tutto compatibili con un SC24 in “tabella di marcia”, che tra 2010 e 2011 avrebbe portato l’SSN e SFU a valori da record!!!! SBAGLIATO… Il Sole torna Spotless e il 2008 rischia di passare come l’anno più Blank dal 1913!!!! Ma poi sappiamo come è andata, secondo me può essere che il SC24 non abbia la forza magnetica per imprimere il suo marchio alla fotosfera solare, lo scatto di Gennaio-Febbraio sembra esersi riassorbito e il Flux parla chiaro!!!! Una volta un utente postò i dati di Flux estrapolati in funzione dell’SSN durante il Maunder minimum e venne fuori mi sembra un 85-90??? Se stessimo seguendo la falsariga del Maunder potrebbe esserci quinid una o più similitudini con l’Eddy!!!!
    Attendiamo e monitoriamo, questo è quello che ci è dato fare, alla fine il Sole farà quello che vorrà!!!!!
    ALE

  97. Fabio2
    7 giugno 2010 alle 22:12

    miki03 :

    Fabio2 :

    giorgio :Miki 03. AO+ e NAO+ per il proseguimento dell”estate e il caldo sara praticamnente scontato.Mai poi in autunno le cose cambieranno radicalmente e in particolare in inverno.Il NAO tornera negativo, l”ENSO pure negativo e l”AO rimarra positivo,poiche il VP non avra piu alcuna sollecitazione,in particolare in inverno avanzato.Questa e” la mia previsione anche se immagino le conseguenze nefaste.Pero io da li non mi muovo

    AO positivo e NAO negativo? Una lacuna barica semipermanente in Atlantico, niente anticiclone russo-siberiano e continue incursioni artiche in Europa ? Mah, mi pare più uno scenario autunnale che invernale, però vediamo…….però l’AO non cambia nettamente di segno solo ogni tanto, cioè non una volta l’anno ?

    Ecco la meravigliosa configurazione AO+ e NAO- http://www.wetterzentrale.de/pics/Recm2401.gif

    Comunque l’AO varia spesso e in poco tempo, è raro avere in inverno periodi in cui è stabile sulla neutralità.

    Non vorrei sembrare pignolo, però la NAO per il 17 è prevista sostanzialmente neutra e la AO positiva di poco.

    Comunque la configurazione prevista per il 17 fa veramente schifo! L’Italia sarebbe in una specie di palude barica, esposta in estate all’anticiclone africano e in inverno chissà a che cosa….

  98. Artek
    7 giugno 2010 alle 22:14

    Grazie Ice2020.

    Mi ero illuso ti aver trovato il motivo percui a volte capita che durante periodi di 40-60 anni, l’emisfero sud o nord, terrestri, tendono a raffreddarsi🙂

    Sarà per la prossima intuizione🙂

  99. 7 giugno 2010 alle 22:18

    ice2020 :

    Effettivamente, questa regione nel sud emisfero ha polarità invertita, ed anche la latitudine potrebbe essere discerta per una macchia da ciclo 25:

    http://www.bbso.njit.edu/Images/daily/images/gongmag.jpg

    Se quell´area a polaritá invertita desse anche un piccolo spot sarebbe la prova dell´aborto del ciclo 24.

  100. Artek
    7 giugno 2010 alle 22:19

    Hum, ma quindi i cicli abortiti esistono?
    In questi casi la polarità inverte comunque?

  101. Fabio2
    7 giugno 2010 alle 22:21

    sand-rio :

    ice2020 :
    Effettivamente, questa regione nel sud emisfero ha polarità invertita, ed anche la latitudine potrebbe essere discerta per una macchia da ciclo 25:
     http://www.bbso.njit.edu/Images/daily/images/gongmag.jpg

    Se quell´area a polaritá invertita desse anche un piccolo spot sarebbe la prova dell´aborto del ciclo 24.

    Perchè dici che sarebbe la prova? Di macchie a polarità invertita ne abbiamo già viste…..

  102. ice2020
    7 giugno 2010 alle 22:21

    sand-rio :

    ice2020 :

    Effettivamente, questa regione nel sud emisfero ha polarità invertita, ed anche la latitudine potrebbe essere discerta per una macchia da ciclo 25:

    http://www.bbso.njit.edu/Images/daily/images/gongmag.jpg

    Se quell´area a polaritá invertita desse anche un piccolo spot sarebbe la prova dell´aborto del ciclo 24.

    Lo sta dando un pore!!!

  103. ice2020
    7 giugno 2010 alle 22:22

    Artek :

    Hum, ma quindi i cicli abortiti esistono?
    In questi casi la polarità inverte comunque?

    Non inverte!

  104. 7 giugno 2010 alle 22:24

    Se c´é anche un piccolo pore nell´area invertita domani CT la conta di sicuro! Per una volta faccio il tifo per l´osservatorio etneo.

  105. 7 giugno 2010 alle 22:27

    Vero!! Ci sono 2 pore chiaramente visibili col SDO! Forza CATANIA contala domani… ti prego! (Speriamo che duri!)
    Faccio il tifo, non per voler l´aborto del ciclo in sé, ma perché questo sarebbe un avvenimento che non si verifica da oltre 400 anni e che sarebbe qualcosa cui tutti vorrebbero assistere… un po´come l´atterraggio di un UFO a Piazza S. Pietro.

  106. Fabio2
    7 giugno 2010 alle 22:28

    sand-rio :Se c´é anche un piccolo pore nell´area invertita domani CT la conta di sicuro! Per una volta faccio il tifo per l´osservatorio etneo.

    Ok ma sarebbe una macchia o un pore a polarità invertita e niente più. Ne abbiamo visti diversi dall’anno scorso.
    Perchè questa sarebbe speciale ?

  107. Artek
    7 giugno 2010 alle 22:31

    ice2020 :

    Artek :
    Hum, ma quindi i cicli abortiti esistono?In questi casi la polarità inverte comunque?

    Non inverte!

    Ok! allora fino a che non invertirà, l’artico sarà destinato a sciogliersi e l’antartico ad aumentare lo spessore dei ghiacci!!!🙂

  108. 7 giugno 2010 alle 22:32

    Fabio2 :

    sand-rio :Se c´é anche un piccolo pore nell´area invertita domani CT la conta di sicuro! Per una volta faccio il tifo per l´osservatorio etneo.

    Ok ma sarebbe una macchia o un pore a polarità invertita e niente più. Ne abbiamo visti diversi dall’anno scorso.
    Perchè questa sarebbe speciale ?

    Le aree a polaritá invertita se non danno macchie sono degli avvenimenti abbastanza normali, mentre se riescono a sviluppare un forte campo magnetico dando una macchia significa che tra circa 6 mesi un anno potrebbe nascere il nuovo ciclo 25 che sarebbe ancora piú debole del 24.

  109. ice2020
    7 giugno 2010 alle 22:32

    Fabio2 :

    sand-rio :Se c´é anche un piccolo pore nell´area invertita domani CT la conta di sicuro! Per una volta faccio il tifo per l´osservatorio etneo.

    Ok ma sarebbe una macchia o un pore a polarità invertita e niente più. Ne abbiamo visti diversi dall’anno scorso.
    Perchè questa sarebbe speciale ?

    La sua latitudine sembra altina, certo se fosse stata più vicino al polo sarebbe stato il massimo! Cmq nn è che perchè vi sn state altre macchie a polarità invertita, qusto vuol dire che è tutto normale, anzi…forse prima o poi ce ne scappa una del ciclo 25 che a forza di dire che è tutto normale, nessuno se ne accorge!

  110. 7 giugno 2010 alle 22:37

    ice2020 :

    Fabio2 :

    sand-rio :Se c´é anche un piccolo pore nell´area invertita domani CT la conta di sicuro! Per una volta faccio il tifo per l´osservatorio etneo.

    Ok ma sarebbe una macchia o un pore a polarità invertita e niente più. Ne abbiamo visti diversi dall’anno scorso.
    Perchè questa sarebbe speciale ?

    La sua latitudine sembra altina, certo se fosse stata più vicino al polo sarebbe stato il massimo! Cmq nn è che perchè vi sn state altre macchie a polarità invertita, qusto vuol dire che è tutto normale, anzi…forse prima o poi ce ne scappa una del ciclo 25 che a forza di dire che è tutto normale, nessuno se ne accorge!

    Le prime macchie di un nuovo ciclo sono quasi sempre attorno ai 25° basta vedere la prima macchia del ciclo 24 che si manifestó nel 2006 e che fece dira ad Hataway che era iniziato il ciclo 24.

  111. 7 giugno 2010 alle 22:43

    Fabio2 :

    miki03 :

    Fabio2 :

    giorgio :…………

    ………….

    Ecco la meravigliosa configurazione AO+ e NAO- http://www.wetterzentrale.de/pics/Recm2401.gif

    ……………………………

    Non vorrei sembrare pignolo, però la NAO per il 17 è prevista sostanzialmente neutra e la AO positiva di poco.

    Comunque la configurazione prevista per il 17 fa veramente schifo! L’Italia sarebbe in una specie di palude barica, esposta in estate all’anticiclone africano e in inverno chissà a che cosa….

    I grafici NOAA sul NAO e AO si basano sulle uscite 00z di GFS.

  112. ice2020
    7 giugno 2010 alle 22:45

    “New solar cycles always begin with a high-latitude, reversed polarity sunspot,” explains Hathaway. “Reversed polarity” means a sunspot with opposite magnetic polarity compared to sunspots from the previous solar cycle. “High-latitude” refers to the sun’s grid of latitude and longitude. Old cycle spots congregate near the sun’s equator. New cycle spots appear higher, around 25 or 30 degrees latitude.

    Direi che allora ci siamo come latitudine!

    Fonte:

    http://science.nasa.gov/science-news/science-at-nasa/2008/10jan_solarcycle24/

  113. 7 giugno 2010 alle 22:46

    Questa é l´immagine della prima area a polaritá invertita che diede inizio al ciclo 24.

  114. Fabio2
    7 giugno 2010 alle 22:47

    Apro una breve parentesi sulla Nina: le previsioni, quasi giorno dopo giorno, la vedono in progressivo rafforzamento, anche in autunno, sebbene sussista ancora una buona dose d’incertezza.

    Già a luglio le previsioni la vedono attorno a -1,5° in zona 3.4 e tendente alla tabilità per l’autunno…..vedremo, è presto…..

  115. 7 giugno 2010 alle 22:48

    Questa invece l´immagine che fece dire ad Hathaway nel 2006 che era iniziato il ciclo 24:




    Come vedete era una semplice speck come quella di adesso!

  116. Fabio2
    7 giugno 2010 alle 23:05

    miki03 :

    Fabio2 :

    miki03 :

    Fabio2 :

    giorgio :…………

    ………….

    Ecco la meravigliosa configurazione AO+ e NAO- http://www.wetterzentrale.de/pics/Recm2401.gif
    ……………………………

    Non vorrei sembrare pignolo, però la NAO per il 17 è prevista sostanzialmente neutra e la AO positiva di poco.
    Comunque la configurazione prevista per il 17 fa veramente schifo! L’Italia sarebbe in una specie di palude barica, esposta in estate all’anticiclone africano e in inverno chissà a che cosa….

    I grafici NOAA sul NAO e AO si basano sulle uscite 00z di GFS.

    Ah certo, immaginavo ci fosse una stretta correlazione🙂
    Vediamo: io guardo l’ensemble qui
    http://www.cpc.noaa.gov/products/precip/CWlink/daily_ao_index/ao_index_ensm.shtml
    ora dice in effetti che l’AO sarebbe attorno a +1 (ieri la dava neutra)

    mentre le previsioni “secche” dicono questo:
    http://www.cpc.noaa.gov/products/precip/CWlink/daily_ao_index/ao_index_mrf.shtml

    Insomma, aspettiamo un attimo, mancano 10 giorni, non farmi terrorizzare fin d’ora al pensiero di un inverno così😉

  117. Fabio-Nintendo
    7 giugno 2010 alle 23:30

    Simon, mi sono accorto adesso che mi sono rimasti solo 30 minuti di internet.
    dalle 00.01 per tutto domani sono senza connessione

    Mercoledì ho un esame, quindi per il NIA’s SN bisognerà aspettare un bel po’, mi dispiace, ma mi sono accorto che excel mi calcolava male le approssimazioni

  118. ice2020
    7 giugno 2010 alle 23:58

    Fabio-Nintendo :

    Simon, mi sono accorto adesso che mi sono rimasti solo 30 minuti di internet.
    dalle 00.01 per tutto domani sono senza connessione

    Mercoledì ho un esame, quindi per il NIA’s SN bisognerà aspettare un bel po’, mi dispiace, ma mi sono accorto che excel mi calcolava male le approssimazioni

    Va bene Fabio, pazienza, ed in bocca al lupo!

    Intanto media solar flux di giugno che cala a 73.57!

    https://daltonsminima.wordpress.com/dati-sole-in-diretta/

    Incredibile!

  119. ice2020
    8 giugno 2010 alle 00:00

    sand-rio :

    Questa invece l´immagine che fece dire ad Hathaway nel 2006 che era iniziato il ciclo 24:
    http://science.nasa.gov/media/medialibrary/2006/08/15/15aug_backwards_resources/circled2.gif

    http://science.nasa.gov/media/medialibrary/2006/08/15/15aug_backwards_resources/speck.gif

    Come vedete era una semplice speck come quella di adesso!

    Ecco appunto, nn capisco perchè allora erano macchie del nuovo ciclo ed ora sn semplicemente macchie a polarità invertita ma sempre del vecchio ciclo, ossia del 24!

    aspettiamo ragazzi, questi coem dice ale sn ulteriori segnali che il sole ci manda!

  120. andrew
    8 giugno 2010 alle 00:14

    ALE :Io Simon ho sinceramente il sentore che una grossa fetta di SC24 ce la siamo vista passare sotto gli occhi dal 2007 al 2009, mi spiego: La prima (le prime AR di cui una con Macchie) di SC24 nascono in Luglio 2006, tutto secondo le previsioni del Prof. Hathaway, poi in gennaio 2008 sembra partire, ma zoppica fino ad ottobre dove tutti, Hathaway compreso dicono: “FInalmente il Sole è partito, il nuovo ciclo inizia, are you ready for solar Kathrina?”. Hathaway allinea le sue previsioni puramente deterministiche a quelle della Prof.ssa Masumi Dikpati, la quale da trattazioni puramente probabilistiche piazzava il SolarMax nei primi del 2011!!!Le Ar del 2008 sono del tutto compatibili con un SC24 in “tabella di marcia”, che tra 2010 e 2011 avrebbe portato l’SSN e SFU a valori da record!!!! SBAGLIATO… Il Sole torna Spotless e il 2008 rischia di passare come l’anno più Blank dal 1913!!!! Ma poi sappiamo come è andata, secondo me può essere che il SC24 non abbia la forza magnetica per imprimere il suo marchio alla fotosfera solare, lo scatto di Gennaio-Febbraio sembra esersi riassorbito e il Flux parla chiaro!!!! Una volta un utente postò i dati di Flux estrapolati in funzione dell’SSN durante il Maunder minimum e venne fuori mi sembra un 85-90??? Se stessimo seguendo la falsariga del Maunder potrebbe esserci quinid una o più similitudini con l’Eddy!!!!Attendiamo e monitoriamo, questo è quello che ci è dato fare, alla fine il Sole farà quello che vorrà!!!!!ALE

    Ale che dire sono tutte cose che ho sempre pensato ma senza un fondamento scientifico che potevo provare grazie per questo post e bentornato🙂

  121. andrew
    8 giugno 2010 alle 00:15

    Ale che dire sono tutte cose che ho sempre pensato ma senza un fondamento scientifico non potevo provare grazie per questo post e bentornato

  122. andrew
    8 giugno 2010 alle 00:21

    Ragazzi vado ot ma questo lo devo segnalare anche qui

    Tre sismi a distanza molto ravvicinata sul Katla e nella medesima posizione cosa che non era ancora successa da quando seguo l’evoluzione e cioè da marzo forse sta per partire o sta partendo

  123. 8 giugno 2010 alle 01:01

    Fabio2 :

    Apro una breve parentesi sulla Nina: le previsioni, quasi giorno dopo giorno, la vedono in progressivo rafforzamento, anche in autunno, sebbene sussista ancora una buona dose d’incertezza.

    Già a luglio le previsioni la vedono attorno a -1,5° in zona 3.4 e tendente alla tabilità per l’autunno…..vedremo, è presto…..

    Per ora dal CFS avremo un minimo sui -1.7/-1.8 a luglio in zona 3.4. Veramente niente male. Per l’autunno butta proprio bene!
    basti vedere le CFS per nov2010. Anomalie del genere parlano chiaro a così tanti mesi di distanza! HP siberiano proteso verso l’europa già a novembre! Le trovo un po’ esagerate, ma sono comunque buoni segnali. Ricordo che fu proprio in questo modo che verso il 20 luglio si individuò la tendenza per l’inverno, alla fine rivelatasi giusta.

  124. Davide M.
    8 giugno 2010 alle 03:10

    ice2020 :

    Fabio-Nintendo :
    per favore, lasciate perdere Bora71

    Bannato anche quell’ip Fabio, nn scoccerà più—

    E meno male!!! Era ora!! Per buona pace mia e di tutti, finalmente liberi dai suoi link assurdamente inutili! Grazie per il bel regalo Simon😉

  125. Fabio2
    8 giugno 2010 alle 09:38

    miki03 :

    Fabio2 :
    Apro una breve parentesi sulla Nina: le previsioni, quasi giorno dopo giorno, la vedono in progressivo rafforzamento, anche in autunno, sebbene sussista ancora una buona dose d’incertezza.
    Già a luglio le previsioni la vedono attorno a -1,5° in zona 3.4 e tendente alla tabilità per l’autunno…..vedremo, è presto…..

    Per ora dal CFS avremo un minimo sui -1.7/-1.8 a luglio in zona 3.4. Veramente niente male. Per l’autunno butta proprio bene!basti vedere le CFS per nov2010. Anomalie del genere parlano chiaro a così tanti mesi di distanza! HP siberiano proteso verso l’europa già a novembre! Le trovo un po’ esagerate, ma sono comunque buoni segnali. Ricordo che fu proprio in questo modo che verso il 20 luglio si individuò la tendenza per l’inverno, alla fine rivelatasi giusta.

    Ma tu guardi la previsione o quella “PDF corrected”?
    Mi riferisco a questo link: http://www.cpc.ncep.noaa.gov/products/people/wwang/cfs_fcst/

  126. Fabio2
    8 giugno 2010 alle 09:39

    miki03 :

    Fabio2 :
    Apro una breve parentesi sulla Nina: le previsioni, quasi giorno dopo giorno, la vedono in progressivo rafforzamento, anche in autunno, sebbene sussista ancora una buona dose d’incertezza.
    Già a luglio le previsioni la vedono attorno a -1,5° in zona 3.4 e tendente alla tabilità per l’autunno…..vedremo, è presto…..

    …………….Per l’autunno butta proprio bene!basti vedere le CFS per nov2010. Anomalie del genere parlano chiaro a così tanti mesi di distanza! HP siberiano proteso verso l’europa già a novembre! Le trovo un po’ esagerate, ma sono comunque buoni segnali. Ricordo che fu proprio in questo modo che verso il 20 luglio si individuò la tendenza per l’inverno, alla fine rivelatasi giusta.

    E poi non è presto per l’autunno? Le CFS danno ancora agosto fresco, che cosa c’è di sbagliato secondo te, se sbagliano ? E perchè novembre invece dovrebbe essere attendibile ?

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: