Archivio

Posts Tagged ‘estensione ghiacci artici’

Ghiacci artici: raggiunta la massima estensione stagionale?

3 aprile 2010 18 commenti

(estensione ghiacci artici JAXA)

Il 31 marzo abbaimo raggiunto l’estensione più ampia dei ghiacci marini artici del 2010 con un valore di 14.407.344 km2, la cosa incredibile è che tale risultato lo si sia avuto così tardi come già in tanti anche qui su NIA hanno rimarcato.

Ora io non so se nei prossimi giorni saranno possibili ulteriori recuperi ed il massimo stagionale sarà ancora ritoccato verso l’alto, resta comunque il fatto che dopo anni finalmente l’estensione dei ghiacci artici è ad un soffio dal raggiungimento della media trentennale:

(estensione ghiacci artici NSIDC)

E precisamente, come ha riferito il Dr.Walt Meier del Nsidc sul sito di A. Watts, l’ultima volta che abbiamo avuto un’estensione superiore alla media era il maggio del 2001!

Già il fatto di esserci molto vicini secondo il mio modestissimo parere è un gran traguardo soprattutto dopo tutti questi anni in cui si è gridato ai quattro venti che i ghiaccii artici si sarebbero completamente sciolti ed i poveri orsi bianchi tutti morti affogati!

Nonostante la bella notizia sui ghiacci artici, le cui cause sono da ricercare sicuramente nei cambi della circolazione nord emisferica e non solo, va comunque ricordato che il dato più affidabile per testare la buona salute del polo nord sarà quello di metà settebre, ovvero il minimo stagionale…quindi di strada ce n’è ancora parecchia da fare, anzi sta proprio iniziando il giro di boa, ma di certo, chi ben inizia è già a metà dell’opera…

Simon

Annunci

Ghiacci Marini Artici – Situazione Agosto 2009

7 settembre 2009 22 commenti

Estensione:

Anomalia Concentrazione:

Area:

Trend Anomalia Estensione:

Curiosità:

Rispetto a 10 anni fa abbiamo 1.1milioni di kmq di estensione in meno e 0.9 in meno di area

Rispetto a 20 anni fa abbiamo 1.6milioni di kmq di estensione in meno e 1.7 in meno di area.

Rispetto a 30 anni fa abbiamo 1.8milioni di kmq di estensione in meno e 1.2 in meno di area

FABIO

Perchè nessuno ne parla?

18 aprile 2009 13 commenti
Fonte: amsre_sea_ice_extent.png

Fonte: amsre_sea_ice_extent.png

L’estensione dei ghiacci artici ha raggiunto e superato quella di metà aprile degli ultimi anni 2000, ma nessuno ne parla…

Dove sono finiti gli orsi polari che muoiono affogati?

Addirittura se uniamo l’estensione dei ghiacci artici con quelli antartici ne viene fuori che siamo ben 0.70 milioni di km2 oltre la media di riferimento!

Di certo sappiamo anche che non è ora che si fanno paragoni, e che quindi il vero banco di prova lo avremo solo durante l’estate e soprattutto nel periodo di agosto e settembre. Ma ci fa comunque piacere constatare che il livello dei ghiacci marini del polo nord non è al momento deficitario rispetto gli altri anni del nuovo milennio, ma anzi sembra godere di buona salute nonostante le terribili estati 2007 e 2008!

Simon

Facciamoci 2 risate col WWF…a post by A.Watts!

20 ottobre 2008 Commenti disabilitati

Si dice che una foto vale mille parole giusto? Depending on what you are trying to present, that picture can make or break any presentation. A seconda di ciò che si sta tentando di presentare, immagine che può fare o rompere qualsiasi presentazione.

So it was with great interest that I noticed this picture in the article from the UK Telegraph with this alarming title: Così è stato con grande interesse che ho notato questa foto in questo articolo dal Regno Unito Telegraph con questo allarmante titolo:

Climate change is ‘faster and more extreme’ than feared Il cambiamento climatico è ‘più veloce e più estreme’ di temere

il cambiamento climatico è 'più veloce e più estreme' di temere
Arctic sea-ice in September 1979 and 2007, showing the biggest reduction since satellite surveillance began. Photo: Fugro NPA Ltd Mare artico-ghiaccio nel settembre 1979 e il 2007, mostrando la più grande riduzione, poiché ha iniziato la sorveglianza via satellite. Foto: Fugro NPA Ltd

Hmmm…right below it there was a link to the World Wildlife Federation, and in the body of the article, was the source of this “news” story. Hmmm … a destra sotto di esso vi è stato un collegamento con il World Wildlife Federation, e nel corpo dell’articolo, è stato la fonte di questa “notizia” storia.

WWF’s report, Climate Change: Faster, stronger, sooner , has updated all the scientific data and concluded that global warming is accelerating far beyond the IPCC’s forecasts. La relazione del WWF, il cambiamento climatico: più veloce, più forte, prima, ha aggiornato tutti i dati scientifici e ha concluso che il riscaldamento globale sta accelerando ben al di là delle previsioni IPCC.

I didn’t realize that the WWF was a scientific organization, and that they could update the data and conclude our current situation worse that findings of the IPCC. Non sapevo che il WWF è una organizzazione scientifica, e che essi avrebbero potuto aggiornare i dati e concludere la nostra attuale situazione peggiore che i risultati del IPCC. How stupid of me to not pay attention to this. Come stupido di me a non prestare attenzione a questo aspetto.

CNN also picked up this WWF press release . CNN ripreso anche questo comunicato stampa del WWF. See CNN’s story here . Vedi la storia di CNN qui.

Maybe WWF should “update” their findings with this picture from 2008: Forse il WWF dovrebbe “aggiornare” i loro risultati con questa immagine a partire dal 2008:


Click for a larger image direct from the source Clicca per ingrandire l’immagine direttamente dalla sorgente

Yes a picture is worth a thousand words, isn’t it? Sì una foto vale mille parole, non è vero? For those of you that visit these other blogs, be sure they see this updated picture and send my regards. Per quelli di voi che visita questi altri blog, hanno la certezza di vedere questo quadro aggiornato e inviare i miei saluti. While you are at it, ask them at the Telegraph to provide the source data and methodology for the creation of the two images used in the report. Mentre si è in esso, a chiedere loro il Telegraph di fornire i dati di origine e la metodologia per la creazione di due immagini usate nella relazione. They look more like artist renderings than data based 3D models. Essi guardare più come artista rendering di dati basati modelli 3D. The images were not part of the WWF report. Le immagini non erano parte del WWF relazione.

Non si arresta più la crescita del polo nord…

16 ottobre 2008 2 commenti

Circa 1.5 milioni di km2 in più dell’anno scorso, raggiunto e superato il 2005 e se continua così anche gli altri anni saranno presto presi ed il tutto con un anticipo nei tempi di marcia… Dove sono quelli dell’ipcc che prevedevano che il polo nord si sarebbe sciolto completamente da qui a 10 anni? Ditemi voi se non centra il minimo solare a sto punto, cos’altro possa esserci in gioco, perchè io non trovo davvero altre risposte. Secondo me questo è il primo segnale che aspettavamo, e dato che freddo genera freddo, se non sarà questo inverno, sarà il prossimo o forse il prossimo ancora, ma prima o poi, questa lunga pausa solare la dovremmo pagare…

Continua la crescita della banchisa artica…

14 ottobre 2008 Commenti disabilitati

Il 2008 ha ormai raggiunto il 2005 ed è ormai palese il recupero in positivo rispetto il 2007…

Stay tuned

La crescita “esponenziale” della banchisa artica…Primo segno del minimo solare?

10 ottobre 2008 7 commenti

Come si evince bene dal grafico, l’andamento dell’estensione dei ghiacci artici nel 2008 presenta 2 caratteristiche importanti. La prima che pur partendo con l’eredità del disastroso 2007, ha recuperato bene nei mesi invernali e a settembre, quando si raggiunge la minore superficie dell’anno, nn abbiamo replicato il brutto risultato del settembre scorso, la seconda, ancora più importante e che davvero ha dell’eccezionale (se almeno la paragoniamo agli anni presenti nel grafico), è che c’è stata una crescita esponenziale ( concedetemi il termine) della superficie artica rispetto gli anni precedenti!

Un aumento rapido e deciso quindi, il tutto concentrato in poche settimane di settembre, in controtendenza  con i dati satellitari della low troposfera e quelli giss delle anomalie di superficie, che vedono invece un settembre in leggera ripresa G-W. Ma sembra che per il polo nord questa volta sia stato un discorso a parte! Diviene ora legittimo chiedersi il perchè…

Non nascondo di aspettare con ansia e curiosità i prossimi dati di crescita dei ghiacci di ottobre, per vedere se il trend esponenziale di settembre risia confermato, per avere quindi più dati su cui riflettere. Siamo sicuri che questi non siano i primi effetti di questo anomalo minimo solare? Leggevo a tal proposito uno studio che riteneva che i primi effetti di un raffreddamento Globale prima di un eventuale era glaciale, li avremmo avuti proprio ai nostri poli!

Il dado l’ho lanciato, sarà forse solo un caso, ma trovatemi altre possibili spiegazioni… Alla prossima