Home > Cambiamenti Climatici, Global Cooling, Global Warming e IPCC, Indici Teleconnettivi, NINA, NINO, Raffreddamento Globale > OCEANI E CO2: siamo sicuri che sia la temperatura che aumenta a causa della CO2 e non il contrario?

OCEANI E CO2: siamo sicuri che sia la temperatura che aumenta a causa della CO2 e non il contrario?

22 giugno 2010

Come ben sapete la CO2 in atmosfera sta rapidamente aumentando, ma per quanto aumenti velocemente si tratta di infinitesimali quantità rispetto agli altri gas che compongono l’atmosfera terrestre.

Ma qual è la causa dell’aumento dell’anidride carbonica nell’aria? Se lo chiedessimo ad un qualsiasi ente ufficiale la risposta sarebbe “l’uomo”. Noi con le auto, le centrali, le industrie, ecc… abbiamo inquinato l’atmosfera di “gas serra” che sarebbe in grado di provocare sconvolgimenti climatici catastrofici passando da uno 0,029% ad uno 0,039% nel giro di oltre 100 anni. Ovviamente loro non risponderebbero così altrimenti nemmeno la persona più ignorante in materia che esista sulla Terra riuscirebbe a credergli.

Nei grafici dell’IPCC si vede sempre una linea in salita della CO2 e una in salita delle temperature che tanto spaventano quelle povere persone che alla TV sentono dire che moriranno di caldo e che non avranno più acqua o che il mare all’allagherà la loro città costiera. Ma siamo sicuri che sia la temperatura che aumenta a causa della CO2?

E se fosse l’esatto contrario?

Prendiamo un esempio molto vicino nel tempo: el nino 2009/10. Durante questo evento le temperature degli oceani come consono ad ogni evento di ENSO+ si sono alzate notevolmente e rapidamente tanto che abbiamo raggiunto il record di AMO+ per il mese di maggio. Coincidenza, proprio quest’anno l’aumento di CO2 in atmosfera è stato molto più rapido degli altri anni.

L’esatto contrario è avvenuto con l’aumento precedente a questo, quando si veniva da oltre 1 anno di nina che avevano fatto calare le SST globali.

Quando l’acqua viene scaldata la sua capacità di trattenere gas diminuisce. L’esempio più evidente lo abbiamo quando scaldiamo l’acqua in un pentolino. Vedremo che a mano a mano che l’acqua si scalda tante piccole bollicine inizieranno a staccarsi dal fondo, fino ad arrivare ad un certo punto in cui l’acqua inizierà a bollire. Se pensiamo che lo stesso fenomeno avviene negli oceani continuamente allora si potrebbe spiegare il minuscolo aumento di CO2 nell’aria. Consideriamo inoltre che gli oceani occupano una superficie pari al 71% di quella terrestre e stanno emettendo nell’aria piccole quantità di anidride carbonica per tutta la loro superficie (maggiormente nelle zone tropicali che oggi sono più calde a causa anche di el nino).

Altro fatto su cui soffermarsi è la ciclicità annuale dell’anidride carbonica. Si dice che a causa della maggior quantità di terre emerse nel nord emisfero durante la nostra estate la CO2 cali grazie alla maggior quantità di verde. Ma perché non vederla anche in un altro modo? Durante l’inverno australe gli oceani si raffreddano ed essendo nell’emisfero sud molto più estesi assorbono una gran quantità di anidride carbonica, mentre durante la loro estate gli oceani rilasciano la CO2 assorbita con gli interessi.

Andiamo quindi a vedere come varia la CO2 in correlazione ai cambiamenti delle temperature oceaniche.

(Grafico realizzato da Alessandro Partignani)

Linea blu: SSTA (Sea Surface Temperature Anomaly)

Linea fucsia: tasso di crescita della CO2.

La correlazione è a dir poco impressionante, unici momenti in cui i due valori si distaccano è nei periodi seguenti a forti eruzioni vulcaniche.

La prova del 9 di questa correlazione la avremo nei prossimi anni che saranno caratterizzati da:

-PDO negativa

-ENSO che inizierà un lungo periodo di prevalente negatività

-AMO che invertirà la tendenza ed inizierà a calare (probabile crollo nei prossimi mesi a causa della nina) fino a tornare in fase negativa attorno al 2025.

-Bassa attività solare.

Sicuramente questi fattori insieme porteranno ad un calo della temperatura globale che, se fosse vera la correlazione tra oceani e CO2, sarebbe accompagnato da un’inversione di rotta o almeno una stabilizzazione della CO2. Potrebbe anche essere che vi sia tra l’altro un trend di fondo “a lungo termine” che impedisca una seria interruzione della risalita. Infatti l’anidride carbonica è iniziata ad aumentare sin da quando le temperature globali sono iniziate a risalire dopo la fine dell’ultima glaciazione. Nulla esclude che buona parte dell’impennata finale di questo gas sia imputabile all’uomo, ma non di certo come ci vogliono far credere, tutto l’aumento registrato è causa nostra.

PDO:

AMO:

MIKI03

  1. Giovanni
    22 giugno 2010 alle 09:35

    Come sempre ottimo articolo!!!
    Come sempre un ulteriore commento
    I dati raccolti dalla carota di Vostok sul trend CO2 degli ultimi 400.000 dimostrano che l’aumento di CO2 SEGUE SEMPRE, con uno scarto variabile di decine-centinaia di anni, l’aumento di temperatura. Questo fatto é spiegato con la minore capacità di assorbimento di CO2 degli oceani con l’aumentare della temperatura (e viceversa).
    Vorrei anche ricordare che sui bilanci e variazioni di CO2 esistono ancora enormi lacune dal punto di vista quantitativo, nel senso che si danno i numeri (!) per quantificare gli scambi con l’atmosfera gli oceani le piante e le alghe per quantificare le emissioni antropiche e quan’altro, ma questi numeri sono stime non sono calcolati. QUindi suscettibili di essere copmpeltamente falsi. Peccato che questi costituiscano i dati di input per i modelli previsionali GIS, che tanto piacciono a i catastrofisti
    http://www.skepticalscience.com/translationblog.php?n=208&l=17

    P.S: Forse nei valori di CO2 indicati c’é uno zero di troppo, 0.0029 e non 0.00029 si tratta di 30 ppm e non 3,0 ppm..

  2. Giovanni
    22 giugno 2010 alle 10:12

    altra osservazione che avevo gia fatto un po di tempo fa. Se provate a prendere il grafico della concentrazione della CO2 del NOAA e mettete come valore minimo in ordinate 0 invece di 378 vedrete che questo incremento appararià molto ma molto meno marcato di quanto non vogliano farci sembrare.

    Mi sembra che sul sito del NOAA si possa customizzare i grafici.

  3. 22 giugno 2010 alle 10:17

    @Giovanni @miki03 ho corretto io il valore giusto é
    0,029% e 0,039% 290 e 390 ppm

    da wikipedia …
    CO2: 0,032% (320 ppm)

    Cmq il grafico del NOAA parla chiaro parte da 378 ppm

    Ho corretto io !

    @Giovanni ^2 prova ad usare un correttore ortografico per il browser es. x Firefox la fretta fa brutti scherzi …

  4. Giovanni
    22 giugno 2010 alle 10:39

    si giusto sono 320 e non 32 ( o 39) bisognava toglere 2 zeri. E mi scuso con tutti per la mia scrittura catastrofica ma lo faccio nei pochi ritagli di tempo ( minuti) durante il lavoro, quando il computer “pensa” quindi il risultato gramamticale é pessimo
    Ciao
    Il grafico del NOAA non parla chiaro perché dovrebbe partire da 0, cosi si accentua la pendenza della curva facendo sembrare l’aumento maggiore di quel che é. Il grafic del NOAA é uno zoom, un ingrandimento di una variazione

  5. Fabio Nintendo
    22 giugno 2010 alle 10:43

    solo per chiarire alcune cose che magari non sono ben comprese.
    la PDO in fase negativa porta un raffreddamento, in fase positiva un riscaldamento.
    l’AMO invece influisce diversamente, il raffreddamento lo da durante la fase discendente, cioè dal picco più alto al successivo picco più basso, mentre porta un riscaldamento durante la sua fase ascendente.
    famoso per questo è il climate shift del 1976, dove nel giro di 4-5 anni si bruciò metà del GW moderno.

  6. Fabio2
    22 giugno 2010 alle 11:32

    OT, ma non troppo:

    http://wattsupwiththat.com/2010/06/22/spencer-ssts-headed-down-fast/#more-20883

    interesante articolo che ipotizza una possibile ragione del rapido passaggio da Nino a Nina in corso.

  7. Fabio2
    22 giugno 2010 alle 11:34

    Se fosse confermato, sarebbe un elemento importante a favore dell’ipotesi di Svensmark circa l’influenza dei raggi cosmici sulla formazione delle nubi basse.

  8. ice2020
    22 giugno 2010 alle 12:25

    Bravo Michele, smplice, chiaro, esaustivo!

    Le cose, se pur complesse, sembrerebbero essere almeno abbastanza chiare sul fatto che le teorie dell’agw basate sull’aumento della co2 come causa principe dell’aumento delle temp globali, nn stanno in piedi!

    Simon

  9. ice2020
    22 giugno 2010 alle 12:37

    Fabio-nintendo vieni un attimo su msn per favore…

  10. Giovanni
    22 giugno 2010 alle 12:39

    Fabio2 :OT, ma non troppo:
    http://wattsupwiththat.com/2010/06/22/spencer-ssts-headed-down-fast/#more-20883
    interesante articolo che ipotizza una possibile ragione del rapido passaggio da Nino a Nina in corso.

    sito molto interessante, grazie del link

  11. ice2020
    22 giugno 2010 alle 12:41

    Giovanni :

    Fabio2 :OT, ma non troppo:
    http://wattsupwiththat.com/2010/06/22/spencer-ssts-headed-down-fast/#more-20883
    interesante articolo che ipotizza una possibile ragione del rapido passaggio da Nino a Nina in corso.

    sito molto interessante, grazie del link

    Pensavo già lo conoscessi il mitico sito di Watts…se NIA esiste, lo devi a lui, nel senso che mi sn fortemente ispirato al suo blog…

    Simon

  12. Fabio Nintendo
    22 giugno 2010 alle 12:41

    ice2020 :

    Fabio-nintendo vieni un attimo su msn per favore…

    la prossima volta non chiamare, perchè io rispondo al cell
    e ti è andata bene che sono connesso adesso

  13. Fabio2
    22 giugno 2010 alle 12:52

    Scusate, un altro OT, anche se comunque in tema climatologico:

    http://www.cpc.noaa.gov/products/fews/ITCZ/itcz.shtml

    L’ITCZ sta facendo le bizze: la prima decade di giugno ha fatto un balzo in avanti, ora si contorce in quanto in alcune aree avanza ulteriormente, in altre accenna ad arretrare…..non è un po presto per gli arretramenti?

  14. Fede78
    22 giugno 2010 alle 14:02

    Vorrei fare una domanda probabilmente stupida, ma l’ignoranza è tanta: tutti questi valori Amo Pdo Enso ecc.. Quanto incidono sulla copertura nuvolosa? Cioè, quello che vorrei capire è perchè nel mondo ultimamente si sono moltiplicati gli eventi di pioggia intensa. Scusate se sono andato OT.

  15. ice2020
    22 giugno 2010 alle 14:04

    Aggiornamento del Nia’s SN di giugno (nuovi dati)

    https://daltonsminima.wordpress.com/nias-sunspot-number/

  16. Fede78
    22 giugno 2010 alle 14:27

    Ok che Svensmark mi abbia dato una risposta giusto?

  17. Fabio2
    22 giugno 2010 alle 15:57

    Fede78 :Ok che Svensmark mi abbia dato una risposta giusto?

    Giusto, il riferimento alla variazione della copertura nuvolosa riguarda gli studi del danese Henrik Svensmark circa l’influenza dei raggi cosmici (quando variano ovviamente) sulla copertura nuvolosa (nubi basse), a prescindere dalle precipitazioni, almeno per quanto mi risulta.

  18. Fabio2
    22 giugno 2010 alle 16:04

    OT scusate ancora: ormai in rete c’è il festival delle analisi stagionali, molti ormai si cimentano con la sfida di prevedere il prossimo futuro, in modo più o meno esplicito (nel caso di MTG, direi che la previsione è assai prudente):
    http://www.meteogiornale.it/notizia/18219-1-estate-2010-in-scarsa-forma-aumento-dei-fenomeni-estremi-cosa-aspettarci

    Alè!🙂

  19. ice2020
    22 giugno 2010 alle 20:46

    Fabio2 :

    OT scusate ancora: ormai in rete c’è il festival delle analisi stagionali, molti ormai si cimentano con la sfida di prevedere il prossimo futuro, in modo più o meno esplicito (nel caso di MTG, direi che la previsione è assai prudente):
    http://www.meteogiornale.it/notizia/18219-1-estate-2010-in-scarsa-forma-aumento-dei-fenomeni-estremi-cosa-aspettarci

    Alè! :-)

    Speriamo che l’estate proceda senza tante ondate di caldo, in questi giorni sopratt oggi si sta da Dio…

  20. Slug
    22 giugno 2010 alle 21:09

    Fabio Nintendo :

    ice2020 :
    Fabio-nintendo vieni un attimo su msn per favore…

    la prossima volta non chiamare, perchè io rispondo al cell
    e ti è andata bene che sono connesso adesso

  21. 22 giugno 2010 alle 21:57

    ice2020 :

    Fabio2 :

    OT scusate ancora: ormai in rete c’è il festival delle analisi stagionali, molti ormai si cimentano con la sfida di prevedere il prossimo futuro, in modo più o meno esplicito (nel caso di MTG, direi che la previsione è assai prudente):
    http://www.meteogiornale.it/notizia/18219-1-estate-2010-in-scarsa-forma-aumento-dei-fenomeni-estremi-cosa-aspettarci

    Alè! :-)

    Speriamo che l’estate proceda senza tante ondate di caldo, in questi giorni sopratt oggi si sta da Dio…

    Dal 25 luglio al 10 agosto moriremo tutti😎

  22. ice2020
    22 giugno 2010 alle 21:59

    miki03 :

    ice2020 :

    Fabio2 :

    OT scusate ancora: ormai in rete c’è il festival delle analisi stagionali, molti ormai si cimentano con la sfida di prevedere il prossimo futuro, in modo più o meno esplicito (nel caso di MTG, direi che la previsione è assai prudente):
    http://www.meteogiornale.it/notizia/18219-1-estate-2010-in-scarsa-forma-aumento-dei-fenomeni-estremi-cosa-aspettarci

    Alè! :-)

    Speriamo che l’estate proceda senza tante ondate di caldo, in questi giorni sopratt oggi si sta da Dio…

    Dal 25 luglio al 10 agosto moriremo tutti :cool:

    2 settimane di super caldo posso anche tollerarli…tanto ormai sn mesi che ce la meni su questa data…ci devi beccare per forza! 😉

  23. Fabio2
    22 giugno 2010 alle 22:50

    miki03 :

    ice2020 :

    Fabio2 :
    ……….http://www.meteogiornale.it/notizia/18219-1-estate-2010-in-scarsa-forma-aumento-dei-fenomeni-estremi-cosa-aspettarci
    Alè!

    ………

    Dal 25 luglio al 10 agosto moriremo tutti

    Occhio Miki a non sbilanciarti troppo.
    Se la tua previsione si rivelasse clamorosamente sbagliata, non ti daremmo più retta sulle previsioni per il prossimo autunno😉

    Certo che se tu ci azzeccassi, avvieremmo subito il tuo processo di beatificazione😉 online, s’intende…….

  24. 22 giugno 2010 alle 23:05

    Visto che parliamo di CO2 non vi sembra strano che i vegetali autotrofi ne abbiano a disposizione così poca ?
    La catena alimentare parte dalla CO2 dalla fotosintesi eppure la quantità di CO2 (0,039%) é irrisoria rispetto all’ ossigeno che é un 21% e che tra l’ altro é un sottoprodotto della fotosintesi?
    Secondo me é probabile che nella biosfera sia presente una quantità di carbonio molto superiore a quella atmosferica e che quindi in un ciclo stagionale ne venga ciclata un quantitativo notevole forse anche dello stesso ordine di grandezza. In pratica l’ Anidride Carbonica é presente in così scarsa concentrazione perché viene “divorata” dai vegetali e proprio meno di così non si può. Dal carbonio che gira nella biosfera si potrebbe forse “dimensionare” e pesare la biosfera stessa. E’ probabile che in passato la quantità di carbonio fruibile dalla biosfera, sia stata maggiore e “sequestrata” dagli organismi nei sedimenti.
    Addirittura l’evoluzione di alcuni organismi in grado di fissare il carbonio lo hanno reso indisponibile ai saprofiti e quindi non riciclabile, questo fatto potrebbe aver creato delle vere e proprie crisi e spogliato la biosfera di grandi quantitativi di CO2 e questo avrebbe potuto provocare estinzioni in massa. La scomparsa dei dinosauri ed altre specie potrebbe esser facilmente spiegata dalla scarsità di cibo indotta dalla carenza di CO2.

  25. Pelly
    22 giugno 2010 alle 23:45

    Fabio2 :

    miki03 :

    ice2020 :

    Fabio2 :
    ……….http://www.meteogiornale.it/notizia/18219-1-estate-2010-in-scarsa-forma-aumento-dei-fenomeni-estremi-cosa-aspettarci
    Alè!

    ………

    Dal 25 luglio al 10 agosto moriremo tutti

    Occhio Miki a non sbilanciarti troppo.
    Se la tua previsione si rivelasse clamorosamente sbagliata, non ti daremmo più retta sulle previsioni per il prossimo autunno
    Certo che se tu ci azzeccassi, avvieremmo subito il tuo processo di beatificazione online, s’intende…….

    Miki santo subito

  26. 23 giugno 2010 alle 00:35

    miki03 :

    Fabio2 :

    miki03 :

    ice2020 :

    Fabio2 :
    ……….http://www.meteogiornale.it/notizia/18219-1-estate-2010-in-scarsa-forma-aumento-dei-fenomeni-estremi-cosa-aspettarci
    Alè!

    ………

    Dal 25 luglio al 10 agosto moriremo tutti

    Occhio Miki a non sbilanciarti troppo.
    Se la tua previsione si rivelasse clamorosamente sbagliata, non ti daremmo più retta sulle previsioni per il prossimo autunno ;-)

    Certo che se tu ci azzeccassi, avvieremmo subito il tuo processo di beatificazione ;-) online, s’intende…….

    Il periodaccio sarà quello, da inizio agosto, forse fine luglio si salverà momentaneamente. Poi più spingerà la nina e prima si interromperà.

  27. Giovanni
    23 giugno 2010 alle 09:42

    Luci0 :Visto che parliamo di CO2 non vi sembra strano che i vegetali autotrofi ne abbiano a disposizione così poca ?La catena alimentare parte dalla CO2 dalla fotosintesi eppure la quantità di CO2 (0,039%) é irrisoria rispetto all’ ossigeno che é un 21% e che tra l’ altro é un sottoprodotto della fotosintesi?Secondo me é probabile che nella biosfera sia presente una quantità di carbonio molto superiore a quella atmosferica e che quindi in un ciclo stagionale ne venga ciclata un quantitativo notevole forse anche dello stesso ordine di grandezza. In pratica l’ Anidride Carbonica é presente in così scarsa concentrazione perché viene “divorata” dai vegetali e proprio meno di così non si può. Dal carbonio che gira nella biosfera si potrebbe forse “dimensionare” e pesare la biosfera stessa. E’ probabile che in passato la quantità di carbonio fruibile dalla biosfera, sia stata maggiore e “sequestrata” dagli organismi nei sedimenti.Addirittura l’evoluzione di alcuni organismi in grado di fissare il carbonio lo hanno reso indisponibile ai saprofiti e quindi non riciclabile, questo fatto potrebbe aver creato delle vere e proprie crisi e spogliato la biosfera di grandi quantitativi di CO2 e questo avrebbe potuto provocare estinzioni in massa. La scomparsa dei dinosauri ed altre specie potrebbe esser facilmente spiegata dalla scarsità di cibo indotta dalla carenza di CO2.

    Lucio hai perfettamente ragione
    guarda questi dati (su internet trovi vari siti , sempre in lingua staniera dove attingere ulteriori dati e informazioni)
    L’atmosfera contiene circa 750 GtC
    La superficie degli oceani circa 1000 GtC
    La vagetazione, i suoli e i rifiuti inieme circa 2200 GtC
    La parte profonda degli oceani circa 38000 GtC

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: