Vulcani&Terremoti

In questo nuova pagina potete scrivere tutto quello che volete sulle attività geofisiche terrestri.

Vi ricordo che se ci fossero delle novità importanti, non esitate a renderle pubbliche anche negli articoli della Home page.

Ora sbizzarritevi pure!

Grazie per la collaborazione, Simon

  1. Michele
    4 giugno 2010 alle 15:40

    Da vero e proprio “gurù” del blog in ambito di informazioni sismico vulcaniche,
    inauguro questa nuova sezione con una recente “news”:

    http://www.koreatimes.co.kr/www/news/nation/2010/05/113_66491.html

    Mountain Baekdu, a dormant volcano on the border between North Korea and China, is showing signs of a possible eruption in the near future, experts warned Tuesday.

    “Baekdu could erupt anytime soon,” said geologist Yoon Sung-hyo at Pusan National University, who has monitored the nation’s highest mountain (2,744 meters) for any changes. “A variety of indicators are backing this scenario. The thing we should try to predict is when. It’s clear it’s imminent.”

  2. Darkman79
    4 giugno 2010 alle 17:14

    ed io lo riposto qui

    ieri insospettito dalla seconda strana scomparsa di una scossa prima segnalata e poi scomparsa nel parco nazionale di yellowstone di magnitudo 3.0 ( ieri era 3.3 ) ho fatto una piccola ricerca ebbene mentre sul sito o meglio sulla pagina principale le scosse vengono subito tolte, negli archivi ci sono tutte le scosse segnalate, in giro si diceva vabbè sono centraline difettose…

    bè se sono difettose come mai segnalano ufficialmente cacatine di uccelli che generano magnitudo 0.5 o .1.2 e invece quando segnalano magnitudo superiore ” sono difettose ” ?

    ora la scossa di ieri, questo sito ungherese la segnala ancora

    http://hisz.rsoe.hu/alertmap/read/index.php?pageid=seism_read&rid=179305… Mostra tutto

    mentre il sito americano

    http://earthquake.usgs.gov/earthquakes/recenteqsus/Quakes/uu00006534.php

    l’ha cancellata!, se scrivete su google wyoming 3.0 la vedrete, poi cliccate sul link SCOMPARSA

    comunque, invece qui come detto sopra vengono segnalate tutte le cacatine di uccellini

    http://www.seis.utah.edu/req2webdir/recenteqs/Maps/Yellowstone.html

    bene ora arriviamo al piatto forte!

    ecco a voi tutte le scosse che stanno avvenendo dal 2006 ad oggi nel parco nazionale di yellowstone dove si trova uno dei supervulcani piu’ temuti della terra!!!!!

    guardate qui anno 2006

    http://earthquake.usgs.gov/earthquakes/eqarchives/mineblast/apr06bul.php

    http://earthquake.usgs.gov/earthquakes/eqarchives/mineblast/mar06bul.php… Mostra tutto

    anno 2007

    http://earthquake.usgs.gov/earthquakes/eqarchives/mineblast/sep07bul.php

    anno 2008

    http://earthquake.usgs.gov/earthquakes/eqarchives/mineblast/feb08bul.php

    anno 2009

    http://earthquake.usgs.gov/earthquakes/eqarchives/mineblast/mar09bul.php
    http://earthquake.usgs.gov/earthquakes/eqarchives/mineblast/jul09bul.php

    anno 2010

    http://earthquake.usgs.gov/earthquakes/eqarchives/mineblast/jan10bul.php

    ce ne sono per ogni mese dal 2006 ad oggi io ho preso solo alcuni mesi, sono tutti errori ?

    mi fermo qui, perchè ormai io ho capito tutto, poi voi fatevi l’idea che più vi aggrada.

    ovviamente se qualcuno ha delle spiegazioni migliori le esponga pure.

  3. fra
    4 giugno 2010 alle 17:28

    bello! Mi piace questa nuova pagina…!

  4. alfremaz71
    4 giugno 2010 alle 18:36

    Mi piacerebbe sapere quanti vulcani sono in eruzione in questo momento sulla terra, e se c’è stato un aumento negli ultimi tempi rispetto al passato perchè ultimamente si sente parlare molto di eruzioni. E’ solo una moda o effettivamente sta succedendo qualcosa di anomalo?

  5. Darkman79
    4 giugno 2010 alle 19:03

    alfremaz71 :
    Mi piacerebbe sapere quanti vulcani sono in eruzione in questo momento sulla terra, e se c’è stato un aumento negli ultimi tempi rispetto al passato perchè ultimamente si sente parlare molto di eruzioni. E’ solo una moda o effettivamente sta succedendo qualcosa di anomalo?

    da inizio anno qui riporta 11 eruzioni

    http://www.volcano.si.edu/world/find_eruptions.cfm

  6. Michele
    4 giugno 2010 alle 19:05

    alfremaz71 :
    Mi piacerebbe sapere quanti vulcani sono in eruzione in questo momento sulla terra, e se c’è stato un aumento negli ultimi tempi rispetto al passato perchè ultimamente si sente parlare molto di eruzioni. E’ solo una moda o effettivamente sta succedendo qualcosa di anomalo?

    Un’ottimo blog che fornisce continui aggiornamneti è il seguente :

    http://scienceblogs.com/eruptions/

    Per la seconda domanda è la moda del periodo …Cmq sono partito con uno studio sulle possibili correlazioni esistenti fra le dinamiche solari e le dinamiche geologiche del pianeta, vedi attività sismico vulcanica !
    Analisi statistico/grafica che con i mesi continuerà!

    Infatti ricordo che sono disponibili già numerosi studi scientifici che documentano l’incremento dell’attività sismico/vulcanica nei periodi di minimo solare!

  7. Darkman79
    4 giugno 2010 alle 19:06

    Darkman79 :

    alfremaz71 :
    Mi piacerebbe sapere quanti vulcani sono in eruzione in questo momento sulla terra, e se c’è stato un aumento negli ultimi tempi rispetto al passato perchè ultimamente si sente parlare molto di eruzioni. E’ solo una moda o effettivamente sta succedendo qualcosa di anomalo?

    da inizio anno qui riporta 11 eruzioni
    http://www.volcano.si.edu/world/find_eruptions.cfm

    leggendo sempre da quel sito sembra siano in aumento quest’anno, e siamo solo a metà dell’anno….

  8. Michele
  9. Michele
    4 giugno 2010 alle 19:07
  10. Michele
    4 giugno 2010 alle 19:09

    E naturalmente il mio lavoro (analisi primi 5 mesi 2010) :

    https://daltonsminima.wordpress.com/2010/05/31/manifestazioni-solari-attivita-sismicovulcanica-terrestre-da-gennaio-a-maggio%C2%A02010/

    Inoltre consiglio sempre di leggersi anche i commenti perchè fonte di interessanti osservazioni !

  11. 4 giugno 2010 alle 19:19

    Darkman79 :

    alfremaz71 :
    Mi piacerebbe sapere quanti vulcani sono in eruzione in questo momento sulla terra, e se c’è stato un aumento negli ultimi tempi rispetto al passato perchè ultimamente si sente parlare molto di eruzioni. E’ solo una moda o effettivamente sta succedendo qualcosa di anomalo?

    da inizio anno qui riporta 11 eruzioni
    http://www.volcano.si.edu/world/find_eruptions.cfm

    Dallo stesso sito ne vengono riportate 6 nel 2009, quindi a metà anno siamo quasi al doppio dello scorso anno.

  12. 4 giugno 2010 alle 19:51

    Dalla lista a prima vista giá ne manca uno.
    http://www.painelglobal.com.br/vulcao.php?report=5&bd=24mai2010

    Poi da controllare anche questi attualmente in eruzione per non parlare di quello sottomarino entrato in eruzione nelle isole di Guam:

    Eyjafjallajökull (Islândia)
    Kanlaon (Philippines)
    Pagan (United States)
    Villarrica (Chile)
    Vulcão Arenal (Costa Rica)
    Bagana (Papua New Guinea)
    Chaitén (Chile)
    Dukono (Indonesia)
    Gaua (Vanuatu)
    Karymsky (Russia)
    Kilauea (United States)
    Kliuchevskoi (Russia)
    Llaima (Chile)
    Sakura
    Shiveluch (Russia)
    Soufrière Hills (United Kingdom)
    Suwanose
    Turrialba (Costa Rica)

    Credo che siano qualcuno in piú degli 11.

  13. DOM
    4 giugno 2010 alle 20:28

    Complimentoni a tutti e in particolare a Michele

  14. alfremaz71
    4 giugno 2010 alle 20:35

    Grazie per le tempestive risposte, anche se molto inquietanti!

  15. ice2020
    4 giugno 2010 alle 20:40

    Bene, vi siete subito lanciati…e prevedo che questa pagina sarà tempestata di utili messaggi del nostro Michele, anzi credo proprio che da ora in poi questa sarà la pagina di Michele!
    😆

  16. Michele
    4 giugno 2010 alle 21:02

    ice2020 :
    Bene, vi siete subito lanciati…e prevedo che questa pagina sarà tempestata di utili messaggi del nostro Michele, anzi credo proprio che da ora in poi questa sarà la pagina di Michele!

    Non sapendo mettere ancora le faccine ti mando un bel :LoL:

  17. ice2020
    4 giugno 2010 alle 21:14

    Michele :

    ice2020 :
    Bene, vi siete subito lanciati…e prevedo che questa pagina sarà tempestata di utili messaggi del nostro Michele, anzi credo proprio che da ora in poi questa sarà la pagina di Michele!

    Non sapendo mettere ancora le faccine ti mando un bel :LoL:

    Prova a scrivere lol in minuscolo e lascia i : come hai hai scritto ed avrai la faccina che ride…

  18. Michele
    4 giugno 2010 alle 21:24

    Vediamo un pò….
    😆

  19. giaguaro
    4 giugno 2010 alle 21:31

    Chiaramente vi faccio l’usgs live quando ci sono loggato.Quindi ogni 5+ ve lo segnalo giusto per prendere banda impunemente😀

  20. Fabio-Nintendo
    4 giugno 2010 alle 21:58

    Michele :

    ice2020 :
    Bene, vi siete subito lanciati…e prevedo che questa pagina sarà tempestata di utili messaggi del nostro Michele, anzi credo proprio che da ora in poi questa sarà la pagina di Michele!

    Non sapendo mettere ancora le faccine ti mando un bel :LoL:

    anch’io all’inizio non capivo come facevano a mettere le faccine😆

  21. 5 giugno 2010 alle 00:53

    Applausi
    file:///C:/Documents%20and%20Settings/Administrador/Meus%20documentos/Documenti/Animated%20Messenger%20Emoticons/animoticon/batepalma.gif

  22. free
    5 giugno 2010 alle 08:05
  23. fra
    5 giugno 2010 alle 12:35

    Impennata dei tremori sull’Eyjafjallajokull nelle ultime ore…forse qualche colpo di coda http://hraun.vedur.is/ja/Katla2009/eyja_trem_auto.png
    questa è la webcam e si vede un po’ di vapore uscire…
    http://eldgos.mila.is/eyjafjallajokull-fra-thorolfsfelli/

    continuano ad intensificarsi…

  24. Michele
    5 giugno 2010 alle 16:26

    sand-rio :
    Dalla lista a prima vista giá ne manca uno.
    http://www.painelglobal.com.br/vulcao.php?report=5&bd=24mai2010
    Poi da controllare anche questi attualmente in eruzione per non parlare di quello sottomarino entrato in eruzione nelle isole di Guam:
    Eyjafjallajökull (Islândia)
    Kanlaon (Philippines)
    Pagan (United States)
    Villarrica (Chile)
    Vulcão Arenal (Costa Rica)
    Bagana (Papua New Guinea)
    Chaitén (Chile)
    Dukono (Indonesia)
    Gaua (Vanuatu)
    Karymsky (Russia)
    Kilauea (United States)
    Kliuchevskoi (Russia)
    Llaima (Chile)
    Sakura
    Shiveluch (Russia)
    Soufrière Hills (United Kingdom)
    Suwanose
    Turrialba (Costa Rica)
    Credo che siano qualcuno in piú degli 11.

    Tornando per un attimo ai vulcani che i primi giorni di Giugno hanno mostrato una significativa ripresa dell’attività abbiamo anche il “Clevaland” in Alaska!
    Immagine ripresa da earthobservatory.
    http://earthobservatory.nasa.gov/NaturalHazards/view.php?id=44179

  25. X-files
    5 giugno 2010 alle 19:42

    Darkman79 :

    Darkman79 :

    alfremaz71 :
    Mi piacerebbe sapere quanti vulcani sono in eruzione in questo momento sulla terra, e se c’è stato un aumento negli ultimi tempi rispetto al passato perchè ultimamente si sente parlare molto di eruzioni. E’ solo una moda o effettivamente sta succedendo qualcosa di anomalo?

    da inizio anno qui riporta 11 eruzioni
    http://www.volcano.si.edu/world/find_eruptions.cfm

    leggendo sempre da quel sito sembra siano in aumento quest’anno, e siamo solo a metà dell’anno….

    Sbaglio o in quel sito manca il vulcano che ha eruttato in Guatemala?

  26. 6 giugno 2010 alle 00:43

    Vi propongo questa tabella con i principali terremoti dal 1901 e la concomitanza con la luna piena:
    http://www.apolo11.com/terremotos_e_fases_da_lua.php

    In sintesi i terremoti con luna piena rappresentano il 12,7 dei terremoti.

  27. mistral-101
    6 giugno 2010 alle 14:11

    La tabella considera 6 giorni (3 prima e 3 dopo la luna piena). Il mese lunare e’ di 29 giorni. La frequenza dovrebbe essere superiore al 20%.

    Sarebbe interessante verificare se durante la luna nuova la media aumenta.

  28. 6 giugno 2010 alle 14:31

    mistral-101 :

    La tabella considera 6 giorni (3 prima e 3 dopo la luna piena). Il mese lunare e’ di 29 giorni. La frequenza dovrebbe essere superiore al 20%.

    Sarebbe interessante verificare se durante la luna nuova la media aumenta.

    È semplice, basta prendere nella tabella nell´ultima colonna e i dati da 0 a 6 che sono i giorni di luna nuova (-3 e +3)
    Ma non credo che ci siano dati significativi. Il sito ha sempre parlato che non esistono elementi per vedere nelle fasi lunari un effetto sismico terrestre. I dati che pubblica servono proprio per confutare le idee di qualcuno che pensa ci siano situazioni di causa effetto delle fasi lunari con i terremti

  29. Mistral-101
    7 giugno 2010 alle 14:06

    sand-rio :

    mistral-101 :
    La tabella considera 6 giorni (3 prima e 3 dopo la luna piena). Il mese lunare e’ di 29 giorni. La frequenza dovrebbe essere superiore al 20%.
    Sarebbe interessante verificare se durante la luna nuova la media aumenta.

    È semplice, basta prendere nella tabella nell´ultima colonna e i dati da 0 a 6 che sono i giorni di luna nuova (-3 e +3)
    Ma non credo che ci siano dati significativi. Il sito ha sempre parlato che non esistono elementi per vedere nelle fasi lunari un effetto sismico terrestre. I dati che pubblica servono proprio per confutare le idee di qualcuno che pensa ci siano situazioni di causa effetto delle fasi lunari con i terremti

    Ho fatto un paio di conti, partendo da questa tabella che riporta 845 terremoti dal 19/04/1902 al 06/04/2010.

    Ho diviso i terremoti secondo la quantità di fase lunare presente al momento del sisma. Ecco i risultati:

    Fase 00-06%: 121 terremoti
    Fase 07-13%: 71 terremoti
    Fase 14-20%: 60 terremoti
    Fase 21-27%: 32 terremoti
    Fase 28-33%: 31 terremoti
    Fase 34-40%: 54 terremoti
    Fase 41-47%: 41 terremoti
    Fase 48-54%: 37 terremoti
    Fase 55-61%: 47 terremoti
    Fase 62-67%: 32 terremoti
    Fase 68-74%: 34 terremoti
    Fase 75-81%: 46 terremoti
    Fase 82-88%: 60 terremoti
    Fase 89-94%: 52 terremoti
    Fase 95-100%: 124 terremoti

    Quindi con la luna in congiunzione (luna nuova) abbiamo il picco massimo di terremoti. Con la luna in opposizione (luna piena) abbiamo un picco secondario.

    Che ne dite?

  30. Layla
    7 giugno 2010 alle 18:26

    Beeela la nuova pagina… hip hip hurrà per Michele, complimentoni anche per gli articoli sempre bellissimi.

    Un’abbraccio a tutti, Layla.

  31. Michele
    7 giugno 2010 alle 22:55

    @ Mistral-101

    Ottimo lavoro!
    Sicuramente non riuscieremo mai tirarci fuori “formule” o “leggi” ben precise per
    calcolarci con quale portata o intensità queste forze planetarie vadano a ripercuotersi sulle dinamiche geologiche, tuttavia l’analisi da te riportata è un’altro punto a favore delle teorie di “Bendandi”.

    @ Layla
    Grazie del pensiero.

    @ Tutti

    La tempesta geomagnetica è ormai alle spalle, quale migliore occasione per andare
    dare uno sguardo alla mappa globale dei sismi della giornata !

    Tutto in regola abbiamo una sola scossa di M5.1 in Indonesia.

  32. Michele
    7 giugno 2010 alle 23:00

    Viceversa analizziamo una giornata un pò più particolare…
    7 Febbario 2010 :
    La macchia 1045 è proprio fronte la Terra..questa è la serie di flare che ha prodotto

  33. Michele
    7 giugno 2010 alle 23:04

    Questo è il riepilogo delle scosse sismiche della giornata:

    Un pò più movimentata come giornata !!

    P.S.
    Dimenticavo son già 4/5 giorni che non abbiamo scosse con M>6.0…
    aspettiamo qualche dinamica solare oppure la prossima Luna Nuova del 12 Giugno / Luna Piena del 29 Giugno per monitorare !?

  34. Bernardo Mattiucci
    7 giugno 2010 alle 23:21

    Allerta terremoto in California e Arizona.
    Sostanzioso aumento dei terremoti.

  35. andrew
    8 giugno 2010 alle 00:19

    Tre sismi a distanza molto ravvicinata sul Katla e nella medesima posizione cosa che non era ancora successa da quando seguo l’evoluzione e cioè da marzo forse sta per partire o sta partendo

  36. 8 giugno 2010 alle 00:34

    Un sito con il monitoramento real time dei terremoti (solo quelli di una certa importanza) Ci sono anche le medie terremoti annuali e le “previsioni per il 2010.
    http://www.apolo11.com/terremotos.php

  37. Arasaka
    8 giugno 2010 alle 01:59

    scusa sand-rio ma non lo trovato molto “realtime”.
    Ho fatto un controllo qua :
    http://earthquake.usgs.gov/earthquakes/recenteqsww/Quakes/quakes_all.php

    anche se nn ho ancora trovato una fonte realtime, purtroppo i network dei sismografi sono molto frammentati e bisogna pescare qua e la…

  38. Bernardo Mattiucci
    8 giugno 2010 alle 07:33

    Alcuni link:

    http://hisz.rsoe.hu/alertmap/index2.php (real time multi disaster)
    http://www.emsc-csem.org/index.php?page=home&sub=gmap (manca il network usa)
    http://iside.rm.ingv.it/iside/standard/result.jsp?rst=1&page=EVENTS&lang=it (solo territorio nazionale)
    http://geofon.gfz-potsdam.de/geofon//seismon/globmon.html (pagina riassuntiva)

    Io preferisco seguire il primo…🙂

  39. Michele
    8 giugno 2010 alle 08:32

    Segnalo un piccolo sciame sismico a “Mammoth lake” long valley :
    http://earthquake.usgs.gov/earthquakes/recenteqscanv/FaultMaps/Long_Valley_eqs.html

    2.8 2010/06/07 15:40:25 37.642N 118.942W 7.7 3 km ( 2 mi) E of Mammoth Lakes, CA

    2.1 2010/06/07 15:33:12 37.640N 118.942W 8.0 3 km ( 2 mi) E of Mammoth Lakes, CA

    3.0 2010/06/07 15:31:30 37.637N 118.954W 6.6 2 km ( 1 mi) E of Mammoth Lakes, CA

    3.2 2010/06/07 15:31:21 37.641N 118.942W 7.6 3 km ( 2 mi) E of Mammoth Lakes, CA

  40. Michele
    8 giugno 2010 alle 08:35

    Anche nei giorni compresi fra il 21/22 Maggio :

    Monitorare la zona!

  41. Michele
    8 giugno 2010 alle 17:00

    http://www.phivolcs.dost.gov.ph/index.php?option=com_content&task=view&id=372&Itemid=1

    Taal Volcano Bulletin
    08 June 2010
    8:00 A.M.

    This is a notice for raising the alert level status of Taal Volcano from Alert Level 1 to Alert Level 2.

    Beginning last week of April 2010, monitored parameters have shown anomalous change as indicated by the following observations:

    1. Since 26 April 2010, the number of volcanic earthquakes detected per day continued to increase. For the past 24 hours, 32 high frequency volcanic earthquakes were detected. The size of recorded earthquakes has also been increasing. In addition, a low frequency type volcanic earthquake was detected on 02 June 2010.

    Siam sempre li…tra fine Aprile inizio Maggio !
    Ma guarda un pò !!!

  42. andrea b
    9 giugno 2010 alle 09:01

    Mistral-101 :

    sand-rio :

    mistral-101 :
    La tabella considera 6 giorni (3 prima e 3 dopo la luna piena). Il mese lunare e’ di 29 giorni. La frequenza dovrebbe essere superiore al 20%.
    Sarebbe interessante verificare se durante la luna nuova la media aumenta.

    È semplice, basta prendere nella tabella nell´ultima colonna e i dati da 0 a 6 che sono i giorni di luna nuova (-3 e +3)
    Ma non credo che ci siano dati significativi. Il sito ha sempre parlato che non esistono elementi per vedere nelle fasi lunari un effetto sismico terrestre. I dati che pubblica servono proprio per confutare le idee di qualcuno che pensa ci siano situazioni di causa effetto delle fasi lunari con i terremti

    Ho fatto un paio di conti, partendo da questa tabella che riporta 845 terremoti dal 19/04/1902 al 06/04/2010.
    Ho diviso i terremoti secondo la quantità di fase lunare presente al momento del sisma. Ecco i risultati:
    Fase 00-06%: 121 terremoti
    Fase 07-13%: 71 terremoti
    Fase 14-20%: 60 terremoti
    Fase 21-27%: 32 terremoti
    Fase 28-33%: 31 terremoti
    Fase 34-40%: 54 terremoti
    Fase 41-47%: 41 terremoti
    Fase 48-54%: 37 terremoti
    Fase 55-61%: 47 terremoti
    Fase 62-67%: 32 terremoti
    Fase 68-74%: 34 terremoti
    Fase 75-81%: 46 terremoti
    Fase 82-88%: 60 terremoti
    Fase 89-94%: 52 terremoti
    Fase 95-100%: 124 terremoti
    Quindi con la luna in congiunzione (luna nuova) abbiamo il picco massimo di terremoti. Con la luna in opposizione (luna piena) abbiamo un picco secondario.
    Che ne dite?

    quello che descrivi se coretto è molto importante se osservi la spiegazione delle maree sia la luna nuova che la luna piena esercitano la forza marreale maggiore perchè in opposizione o in congiunzione fra sole e terra.

  43. Michele
    9 giugno 2010 alle 11:14

    Buongiorno popolo di NIA!

    Opsss..abbiamo l’ottimo “Andrea B.”..ciao caro !!
    Grazie della presenza..
    Ma adesso partiamo con le consuete notizie.
    avanti quindi con la rubrica “Notizie ai confini della scienza ufficiale”!!😆

    Vi ricordate “IL BUCO” che si è formato in Guatemala, zona dove si era risvegliato il vulcano “Pacaya”, sempre a cavallo dell’ultima tempesta geomagnetica ….
    Ecco adesso si scopre che anche in Cina sono verificati questi “buchini” !!!

    http://www.theepochtimes.com/n2/content/view/36969/

    Da riportare due citazioni dell’articolo :

    “While the Guatemalans are wondering if the giant sinkhole formed on June 1 in their capital city is an isolated case, on the other side of the globe, the Chinese have discovered at least eight sinkholes that suddenly formed in the past two weeks across their country, and many more have appeared during the past two months.”

    “Three smaller holes were found between May 27 and May 30 in southwestern Sichuan Province, less than 80 miles from the Wenchuan epicenter of the deadly May 2008 Sichuan earthquake that killed approximately 80,000 people.”

    Fine maggio ..inizio giugno…opsss!!!

  44. silviu'
    9 giugno 2010 alle 11:51

    Michele hai scritto “Siam sempre li…tra fine Aprile inizio Maggio !”

    Siccome sto seguendo il disastro BP, non è che nella zona del Golfo del Messico in quelle date c’è stato qualche movimento??

    Anche perché sembra che i pozzi “in perdita” adesso siano due e anche il secondo sverserebbe da fine Aprile…
    Grazie e davvero un magnifico lavoro!

  45. Michele
    9 giugno 2010 alle 12:00

    silviu’ :
    Michele hai scritto “Siam sempre li…tra fine Aprile inizio Maggio !”
    Siccome sto seguendo il disastro BP, non è che nella zona del Golfo del Messico in quelle date c’è stato qualche movimento??
    Anche perché sembra che i pozzi “in perdita” adesso siano due e anche il secondo sverserebbe da fine Aprile…
    Grazie e davvero un magnifico lavoro!

    No..credo che quel che è successo in quelle zone sia solo ed esclusivamente colpa dell’uomo!

  46. Andrea B
    9 giugno 2010 alle 12:47

    L’incendio della piattaforma è stato creato da una sacca di metano
    improvvisamente e inaspettatamente fuoruscita dal foro di
    estrazione Non dimentichiamolo
    POI la colpa è di chi non ha saputo prevederlo e muoversi di conseguenza
    e concordo con Michele che la colpa sia solo umana e di BP in particolare

  47. Bernardo Mattiucci
    9 giugno 2010 alle 13:02

    Potrebbe non essere cosi’ scontata la colpa dell’uomo al 100%.
    La BP sapeva di cosa stava rischiando con diversi mesi di anticipo. Tutti lo sapevano e ne erano perfettamente a conoscenza.
    Dalle ricostruzioni emerge che diversi allarmi sono stati ignorati deliberatamente.
    E questa si’ che e’ colpa dell’uomo.
    Ma a monte… cosa c’e’?
    Perche’ si sono creati quegli allarmi?
    Non e’ che nel sottosuolo si e’ venuta a creare una qualche instabilita’ a causa del vicino terremoto di Haiti?

  48. Andrea B
    9 giugno 2010 alle 13:34

    at Bernando Mattiuucci

    Quoto perfettamente
    il tuo discorso

  49. 9 giugno 2010 alle 14:24

    I problemi con la piattaforma della BP erano giá noti da molte settimane prima.
    C´è un articolo a proposito nel mio blog italo/brasiliano/argentino.
    http://sandcarioca.wordpress.com/2010/06/07/goldman-sachs-eles-sabiam-que-o-vazamento-no-golfo-do-mexico-iria-ocorrer/

  50. Giovanni
    9 giugno 2010 alle 14:58

    A quanto pare la BP ha fatto nel golfo del messico un progetto pilota in quanto non ci si era mai spinti a quelle profondità per estrarre petrolio (1500 metri di oceano + 3000 m di roccia da perforare). LA BP, che ha agito come fanno di solito le industrie, invece di valutare e testare primi tutti gli eventuali rischi con annesse conseguenze, per risparmiare tempo e soldi, ha scelto la via del test direttamente sul sito. Se tutto fosse andato bene non ne sapremmo nulla, tra le multinazionali petrolifere BP avrebbe fatto un figurone e avrebbe anche potuto rivendere la sua tecnologia, invece le é andata male. Ha testato il farmaco sul paziente ma il paziente invece di guarire é morto…..
    E successo con l’amianto, con la diossina con i pesticidi con vari farmaci ritirati dal mercato, la storia si ripete identica, cambiano solo i tempi e i modi ma il succo rimane lo stesso

  51. Bernardo Mattiucci
    9 giugno 2010 alle 15:01

    Profitto ad ogni costo. Ecco qual’e’ il “succo” prospettato da Giovanni. E mi spiace ripeterlo… ma fino a quando il mondo andra’ avanti sempre e solo grazie o a causa del profitto, il futuro sara’ sempre e soltanto NERO. Sempre che ce sia uno!

  52. Michele
    9 giugno 2010 alle 15:09

    Bernardo Mattiucci :
    Profitto ad ogni costo. Ecco qual’e’ il “succo” prospettato da Giovanni. E mi spiace ripeterlo… ma fino a quando il mondo andra’ avanti sempre e solo grazie o a causa del profitto, il futuro sara’ sempre e soltanto NERO. Sempre che ce sia uno!

    Nero e pieno di “Buchi” !!!😆

  53. Giovanni
    9 giugno 2010 alle 15:55

    Andrea B scrive
    “L’incendio della piattaforma è stato creato da una sacca di metano
    improvvisamente e inaspettatamente fuoruscita dal foro di
    estrazione Non dimentichiamolo
    POI la colpa è di chi non ha saputo prevederlo e muoversi di conseguenza
    e concordo con Michele che la colpa sia solo umana e di BP in particolare”

    Beh in generale il metano e il petrolio vanno a braccetto, un po come nuvole e pioggia o acqua e pesci.In teoria in una compagnia petrolifera i tecnici dovrebberosapere queste cose basilari (e sicuramente le sanno) ma torno a ripetere loro ci hanno provato hanno rischisto hanno giocato d’azzardo e gli è andata male. Chiaro che le colpe sono 100% BP oppure si puo dare la colpa alla pressione troppo elevata del metano e del petrolio e dellacqua sul fondale o al sistema di perforazione che non ha retto (ex lunghezza eccessiva delle aste). Insomma quando uno si schianta contro un’albero si puo anche dare la colpa all’albero, dire che l’albero si é mosso o si é gettato sotto la macchina. Se chi ascolta sa che cos’é un albero diciamo che difficilmente ci crederà

  54. Michele
    9 giugno 2010 alle 16:19

    Giovanni :
    Andrea B scrive
    “L’incendio della piattaforma è stato creato da una sacca di metano
    improvvisamente e inaspettatamente fuoruscita dal foro di
    estrazione Non dimentichiamolo
    POI la colpa è di chi non ha saputo prevederlo e muoversi di conseguenza
    e concordo con Michele che la colpa sia solo umana e di BP in particolare”
    Beh in generale il metano e il petrolio vanno a braccetto, un po come nuvole e pioggia o acqua e pesci.In teoria in una compagnia petrolifera i tecnici dovrebberosapere queste cose basilari (e sicuramente le sanno) ma torno a ripetere loro ci hanno provato hanno rischisto hanno giocato d’azzardo e gli è andata male. Chiaro che le colpe sono 100% BP oppure si puo dare la colpa alla pressione troppo elevata del metano e del petrolio e dellacqua sul fondale o al sistema di perforazione che non ha retto (ex lunghezza eccessiva delle aste). Insomma quando uno si schianta contro un’albero si puo anche dare la colpa all’albero, dire che l’albero si é mosso o si é gettato sotto la macchina. Se chi ascolta sa che cos’é un albero diciamo che difficilmente ci crederà

    Da geologo tornando in tema cosa ne pensi Gio….dei “Buchi” ?

  55. Giovanni
    9 giugno 2010 alle 16:37

    Beh non ho capito bene cosa intendi per buchi
    1) i pozzi trivellati x il petrolio…..
    2) fenomeni di subsidenza tipo quello che hai mostrato in cina…(quello del guatemala me lo sono perso)

  56. Michele
  57. Giovanni
    9 giugno 2010 alle 17:47

    beh ho visto i buchi. Quello che mi insospettisce non poco é che questi buchi non hanno per niente l’aria naturale, troppo regolari, troppo circolari, sembrano piuttosto dei pozzi artificiali scavati dall’uomo. Sono abbastanza tipici per grandi opere, tunnel, dighe ( gallerie verticali di accesso), o anche miniere ( e da entrambe le parti miniere ce ne sono parecchie). Non si puo escludere che siano anche lavori “militari” eseguiti in zone ora demilitarizzate e urbainzzate. . Diciamo che bisognerebbe vederli un po meglio, la mia prima impressione é qeulla che ti ho descritto. Sicuramente escluderei ogni relazione con terremoti eruzini e quant’altro
    Mi da l’idea che ci abbiano messo su una coperta di asfalto cosi occhio non vede cuore non duole.
    Bisognerebbe fare una ricostruzione storica e vedere cosa c’era in quei luoghi prima che sorgessero le città.
    In ultima ipotesi non posso escludere che la natura abbia giocato uno scherzo e abbia creato degli inghiottitoi perfettamente circolari e scavati alla perfezione (mah?!)

  58. Giovanni
  59. Michele
    10 giugno 2010 alle 00:24

    @ Giovanni

    Grazie per il materiale a scoppo didattico !
    Certo che questi “scherzi della natura” fan proprio riflettere.
    Per il buco guatemaltense ti passo questa nuova immagine che ne riprende l’interno!

    La natura o la mano dell’uomo ?

    Cmq anche nel 2007 si era verificato una situazione simile :
    http://www.salviamoci2012.eu/forum/news.asp?id=39

    Per quelli cinesi rileggendo attentamente l’articolo si parla non di una sola “dolina”, ma più doline !!!!
    Le forti piogge potrebbero essere una spiegazione !

    “On June 3, four huge sinkholes opened up in Guangxi Province where a torrential storm was raging. According to Chinese state media reports, more than 600 villagers had to be evacuated because of them.
    Three smaller holes were found between May 27 and May 30 in southwestern Sichuan Province, less than 80 miles from the Wenchuan epicenter of the deadly May 2008 Sichuan earthquake that killed approximately 80,000 people.
    In Yibin City about 260 miles from the earthquake’s epicenter, 26 larger sinkholes have formed since April 27.”

    Questa è l’immagine di quella cinese….certo quando avevano realizzato la strada non si eran accorti di nulla ??? Anche in questo caso che precisione !!

    Archiviamo per il momento la cosa..in attesa di eventuali sviluppi.
    Grazie

  60. 10 giugno 2010 alle 01:27

    Questa pagina mi piace sempre di piú. Michele hai avuto un´ottima idea nel richiederla. Se ci sono novitá nella CdG possiamo postarli in questa pagina.

  61. Michele
    10 giugno 2010 alle 08:39

    sand-rio :
    Questa pagina mi piace sempre di piú. Michele hai avuto un´ottima idea nel richiederla. Se ci sono novitá nella CdG possiamo postarli in questa pagina.

    Allora Sandro…in prims buongiorno !
    Dal mio punto di vista avrei piacere se questa pagina rimanesse dedicata solo ed esclusivamente alla geologia terrestre.
    Per tre motivi molto semplici :

    1°)Tenere il più pulito,coordinato il blog, altrimenti si rischia di sviluppare una certella molto dispersiva !
    Anche perchè, sai bene che con il tempo i post aumenteranno e anche le pagine !
    Risulterà quindi molto difficile ripescare vecchi commenti con citazioni ad articoli e/o trattati scientifici interessanti.
    Prendi ad esempio la discussione che e nata ieri su SinkHoles…dopo poco siamo finiti con il parlare della “BP”…
    chiaro..no?? Il rischio degli “OT” è molto elevato !!

    2°) L’utente Andrea B. sta portando avanti ricerche e studi su “Bendandi”…
    quindi..con il tempo la cartella potrebbe avere degli sviluppi interessanti!

    3°) Minimo solare attività geologica in fermento !

    Io proporrei invece una nuova sezione (L’ULTIMA!!!!) con titolo :
    “Circolazioni Atmosferiche / Oceaniche”

    Così il quadro è completo, per l’astronomia siamo già coperti quotidianamente!
    In ogni istante tutte le notizie di natura celeste posson esser postate in qualsiasi articolo !

    La parola conclusiva a Simon e Fabio ect..
    Questo è il mio parere , grazie !

    P.S. Grazie Sandro per i link!

  62. Simone
    10 giugno 2010 alle 09:18

    Buon giorno ragazzi
    Innanzitutto complimenti a Michele e a tutto lo staf per questa nuova pagina e per tutto il blog… è sempre più interessante e completo!!!!! Grandi!!!!

    Volevo farvi notare che sono ripresi da ieri sera i “tremori” sul vulcano in Islanda ecco il link:

    Che ne pensi Michele??? si ricomincia???? la parola ai più esperti.
    Ciao
    Simone

  63. Michele
    10 giugno 2010 alle 09:32

    Simone :
    Buon giorno ragazzi
    Innanzitutto complimenti a Michele e a tutto lo staf per questa nuova pagina e per tutto il blog… è sempre più interessante e completo!!!!! Grandi!!!!
    Volevo farvi notare che sono ripresi da ieri sera i “tremori” sul vulcano in Islanda ecco il link:
    http://hraun.vedur.is/ja/Katla2009/eyja_trem_auto.png
    Che ne pensi Michele??? si ricomincia???? la parola ai più esperti.
    Ciao
    Simone

    Simone per il momento nulla di significativo !
    Osserva questo grafico:
    http://hraun.vedur.is/ja/Katla2009/gosplott.html
    Sono gli ultimi 2 mesi !
    Come puoi vedere l’eruzioni sono preceduto da forti tremori. L’indicatore (asse y) si era posizionato sui 1500/2000 e non 50/100 !
    I Battiti (tremori) devono crescere continuamente, come pure i sismi !
    http://en.vedur.is/earthquakes-and-volcanism/earthquakes/myrdalsjokull/
    Quindi per il momento calma piatta !

  64. Simone
    10 giugno 2010 alle 09:36

    Michele :

    Simone :Buon giorno ragazziInnanzitutto complimenti a Michele e a tutto lo staf per questa nuova pagina e per tutto il blog… è sempre più interessante e completo!!!!! Grandi!!!!Volevo farvi notare che sono ripresi da ieri sera i “tremori” sul vulcano in Islanda ecco il link:http://hraun.vedur.is/ja/Katla2009/eyja_trem_auto.pngChe ne pensi Michele??? si ricomincia???? la parola ai più esperti.CiaoSimone

    Simone per il momento nulla di significativo !Osserva questo grafico:http://hraun.vedur.is/ja/Katla2009/gosplott.htmlSono gli ultimi 2 mesi !Come puoi vedere l’eruzioni sono preceduto da forti tremori. L’indicatore (asse y) si era posizionato sui 1500/2000 e non 50/100 !I Battiti (tremori) devono crescere continuamente, come pure i sismi !http://en.vedur.is/earthquakes-and-volcanism/earthquakes/myrdalsjokull/Quindi per il momento calma piatta !

    Hai ragione non avevo il link degli ultimi due mesi e non mi sono reso conto della differenza … Grazie!!!

  65. Giovanni
    10 giugno 2010 alle 10:06

    Ciao MIchele ho guardato le foto che mi hai mandato e da queste le pareti del “buco” sembrano piu irregolari e quindi naturali. Quindi ritratto la mia prima interpretazione e propendo per un fenomeno naturale cioé una dolina ( o inghiottitoio). Sono anche andato a vere un po la geologia della zona (guatemala) e in effetti ci sono parecchie dolomie e calcari, quindi rocce che subiscono fenomeni di carsismo. Situazione diciamo simile alle nostre alpi orientali ( le famose foibe).
    Poi guardando le foto che mi hai madato le rocce bianco-grige assomigliano a dei calcari (ma potrebbero essere altre rocce). A questo punto bisognerebbe vedere se sotto guatemala city esiste una rete carsica sviluppata (chiedere conferma ad uno speleologo guatemalteca!). Quindi ammeso che siano fenomeni naturali che mi viene da dire? Come al solito non si puo che essere polemici. Questi problemi alla base sono sempre legati all’ignoranza o incompetenza delle persone che lavorano in questi settori.
    1) In una zona carsica (calcarea) ti devi aspettare doline e inghiottitoi, sempre.
    2) Gran parte delle doline in natura sono riempite da materiale sciolto permeabile che fa da “tappo” tra la superficie e il condotto carsico sottostante. Questo tappo puo essere piu o meno stabile, piu omeno compattato e contenere al suo interno piu o meno vuoti o cavità. A livello superficiale queste doline sono riconoscibili in genere per una depressione morfologica piu o meno accentuata (eventualmente con ristagno di acqua e formazione di un laghetto se i sedimenti sciolti sono impermeabili). Piu rare sono le doline “nude” cioé con il condotto libero ( come si vede nel caso guatemalteca). Le foibe sono delle doline “denudate”
    3)Spetta a chi costruisce fare uno studio del territorio e riconoscere queste strutture. Se queste strutture carsiche non vengono riconosciute e vengono semplicemente ricoperte da uno strato impermeabile di asfalto succede quanto segue.
    Avviene un’erosione alla base del tappo da parte del canale carsico e nel contempo si arresta l’apporto di acqua e sedimenti dalla superficie a causa dello strato di asfalto. Allo stesso modo eventuali acque che si infiltrano dalla superficie sotto l’asfalto avranno esclusivamente un effetto erosivo ( elevata energia e basso carico solido). Nel contempo si ha anche l’interruzione dell’apporto biogenico lagato alla vegetazione che aggrega il terreno con gli apparati radicali e crea nuovo terreno con la decomposizione delle piante (humus). Si altera l’equilibrio appporto sedimentario/erosione Con il passare degli anni il tappo naturale di sedimenti viene via via eroso mettendo a nudo la dolina. Il livello superficiale di asfalto perde il suo supporto di base (si crea un ponte di asfalto circolare) che con il tempo cede e crolla portando alla luce la dolina denudata.
    Nuovamente io non ni stupisco x il buco, non ci vedo niente di anormale, lo stupore e l’anormalità sono sempre riferite all’intervento dell’uomo che pensa di vivere su un pianeta costruito da lui con le regole che vuole lui, invece é ospite di un sistema complesso in continua evoluzione che se ne frega delle regole umane ma segue semplicemente le regone naturali che l’uomo continua a non voler vedere.

  66. Giovanni
    10 giugno 2010 alle 10:36

    Errata corrige….
    mi rimangio in parte il discorso di prima, la carta geologica che ho visto é di guatemala, una località del missouri. la fretta fa brutti scherzi, e visto che sto lavorando ho fatto le cose male. Mea culpa.
    QUindi in guatemala abbiamo in realtà rocce vulcaniche recenti, diciamo quaternarie e sedimenti vari, ma non calcari. Quindi la situazione é che si hanno rocce poco e mal consolidate, con presenza di cavità e fratture in cui circola l’acqua. Le rocce grigio bianche non sono quindi calcari ma piuttosto tufi , ceneri vulcaniche non cosnolidate, ignimbriti acide, rocce a grana molto fine, tenere e facilmente e velocemente alterabili . In questo caso quindi piu che un carsismo si ha lo sviluppo di un erosione della roccia vulcanica per dilavamento, un comportamento tipico da sedimento non consolidato.
    IN questo caso la cavità si puo essere formata ed ampliata molto piu velocemente rispetto aduna cavità carsica e la copertura con asfalto puo aver accentuato notevolmente questo processo.
    Dopo di che il meccanismo di formazione di una cavità le conseguenze sono simili a quelle descritte x le doline.
    Infine leggendo l’articolo http://www.salviamoci2012.eu/forum/news.asp?id=39
    a parte un po di miscuglio tra rocce vulcaniche carsismo ed altro, ho letto che quella zona sorgeva su zone gia “urbanizzate” dai tempi dei maya, che scavavano ingressi sotterranei ( sfruttando magari quelli natuali) e conoscevano e frquentavano questa cavità……quindi la risposta probabilmente non é semplce e lineare ma va ricercata nella storia geologica ed umana dell’area.

  67. Giovanni
    10 giugno 2010 alle 10:45

    Michele scrive
    Simone per il momento nulla di significativo !
    Osserva questo grafico:
    http://hraun.vedur.is/ja/Katla2009/gosplott.html
    Sono gli ultimi 2 mesi !
    Come puoi vedere l’eruzioni sono preceduto da forti tremori. L’indicatore (asse y) si era posizionato sui 1500/2000 e non 50/100 !
    I Battiti (tremori) devono crescere continuamente, come pure i sismi !
    http://en.vedur.is/earthquakes-and-volcanism/earthquakes/myrdalsjokull/
    Quindi per il momento calma piatta !

    Sismi e attività vulcanica sono molto correlati. Basta guardare una carta mondiale sismica e vulcanica e vedere come i due fenomeni siano correlati spazialmente ed a volte anche temporalmente. terremoti e vulcani sono concentrati nelle zone di dorsale oceanica ( diveergenza delle plache) e di subduzione ( convergenza delle placche). Poi esistono i punti caldi che sono zone di “anomalia” crostale, ma non mi dilungo.
    Riassumento
    1) L’attività vulcanica è sempre associata a attività sistmica piu o meno intensa a seconda della tipo di lava-vulcano a seconda delle dimensioni delle camere magmatiche ecc.ecc.
    2) L’attività sismica non é necessariamente legata ad attività vulcanica, ma principalmente é legata all’attività tettonica, cioé al movimento delle placche terrestri.
    3) I “grandi” ( si puo discutere sulla definizione di grande) sismi sono legati all’attività tettonica

    I margini di subduzione ( catene montuose) e di accrezione (dorsali oceaniche e islanda) sono le zone in cui si concentrano queste 2 attività

  68. Michele
    10 giugno 2010 alle 11:04

    Giovanni :
    Michele scrive
    Simone per il momento nulla di significativo !
    Osserva questo grafico:
    http://hraun.vedur.is/ja/Katla2009/gosplott.html
    Sono gli ultimi 2 mesi !
    Come puoi vedere l’eruzioni sono preceduto da forti tremori. L’indicatore (asse y) si era posizionato sui 1500/2000 e non 50/100 !
    I Battiti (tremori) devono crescere continuamente, come pure i sismi !
    http://en.vedur.is/earthquakes-and-volcanism/earthquakes/myrdalsjokull/
    Quindi per il momento calma piatta !
    Sismi e attività vulcanica sono molto correlati. Basta guardare una carta mondiale sismica e vulcanica e vedere come i due fenomeni siano correlati spazialmente ed a volte anche temporalmente. terremoti e vulcani sono concentrati nelle zone di dorsale oceanica ( diveergenza delle plache) e di subduzione ( convergenza delle placche). Poi esistono i punti caldi che sono zone di “anomalia” crostale, ma non mi dilungo.
    Riassumento
    1) L’attività vulcanica è sempre associata a attività sistmica piu o meno intensa a seconda della tipo di lava-vulcano a seconda delle dimensioni delle camere magmatiche ecc.ecc.
    2) L’attività sismica non é necessariamente legata ad attività vulcanica, ma principalmente é legata all’attività tettonica, cioé al movimento delle placche terrestri.
    3) I “grandi” ( si puo discutere sulla definizione di grande) sismi sono legati all’attività tettonica
    I margini di subduzione ( catene montuose) e di accrezione (dorsali oceaniche e islanda) sono le zone in cui si concentrano queste 2 attività

    Giovanni osserva gli orari !!!

    Vento solare & Bz & Incremento attività sismica terrestre nella notte !!

  69. Giovanni
    10 giugno 2010 alle 11:18

    Michele mi dici dove hai preso le tabbelle? quelle ch emi hai mandato sono poco leggibili….

  70. Michele
    10 giugno 2010 alle 11:19

    Fate un copia/incolla del collegamento sopra riportato altrimenti va in errore il link!

  71. Michele
    10 giugno 2010 alle 11:19

    Giovanni :
    Michele mi dici dove hai preso le tabbelle? quelle ch emi hai mandato sono poco leggibili….

    http://hisz.rsoe.hu/alertmap/index2.php

  72. Giovanni
    10 giugno 2010 alle 11:55

    grazie Michele e le tabelle vento solare ( velocity?) e Bz (sta per intensità vento sull’asse z?) dove sono?

  73. Michele
    10 giugno 2010 alle 12:06

    Giovanni :
    grazie Michele e le tabelle vento solare ( velocity?) e Bz (sta per intensità vento sull’asse z?) dove sono?

    http://www.spacew.com/plots.php
    Posiziona il mouse sopra l’immagini e vedrai l’andamento nelle ultime ore !

  74. Giovanni
    10 giugno 2010 alle 12:09

    Non ricordo bene ma avevo letto un commento sul n di eruzioni vulcaniche nel 2009.2010. Sono andato a vedere il sito da cui provengono i dati.
    http://www.volcano.si.edu/world/find_eruptions.cfm
    In quella pagina ci sono i vulcani attualmente in eruzione con di fianco la data dell’inizio dell’eruzione, quindi 11 nel 2010 significa che ci sono 11 vulcani attualmente in eruzione che hanno cominciato nel 2010, 6 nel 2009 significa che ci sono 6 vulcani attualmente in eruzione che hanno cominciato nel 2009. NON SIGNIFICA CHE NEL 2009) CI SONO STATE 6 euzioni
    In particolare il vulcano Yasur Vanuatu é in eruzione dal 1774 a oggi (2010).

    Se vogliamo una statistica annuale
    Nel 2009 hanno avuto INIZIO 31 euzioni
    http://www.volcano.si.edu/world/find_eruptions.cfm

    Nel 2008 hanno avuto INIZIO 46 euzioni

    quindi nel 2010m siamo abbondantemente nella media e se anche non lo fossimo una statistica annuale su un fenomeno geologico come le eruzioni a scala mondiale equivale a fare una previsione del tempo mensile con un’osservazione meteo di 1 secondo

  75. Michele
    10 giugno 2010 alle 13:12

    Giovanni :
    Non ricordo bene ma avevo letto un commento sul n di eruzioni vulcaniche nel 2009.2010. Sono andato a vedere il sito da cui provengono i dati.
    http://www.volcano.si.edu/world/find_eruptions.cfm
    In quella pagina ci sono i vulcani attualmente in eruzione con di fianco la data dell’inizio dell’eruzione, quindi 11 nel 2010 significa che ci sono 11 vulcani attualmente in eruzione che hanno cominciato nel 2010, 6 nel 2009 significa che ci sono 6 vulcani attualmente in eruzione che hanno cominciato nel 2009. NON SIGNIFICA CHE NEL 2009) CI SONO STATE 6 euzioni
    In particolare il vulcano Yasur Vanuatu é in eruzione dal 1774 a oggi (2010).
    Se vogliamo una statistica annuale
    Nel 2009 hanno avuto INIZIO 31 euzioni
    http://www.volcano.si.edu/world/find_eruptions.cfm
    Nel 2008 hanno avuto INIZIO 46 euzioni
    quindi nel 2010m siamo abbondantemente nella media e se anche non lo fossimo una statistica annuale su un fenomeno geologico come le eruzioni a scala mondiale equivale a fare una previsione del tempo mensile con un’osservazione meteo di 1 secondo

    Condivido le tue parole.
    Nei prossimi mesi, voglio tuttavia approfondire la questione sopra riportata.
    Ossia la stretta relazione che sembra emergere fra le dinamiche solari e le successive evoluzioni geologiche !
    In ambito geomagnetico ho trovato questa banca dati canadese, ben fornita!
    http://geomag.nrcan.gc.ca/common_apps/mp-eng.php?ref=data&index=0&plot_type=b_plot
    Cercherò di fare un pò di ricerche!
    Altrimenti anche qui..
    http://wdc.kugi.kyoto-u.ac.jp/wdc/Sec3.html

  76. Giovanni
    10 giugno 2010 alle 13:57

    ho confrontata le tabelle, in effetti c’é un incremento tra le 2-5 di notte, pero’ ci sono anche dei terremoti precedenti di magnitudo >5 ch enon hanno correlazione apparente con l’attività del vento solare.
    alcune osservazioni
    1) Se ci fosse una relazione tra vento solare e terremoti non ci covrebbe anche essere una distribuzione differnte tra “l’emisfero” terrestre esposto al sole ( giorno maggiori terrremoti) e quello riparato ( notte, meno terremoti)? Mi sembra che siano distribuiti “causalmente” su tutto il pianeta ( naturalmente distribuiti lungo le aree di suture delle placche)
    2)dal punto di vista geologico per avere una validità queste correlazioni dovrebbero essere verificate su una scala di tempi non umana, ex 10’000 1 milione di anni. Inoltre bisognerebbe verificare l’intervallo di tempo tra una variazione di vento solare ( incremento) e il terremoto associato.
    3) se cosi fosse io mi aspetterei di vedere le stesse cose anche su altri pianeti del sistema solare, in particolare venere e marte ( e mettiamoci anche la luna). In realtà marte non ha attività vulcanica e non so se ne abbia di sismica. Idem per la luna. Per venere non saprei.
    Ciao

  77. Michele
    10 giugno 2010 alle 14:12

    Punto 1

    La natura elettromagnetica di questi fenomeni può interagire sulle dinamiche EM del nucleo/mantello ! Ritengo che sia questa la motivazione per il quale si ripercuote su tutto il pianeta !

    Punto 2
    Scrivi :
    “Inoltre bisognerebbe verificare l’intervallo di tempo tra una variazione di vento solare ( incremento) e il terremoto associato”

    Più rapido è il cambiamento più ripercussioni geologiche!

    Punto 3
    Conosciamo la geologia di questi pianeti ..nucleo.mantello ect..ect..???

  78. Giovanni
    10 giugno 2010 alle 14:58

    1) D’accordo con te. Pero siccome i terremoti sono legati ad una fascia superficiale ( max 50 km diciamo ) mi aspetto che “l’energia” (la chiamo cosi…) attraaversando nucleo e mantello o propagandosi sulla superficie venga comunque dissipata, quindi dovrei avere sempre “un’energia” incidente maggiore in un punto o un area e via vi aminore man mano che ci si allontana quindi in ogni caso devo osservare delle differenze tra due punti agli antipodi . Inoltre come dici tu interazione con nucleo mantello e crosta deve produrre delle variazioni ( non saprei quali) tra zona incidente e zona di propagazione.

    2)Nel punto 2 intendevo dire che si dovrebbe trovare una relazione spazio temporale piu o meno costante tra a)il cambiamento e b)la ripercussione sismica. Nel senso che ci dev’essere una relazione tipo a) precede sempre b) e lo precede di un tempo piu o meno costante T0. Inoltre come dici tu maggiore é a) e maggiore dev’essere b)
    Altrikenti se a) precede o segue b) facciamo come l’IPCC che dice che la Co2 é la causa dei cambiamenti climatici ma é anche la conseguenza….
    3) dubito che qualcuno sia mai riuscito ad andare a fare un rilevamento geologico su un’altro pianeta…..se lo conosci fammi sapere!
    ci sono dati indiretti e campioni di roccia riportati dalla luna ( se mai qualcuno c’é realmente andato). Comunque dai dati disponibili marte e luna non sono cosi differenti dalla terra (manca chiaramente tutto l’apporto biogenico, petrolio, calcari, fossili ecc.ecc.)

  79. Giovanni
    10 giugno 2010 alle 14:58

    Caro Michele breve risposta
    1) D’accordo con te. Pero siccome i terremoti sono legati ad una fascia superficiale ( max 50 km diciamo ) mi aspetto che “l’energia” (la chiamo cosi…) attraaversando nucleo e mantello o propagandosi sulla superficie venga comunque dissipata, quindi dovrei avere sempre “un’energia” incidente maggiore in un punto o un area e via vi aminore man mano che ci si allontana quindi in ogni caso devo osservare delle differenze tra due punti agli antipodi . Inoltre come dici tu interazione con nucleo mantello e crosta deve produrre delle variazioni ( non saprei quali) tra zona incidente e zona di propagazione.

    2)Nel punto 2 intendevo dire che si dovrebbe trovare una relazione spazio temporale piu o meno costante tra a)il cambiamento e b)la ripercussione sismica. Nel senso che ci dev’essere una relazione tipo a) precede sempre b) e lo precede di un tempo piu o meno costante T0. Inoltre come dici tu maggiore é a) e maggiore dev’essere b)
    Altrikenti se a) precede o segue b) facciamo come l’IPCC che dice che la Co2 é la causa dei cambiamenti climatici ma é anche la conseguenza….
    3) dubito che qualcuno sia mai riuscito ad andare a fare un rilevamento geologico su un’altro pianeta…..se lo conosci fammi sapere!
    ci sono dati indiretti e campioni di roccia riportati dalla luna ( se mai qualcuno c’é realmente andato). Comunque dai dati disponibili marte e luna non sono cosi differenti dalla terra (manca chiaramente tutto l’apporto biogenico, petrolio, calcari, fossili ecc.ecc.)

  80. Michele
    10 giugno 2010 alle 15:02

    Grazie Gio…adesso mi riposo..
    opss…torno al lavoro!!
    felice di condividere con te queste affascinati ricerche !😉

  81. Giovanni
    10 giugno 2010 alle 15:18

    reciproco

  82. Andrea b
    11 giugno 2010 alle 08:36

    Ho letto i precedenti commenti e alcuni dei link riportati
    Devo ammettere che simon ha fatto benissimo a realizzare la sezione terremoti e vulcani è altamente produttiva e proficua in termini di conoscenze, correlazioni e nozioni sulla geologia, vulcanesimo, e possibili correlazioni con il sole, luna ecc…

    Grazie soprattutto a Michele e a Giovanni

  83. Michele
    11 giugno 2010 alle 10:00

    Andrea b :
    Ho letto i precedenti commenti e alcuni dei link riportati
    Devo ammettere che simon ha fatto benissimo a realizzare la sezione terremoti e vulcani è altamente produttiva e proficua in termini di conoscenze, correlazioni e nozioni sulla geologia, vulcanesimo, e possibili correlazioni con il sole, luna ecc…
    Grazie soprattutto a Michele e a Giovanni

    Ciao Andrea grazie!

    Come procedi con il lavoretto ?
    Gli ultimi che ho ricevuto sono molto interessanti..
    aspetto fiducioso ..altro materiale !😉

  84. Giovanni
    11 giugno 2010 alle 11:57

    Ciao michele grazie anche x i link sul monitoraggio geomagnetico della terra, che ho visto solo ora

  85. Bernardo Mattiucci
    11 giugno 2010 alle 14:03

    Terremoto nei pressi di Salt Lake City… a sud dello Yellowstone!
    http://hisz.rsoe.hu/alertmap/read/index.php?pageid=seism_read&rid=179875

  86. Simone
    11 giugno 2010 alle 14:15

    Sul sito ungherese ho trovato questa notizia secondo la quale in Islanda è in attività questo vulcano Askja Volcano (Caldera type).
    Avete maggiori informazioni????

    ecco il link:

    http://hisz.rsoe.hu/alertmap/woalert_read.php?glide=VA-20100611-26466-ISL

  87. 11 giugno 2010 alle 14:44

    Qualcuno che conosce l’inglese meglio di me potrà darci informazioni più precise…sembra che l’allerta sia molto elevata….

    http://www.godlikeproductions.com/forum1/message1096433/pg1

  88. 11 giugno 2010 alle 19:02

    dice che questo dottor Hazel Rymer sta monitorando il vulcano Askja.
    con dei collaboratori di un università londinese ha rilevato un incremento dell’attività sismica e dei cambiamenti nei condotti magmatici sottostanti il vulcano. Rymer dice: si sta accumulando nuovo magma, c’è una soglia critica che dev’essere superata perchè questo avvenga, ma non sappiamo quant è. non possiamo prevedere un’eruzione, potra accadere tra una settimana o tra un anno.
    Askja ha eruttato l’ultima volta nel 1961 e negli ultimi secoli ha eruttato circa 40 volte. nel 1875 ha avuto una violenta eruzione causando un cratere alto 3 miglia e mandando cenere fino in scozia e scandinavia. Il dottore non crede che ci sia una correlazione tra l’eruzione dell’ ejyablabla e la crescente attività dell’Askja.

  89. lorenzo
    11 giugno 2010 alle 19:05

    Riccardo :
    Qualcuno che conosce l’inglese meglio di me potrà darci informazioni più precise…sembra che l’allerta sia molto elevata….
    http://www.godlikeproductions.com/forum1/message1096433/pg1

    “Un esperto vulcanolo ha avvertito ieri che un’altra eruzione potrebbe essere imminente in Islanda, la prospettiva sarebbe il caos dei voli durante le vacanze estiva. Il Dr. Hazel Rymer è stato chiamato al monitoraggio del vulcano Askja a 180 miglia a nord di Eyjafjallajökull – il vulcano che ha causato la paralisi totale della maggior parte dello spazio aereo europeo in aprile. Il vulcanologo sostiene dice che sti dando segnali di crescente attività sismica. La sua squadra dalla Open University di Londra e volontari di “Earthwatch” hanno notato dei cambiamenti nel “sistema idraulico” sotto la montagna. Il dr Rymer ha detto: “Del nuovo magma si sta accumulando. Questo è ciò che accade prima di una eruzione, ma una quantità critica ha bisogno di accumularsi e non possiamo dire di quanto si tratti esattamente”. Non possiamo prevedere quando si verificherà una eruzione – potrebbe essere la prossima settimana o il prossimo anno “. Askja, che è sulla stessa piastra tettonica come Eyjafjallajökull, ha eruttato l’ultima volta nel 1961. Durante i secoli passati ha eruttato ogni 40 anni circa. Nel 1875 Askja avuto una grande eruzione provocando un cratere largo tre miglia caduta di cenere in Scozia e Penisola Scandinava. Il dr. Rymer non pensa che le eruzioni recenti Eyjafjallajökull potrebbero essere la causa di attività di Askja. Lo spazio aereo europeo è stato chiuso dal 15 aprile al 20, ha costretto a terra circa 10 milioni di viaggiatori e e ha causato un danno al trasporto aereo stimato a 1.2billion di sterline” Insomma…. non sembra nulla di preoccupante… Ma quanti catastrofisti ci sono in questa pagina????😛

  90. 11 giugno 2010 alle 19:06

    la caldera dell’Askja è quella a nord del ghiacciaio, dove si vede quel laghetto tondo http://en.vedur.is/earthquakes-and-volcanism/earthquakes/vatnajokull/

    oggi anche il katla era nervoso http://en.vedur.is/earthquakes-and-volcanism/earthquakes/myrdalsjokull/

  91. Bernardo Mattiucci
    11 giugno 2010 alle 22:47

    🙂 presente!

  92. Bernardo Mattiucci
  93. 12 giugno 2010 alle 13:10

    L’attività sismica nei pressi del katla si è intensificata notevolmente negli ultimi 2 giorni…sembra che la cosa stia assumendo una certa(preoccupante?) continuità in quanto in ogni aggiornamento spunta un nuovo piccolo sisma….

    http://en.vedur.is/earthquakes-and-volcanism/earthquakes/myrdalsjokull/

  94. andrew
    12 giugno 2010 alle 14:00

    Concordo con te Riccardo da quando seguo la cosa e cioè da Marzo tante scosse così la sotto non si erano ancora viste i segnali sono preoccupanti anche se sia il centro inglese che quello islandese prevedevano un suo risveglio… comunque speriamo non faccia troppi disastri

  95. Michele
    12 giugno 2010 alle 19:43

    http://english.ruvr.ru/2010/06/12/9692858.html

    “In the Russian Far East, Kamchatka’s Gorely volcano is spewing steam and ash again after decades in dormancy.

    The plume has stretched to over a hundred kilometers, compromising regional air travel and threatening disruption at a local geothermal power plant. Volcanologists say that population centres are not under threat.”

  96. Darkman79
    12 giugno 2010 alle 21:54

    Magnitude Mw 7.7
    Region NICOBAR ISLANDS, INDIA REGION
    Date time 2010-06-12 at 19:26:48.6 UTC
    Location 7.69 N ; 91.88 E
    Depth 25 km
    Distances 448 km NW Banda aceh (pop 250,757 ; local time 02:26 2010-06-13)
    430 km NW Sabang (pop 24,519 ; local time 02:26 2010-06-13)

    che botta, per fortuna in mezzo al nulla

  97. Darkman79
    12 giugno 2010 alle 22:15

    JAKARTA, Indonesia- A 7.7 earthquake has hit near the Nicobar Islands, the USGS said.

    A tsunami watch was in effect for parts of the Indian Ocean after the massive undersea earthquake in the very eary hours of Sunday morning, June 13 2010.

    The tsunami watch was called foor India, Indonesia, Sri Lanka, Myanmar, Thailand, Malaysia after the 7.7 Earthquake.

    The Pacific Tsunami Warning Centre said: “Earthquakes of this size have the potential to generate a destructive local tsunami and sometimes a destructive regional tsunami along coasts no more than 1,000 km (620 miles) from the earthquake epicenter.”

    http://newsolio.com/7-7-earthquake-hits-nicobar-islands-off-indonesia,10747

  98. Darkman79
    12 giugno 2010 alle 22:27

    anno 2010 7.1 – 7.0 – 7.0 – 8.8 – 7.2 – 7.8 – 7.2 – 7.1 + 7.7 ( indonesia )

    bè direi che quest’anno siamo alla NONA scossa sopra il magnitudo 7 con quella capitata oggi in indonesia di magnitudo 7.7…….e siamo solo a metà anno:-/, direi che ” forse ” stanno aumentando decisamente le scosse di una certa potenza a sto punto, o no ?

    inoltre

    il 13 giugno ( sarebbe tra stanotte e domani ) c’è un altro allineamento aspettando quello del 4 luglio dei giganti gassosi

    Urano, Giove e Mercurio si troveranno allineati da una parte del Sole, mentre dall’altra ci saranno Saturno, Marte e Venere, la Terra sarà perpendicolare al Sole.

    forse a volte 1 + 1 fa veramente due senza tanti se e ma.

  99. Darkman79
  100. giaguaro
    13 giugno 2010 alle 02:11

    Fino a quando non capita un bimestre come agosto-settembre 2007 sono abbastanza tranquillo.Ecco se i mesi prendessero tutti quell’andazzo ci sarebbe da ridere poco…(andare a vedere le statistiche per credere O_O )

  101. Bernardo Mattiucci
    13 giugno 2010 alle 08:18

    Earthquake
    Country: Indonesia
    State: Daerah Istimewa Aceh
    Location: Sabang
    Date: 2010-06-12 : 19:26:47
    Magnitude: 7.5
    Depth: 10 km
    http://hisz.rsoe.hu/alertmap/read/index.php?pageid=seism_read&rid=180001

    Earthquake
    Country: Indonesia
    State: Daerah Istimewa Aceh
    Location: Sabang
    Date: 2010-06-12 : 19:26:35
    Magnitude: 7.7
    Depth: 1.00 km
    http://hisz.rsoe.hu/alertmap/read/index.php?pageid=seism_read&rid=180003

    In quella zona di scosse forti ce ne sono state 2.
    Piu’ altre 3 di magnitudo 4.8 ed una di magnitudo 5.4.

  102. Bernardo Mattiucci
    13 giugno 2010 alle 08:19

    …ed in piu’:

    Earthquake
    Country: Japan
    State: Fukushima-ken
    Location: Namie
    Date: 2010-06-13 : 03:32:56
    Magnitude: 6.4
    Depth: 39.00 km
    http://hisz.rsoe.hu/alertmap/read/index.php?pageid=seism_read&rid=180036

  103. Darkman79
    13 giugno 2010 alle 09:23

    bè l’allineamento planetario di oggi sembra aver dato i suoi frutti :-/

    fin’ora ecco le scosse più importanti come magnitudo

    MAGNITUDO 5.1 2010/06/13 06:26:05 7.773 92.067 35.0 NICOBAR ISLANDS, INDIA REGION
    4.7 2010/06/13 05:44:13 2.504 126.955 35.0 MOLUCCA SEA
    5.0 2010/06/13 04:01:07 7.793 92.043 35.0 NICOBAR ISLANDS, INDIA REGION
    6.1 2010/06/13 03:32:55 37.405 141.602 7.7 NEAR THE EAST COAST OF HONSHU, JAPAN
    4.5 2010/06/13 03:09:20 33.390 -116.421 5.6 SOUTHERN CALIFORNIA
    4.9 2010/06/13 03:08:57 33.377 -116.419 5.8 SOUTHERN CALIFORNIA
    4.8 2010/06/13 02:50:36 7.551 91.885 35.0 NICOBAR ISLANDS, INDIA REGION
    2.6 2010/06/13 02:45:57 38.794 -122.753 2.6 NORTHERN CALIFORNIA
    5.0 2010/06/13 02:20:24 -17.613 -66.594 271.1 COCHABAMBA, BOLIVIA
    4.8 2010/06/13 01:57:56 0.739 127.441 143.2 HALMAHERA, INDONESIA
    5.3 2010/06/12 22:44:41 7.721 91.982 19.3 NICOBAR ISLANDS, INDIA REGION
    5.4 2010/06/12 22:41:29 -10.910 166.092 102.0 SANTA CRUZ ISLANDS
    7.5 2010/06/12 19:26:50 7.748 91.938 35.0 NICOBAR ISLANDS, INDIA REGION

  104. Michele
    13 giugno 2010 alle 09:30

    Che nottata !!
    E speriamo che non ci sian stati ne morti ne altro nelle zone colpite ….
    C’è proprio da dire :

    http://www.italianissima.net/testi/gualuna.htm

  105. Darkman79
    13 giugno 2010 alle 10:29

    Magnitudo 4.9 2010/06/13 07:48:48 22.727 -108.032 depth 10.0

    OFF THE COAST OF BAJA CALIFORNIA SUR

  106. giaguaro
    13 giugno 2010 alle 15:16

    Mi ha più incuriosito il 5.0 nel lago vittoria in africa.Posto si sismico ma io onestamente non ci vedevo una scossa da veramente tantissimo tempo

  107. Michele
    13 giugno 2010 alle 15:48

    giaguaro :
    Mi ha più incuriosito il 5.0 nel lago vittoria in africa.Posto si sismico ma io onestamente non ci vedevo una scossa da veramente tantissimo tempo

    A 12 km. dall’epicentro !!!
    http://www.volcano.si.edu/world/volcano.cfm?vnum=0202-07=

    Forse..dico forse c’è un qualcosa che la sotto si muove ..
    Anche la geologia del pianetà è “abitudinaria” nel muoversi come ogni essere vivente!😉

  108. Darkman79
    13 giugno 2010 alle 15:50

    Guardate che impennata di scosse anche in islanda….

    Se non li sta producendo questo allineamento di oggi………allora è proprio un caso, strano.

    http://en.vedur.is/earthquakes-and-volcanism/earthquakes/#view=map

  109. 14 giugno 2010 alle 00:29

    Volevo segnalarvi un piccolo terremoto oggi alle 7 a.m. non importante per la sua magnitidine di solo 2,7° gradi, ma importante perché si é verificato in una zona che non aveva mai sofferto neanche dei piccoli tremori nel mezzo della placca sudamericana.
    Nel piccolo municipio di Timbuaba nello stato di Pernambuco.
    Da alcuni mesi anche in Brasile che é sempre stato un paese “allergico” a terremoti ci sono stati vari movimenti tellurici che stanno sollevando la curiositá degli scienziati.
    http://www.painelglobal.com.br/#WIN

  110. Darkman79
    14 giugno 2010 alle 00:49

    hai ragione sand-rio, 3 settimane fa anche a me mi sorprese questo….

    A magnitude-6.5 earthquake has hit deep below Brazil’s Amazon region, but no damage or deaths have been reported.

    The U.S. Geological Survey says the temblor struck at 12:18 p.m. local time (1618 GMT) in Brazil’s Acre state, which borders Peru and Bolivia.

    It was located 360 miles (580 kilometers) below the earth’s surface.

    An official in the mayor’s office of Cruzeiro do Sul says nothing was felt there and no damage was reported in that city, 75 miles (125 kilometers) from the epicenter.

    The official spoke on condition of anonymity, as she was not authorized to speak with the media.

    http://news.yahoo.com/s/ap/20100524/ap_on_re_la_am_ca/lt_brazil_amazon_quake

  111. Giovanni
    14 giugno 2010 alle 12:12

    Michele :

    giaguaro :Mi ha più incuriosito il 5.0 nel lago vittoria in africa.Posto si sismico ma io onestamente non ci vedevo una scossa da veramente tantissimo tempo

    A 12 km. dall’epicentro !!!http://www.volcano.si.edu/world/volcano.cfm?vnum=0202-07=
    Forse..dico forse c’è un qualcosa che la sotto si muove ..Anche la geologia del pianetà è “abitudinaria” nel muoversi come ogni essere vivente!

    La prima cosa che una persona desiderosa di scoprire, studiare il nostro pianeta dovrebbe fare è la seguente.
    Buttare via l’orologio umano e prendere l’orologio terrestre.
    Questo semplice passo signigica abbandonare il nostro metro di misura, il nostro linguaggio perf are proprio il linguaggio degli eventi terrestri ( e anche solari, planetari galattici).
    Faccio un esempio molto semplice. Nelle alpi e negli appennini ci sono evidenze( nei sedimenti) di terremoti molto recenti diciamo olocenici, cioé piu giovani di 20000 anni.
    Ora in queste aree non vi sono segnalazioni di terremoti storici.Cosa dobbiamo concludere?
    Che quella zona é asisimica? Che se vi fosse un terremoto domani sarebbe un evento eccezionale?. Penso che uno studioso pacato concluderebbe semplicemente che i tempi per la sismica di quelle regioni è ad una scala temporale diversa da quella umana. Poi potrebbe anche vedere se per caso da qui a 20000 anni fa l’attività sismica si sia realmente esaurita in quella regiona.

    Quanti di voi sanno che nel 1100 circa a Verona ci fu un terremoto devastante? Quanti di voi considerano Verona in zona sismica? Quanti di voi sarebbero pronti a non stupirsi se domani ci fosse un terremoto importante a Verona?

    http://www.aaslvr.it/TerremotoVerona.pdf

    Come dice giustamente Michele la terra é abitudinaria, come uan persona. Solo che come una persona la terra “cresce” ed invecchia e cambia le sue abitudini ( cosi come a 18 anni non si hanno le stessa abitudini che a 60). Bene facciamo conto che la Terra sia una signora di mezz’età di 45 “anni”, L’homo compare sulla Terra circa una settimana fa e impara a scrivere circa 1 ora fa. Da allora scrive anche sulla 45enne signora Terra. Cosa ne sa l’uomo delle abitudini della terra quando era piu giovane? Quando sarà piu vecchia?.
    La geologia in alcune sue branche aiuta in questo perché è un po la storica l’archeloga della Terra, che va a cercare negli archivi le rocce) per vedere quali testimonianze ha lasciato la Terra quando era piu giovane. Peccato che questi archivi siano incompleti, come dei diari con pagine bruciate strappate, e con scriture a volte difficili da comprendere e decifrare. In oltre questi archivi non ci raccontano glirno per giorno della vita della terra, non ci raccontano la sua quotidianità , ma solo gli eventi eccezionali (un po come un album di foto di vacanze, ci sono le cose piu belle e piu toccanti).
    Ora veniamo al Lago Vittoria. Circa 35 Milioni di anni fa, cioe circa 4 mesi fa la Terra decide di aprirsi lungo la zona dell’africa orientale cominciando a formare quello che oggi conosciamo come la rift valley, una grande fossa tettonic risultato di questa ttività della terra delgi ultmi 4 mesi ( 35 milioni di anni). Adeeso dovrei stupirmi perché nell’ultimo millesimo secondo c’é stato un terremoto ( o magari un’eruzione) in un posto dove da 4 mesi ci sono terremoti ed eruzioni, in un posto dove da 4 mesi c’é in atto l’apertura di un rift ceh porterà alla spaccatura dell’Africa, alla formazione di un nuovo bacino oceanico e alla formazione di una dorsale?
    Io non mi stupisco per nulla.
    Mi stupirò se ci sarà un rift abortito, se ci sarà una convergenza al posto del rifti, ma non penso di vivere abbastanza a lungo per vederlo, diciamo almeno un annetto della terra (100 milioni di anni)
    Ciao

  112. Bernardo Mattiucci
  113. Mistral-101
    14 giugno 2010 alle 14:58

    Giovanni :
    Quanti di voi considerano Verona in zona sismica? Quanti di voi sarebbero pronti a non stupirsi se domani ci fosse un terremoto importante a Verona?

    Io: http://zonesismiche.mi.ingv.it/mappa_ps_apr04/italia.html

  114. giaguaro
    14 giugno 2010 alle 15:09

    Chiaro Giovanni quello che dici.Basta pensare alla storia dello Yellowstone
    “Erutta ogni circa 640.000 anni quindi ci siamo!”
    Basterebbe un 0.1% di differenza tra una volta e l’altra e nessuno lo vedrebbe :p

  115. Michele
    14 giugno 2010 alle 15:21

    Darkman79 :
    Guardate che impennata di scosse anche in islanda….
    http://img716.imageshack.us/img716/4913/impennata.jpg
    Se non li sta producendo questo allineamento di oggi………allora è proprio un caso, strano.
    http://en.vedur.is/earthquakes-and-volcanism/earthquakes/#view=map

    Giappone ….la sera del 13 (luna nuova)

    http://scienceblogs.com/eruptions/2010/06/tourists_volcanoes_and_governm.php#comment-2587765

    “Slightly off topic but Sakurajima in Japan put on some impressive activity last night with intense crater glow and what looks like hours of Strombolian activity.”

  116. Michele
  117. Giovanni
    14 giugno 2010 alle 16:00

    Mistral-101 :

    Giovanni :Quanti di voi considerano Verona in zona sismica? Quanti di voi sarebbero pronti a non stupirsi se domani ci fosse un terremoto importante a Verona?

    Io: http://zonesismiche.mi.ingv.it/mappa_ps_apr04/italia.html

    Otiima risposta, la carta della zonazione sismica italiana. Con questo vorresti dire che tutti sappiamo che il Veronese é sismico? che nessuno si stupirebbe se domani ci fosse un terremoto da quelle parti?. Che i giornali direbbero semplicemente ö una zona risaputamente sismica?
    Io ho fatto quell’esempio per far capire che i cicli dei fenomeni terrestri hanno tempi (e spazi) completamente differenti dai cicli umani. Diciamo in genere che sono molto piu lunghi sia della vita di un uomo sia della sua comparsa e della sua probabiel estinzione sulla Terra. Per questo continuo a sottolineare che si deve cambiare orologio quando si studiano queste cose, altrimenti si prende per eccezionale quello che é normale, e si rischia di non vedere proprio quello che é eccezionale. Il punto é anche fr passare questo mesaggio alla gente comune perché capisca dove vive e quali sono i rischi, perché a qualche generazione potrà anche andare bene ma alla fine qualcuno pagherà le conseguenze per la negligenza dei suoi predecessori.

  118. Michele
    14 giugno 2010 alle 16:23

    Giovanni :

    Mistral-101 :

    Giovanni :Quanti di voi considerano Verona in zona sismica? Quanti di voi sarebbero pronti a non stupirsi se domani ci fosse un terremoto importante a Verona?

    Io: http://zonesismiche.mi.ingv.it/mappa_ps_apr04/italia.html

    Otiima risposta, la carta della zonazione sismica italiana. Con questo vorresti dire che tutti sappiamo che il Veronese é sismico? che nessuno si stupirebbe se domani ci fosse un terremoto da quelle parti?. Che i giornali direbbero semplicemente ö una zona risaputamente sismica?
    Io ho fatto quell’esempio per far capire che i cicli dei fenomeni terrestri hanno tempi (e spazi) completamente differenti dai cicli umani. Diciamo in genere che sono molto piu lunghi sia della vita di un uomo sia della sua comparsa e della sua probabiel estinzione sulla Terra. Per questo continuo a sottolineare che si deve cambiare orologio quando si studiano queste cose, altrimenti si prende per eccezionale quello che é normale, e si rischia di non vedere proprio quello che é eccezionale. Il punto é anche fr passare questo mesaggio alla gente comune perché capisca dove vive e quali sono i rischi, perché a qualche generazione potrà anche andare bene ma alla fine qualcuno pagherà le conseguenze per la negligenza dei suoi predecessori.

    Le tue affermazioni Giovanni non fanno una piega! Io ad esempio ho cambiato orologio non guardo più il nostro fatto di 24h. ma il mio è stato realizzato da un’ottimo orologiaio svizzero di nome ‘Bendandi’ e sapessi com’è preciso a calcolare macchie ed eventi geologi !😆 Sei un’ottimo punto di riferimento per un ‘ Indiana Jones ‘ della ricerca come me!

  119. Giovanni
    14 giugno 2010 alle 16:29

    Bendandi…non conoscevo il personaggio, ho letto ora su wikipedia qualche notizia..tu hai altro materiale a proposito? sono curioso…..ciao

  120. Michele
    14 giugno 2010 alle 16:59

    Giovanni :
    Bendandi…non conoscevo il personaggio, ho letto ora su wikipedia qualche notizia..tu hai altro materiale a proposito? sono curioso…..ciao

    Qui su NIA stiamo portando avanti gli studi su Bendandi Io e l’utente Andrea B. Per il momento non possiamo pubblicare nulla. Per motivi legati al ‘Copyright’ dei suoi lavori che sono archiviati a Faenza. Abbi pazienza che quando potremo pubblicheremo il tutto. Ciao Michele

  121. Giovanni
    14 giugno 2010 alle 17:10

    ok. grazie, comunque se ci sono notizie pubbliche le leggo volentieri.

  122. Mistral-101
    14 giugno 2010 alle 18:09

    Giovanni :

    Mistral-101 :

    Giovanni :Quanti di voi considerano Verona in zona sismica? Quanti di voi sarebbero pronti a non stupirsi se domani ci fosse un terremoto importante a Verona?

    Io: http://zonesismiche.mi.ingv.it/mappa_ps_apr04/italia.html

    Otiima risposta, la carta della zonazione sismica italiana. Con questo vorresti dire che tutti sappiamo che il Veronese é sismico? che nessuno si stupirebbe se domani ci fosse un terremoto da quelle parti?. Che i giornali direbbero semplicemente ö una zona risaputamente sismica?
    Io ho fatto quell’esempio per far capire che i cicli dei fenomeni terrestri hanno tempi (e spazi) completamente differenti dai cicli umani. Diciamo in genere che sono molto piu lunghi sia della vita di un uomo sia della sua comparsa e della sua probabiel estinzione sulla Terra. Per questo continuo a sottolineare che si deve cambiare orologio quando si studiano queste cose, altrimenti si prende per eccezionale quello che é normale, e si rischia di non vedere proprio quello che é eccezionale. Il punto é anche fr passare questo mesaggio alla gente comune perché capisca dove vive e quali sono i rischi, perché a qualche generazione potrà anche andare bene ma alla fine qualcuno pagherà le conseguenze per la negligenza dei suoi predecessori.

    Ciao Giovanni,

    No, purtroppo ma maggior parte delle persone che abitano nel veronese, come in molte altre zone sismiche non lo sanno. O meglio, lo sanno, ma con fare tipicamente italiano sperano che non accada niente. E non agiscono per prevenire danni futuri.

    Io lo so perchè tempo fa ho verificato se la mia zona (Lodigiano) è a rischio terremoti.

    sono naturalmente daccordo con te sul dover cambiare prospettiva temporale nell’analizzare questo tipo di eventi.

  123. anonymous
    14 giugno 2010 alle 18:33

    conferme per maggio 2011 ? Bufala utilizzando il suo none ? O verità ?

  124. DOM
    14 giugno 2010 alle 21:29

    Mi piace venire qui e leggere che ci sono persone con menti aperte che seguono il rigore scientifico e si attengono ai fatti per dare credito e fondamenti ad una o l’altra teoria.
    volevo sapere cosa pensavate della teoria della dislocazione delle placche sostenuta da Hapgood e appoggiata da Einstein.

  125. giaguaro
    14 giugno 2010 alle 23:22

    Non so mi pare una teoria un po’ azzardata per come conosciamo la geologia…la storia per cui tutta la terra si rimescola come in un cubo di rubik mi farebbe pensare che sarebbe quasi impossibile trovare fossili di alcun genere, e rinnegherebbe quasi tutto quello che sappiamo sulla tettonica a zolle, pangea, orogenesi varie.Insomma non mi sembra che ci siano almeno nella storia per come la conosciamo noi precedenti di una rivoluzione velocissima del tutto.Che qualche parte di globo/zolla anche importante possa sprofondare o apparire in tempi relativamente brevi lo ritengo possibile (avvene pure con l’isola sotto alla sicilia di cui non ricordo il nome) però situazioni in stile 2012 mi paiono quantomeno inverosimili.
    Ciò non toglie che magari è successo prima ancora dei dinosauri ma non ci credo molto.Ma non sono un esperto solo un curioso che fa 2+2 col poco che sa😀

  126. Alex
  127. 15 giugno 2010 alle 00:40

    Pazzesco…addirittura il 70% di possibilità è tantissimo….mah…

  128. Andrea b
    15 giugno 2010 alle 05:06

    Alex :

    ALTRO CHE 2070 LEGGETE QUI http://translate.google.it/translate?js=y&prev=_t&hl=it&ie=UTF-8&layout=1&eotf=1&u=http%3A%2F%2Fwww.thespoof.com%2Fnews%2Fspoof.cfm%3Fheadline%3Ds2i76370&sl=en&tl=it

    ATTENZIONE IN FONDO AL LINK CHE CITI C’E’ QUESTA DICITURA

    The story above is a satire or parody. It is entirely fictitious.
    If you fancy trying your hand at comedy spoof news writing, click here to join!

    QUINDI QUELLO CHE VI E’ RIPORTATO E’ FRUTTO DELLA FANTASIA TANTA DELL’AUTORE.

  129. Simone
    15 giugno 2010 alle 09:06

    Buon giorno a tutti

    Chi mi sa spiegare il motivo del picco a 800 nel grafico dei tremori “hau”.
    Credo sia un errore di invio dati.
    ecco il link:

    Grazie per le risposte
    Simone

  130. Giovanni
    15 giugno 2010 alle 09:53

    DOM :Mi piace venire qui e leggere che ci sono persone con menti aperte che seguono il rigore scientifico e si attengono ai fatti per dare credito e fondamenti ad una o l’altra teoria.volevo sapere cosa pensavate della teoria della dislocazione delle placche sostenuta da Hapgood e appoggiata da Einstein.

    Ciao non conosco in dettaglio la teoria di cui parli, ma ricollocandola nel contesto storico dell’epoca di Eninstein probabilmente si tratta di una teoria pionieristica di quell’epoca che ha anticipato la teroira della tettonica delle placche, oggi confermata e assodata da osservazioni studi e quant’altro. Diciamo che la teoria della tettonica delle placche é un po come la teoria dell’evoluzione della specie o della relatività di Einstein. La teoria della tettonica delle plachche é inconfutabile nei suoi principi perché si basa sull’osservazione present e passata della Terra ed é una teoria descrittiva, cioé descrive lo stato attuale del globo spiegando la localizzazione geografica e temporale delle zone sismiche e vulcaniche. Poi sicuramente ci sono aspetti, lati meno chiari che necessitano di ulteriori spiegazioni (alle quali mi sembra ci stia pensando Michele), ma nel suo insieme è a posto cosi. Per farla breve nell’epoca di Enisntei esitevano 2 gradi correnti di pensiero +) Quella ufficiale , quella del pensiero unico della scienza, che equivale un po all’IPCC di oggi e ai catastrifisti climatici, sostenevano che nella Terra tutto era immobile, i fossili eranos chezi della natura, i vulcani erano solo quelli attivi che erano considerati dei buchi al contatto con il centro della terra ( un po gli inferi danteschi)
    2) La corrente rivoluzionari ainvece affermava che alél terra si muoveva ed evolveva, una delle prime teorie fu quella del Sial e del Sima cioè di una crosta leggera a pezzi che fluttuava come tante zattere su una crosta piu pesante e fusa ( il mantello di oggi). Diciamo che non corrispondeva alla realtà ma era molto piu verosimile delle teorie fissite della scienza ufficiale.
    Quindi per chi non ha conoscenza in materia per capire la realtà della crosta terrstre ( e per capire su cosa poggiamo i piedi) penso che si a meglio immaginare una cosa tipo zattere ceh galleggianoe si muovono che piuttosto che una cosa tipo sfera di acciaio indeformabile, omogenena e immutabile.

  131. Alex
    15 giugno 2010 alle 10:41

    Andrea b :

    Alex :
    ALTRO CHE 2070 LEGGETE QUI http://translate.google.it/translate?js=y&prev=_t&hl=it&ie=UTF-8&layout=1&eotf=1&u=http%3A%2F%2Fwww.thespoof.com%2Fnews%2Fspoof.cfm%3Fheadline%3Ds2i76370&sl=en&tl=it

    ATTENZIONE IN FONDO AL LINK CHE CITI C’E’ QUESTA DICITURA
    The story above is a satire or parody. It is entirely fictitious.If you fancy trying your hand at comedy spoof news writing, click here to join!
    QUINDI QUELLO CHE VI E’ RIPORTATO E’ FRUTTO DELLA FANTASIA TANTA DELL’AUTORE.

    Ok grazie,se solo l’avessi notato ieri sera,anche se devo dir che ero a pezzi.

  132. sleepyhollow88
    15 giugno 2010 alle 10:46

    avrete visto che c’è stata una scossa del 5,7 sul confine californiano tra usa e messico. da febbraio l’attività sismica è aumentata in modo considerevole da febbraio 2010, però io non sto monitorando da molto tempo. voi che ne dite?

    http://earthquake.usgs.gov/earthquakes/recenteqscanv/

    si aspettano da tempo un grande terremoto in quella zona detoo “the big one” questi potrebbero essere i preparativi…

  133. Darkman79
    15 giugno 2010 alle 12:02

    dopo la botta di magnitudo 5.7 ci sono state fin’ora altre 82 scosse tra magnitudo 3 e 4.5

  134. 15 giugno 2010 alle 13:21

    Intanto altre scosse in Islanda nel lago maggiore dove è situato il Katla…

  135. Michele
    15 giugno 2010 alle 13:26

    Noto che oggi si parla di California…
    E allora per il terzo giorno consecutivo….riparto con il ritornello ..
    “guarda che luna….”

    http://www.sciencedaily.com/releases/2009/12/091223133347.htm

    Sun and Moon Trigger Deep Tremors on San Andreas Fault

    Un breve passo dell’articolo:

    “To learn more about the source of these tremors, UC Berkeley seismologists began looking for tremors five years ago in seismic recordings from the Parkfield segment of the San Andreas Fault obtained from sensitive bore-hole seismometers placed underground as part of the UC Berkeley’s High-Resolution Seismic Network. Using eight years of tremor data, Thomas, Bürgmann and Nadeau correlated tremor activity with the effects of the sun and moon on the crust and with the effects of ocean tides, which are driven by the moon.”

  136. Giovanni
    15 giugno 2010 alle 14:41

    Ho letto la teoria di Hapgood, e mi ha fatto sorridere, benché a suo modo ci avesse azzeccato.
    1) Diffidare da chi fa un mesitere e poi si occupa di tutt’altra cosa. Hapgood era uno storico e ad un certo punto si é messo a fare il “geologo astronomico”. Con che basi??? Einstain che gli ha firmato la prefazione era comunque un fisico e non un poeta e si occupo’ di teoria della relatività e non di poesie (forse per diletto)
    2) La teoria di Hapgood alla fine a suo modo era anche corretta, ma vista al contratio. Cosi come una volta si pensava che fosse il sole a girare intorno alla terra, per poi scoprire il contrario. Hapgood ipotizzo’ la migrazione dell’asse terrestre e dei poli ( non l’inversione ma la migrazione) per spiegare evidentemente delle variazioni geologico-sedimentario-climatiche sulla terra. Beh si é poi scoperto che a migrare non sono gli assi, ma i continenti, il risultato finale é lo stesso. Anche supponendo che fosse il sole a girare intorno alla terra avremmo comunque il giorno e la notte….

  137. andrew
    15 giugno 2010 alle 16:23

    Yellowstone Park questa notte

    Guardate che sisma

  138. Simone
    15 giugno 2010 alle 16:57

    andrew :Yellowstone Park questa notte
    Guardate che sisma
    http://www.quake.utah.edu/helicorder/heli/yellowstone/MCID_EHZ_WY_01.2010061400.gif

    Ciao Andrew
    Alle 4:26 UTC c’è stato il terremoto di 5.8 in California al confine con il Messico e poco dopo il sismografo dello Yellowstone ha registrato l’onda.

  139. Simone
    15 giugno 2010 alle 17:00

    Per farti capire meglio la dinamica pensa a cosa succede quando butti un sasso nel lago si formano delle onde che si propagano in modo circolare. Le onde del terremoto fanno più o meno la stessa cosa con la crosta terrestre.
    Correggetemi se sbaglio macredo sia proprio così.
    Simone

  140. Bernardo Mattiucci
    15 giugno 2010 alle 17:01

    Non lo so… neanche il sito ungherese lo riporta.
    Pero’ se fate uno zoom sul confine tra Usa e Messico, troverete che nella periferia della citta’ di Mexicali, nel territorio USA, ci sono riportati una mezza valanga di terremoti. Tutti piccole, sia chiaro, ma ne sono una marea. E ne vengono registrati una decine al giorno ormai!

  141. Giovanni
    15 giugno 2010 alle 17:14

    Simone :Per farti capire meglio la dinamica pensa a cosa succede quando butti un sasso nel lago si formano delle onde che si propagano in modo circolare. Le onde del terremoto fanno più o meno la stessa cosa con la crosta terrestre.Correggetemi se sbaglio macredo sia proprio così.Simone

    corretto, l’esempio dellos tagno calza bene, anche se in reatà le onde si tramettoo anche in 3D quindi sferico nella terra e circolare sulla superfice. Poi in dettaglio ci sono onde S e P ( longitudinali e trsversali all’interno della terrea e L R ( corrispettive di S e P) per la superficie (interfaccia solido (terra) gas (atmosfera))

    http://it.wikipedia.org/wiki/Onde_sismiche

    per chi ha tempo

  142. andrew
    15 giugno 2010 alle 17:21

    Simone :Per farti capire meglio la dinamica pensa a cosa succede quando butti un sasso nel lago si formano delle onde che si propagano in modo circolare. Le onde del terremoto fanno più o meno la stessa cosa con la crosta terrestre.Correggetemi se sbaglio macredo sia proprio così.Simone

    Si conosco la storia🙂 non avevo ancora letto gli ultimi post e non seguendo tutti i sismi globali non ne ero a conoscenza chiedo venia

  143. Michele
    15 giugno 2010 alle 17:28

    Come gira come gira questa sezione ! Sempre più interessante !😆

  144. Bernardo Mattiucci
    15 giugno 2010 alle 19:05

    ATTENZIONE: PRIMO SISMA DI MAG. 5.1 SUL CONFINE USA-MESSICO
    http://hisz.rsoe.hu/alertmap/read/index.php?pageid=seism_read&rid=180203

  145. Bernardo Mattiucci
    15 giugno 2010 alle 19:06

    A quando il prossimo allineamento favorevole?

  146. Darkman79
    15 giugno 2010 alle 19:18

    Bernardo Mattiucci :
    ATTENZIONE: PRIMO SISMA DI MAG. 5.1 SUL CONFINE USA-MESSICO
    http://hisz.rsoe.hu/alertmap/read/index.php?pageid=seism_read&rid=180203

    questo è quello di stamattina ed era un 5.7 almeno dai rilevamenti di usgs http://earthquake.usgs.gov/earthquakes/recenteqsww/Quakes/ci14745580.php che poi ha generato lo sciame di oltre 100 scosse fin’ora tra magnitudo 2 e 4.5

  147. DOM
    15 giugno 2010 alle 20:17

    Causa lavoro ho poco tempo per leggere questo sito. Riguardo la teoria di hapgood: conosco abbastanza bene lo svilupparsi nella storia delle varie teorie, tuttavia non la riterrei completamente errata in quanto la terra funziona come una trottola, quindi applicando un peso/volume maggiore in punto che non corrisponda ai vertici e che non venga controbilanciato dalla parte opposta sicuramente qualche minimo effetto ci sarebbe.
    Inoltre ritengo importantissimo l’apporto alla scienza di persone che pur non avendo basi o titoli sono arrivati ad esprimere concetti che poi si sono rivelati giusti uno su tutti Bendandi uomo geniale.

  148. Bernardo Mattiucci
    15 giugno 2010 alle 20:42

    Darkman, lo sciamo continua e le scosse anche…:

    http://hisz.rsoe.hu/alertmap/read/index.php?pageid=seism_read&rid=180202

    Questa viene registrata come una 5.9!

  149. Darkman79
    16 giugno 2010 alle 00:06

    Magnitude M 4.1
    Region SWEDEN
    Bothnian Region Sweden
    Date time 2010-06-15 at 20:30:49.1 UTC
    Location 64.41 N ; 21.79 E
    Depth 20 km
    Distances 187 km W Oulu (pop 128,618 ; local time 23:30 2010-06-15)
    55 km SE Skellefteå (pop 30,839 ; local time 22:30 2010-06-15)

    La svezia ??:-/

  150. Lucato Luigi
    16 giugno 2010 alle 09:22

    Continua a verificarsi il collegamento con i brillamenti solari

    Magnitude Mw 7.0
    Region NEAR N COAST OF PAPUA, INDONESIA

    Date time 2010-06-16 at 03:16:27.4 UTC
    Location 2.13 S ; 136.53 E
    Depth 10 km

  151. Lucato Luigi
    16 giugno 2010 alle 09:40

    Quake Time?

    Reader writes:

    George, Was looking at Spaceweather.com this morning (thurs) and noticed:

    1. A solar wind stream flowing from the indicated coronal hole is expected to hit Earth on or about June 16th. Credit: SDO/AIA

    2. Comet McNaught (C/2009 R1) is gliding through the inner solar system, due to approach our planet only 100 million miles away on June 15th and 16th.

    June 16th is Wednesday, perhaps your earthquake may occur as predicted?

  152. Lucato Luigi
    16 giugno 2010 alle 09:41

    Quake Time?

    Reader writes:

    Quake Time?

    Reader writes:

    George, Was looking at Spaceweather.com this morning (thurs) and noticed:

    1. A solar wind stream flowing from the indicated coronal hole is expected to hit Earth on or about June 16th. Credit: SDO/AIA

    2. Comet McNaught (C/2009 R1) is gliding through the inner solar system, due to approach our planet only 100 million miles away on June 15th and 16th.

    June 16th is Wednesday, perhaps your earthquake may occur as predicted?

    http://urbansurvival.com/lastweek.htm

  153. Lucato Luigi
    16 giugno 2010 alle 09:47

    e ancora precedente
    [09:45:47] Luigi Lucato: Presto, Quake-O

    As was noted by a few readers, despite the 7.4 reading, the arrival on Thursday of a change in solar wind may, or may not, be argued as having something to do with the quake. The follow-up advisory makes the solar wind speed changes clear:

    “An interplanetary shock wave was detected by ACE and SOHO/CELIAS around 02:05 UT on May 28. The solar wind speed jumped from 300 to 380 km/s, and clear jumps in the solar wind density and temperature were registered as well. The discontinuity in the interplanetary magnetic field (IMF) magnitude was very weak, so the shock did not lead to increased north-south IMF component. The geomagnetic conditions remained quiet. The shock is probably associated with the full halo CME observed on the Sun on May 23. The arrival of the driver ICME is still possible, so active to minor storm geomagnetic conditions may occur in the coming hours.

    We note that the 7.2 magnitude Vanuatu quake arrived on the 27th – not the 28th, about 17:14 Hrs UT (GMT) – 9 hours earlier than the observed arrival) so this gets us to a couple of schools of thoughts.

    The simple one? “Coincidence!”
    [09:46:01] Luigi Lucato: http://urbansurvival.com/nl20100529.htm

    http://urbansurvival.com/nl20100529.htm

  154. Lucato Luigi
    16 giugno 2010 alle 09:47

    Strane coincidenze forse da monitorare …

  155. Giovanni
    16 giugno 2010 alle 09:50

    DOM :Causa lavoro ho poco tempo per leggere questo sito. Riguardo la teoria di hapgood: conosco abbastanza bene lo svilupparsi nella storia delle varie teorie, tuttavia non la riterrei completamente errata in quanto la terra funziona come una trottola, quindi applicando un peso/volume maggiore in punto che non corrisponda ai vertici e che non venga controbilanciato dalla parte opposta sicuramente qualche minimo effetto ci sarebbe.Inoltre ritengo importantissimo l’apporto alla scienza di persone che pur non avendo basi o titoli sono arrivati ad esprimere concetti che poi si sono rivelati giusti uno su tutti Bendandi uomo geniale.

    e quali sarebbero le evidenze, le prove di questa teoria?

    questa invece l’ho trovata riguardo Hapgood il “cartografo” di gente cosi c’é proprio da fidarsi

    http://www.diegocuoghi.it/Piri_Reis/Hapgood.htm

  156. Alex
    16 giugno 2010 alle 12:24

    Giovanni :

    DOM :Causa lavoro ho poco tempo per leggere questo sito. Riguardo la teoria di hapgood: conosco abbastanza bene lo svilupparsi nella storia delle varie teorie, tuttavia non la riterrei completamente errata in quanto la terra funziona come una trottola, quindi applicando un peso/volume maggiore in punto che non corrisponda ai vertici e che non venga controbilanciato dalla parte opposta sicuramente qualche minimo effetto ci sarebbe.Inoltre ritengo importantissimo l’apporto alla scienza di persone che pur non avendo basi o titoli sono arrivati ad esprimere concetti che poi si sono rivelati giusti uno su tutti Bendandi uomo geniale.

    e quali sarebbero le evidenze, le prove di questa teoria?
    questa invece l’ho trovata riguardo Hapgood il “cartografo” di gente cosi c’é proprio da fidarsi
    http://www.diegocuoghi.it/Piri_Reis/Hapgood.htm

    Ricerca molto dettagliata e in alcuni casi spiega alcuni errori ma anch’essa mi sembra tirata in maniera assai molto superficiale.
    Se anche quelle carte dovesseero rivelarsi errate,cosa di cui sono certo per alcune mentre per altre credo siano autentiche ci sarebbero altre prove che mettono in evidenza il dislocamento della crosta terrestre una delle quali è la megafauna assiderata all’improvviso sotto il permafrost siberiano e altre ancora che dimostrano come numerosi siti archeologici siano allineti un quanto longitudine con il Polo NOrd della Baia di Hudson.

  157. Giovanni
    16 giugno 2010 alle 12:48

    Alex scrive:
    Ricerca molto dettagliata e in alcuni casi spiega alcuni errori ma anch’essa mi sembra tirata in maniera assai molto superficiale.
    Se anche quelle carte dovesseero rivelarsi errate,cosa di cui sono certo per alcune mentre per altre credo siano autentiche ci sarebbero altre prove che mettono in evidenza il dislocamento della crosta terrestre una delle quali è la megafauna assiderata all’improvviso sotto il permafrost siberiano e altre ancora che dimostrano come numerosi siti archeologici siano allineti un quanto longitudine con il Polo NOrd della Baia di Hudson.

    Scusa ma non ho capito quasi nulla di quello che hai scritto….. se puoi essere piu chiaro…….
    per il “dislocamento della crosta terrestre” esite la “tettonica delle placche” che riesce a spiegare in maniera piuttosto precisa la dinamica della crosta terrestre almeno da 600 Ma ad oggi, senza ricorrere a idee strampalate di visonari che magari possono averci anche azzeccato per un puro calcolo probabilistico (sto parlando di questo Hapgood ceh a quanto pare é un ispiratore di programmi “scientifici” come Voyager).

  158. Alex
    16 giugno 2010 alle 13:12

    Voyager è un talk show,Hapgod ha usato tali mappe per provare,che un tempo parte dell’Antartide era priva dai ghiacci e in tal modo in seguito al disclocamento si sarebbe ritrovata in un area più fredda.
    Una delle basi per tale teoria erano quelle mappe,della quale secondo Hapgod,i loro autori le avevano riprodotte da mappe ancora più antiche e prova che in un passato remoto una civiltà marittima aveva ridisegnato tutte le coste delle terre emerse.
    Alex

  159. Giovanni
    16 giugno 2010 alle 14:22

    Alex :Voyager è un talk show,Hapgod ha usato tali mappe per provare,che un tempo parte dell’Antartide era priva dai ghiacci e in tal modo in seguito al disclocamento si sarebbe ritrovata in un area più fredda.Una delle basi per tale teoria erano quelle mappe,della quale secondo Hapgod,i loro autori le avevano riprodotte da mappe ancora più antiche e prova che in un passato remoto una civiltà marittima aveva ridisegnato tutte le coste delle terre emerse.Alex

    Concorderai che sono tutte congetture perché non ci sono prove di mappe piu antiche di quelle già antiche(quanto devono essere antiche?), perché sulle mappe in questione c’é scritto chairamente che si tratta di altre terre o di terre inesplorate. Perché alcune terre considerate come nuovi continenti erano in realtà delle isole non ancora circumnavigate. Poi visto che stiamo parlando di un epoca a cavallo tra la fine dell’optimum medioevale e l’inzio della piccola era glaciale é probabile che vi fossero piu terre emerse senza ghiacci rispetto ad oggi, esattamente come il caso della groenlandia nell’emisfero boreale.
    L’antardide certo non stava li dov’é oggi (come tutti i continenti),si é spostato, migrando verso Sud verso il polo, ma si parla di decine, centinaia di milioni di anni fa e fino a prova contraira nessun ominide esisteva a quell’epoca.

  160. free
    16 giugno 2010 alle 18:17

    Invito gli appassionati, compresi i solar-ofili, a leggere quanto riporta il seguente link http://www.stazioneceleste.it/articoli/attivit%C3%A0_sismica2010.htm
    per avere una loro opinione in merito

  161. Andrea B
    16 giugno 2010 alle 18:41

    free :
    Invito gli appassionati, compresi i solar-ofili, a leggere quanto riporta il seguente link http://www.stazioneceleste.it/articoli/attivit%C3%A0_sismica2010.htm
    per avere una loro opinione in merito

    Interessante ma….
    mi sembra nelle previsioni dell’attività solare un po azzardato e fermo al 2005 con il grafico della costante solare (penso sia la TSI)

  162. Alex
    16 giugno 2010 alle 18:50

    Giovanni :

    Alex :Voyager è un talk show,Hapgod ha usato tali mappe per provare,che un tempo parte dell’Antartide era priva dai ghiacci e in tal modo in seguito al disclocamento si sarebbe ritrovata in un area più fredda.Una delle basi per tale teoria erano quelle mappe,della quale secondo Hapgod,i loro autori le avevano riprodotte da mappe ancora più antiche e prova che in un passato remoto una civiltà marittima aveva ridisegnato tutte le coste delle terre emerse.Alex

    Concorderai che sono tutte congetture perché non ci sono prove di mappe piu antiche di quelle già antiche(quanto devono essere antiche?), perché sulle mappe in questione c’é scritto chairamente che si tratta di altre terre o di terre inesplorate. Perché alcune terre considerate come nuovi continenti erano in realtà delle isole non ancora circumnavigate. Poi visto che stiamo parlando di un epoca a cavallo tra la fine dell’optimum medioevale e l’inzio della piccola era glaciale é probabile che vi fossero piu terre emerse senza ghiacci rispetto ad oggi, esattamente come il caso della groenlandia nell’emisfero boreale.L’antardide certo non stava li dov’é oggi (come tutti i continenti),si é spostato, migrando verso Sud verso il polo, ma si parla di decine, centinaia di milioni di anni fa e fino a prova contraira nessun ominide esisteva a quell’epoca.

    non sono del tutto concorde su alcuni punti.

  163. DOM
    16 giugno 2010 alle 21:41

    Miseriaccia!Oltre al poco tempo ho anche la connessione che non va….
    Mi rendo conto che le energie accumulate dal movimento delle placche vengono liberate di continuo, rendendo di fatto impossibile uno slittamento dell’intera crosta terrestre.
    tuttavia non andrebbe completamente scartata l’potesi di una qualche influenza dei ghiacci, in particolar modo quelli groelandesi e antartici, “nel puzzle terra”.
    A GIOVANNI: hai qualche link dove potermi documentare?

  164. Alex
    17 giugno 2010 alle 00:18

    Ho una mia personale teoria sul dislocamento della crosta terrestre e sui meccansimi che lo generano.
    I ghiacci sono solo parte di questo meccanismo,fatto stà che le evidenze archeologiche mostrano che è avvenuto più volte.

  165. Lucato Luigi
    17 giugno 2010 alle 08:08

    Flare/Quake Relation Confirmed?

    http://urbansurvival.com/week.htm

  166. Giovanni
    17 giugno 2010 alle 10:33

    X DOM e ALEX
    Scusate ma non facciamo come Voyager. Una ricerca scientifica evolve e nella sua evoluzione corregge, confuta gli errori del passato e valorizza e approfondisce i passi corretti che sono stati fatti. Chiaramente non si puo sapere subito se i passi sono giusti o sbagliati, ogni passo deve essere provato confutato analizzato. ora proprio studiando una materia a fondo si puo capire quando ci si trova su dei casi con fondamenta solide e dove invece ci si trova su casi ancora ipotetici da confermare da approfondire da confutare. ora chi approccia una nuova materia molto piu facilmente si farà ingannare, crederà a delle cose false perché non ha le basi per discernere le sfumature i dettagli. Io sto leggendo questo sito di climatologia e di studio del sole e su molte cose non mi permetto nemmeno di questionare perché so di essere ignorante in materia. ora se un novizio si va a leggere la geologia del 1700 troverà tante teorie affascinanti sui fenomeni geologici e se legge le stesse spiegazioni in testi piu antichi ( quando la geolgoia non esisteva proprio) troverà che nei vulcani ci stanno i draghi e che i terremoti sono causati dal diavolo che muove gli inferi. Con questo non voglio dire che si sappia tutto, anzi piu si sa e piu c’é da scoprire, ma voglio dire che bisogna capire quali e dove sono i limiti della conoscenza quali sono le cose certe e quali quelle incerte, e quanto ( fino a che punto) una cosa é certa.
    Poi un rischio odierno é quelli di prendere tutto come valore assoluto e non relativizzarlo mai al contesto storico, socio-culturale in cui avviene.
    La tettonica delle placche non é una teoria buttata li non énemmeno una teoria visto che alla fine é una descrizione di un fenomeno naturale. Inoltre vi sono molti altri risvolti per cui la tettonica delle placche spiega o é compatibile con i terremoti i vulcani l’espansione degli ocenai le zone orogeniche le correlazioni sedimentarie, le datazioni assolute,ecc.ecc. Quindi per questo motivo come mi spiacerebbe sentire parlare su questo sito di terra piatta, sole che ruota intorno alla terra, e creazionismo mi spiace anche sentire parlare di teorie reazionarie sui movimenti della crosta terrestre che vanno contro ogni evidenza stdio e buonsenso. Come già detto con Michele e scritto in precedenti commenti poi ci sono ancora molte cose da scoprire e indagare , come ad esempio il “motore” o i “motori” che permettono questi movimenti crostali. (moti convettivi matellici, campi magnetici solari orbita e rotazione terrestri), oppure capire se c’é un influenza solare gravitazionale magneti nel dare la scintilla finale allo scatenamento di un terremoto o un eruzione. I meccanismi di evoluzione della terra sono grandiosi e affascinanti ma non misteriosi ( per chi li conosce). Chi cerca misteri in ogni cosa non é uno scienziato , non é una persona informata e approfitta della credulità della gente.
    Il problema poi é che non avendo le basi, le conoscenza su un determinato argomento siamo portati anche a credere ad articoli tipo quello del vulcano yellowstone, verosimili nella presentazione ma completamente falsi nei contenuti ( e se non ci fosse stato scritto che era una bufala quanti ci avrebbero creduto?). Il problema é che su queste cose si ha spesso una pproccio superficiale di stupore limitato all’apparenza della cosa e non alla sua sostanza. UN po come nei set cinematografici dove tutto sembra vero ma dove in realà dietro alla facciata di un palazzo non c’é niente, giusto un pannello di cartone. Ci sembra un palazzo ( apparenza) ma é un pezzo di cartone (realtà)

    Poi vorrei dire che su queste cose esiste una produzione di letteratura scientifica, relegata a periodici che restano agli addetti ai lavori di tale imponeneza e peculliarità da riemipre una grande biblioteca metropolitana, quindi non si parla di 4 gatti e di una teoria campata in aria.
    Vorrei anche aggiungere che l’approcio allo studi dei fenomeni naturali ( e chi si occupa di clima dovrebbe saperlo) non é un approcio puramente tecnico -matematico perché i fenomeni naturali non sono delle euqzioni matematiche, la matematica le puo descrivere fino ad un certo punto ma mentre 2+2 fa sempre 4 ( perché l’ha deciso l’uomo) una pioggia non fa sempre un alluvione e un fenomeno naturale non si ripete mai uguale a se stesso. Quindi chi pretende ceh la natura debba sempre esssere un’equazione matematica e se non lo é grida alla catastrofe non ha capito nulla ed é meglio che si occupi di scienze umaniste o di economia e commercio.
    I fenomeni naturali si descrivono, non si calcolano. Un geologo e un ingegnere sono come cane e gatto, il primo descrive un fenomeno in maniera qualitativa, il secondo ha bisogno di quntificarlo matematicamente per comprenderlo. Peccato che la natura non funzioni come una calcolatrice o un computer.

    Con questo finisco e dico che io personalemnte sono anche molto scettico sul funzionamento del mondo scientifico, che é spesso influenzato da credenze religiose politiche economiche legate al contesto storico. Quindi la scienza non é infallibile e molti scienzati o mondi accademici odierni sono schiavi di altri poteri forti e non sono liberi ( casi pandemie fasulle ne sono un esempio), quindi sempre massima attenzione e piedi di piombo peré non torniamo a S Agostino o Tolomeo.

    Per quanto riguarda i link non ho capito bene su quale argomento ( tettonica placche?).

  167. Giovanni
    17 giugno 2010 alle 11:47

    DOM :Miseriaccia!Oltre al poco tempo ho anche la connessione che non va….Mi rendo conto che le energie accumulate dal movimento delle placche vengono liberate di continuo, rendendo di fatto impossibile uno slittamento dell’intera crosta terrestre.tuttavia non andrebbe completamente scartata l’potesi di una qualche influenza dei ghiacci, in particolar modo quelli groelandesi e antartici, “nel puzzle terra”.A GIOVANNI: hai qualche link dove potermi documentare?

    se parli di link tettonic aplacche eccone alcuni

    http://www.geologia.com/area_raga/placche/placche.html
    http://www.cosediscienza.it/geo/03_tettonica.htm
    http://www.silsismi.unimi.it/SILSISMI/.(digita l’indirizzo su google si tratta di una presetazioine power point)
    http://www2.ulg.ac.be/urap/cours/oceano/1c.Tectonique%20suite.pdf

  168. Luca
    17 giugno 2010 alle 16:13

    X Giovanni
    Leggo da molto questo sito e naturalmente apprezzo i contributi di chi è molto più preparato sul piano scientifico del sottoscritto (e non ci vuole molto, visto che sono un avvocato!). Pur tuttavia, la logica dei ragionamenti deve essere necessariamente consequenziale in tutti, nel senso che sia che si affronti un argomento sul piano induttivo, sia che lo si affronti sul piano deduttivo, i vari passaggi devono essere connessi tra di loro. Ebbene, dalla lettura di quanto da te scritto qualcosa non torna proprio sul piano logico. La critica è naturalmente benevola, tuttavia necessaria. Non si può infatti scrivere che “La tettonica delle placche non é una teoria buttata li non é nemmeno una teoria visto che alla fine é una descrizione di un fenomeno naturale. Inoltre vi sono molti altri risvolti per cui la tettonica delle placche spiega o é compatibile con i terremoti i vulcani l’espansione degli ocenai le zone orogeniche le correlazioni sedimentarie, le datazioni assolute,ecc.ecc.” Se infatti essa è una teoria scientifica, allora non è una mera descrizione, in quanto a differenza di una mera descrizione necessariamente deve spiegare il fenomeno in tutti i suoi aspetti che si assume voler analizzare, fatto ben diverso dalla mera descrizione. Di più, il fatto che esistano molti elementi (ad esempio le carte nautiche molto antiche e storicamente incogruenti con l’epoca ufficiale di provenienza) non significa voler vedere misteri in qualunque posto e svuotare quindi il ragionamento scientifico (bello in proposito il paragone con il set cinematografico) ma solo evidenziare che la conoscenza ufficiale tende a “rimuovere” tutto quello che metterebbe in crisi la teoria ufficiale che in quel momento storico è privilegiata per motivi economici, politici ed anche religiosi. Detto questo, non concordo sul tuo richiamo ad un supposto maggior rigore scientifico, laddove – come si è visto – questo deve attenere solo alla forma del ragionamento e non alla sua sostanza, che può benissimo riguardare anche il semplice stupore per “incongruenze” volutamente dimenticate dagli scienziati ufficiali…

  169. Giovanni
    17 giugno 2010 alle 17:27

    Caro Luca
    SI vede che fai l’avvocato!.
    Io per fortuna faccio il geologo e non ho bisogno di troppi formalismi per descrivere la realtà o eventualmente distorcerla come fanno alcuni tuoi famosi colleghi (lo dico sempre con benevolenza, anche tra i geologi c’é molto marcio)
    In natura non ci sono formalismi da rispettare, un evento accade anche se non rispetta il protocollo, se non rispetta le leggi scritte dall’uomo. In natura non succede come tra gli uomini dove le persone sono diverse secondo il loro ceto sociale economico e culturale. In natura i fatti, gli eventi sono sempre univoci e restano tali per sempre perché non ci sono termini di legge o di prescrizione o errori di trascrizione delle carte o quant’altro. IL punto é vedere se l’uomo é capace di capire e di osservare questi fatti.
    La geologia nasce come scienza naturale, come scienza puramente descrittiva, non é una scienza matematica, quantitativa, benché lo sia vieppiu diventata nel corso dei decenni. La geologia non fa progetti, non fa modelli per generalizzare un fenomeno al contrario fa modelli per descrivere un insieme di fenomeni, ottenendo una visione semplificata e congruente di piu fenomeni concomitanti in uno spazio. Un modello geologico é un modello unico applicabile ad un solo caso, quindi a rigor di logica non di dovrebbe chiamare modello.
    Oggi purtroppo molti geologi sono diventati degli sguatteri dell’ingegneria, obbligati a tradurre in numeri tutto quello che numero non é, a modellizzare quello che non si puo modellizzare. Cosi funzionano le previsioni sui cambiamenti climatici dell’IPCC, cosi funzionano i modelli che si applicano alla costruzione di grandi opere, alla prevenzione dei rischi.
    La geologia in realtà é l’archeologia e la storia del nostro pianeta, e come tale va vista. Non si parla della teoria dell’Impero romano o degli antichi greci. Come nell’archeologia serve comprendere il linguaggio di un popolo per decifrarne un testo, come nella musica serve comprendere il linguaggio delle note, cosi nella geologia serve comprendere il linguaggio delle rocce per decifrare quello che hanno scritto al loro interno, che é testimonianza del passato, quindi non é che una lettra “storica” del nostro pianeta. Purtroppo in Italia questa cultura, come tante altre, non interessa a nessuno e non viene insegnata, il risultato sono persone analfabete da questo punto di vista che si permettono di interpretare a modo loro segnali ben chiari e codificati.
    A livello piu globale questo fatto é legato au una visione della scienza che al giorno d’oggi é diventata sempre piu matematica, tecnica e puntuale, si cerca il dettaglio infinito e si perde la visione globale delle cose, ci si perde in un bicchier d’acqua adagiato sul fondo di una piscina piena.
    Questo é il motivo per cui la geologia é incompresa da scienziati puri da tecnici puri e da letterati, perché é una scienza a suo modo non scientifica perché non é rigorosa e non é matematica, cosi come non lo é la natura. Per questo non si possono prevedere con una data e un’ora precisi i terremoti (forse ci riuscirà Michele?) le eruzioni, le alluvioni, le frane le valanghe e quant’altro.
    MA il fatto che non si possa prevedere l’ora e la data non significa che non si possa prevedere l’accadiemnto di uno di questi eventi. Il punto é che si da una visione qualitativa, “letteraria” del fenomeno, mentre il senso comune dallo scienziato e ancor piu dall’ingegnere si aspetta un numero che spieghi tutto e risolva i problemi, che dica alle 3:45 in data xx/xx/xx. Qindi per fare prevenzione non si deve aspettare il numero ma si deve capire il linguaggio del pianeta, questo é l’unico modo.
    Questo é il nocciolo e la chiave di tutto. La geologia é una “scienza in via di estinzione” perché non risponde ai canoni scientifici del mondo quotidiano perché i puristi di ogni sorta non la capiscono nella sua poliedricità, perché la geologia non parla con il linguaggio prediletto della scienza, quello dei numeri. COmunque la chiudo qui che ho altro da fare…..

    Rimanendo benevoli ti consiglo di leggere quanto riportato su questo link
    per capire un po come si é arrivati alla tettonica delle placche (una lettura semplice e volgarizzata per i non addetti ai lavori).
    http://www.cosediscienza.it/geo/03_tettonica.htm

    Ti rimando ad un altro link precedente su Hagpod e le sue teorie ( é proprio il caso di chiamrle cosi) su Atlantide
    http://www.diegocuoghi.it/Piri_Reis/Hapgood.htm

    sullo stesso sito trovi cose interessanti anche su presunti ufo raffigurati in dipinti medioevali e altre chicche frutto dell’ignoranza popolare che dilaga e ricopre la conoscenza.

  170. Luca
    17 giugno 2010 alle 18:00

    Caro Giovanni, mi piace l’entusiasmo con cui professi la tua disciplina. Lasciami dire che anch’io condivido l’entusiasmo per la mia professione, nonostante tutto e tutti. Io concordo con te sul fatto che troppo determinismo matematico può essere negativo, tuttavia quello con cui non concordo è il senso dell’esclusività della conoscenza che mi pare emergere dalle tue parole. La geologia riguarda troppo da vicino tutti noi per essere lasciata ai… geologi! Non me ne vorrai, ma oggi solo con l’innesto di conoscenze astronomiche si comincia a delineare un modello di comprensione per i terremoti che a sentire i professori MAI avremo potuto prevedere. E questo, torno a scrivere, ci riguarda tutti. Concentrarsi nella propria nicchia di sapere (o il proprio sasso!) oggi è più che mai sbagliato: per la nostra sopravvivenza è urgente infatti capire, comprendere e sapere che “alle 3:45 in data xx/xx/xx” in quel posto si scatenerà l’inferno!

  171. Giovanni
    17 giugno 2010 alle 18:15

    spiacente deluderti ma li sta l’errore in quel 3:45 in data xx/xx/xx” invece che nella comprensione del fenomeno voi chrede che il problema si risolva detrminando un numero, é lo stesso modo di ragionare dell’IPCC e di molti pseudo scienziati dei giorni nostri. Poi io non ho mai detto che il sole l’orbita la luna e quant’altro non possano influenzare l’evoluzione della terra e il susseguirsi dei sui fenomeni, quello che dico é che non si puo negare l’evidenza per permettere di dare un ruolo a delle cose che questo ruolo non hanno. E soprettutto bisogna prima conoscere l’evidenza per negarla.
    Ciao

  172. Alex
    17 giugno 2010 alle 18:22

    Come già affermato,ogni teoria ha i suoi pro e contro
    Sinceramente trovo che molte mappe siano convincenti,anche se non tutte.
    Qui si parla di dislocamento della crosta terrestre una teoria che sostiene un rapido e spostamento dell’intera superficie del pianeta,alcune aree che prima avevano un clima continentale vengono a trovarsi ai tropici altre ancora finiscono in un colossale freezer che ne fa delle belle granite per 11.500 anni.
    Le evidenze di tale spostamento ci sono,non si può contestare Hapgod o chiunque non abbia il brevetto di geologo,vulcanologo perchè fanno una ricerca dettagliata ma non mancando con il termine di “ologo” viene subito ignorato o preso in disparte.
    Trovo che la scienza ufficiale abbia fatto così numerose volte,non per questo quello che finora si è costruito deve essere consideratop un errore.
    Ora analizziamo i contro a tale teoria:
    -Alcune mappe si sono rivelate dei falsi.
    -“le energie accumulate dal movimento delle placche vengono liberate di continuo, rendendo di fatto impossibile uno slittamento dell’intera crosta terrestre.

    Ora passo ai pro:
    -Un’incalcolabile numero di specie animali specie i mammut si trovano sepolti alcuni di essi con tracce di fiori e ranuncoli tra i denti e indigeriti nello stomaco.
    L’assideramento è stato repentino.
    -Numerosi miti fanno riferimento “le stelle sembrarono cadere dal cielo”,il che può essere spiegato solo che l’osservatore stia cambiando il punto di osservazione mentre la crosta si sposta.
    -Numerosi sito archeologici sono collocati secondo allineamenti meridiani e non solo con il polo nord della Baia di Hudson.

    Personalmente credo che non sia quanto il peso dei ghiacci ma le inversioni magnetiche che hanno a che fare con il dislocamento.

  173. Michele
    17 giugno 2010 alle 22:53

    Al di là di tutti i discorsi che son stati fatti in questi giorni …
    (mi scuso per l’assenza, ma il qui presente era in sola “lettura” per via dei molteplici impegni lavorativi&familiari ) è interessante notare come in alcuni “ben noti” ed “affermati” blog che parlano di dinamiche sismico/vulcaniche…sian in costante aumento gli interventi di ricercatori amatoriali e non che si stan rendendo conto della stretta “Correlazione” esistente fra le dinamiche planetarie del sistema solare e le dinamiche geologiche del pianeta…

    http://scienceblogs.com/eruptions/2010/06/crater_lake_at_eyjafjallajokul.php

  174. 17 giugno 2010 alle 23:55

    Il disastro nel Golfo del Messico sará (forse) molto peggio tra alcune settimane. Uno scienziato James P. Wickstrom parla… anche se il suo sito e i suoi articoli sono diventati quasi inaccessibili.

    http://www.rense.com/general91/oilor.htm

    In parole povere la pressione del petrolio allargherá sempre piú il “buco” e sará impossibile contenere la fuoriuscita di petrolio. Solo quando la pressione interna diminuerá il mare entrerá nella cavitá della sacca petrolifera e lí incontrerá una temperatura di circa 400°C. Come tutti sanno. Il mare si traformerá in vapore innalzando il fondo dell´oeano fino ad un suo collasso. Tale collasso provecherebbe uno tsunami con onde da 8 a 25 metri. Inoltre tutto il Golfo del Messico sará inabitabile per qualsiasi forma di vita.
    Fantascienza o i Governi non dicono quello che sanno e che potrebbe accadere?
    Certo é che la BP non é riuscita a frenare la fuoriuscita che anzi é sempre piú aumentata e da diversi giorni tutto sembra essere stato messo sotto silenzio.

  175. 18 giugno 2010 alle 00:15

    Il petrolio ha raggiunto ora la Corrente del Golfo e sta entrando nella corrente oceanica che è almeno quattro volte più forte della corrente del Golfo, che lo porterà in tutto il mondo entro 18 mesi.

  176. Simone
    18 giugno 2010 alle 09:17

    C’è la possibilità di seguire l’andamento della chiazza di petrolio in tempo reale in qualche sito????
    Grazie
    Simone

  177. Giovanni
    18 giugno 2010 alle 10:07

    Alex :Come già affermato,ogni teoria ha i suoi pro e controSinceramente trovo che molte mappe siano convincenti,anche se non tutte.Qui si parla di dislocamento della crosta terrestre una teoria che sostiene un rapido e spostamento dell’intera superficie del pianeta,alcune aree che prima avevano un clima continentale vengono a trovarsi ai tropici altre ancora finiscono in un colossale freezer che ne fa delle belle granite per 11.500 anni.Le evidenze di tale spostamento ci sono,non si può contestare Hapgod o chiunque non abbia il brevetto di geologo,vulcanologo perchè fanno una ricerca dettagliata ma non mancando con il termine di “ologo” viene subito ignorato o preso in disparte.Trovo che la scienza ufficiale abbia fatto così numerose volte,non per questo quello che finora si è costruito deve essere consideratop un errore.Ora analizziamo i contro a tale teoria:-Alcune mappe si sono rivelate dei falsi.-”le energie accumulate dal movimento delle placche vengono liberate di continuo, rendendo di fatto impossibile uno slittamento dell’intera crosta terrestre.”Ora passo ai pro:-Un’incalcolabile numero di specie animali specie i mammut si trovano sepolti alcuni di essi con tracce di fiori e ranuncoli tra i denti e indigeriti nello stomaco.L’assideramento è stato repentino.-Numerosi miti fanno riferimento “le stelle sembrarono cadere dal cielo”,il che può essere spiegato solo che l’osservatore stia cambiando il punto di osservazione mentre la crosta si sposta.-Numerosi sito archeologici sono collocati secondo allineamenti meridiani e non solo con il polo nord della Baia di Hudson.
    Personalmente credo che non sia quanto il peso dei ghiacci ma le inversioni magnetiche che hanno a che fare con il dislocamento.

    Le variazioni di cui parli mi sembra che facciano parte dei cicli climatici che portano a dei periodo glaciali freddi e intergalciali caldi, per questo, detto in maniera brutale, là dove c’era un clima tropicale poi c’é un clima polare e vicevarsa.
    Poi la tua risposta mi sembra un po qualunquista, non si tratta di vedere come finisce il nome della professione -ologo -ista -ante. Si tratta di capire se le affermazioni o le teorie di una persona sono supportate da dati, osservazioni, rispetto di leggi chimico-fisiche o sono delle mere fantasticherie.
    Non vorrei che con quello che dici allora chiunque potesse svegliarsi un mattino e decidere di diventare un esperto in qualsiasi campo. Io preferisco farmi curare da un medico che sia laureato in medicina piuttosto che in giurisprudenza, non so tu e con questo non sto dicendo che tutti i medici laureati siano degli ottimi professionisti. SO bene che non basta un pezzo di carta, un titolo di studio per provare la bontà delle affermazioni di una persona ma non sdoganiamo superficialità, ignoranza e supponenza come fossero elementi positivi. Non giudichiamo dalle apparenza ma dalla sonstanza, non da chi dice cosa ma dal contenuto del suo discorso e soprattutto non mischiamo scienza con fantascienza. Detto questo sono d’accordo quando si dice che molti scienziati che hanno proposto teorie pionieristiche hanno dovuto faticare (se non sacrificare la loro vita) per veder accettate le loro teorie e per far cambiare il “pensiero-unico” scientifico di un determinato periodo storico. Il mondo accademico purtroppo é conservativo e non aperto ai cambiamenti, questo é un dato di fatto.

  178. Giovanni
    18 giugno 2010 alle 10:50

    Luca :Caro Giovanni, mi piace l’entusiasmo con cui professi la tua disciplina. Lasciami dire che anch’io condivido l’entusiasmo per la mia professione, nonostante tutto e tutti. Io concordo con te sul fatto che troppo determinismo matematico può essere negativo, tuttavia quello con cui non concordo è il senso dell’esclusività della conoscenza che mi pare emergere dalle tue parole. La geologia riguarda troppo da vicino tutti noi per essere lasciata ai… geologi! Non me ne vorrai, ma oggi solo con l’innesto di conoscenze astronomiche si comincia a delineare un modello di comprensione per i terremoti che a sentire i professori MAI avremo potuto prevedere. E questo, torno a scrivere, ci riguarda tutti. Concentrarsi nella propria nicchia di sapere (o il proprio sasso!) oggi è più che mai sbagliato: per la nostra sopravvivenza è urgente infatti capire, comprendere e sapere che “alle 3:45 in data xx/xx/xx” in quel posto si scatenerà l’inferno!

    Caro Luca il problema é che , come succede con l’IPCC e con emeriti professoroni catastrofisti, c’é un ivasione di persone che non sanno nulla di geologia ma pretendono di conoscere il passato , il presente e il futoro del pianeta. Se un economista, un geografo, un ingegnere e quant’altro vogliono diventare geologi lo facciano pure non c’é problema, pero prima devono capire il linguaggio del pianeta e i suoi meccanismi. Se vuon parlare in cinese con un cinese prima devi studiare la lingua, non servirebbe a molto fare finta dicendo plin-cion-lin e quant’altro.
    La grande bassa dei cambiamenti climatici antropici deriva proprio dal fatto che persone compeltamente ignoranti in materia si siano erette a grandi esperti. Questo te lo dico per esperienze personali in ambito universitario, tanto per capirci. A me di sentire un professore laureato in scienze politiche o un geografo che diventano improvvisamente grandi esperti di cambiamenti climatici, solo perché hanno fiutato in quel campo l’odore dei soldi e hanno immanicature “politiche” con menbri non scientifici, ma organizzativi dell’IPCC, fa abbastana ribrezzo. Se vuoi parlare di geologia prima devi aver studiato le rocce, i minerali, i fossili, la paleontologia, i meccanismi di evoluzione ed estinzione delle specie, i vari ambienti marini e continentali,i ghiacciai, i processi sedimentari, magmatici, erosivi le strutture, le faglie, le pieghe, la geofisica, la tettonica, i movimenti gravitativi, l’idrogeologia e altro ancora. Non puo bastare imparare a pronunciare le parole “dissesto idreogeologico” per diventare un geologo.
    Gli ingegneri ci provano da sempre a sostituirsi ai geologi e non ci sono mai riusciti, e quando ci hanno provato hanno fatto solo disastri. Perché? Perché si pensa che la geologia sia una branca scientifica secondaria per cui basta conoscere la matematica, la fisica e un po di chimica per capire tutto. NON é cosi, torno a ripetere bisogna imparare il linguaggio del pianeta delle rocce dei sedimenti e quant’altro, cambiare i propri sistemi di riferimenti spazio temporali e purtroppo questo non viene insegnato in nessun corso di laurea o insegnamento secondario Questo é il punto di partenza per discutere e ragionare di geologia. Quello che sto dicendo é l’esatto opposto di quello che mi viene attribuito. NOn sono io nella nicchia, siete voi che avete una visione distorta di questa disciplina e proprio la questione “numerica” della previsione ne é l’esempio. Per parlare di geologia deve cadere il muro del numero e della scienza matematica.

  179. Mistral-101
    18 giugno 2010 alle 10:52

    sand-rio :
    Il disastro nel Golfo del Messico sará (forse) molto peggio tra alcune settimane. Uno scienziato James P. Wickstrom parla… anche se il suo sito e i suoi articoli sono diventati quasi inaccessibili.
    http://www.rense.com/general91/oilor.htm
    In parole povere la pressione del petrolio allargherá sempre piú il “buco” e sará impossibile contenere la fuoriuscita di petrolio. Solo quando la pressione interna diminuerá il mare entrerá nella cavitá della sacca petrolifera e lí incontrerá una temperatura di circa 400°C. Come tutti sanno. Il mare si traformerá in vapore innalzando il fondo dell´oeano fino ad un suo collasso. Tale collasso provecherebbe uno tsunami con onde da 8 a 25 metri. Inoltre tutto il Golfo del Messico sará inabitabile per qualsiasi forma di vita.
    Fantascienza o i Governi non dicono quello che sanno e che potrebbe accadere?
    Certo é che la BP non é riuscita a frenare la fuoriuscita che anzi é sempre piú aumentata e da diversi giorni tutto sembra essere stato messo sotto silenzio.

    Nelle settimane scorse avevo molti dubbi che BP riuscisse a chiudere quel buco con campane subaquee o con “fango denso”. A 1500m ci sono 150Bar di pressione. Se il petrolio fuoriesce con quella intensità significa che esce ad una pressione di almeno 200/300Bar. Forse di più. L’unico modo per chiudere la falla è con una grossa esplosione.

    E’ logico che più dura la perdita più si allarga il buco.

    L’acqua di mare potrà entrare solo quando la pressione in uscira equibrerà quella in ingresso. Cioè quando il petrolio finirà di uscire. Dire cosa succederà a quel punto è molto difficile. Secondo me niente di più di un geyser sottomarino.

  180. Darkman79
    18 giugno 2010 alle 10:53

    La BP combatteva per chiudere le crepe nel suo pozzo di Macondo fin dal mese di Febbraio, più di due mesi prima dell’esplosione che ha ucciso 11 persone e sta spargendo petrolio nel Golfo del Messico. Ci sono voluti 10 giorni per chiudere le prime crepe, secondo dei report che la BP ha fornito al Minerals Management Service e che sono stati scoperti dagli inquirenti del Congresso. Crepe nella roccia circostante hanno continuato a complicare le operazioni di trivellazione anche nelle successive settimane. Quando hanno scoperto che c’era molto petrolio là sotto, tutte le decisioni prese avevano il solo obiettivo di riuscire a prelevarlo ad ogni costo. E’ stato un viaggio verso l’apocalisse fin dall’inizio.

    http://www.bloomberg.com/apps/news?pid=20601102&sid=abB4SRejx7Po

  181. Mistral-101
    18 giugno 2010 alle 11:01

    Tra l’altro, la trivellazione è cominciata a 1500m sott’acqua. Ma quanto è profondo quel pozzo? 3000m come ho letto qui qualche giorno fa? (non ricordo chi lo scrisse)

  182. Giovanni
    18 giugno 2010 alle 11:29

    Mistral-101 :Tra l’altro, la trivellazione è cominciata a 1500m sott’acqua. Ma quanto è profondo quel pozzo? 3000m come ho letto qui qualche giorno fa? (non ricordo chi lo scrisse)

    forse io…ho anche 2 schemini 3d della bp che avevo scaricato un po di tempo fa ma non risco piu a trovare l’indirizzo internet, se c’é un modo di inviarle come attach.

  183. Giovanni
    18 giugno 2010 alle 11:31

    una l’ho ritrovata, l’altra dev’essre sempre sul sito bp

    http://www.bp.com/genericarticle.do?categoryId=9033571&contentId=7061902

  184. Andrea b
    18 giugno 2010 alle 12:00

    grazie giovanni immagini molto belle e dettagliate

  185. Giovanni
    18 giugno 2010 alle 12:27

    sand-rio :Il disastro nel Golfo del Messico sará (forse) molto peggio tra alcune settimane. Uno scienziato James P. Wickstrom parla… anche se il suo sito e i suoi articoli sono diventati quasi inaccessibili.
    http://www.rense.com/general91/oilor.htm
    In parole povere la pressione del petrolio allargherá sempre piú il “buco” e sará impossibile contenere la fuoriuscita di petrolio. Solo quando la pressione interna diminuerá il mare entrerá nella cavitá della sacca petrolifera e lí incontrerá una temperatura di circa 400°C. Come tutti sanno. Il mare si traformerá in vapore innalzando il fondo dell´oeano fino ad un suo collasso. Tale collasso provecherebbe uno tsunami con onde da 8 a 25 metri. Inoltre tutto il Golfo del Messico sará inabitabile per qualsiasi forma di vita.Fantascienza o i Governi non dicono quello che sanno e che potrebbe accadere?Certo é che la BP non é riuscita a frenare la fuoriuscita che anzi é sempre piú aumentata e da diversi giorni tutto sembra essere stato messo sotto silenzio.

    Il gradiente geotermico terrestre é in medio 30°C/km quindi alla profondità del giacimento, circa 3500m di sediemnti, la temperatura dovrebbe essere intorno ai 100°C, per avere 400 ° dovremmo scendere a circa 13 km di profondità. E a quelle temperature il petrolio si sarebbe competamente cotto e trasformato in roccia (ex. scisti neri)

  186. Mistral-101
    18 giugno 2010 alle 12:52

    Giovanni :
    una l’ho ritrovata, l’altra dev’essre sempre sul sito bp
    http://www.bp.com/genericarticle.do?categoryId=9033571&contentId=7061902

    Grazie Giovanni,

    Quindi ci sono circa 3800m di roccia tra il fondo del mare ed il giacimento.

    Ho i miei dubbi che l’acqua di mare trasformata in vapore possa sollevare il fondo marino, o che questo possa collassare.

  187. Mistral-101
    18 giugno 2010 alle 12:57

    Interessante il sito BP. C’è anche la mappa della “situazione attuale”

    http://www.bp.com/sectiongenericarticle.do?categoryId=9033575&contentId=7061771

  188. Darkman79
    18 giugno 2010 alle 13:34

    Etna Italy 2010
    Nyamuragira Dem Rep Congo 2010
    Ulawun Papua New Guinea 2010
    Rinjani Indonesia 2010
    Kirishima Japan 2010
    Fukutoku-Okanoba Japan 2010
    Sarigan United States 2010
    Tiatia Russia 2010
    Cleveland United States 2010
    Concepción Nicaragua 2010
    Poás Costa Rica 2010
    Turrialba Costa Rica 2010
    Tungurahua Ecuador 2010
    Eyjafjallajökull Iceland 2010

    siamo arrivati a 14 vulcani che hanno dato vita a un eruzione in questo 2010, ma siamo appena a metà anno.

    gli ultimi due sono stati il sarigan ed il cleveland

    http://www.volcano.si.edu/world/find_eruptions.cfm

  189. 18 giugno 2010 alle 13:36

    Mistral-101 :

    Interessante il sito BP. C’è anche la mappa della “situazione attuale”

    http://www.bp.com/sectiongenericarticle.do?categoryId=9033575&contentId=7061771

    Volevo avvertirvi che la BP ha comprato da Google e Yahoo parole chiavi affinché le ricerche su quanto sta succedendo nel Golfo del Messico siano deviate verso i siti della BP stessa in modo che gli incauti lettori possano essere disinformati a dovere.
    Il fatto é stato confermato dal portavoce della BP, Toby Odone, in una intervista alla ABC News.
    Tra i termini comprati ci sono:“oil spill”, “BP oil spill”, “Deepwater Horizon” e “oil spill response”.
    Le informazioni “ufficiali” della BP sono continuamente smentite dalle immagini satellitari, perché sulla zona é stato stretto un cerchio perché non vengano divulgate immagini fotografiche e i giornalisti sono impediti di entrare dai servizi di sicurezza a dalla polizia ambientale. Ma i danni ambientali sono giá enormi.
    http://www.examiner.com/x-33986-Political-Spin-Examiner~y2010m6d5-Keith-Olbermann-BP-trying-to-hide-dead-birds-in-Gulf-oil-spill-from-public-video

  190. Luca
    18 giugno 2010 alle 13:45

    Caro Giovanni, a mio parere il problema di cui stiamo discutendo non riguarda la scienza in quanto tale, è fuori di dubbio infatti che nessuno ragionevolmente può sovrapporsi ad un geologo ed al suo bagaglio di conoscenza. Il problema è che invece la geologia, in quanto disciplina scientifica, appare essersi “arroccata” (è il caso di dirlo) su posizioni ufficiali piuttosto discutibili. Ho sentito le interviste degli eminenti professori sul dopo terremoto dell’Aquila: “Non è possibile prevedere un terremoto. Non sarà MAI possibile prevedere un terremoto”. A mio modesto parere ciò non è scientifico, nel senso che avrei accettato meglio una frase del tipo “Allo stato conoscenze attuali non sembra essere possibile prevedere un terremoto, magari un domani sarà diverso.”. Ed allora da una parte sorge la necessità in chi guarda il mondo con occhi smagati di cercare risposte al di fuori dei circoli ufficiali e dei parere dei geologi: tu puoi scrivere quanto vuoi sulla mancanza di prove oggettive in merito al dislocamento della crosta terrestre. Resta però il problema che molti indizi (tra cui anche la mitologia dei popoli) paiono andare in diversa direzione. Dall’altra parte la gente – di fronte ai terremoti sempre più frequenti – comincia a scocciarsi di chi è troppo settoriale: non è possibile che studiosi come il Bendandi (giusto il cognome?) siano stati emarginati solo perché “estranei” all’ambiente universitario. Per concludere, in tutto questo non c’è poi da stupirsi se la Procura della Repubblica dell’Aquila ha aperto un’inchiesta sulla commissione grandi rischi: di fronte alle emergenze o ti dai da fare a dare risposte serie od ammetti di non sapere. Fingere di conoscere un sapere esclusivo cui gli altri non possono avvicinarsi è diventato dannatamente rischioso e soprattutto ti rende necessario l’intervento dell’avvocato! Peggio di così…

  191. andrew
    18 giugno 2010 alle 15:10

    Yellowstone bella scossa stanotte

  192. Giovanni
    18 giugno 2010 alle 15:34

    Luca :

    1) IL problema dell’Aquila é un problema politico, non scientifico e nemmeno tecnico. Si sono volutamente ignorati tutti gli allarmi da parte di politici e sono state fatte pressioni politiche a giornalisti perché non divulgassero notizie “pessimiste”. L’aquila é zona altamente sismica, é risaputo, se poi non é stato fatto nessun intervento non é certo colpa di quache geologo ( e con questo non sto difendenzo Boschi e compagnia, magari difendo tutti geologi che hanno lavorato per la carta delle zonazioni sismiche per i piani regolatori e quant’altro, lavoro rimasto sulla carta e poco o mai applicato).
    2) I terremoti si possono prevedere allo stato attuale delle conoscenze in base al monitoraggio. Nn ti posso dire che nel 2012 alle 3.45 del 12 giugno ci sarà un terremoto ma, come dimostrato all’Aquila la presenza di sciami sismici piu intensi, variazioni della pressione delle falde acquifere e emissione di gas ( tipo radon o altro) sono indicatiri di una scossa imminente. Certo che se non ci sono strumentazioni e non si fa monitoraggio allora non resta che rivolgersi ad un cartomante. Altro punto é prevedere di che grado sarà la scossa, per ora impossibile calcolarlo ma possibile dedurlo, cioé impossibile dare un numero ma possibile dare una descrizione qualitativa.
    3) pur non potendo prevedere con una sfera magica l’ora di unt erremoto allo stato attual delle conoscenze si possno fare interventi di mitigazione per annullare gli effetti mortali di usa scossa, basta guardare il Giappone e anche il Cile dove la scossa é stata 1000 volte piu intensa che all’Aquila.
    4) Il voler sapere ora giorno e anno del terremoto o dell’eruziione o dell’alluvione, cioé prevedere quantitativamente invece che qualitativamente non serve a nulla perché la soluzione non é evacuare intere regioni da persone animali e beni vari prima dell’arrivo di una catastrofe, la ma soluzione é fare prevenzione a livello di infrastrutture e informazione ai cittadini.
    5)La prevenzione la si fa con impegno costante, inveestimenti di denaro e monitoraggio delle aree a rischio. Questa é di nuovo una scelta POLITICA, non scientifica ne tecnica.
    6)Non conosco in dettaglio la storia di BEndandi e quindi non mi posso pronunciare
    7) Sappiamo tutti e due che l’italia é un caso anomalo per numero di avvocati e di
    cause penali-amministrative ( o come si chaimano) in corso
    8)I geologi sono una classe tecnico-scientifica da sempre incompresa, bisfrattata ed emarginata, lo sfacelo del territorio italiano ne é una conseguenza.
    9) MI sembra che si volgia una lista dei teeremoti da oggi ai prossiimi 50 anni, per questo ripeto rivolgetevi a un cartomante, forse nell’ignoranza della gente c’é la volonta di sminuire e semplificare un problema improtante e compelsso come quello della gestione del territorio. Non c’é bacchetta megica o formula magica che tenga.
    Quando tu dici
    Il problema è che invece la geologia, in quanto disciplina scientifica, appare essersi “arroccata” (è il caso di dirlo) su posizioni ufficiali piuttosto discutibili.
    dici una falsità en orme. Guarda che noi abbiamo a che fare quotidinamente con costruttori imprese privati, ingengeri architetti che se ne fottono di tutte le norme e le prescrizioni e che vedono il geologo come un mero ostacolo alla realiiazione rapida e a basso costo di un progetto. Se un geologo non firma una perizia se ne troverà un altro con meno scrupoli o piu disperato che firmerà senza troppe domanda. Spesso ci si trova a firmare perizie per edificabilità quando é gia stato tutto costruito.
    Mi da veramente fastidio il fatto che ci si possa permettere di muovere critiche di arroccamento quando non si sa proprio di cosa si stia parlando. IO dal mio punto di vista lancio critiche di arroganza e ignoranza da parte di persone senza scrupoli che si arricchiscono sulla vita degli altri e poi scaricano le colpe addosso ad altri.

    E dici anche: tu puoi scrivere quanto vuoi sulla mancanza di prove oggettive in merito al dislocamento della crosta terrestre
    In realtà io scrivo proprio il contrario, é pieno di prove tangibili ed oggettive riguardanti la dislocazione della crosta terrestre, tutte queste prove sono spiegate e riassunte dalla cosiddetta “tettonica delle placche”. che spiega i meccanismi di movimento delle zolle teerestri a partire da circa 600 milioni di anni fa ad oggi.

    Infine tu scrivi
    Fingere di conoscere un sapere esclusivo cui gli altri non possono avvicinarsi è diventato dannatamente rischioso e soprattutto ti rende necessario l’intervento dell’avvocato!
    Veramente io la vedo proprio al contrario. Fingere di conoscere quello che non si sa e sentenziare al posto di chi di dovere, non per meriti ma grazie magari ad agganci politici é ancor peggio. In tutti questi lunghi commenti che ho scritto avrei voluto risvegliare questo aspetto critico e questo desiderio di approcciare una materia che sta sotto inostri piedi ma che in realtà é molto sconosciuta alla maggior parte delle persone. Dalle risposte mi sembra di aver ottenuto l’effetto contrario, mi sembra che gli esperti siate voi e io sia solo un geologo supponente e presutouso, mi spiace non era questo il mio intento,sarà perche non sono un bravo oratore.

  193. Darkman79
    18 giugno 2010 alle 16:39

    riguardo al disastro ambientale nel golfo del messico…

    oggi finalmente in tv al TG5 ho visto delle immagini da sopra la zona maledetta girata se non ho sentito male dallo stesso governatore dell’alabama ERA TUTTO UNA MACCHIA ENORME.

    Ci credo che stanno cercando di censurare in tutti i modi le riprese FA PAURA.

  194. Michele
    19 giugno 2010 alle 14:19

    Ancora numerose “sinkholes” in Cina nelle ultime settimane …

    Il video :

    Cheng Jie, a geological expert from the China University of Geoscience, said: “I think it is very unlikely that the sinkholes were caused by human activities. It is mainly a result of natural causes, like the sharp weather changes from extreme droughts to heavy rainstorms.”

    Le alluvioni lampo che si stanno verificando in varie parti del mondo !

  195. Darkman79
    19 giugno 2010 alle 17:40

    MAREA NERA: “SE BP FALLISCE PETROLIO IN MARE FINO A 2012”

    AGI) – Washington – Se BP fallira’ i tentativi di tappare la falla nel Golfo del Messico l’uscita dl petrolio in mare potrebbe durare fino al 2012. E’ l’allarme lanciato da diversi esperti di industria petrolifera, raccolto da BNO NEWS, e basato sulle stime fornite al Congresso dal direttore esecutivo della compagnia britannica, Tony Hayward. “Se non e’ tenuta sotto controllo, dalla falla potrebbe riversarsi petrolio per altri due anni, anche se con una forza di propulsione gradualmente ridotta”, ha spiegato Phillip Johnson, docente di ingegneria petrolifera all’Universita’ dell’Alabama.

    http://www.agi.it/iphone/notizie/201006191059-est-rom0023-marea_nera_se_bp_fallisce_petrolio_in_mare_fino_a_2012

    sto 2012 ultimamente va di moda.

  196. Bernardo Mattiucci
    20 giugno 2010 alle 10:58

    ecco, appunto… va di moda?
    perche’ qualunque cosa accade nel mondo… c’e’ sempre di mezzo il 2012?

    uffa!

  197. sleepyhollow
    21 giugno 2010 alle 10:05

    nella notte un terremoto del 4.5 ha colpito i balcani, mentre la zolla pacifica è relativamente tranquilla rispetto a quallo a cui ci ha abituato… ma il 26 c’è il prossimo novilunio.
    Michele, vediamo se nei prossimi terremoti continuerà a verificarsi un certo grado di associazione tra fasi lunari e attività sismica.

  198. Michele
    21 giugno 2010 alle 13:30

  199. Michele
    21 giugno 2010 alle 13:33

    sleepyhollow :
    nella notte un terremoto del 4.5 ha colpito i balcani, mentre la zolla pacifica è relativamente tranquilla rispetto a quallo a cui ci ha abituato… ma il 26 c’è il prossimo novilunio.
    Michele, vediamo se nei prossimi terremoti continuerà a verificarsi un certo grado di associazione tra fasi lunari e attività sismica.

    Anche…questa data mi incuriosisce !!

    26-27 Giugno 2010

  200. Michele
    21 giugno 2010 alle 19:37

    News vulcaniche

    http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/inbreve/2010/06/21/visualizza_new.html_1844707014.html

    ROMA – L’Italia ha un nuovo vulcano: non ha ancora un nome, è spento da un periodo ormai lunghissimo, compreso fra 670.000 e un milione di anni, e si trova nel Tirreno meridionale, al largo della Calabria, di fronte a Capo Vaticano. La scoperta, dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) in collaborazione con l’università della Calabria, è in via di pubblicazione sul Journal of Geophysical Research. Il nuovo vulcano è di medie dimensioni, la sua sommità si trova a 120 metri sotto il livello del mare, si estende per circa 15 chilometri e si trova sulla stessa faglia che ha dato origine al terremoto in Calabria del 1905. “E’ un vulcano che ormai non desta più alcuna preoccupazione”, ha detto Massimo Chiappini, che fa parte del gruppo di ricerca composta da Riccardo De Ritis, Guido Ventura, Iacopo Nicolosi e Fabio Speranza. “La sua scoperta – aggiunge – rimette però in discussione i modelli geodinamici della zona”, per esempio quelli che spiegano la formazione delle Eolie. Il numero dei vulcani italiani sale così a 29. Di questi, 16 sono spenti; 9 attivi (Vesuvio, Etna, Vulcano, Lipari, Stromboli, Panarea, Ischia, Campi Flegrei e Pantelleria) e quattro sono in fase di studio (Palinuro, Salina, Marsili, Colli Albani).

  201. Giovanni
    22 giugno 2010 alle 17:20

    Michele :News vulcaniche
    http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/inbreve/2010/06/21/visualizza_new.html_1844707014.html
    ROMA – L’Italia ha un nuovo vulcano: non ha ancora un nome, è spento da un periodo ormai lunghissimo, compreso fra 670.000 e un milione di anni, e si trova nel Tirreno meridionale, al largo della Calabria, di fronte a Capo Vaticano. La scoperta, dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) in collaborazione con l’università della Calabria, è in via di pubblicazione sul Journal of Geophysical Research. Il nuovo vulcano è di medie dimensioni, la sua sommità si trova a 120 metri sotto il livello del mare, si estende per circa 15 chilometri e si trova sulla stessa faglia che ha dato origine al terremoto in Calabria del 1905. “E’ un vulcano che ormai non desta più alcuna preoccupazione”, ha detto Massimo Chiappini, che fa parte del gruppo di ricerca composta da Riccardo De Ritis, Guido Ventura, Iacopo Nicolosi e Fabio Speranza. “La sua scoperta – aggiunge – rimette però in discussione i modelli geodinamici della zona”, per esempio quelli che spiegano la formazione delle Eolie. Il numero dei vulcani italiani sale così a 29. Di questi, 16 sono spenti; 9 attivi (Vesuvio, Etna, Vulcano, Lipari, Stromboli, Panarea, Ischia, Campi Flegrei e Pantelleria) e quattro sono in fase di studio (Palinuro, Salina, Marsili, Colli Albani).

    Se andata su google map o earth potete vedere il fondale del tirreno con chiaramente visibile il triangolo, con vertice nel golfo di genova circa, che rappresenta l’apertura oceanica embrionale del tirreno creando una zona di fossa e una zona montuosa vulcanica (arco vulcanico). Alcune mappe geologico-geofisiche sono visibili su quest’articolo pdf sull’estensioen del tirreno. Utile anche per correlare eventi vulcanici e sismici con i movimenti tettonici della crosta.

    http://tetide.geo.uniroma1.it/sciterra/sezioni/doglioni/Publ_download/TyrrhenianSea.pdf

  202. Darkman79
    23 giugno 2010 alle 22:06

    Magnitude mb 5.5
    Region ONTARIO-QUEBEC BORD REG., CANADA
    Date time 2010-06-23 at 17:41:39.6 UTC
    Location 45.92 N ; 75.46 W
    Depth 2 km
    Distances 59 km N Ottawa (pop 874,433 ; local time 13:41 2010-06-23)
    38 km NW Buckingham (pop 21,373 ; local time 13:41 2010-06-23

    Poi abbassata dal solito usgs a 5.0

    mentre il sismografo canadese dice addirittura 5.7

    Esteri – Montreal, 23 giu. (Apcom) – Un terremoto è stato avvertito oggi pomeriggio (alle 19.45 ora italiana) a Montreal, Ottawa e in numerose località del Canada. Lo riferiscono giornalisti dell’Afp.

    Secondo le prime testimonianze, numerosi edifici nel centro di Ottawa, la capitale federale, sarebbero stati sgomberati. Un sismologo intervistato da Radio-Canada ha dichiarato che la scossa è stata di magnitudo 5,7 della scala Richter.

    http://www.dailyblog.it/canada-terremoto-avvertito-a-montreal-e-ottawa-sgomberati-numerosi-edifici-nel-centro-della-capitale/23/06/2010/

  203. Michele
    23 giugno 2010 alle 22:59

    Darkman79 :
    Magnitude mb 5.5
    Region ONTARIO-QUEBEC BORD REG., CANADA
    Date time 2010-06-23 at 17:41:39.6 UTC
    Location 45.92 N ; 75.46 W
    Depth 2 km
    Distances 59 km N Ottawa (pop 874,433 ; local time 13:41 2010-06-23)
    38 km NW Buckingham (pop 21,373 ; local time 13:41 2010-06-23
    Poi abbassata dal solito usgs a 5.0
    mentre il sismografo canadese dice addirittura 5.7
    Esteri – Montreal, 23 giu. (Apcom) – Un terremoto è stato avvertito oggi pomeriggio (alle 19.45 ora italiana) a Montreal, Ottawa e in numerose località del Canada. Lo riferiscono giornalisti dell’Afp.
    Secondo le prime testimonianze, numerosi edifici nel centro di Ottawa, la capitale federale, sarebbero stati sgomberati. Un sismologo intervistato da Radio-Canada ha dichiarato che la scossa è stata di magnitudo 5,7 della scala Richter.
    http://www.dailyblog.it/canada-terremoto-avvertito-a-montreal-e-ottawa-sgomberati-numerosi-edifici-nel-centro-della-capitale/23/06/2010/

    http://www.meteoweb.it/cgi/intranet.pl?_tit=Dettagli%20sulla%20scossa%20sismica%20%285.5%20richter%29%20in%20Canada&_cgifunction=form&_layout=news&keyval=news.news_id%3D22964

    Ottawa dista circa 400 chilometri ad est da Toronto, dove nei prossimi giorni e’ in programma il G8/G20. Montreal si trova a 150 chilometri ad est da Ottawa.

    Se non son questi i segni premonitori in tempi di crisi economica !!
    Anche la terra li ripudia….😆

  204. Michele
    24 giugno 2010 alle 00:17

    Il monte Hood

    “Il Monte Hood (Mount Hood) è uno stratovulcano dormiente che fa parte della catena delle Cascate. È situato nella parte nord dell’Oregon degli Stati Uniti. L’ultima maggiore eruzione è avvenuta intorno al 1790. Il vulcano è oramai coperto di ghiacciai pur rimanendo attivo mostrando una lieve attività geotermica nei pressi di un antico duomo lavico”

    I tremori sembrano aumentare :

    10/04/21 12:34:18 45.34N 121.75W 5.9 0.7 BB
    10/04/21 12:42:00 45.36N 121.75W 5.7 2.1 BA
    10/04/21 12:56:46 45.33N 121.73W 6.3 0.4 BC
    10/04/22 14:25:38 45.36N 121.75W 5.5 1.9 BA
    10/04/24 06:30:54 45.34N 121.74W 6.2-0.6 AC
    10/04/24 22:28:00 45.35N 121.74W 5.1 0.6 AC
    10/04/25 06:01:39 45.36N 121.69W 3.9 1.6 BB
    10/04/28 15:51:33 45.36N 121.77W 5.9 1.5 BA
    10/05/04 04:53:35 45.34N 121.74W 6.0 0.4 AC
    10/05/08 03:58:53 45.35N 121.69W 4.7 0.0 AC
    10/05/11 19:03:20 45.35N 121.76W 5.9 1.6 BA
    10/05/12 03:02:50 45.35N 121.75W 6.2 1.9 BA
    10/05/12 03:03:47 45.35N 121.75W 6.5 0.9 BC
    10/05/12 12:45:17 45.34N 121.73W 7.4-0.2 AC
    10/05/12 19:50:01 45.34N 121.73W 7.5 0.0 AC
    10/05/14 17:09:42 45.35N 121.75W 5.7 2.4 BA
    10/05/14 17:10:24 45.35N 121.76W 5.0 2.0 BC
    10/05/14 17:11:37 45.36N 121.76W 6.1 1.1 BA
    10/05/14 19:03:04 45.35N 121.75W 5.3 3.0 BA
    10/05/14 19:23:26 45.35N 121.74W 3.7 0.8 BB
    10/06/01 10:29:16 45.34N 121.73W 8.2-0.2 AC
    10/06/13 14:07:54 45.35N 121.74W 1.2 0.5 BC
    10/06/14 01:15:03 45.35N 121.76W 6.3 1.0 BA
    10/06/14 02:08:03 45.35N 121.74W 0.9 0.6 BC
    10/06/14 05:13:54 45.34N 121.74W 7.0-0.4 AC
    10/06/14 05:40:22 45.33N 121.73W 9.5 0.3 AC
    10/06/14 07:17:25 45.34N 121.73W 7.7-0.2 AC
    10/06/14 08:36:05 45.33N 121.73W 9.1-0.2 AC
    10/06/14 10:41:35 45.33N 121.73W 9.2 0.2 AC
    10/06/14 15:41:07 45.35N 121.76W 6.1 1.4 BA
    10/06/14 17:03:55 45.34N 121.73W 8.0 0.0 AC
    10/06/14 22:29:38 45.34N 121.73W 7.8-0.3 AC
    10/06/15 14:08:19 45.34N 121.74W 6.9 1.3 AC
    10/06/16 01:31:29 45.33N 121.73W 8.8-0.5 AC
    10/06/17 09:45:44 45.37N 121.74W 6.2 1.3 BA
    10/06/17 09:47:06 45.34N 121.73W 9.1-0.1 AC
    10/06/17 21:57:44 45.35N 121.75W 6.2 1.6 BA
    10/06/18 05:28:56 45.35N 121.75W 6.7 1.2 BA
    10/06/22 23:17:32 45.31N 121.66W 7.5 1.5 BA
    10/06/23 00:02:41 45.31N 121.66W 8.9 1.4 BA

  205. Michele
    24 giugno 2010 alle 00:21

    Ieri abbiamo avuto una scossa M2.1
    http://hisz.rsoe.hu/alertmap/read/index.php?pageid=seism_read&rid=181137
    Anche USGS inizialmente la segnalava come 2.1 adesso è stata ridimensionata a 1.4.

    Da monitorare….❗

  206. sleepyhollow
    24 giugno 2010 alle 11:46

    incredibile il terremoto in canada!
    posto l’immagine della situazione sismica nell’ultima settimana sulla west coast, voglio confrontarla con quella che ci sarà tra 4 o 5 giorni

  207. Alex
    24 giugno 2010 alle 12:10

    http://www.pnsn.org/CRATER/craterrec_eqs.html
    Crater Lake

    http://www.pnsn.org/RAINIER/rainrec_eqs.html
    Rainier

    http://www.pnsn.org/HELENS/helensep_mo.html
    Saint Helens

    Questi sono alcuni vulcani che sembra stiano avendo un aumento del tremore sismico,
    Qualcuno qui conosce un sito o dove si monitorano i terremoti a Toba?

  208. Bernardo Mattiucci
  209. Michele
    24 giugno 2010 alle 23:28

    Michele :

    sleepyhollow :
    nella notte un terremoto del 4.5 ha colpito i balcani, mentre la zolla pacifica è relativamente tranquilla rispetto a quallo a cui ci ha abituato… ma il 26 c’è il prossimo novilunio.
    Michele, vediamo se nei prossimi terremoti continuerà a verificarsi un certo grado di associazione tra fasi lunari e attività sismica.

    Anche…questa data mi incuriosisce !!
    26-27 Giugno 2010
    http://image.forumfree.it/2/9/4/4/9/0/3/1277119763.jpg

    Non solo luna piena ed allineamneto terra-sole-mercurio ma…
    http://spaceweather.com/archive.php?view=1&day=24&month=06&year=2010

    “A solar wind stream is due to hit Earth’s magnetic field on June 26th, possibly sparking a new round of geomagnetic activity.”

  210. 25 giugno 2010 alle 14:35

    Scusa Michele, volevo segnalare 2 articoli sul petrolio nel Golfo del Messico, perché la cosa sta diventando impressionante. Sembra che la perforazione della BP sia stata fatta sopra una enorme bolla di metano che adesso sta scappando da varie fessure del fondo marino e il pericolo potrebbe essere una enorme esplosione.
    http://www.reuters.com/article/idUSTRE65L6IA20100622
    http://www.helium.com/items/1864136-how-the-ultimate-bp-gulf-disaster-could-kill-millions

  211. Fabio2
    25 giugno 2010 alle 18:33

    Darkman79 :Magnitude mb 5.5Region ONTARIO-QUEBEC BORD REG., CANADADate time 2010-06-23 at 17:41:39.6 UTCLocation 45.92 N ; 75.46 WDepth 2 kmDistances 59 km N Ottawa (pop 874,433 ; local time 13:41 2010-06-23)38 km NW Buckingham (pop 21,373 ; local time 13:41 2010-06-23
    Poi abbassata dal solito usgs a 5.0
    mentre il sismografo canadese dice addirittura 5.7
    Esteri – Montreal, 23 giu. (Apcom) – Un terremoto è stato avvertito oggi pomeriggio (alle 19.45 ora italiana) a Montreal, Ottawa e in numerose località del Canada. Lo riferiscono giornalisti dell’Afp.
    Secondo le prime testimonianze, numerosi edifici nel centro di Ottawa, la capitale federale, sarebbero stati sgomberati. Un sismologo intervistato da Radio-Canada ha dichiarato che la scossa è stata di magnitudo 5,7 della scala Richter.
    http://www.dailyblog.it/canada-terremoto-avvertito-a-montreal-e-ottawa-sgomberati-numerosi-edifici-nel-centro-della-capitale/23/06/2010/

    Strano, avrei giurato che le pianure canadesi fossero zone ormai non più sismiche da molti milioni di anni, un po come la Siberia.

  212. 26 giugno 2010 alle 09:02

    Forte sisma di magnitudo 7.1 nelle isole Salomon…ora erano parecchi giorni che l’attività sismica nel mondo era calata,e proprio nella notte segnalata da più di qualcuno qui su NIA si ha questo terremoto…Bendandi docet….

  213. Michele
    26 giugno 2010 alle 09:08

    Adesso ! Guarda che LUNA !😎

  214. sleepyhollow
    26 giugno 2010 alle 09:52

    non è finita qui! comunque è molto attiva quella zona di pacifico ci son già stati molti terremoti là

  215. Darkman79
    26 giugno 2010 alle 11:03

    tutti a segnalare il 7.1 delle isole salomon ma…..

    c’è stato anche questo

    2.6 2010/06/26 00:07:53 44.224 -110.751 Profondità 0.6
    YELLOWSTONE NATIONAL PARK, WYOMING

    stranamente non cancellato dal sito usgs, notate la profondità.

    http://earthquake.usgs.gov/earthquakes/recenteqsww/Quakes/uu00006756.php

  216. Michele
    26 giugno 2010 alle 15:06

    @ Giovanni

    http://scienceblogs.com/eruptions/2010/06/the_return_of_mystery_volcano.php#comment-2613171

    Scientists at the Russian Academy of Sciences have investigated the connection between magnetic storms and earthquakes in the seismically active Central Asian region, which also takes in northern Afghanistan – the site of recent quakes measuring over 6 on the Richter scale, causing untold damage and thousands of deaths.
    The trigger effect
    Since 1975, researchers have compared some 14 000 earth tremors in Kazakhstan and Kyrgyzstan with around 350 sudden magnetic storms occurring over the same period in the region – concluding with some confidence the propensity for earthquakes increases after a magnetic storm takes place. The relationship is complicated but it is centred on the way magnetic storms, interacting with high-speed plasma streams, cause noticeable vibrations as they hit the earth’s magnetosphere. The electromagnetic energy in the storm is converted into mechanical energy through a series of conversions in the rocks, such as the ‘piezoelectric effect’, which are believed to trigger earthquakes. The researchers hope to better understand the physical nature of this ‘trigger effect’ in the course of future fieldwork and laboratory experiments.
    More information
    Shmidt United Institute for Physics of the Earth
    Russian Academy of Sciences
    Contact: sobolev@uipe-ras.scgis.ru

  217. Giovanni
    27 giugno 2010 alle 20:23

    Michele :@ Giovanni
     http://scienceblogs.com/eruptions/2010/06/the_return_of_mystery_volcano.php#comment-2613171
    Scientists at the Russian Academy of Sciences have investigated the connection between magnetic storms and earthquakes in the seismically active Central Asian region, which also takes in northern Afghanistan – the site of recent quakes measuring over 6 on the Richter scale, causing untold damage and thousands of deaths.The trigger effectSince 1975, researchers have compared some 14 000 earth tremors in Kazakhstan and Kyrgyzstan with around 350 sudden magnetic storms occurring over the same period in the region – concluding with some confidence the propensity for earthquakes increases after a magnetic storm takes place. The relationship is complicated but it is centred on the way magnetic storms, interacting with high-speed plasma streams, cause noticeable vibrations as they hit the earth’s magnetosphere. The electromagnetic energy in the storm is converted into mechanical energy through a series of conversions in the rocks, such as the ‘piezoelectric effect’, which are believed to trigger earthquakes. The researchers hope to better understand the physical nature of this ‘trigger effect’ in the course of future fieldwork and laboratory experiments.More informationShmidt United Institute for Physics of the EarthRussian Academy of SciencesContact: sobolev@uipe-ras.scgis.ru

    grazie gli do un occhiata

  218. Michele
    27 giugno 2010 alle 23:47

    Occhio a questo pomeriggio ….
    Disturbo geomagnetico

    Terremoti in Islanda ,Giapppone (Aomori-ken), Guatemala (Departamento de Zacapa)
    California (Round Valley) e Taiwan tutte zone con in comune una cosa ….

    Immagine riepilogativa della giornata

  219. Fabio2
    28 giugno 2010 alle 10:31

    Darkman79 :tutti a segnalare il 7.1 delle isole salomon ma…..
    c’è stato anche questo
    2.6 2010/06/26 00:07:53 44.224 -110.751 Profondità 0.6YELLOWSTONE NATIONAL PARK, WYOMING
    stranamente non cancellato dal sito usgs, notate la profondità.
    http://earthquake.usgs.gov/earthquakes/recenteqsww/Quakes/uu00006756.php

    600 metri di profondità? Sarà mica che a 600 metri c’è già la camera magmatica????

  220. Michele
    28 giugno 2010 alle 13:44

    Occhio ragazzi al Grimsvötn in islanda…
    La tempesta geomagnetica di ieri puo averlo stuzzicato!

  221. Bernardo Mattiucci
    28 giugno 2010 alle 14:00

    Le mie fonti affermavano che in alcune zone “critiche” dello YELLOWSTONE NATIONAL PARK, chiuse al pubblico e al sorvolo aereo anche a distanza, il terreno si stava riscaldando fuori misura… e questo ha portato i federali alla decisione di iniziarne la chiusura.
    Ma ormai sono 2 mesi buoni che non ho nessuna news… i contatti sono stati interrotti.😦

  222. Alex
    28 giugno 2010 alle 15:09

    Bernardo Mattiucci :Le mie fonti affermavano che in alcune zone “critiche” dello YELLOWSTONE NATIONAL PARK, chiuse al pubblico e al sorvolo aereo anche a distanza, il terreno si stava riscaldando fuori misura… e questo ha portato i federali alla decisione di iniziarne la chiusura.Ma ormai sono 2 mesi buoni che non ho nessuna news… i contatti sono stati interrotti.

    Quali sono le tue fonti per curiosità?

  223. Alex
    28 giugno 2010 alle 15:12

    Michele :Occhio a questo pomeriggio ….Disturbo geomagnetico
    Terremoti in Islanda ,Giapppone (Aomori-ken), Guatemala (Departamento de Zacapa)California (Round Valley) e Taiwan tutte zone con in comune una cosa ….
    Immagine riepilogativa della giornatahttp://img404.imageshack.us/img404/4641/terremoti27giugno2010.png

    Dove hai preso tutto ciò?Potrebbe essere utile catalogando i terremoti più forti scoprire se la tempesta era positiva o negativa.

  224. Fabio2
    28 giugno 2010 alle 15:17

    Bernardo Mattiucci :Le mie fonti affermavano che in alcune zone “critiche” dello YELLOWSTONE NATIONAL PARK, chiuse al pubblico e al sorvolo aereo anche a distanza, il terreno si stava riscaldando fuori misura… e questo ha portato i federali alla decisione di iniziarne la chiusura.Ma ormai sono 2 mesi buoni che non ho nessuna news… i contatti sono stati interrotti.

    Se iniziasse un’eruzione avremmo sicuramente notizie…..dunque speriamo di continuare a non averne!

  225. Michele
    28 giugno 2010 alle 23:57

    Alex :

    Michele :Occhio a questo pomeriggio ….Disturbo geomagnetico
    Terremoti in Islanda ,Giapppone (Aomori-ken), Guatemala (Departamento de Zacapa)California (Round Valley) e Taiwan tutte zone con in comune una cosa ….
    Immagine riepilogativa della giornatahttp://img404.imageshack.us/img404/4641/terremoti27giugno2010.png

    Dove hai preso tutto ciò?Potrebbe essere utile catalogando i terremoti più forti scoprire se la tempesta era positiva o negativa.

    Solar Wind Velocity & Bz :
    spacew.com/plots.php

    Terremoti ultime 24h. Islanda
    en.vedur.is/earthquakes-and-volcanism/earthquakes/

    E non può mancare l’ottima banca dati globale :
    hisz.rsoe.hu/alertmap/index2.php

  226. Michele
    29 giugno 2010 alle 16:43
  227. Michele
    29 giugno 2010 alle 16:45

    Credo che stia avvenendo uno sciame sismico…

    http://hisz.rsoe.hu/alertmap/read/index.php?pageid=seism_read&rid=181649

  228. Michele
    29 giugno 2010 alle 18:32

    Riepilogo situazione del 29 giugno 2010 alle 16UTC :

    M2.4 Squirrel Mountain Valley, California 06:11:40 UTC
    M2.7 Squirrel Mountain Valley, California 07:00:58 UTC
    M2.7 Oakhurst, California 09:39:06 UTC
    M2.4 Oakhurst, California 10:49:35 UTC
    M2.1 Squirrel Mountain Valley, California 11:05:16 UTC
    M2.9 Mammoth Lakes, California 13:55:42 UTC
    M2.2 Oakhurst, California 14:28:04 UTC

    Vulcani presenti nel raggio di 50km. :

    Golden Trout Creek Volcanic field
    Coso Volc Field Lava domes
    Mono Lake Volc Field Cinder cones
    Mono Craters Lava domes
    Long Valley Caldera
    Inyo Craters Lava domes
    Red Cones Cinder cones

  229. andrew
    29 giugno 2010 alle 22:58

    Lo yellowstone sembra davvero una pentola a pressione pronta a fare il grande botto

    Tremori in aumento con microscosse e scosse più forti accompagnata da emissioni di vapore che sembrano aumentare

    Questi i link per seguire il tutto

    http://www.quake.utah.edu/EQCENTER/eqcenter.htm

    http://www.quake.utah.edu/req2webdir/recenteqs/Maps/Yellowstone.html

    http://www.nps.gov/yell/photosmultimedia/yellowstonelive.htm

  230. andrew
  231. andrew
  232. Alex
    30 giugno 2010 alle 07:56

    Io ci capisco davvero poco ma caspita..sia long valley che yellowstone sembrano in una fase più avanzata di quanto pensassi..

  233. artax
    30 giugno 2010 alle 10:09

    ragazzi 6.5 in una località nei pressi di Oaxaca, in Messico, scossa avvertita anche a città del Messico, non ho trovato ancora notizie su danni ed eventuali vittime…
    speriamo bene…

  234. Michele
    30 giugno 2010 alle 10:30

    artax :
    ragazzi 6.5 in una località nei pressi di Oaxaca, in Messico, scossa avvertita anche a città del Messico, non ho trovato ancora notizie su danni ed eventuali vittime…
    speriamo bene…

    Siam sempre li el Sollll…..
    😆

    Apparte le battute…speriamo che non ci sian vittime !😕

  235. Michele
    30 giugno 2010 alle 10:31

    Tempesta geomagnetica in atto !!

  236. Giovanni
    30 giugno 2010 alle 16:49

    Michele :Tempesta geomagnetica in atto !!
    http://img101.imageshack.us/img101/845/solarflux30giugno2010.jpg

    Ciao Michele con questa tempesta ti aspetti un aumeto di n o intensità dei terremoti?
    Hai mica fatto un diagramma comaprativo tra attività solare e/o attività vento solare vs terremoti?

  237. Darkman79
    30 giugno 2010 alle 16:59

    magnitudo 2.8 2010/06/30 13:15:55 39.571 -123.442 profondità 0.0 NORTHERN CALIFORNIA

    e che ha fatto un terremoto sopra alla terraferma :-O o è il magma movente di qualche vulcano californiano della zona ?:/

  238. Michele
    30 giugno 2010 alle 22:49

    Giovanni :

    Michele :Tempesta geomagnetica in atto !!
    http://img101.imageshack.us/img101/845/solarflux30giugno2010.jpg

    Ciao Michele con questa tempesta ti aspetti un aumeto di n o intensità dei terremoti?
    Hai mica fatto un diagramma comaprativo tra attività solare e/o attività vento solare vs terremoti?

    In primis da quel che ho osservato gli eventi sismici e vulcanici si verificano
    poche ore dopo l’interferenza geomagnetica.
    Non giorni ma poche ore dopo l’evento (vedi immagine precedente con salto da 400Km/s a 700Km/s del solar wind).
    Più precisamente da quel che ho notato….
    Le scariche sismiche poco dopo….vedi quello messicano (oggi!!)
    I vulcani han invece un certo “deltaT” consideriamo 1/2 giorni come risposta…
    Per il diagramma certo che lo sto realizzando !
    E ti posso anticipare che ce ne sono di correlazioni…per non affermare che è “TUTTO” collegato….con la LUNA a dettar i tempi delle scariche !
    Come per il precedente articolo (correlazioni sismico/vulcaniche inizio 2010):
    https://daltonsminima.wordpress.com/2010/05/31/manifestazioni-solari-attivita-sismicovulcanica-terrestre-da-gennaio-a-maggio%c2%a02010/
    ho intenzione di realizzare una seconda parte ma se continuiamo con questa cadenza e con queste analogie…altro che articolo per dicembre..
    mi sa che anticipo…..😎

  239. Michele
    30 giugno 2010 alle 22:55

    Non faccio in tempo a scrivere una cosa che abbiam subito una conferma….
    Sarà una caso che proprio oggi il nostro bel vulcano..
    lo “Stromboli” si fa sentire…

    http://www.meteoweb.it/cgi/intranet.pl?_tit=21:32%20Aggiornamenti%20sullo%20Stromboli&_cgifunction=form&_layout=news&keyval=news.news_id%3D23231
    😉

  240. Giovanni
    1 luglio 2010 alle 09:42

    Michele :

    Giovanni :

    Michele :Tempesta geomagnetica in atto !!http://img101.imageshack.us/img101/845/solarflux30giugno2010.jpg

    Ciao Michele con questa tempesta ti aspetti un aumeto di n o intensità dei terremoti?Hai mica fatto un diagramma comaprativo tra attività solare e/o attività vento solare vs terremoti?

    In primis da quel che ho osservato gli eventi sismici e vulcanici si verificanopoche ore dopo l’interferenza geomagnetica.Non giorni ma poche ore dopo l’evento (vedi immagine precedente con salto da 400Km/s a 700Km/s del solar wind).Più precisamente da quel che ho notato….Le scariche sismiche poco dopo….vedi quello messicano (oggi!!)I vulcani han invece un certo “deltaT” consideriamo 1/2 giorni come risposta…Per il diagramma certo che lo sto realizzando !E ti posso anticipare che ce ne sono di correlazioni…per non affermare che è “TUTTO” collegato….con la LUNA a dettar i tempi delle scariche !Come per il precedente articolo (correlazioni sismico/vulcaniche inizio 2010):https://daltonsminima.wordpress.com/2010/05/31/manifestazioni-solari-attivita-sismicovulcanica-terrestre-da-gennaio-a-maggio%c2%a02010/ho intenzione di realizzare una seconda parte ma se continuiamo con questa cadenza e con queste analogie…altro che articolo per dicembre..mi sa che anticipo…..

    Grazie, aspetto i grafici allora…..sono come minimo curioso.
    Ciao

  241. artax
  242. Simone
    1 luglio 2010 alle 13:26

    Ragazzi buongiorno
    Ho trovato questa webcam di Stromboli posizionata a 400 m. di altitudine ecco il link:

    http://www.eolnet.it/ita/webcam2.asp

  243. artax
    2 luglio 2010 alle 12:27

    ciao a tutti! stamani 6,8 a largo delle Vanuatu nel pacifico meridionale

  244. Darkman79
    4 luglio 2010 alle 16:13

    TERREMOTO: SCOSSA DI MAGNITUDO 3, 6 CON EPICENTRO A OVINDOLI

    (AGI) Roma – Una scossa di terremoto di magnitudo 3,6 e’ stata avvertita in provincia de L’Aquila. Le localita’ prossime all’epicentro sono Ovindoli, Massa d’Albe e Magliano de’ Marci.
    Dalle verifiche effettuate dalla Protezione Civile non risultano danni a persone o cose. Il sisma e’ stato registrato alle ore 13.38

    http://www.agi.it/rubriche/ultime-notizie-page/201007041435-pol-rom0054-terremoto_scossa_di_magnitudo_3_6_con_epicentro_a_ovindoli

  245. Darkman79
    4 luglio 2010 alle 16:25

    http://en.vedur.is/earthquakes-and-volcanism/earthquakes/

    oggi sotto al katla c’è stato un bel po’ di moviemento

  246. 4 luglio 2010 alle 17:45

    Darkman79 :
    http://en.vedur.is/earthquakes-and-volcanism/earthquakes/
    oggi sotto al katla c’è stato un bel po’ di moviemento

    le ultime scosse, quelle più intense, sono però state sul grimsvotn, il ghiacciaio più grande, sotto il quale ovviamente ci sono altri vulcani, mentre son sempre state deboli le scosse sotto al katla negli ultimi mesi

  247. Michele
    4 luglio 2010 alle 23:13

    Giusto monitorare l’islanda anche se ultimamente l’attività vulcanica mi sembra abbastanza tranquilla ….invece occhio alla penisola Russa ..
    In Kamchatka i vulcani da monitorare adesso sono 6 !

    Ebeko YELLOW
    Gorely YELLOW
    Karymsky ORANGE
    Bezymianny YELLOW
    Kliuchevskoi ORANGE
    Sheveluch ORANGE

    La new-entry è il vulcano “Ebeko” !!

    Kamchatkan and Northern Kuriles Volcanic Activity
    KVERT INFORMATION RELEASE 33-10
    July 02, 2010, 04:35 UTC (16:35 KDT)
    EBEKO VOLCANO, Paramushir Island, Northern Kurile: 50o41’N,
    156o01’E Elevation 1,156 m
    AVIATION COLOR CODE IS YELLOW
    PREVIOUS AVIATION COLOR CODE IS GREEN
    Activity of the volcano increases. Ebeko volcano is not
    monitored with seismic instruments. KVERT has satellite
    monitoring and occasional visual messages about this
    volcano. The danger of sudden ash explosions as high as 3 km
    (9,840 ft.) ASL as well as ash falls at Severo-Kurilsk,
    exists.

    Fonte :
    http://www.avo.alaska.edu/activity/avoreport.php?view=kaminfo

  248. 5 luglio 2010 alle 02:51

    H.21:55 UTC
    Terremoto 6.4 sulla scala richter.
    Poco a largo della costa est del Giappone.

  249. 6 luglio 2010 alle 00:36

    Si molte scosse in Islanda chissà non sia il preludio di un’attività del Katla nei prossimi mesi….

  250. andrew
    6 luglio 2010 alle 20:18

    Ragazzi notizie dallo Yellowstone?

  251. Michele
    6 luglio 2010 alle 20:37

    andrew :
    Ragazzi notizie dallo Yellowstone?

    Tutto tranquillo ..per il momento….

    Invece come scritto nel precedente post cerchiamo di non “Fissare” la nostra attenzione sui soli vulcani ..il cui nome è “osannato” a destra e a manca…
    c’è il vulcano Ebeko che ha dato forti segnali di risveglio…il due luglio
    e anche il vulcano San Cristóbal in Nicaragua il 4 luglio !

    http://www.elnuevodiario.com.ni/nacionales/78105

    Quindi dal 1 Luglio al 4 Luglio il magma nelle profondità della Terra è stato un pò in fermento….o come mai vi domando ????
    😎

  252. Michele
    7 luglio 2010 alle 13:44

    http://earthquake.usgs.gov/earthquakes/recenteqsww/Quakes/nc71420440.php

    Date-Time [UTC]: 07 July, 2010 at 07:17:48 UTC

    Local Date/Time: Wednesday, July 07, 2010 at 07:17 in the moorning at epicenter

    Location: 37° 31.770, 118° 49.518
    Depth: 4.70 km (2.92 miles)
    Region: North America
    Country: United States
    Distances: 18.46 km (11.47 miles) S of Mammoth Lakes, California

  253. andrew
    8 luglio 2010 alle 00:27

    Caro Michele a me sto yellowstone non mi sembra per niente tranquillo anzi mi sembra pronto a fare il botto guarda tu stesso quante microscosse ci sono la sotto intervallate da scosse un pò più forti

  254. andrew
    8 luglio 2010 alle 00:28
  255. 8 luglio 2010 alle 02:31

    Quella verso le 17 è una scossa bella grossa, si vede chiaramente che il sismografo ha ballato parecchio per diversi minuti.
    Qualcuno sa la magnitudo di quella scossa?

  256. fra
    8 luglio 2010 alle 08:43

    bé, quella che di vide è una scossa lontana rispetto al sismografo

  257. Darkman79
    8 luglio 2010 alle 11:09

    Magnitude 5.4
    Date-Time

    * Wednesday, July 07, 2010 at 23:53:33 UTC
    * Wednesday, July 07, 2010 at 04:53:33 PM at epicenter

    Location 33.420°N, 116.489°W
    Depth 14 km (8.7 miles)
    Region SOUTHERN CALIFORNIA

  258. 8 luglio 2010 alle 13:35

    la solita california che quest anno ha la tremarella…. sta per arrivare la luna nuova, in quella passata c’era stato un bel movimento: 83 terremoti superiori ai 4 richter di cui 33 superiori al 5, dal 12 al 16 giugno (luna nuova il 13)… da quello che ho notato io negli ultimi mesi, in questi momenti particolari aumenta si il numero di sismi, ma soprattutto l’intensità… stiamo a vedere

  259. Darkman79
    9 luglio 2010 alle 11:19
  260. Darkman79
    9 luglio 2010 alle 11:25

    mh, no falso allarme, mi sa che le webcam sono ferme su immagini precedenti.

  261. andrew
    9 luglio 2010 alle 13:28

    no non sono ferme perche le ultime di una settimana fa che avevo visto non presentavano più fumo mentre ieri ho avuto la sorpresa comunque grande attività sotto il Katla tutto da seguire

  262. Michele
    9 luglio 2010 alle 13:38


    AVVISO DALL’AMMINISTRAZIONE

    Ragazzi occhio a questo periodo :
    11/12 e mettiamoci anche 13 Luglio!

    A)Luna Nuova /eclissi solare totale nel pacifico
    http://www.shadowandsubstance.com/2010%200711/SA.html
    Occhio al sud/centro america !

    B)Sole la macchia 1082 si sta affacciando (fronte alla Terra) …
    e sembra ,anche se con debole intensità, in grado di produrre qualche flare/CME….
    In questo caso occhio ad i parametri geomagnetici principali !

    Ciao😉

  263. andrew
    9 luglio 2010 alle 14:34

    NO non ho capito Michele cosa dovrebbe succedere??

  264. 9 luglio 2010 alle 17:28

    Io direi anche occhio al Katla che da un paio di giorni ormai trema….

  265. 9 luglio 2010 alle 17:51

    Michele :
    la macchia 1082 si sta affacciando (fronte alla Terra) …
    e sembra ,anche se con debole intensità, in grado di produrre qualche flare/CME….

    infatti… UPDATE – The emerging sunspot / plage has produced a pair of C-Class flares thus far.

  266. Michele
    9 luglio 2010 alle 22:10

    andrew :
    NO non ho capito Michele cosa dovrebbe succedere??

    Guarda che luna …..come nei precedenti passaggi !
    Luna nuova-Luna piena-Luna nuova ect….occhio anche alle spruzzate del Sole!

    Giovanni Micalizzi :
    Io direi anche occhio al Katla che da un paio di giorni ormai trema….

    Si giovanni oggi scosse solo sul Katla !
    Inoltre fumata dal vulcano dal nome impronunciabile !
    Eyjafjallajökull

    http://grapevine.is/Home/ReadArticle/Steam-rises-from-Eyjafjallajokull

    “The steam has been spotted as far as Selfoss; one resident claiming to have seen steam rising as early as six in the morning. RÚV report that scientists from the Earth Sciences Department of the University of Iceland are currently flying over the glacier for further investigation.”

  267. 10 luglio 2010 alle 00:53

    Si Michy vedremo se è un preludio ad una crescente attività della sua caldera che ormai sembra prossima ad un’eruzione da valutare nei prossimi mesi stando alle dicerie di scienziati con la possibile evoluzione eruttiva che seguirebbe il suo collega dal nome difficile….

  268. artax
    10 luglio 2010 alle 12:04

    Giovanni Micalizzi :
    Si Michy vedremo se è un preludio ad una crescente attività della sua caldera che ormai sembra prossima ad un’eruzione da valutare nei prossimi mesi stando alle dicerie di scienziati con la possibile evoluzione eruttiva che seguirebbe il suo collega dal nome difficile….

    già le ultime tre volte il katla ha sempre seguito il fratellino…e cmq altri grossi vulcani islandesi, compreso il Laki, dovrebbero, secondo le proiezioni dei vulcanologi locali, essere in procinto di eruttare nei prossimi anni…

  269. Michele
    10 luglio 2010 alle 15:37

    In anticipo ….
    Il pacifico a già iniziato a tremare.
    Occhio ai prossimi 2/3 passaggi lunari !

  270. 10 luglio 2010 alle 16:02

    allora cominciamo… dopo la relativa calma di questi ultimi giorni.
    Michele ho fatto una semplice pagina excel per vedere se c’era davvero correlazione luna terremoti, per adesso ho raccolto pochi dati, ma magari tra qualche settimana te li passo. è solo un conteggio quantitativo con distinzione per intensità giorno per giorno… tabella e grafici annessi

  271. 10 luglio 2010 alle 23:12

    artax :

    Giovanni Micalizzi :Si Michy vedremo se è un preludio ad una crescente attività della sua caldera che ormai sembra prossima ad un’eruzione da valutare nei prossimi mesi stando alle dicerie di scienziati con la possibile evoluzione eruttiva che seguirebbe il suo collega dal nome difficile….

    già le ultime tre volte il katla ha sempre seguito il fratellino…e cmq altri grossi vulcani islandesi, compreso il Laki, dovrebbero, secondo le proiezioni dei vulcanologi locali, essere in procinto di eruttare nei prossimi anni…

    Si pare che sia ormai imminente la sua eruzione…Questione di poco

  272. Michele
    10 luglio 2010 alle 23:31

    sleepyhollow88 :
    allora cominciamo… dopo la relativa calma di questi ultimi giorni.
    Michele ho fatto una semplice pagina excel per vedere se c’era davvero correlazione luna terremoti, per adesso ho raccolto pochi dati, ma magari tra qualche settimana te li passo. è solo un conteggio quantitativo con distinzione per intensità giorno per giorno… tabella e grafici annessi

    Ottimo! passaci il tutto quando lo ritieni opportuno.😉

  273. 12 luglio 2010 alle 00:20

    Qualcun altro sta facendo lo stesso e “prevede” due date perché qualcosa di grosso possa accadere.
    25 Agosto e 8 settembre ci sono degli allineamenti planetari che potrebbero sconquassare la crosta terrestre e il… Katla.
    http://tallbloke.wordpress.com/2010/07/10/something-is-brewing/

  274. 12 luglio 2010 alle 02:04

    Attenzione ieri terremoto di 5.2 richter nella caldera dal Krakatoa in Indonesia.
    Il Krakatoa se salta è molto più devastanre del Katla.
    Pensate al 1883, l’onda d’urto della sua esplosione fu avvertita in tutto il mondo e le ceneri emesse rimasero per anni in atmosfera.

  275. Michele
    12 luglio 2010 alle 08:34

    Stefano Riccio :
    Attenzione ieri terremoto di 5.2 richter nella caldera dal Krakatoa in Indonesia.
    Il Krakatoa se salta è molto più devastanre del Katla.
    Pensate al 1883, l’onda d’urto della sua esplosione fu avvertita in tutto il mondo e le ceneri emesse rimasero per anni in atmosfera.

    Si Stefano…
    intanto come un’orologio svizzero il passaggio lunare sopra il Cile ha prodotto un bel sisma di intensità M6.2!
    La cosa interessante da notare è l’area dove si è verificato circondata da vulcani!
    Rsoe emergency ne segnala ben 13 nel raggio di 50 km. tra Cile e Bolivia.

  276. 12 luglio 2010 alle 09:19

    Stefano Riccio :Attenzione ieri terremoto di 5.2 richter nella caldera dal Krakatoa in Indonesia.Il Krakatoa se salta è molto più devastanre del Katla.Pensate al 1883, l’onda d’urto della sua esplosione fu avvertita in tutto il mondo e le ceneri emesse rimasero per anni in atmosfera.

    Si ma la serie sismica è iniziata da tanto tempo la, oppure è un sisma isolato?

  277. artax
    12 luglio 2010 alle 17:08

    Michele :

    Stefano Riccio :
    Attenzione ieri terremoto di 5.2 richter nella caldera dal Krakatoa in Indonesia.
    Il Krakatoa se salta è molto più devastanre del Katla.
    Pensate al 1883, l’onda d’urto della sua esplosione fu avvertita in tutto il mondo e le ceneri emesse rimasero per anni in atmosfera.

    Si Stefano…
    intanto come un’orologio svizzero il passaggio lunare sopra il Cile ha prodotto un bel sisma di intensità M6.2!
    La cosa interessante da notare è l’area dove si è verificato circondata da vulcani!
    Rsoe emergency ne segnala ben 13 nel raggio di 50 km. tra Cile e Bolivia.
    http://img683.imageshack.us/img683/8152/terremotoincilem6.jpg

    ho visto prorpio di recente uno speciale su national geographic sulla anak krakatoa, il “figlio del grande Krakatoa che è risorto dopo il mega botto del 1883, il cono vulcanico cresce di svariati metri d’altezza ogni anno, tuttavia la maggior parte dei vulcanologi pensano che ci vogliano ancora migliaia di anni affinchè si sviluppino le condizioni di un’eruzione simile a quella che sconvolse il mondo intero 127 anni fà

  278. 12 luglio 2010 alle 21:07

    I tremori nel Katla cominciano ad intensificarsi:
    http://en.vedur.is/earthquakes-and-volcanism/earthquakes/myrdalsjokull/

  279. Michele
    12 luglio 2010 alle 21:22

    sand-rio :
    I tremori nel Katla cominciano ad intensificarsi:
    http://en.vedur.is/earthquakes-and-volcanism/earthquakes/myrdalsjokull/

    Si Sandro mi hai preceduto,stavo per postare pure io questa cosa !

  280. 13 luglio 2010 alle 12:13

    Il Katla esploderà nei prossimi mesi…Non è possibilità ma certezza ormai…E’ solo questione di capire quando…

  281. Darkman79
    13 luglio 2010 alle 22:59

    Anche oggi altre scosse sul katla

  282. Michele
    14 luglio 2010 alle 15:49

    Attenzione al “solar wind” sta iniziando a saltellare !
    Anche spaceweather segnala cosa :

    “NOAA forecaster’s estimate a 50% chance of geomagnetic activity on those dates, when a solar wind stream is expected to hit Earth’s magnetic field.”

    Nelle ultime ore c’è stato del buon movimento, segnalo una M6.5 in Cile, una M2.2 nella long valley e una M5.4 in Alaska.
    Notate dall’immagine la particolarità di quest’ultima scossa :


    Nel bel mezzo del baricentro di 8 vulcani ..
    Preso in pieni il vulcano “Great Sitkin” aspettiamo il report dell’Alaska Volcano Observatory ne prossimi giorni ci posson esser delle sorprese !

    Questo per dirvi che “la cintura di Fuoco del pacifico è al lavoro”!

  283. Simone
    16 luglio 2010 alle 10:22

    Buon giorno ragazzi
    Vi segnalo un 5.6 appena avvenuto in Grecia

    link: http://www.emsc-csem.org/Earthquake/earthquake.php?id=178392

    Come siamo messi con gli “allineamenti”?

  284. fra
    16 luglio 2010 alle 21:14

    i tremori sul katla continuano, si puo dire che si tratta di sciame, ma comunque la magnitudo rimane bassa entro la Ml 2.0 così come la frequenza, siamo ad un max di 10-15 eventi giornalieri, probabilmente si potrà parlare di imminente eruzione quando ci saranno scosse tra il 3′ e 4′ richter e ravvicinate. continuiamo il monitoraggio…

  285. 16 luglio 2010 alle 23:17

    Si fra monitoriamo…ormai lo sciame è evidente!

  286. Michele
    18 luglio 2010 alle 08:59

    Scossa di magnitudo 3.5 a Mammoth Lakes, California
    http://hisz.rsoe.hu/alertmap/read/index.php?pageid=seism_read&rid=183047
    a 6.24 km sa Long valley !

  287. Michele
    18 luglio 2010 alle 09:01
  288. Michele
    18 luglio 2010 alle 15:36

    Che giornata!
    Dall’Alaska alla Papua New Guinea.
    Adesso abbiamo una M7.2 !!
    In questo caso sembra ad una prima analisi che non ci siano fattori “planetari” e/o “solari” scatenanti.
    Da segnalare un flare di Cat. C2.4….ma non credo proprio che questa sia stata la causa scatenante di questi eventi.
    Controllando il “Bz” e il “solar wind” sembra al momento e nelle ore precedenti gli eventi tutto stabile!
    Questo è quello che emerge a caldo ….vediamo se con il passare dei giorni emerge un qualcosa che al momento mi sfugge come causa scatenante !!

  289. Michele
    18 luglio 2010 alle 15:50

    Spaceweather segnala solo che l’impulso geomagnetico raggiunerà la Terra il 20 Luglio !

    “The leisurely but powerful eruption hurled a faint coronal mass ejection (CME) into space. Minor geomagnetic storms are possible on or about July 20th when the cloud reaches Earth.”

    Questa volta dopo circa 5/6 mesi di eventi Sismici/Vulcanici rimango con molti ….
    ” ????? ” punti interrogativi …
    😯

  290. sleepyhollow
    18 luglio 2010 alle 21:26

    questo è moooolto significativo del fatto che ci sono sì dei parametri che influenzano la nostra terra, ma che 1)è impossibile conoscerli e valutarli tutti 2)non determinano, ma condizionano!
    pur sempre di terremoti si parla… quando devono arrivare arrivano, non per forza in corrispondenza di eventi scatenanti.
    ciò non toglie che non si possano rintracciare delle tendenze rispetto ai vari parametri come fasi lunari, attività magnetica solare, raggi cosmici e chi più ne ha più ne metta.
    in ogni caso io credo che il bello del mondo che abbiamo sotto i piedi, così come di quello che abbiamo sopra la testa e di quello che abbiamo all’interno di noi sia anche un po’ la sua casualità nel manifestare fenomeni… siam pur sempre e solo uomini noi ed è pur sempre un multiverso quello in cui viviamo

  291. Michele
    19 luglio 2010 alle 00:22

    sleepyhollow :
    questo è moooolto significativo del fatto che ci sono sì dei parametri che influenzano la nostra terra, ma che 1)è impossibile conoscerli e valutarli tutti 2)non determinano, ma condizionano!
    pur sempre di terremoti si parla… quando devono arrivare arrivano, non per forza in corrispondenza di eventi scatenanti.
    ciò non toglie che non si possano rintracciare delle tendenze rispetto ai vari parametri come fasi lunari, attività magnetica solare, raggi cosmici e chi più ne ha più ne metta.
    in ogni caso io credo che il bello del mondo che abbiamo sotto i piedi, così come di quello che abbiamo sopra la testa e di quello che abbiamo all’interno di noi sia anche un po’ la sua casualità nel manifestare fenomeni… siam pur sempre e solo uomini noi ed è pur sempre un multiverso quello in cui viviamo

    Ti posso dire che l’analisi di questa seconda parte d’anno, che sto portando avanti e che porterà alla scrittura di un secondo articolo in merito,dopo il seguente articolo
    https://daltonsminima.wordpress.com/2010/05/31/manifestazioni-solari-attivita-sismicovulcanica-terrestre-da-gennaio-a-maggio%C2%A02010/
    conferma al 99% l’ipotesi del “CONDIZIONAMENTO”!
    Questo non esclude che si posson vericare delle giornate come la seguente..
    dove “Madre Terra” detta le proprie leggi!
    Sarebbe ASSOLUTAMENTE sbagliato affermare che tutto quel che avviene geologicamente in Terra sia specchio di quel che avviene in Cielo!
    Considera cmq che a partire dal 21 maggio ad oggi ho “ARCHIVIATO” circa 9 eventi sismici intensi su 10 che come causa scatenante han avuto eventi di natura solare o planetaria!
    Sto parlando naturalmente delle grosse scariche …quelle con M>6.0/6.5.
    In conclusione ci vuol più tempo è osservazione del fenomeno prima di arrivare a delle conclusioni.
    Cmq condivido a pieno il tuo post !😉

  292. fede78
    19 luglio 2010 alle 11:34

    qualcuno sa dirmi se l’asse della terra sta subendo variazioni significative dopo tutti questi terremoti?

  293. Alex
    19 luglio 2010 alle 14:57

    Sicuramente no..

  294. Darkman79
    19 luglio 2010 alle 17:02

    Altra scossa nel bel mezzo della caldera di long valley

    Magnitude 2.9
    Date-Time

    * Monday, July 19, 2010 at 14:50:43 UTC
    * Monday, July 19, 2010 at 07:50:43 AM at epicenter

    Location 37.623°N, 118.816°W
    Depth 8.1 km (5.0 miles)
    Region LONG VALLEY AREA, CALIFORNIA
    Distances

    * 14 km (9 miles) E (96°) from Mammoth Lakes, CA
    * 14 km (9 miles) WNW (300°) from Toms Place, CA
    * 30 km (19 miles) NW (320°) from Round Valley, CA
    * 254 km (158 miles) ESE (113°) from Sacramento, CA

  295. sleepyhollow
    19 luglio 2010 alle 18:49

    sta succedendo qualcosa di strano sulle isole aleutine. da quando ha iniziato ieri a tremare non ha più smesso.
    19 terremoti di magnitudo compresa tra 4.1 e 6.7 in 35 ore

    http://www.iris.edu/seismon/last30days_N_Pacific.html

  296. sleepyhollow
    19 luglio 2010 alle 19:10

    attenzione perchè se non abbiamo trovato una vera causa determinante proveniente dall’alto, magari quella vera è da cercare la sotto… ci sono parecchi vulcani in quella zona e le ultime scosse tra l’altro son state tutte vicine alla superficie

  297. sleepyhollow
    19 luglio 2010 alle 20:21

    si trovano un po’ di foto della zona colpita, è nei pressi del paesino di nikolski, si trovano foto… guardate queste:

    Mt. Vsevidof

    che spettacolo!

  298. 19 luglio 2010 alle 22:51

    Che belle foto…monitoriamo…

  299. Alessio
    19 luglio 2010 alle 23:07

    Michele :

    sleepyhollow :
    questo è moooolto significativo del fatto che ci sono sì dei parametri che influenzano la nostra terra, ma che 1)è impossibile conoscerli e valutarli tutti 2)non determinano, ma condizionano!
    pur sempre di terremoti si parla… quando devono arrivare arrivano, non per forza in corrispondenza di eventi scatenanti.
    ciò non toglie che non si possano rintracciare delle tendenze rispetto ai vari parametri come fasi lunari, attività magnetica solare, raggi cosmici e chi più ne ha più ne metta.
    in ogni caso io credo che il bello del mondo che abbiamo sotto i piedi, così come di quello che abbiamo sopra la testa e di quello che abbiamo all’interno di noi sia anche un po’ la sua casualità nel manifestare fenomeni… siam pur sempre e solo uomini noi ed è pur sempre un multiverso quello in cui viviamo

    Ti posso dire che l’analisi di questa seconda parte d’anno, che sto portando avanti e che porterà alla scrittura di un secondo articolo in merito,dopo il seguente articolo
    https://daltonsminima.wordpress.com/2010/05/31/manifestazioni-solari-attivita-sismicovulcanica-terrestre-da-gennaio-a-maggio%C2%A02010/
    conferma al 99% l’ipotesi del “CONDIZIONAMENTO”!
    Questo non esclude che si posson vericare delle giornate come la seguente..
    dove “Madre Terra” detta le proprie leggi!
    Sarebbe ASSOLUTAMENTE sbagliato affermare che tutto quel che avviene geologicamente in Terra sia specchio di quel che avviene in Cielo!
    Considera cmq che a partire dal 21 maggio ad oggi ho “ARCHIVIATO” circa 9 eventi sismici intensi su 10 che come causa scatenante han avuto eventi di natura solare o planetaria!
    Sto parlando naturalmente delle grosse scariche …quelle con M>6.0/6.5.
    In conclusione ci vuol più tempo è osservazione del fenomeno prima di arrivare a delle conclusioni.
    Cmq condivido a pieno il tuo post !

    Ma sarebbe anche verosimile pensare che l’effetto “marea” sia non solo un effetto ma un ciclo, nel senso che come il mare si ritrae e si espande al cambio di luna così si genera un effetto pendolo nei movimenti del pianeta.. Sicuramente se, e molto probabilmente , c’ è un’ influenza sul pianeta da parte di altri corpi celesti, non si potrà certo descrivere con una semplice formula di azione reazione..

  300. Sylar
    20 luglio 2010 alle 18:54

    Situazione movimentata!!!!

    [img]http://en.vedur.is/photos/jarmyrj/100720_1645.png[/img]

  301. Sylar
    20 luglio 2010 alle 18:55

  302. andrew
    20 luglio 2010 alle 21:15

    Ragazzi Forse fumo dal Katla e forse ci siamo😦

    http://www.ruv.is/katla/

  303. andrew
    20 luglio 2010 alle 21:22

    E il fumo del Saint Helens

  304. Sylar
    20 luglio 2010 alle 21:22

    Si si vede uscire fumo o vapore🙂

  305. Sylar
    20 luglio 2010 alle 21:32

    Si muove troppo velocemente rispetto alle nuvole, qualche cosa bolle in pentola!

  306. Darkman79
    20 luglio 2010 alle 22:18

    sto guardando anche io il katla da una ventina di minuti ed in effetti non sembrano nuvole o meglio il movimento non mi fa pensare ad una nuvola, a volte è minore altre maggiore, Forse è il ghiaccio che evapora ?

  307. paolo 72
    20 luglio 2010 alle 22:28

    il 26 sarà luna piena…forse c’è una correlazione….nel tempo meteo c’è!!!!ma vedremo…

  308. andrew
    20 luglio 2010 alle 22:49

    Darkman79 :sto guardando anche io il katla da una ventina di minuti ed in effetti non sembrano nuvole o meglio il movimento non mi fa pensare ad una nuvola, a volte è minore altre maggiore, Forse è il ghiaccio che evapora ?

    Potrebbe essere in quanto ho letto di scosse a 100 metri e li il ghiacciaio dovrebbe essere spesso qualche centinaia di metri quindi se uno più uno fa due può darsi che sotto il ghiacciaio il magma cominci a farsi strada

  309. Sylar
    20 luglio 2010 alle 22:53

    Qui trovi la tabella di tutte le scosse http://en.vedur.is/earthquakes-and-volcanism/earthquakes/myrdalsjokull/#view=table

    le ultime 3 a 1km di profondità

  310. Sylar
    20 luglio 2010 alle 22:57

    E’ da un po di tempo che guardo le scosse sul Katla qui: http://en.vedur.is/earthquakes-and-volcanism/earthquakes/myrdalsjokull/#view=map

    e ho notato che la maggior parte sono nella parte sinistra della mappa, per intederci dalla parte del Eyjafjallajokull, è come se ci fosse un condotto della lava in comune, da profano questa è una mia impressione.

  311. andrew
    20 luglio 2010 alle 23:24

    Sylar :E’ da un po di tempo che guardo le scosse sul Katla qui: http://en.vedur.is/earthquakes-and-volcanism/earthquakes/myrdalsjokull/#view=map
    e ho notato che la maggior parte sono nella parte sinistra della mappa, per intederci dalla parte del Eyjafjallajokull, è come se ci fosse un condotto della lava in comune, da profano questa è una mia impressione.

    Non è una tua impressione è realmente così i due vulcani sono collegati da alcuni condotti lavici che comunicano tra loro come vasi comunicanti in fisica e per questo principio una variazione di pressione tra i due condotti principali potrebbe innescare la partenza del Katla unito ad un continuo aumento di magma in salita dalle viscere della terra grazie per i link🙂

  312. Michele
    20 luglio 2010 alle 23:49

    Anche stasera una 2.1 a Mammoth Lakes, California .

  313. Darkman79
    21 luglio 2010 alle 09:58

    e ancora….

    Magnitude 2.8
    Date-Time

    * Wednesday, July 21, 2010 at 04:52:05 UTC
    * Tuesday, July 20, 2010 at 09:52:05 PM at epicenter
    * Time of Earthquake in other Time Zones

    Location 37.620°N, 118.814°W
    Depth 7.4 km (4.6 miles)
    Region LONG VALLEY AREA, CALIFORNIA
    Distances 15 km (10 miles) ESE of Mammoth Lakes, California
    45 km (30 miles) NW of Bishop, California
    80 km (50 miles) SSE of Bridgeport, California
    260 km (160 miles) ESE of SACRAMENTO, California

  314. Darkman79
    21 luglio 2010 alle 14:28

    Mh…

    Magnitude 2.5
    Date-Time

    * Wednesday, July 21, 2010 at 12:23:21 UTC
    * Wednesday, July 21, 2010 at 05:23:21 AM at epicenter

    Location 37.624°N, 118.816°W
    Depth 8 km (5.0 miles)
    Region LONG VALLEY AREA, CALIFORNIA
    Distances

    * 14 km (9 miles) E (96°) from Mammoth Lakes, CA
    * 14 km (9 miles) WNW (300°) from Toms Place, CA
    * 30 km (19 miles) NW (321°) from Round Valley, CA
    * 254 km (158 miles) ESE (113°) from Sacramento, CA

  315. Michele
    22 luglio 2010 alle 00:22

    Intervista a Giampaolo Giuliani. Terremoti nel mondo e placche continentali in movimento

    http://www.mondoraro.org/2010/07/21/intervista-a-giampaolo-giuliani-terremoti-nel-mondo-e-placche-continentali-in-movimento/

    Alcuni passi interessanti :

    “Succede che siamo dal 2008 interessati da un’attività sismica inusuale, probabilmente di queste crisi sismiche il pianeta ne ha già subite in tempi diversi.”

    “Diciamo che le origini e le cause dei terremoti sono da attribuire a tanti fattori, non ultimo quello della relazione con l’attrazione gravitazionale prodotta dai pianeti del sistema solare con il pianeta terra.”

    “CL – Quali sono le reali interconnessioni fra un sisma che avviene ad esempio in Cina e uno che si verifica in Cile? Sono tutte riconducibili ad un’unica medesima causa?

    Giampaolo Giuliani – Certamente, perché le placche continentali percorrono tutto il pianeta come fossero una rete neuronica, quindi quando si produce un terremoto di 7-8 in Indonesia, quella energia attraversa in tempi molto brevi su tutto il percorso di faglia andando a toccare anche zone lontane a centinaia o migliaia di km tra loro. ”

    ect…ect…

    Da leggere!

  316. 22 luglio 2010 alle 11:10

    Occhio all’Islanda…Ormai è un continuo sciame sismico in tutta la zona tra il Katla e i vicini compagni…

    http://en.vedur.is/earthquakes-and-volcanism/earthquakes/myrdalsjokull/

  317. Michele
    22 luglio 2010 alle 13:36

    Giovanni Micalizzi :
    Occhio all’Islanda…Ormai è un continuo sciame sismico in tutta la zona tra il Katla e i vicini compagni…
    http://en.vedur.is/earthquakes-and-volcanism/earthquakes/myrdalsjokull/

    Ma guarda Giovanni a detta di un grande esperto ed appassionato come Erik Klemetti
    per il momento non c’è molto da preoccuparsi !

    http://scienceblogs.com/eruptions/2010/07/late_wednesday_whatzits_hawaii.php

    “I would also like to derail some of this continued Katla-mongering, this time over at Cosmic Variance. This is not to say we shouldn’t watch Katla, but all these swarms are still (1) too small; (2) too shallow and; (3) too short. I would place a safe bet that there are many more volcanoes worldwide that are much closer to eruption than Katla – and the connection between Eyjafjallajökull and Katla is tenuous at best. So relax!”

  318. Darkman79
    22 luglio 2010 alle 13:49

    azzo, era un 4.0 poi abbassata a 3.8

    Magnitude 3.8
    Date-Time

    * Thursday, July 22, 2010 at 11:40:08 UTC
    * Thursday, July 22, 2010 at 04:40:08 AM at epicenter

    Location 37.624°N, 118.815°W
    Depth 8.4 km (5.2 miles)
    Region LONG VALLEY AREA, CALIFORNIA
    Distances

    * 14 km (8 miles) WNW (300°) from Toms Place, CA
    * 15 km (9 miles) E (96°) from Mammoth Lakes, CA
    * 30 km (19 miles) NW (321°) from Round Valley, CA
    * 254 km (158 miles) ESE (113°) from Sacramento, CA

  319. 22 luglio 2010 alle 14:20

    Michele :

    Giovanni Micalizzi :Occhio all’Islanda…Ormai è un continuo sciame sismico in tutta la zona tra il Katla e i vicini compagni…http://en.vedur.is/earthquakes-and-volcanism/earthquakes/myrdalsjokull/

    Ma guarda Giovanni a detta di un grande esperto ed appassionato come Erik Klemettiper il momento non c’è molto da preoccuparsi !
    http://scienceblogs.com/eruptions/2010/07/late_wednesday_whatzits_hawaii.php
    “I would also like to derail some of this continued Katla-mongering, this time over at Cosmic Variance. This is not to say we shouldn’t watch Katla, but all these swarms are still (1) too small; (2) too shallow and; (3) too short. I would place a safe bet that there are many more volcanoes worldwide that are much closer to eruption than Katla – and the connection between Eyjafjallajökull and Katla is tenuous at best. So relax!”

    E tu sei daccordo con costui?

  320. Michele
    22 luglio 2010 alle 15:42

    Giovanni Micalizzi :

    Michele :

    Giovanni Micalizzi :Occhio all’Islanda…Ormai è un continuo sciame sismico in tutta la zona tra il Katla e i vicini compagni…http://en.vedur.is/earthquakes-and-volcanism/earthquakes/myrdalsjokull/

    Ma guarda Giovanni a detta di un grande esperto ed appassionato come Erik Klemettiper il momento non c’è molto da preoccuparsi !
    http://scienceblogs.com/eruptions/2010/07/late_wednesday_whatzits_hawaii.php
    “I would also like to derail some of this continued Katla-mongering, this time over at Cosmic Variance. This is not to say we shouldn’t watch Katla, but all these swarms are still (1) too small; (2) too shallow and; (3) too short. I would place a safe bet that there are many more volcanoes worldwide that are much closer to eruption than Katla – and the connection between Eyjafjallajökull and Katla is tenuous at best. So relax!”

    E tu sei daccordo con costui?

    Ti rispondo con un bel … “mahhh!!!”
    Da quel che ho studiato e ho osservato in quest’ultimo anno può esser tutto !
    Siam sempre lì….è la profondità di questo minimo solare e la sua altalena nei principali parametri solari che faran la differenza … dalle tempeste geomagnetiche al solar wind !
    In parole povere in 24h./48h. può succeder di tutto ….
    ma…
    sicuramente “Klemetti” possiede ben più solide basi su vulcani e geologia terrestre!
    Perlomeno lo spero…

  321. Darkman79
    22 luglio 2010 alle 16:49

    Magnitude 2.6
    Date-Time

    * Thursday, July 22, 2010 at 13:03:42 UTC
    * Thursday, July 22, 2010 at 06:03:42 AM at epicenter
    * Time of Earthquake in other Time Zones

    Location 37.623°N, 118.814°W
    Depth 8.4 km (5.2 miles)
    Region LONG VALLEY AREA, CALIFORNIA
    Distances 15 km (10 miles) ESE of Mammoth Lakes, California
    45 km (30 miles) NW of Bishop, California
    80 km (50 miles) SSE of Bridgeport, California
    260 km (160 miles) ESE of SACRAMENTO, California

  322. Darkman79
    23 luglio 2010 alle 11:13

    Magnitude ML 4.1
    Region ICELAND REGION

    Date time 2010-07-23 08:38:23.4 UTC
    Location 66.66 N ; 18.00 W
    Depth 13 km
    Distances 334 km NE Reykjavík (pop 113,906 ; local time 08:38 2010-07-23)
    108 km N Akureyri (pop 16,563 ; local time 08:38 2010-07-23)
    69 km NE Siglufjörður (pop 1,391 ; local time 08:38 2010-07-23)

  323. Darkman79
    24 luglio 2010 alle 00:29

    6.9 ma la profondità mostruosa di 603.8 km non dovrebbe aver procurato danni in superficie, credo.

    Magnitude 6.9
    Date-Time

    * Friday, July 23, 2010 at 22:08:11 UTC
    * Saturday, July 24, 2010 at 06:08:11 AM at epicenter

    Location 6.692°N, 123.448°E
    Depth 603.8 km (375.2 miles)
    Region MORO GULF, MINDANAO, PHILIPPINES

    earthquake.usgs.gov/earthquakes/recenteqsww/Quakes/us2010zbbz.php

  324. Michele
    24 luglio 2010 alle 00:48

    Segnalo una Magnitudo 7.1 !
    MORO GULF, MnINDANAO, PHILIPPINES

    Intanto è uscito il report “ufficiale” sullo sciame sismico a Long valley:
    http://volcanoes.usgs.gov/lvo/

    “Activity in the Long Valley caldera region this last week was dominated by a sequence of small earthquakes centered beneath the southern margin of the caldera 2 miles east of the airport. To date, the sequence has included 58 earthquakes with magnitudes M=1.0 or greater and ten with magnitudes M=2.0 or greater. The two largest earthquakes with magnitudes M=3.4 and M=3.8 at 11:16 PM on the 17th and 4:40 AM on the 22nd, respectively, produced perceptible shaking in the Mammoth Lakes area. The initial earthquake in this sequence was the M 2.0 earthquake at 9:54 PM on the 15th noted in last week’s update. Data from tilt and strain meters in the area show no evidence for significant ground deformation associated with this sequence, and we see no other evidence indicating that this earthquake sequence is associated with the movement of magma beneath the caldera. Long Valley caldera has produced eight M 3 earthquakes since 2000 including the two during this sequence. This level of activity is considered normal for the area.”

    In pratica tutto normale…con nessuna deformazione del terreno e nessun movimento da associare al magma !

  325. Darkman79
    24 luglio 2010 alle 00:51

    Guardate dove si è verificato questo terremoto! notate le distanze…….in pratica giusto

    AL CENTRO DELLA TERRA!

    Magnitude da 6.9 upgradato a 7.3
    Date-Time

    * Friday, July 23, 2010 at 22:08:11 UTC
    * Saturday, July 24, 2010 at 06:08:11 AM at epicenter
    * Time of Earthquake in other Time Zones

    Location 6.708°N, 123.479°E
    Depth 604.5 km (375.6 miles)
    Region MORO GULF, MINDANAO, PHILIPPINES

  326. giaguaro
    24 luglio 2010 alle 00:51

    Non avevo mai visto un sisma tanto forte così in profondità.
    Alzato a 7.3 dall’usgs che evidentemente ha un po’ di difficoltà a calibrare.
    604 km di profondità.O_o

  327. giaguaro
    24 luglio 2010 alle 00:52

    Per arrivare al centro della terra mancano altri 6000km :p però rende l’idea…nelle zone di subduzione le placche sprofondano nel mantello fino appunto a 500/600 km ma non pensavo si rilevassero sismi così potenti a queste profondità.

  328. Michele
    24 luglio 2010 alle 01:09

    Abbiamo passato un paio di mesi tranquilli ..si fa per dire…
    ma adesso stiamo entrando nello spicchio (area) formata da Saturno e Giove!
    E ci stiamo avvicinando sempre più a quest’ultimo…
    Credo che Agosto e Settembre saranno un poco più movimentati sia a livello solare con macchie che con sismi !
    Intanto osservate le proiezioni fornite da …
    http://www.painelglobal.com.br/
    Siamo a poco più di metà anno ed abbiamo oltrepassato gli anni compresi fra il 2002 e il 200, prendendo come riferimento le magnitudo comprese fra 7 e 7.9 !

    Minimus solareeeeeee….

  329. Darkman79
    24 luglio 2010 alle 01:16

    giaguaro :
    Per arrivare al centro della terra mancano altri 6000km :p però rende l’idea…nelle zone di subduzione le placche sprofondano nel mantello fino appunto a 500/600 km ma non pensavo si rilevassero sismi così potenti a queste profondità.

    ovviamente io intendevo dire centro della terra inteso come equatore non centro della terra in profondità🙂

  330. Darkman79
    24 luglio 2010 alle 01:28

    ANCORAAAAAAAAAAAAAAAAAA

    Magnitude 7.4
    Date-Time

    * Friday, July 23, 2010 at 22:51:11 UTC
    * Saturday, July 24, 2010 at 06:51:11 AM at epicenter
    * Time of Earthquake in other Time Zones

    Location 6.482°N, 123.533°E
    Depth 575.6 km (357.7 miles)
    Region MORO GULF, MINDANAO, PHILIPPINES

    http://earthquake.usgs.gov/earthquakes/recenteqsww/Quakes/us2010zbca.php

    due bombe nel giro di 40 minuti!

  331. Darkman79
    24 luglio 2010 alle 01:31

    ANCORA UN ALTRAAAAAAAAAAAAAA , terza BOMBA SOPRA AL 7 :-O

    Magnitude 7.2 (Preliminary magnitude — update expected within 15 minutes)
    Date-Time

    * Friday, July 23, 2010 at 23:15:09 UTC
    * Saturday, July 24, 2010 at 07:15:09 AM at epicenter

    Location 6.770°N, 123.350°E
    Depth 614 km (381.5 miles) set by location program
    Region MORO GULF, MINDANAO, PHILIPPINES

    http://earthquake.usgs.gov/earthquakes/recenteqsww/Quakes/pt10204002.php

  332. Darkman79
    24 luglio 2010 alle 01:47

    Come se non bastasse…..

    Magnitude mb 6.8
    Region KYRGYZSTAN

    Date time 2010-07-23 23:19:54.4 UTC
    Location 42.23 N ; 79.74 E
    Depth 147 km

  333. Darkman79
    24 luglio 2010 alle 01:59

    Ricapitolando le scosse avvenute nelle filippine sono state quattro di cui tre superiori al magnitudo 7

    7.3 2010/07/23 22:08:11 6.708 123.479 604.5 MORO GULF, MINDANAO, PHILIPPINES

    5.4 2010/07/23 22:19:36 6.764 123.545 594.8 MORO GULF, MINDANAO, PHILIPPINES

    7.6 2010/07/23 22:51:12 6.482 123.533 575.6 MORO GULF, MINDANAO, PHILIPPINES

    7.4 2010/07/23 23:15:09 6.749 123.268 616.7 MORO GULF, MINDANAO, PHILIPPINES

  334. Giaguaro
    24 luglio 2010 alle 12:45

    La cosa delle filippine non ha alcun senso davvero.

  335. Darkman79
    24 luglio 2010 alle 14:28

    Tra l’altro io ieri sono andato a dormire e sono continuate con anche una 6.5 ed ora ho controllato il sito usgs e con meno potenza ma stanno continuando ancora….

  336. Michele
    26 luglio 2010 alle 13:33

    GLOBAL EARTHQUAKES JANUARY 1, 1992 – JULY 25, 2010

    http://www.standeyo.com/NEWS/10_Earth_Changes/100726.Earthquakes1992-2010.html

  337. sleepyhollow
    26 luglio 2010 alle 17:46

    Michele :
    GLOBAL EARTHQUAKES JANUARY 1, 1992 – JULY 25, 2010
    http://www.standeyo.com/NEWS/10_Earth_Changes/100726.Earthquakes1992-2010.html

    beh si, non c’è comunque ancora secondo me un aumento statisticamente significativo dei terremoti… se la media è 1 e quest’anno ce ne son già stati 2 ok, c’è uno scarto rispetto ad essa del 200%, ma non è che sia un dato così significativo dato che ci son stati altri anni anche con un divario del 400%. mi riferisco ai terremoti superiori a M8.
    il dato davvero eccezionale è quello delle persone morte a causa di terremoti.

    comunque sono curioso di vedere questi stessi dati a fine anno!

  338. 26 luglio 2010 alle 18:55

    Non penso sia statisticamente rilevante l’aumento delle persone morte a causa di terremoti, in quanto i terremoti che possono causare un alto numero di vittime sono pochi e quindi difficilmente possono rientrare in una statistica in un arco di tempo breve come un anno o 5 anni; senza considerare l’aumento della popolazione che influisce statisticamente perchè aumentano, ovviamente, ahimè, le probabilità di decesso, senza contare il sovraffollamento di metropoli, sopratutto quelle del terzo mondo dove le costruzioni non aiutano.

  339. Arasaka
    29 luglio 2010 alle 17:11

    Magnitude 6.6 – MORO GULF, MINDANAO, PHILIPPINES
    2010 July 29 07:31:56 UTC
    Date-Time
    * Thursday, July 29, 2010 at 07:31:56 UTC
    Location 6.555°N, 123.335°E
    Depth 606.5 km (376.9 miles)
    Region MORO GULF, MINDANAO, PHILIPPINES
    Location Uncertainty horizontal +/- 4.8 km (3.0 miles); depth +/- 5.6 km (3.5 miles)
    Parameters NST=246, Nph=246, Dmin=254.3 km, Rmss=1.09 sec, Gp= 11°,
    M-type=centroid moment magnitude (Mw), Version=7
    Source

    * USGS NEIC (WDCS-D)

    Event ID us2010zhat

  340. Arasaka
  341. andrew
    30 luglio 2010 alle 21:25

  342. Michele
    2 agosto 2010 alle 16:39

    Stiamo attreversando un periodo di relativa calma ….che è coinciso con questa leggera ripresa dell’attività solare….
    Ma occhio cmq ai seguenti giorni che di seguito riporto..
    In primis…
    Probabile tempesta geomagnetica in arrivo ….giorni 3/4 Agosto.
    http://spaceweather.com/archive.php?view=1&day=01&month=08&year=2010

    “A coronal mass ejection (CME) produced by the event is heading directly for Earth: SOHO movie. High-latitude sky watchers should be alert for auroras when it arrives on or about August 3rd.”

    7/8 Agosto
    Segnalo l’allineamneto Marte-Venere-Terra.
    Non siamo perfettamente in linea ma osserviamo come risponde la Terra a questa sollecitazione!Da considerare inoltre che abbiamo anche l’allineamneto Venere-Mercurio-Sole con probabile “continua” formazione di macchie solari.
    Vedi osservazioni sonda “STEREO Behind”, lato sinistro dal nostro punto d’osservazione!

  343. 3 agosto 2010 alle 20:32

    è questo l’inizio della tempesta?

  344. 3 agosto 2010 alle 21:47

    purtoppo è autoaggiornante, avevo beccato qualche bella turbolenza attorno alle 18

  345. Michele
    3 agosto 2010 alle 23:23

    sleepyhollow88 :
    purtoppo è autoaggiornante, avevo beccato qualche bella turbolenza attorno alle 18

    Si l’onda è arrivata intorno alle 18UTC !

  346. Michele
    3 agosto 2010 alle 23:56

    Questa volta sembra che la magnetosfera abbia retto discretamente l’impatto Infatti controllando la mappa sismica globale …non mi sembra di aver notato alcun evento sismico significativo.
    Ritengo che questa maggior protezione sia da imputare alla magnetosfera non completamente “sgonfia”..passatemi il termine !
    Ricordo infatti che a Gennaio/Febbraio o Marzo, mesi più movimentati da un punto vista geologico, trovavamo un Magnetos. letteralmente “afflosciata” infatti venivamo da un profondo minimo (vedi estate 2009).
    Quindi..sembra che queste 2/3 settimane di leggera ripresa dell’attività solare l’abbiano caricata al punto giusto ….da proteggersi da questi eventi “solari” ..CME …Flare o altro !
    Questa è una mia ipotesi…..vediamo!
    Intanto c’è solo da riportare una M6.5 nel pomeriggio, ma al di fuori dell’orario della tempesta.
    Altra immagine, riepilogo dell’impatto !

    Monitoriamo le prossime ore …..

  347. Michele
    4 agosto 2010 alle 09:45

    Nella notte abbiamo avuto una 6.1 a Tonga evarie 5/5.5, mentre adesso segnalo una 6.4 a Papua New Guinea,possiamo quindi affermare che le correlazioni esistenti fra l’attività sismica e l’attività solare continuano!
    Il “Bz” nella mattina saltato a +15 !
    Ecco il ripilogo delle passate + o – 12h.!

    Archivio da una parte anche questa correlazione per la prossima uscita del mio articolo!😉

  348. Darkman79
    4 agosto 2010 alle 15:23

    Magnitude Mw 6.4
    Region ANDREANOF ISLANDS, ALEUTIAN IS.
    Date time 2010-08-04 12:58:28.1 UTC
    Location 51.40 N ; 178.47 W
    Depth 56 km

  349. Arasaka
    4 agosto 2010 alle 16:27
  350. 4 agosto 2010 alle 21:27

    sembra proprio che l’EMC si sia fatta sentire a suo modo sulla terra, non nel senso catastrofista di certi articoli che si son letti in questi giorni in vari siti.
    da quel che ho osservato per altro la tempesta geomagnetica è perdurata a lungo nonostante le variazioni massime nella magnetopausa siano state all’inizio dell’evento. Vedremo stanotte se torna tutto nella normalità!
    anche il katla è stato un po’ movimentato e ultimamente si registrano scosse anche attorno a M2 e non solo inferiori a 1.

    Aggiungi all’articolo Michele, aggiungi!😉

  351. Michele
    5 agosto 2010 alle 00:22

    Mi sà che dovrò fare gli straordinari…se continua così….
    Aggiorno…aggiorno per l’articolo…ecco un’altra e che botta !

    Magnitude: 7.0
    Mercalli scale: 9
    Date-Time [UTC]: 04 August, 2010 at 22:01:47 UTC
    Local Date/Time: Tuesday, August 03, 2010 at 22:01 in the evening at epicenter
    Location: 6° 0.000, 150° 48.000
    Depth: 81.00 km (50.33 miles)

  352. Darkman79
    5 agosto 2010 alle 00:33

    molto palesemente….

    Magnitudo 7.0 2010/08/04 22:01:45 -5.804 150.767 profondità 54.0km

    NEW BRITAIN REGION, PAPUA NEW GUINEA

    http://earthquake.usgs.gov/earthquakes/recenteqsww/Quakes/us2010zncq.php

  353. Paolo
    5 agosto 2010 alle 09:05

    intanto da un paio di giorni il katla è in movimento…

  354. Darkman79
    5 agosto 2010 alle 10:11

    Magnitudo 3.0 2010/08/05 00:04:03 43.585 -110.438 5.0 WYOMING

    Magnitudo 4.8 2010/08/05 00:04:18 43.585 -110.440 5.0 WYOMING

  355. Michele
    5 agosto 2010 alle 19:16

    Darkman79 :
    Magnitudo 3.0 2010/08/05 00:04:03 43.585 -110.438 5.0 WYOMING
    Magnitudo 4.8 2010/08/05 00:04:18 43.585 -110.440 5.0 WYOMING

    Adesso una 4.2 O 4.5 ….

    Magnitude: 4.5
    Mercalli scale: 4
    Date-Time [UTC]: 05 August, 2010 at 14:59:29 UTC
    Local Date/Time: Thursday, August 05, 2010 at 14:59
    Location: 43° 34.800, 110° 26.400
    Depth: 5 f km (3.11 miles)
    Region: North-America
    Country: United States
    Distances: 838.9 km (521.27 miles) S of Bend, Oregon

    Stasera con la dovuta calma approfondisco la questione andando a controllare eventuali deformazioni del terreno …e altre !

  356. darkman79
    5 agosto 2010 alle 20:04

    grazie michele

    intanto trema ancora la zona

    Magnitudo 3.2 2010/08/05 17:45:21 43.596 -110.550 Profondità 7.0km WYOMING

  357. 6 agosto 2010 alle 00:36

    Paolo :intanto da un paio di giorni il katla è in movimento…

    Si ormai è sciame con altalena sismica giornaliera che va e viene…

  358. Michele
    6 agosto 2010 alle 09:48

    Nuova scossa a Mammoth Lakes -Long valley- California !
    Il Ripilogo :

    Maggio :

    29 Giugno :
    M2.4 Squirrel Mountain Valley, California 06:11:40 UTC
    M2.7 Squirrel Mountain Valley, California 07:00:58 UTC
    M2.7 Oakhurst, California 09:39:06 UTC
    M2.4 Oakhurst, California 10:49:35 UTC
    M2.1 Squirrel Mountain Valley, California 11:05:16 UTC
    M2.9 Mammoth Lakes, California 13:55:42 UTC
    M2.2 Oakhurst, California 14:28:04 UTC

    Luglio :
    2.8 2010/06/07 15:40:25 37.642N 118.942W 7.7 3 km ( 2 mi) E of Mammoth Lakes, CA
    2.1 2010/06/07 15:33:12 37.640N 118.942W 8.0 3 km ( 2 mi) E of Mammoth Lakes, CA
    3.0 2010/06/07 15:31:30 37.637N 118.954W 6.6 2 km ( 1 mi) E of Mammoth Lakes, CA
    3.2 2010/06/07 15:31:21 37.641N 118.942W 7.6 3 km ( 2 mi) E of Mammoth Lakes, CA
    2.0 2010/07/14 00:52:29 37.459N 118.844W 6.6 18 km (11 mi) SW of Toms Place, CA
    2.1 2010/07/14 00:49:03 37.460N 118.843W 7.1 18 km (11 mi) SW of Toms Place, CA
    2.0 2010/07/15 14:54:07 37.622N 118.814W 7.8 14 km ( 8 mi) WNW of Toms Place, CA
    3.5 2010/07/17 23:16:26 37.621N 118.814W 7.8 14 km ( 8 mi) WNW of Toms Place, CA
    2.3 2010/07/18 10:40:33 37.459N 118.843W 6.8 18 km (11 mi) SW of Toms Place, CA
    2.9 2010/07/19 07:50:43 37.623N 118.816W 8.1 14 km ( 9 mi) WNW of Toms Place, CA

    Agosto :

    3.7 2010/08/05 18:20:03 37.622N 118.814W 7.6 14 km ( 8 mi) WNW of Toms Place, CA
    2.1 2010/08/05 19:00:42 37.560N 118.644W 10.5 3 km ( 2 mi) E of Toms Place, CA

  359. Michele
    6 agosto 2010 alle 10:10

    Sto controllando tutte le stazioni “GPS” nella zona di Long Valley.
    Alcune considerazioni…..
    Tutte registrano uno spostamento progressivo negli ultimi anni verso nord se leggo bene!
    Osservando il plot della stazione P630 si nota oltre a tale tendenza..
    un significativo incremento negli ultimi mesi !!
    Adesso “io” non ne capisco molto di quei grafici….
    Qui ci vuole un esperto….
    Mahhh….o molti punti interrogativi ?????

    http://earthquake.usgs.gov/monitoring/gps/LongValley/p630/#cleaned
    Ossevate il “picco ” che si è creato a metà 2010 !
    P630 North.

    Sandro se ci sei dimmi la tua ?

    P.S. Sopra c’è un mio messaggio entrato in moderazione lo sbloccate !
    Grazie

  360. darkman79
    6 agosto 2010 alle 11:46

    su un forum ho letto questo

    Magnitude: 5.3
    Mercalli scale: 5
    Date-Time [UTC]: 06 August, 2010 at 05:04:00 UTC
    Local Date/Time: Friday, August 06, 2010 at 05:04 at night at epicenter
    Location: 21° 46.200, 179° 25.200
    Depth: 596 km (370.34 miles)
    Region: South Pole
    Country: Antarctica

    ma guardando i vari siti che ho per monitorare i terremoti non c’è….

    è avvenuto e l’hanno tolto oppure cosa ?

  361. Giovanni
    6 agosto 2010 alle 12:30

    Michele :Sto controllando tutte le stazioni “GPS” nella zona di Long Valley.Alcune considerazioni…..Tutte registrano uno spostamento progressivo negli ultimi anni verso nord se leggo bene!Osservando il plot della stazione P630 si nota oltre a tale tendenza..un significativo incremento negli ultimi mesi !!Adesso “io” non ne capisco molto di quei grafici….Qui ci vuole un esperto….Mahhh….o molti punti interrogativi ?????
     http://earthquake.usgs.gov/monitoring/gps/LongValley/p630/#cleanedOssevate il “picco ” che si è creato a metà 2010 !P630 North.
    Sandro se ci sei dimmi la tua ?
    P.S. Sopra c’è un mio messaggio entrato in moderazione lo sbloccate !Grazie

    ciao per il poco che ne capisco e per la velocità con cui li ho guardati mi sembra che danno gli spostamenti xyz della stazione che si trova apparentemente sul bordo della placca americana, cioè in pratica sono gli spostamenti della placca americana rispettoa quella pacifica. QUello che non ho capito è perché torni a zero in pratica ogni anno ( reset annuale degli strumenti di misura?) Inffati se si guardano gli altri grafici sulle altre pagine ( ex. NOrth AMerica fixed) si vede come invce lo spostamento sia continuo verso N e verso W ( valori negativi grafico verso E), mentre vi sia un’oscillazione ondulatoria per quello che riguardano gli spostamenti verticali. Diciamo che si sposta come un onda sul pelo dell’acqua. Questo è quello che ho capito. Per quanto riguard ail picco el 2010 va detto che ce ne sono altri precedenti e che bisogna vedere se i quel periodo ci sia stato un aumento di scismi sismici della zona che potrebbero spiegare un aumento ( momentaneo) della velocità di spostamento della placca ( si parla di spostamenti di max 1 cm). Da notare anche il moto oscillatorio verso N con frequenza costante
    Ciao

  362. Giovanni
    6 agosto 2010 alle 12:49

    ho mandato un messaggio ma non appare…

  363. Michele
    6 agosto 2010 alle 13:16

    Giovanni :
    ho mandato un messaggio ma non appare…

    Probabilmente è in attesa di moderazione ….
    Quando rientra Simon o Sandro vedrai che come per magia….

  364. Michele
    6 agosto 2010 alle 13:30

    Sono interessato al messaggio di Giovanni non c’è verso di ripescarlo..
    probabilmente il mex era un commento ai dati che ho postato !

  365. Michele
    6 agosto 2010 alle 18:36

    Qui si parla di Long Valley …ma anche il fratello maggiore “Made in USA” non è da meno !

    Adesso una 3.3 di seguito il riepilogo !
    Sarà stata anche una tempesta geomagnetica debole…e menomale dico io !

    MAP 3.3 2010/08/06 09:34:18 43.624N 110.510W 5.0 26 km (16 mi) E of Teton Village, WY

    MAP 3.2 2010/08/05 11:45:20 43.596N 110.550W 7.0 22 km (14 mi) NE of Jackson, WY

    MAP 4.2 2010/08/05 08:59:28 43.646N 110.416W 5.0 34 km (21 mi) ENE of Teton Village, WY

    MAP 4.8 2010/08/04 18:04:17 43.585N 110.440W 5.0 29 km (18 mi) ENE of Jackson, WY

    MAP 3.0 2010/08/04 18:04:03 43.585N 110.438W 5.0 29 km (18 mi) ENE of Jackson, WY

  366. darkman79
    7 agosto 2010 alle 14:16

    ancora….

    Magnitude 3.3
    Date-Time

    * Saturday, August 07, 2010 at 11:19:04 UTC
    * Saturday, August 07, 2010 at 05:19:04 AM at epicenter
    * Time of Earthquake in other Time Zones

    Location 43.609°N, 110.448°W
    Depth 5 km (3.1 miles) set by location program
    Region WYOMING
    Distances 30 km (20 miles) ENE of Jackson, Wyoming
    65 km (40 miles) W of Dubois, Wyoming
    95 km (60 miles) NNW of Pinedale, Wyoming
    540 km (335 miles) WNW of CHEYENNE, Wyoming

  367. Michele
    7 agosto 2010 alle 14:44

    darkman79 :
    su un forum ho letto questo
    Magnitude: 5.3
    Mercalli scale: 5
    Date-Time [UTC]: 06 August, 2010 at 05:04:00 UTC
    Local Date/Time: Friday, August 06, 2010 at 05:04 at night at epicenter
    Location: 21° 46.200, 179° 25.200
    Depth: 596 km (370.34 miles)
    Region: South Pole
    Country: Antarctica
    ma guardando i vari siti che ho per monitorare i terremoti non c’è….
    è avvenuto e l’hanno tolto oppure cosa ?

    Si più di una..misteriosamente scomparse !
    Se vuoi ti passo l’immagine salvata per colpo di c…

    Per lo Yellow….segnalo che c’è chi si è accorto che da l’archivio delle scosse registrate nel parco di Yellowstone nell’anno 2007 mancano un bel pò di dati (scosse registrate)

    http://scienceblogs.com/eruptions/2010/08/dome_collapse_at_karangetang_i.php#comment-2710095

    “Heads up on that plot. For 2007, there is a big arse hole in the data. About 71.8% of them are missing… everything from 03/31/07 Until the end of the year.
    According to http://www.quake.utah.edu/EQCENTER/LISTINGS/OTHER/yellowregion.htm there are 947 quakes there, but only 267 in the actual file.
    No, I don’t know why. Could be a DB glitch on their server. Everytime I pull it down I get the same file.”

    Misteri dei computer americani…non solo il 2007 quando scrissi l’articolo sullo Yellowstone ricordo che anche la banca dati del 2009…2010..era incompleta….

  368. 7 agosto 2010 alle 15:03

    ROTA il vulcano sottomarino sul bordo della Fossa delle Marianne.
    Michele ci sarebbe da fare un bell´articolo per settembre….🙂

    http://nwrota2010.blogspot.com/
    http://www.pmel.noaa.gov/vents/marianas_site.html

  369. darkman79
    7 agosto 2010 alle 15:41

    mah, non capisco perchè fanno così……

    più cancellano le scosse e piu alimentano i sospetti, contenti loro.

    io ormai prendo tutti i dati con le pinze perchè non si sa più dov’è la verità e qui su nia ne sanno qualcosa con i conteggi delle macchie solari.

  370. artax
    8 agosto 2010 alle 14:45

    vi segnalo svariati sismi in grecia nelle ultime ore di cui 4,9 nell’isola di creta

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: